Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

“Cosa dobbiamo aspettarci dalla riunione del Federal Open Market Committee (Fomc) di mercoledì?”

Posted by fidest press agency su martedì, 18 giugno 2019

A cura di Dave Chappell, Senior Portfolio Manager mercato obbligazionario di Columbia Threadneedle Investments. L’imminente riunione del Fomc si verifica in un momento particolarmente delicato per la Fed, poco più di una settimana prima dell’incontro previsto tra il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping sulle linee laterali della riunione del G20, con il mondo in attesa di segnali di un allentamento o del dilagare delle tensioni latenti.Il presidente della Fed, Jerome Powell e il comitato hanno il non invidiabile compito di decidere quale azione, nel caso, intraprendere per guidare al meglio l’economia attraverso le incertezze commerciali attuali e future, in un periodo di bassi livelli di disoccupazione, indebolimento degli investimenti e pressioni deboli sui prezzi. Recentemente si è molto dibattuto dell’incapacità delle banche centrali di raggiungere gli obiettivi di inflazione e questo si è aggiunto al fatto che probabilmente la “fase della pazienza” possa essere arrivata al termine. Il brusco dietrofront della Fed dall’indicare ulteriori aumenti dei tassi è stato guidato da un improvviso inasprimento delle condizioni finanziarie a causa del crollo dei mercati verso la fine dell’anno. Da allora, dal lato della crescita c’è stato un inatteso rialzo nel primo trimestre (sebbene il mix di componenti fosse tutt’altro che incoraggiante), i consumi si sono stabilizzati e i mercati hanno recuperato. Un fattore chiave per i mercati è stato il crollo dei rendimenti dei titoli sovrani e, con esso, si prevede un significativo allentamento monetario nei prossimi dodici mesi. Ciò ha coinciso con un flusso di critiche pressoché continuo alla politica della Fed da parte del Presidente Trump, che ha infranto decenni di protocollo presidenziale e, alcuni sostengono, minacciando così sia l’indipendenza sia la credibilità della banca centrale. Il che ci riporta alla difficile situazione in cui Powell e i suoi colleghi si trovano. Nell’improbabile eventualità che la Fed registri un taglio dei tassi mercoledì, potrebbe essere accusato di piegarsi alle pressioni di Trump e di alimentare ulteriormente i prezzi degli attivi. Se si erge a favore e segnala scarsa inclinazione a sostenere i prezzi correnti del mercato, potrebbe rischiare di danneggiare i mercati azionari prima di un esito del G20 potenzialmente negativo.Questo ci porta a concludere che Powell, ancora una volta, camminerà su una sottile linea parlando di economia, riconoscendo che l’inflazione rimane inferiore a quella che lui e i suoi colleghi vorrebbero vedere, e che i potenziali ostacoli al commercio e alle condizioni globali lasciano la commissione pronta ad adeguare la politica in modo tempestivo. Il dot plot dovrebbe, inoltre, confermare una condizione di prontezza ad agire. Questa posizione dovrebbe essere sufficiente per mantenere i mercati intorno ai livelli attuali, ma a un certo punto, forse subito dopo la riunione di luglio, gli investitori vorranno qualcosa di più che semplici parole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: