Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Scuola: Vicepresidi, maxi carichi di lavoro ma niente esonero dalle lezioni: ora basta

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 aprile 2019

Anief risponde alla richiesta formulata da Ancodis di esonero dalle lezioni, aggiungendo pure le quote riservate per il concorso DS a coloro che hanno maturato annualità come vicari, oltre a indennità adeguate al grande lavoro e responsabilità enormi che vengono portati avanti dai vicepresidi, quasi sempre in assenza dei dirigenti scolastici costretti a dividersi in più plessi. Marcello Pacifico (Anief): Si parla tanto di merito professionale, allora si parta o si inizi con chi dimostra e ha dimostrato di saper svolgere rilevanti attività extra didattiche, indispensabili al sistema scolastico ai fini dell’organizzazione, anche amministrativa. Si istituisca subito l’area della vicedirigenza e si ripristini l’indennità di reggenza 50% prevista dal vecchio contratto del 2009, visto che una scuola su quattro è senza preside.Se il sistema scolastico va avanti al meglio, nonostante i tanti problemi che ingloba, è grazie alla totalità dei lavoratori della scuola che, con impegno, porta avanti le sue mansioni. Tra essi ci sono i vicepresidi, che lavorano anche d’estate e, come vicari dei dirigenti scolastici, hanno molte responsabilità, oltre a un’enorme fetta di incarichi. È di oggi l’intervento di Ancodis, Associazione nazionale collaboratori dei dirigenti scolastici, formatasi qualche anno fa, che a Orizzonte Scuola ha raccontato le problematiche legate alla categoria. “Abbiamo capito a un certo punto che dovevamo aggregarci per far sentire la nostra voce”, dice il presidente, Rosolino Cicero, professore di matematica e collaboratore del Ds del suo istituto. Il presidente continua affermando come sia difficile rimanere appassionati al proprio lavoro nonostante “le amarezze e le deprivazioni legate al tessuto sociale, ma è una grande scommessa per noi che restiamo qui a dare un futuro positivo e possibile ai nostri ragazzi”. In pratica l’associazione “chiede al Miur e ai sindacati di prevedere la diversificazione dell’orario di lavoro in orario per la didattica ed orario per la collaborazione nel quale è formalmente riconosciuto lo svolgimento di tutte quelle attività necessarie ed indispensabili al funzionamento e che oggi sono contrattualmente sommerse. Occorre procedere a una coraggiosa innovazione contrattuale che determini incentivi finalizzati a valorizzare le professionalità, ad incoraggiare i docenti ad assumere responsabilità e svolgere mansioni organizzative e gestionali delegate dal DS, ad accogliere favorevolmente proposte di azioni formative specifiche”. Essi, dunque, lamentano una “iniqua condizione lavorativa e – convinti della dignità e professionalità del nostro lavoro – chiediamo attenzione ponendo fine ad una immeritata discriminazione che ne ferisce la professionalità ed umilia senso del dovere e spirito di servizio”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: