Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Convegno: È efficace una formazione sull’etica della legalità?

Posted by fidest press agency su martedì, 28 maggio 2019

Parma. Mercoledì 29 maggio, alle 17, nell’Aula Magna della Sede Centrale dell’Ateneo (via Università 12), nell’ambito del progetto di Ateneo “Ambasciatori della legalità”, è in programma il convegno: È efficace una formazione sull’etica della legalità?, organizzato e moderato da Monica Cocconi, docente di Diritto amministrativo e Delegata del Rettore a Anticorruzione e Trasparenza. Dopo i saluti della Pro Rettrice alla didattica dell’Ateneo Sara Rainieri, del Sindaco di Parma Federico Pizzarotti, del Presidente del Circolo culturale Il Borgo Giuseppe Giulio Luciani, della Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Parma Simona Cocconcelli e di Giorgio Pagliari, docente ordinario di Diritto amministrativo dell’Università di Parma, interverranno Bernardo Giorgio Mattarella, docente di Diritto amministrativo alla Luiss “Guido Carli” di Roma, sul tema L’etica della funzione pubblica, e Carlo Cottarelli, Direttore dell’Osservatorio sul debito pubblico dell’Università Cattolica di Milano, sul tema I benefici economici della legalità.Il convegno si caratterizza sia come proposta formativa rivolta agli Ambasciatori della Legalità, ossia agli studenti e studentesse del Dipartimento di Giurisprudenza, Studî politici e Internazionali che in questi mesi sono andati nelle scuole per diffondere e promuovere, con grande disponibilità e competenza, i valori della legalità e della Costituzione, sia quale momento obbligatorio, previsto dal Piano Nazionale Anticorruzione, per la formazione del personale dirigente e direttivo dell’Ateneo sul versante del contrasto all’illegalità.All’interno del convegno sarà anche dato spazio al “Progetto dell’Ateneo per la legalità” che la studentessa di Scienze Politiche e delle Relazioni internazionali Alessia Pellicciari, come rappresentante dell’Associazione Cortocircuito, ha presentato il 2 maggio scorso a Genova presso la Fondazione Falcone.Il cuore del problema dell’etica pubblica sono le regole di comportamento che, anche sotto il profilo deontologico, deve osservare chi lavora all’interno e dentro un’istituzione pubblica. Di queste l’analisi giuridica si è spesso disinteressata perché attenta unicamente al dato normativo e non ai valori che lo sottendevano o lo ispiravano, in nome della purezza del metodo giuridico. In realtà la stessa Costituzione, all’art. 54, quando afferma che «le funzioni pubbliche devono essere assolte con disciplina e onore», sottopone i dipendenti pubblici a un supplemento di doveri, anche sul versante etico, che non si limita alla mera osservanza del dato normativo. L’osservanza di queste regole non è solo fondamentale perché arricchisce la qualità della convivenza sociale, ma anche perché dalla sua osservanza discendono benefici economici e quindi una crescita della competitività del nostro Paese sul fronte internazionale. Fra i peccati capitali che affliggono l’economia italiana, riducendo le possibilità di crescita, sono infatti annoverabili sia l’evasione fiscale, che la corruzione e la lentezza della giustizia.
Il convegno si svolge con il patrocinio del Comune di Parma e del Circolo culturale Il Borgo ed è inserito negli eventi di Parma Capitale della Cultura 2020.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: