Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 14 aprile 2019

Europee, Cirielli(Fratelli d’Italia): “Via Tajani servo degli euroburocrati”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

“Forza Italia oramai è solo una debolezza. Un’organizzazione sclerotizzata, con parlamentari con nessuna esperienza di territorio, lontani dal popolo, utilizzati solo per lanciare ridicole note per difendere la poltrona di Antonio Tajani, servo degli euroburocrati. Lui è il primo responsabile della sconfitta del centrodestra alle comunali di Roma e quindi del malgoverno attuale dell Raggi”. È quanto afferma in una nota Edmondo Cirielli, Questore della Camera dei deputati e parlamentare di Fdi.
“Alle loro sciocche polemiche contro Giorgia Meloni potremo rispondere meglio un tedesco alla guida del Parlamento europeo che un italiano servo dei tedeschi, ma in realtà noi vogliamo un italiano che difenda i diritti di tutti i popoli Europei e non consenta che la sua Nazione sia calpestata per gli interessi Franco-tedeschi” – conclude Cirielli

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Impronte digitali, la rivolta dei presidi e del personale Ata

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

La scuola non è un carcere, aveva detto Marcello Pacifico, presidente Anief e Udir, durante l’audizione in Senato del 26 novembre scorso, chiedendo lo stralcio di tutto il personale del settore e dell’area dell’istruzione dalla norma. Sono trascorsi quasi cinque mesi ed ora il tema è diventato di pubblico dominio e di plateale protesta. Alcuni sindacati invitano i presidi a twittare le proprie impronte al ministro e a scioperare, in modo compatto, il prossimo 17 maggio. Anief e Udir si dichiarano favorevoli e sono pronte ad altre azioni plateali, anche in vista degli Esami di Stato. Quel giorno, infatti, i dirigenti scolastici dove dovranno ad esempio timbrare il cartellino quando presiederanno le Commissioni? Ce lo spieghi il ministro Bussetti, visto che è un preside anche lui.
Cresce il malcontento e l’opposizione contro la norma inserita nel disegno di legge n. 1122, in questi giorni all’esame delle Commissioni di Palazzo Madama, che obbliga il personale dirigente del pubblico impiego, compresi i capi d’istituto, e gli tutti gli impiegati, quindi anche il personale Ata della scuola, a dimostrare la loro presenza sul luogo di lavoro attraverso la rilevazione dei dati biometrici, come le impronte digitali e la scansione dell’iride. I dirigenti scolastici – scrive Orizzonte Scuola – protestano via Twitter contro il decreto Concretezza che prevede che vengano prese le loro impronte per rilevare la loro presenza nelle scuole. I sindacati della scuola stanno organizzando la protesta ed hanno anche raccolto 200 mila – tra email e lettere – di critica al provvedimento, si punta a ottenerne 500 mila. Previsto anche un presidio e un flash mob davanti al Senato quando ci sarà l’approvazione del decreto.
Anche il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Marco Bussetti, interviene sulla questione delle impronte digitali, dicendosi in linea con il ministro della PA Giulia Bongiorno, assicurando che si tratta “solo di una questione di trasparenza per verificare la presenza e non per misurare l’orario di lavoro, che non è previsto per i dirigenti”.
Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief e Udir, “è ridicolo chiedere una rilevazione biometrica, con costi non indifferenti per lo Stato, con milioni di euro di spesa, a chi deve gestire anche venti plessi scolastici: il solo pensiero è offensivo e lesivo dell’immagine di chi intende ancora preservare la scuola come istituzione autonoma, seria ed efficiente del Paese”. “Per non parlare del personale Ata – prosegue il sindacalista autonomo – già fortemente sottodimensionato come organico: speriamo soltanto che non debbano lasciare le proprie impronte in ogni piano e in ogni plesso, perché andrebbero in tilt gli apparecchi di rilevazione visto che il personale si sposta continuamente da una sede all’altra, anche per garantire la sicurezza degli alunni. Un altro ministro – conclude Pacifico – si sarebbe dimesso da dirigente scolastico, ma di certo non avrebbe avallato tale scempio”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Appello WWF Italia per il nuovo Piano di Azione Nazionale sui pesticidi

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Per l’evento, promosso dal WWF Italia in collaborazione con Federbio e la Coalizione #StopGlifosato, decine di persone si sono ritrovate in luoghi simbolici di numerose città e campagne per comporre la frase “Stop Pesticidi”, scattare una fotografia ed inviarla con un’azione coordinata sui social network (Twitter, Facebook e Istagram) ai decisori politici.Con questo evento il WWF Italia, ha voluto attirare l’attenzione sulla revisione del Piano di Azione Nazionale (PAN) sui pesticidi, scaduto lo scorso 12 febbraio, ed ancora in corso di aggiornamento da parte dei tre Ministeri competenti. Il prossimo 17 aprile si riunirà il Comitato Tecnico Scientifico per l’esame finale della nuova versione del PAN Pesticidi, che entro la fine di questo mese dovrebbe essere sottoposta a consultazione pubblica. Le Regioni, le Associazioni, i comitati, gli ordini professioni, le Associazioni di categoria, ma anche singoli cittadini, avranno 60 giorni di tempo per presentare le loro osservazioni e proposte di emendamenti al Piano.Il WWF Italia, insieme alle Associazioni che aderiscono alla Campagna “Cambia la Terra” promossa da Federbio, chiede al Governo e alle Regioni alcune modifiche sostanziali per il nuovo PAN Pesticidi che dovrebbe prevedere divieti, limiti e regole vincolanti sull’utilizzo dei pesticidi in agricoltura, nella manutenzione delle strade e ferrovie e all’interno delle città per la gestione del verde pubblico e privato (orti e giardini), colmando le lacune della precedente versione del Piano che lo hanno reso di fatto inefficace rispetto agli obiettivi di riduzione dei rischi da pesticidi, come invece imponeva la Direttiva europea del 2009 (2009/128/CE).In particolare il nuovo PAN Pesticidi dovrebbe indicare con priorità i seguenti obiettivi:
Ridurre i rischi per i residenti nelle aree rurali e gli agricoltori fissando distanze minime di sicurezza dalle abitazioni e dalle coltivazioni biologiche per difenderle dal rischio di una possibile contaminazione accidentale.
Nei siti Natura 2000 e nelle altre aree naturali protette deve essere vietato l’utilizzo di pesticidi pericolosi per gli habitat e le specie selvatiche, con misure di conservazione della biodiversità regolamentari vincolanti.Adottare tecniche biologiche per la manutenzione delle aree non agricole (rete viaria, ferroviaria) con particolare attenzione al verde pubblico e agli spazi utilizzati dalla popolazione residente nelle città.
Prevedere il divieto totale del glifosate in Italia entro il 2022, escludendo qualsiasi ipotesi di rinnovo dell’autorizzazione concessa per cinque anni dall’Unione Europea il 27 novembre 2017.Definire criteri più rigorosi per la concessione delle deroghe per l’utilizzo di pesticidi di norma vietati a causa della loro pericolosità per la salute umana e per gli ecosistemi.
Rafforzare i sistemi di monitoraggio e controllo sulla presenza di pesticidi nelle acque superficiali e sotterranee, nel suolo e nel cibo.
Il ricorso ai pesticidi dovrebbe avvenire solo dopo avere adottato pratiche agroecologiche alternative all’uso dei prodotti chimici di sintesi, come già avviene in agricoltura biologica. In particolare le Associazioni riunite nella Campagna “Cambia la Terra”, promossa da Federbio, chiedono che il nuovo PAN Pesticidi indichi con chiarezza l’obiettivo del 40% della SAU (Superficie Agricola Utilizzata) nazionale condotta con il metodo biologico entro il 2030, utilizzando meglio le risorse della PAC attuale e della futura PAC post 2020.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mairead Maguire has requested UK Home Office for permission to visit her friend Julian Assange

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Mairead Maguire.jpg“I want to visit Julian to see he is receiving medical care and to let him know that there are many people around the world who admire him and are grateful for his courage in trying to stop the wars and end the suffering of others”
“Thursday 11th April, will go down in history as a dark day for the Rights of humanity, when Julian Assange, a brave and good man, was arrested, by British Metropolitan Police, forcibly removed without prior warning, in a style befitting of a war criminal, from the Ecuadorian Embassy, and bundled into a Police Van. It is a sad time when the UK Government at the behest of the United StatesGovernment, arrested Julian Assange, a symbol of Freedom of Speech as the publisher of Wikileaks, and the worlds’leaders and main streammedia remain silent on the fact that he is an innocent manuntil proven guilty, while the UN working Group on Arbitrary Detentiondefines him as innocent. The decision of President Lenin Moreno of Ecuador who under financialpressure from the US has withdrawn asylum to the Wikileaks founder, is a further example of Unites States’ global currency monopoly, pressurizing other countries to do their bidding or face the financialand possibly violent consequences for disobedience to the alleged world Super Power, which has sadly lost its moral compass.Julian Assange had taken asylum in theEcuadorian Embassy seven years ago precisely because he foresaw that the US would demand his extradition to face a Grand Jury in the US for mass murders carried out, not by him, but by US and NATO forces, andconcealedfrom the public.
Unfortunately, it is my belief that Julian Assange will not see a fair trial. As we have seen over the last seven years, time and time again, the European countries and many others, do not have the political will or clout to stand up for what they know is right, and will eventually cave into the Unites States’ will. We have watched Bradley Manning being returned to jail and to solitary confinement, so we must not be naive in our thinking:surely, this is the future for Julian Assange.
I visited Julian on two occasions in the Ecuadorian Embassy and was very impressed with this courageous and highly intelligent man. The first visit was on my return from Kabul, where young Afghan teenage boys, insisted on writing a letter with the request I carry it to Julian Assange, to thank him, for publishing onWikileaks, the truth about the war in Afghanistan and to help stop their homeland being bombed by planes and drones. All had a story of brothers or friendskilled by drones while collecting wood in winter on the mountains.
I nominated Julian Assange on the 8th January2019 for the Nobel Peace Prize. I issued a press release hoping to bring attention to his nomination, which seemed to have been widely ignored,by Western media. By Julians courageous actions and others like him, we could see full well the atrocities of war. The release of the files brought to our doors the atrocities our governments carried out through media. It is my strong belief that this is the true essence of an activist and it is my great shame I live in an era where people like Julian Assange, Edward Snowden, Chelsea Manning and anyone willing to open our eyes to the atrocities of war, is likely to be haunted like an animal by Governments, punished and silenced. Therefore, I believe that the British government should oppose the extradition of Assange as it sets a dangerous precedent for journalists, whistle-blowersand other sources of truth the US may wish to pressure in the future.This man is paying a high price to end war and for peace and nonviolence and we should all remember that. (by http://www.peacepeople.com copyright photo)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prima immagine di un buco nero

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

buco neroLa collaborazione Event Horizone Telescope ha presentato la prima immagine di un buco nero super massivo grazie alle osservazioni effettuate da una rete di otto telescopi posizionati sulla superficie terrestre. Il buco nero si trova al centro della galassia M87, appartenente al cluster di galassie chiamato Virgo e distante dalla Terra 55 milioni di anni luce. L’anello chiaro nell’immagine è dovuto all’effetto di curvatura della luce causato dall’intenso campo gravitazionale presente intorno al buco nero. Le caratteristiche dell’anello hanno permesso di stimare che la massa del buco nero è pari a 6,5 miliardi di volte quella del Sole. Si tratta della prima immagine diretta di questi oggetti fisici previsti dalla teoria della relatività generale di Einstein. La scoperta è documentata in una serie di articoli pubblicati sulla rivista The Astrophysical Journal Letters. Nei prossimi giorni l’eccezionale risultato verrà commentato su Scienza in rete da Claudio Elidoro. (foto buco nero) (Credit: Event Horizon Telescope – scienza in rete)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Concerto del Quartetto Prometeo

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Roma Martedì 16 aprile alle 20.30 nell’Aula Magna dell’Università “Sapienza” (ingresso da Piazzale Aldo Moro 5) la IUC-Istituzione Universitaria dei Concerti presenta il Quartetto Prometeo, uno dei migliori gruppi di questo tipo a livello italiano e internazionale, premiato con il Leone d’argento dalla Biennale Musica di Venezia nel 2012. Precedentemente il Quartetto Prometeo aveva vinto la 50° edizione del Prague Spring International Music Competition nel 1998, il premio Thomas Infeld dalla Internationale Sommer Akademie Prag-Wien-Budapest nel 1999 per le “straordinarie capacità interpretative” e il Premio Speciale Bärenreiter al Concorso ARD di Monaco di Baviera nel 2000. Ha suonato al Concertgebouw di Amsterdam, Musikverein di Vienna, Wigmore Hall di Londra, Aldeburgh Festival, Prague Spring Festival, Accademia di Santa Cecilia di Roma, Società del Quartetto di Milano e numerose altre delle principali istituzioni musicali italiane ed europee. Ha inciso per Ecm, Sony, Brilliant e Amadeus.Del Quartetto Prometeo la critica ha scritto: “Si è esibito in una performance memorabile suscitando l’approvazione entusiastica dei numerosissimi presenti”, “ha dimostrato la sua grandezza, ma anche l’adamantina coerenza del proprio pensiero”. I suoi concerti si impongono per la tenuta interpretativa e intellettuale e per la capacità di stabilire una forte comunicazione con il pubblico non solo nel repertorio tradizionale ma anche nella musica contemporanea, come accadrà anche in questo concerto che spazia attraverso tre secoli dall’Ottocento fino ai nostri giorni.Il concerto si apre con il Quartetto op. 3 di Alban Berg, del 1911. Il compositore stesso ne ha lasciato una specie di auto-recensione in una lettera alla moglie: “Ho goduto dell’armonia e della dolcezza solenne e dell’estasi di questa musica. Non puoi fartene un’idea. I cosiddetti passaggi più tumultuosi e più arditi erano una pura armonia, in senso classico. Alla fine un applauso generale, addirittura frenetico. È stato un successo enorme”.Facendo un salto di più di oltre cent’anni in avanti arriviamo ai nostri giorni con la prima esecuzione assoluta di Scènes d’Hérodiade di Matteo D’Amico, uno degli autori più autorevoli, raffinati e sensibili dell’attuale panorama musicale. Il pezzo di articola in tre movimenti, che “sono ricollegabili idealmente – come dice D’Amico stesso – alle tre parti del poema Hérodiade, di Stéphane Mallarmé, un testo sul quale da tempo sto lavorando”. Con quest’opera ha voluto dare “voce musicale ad una fra le più enigmatiche e complesse opere di Mallarmé, quella Hérodiade che non è mai stata portata a compimento dal poeta, che per quasi tutta la sua vita ne ha inseguito, senza riuscirci, la forma definitiva. Anche in questa veste incompiuta, quest’opera si presenta in tutta la sua pienezza e la sua forza”. D’Amico conclude così: “Camminare sul sottile crinale che separa speculazione musicale e coinvolgimento emotivo, disegno della forma e urgenza narrativa, è stata la piacevole scommessa di questa breve ma intensa avventura compositiva”.Tutta la seconda parte del concerto è dedicata al Quartetto n. 15 in sol maggiore op. 161 D 887, l’ultimo composto da Franz Schubert, a trent’anni d’età, nel 1826, quando gli restava solo un anno da vivere. È dunque un capolavoro giovanile e allo stesso tempo una delle sue opere estreme, che unisce uno slancio febbrile e drammatico alla complessa elaborazione e all’ampia architettura: indubbiamente uno dei capolavori assoluti del romanticismo in musica.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Investimenti che contribuiscono alla crescita del Paese”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

“Da parte del Governo c’è un impegno concreto per promuovere ogni investimento che contribuisca alla crescita dell’economia del Paese, alla creazione di nuovi posti di lavoro. C’è la volontà chiara di intervenire per il miglioramento della qualità della vita dei nostri concittadini. La scelta di Amazon di continuare a investire in Italia, in armonia con le nuove previsioni normative in materia di tassazione di piattaforme digitali, testimonia da un lato la competitività della nostra economia e d’altro canto dimostra come una pianificazione realmente attenta alle esigenze dei territori e dei cittadini possa promuovere e attrarre investimenti privati di grande interesse”.Così il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, oggi a Torrazza in Piemonte per la presentazione del nuovo centro di Amazon.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tematiche più innovative correlate ai disturbi della tiroide

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Si sono confrontati a Roma i principali gruppi accademici dedicati alla ricerca sulle tematiche più innovative correlate ai disturbi della tiroide: l’occasione è la prima edizione dell’Italian Thyroid Preceptorship, l’evento scientifico ideato e organizzato da Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, con l’importante contributo scientifico di un panel di esperti della materia ed il patrocinio dell’Associazione Italiana Tiroide (AIT), per favorire la crescita professionale di nuovi ricercatori italiani in questo ambito.La tiroide è uno degli organi più importanti per il funzionamento dell’intero organismo, poiché regola i processi metabolici: produce, immagazzina e rilascia nel sangue ormoni essenziali per il corretto funzionamento di tutti i tessuti e organi del corpo1. Più di 300 milioni di persone nel mondo soffrono di disturbi della tiroide2 e più della metà sembra non essere consapevole della propria condizione3. L’ipotiroidismo, in particolare, ha un’elevata incidenza nella popolazione occidentale e la forma più diffusa nelle aree a sufficiente apporto iodico è la Tiroidite di Hashimoto, che colpisce soprattutto la popolazione tra i 30 e i 60 anni.Nel corso del Preceptorship, ampio spazio è stato dedicato a queste condizioni per discutere i recenti progressi offerti dalla ricerca e individuare i bisogni insoddisfatti dei pazienti, con l’obiettivo di sviluppare nuovi progetti di ricerca, sia di base che traslazionale o clinica.
L’evento di Merck è stato concepito per dare spazio ai giovani ricercatori, attraverso la presentazione di dati preliminari di ricerche in corso e momenti dedicati alla discussione, sotto la guida di “seniors” che rappresentano un supporto nel valutare i futuri sviluppi delle ricerche e le possibili interazioni tra i team.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cous Cous Fest: al via le selezioni di chef siciliani

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

San Vito Lo Capo dal 20 al 29 settembre. Lo “chef scouting” ha l’obiettivo di scoprire e valorizzare nuove promesse della cucina siciliana. Per partecipare alle selezioni bisogna caricare sul sito https://contest.couscousfest.it/ccf2019/conad/ la propria ricetta di cous cous – realizzata utilizzando almeno un prodotto a marchio Conad scelto tra le linee Sapori&Dintorni e Verso Natura – insieme a una foto e una descrizione del piatto entro il 2 giugno 2019.
Una giuria tecnica valuterà le candidature pervenute e selezionerà le sette ricette più gustose e originali. Altri due chef saranno selezionati dai voti del web: entreranno in finale le due ricette più votate attraverso Facebook. I nove chef selezionati si sfideranno sul campo in scontri ad eliminazione diretta, preparando la loro ricetta di cous cous all’interno dei punti vendita Conad in Sicilia. Lo chef vincitore entrerà a far parte della squadra italiana in gara al Campionato del mondo di cous cous che si svolgerà a San Vito Lo Capo dal 26 al 28 settembre prossimi nell’ambito del Cous Cous Fest. Il regolamento completo si trova su https://contest.couscousfest.it/ccf2019/conad/
“Crediamo sia fondamentale dare risposte concrete a tanti talenti siciliani, offrendo la possibilità di esprimere le proprie capacità in una vetrina importante come quella del Cous Cous Fest, che attira ogni anno oltre 250 mila presenze e una visibilità mediatica di notevole spessore- dichiara Vittorio Troia, direttore generale CFO di Conad Sicilia-. Per questa ragione il contest rispecchia la visione di Conad, che vede nella valorizzazione delle eccellenze siciliane un punto focale della propria politica aziendale». Anche quest’anno Conad sarà tra i main sponsor del festival, con tante attività in programma per tutti i partecipanti: master cooking class, cooking show e laboratori gastronomici aperti al caloroso pubblico di San Vito e tante imperdibili novità in un’area nuova che sarà completamente dedicata ad un viaggio alla scoperta della cultura del cibo, la Casa del cous cous del Mediterraneo, firmata Conad.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra antologica “Guardami”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Bergamo Mercoledì 8 maggio 2019 alle ore 18.00 (9 maggio – 1 settembre 2019) presso il Museo della fotografia Sestini a Bergamo Convento di San Francesco, Piazza Mercato del fieno 6/a, Città alta, inaugura la mostra antologica “Guardami” dedicata al grande fotografo Pepi Merisio.
Il Museo della fotografia Sestini, inaugurato nel 2018, ha recentemente accolto il Fondo Pepi Merisio e con questa mostra offre al pubblico una nuova storia per immagini: più che del soggetto, questa volta, si parla dell’autore in oltre 250 scatti scelti da Merisio stesso, raggruppati in 5 diverse sezioni tematiche ognuna delle quali è dedicata a uno dei temi fondamentali della carriera del grande fotografo. Per ogni sezione, un cuore pulsante: una selezione originale di immagini vintage stampate da Pepi Merisio tra il 1960 e il 1970.La mostra, promossa e organizzata da Museo delle storie di Bergamo e Comune di Bergamo, è realizzata grazie all’importante contributo di SIAD, main sponsor dell’evento e del nuovo allestimento dello spazio espositivo.Catalogo “Guardami”, Lyasis Edizioni, 2019, introduzione di Denis Curti. Biglietti Ingresso alla mostra: 5 euro. Mostra promossa e organizzata da: Comune di Bergamo e Museo delle storie di Bergamo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Valutazioni, titoli BBB e cambiamento di rotta delle politiche monetarie”

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Le imprese della maggior parte delle economie sviluppate godono da anni di costi di finanziamento estremamente bassi (a volte persino negativi nell’eurozona). Le aziende sono state avvantaggiate dalla risposta delle banche centrali alla crisi finanziaria globale, e in particolare dalla riduzione dei tassi d’interesse e dagli acquisti di titoli, incluse obbligazioni societarie, effettuati dalla Banca centrale europea. Gli interventi delle autorità monetarie hanno contribuito inoltre a ridurre i rendimenti dei titoli di Stato a livelli che non si vedevano da decenni. Dato che il prezzo del debito corporate è fissato in relazione ai rendimenti sovrani, gli emittenti societari hanno beneficiato di un decennio di condizioni di indebitamento estremamente vantaggiose.Non sorprende che molte aziende abbiano trovato l’offerta di denaro “a buon mercato” molto allettante e abbiano emesso debito per finanziare fusioni, in aggiunta ad effettuare acquisizioni e altre operazioni più favorevoli agli azionisti, compresi i riacquisti di azioni proprie. Nel far questo hanno accumulato ingenti livelli di debito, che seppure relativamente facili da finanziare a tassi o rendimenti estremamente bassi potrebbero dare maggiori problemi qualora i costi di finanziamento dovessero aumentare notevolmente o persino normalizzarsi. Di conseguenza, le dimensioni del mercato investment grade europeo sono aumentate di circa due volte e mezzo, passando da un valore facciale di circa 800 miliardi di euro all’inizio del 2005 a oltre 2.100 miliardi di euro alla fine del gennaio di quest’anno.Nel frattempo, le decisioni delle agenzie di rating hanno creato una sovrabbondanza di titoli con rating BBB in Europa e negli Stati Uniti. Secondo i dati di ICE Bank of America Merrill Lynch (Figura 2), questa fascia a basso rating del mercato investment grade è passata da circa il 20% dell’indice europeo nel 2005 a oltre il 45% dello stesso all’inizio di quest’anno.
Ciò significa che il mercato europeo presenta oggi una struttura per rating analoga a quella del proprio omologo statunitense, anche se la duration complessiva del mercato è ovviamente inferiore di circa due anni. Alcuni temono che se una parte di questi emittenti fosse declassata ulteriormente alla categoria high yield, magari in seguito a un aumento dei costi di finanziamento, il ben più piccolo mercato dell’alto rendimento europeo avrebbe difficoltà ad assorbire un debito di tale entità.Noi siamo meno preoccupati. La crescente presenza di obbligazioni con rating BBB è dovuta in gran parte all’ingresso sul mercato di nuovi emittenti appartenenti al settore delle utility regolamentate, che prima della crisi finanziaria globale si finanziavano presso le banche e, naturalmente, al settore bancario stesso. Negli anni antecedenti alla crisi la maggior parte delle obbligazioni bancarie aveva rating più elevati, ovvero A o AA. La successiva transizione dei rating rispecchia il fatto che nel 2005 il merito di credito delle banche era stato erroneamente valutato.Dopo un decennio di ri-regolamentazione e risanamento, con conseguente aumento dei coefficienti patrimoniali e della liquidità, le banche sono diventate emittenti più solidi rispetto al periodo precedente il crollo. Contemporaneamente, la quota del debito subordinato o junior (bancario e societario) nell’indice è diminuita da oltre il 20% al 10% circa di oggi.
Un reale deterioramento della qualità del credito corporate si riscontra nel settore delle telecomunicazioni e in quello dei beni di consumo (incluse le auto). Tra gli emittenti di spicco il cui debito BBB è aumentato figurano Volkswagen, AB InBev e compagnie di telecomunicazione come Telefonica, Orange e Deutsche Telecom.
L’anno scorso il mercato europeo del credito investment grade ha evidenziato un andamento deludente. Come indicato, gli spread sono aumentati di circa il 90% in appena 12 mesi. Se consideriamo queste valutazioni nel contesto degli ultimi 20 anni, troviamo che attualmente sono di 0,5 deviazioni standard superiori alla media. In una prospettiva di più breve periodo, ad esempio cinque anni, sono più vicine a uno scarto di 2,5 deviazioni standard rispetto alla media. È evidente che il mercato è tornato a offrire un discreto valore.
Questo miglioramento delle valutazioni trova chiaramente spiegazione in alcuni sviluppi fondamentali, tra cui il cambiamento delle politiche monetarie, il rallentamento dell’attività economica e i comportamenti aziendali più favorevoli agli azionisti. Quest’ultima influenza si è tradotta in parte nell’aumento degli emittenti con rating BBB all’interno del benchmark. Restiamo convinti, come lo siamo da tempo, che il ciclo del credito sia giunto a una fase avanzata; tuttavia, nella misura in cui il miglioramento delle valutazioni rispecchia i timori riguardo alla maggiore presenza di titoli BBB, siamo diventati più ottimisti riguardo al mercato. (by Columbia Threadneedle Investments in abstract)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Garante europeo della protezione dei dati

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Roma martedì 16 aprile 201 ore 11.00Sala dei Mosaici, Rappresentanza del Parlamento europeo in Italia Via IV Novembre 149.Il Garante europeo della protezione dei dati, Giovanni Buttarelli, invita la stampa interessata ai temi di rilievo europeo per una riflessione sulle novità rilevanti per la protezione dei dati, presso gli uffici del Parlamento europeo a Roma.In primo luogo, la riflessione riguarderà le ultime novità recenti a livello europeo in materia di manipolazione online, disinformazione online e fake news.Verrà anzitutto fatto il punto della situazione sulla recentissima normativa europea che permetterà di applicare sanzioni a partiti e movimenti politici ed escluderli da rimborsi nel caso di violazione della disciplina dei dati personali.Si analizzeranno inoltre i più recenti codici di condotta europei e le varie iniziative di cooperazione tra autorità di protezione dei dati in ambito europeo, rispondendo anche a questioni e commenti su temi strettamente connessi, in particolare sull’uso e lo scambio di dati sui social network.Mentre un mero, apparente test della personalità online ha sollevato fondati dubbi sulla regolarità e correttezza delle campagne elettorali concernenti la Brexit, nonché su analoghe indebite influenze in altri Paesi, le autorità che operano per la tutela dei dati personali acquistano in tutta Europa un’ulteriore funzione di vigilanza e supporto utile per il corretto svolgimento dei processi democratici. Come già espresso dal Garante europeo, Cambridge Analytica ha rappresentato solo “il picco di un iceberg”: servizi e tecnologie che raccolgono dati personali per fini di monitoraggio e profilazione sono adesso offerti o al servizio di partiti politici ed altri soggetti interessati a orientare l’elettorato.
Del resto, in Italia, l’Osservatorio sulla disinformazione online dell’AGCOM ha registrato un considerevole aumento della produzione di fake news (+56%) e delle operazioni volte a disinformare gli utenti/elettori a poche settimane dal voto per le elezioni europee.
Inevitabilmente lo scambio riguarderà anche le più recenti evoluzioni dei flussi di dati attraverso social network, in particolare quello di Mark Zuckerberg, il quale ha ora dichiarato di voler tutelare la privacy degli utenti e di essere favorevole a un GDPR su scala globale, suscitando però un vivace dibattito. Le autorità protezione dei dati e antitrust stanno svolgendo riflessioni su questo modello di business apparentemente gratuito basato sulla raccolta e l’analisi dei dati degli utenti.La democrazia diretta è tecnologicamente possibile, ma con le dovute precauzioni. Le piattaforme che ospitano dati sensibili, quali le preferenze politiche, devono adottare norme di sicurezza capillari per assicurare la protezione dei dati dei cittadini e il corretto svolgimento dei processi democratici.Da ultimo verrà trattato il tema della sicurezza e dell’integrità delle comunicazioni elettroniche, anche in riferimento alle reti 5G in relazione al dual-use e a Stati autoritari, argomento su cui il parlamento europeo ha già sollevato preoccupazioni a causa dei rischi di spionaggio di massa.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Parlamento europeo: Anteprima della sessione 15 – 18 aprile 2019

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Strasburgo. Strade più sicure: tecnologie salvavita obbligatorie per i nuovi veicoli
L’obbligo per le nuove auto, furgoni, camion e autobus di dotarsi di una serie di dispositivi di sicurezza per ridurre la mortalità degli incidenti sarà votato martedì in via definitiva.
Nuove norme UE sulla tutela degli informatori. Un sistema UE per garantire una migliore tutela di coloro che divulgano informazioni su attività illegali o dannose acquisite nel contesto lavorativo sarà votato in via definitiva martedì.
Guardia UE di frontiera e costiera: 10.000 agenti per sicurezza e migrazione Le nuove misure per rafforzare la guardia di frontiera e costiera europea saranno discusse e votate in via definitiva mercoledì in Plenaria.
Futuro dell’Europa: dibattito con il Primo ministro lettone Krišjānis Kariņš Il Primo ministro della Lettonia Krišjānis Kariņš discuterà con i deputati, mercoledì alle 10:00, il futuro dell’Europa.
Brexit: il Parlamento discuterà l’estensione al 31 ottobre L’estensione dell’adesione del Regno Unito all’UE sarà dibattuta dai deputati mercoledì alle 9.00, con il Consiglio e la Commissione.
Gig economy: rafforzare i diritti dei lavoratori
Martedì, i deputati approveranno in via definitiva l’introduzione di nuovi diritti per i lavoratori a chiamata, a voucher o tramite piattaforme digitali come Uber, Foodora o Deliveroo.
EFSA: più trasparenza nella valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare
Una nuova procedura UE per la valutazione dei rischi per la sicurezza alimentare, più trasparente e indipendente, sarà approvata in via definitiva martedì.
InvestEU: 700 miliardi di investimenti per occupazione, crescita e investimenti
Ridurre i rischi per le banche UE e proteggere i contribuenti
Rafforzare la vigilanza finanziaria UE
Autocarri: nuovi limiti sulle emissioni CO2
Contenuti terroristici online: un’ora per rimuoverli, filtri non obbligatori

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Unione Naz. Consumatori su Inps e ricalcoli per 5,6 mln di pensioni

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

L’Inps ha annunciato ora che, a seguito dell’entrata della Legge di bilancio 2019 è stata effettuata una seconda operazione di rivalutazione e che le posizioni interessate dal ricalcolo sono circa 5,6 milioni.”Una vergogna! E incredibile che ora i pensionati con più di 1.523 euro siano costretti, in pratica, a restituire i soldi avuti in più, per colpa di un sistema di rivalutazione iniquo, che penalizza anche chi ha pensioni basse, solo perché superiori a 3 volte il trattamento minimo” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “La responsabilità non è dell’Inps, ma del Governo che, nonostante la sentenza della Corte costituzionale n. 70 del 2015, ha deciso di spillare ancora soldi ai pensionati, peraltro con un sistema che, non essendo per fasce di importo, rispetta ancor meno il principio di proporzionalità” conclude Dona. (n.r. E i sindacati cosa fanno? E i pensionati? Possibile che siamo giunti ad accettare passivamente senza una reazione forte? Non siamo, forse, alla vigilia delle elezioni europee? Ebbene la democrazia ci offre un’arma potente nelle mani degli elettori: si deve andare a votare per penalizzare quelle forze politiche che oltre a decurtare le pensioni già modeste tentano maldestramente di dividere il popolo dei pensionati: divide et impera. E bisogna ricordare, in questo frangente, che gli “assenti hanno sempre torto”.)

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festina Italia annuncia i risultati 2018

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

La filiale italiana del Gruppo Festina chiude l’esercizio 2018 con risultati che confermano l’andamento molto positivo degli ultimi anni e segnano una crescita complessiva.
La chiusura del bilancio 2018 per la sede italiana della multinazionale spagnola fa registrare infatti un +27% di utile dopo le imposte e, nonostante un anno difficile per il mercato generale e in particolare per quello italiano, il fatturato globale si assesta su una crescita dello 0,6%.“Questo risultato è il frutto del lavoro di un gruppo omogeneo e coeso, che si impegna ogni giorno per la crescita costante della filiale italiana, sempre in completa simbiosi con la casa madre spagnola.” commenta Paolo Galimberti, Direttore Generale Festina Italia e aggiunge: “Il successo ottenuto ci inorgoglisce e ci ripaga degli sforzi fatti in questi anni, consolidando con il marchio Festina un posizionamento da leader di mercato, non influenzabile da trend o da crisi. Il nostro cliente sa che Festina Group è sinonimo di qualità unita ad un prezzo incomparabile e ad una serietà figlia della filosofia del nostro patron Miguel Rodriguez. Dal bilancio 2018 riceviamo quindi una grande spinta positiva che ci permette di affrontare le nuove sfide, non necessariamente solo commerciali, che ci apprestiamo ad affrontare con la serenità di chi fa parte di un gruppo unico nel panorama dell’orologeria mondiale.”Il risultato positivo del bilancio 2018, a fronte di un sostanziale mantenimento del fatturato di Festina Orologi, è attribuibile a differenti fattori tra cui spicca sicuramente la crescita consistente del mondo Lotus (orologi e gioielli) che ha portato il brand a fatturare quest’anno circa 2.3 milioni.Anche il marchio Jaguar fa registrare una crescita davvero significativa, con un +24% di fatturato rispetto all’anno precedente: un trend che continua quindi e che lo porta a conquistare sempre più spazio nel mercato italiano mentre il marchio Festina continua a consolidare la propria presenza e il proprio appeal nel mondo dell’orologeria di prestigio.
Con oltre 30 anni di storia, il Gruppo Festina è oggi una prestigiosa azienda internazionale specializzata nella produzione e nella commercializzazione di movimenti e parti di precisione per noti brand di orologeria.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Conferenza di presentazione di Milano Food City

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Milano 15 aprile alle ore 10.30 presso l’Urban Center in Galleria Vittorio Emanuele II, 11/1.Partecipano:
Cristina Tajani – Assessore a Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane
Roberta Guaineri – Assessore a Turismo, Sport, Qualità della vita
Marco Barbieri – Segretario Generale di Unione Confcommercio Milano, Lodi, Monza Brianza
Fabrizio Curci – Amministratore Delegato Fiera Milano
Elena Vasco – Segretario Generale della Camera di Commercio di Milano
All’interno di Milano Food City, dal 6 al 9 maggio presso Fiera Milano Rho torna Seeds&Chips – The Global Food Innovation Summit, l’evento ideato da Marco Gualtieri e punto di riferimento a livello mondiale nel campo della Food Innovation. Una vetrina d’eccezione interamente dedicata alla promozione di soluzioni e talenti, tecnologicamente all’avanguardia, provenienti da tutto il mondo. Un’area espositiva e un palinsesto di conferenze per presentare, raccontare e discutere sui temi, sui modelli e sulle innovazioni che stanno cambiando il modo in cui il cibo è prodotto, trasformato, distribuito, consumato e raccontato. Quest’anno al centro del dibattito saranno l’Africa, gli SDGs, la sostenibilità e naturalmente i giovani e le nuove generazioni. Attesi centinaia di ospiti internazionali e keynote speaker, da Alec Baldwin al Forum del Re dei paesi africani.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Def: bozza Pnr, verso Irpef a 2 aliquote, 15 e 20%

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Secondo una bozza del Piano nazionale delle riforme allegato al Def, si prevede l’estensione del regime d’imposta sulle persone fisiche a due aliquote del 15 e 20 per cento, a partire dai redditi più bassi, al contempo riformando le deduzioni e detrazioni.
“E’ inutile abbassare le aliquote con una mano e con l’altra ridurre deduzioni e detrazioni. Nella migliore delle ipotesi è il solito gioco delle 3 carte. Nella peggiore, se non consento di scaricare, o di farlo solo in parte, spese sanitarie, interessi per mutui o rette universitarie, faccio venir meno la funzione di redistribuzione del Fisco, rendendolo meno equo, considerato che queste detrazioni servono a sostenere le famiglie per uscite importanti” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Infine, le due aliquote sono troppo ravvicinate ed è evidente che il vantaggio per i ceti più abbienti sarebbe di gran lunga superiore a quello delle famiglie in difficoltà, che invece andrebbero aiutate maggiormente” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bilancio Dussmann: raggiunti i 522 milioni di euro

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Capriate San Gervasio (BG) Bilancio consolidato di 522 milioni nel 2018, oltre il 60% di crescita negli ultimi 5 anni, con una previsione che punta a 800 milioni entro i prossimi 5. Cifre eloquenti, che rendono l’idea di una dimensione di ottimismo per il futuro, supportato da un solido presente.Nell’anno del 50° anniversario dalla sua fondazione in Italia, gli impressionanti numeri generati da Dussmann Service non si fermano però al fatturato: 8 filiali sul territorio nazionale, con 17.000 dipendenti, in costante crescita in concomitanza con il volume dei lavori e degli appalti, 34 milioni di pasti serviti l’anno, 907 plessi coperti dai servizi di ristorazione, 578 strutture da quelli di sanificazione, 31.000 tonnellate di derrate movimentate, 3.8 miliardi di metri quadri annuali sanificati.A seguito dell’acquisizione di Steritalia nel 2011, per il servizio di sterilizzazione di ferri chirurgici, e di Securducale Vigilanza nel 2014, per quelli di security, nel 2018 sono arrivate anche quelle di Alessio Ristorazione e Gaetano Paolin Spa, che sono andate ad arricchire la già valida offerta aziendale nei campi della ristorazione collettiva e del facility management.Per la seconda volta, dopo il 2015, nel 2018 Dussmann Service si è inoltre aggiudicata il prestigioso riconoscimento Company to Watch da parte di Cerved, ulteriore testimonianza del successo del suo operato.Questo trend positivo è stato accompagnato dalla decisione da parte del Gruppo Dussmann di procedere ad un incremento del capitale sociale da 10 a 20 milioni di Euro, fattore che assicura un’ancora maggiore stabilità patrimoniale e crea le premesse per sostenere la futura espansione sia tramite crescita organica che attraverso acquisizioni.
Il Gruppo Dussmann impiega oltre 70.000 persone in 17 paesi. Dussmann Service fornisce l’intera gamma di servizi di facility: Pulizia, Catering, Sicurezza e Reception, Servizi Tecnici ed Energy Management. Nel 2018, il gruppo Dussmann a livello globale ha realizzato un fatturato oltre 2 miliardi di euro, di cui circa 522 Milioni a livello nazionale, che lo rende uno dei più grandi provider di multi-servizi privati di tutto il mondo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

AFK, il nuovo romanzo di Alice Keller

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Una storia di dipendenza da gaming, un romanzo potente sui legami che rompono la solitudine. Dal prossimo 11 aprile in libreria Esce questa settimana in libreria, per la collana Young Adult Le Spore di Camelozampa, AFK, l’atteso nuovo romanzo di Alice Keller, una delle voci più intense e originali della narrativa italiana per ragazzi.
AFK, come Away From Keyboard, è la storia di Gio, un ragazzo che si potrebbe definire un hikikomori: da anni chiuso nella sua stanza, è dipendente dai videogiochi online, che più del giorno e della notte scandiscono i ritmi della sua quotidianità di vita. Almeno fino a quando la realtà non si insinua, prepotente, a chiamarlo…
Alice Keller, nata a Bologna, dopo un periodo trascorso tra il teatro e la musica si occupa di scrittura per bambini e ragazzi.
AFK: di Alice Keller copertina di Alessandro Baronciani collana Le Spore (Young Adult) 112 pagine euro 12,90 Edizione ad alta leggibilità con il font EasyReading.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riabilitazione per i pazienti colpiti da ictus

Posted by fidest press agency su domenica, 14 aprile 2019

Anche l’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale A.L.I.Ce. Italia Onlus aderisce alla campagna di mobilitazione #difendiundiritto promossa da AISM e chiede di poter essere udita sui provvedimenti “Criteri di appropriatezza dell’accesso ai ricoveri di riabilitazione ospedaliera” ed “Individuazione di percorsi appropriati nella rete di riabilitazione”, in corso di approvazione presso il Ministero della Salute, in merito ai quali si ritiene vadano apportate alcune modifiche, ritenute essenziali per favorire il recupero ed il mantenimento delle funzionalità di chi è stato colpito da ictus cerebrale, senza restrizione alcuna dei criteri di accesso alla riabilitazione intensiva e ad alta specialità.Devono poter accedere alla riabilitazione neurologica tutti i pazienti che, dopo un evento acuto come un ictus, manifestino una disabilità più o meno grave che ne giustifica la collocazione nel setting appropriato; questo non può essere limitato a chi è stato in coma.
In Italia ogni anno si registrano circa 150.000 nuovi casi di ictus cerebrale, vengono colpiti soggetti sempre più i giovani e sono circa un milione le persone sopravvissute con esiti più o meno invalidanti, un terzo delle quali con disabilità gravi. Il fenomeno è in costante crescita, considerando che, oltre alle terapie disponibili, oggi si vive più a lungo e il nostro Paese è, tra quelli europei, quello con l’aspettativa di vita più elevata. Molto spesso, le persone colpite da ictus manifestano non solo paresi degli arti superiori e inferiori ma anche gravi problemi neurologici e cognitivi che compromettono l’autonomia della persona; il 60% presenta problemi visivi, quasi la metà difficoltà di deglutizione e respirazione, un paziente su tre soffre di disturbi del linguaggio e di depressione.Per far fronte alle direttive del decreto occorrerebbe anche che i servizi territoriali (sia day hospital che ambulatoriali) fossero ben strutturati e adeguati, cosa che non corrisponde alla realtà, anche perché non c’è un numero adeguato di specialisti su tutto il territorio.
Ulteriore problema è che per le disabilità neurologiche con andamento cronicamente evolutivo, come appunto, l’ictus con i suoi esiti invalidanti, ma anche la sclerosi multipla, il parkinson o una malattia neuromuscolare, in caso di aggravamento non è previsto un ricovero in ambiente riabilitativo idoneo se non dopo il passaggio in reparti per acuti dove, in realtà, i pazienti non andrebbero a meno che non abbiano avuto un episodio intercorrente (come ad esempio una broncopolmonite).
Chiediamo quindi a ‘gran voce’ di poter rivedere alcuni passi del decreto, che sarebbe di grande importanza poter rivalutare per garantire continuità assistenziale e cura a tutte le persone che necessitano di proseguire un percorso di neuroriabilitazione, in modo continuativo ed omogeneo su tutto il territorio nazionale. Per questo motivo l’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale, unica in Italia a rappresentare coloro che sono stati colpiti da questa patologia e le loro famiglie, è assolutamente disponibile ad un confronto sereno, costruttivo e aperto su questo tema così essenziale. Obiettivo di A.L.I.Ce. Italia Onlus sarà quello di rappresentare le istanze dei pazienti dopo un ictus per garantire il loro pieno diritto di salute, cercando di impedire un possibile incremento della disabilità, il peggioramento della qualità della vita e la riduzione dell’autonomia, anche nell’interesse della collettività.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »