Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Norme sulla rigenerazione urbana

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 Mag 2019

«Le norme sulla rigenerazione urbana contenute nel decreto sblocca cantieri sono parziali e non brillano per incisività, segno che il legislatore si è mosso con eccessiva timidezza a proposito di un tema che invece andrebbe trattato con grande determinazione. Almeno per due motivi: il patrimonio edilizio italiano, sia pubblico che privato, denuncia una fragilità complessiva e dei limiti qualitativi che andrebbero affrontati al più presto; inoltre, un’estesa campagna di rigenerazione dell’esistente, preferibilmente con un contestuale miglioramento dell’efficienza energetica e della capacità antisismica degli edifici, ha le potenzialità per sviluppare un indotto di oltre 300 miliardi di euro».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, urbanista e direttore scientifico del Centro Studi Sogeea.«Legiferare a livello nazionale in materia urbanistica non è mai facile, in particolar modo perché si tratta di un campo in cui gli enti locali hanno delle prerogative forti e che reclamano a gran voce. Il decreto sblocca cantieri, però, oltre a qualche enunciazione di principio, si limita a delle semplificazioni negli interventi antisismici e a porre alle Regioni delle prescrizioni sulle deroghe alle distanze minime tra gli edifici e alle altezze massime degli stessi nell’ambito di opere di demolizione e ricostruzione. Si è, insomma, assai lontani da quel piano nazionale in grado davvero di incidere a fondo sul tessuto dei nostri centri urbani.
Altra cosa sarebbe un progetto complessivo con obiettivi di medio e lungo termine di cui non può che farsi carico l’amministrazione centrale dello Stato. Solo così si avrebbe una normativa capace, da una parte, di fornire linee guida chiare e uniformi agli enti locali e, dall’altra, di attrarre ingenti investimenti privati, irrinunciabili per mettere in piedi un ampio ventaglio di interventi in una fase di enorme difficoltà per le casse pubbliche. Con evidenti ricadute positive anche a livello occupazionale».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: