Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 25 giugno 2019

La bussola per partire alla conquista della laurea

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Il Sole 24 Ore presenta mercoledì 26 giugno la Guida “Università – Corsi, rette e borse di studio” (in abbinata al quotidiano), in cui viene offerta una panoramica completa delle facoltà: nelle 104 pagine della guida gli oltre 4.850 corsi sono raggruppati per aree e per ogni area vengono illustrate le caratteristiche fondamentali, gli aspetti innovativi, i risultati occupazionali ottenuti dai colleghi che hanno preceduto le matricole del 2019/20.Dalle tasse alle borse di studio, dalle detrazioni fiscali alla ricerca dell’alloggio, sono questi alcuni dei temi approfonditi, insieme a una serie di focus tematici:  sugli Its, percorsi di studio post diploma paralleli alle università; sulle lauree professionalizzanti, sui Massive open online courses, pensati per una formazione a distanza che coinvolga un numero elevato di studenti e sui ranking internazionali degli atenei.
Dal 26 giugno sarà a disposizione sul sito web del Sole 24 Ore, all’indirizzo http://24o.it/guida-universita, il database completo dei corsi che consentirà di selezionare l’ateneo più adatto, indicando i criteri di ricerca per area geografica, classe di laurea, livello, numero chiuso, doppi titoli e corsi in lingua. “Università – Corsi, rette e borse di studio” , in uscita mercoledì 26 giugno, in abbinamento con Il Sole 24 Ore a 0,50 € oltre il quotidiano.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’era della leadership statunitense sta per finire”

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

A cura di Luca Paolini di Pictet Asset Management. Gli Stati Uniti hanno mercati azionari con valutazioni elevate, una moneta sopravvalutata e un gap di crescita del paese rispetto al resto del mondo sviluppato che si sta restringendo. Per questi motivi, le azioni americane sono destinate a produrre rendimenti solo di poco superiori all’inflazione nei prossimi cinque anni.
Questo è quindi il momento giusto per diversificare dalle azioni statunitensi. Ma per investire in che cosa?
Le azioni europee, tradizionalmente un jolly, sono ragionevolmente in forma. Nonostante le problematiche economiche della regione e il rischio di frammentazione politica, l’eurozona potrebbe fornire sorprese positive. Sarebbe sbagliato non prenderla in considerazione.
Tra gli investimenti alternativi – gli hedge fund, alcuni mercati real estate e le commodity, in particolare l’oro – dovrebbero generare buone performance. Il private equity farà invece fatica a esprimere i rendimenti degli anni precedenti.
Le attività dei mercati emergenti appaiono attraenti, soprattutto in Asia. Prevediamo un aumento dei multipli delle azioni e delle obbligazioni cinesi man mano che le riforme economiche del paese si tradurranno in sovraperformance finanziarie.
La crescita della Cina rallenterà rispetto ai ritmi sostenuti degli ultimi decenni, ma sarà di qualità superiore. Nello stesso tempo, Pechino ha sempre più necessità di attirare i capitali esteri, quanto meno per compensare la riduzione dei risparmi da parte della sua popolazione che sta invecchiando.
Mentre le attività cinesi diventano una parte essenziale dei portafogli d’investimento in tutto il mondo, l’impronta internazionale del renmimbi inevitabilmente aumenterà.
Nell’ambito del reddito fisso, le obbligazioni societarie dei mercati sviluppati sono particolarmente vulnerabili. I tassi dei titoli di Stato rimangono molto al di sotto dell’inflazione e l’indebitamento delle imprese è a massimi record.Nell’ambito della loro allocazione nel reddito fisso, gli investitori dovranno assumere più rischio per generare rendimenti positivi; questo significherà una maggiore allocazione nel debito dei mercati emergenti.Dato che i rendimenti di molte delle classi di attività tradizionali saranno inferiori alla media nei prossimi cinque anni, i cambi diverranno una importante fonte di alfa.Dopo avere raggiunto una sopravvalutazione del 15%-20%, il dollaro si deprezzerà rapidamente nei confronti delle altre principali monete.Nel prossimo quinquennio, gli investitori dovranno riesaminare con grande attenzione i loro portafogli. Le scelte che hanno avuto successo in passato difficilmente funzioneranno in futuro.Un portafoglio 50% azioni e 50% titoli di Stato dei mercati sviluppati storicamente ha prodotto storicamente un rendimento annuo del 5 per cento in termini reali.Nei prossimi cinque anni, la stessa allocazione difficilmente riuscirà a ottenere una performance positiva al netto dell’inflazione.Per battere l’inflazione nel lungo periodo, gli investitori dovranno costruire un portafoglio con caratteristiche diverse, un portafoglio in cui gli asset dei mercati emergenti, l’oro, gli hedge fund e altre attività alternative abbiano maggiore prominenza.È venuta l’ora di adattarsi a un panorama d’investimento differente.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Unione Naz. Consumatori su autostrade

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Il ministro delle infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli ha annunciato di aver dato il via libera a un’ulteriore proroga, fino a fine anno, dell’accordo tra il Mit e Aiscat che prevede lo sconto del 30% ai caselli autostradali in favore dei motociclisti dotati di Telepass.”Gli sconti vanno estesi anche agli automobilisti pendolari. Fin da marzo abbiamo scritto al ministro Toninelli, chiedendogli di rinnovare il protocollo d’intesa tra il Ministero dei Trasporti, Aiscat e le società concessionarie di autostrade, che prevedeva agevolazioni agli utenti pendolari muniti di Telepass, e che orami è scaduto il 31 dicembre 2017″ afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Ad oggi non abbiamo avuto una risposta. Un peccato perché gli sconti, che arrivavano fino al 20%, compensavano i costi che i lavoratori devono sostenere per raggiungere in auto il posto di lavoro” conclude Dona.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come offrire un futuro ai giovani delle aree rurali

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Roma 26 giugno – 14:00-16:00 Iraq Room, sede della FAO, viale delle Terme di Caracalla presentazione del Rapporto dell’IFAD sullo Sviluppo Rurale 2019 – Creare opportunità per i giovani delle aree rurali.Circa 500 milioni di giovani vivono nelle aree rurali dei paesi in via di sviluppo e rappresentano circa la metà della popolazione giovanile di questi paesi. I giovani delle aree rurali sono soggetti a povertà, mancanza di opportunità di impiego e di accesso a terra, servizi, tecnologie e formazione.La sfida è particolarmente ardua nelle nazioni più povere del mondo, in particolare nell’Africa subsahariana, dove la popolazione giovanile è in rapida crescita. Questi paesi sono i più sprovvisti di risorse adeguate per offrire ai giovani lavoro e opportunità che consentano loro di costruirsi un futuro e avere un’alternativa a una vita di povertà o all’emigrazione.Il Rapporto dell’IFAD sullo Sviluppo Rurale 2019 – Creare opportunità per i giovani delle aree rurali presenta l’analisi più recente sulla popolazione rurale giovanile e offre suggerimenti ai responsabili delle politiche pubbliche su come investire al meglio per evitare di creare una “generazione perduta” di giovani.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mario Sechi nuovo Direttore Responsabile di Agi

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Mario Sechi sarà dal 1° luglio il nuovo Direttore Responsabile di Agi Agenzia Giornalistica Italia, aggiungendo il nuovo incarico alle direzioni delle riviste di Eni “WE-World Energy” e “Orizzonti”. Sechi prenderà il testimone da Riccardo Luna, che ha guidato Agi dal 2016 in tandem con il Condirettore Marco Pratellesi. Luna e Pratellesi assumeranno in Eni nuovi incarichi in ambito di innovazione digitale e formazione.
Agi accelera così la propria trasformazione e passa allo step successivo del cammino cominciato tre anni fa per consolidare la posizione ai vertici del mercato delle agenzie giornalistiche del nostro Paese. Sotto la guida di Luna, Agi ha imboccato con decisione la strada dell’innovazione digitale sposata al giornalismo di qualità. Un approccio basato sul rigore dell’informazione e sintetizzato dal claim “La verità conta”. Ma anche una scelta di campo in tema di prodotto giornalistico, puntando su sperimentazioni da tech company e nuove offerte editoriali digitali, che sono cresciute di pari passo con lo sviluppo di Agi Factory, il primo brand journalism lab italiano dedicato alle aziende. L’ingresso in Agi lo scorso maggio del team e delle competenze di D-Share, un’operazione condotta di concerto tra la Direzione giornalistica e l’AD Salvatore Ippolito, ha segnato un primo importante traguardo in questo senso.
Nel triennio della direzione Luna, Agi ha consolidato il ruolo di primo piano nel panorama dell’informazione italiana, testimoniato tra l’altro dagli oltre 29.000 articoli con citazione Agi apparsi sui media nel corso del solo 2018 (2.200 articoli sulla carta stampata, circa 26.500 sul web e oltre 500 su radio/Tv). Significativa anche la crescita del sito agi.it, che nel 2018 ha quasi triplicato i visitatori rispetto all’anno precedente. Nel mese di maggio 2019, gli utenti unici sono stati oltre 5 milioni (il doppio rispetto allo stesso mese del 2018), con l’80% del traffico in arrivo da dispositivi mobili. Agi è cresciuta più di tutti i diretti concorrenti anche sulle piattaforme social. In questi grafici, un colpo d’occhio complessivo sull’incremento della visibilità e del peso di Agi in questi anni.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le proteine e i radicali liberi prodotti dall’embrione consentono di prevedere la gravidanza

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Nel corso del 35º Congresso ESHRE, che quest’anno si è tenuto a Vienna, IVI ha presentato due studi relativi all’analisi del mezzo di coltura degli embrioni, basato sull’analisi dell’ambiente circostante, con il fine conoscere al meglio la qualità degli embrioni e, quindi, aumentare le probabilità di successo che la paziente può avere durante il trattamento.Nel primo dei due studi, dal titolo “Protein profile of euploid single embryo transfer reveals differential patterns among them”, sviluppato da IVI Valencia tra settembre 2017 e marzo 2018, su un campione di 81 cicli preparati per il trasferimento di un unico embrione (Single blastocyst transfer – SET), sono state analizzate le proteine secrete dall’embrione nel mezzo di coltura.“L’importanza di questo studio – ha commentato il Dottor Marcos Meseguer, principale ricercatore dello studio e Direttore della Ricerca di IVI Valencia – risiede nel fatto che si tratta di embrioni che sono già stati testati geneticamente con risultato euploide. Ha un valore maggiore perché, nonostante siano embrioni selezionati geneticamente, non tutti riescono ad impiantare in utero, e dunque l’idea è quella di migliorare il processo di selezione grazie all’analisi delle proteine. In questo studio abbiamo fatto ricorso all’aiuto, in parte, dell’Intelligenza Artificiale legata alle immagini che otteniamo attraverso due incubatrici, l’Embryoscope ed il Geri, attraverso un metodo che combina le immagini con il metodo di selezione delle proteine“.“Confermiamo una secrezione significativamente elevata di IL-6 e IL-8 negli embrioni in crescita, evidenziando il potenziale di queste molecole durante lo sviluppo degli stessi embrioni. La maggior parte delle concentrazioni di proteine ha mostrato un modello di valori più alti nelle blastocisti in fase di hatching (“hatched blastocysts”)”, ha aggiunto il Dottor Meseguer.
La seconda delle due ricerche, dal titolo “High culture media oxidative profile as a biomarker of good quality embryos: a non-invasive tool to select the embryo to transfer”, si basa sullo studio del mezzo di coltura con sviluppo embrionale multiplo, in situazioni nelle quali si presentano tra i 10 e i 12 embrioni nella stessa goccia. L’obiettivo è quello di analizzare se il profilo ossidativo possa essere un valido biomarcatore per determinare la qualità degli embrioni.Il lavoro presentato, sviluppato anche a IVI Valencia, tra maggio 2017 e dicembre 2018, ha analizzato un campione di 683 embrioni su un totale di 174 cicli realizzati mediante la Fecondazione in Vitro (FIVET).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli Immoderati” si occupano degli “sprechi” molisani

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Gli Immoderati, storico gruppo di giovani liberali sparsi per il mondo, nel proprio seguitissimo sito internet (https://www.immoderati.it/2019/06/24/il-molise-non-esiste-ma-i-suoi-soldi-si-purtroppo/) si occupa del Molise, in particolare delle potenzialità inespresse dal punto di vista turistico. Il sito ricorda che Eurostat ha certificato la regione come la meno turistica d’Europa nonostante “questo lembo d’Italia, con un po’ di seria promozione – ma affidata a professionisti del settore, meglio se di fuori regione perché liberi da immancabili ingerenze o collusioni – potrebbe far conoscere le proprie eccellenze, che pure non mancano”, citando ad esempio il paleolitico di Isernia, il teatro di Pietrabbondante, la rete di tratturi, la produzione di tartufi.
Tuttavia, analizzando nel dettaglio i fondi post-sisma del 2002, il bando “Turismo è cultura” del 2019 (1,8 milioni euro) e la “chimera del turismo di ritorno”, con numeri paradossali come il presunto milione e mezzo di molisani all’estero sbandierato in un recente convegno a Campobasso, il sito stigmatizza la pioggia di soldi pubblici, denunciando, in perfetta chiave liberale, che “le responsabilità di questo ennesimo scialacquio pubblico non ricadono ovviamente sui soggetti beneficiari, che raccolgono ciò che passa il convento, bensì su una classe di amministratori che perpetua una politica assistenziale e pregna di retorica”.Dopo aver esposto i dati economici del recente report di Bankitalia, il pezzo si conclude ricordando la vocazione assistenziale, che tanti danni ha prodotto in tutto il Mezzogiorno, e che rappresenta “la principale zavorra di questo piccolo territorio”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Presidenza del Consiglio dà il patrocinio al Premio “Penisola Sorrentina”

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Roma. La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha conferito il Patrocinio alla XXIV edizione del Premio “Penisola Sorrentina Arturo Esposito”.Con una nota inviata da Palazzo Chigi rivolta al direttore del Premio Mario Esposito viene confermata, anche per l’edizione 2019, la ventiquattresima, l’adesione governativa al Premio “Penisola Sorrentina” che ogni anno porta a Piano di Sorrento il meglio della cultura, del cinema e dell’audiovisivo.La giuria del prestigioso riconoscimento, inserito nel cartello degli eventi di rilievo nazionale della Regione Campania, annovera prestigiosi esponenti del mondo dello spettacolo e della tv: il direttore del Teatro Eliseo Luca Barbareschi, il musicista Danilo Rea, il giornalista e scrittore Magdi Allam, l’autore e conduttore Rai Giancarlo Magalli, l’attrice Francesca Cavallin.L’evento spettacolo di premiazione si svolgerà a Piano di Sorrento il 26 ottobre 2019. (by comunicatistampa.net)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il mondo del lavoro sta cambiando più velocemente che mai

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

E temi quali diversità e inclusione sul posto di lavoro non sono mai stati tanto rilevanti quanto oggi. Qualsiasi organizzazione, per lavorare al massimo delle sue potenzialità, necessita di una molteplicità di idee, punti di vista diversificati e approcci non convenzionali, elementi che solo un ambiente di lavoro inclusivo può favorire. Per questo è necessario che dipendenti e datori di lavoro operino in sinergia per garantire la valorizzazione della diversità e il rispetto dei diritti in azienda.“Un team diversificato, ma allo stesso tempo bilanciato e soprattutto ben gestito può rappresentare un enorme vantaggio per un’azienda – ha commentato Sofia Cortesi, Chief Financial Officer di Hays Italia -. Può incoraggiare la nascita e lo scambio di nuove idee tra colleghi e clienti, favorendo una più ampia visione del business. Un ambiente di lavoro inclusivo, inoltre, può aumentare la coesione del gruppo e la lealtà nei confronti dell’azienda, migliorando la produttività e le performance dell’intera organizzazione”.
I metodi di assunzione sono il primo strumento per favorire la diversity in azienda e, già a partire dalla prima scrematura dei CV, ci sono molti accorgimenti da osservare per migliorare il processo di selezione delle risorse. Spesso datori di lavoro e responsabili HR, ad esempio, valutano i candidati in base al loro curriculum, scartando risorse di talento a causa di periodi di inattività nel loro percorso professionale. Questo può costituire un particolare svantaggio, ad esempio, per coloro – in gran parte donne – che hanno scelto di staccarsi temporaneamente del lavoro per prendersi cura di figli o familiari. Supportare il rientro nel mondo del lavoro di questi professionisti, invece, è fondamentale per tutte le aziende che desiderano reclutare e fidelizzare risorse di talento.Molte aziende ricorrono già al cosiddetto “blind CV”, in cui informazioni quali età, genere e provenienza del candidato vengono omesse per evitare che pregiudizi inconsci influenzino la fase di scrematura. Impostare un processo di selezione focalizzato principalmente sulla valutazione delle competenze è utile per verificare soft skill fondamentali quali capacità comunicative, intelligenza emotiva, attitudine al problem solving e motivazione personale. Inoltre, è indispensabile che, anche in fase di colloquio, si mantenga un approccio neutrale per mitigare qualsiasi possibile pregiudizio nella selezione.
Se un’azienda è realmente impegnata nel garantire politiche di inclusione, è opportuno che comunichi ai propri dipendenti le iniziative intraprese per creare un ambiente di lavoro rispettoso della diversità. Che si organizzino meeting periodici, che si invii una newsletter o che si compilino dei veri e propri “Diversity & Inclusion Report”, è indispensabile che lo staff sia informato in modo puntuale e trasparente sui progressi dell’azienda in questo frangente. Un’azienda che si dichiara inclusiva deve anche saper dimostrare di esserlo, in primis ai propri dipendenti.
Il lavoro flessibile è generalmente sinonimo di professioniste che vogliono conciliare carriera e famiglia, di un vantaggio che si guadagna dopo numerosi anni di lavoro nella stessa azienda o, infine, di un benefit facoltativo concesso dalle aziende. Per favorire l’inclusione, invece, il lavoro flessibile dovrebbe essere offerto, come opzione, a tutti i dipendenti già al momento dell’assunzione, così come andrebbero create delle politiche “family friendly” anziché “female friendly” per abbattere i pregiudizi. Conciliare famiglia e lavoro, ad esempio, non deve essere visto come un problema di genere, ma come un problema sociale a cui le aziende devono porre rimedio se desiderano fidelizzare i talenti. Il lavoro agile deve essere concepito come uno strumento per attirare e mantenere in azienda le risorse migliori, siano esse donne o uomini, madri o padri, professionisti junior o senior. Inoltre, la flessibilità lavorativa, fondamentale per la creazione di una forza lavoro realmente diversificata, deve essere incoraggiata e correttamente comunicata a partire dai vertici aziendali: i dipendenti devono essere costantemente informati sulle opportunità a loro disposizione.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Disturbi cardiaci, alti livelli di calcio coronarico nella mezza età si associano a un rischio più elevato

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Secondo uno studio appena pubblicato su Circulation: Cardiovascular Imaging, elevati livelli di calcio coronarico nella mezza età si associano ad anomalie strutturali miocardiche che, specie tra i neri, possono portare a un futuro scompenso di cuore. Il calcio presente nell’arteria coronaria (CAC) esprime l’accumulo di grassi, calcio e colesterolo nelle arterie del cuore ed è un importante fattore di rischio per le patologie cardiache, avendo un potere predittivo positivo e negativo rispettivamente tra il 20% e il 35% e di poco inferiore al 100%. Tant’è che lo screening CAC è stato aggiunto alle linee guida per la gestione del colesterolo dell’American Heart Association nel 2018 per migliorare ulteriormente la diagnosi precoce di cardiopatie. Allo studio, coordinato da Henrique Turin Moreira dell’Hospital das Clínicas de Ribeirão Preto presso l’Università di San Paolo in Brasile, hanno preso parte 2.449 persone (52% bianche, 57% donne), sottoposte a tomografia computerizzata per valutarne la salute vascolare anche tramite i punteggi CAC. Al 25mo anno di follow-up l’età media dei partecipanti era circa 50 anni, e il 72% di loro aveva un punteggio CAC pari a zero rispetto al 77% un decennio prima. «Abbiamo esaminato una coorte di adulti di mezza età perché questa è una finestra in cui possono essere riscontrate anomalie asintomatiche ma indicative di un rischio maggiore di disturbi cardiaci» spiega Moreira, che assieme ai colleghi ha scoperto che l’aumento dei punteggi CAC era correlato in modo indipendente all’età, al genere, all’etnia, alla pressione sistolica, al colesterolo totale, al diabete mellito, al fumo e all’uso di antipertensivi e ipolipemizzanti. «In termini di malattie cardiache e ictus i neri hanno già un rischio maggiore: il 60% degli uomini adulti e il 57% delle donne adulte hanno una qualche forma di malattia cardiovascolare, rispetto al 50% dei maschi bianchi e al 43% delle donne bianche» riprende l’autore. E conclude: «Dai nostri dati emerge che i punteggi CAC più elevati possono associarsi alla positività subclinica dei marcatori ecocardiografici di disfunzione ventricolare sistolica e diastolica, un aspetto che dovrà certamente essere approfondito da studi successivi». (Circ Cardiovasc Imaging. 2019. doi: 10.1161/CIRCIMAGING.119.009228 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31195818 By doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione Osservatorio Nomisma sui farmaci generici

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Roma Martedì, 2 luglio 2019 Ore 11 Sala Capitolare presso il Chiostro del Convento di S. Maria sopra Minerva. Piazza della Minerva, 38 convegno su tre rapporti sul tema del Sistema dei farmaci generici in Italia: “Scenari per una crescita sostenibile” (2015); “Spesa ospedaliera, effetti delle gare e sostenibilità” (2016); “La filiera manifatturiera: competitività, impatto e prospettive” (2017). Nel 2018, nell’ottica di proseguire questo fruttuoso lavoro di analisi, Nomisma ha istituito un osservatorio permanente sul sistema dei farmaci generici in Italia e il rapporto 2019 costituisce il compendio dei lavori realizzati negli anni precedenti, aggiornando tutti i principali indicatori per rispondere all’esigenza di cogliere le principali dinamiche del sistema dei farmaci generici nel suo complesso.Il convegno sarà l’occasione per presentare i principali profili emersi dall’osservatorio e porre in discussione soluzioni e proposte di sviluppo di un settore in continua crescita e fondamentale per la salute dei cittadini e per il sistema industriale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore colon-retto

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

In Italia, ogni anno, più di 10mila pazienti scoprono di essere colpiti da tumore del colon-retto già in fase avanzata. La chemioterapia, in questo stadio, rappresenta la prima opzione, ma lo stigma che la circonda continua a essere molto forte. Il 64% dei pazienti colpiti da tumore del colon-retto ritiene che la chemioterapia faccia ancora paura. E solo il 37% è consapevole che questa arma è efficace anche nella malattia avanzata. Ma vi è un grande interesse per l’innovazione nella lotta contro il cancro: il 76% infatti è convinto che le terapie orali possano facilitare l’adesione ai trattamenti. Opinione condivisa anche dal 72% degli oncologi, che affermano in maggioranza (63%) che questa modalità di assunzione possa migliorare la qualità di vita dei malati. Sono i principali risultati di due sondaggi condotti su circa 200 pazienti con cancro del colon-retto e più di 250 oncologi, presentati oggi al Senato (Sala Caduti di Nassiriya).
I due sondaggi sono parte di un progetto promosso da Fondazione AIOM e realizzato con il contributo non condizionante di Servier, che include un opuscolo informativo destinato ai pazienti e distribuito in tutte le Oncologie e una sezione dedicata nel sito di Fondazione AIOM (www.fondazioneaiom.it). “Nel nostro Paese, nel 2018, sono stati stimati 51.300 nuovi casi di tumore del colon-retto, la seconda neoplasia più frequente dopo quella della mammella – afferma Fabrizio Nicolis, Presidente di Fondazione AIOM -. L’utilizzo di farmaci oncologici per via orale, che ha mostrato una rapida crescita negli ultimi anni, è legato a un incremento dell’aderenza al trattamento. I pazienti mostrano una netta preferenza per questo tipo di somministrazione, perché permette loro di non modificare in maniera sostanziale le abitudini quotidiane”. “La terapia oncologica orale, infatti, consente di realizzare gran parte del percorso di cura al domicilio, con una riduzione notevole della frequenza e della durata degli accessi in ospedale e un vantaggio significativo anche dal punto di vista psicologico – sottolinea Gaetano Lanzetta per Fondazione AIOM -. Maggior aderenza significa infatti miglior cura del tumore, minori complicanze associate alla neoplasia e maggiore efficacia dei trattamenti. Ne consegue un importante miglioramento dei risultati clinici e della qualità di vita”.
“Il tumore del colon-retto insorge, in oltre il 90% dei casi, a partire da lesioni precancerose che subiscono una trasformazione neoplastica maligna – spiega Daniele Santini, Ordinario di Oncologia Medica all’Università Campus-Biomedico di Roma -. Tra i fattori di rischio rientrano gli stili di vita scorretti, in particolare sedentarietà, fumo di sigaretta, sovrappeso, obesità, consumo di farine e zuccheri raffinati, carni rosse ed insaccati e ridotta assunzione di fibre vegetali. Gli stili di vita sani devono essere rispettati anche dopo la diagnosi, sia per prevenire l’insorgenza di recidive che per migliorare l’efficacia dei trattamenti. Dal sondaggio emerge che il 32% dei pazienti, al momento della diagnosi, era fumatore e il 54% in sovrappeso, ma preoccupa che solo il 56% abbia adottato uno stile di vita sano dopo la scoperta della malattia”. Senza dimenticare la prevenzione secondaria, cioè i programmi di screening. “Il 91% degli oncologi ritiene che il test per la ricerca del sangue occulto fecale, offerto gratuitamente dal Servizio Sanitario Nazionale a tutti i cittadini fra i 50 e i 69 anni, debba essere esteso fino a 74 anni – continua Nicolis -.
In Italia vivono circa 471mila persone dopo la diagnosi di tumore del colon-retto. La sopravvivenza registra un aumento costante, con incremento percentuale e valori sovrapponibili in entrambi i generi: negli uomini si passa da un tasso pari al 50% a 5 anni nei primi anni ’90, per arrivare al 65% registrato nel 2005-2009, mentre nelle donne l’aumento è stato dal 52% al 65%.
In 12 mesi, in Italia, il tumore del colon-retto ha fatto registrare un calo significativo di 1.700 nuove diagnosi: erano 53.000 nel 2017, 51.300 nel 2018. “In più di un decennio, dal 2003 al 2014, l’incidenza di questa neoplasia risulta diminuita – concludono Fabrizio Nicolis e Gaetano Lanzetta -. Tuttavia, i tassi sono aumentati nel Sud e nelle Isole, sia fra gli uomini che nelle donne. Le cause vanno ricondotte alla diffusione, in queste aree, del sovrappeso e dell’obesità, al progressivo abbandono della dieta mediterranea e al ritardo nell’avvio dei programmi di screening. Le campagne di sensibilizzazione devono andare proprio in questa direzione”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Game over e le Stagioni di Marcello Carini

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Palermo 2 luglio alle 21 al teatro Savio in via Evangelista Di Blasi 102. Il coreografo Marcello Carini e la Ensembre Company portano in scena la nuova creazione “Game over” e – a grande richiesta – la replica di “Le stagioni”. Un doppio spettacolo, per raccontare la nostra vita e fare emergere da noi stessi il senso della verità, quasi un percorso per il publico d’introspezione. Il pubblico potrà vedere due spettacoli dove teatro e danza, lo condurranno in un’atmosfera surreale.Così “Game over” è il risultato del periodo di residenza artistica di Marcello Carini al Tyrone Guthrie Annaghmakerrig di Monaghan in Irlanda. Si parte dalla necessità di protezione dell’uomo, resa in scena con la metafora di un ombrello, che crea come uno scudo di protezione per non affrontare la verità.Non una storia lineare, ma i racconti dei personaggi e i fotogrammi coreografici creano suggetioni per spunti di riflessioni.«L’esperienza in Irlanda – dice Marcello Carini parlando di “Game over” – ha contribuito a fare emergere la mia verità artistica. Per “Game over” ci sono volute tre stesure, prima di creare il risultato definitivo perché durante la residenza le emozioni e le suggestioni che provato sono state particolari ed amplificate ed ho cercato il più possibile di descriverle in maniera onesta. Lavorare sulle proprie sensazioni è veramente qualcosa di particolare».
La serata continua con “Le stagioni”, un viaggio all’interno delle quattro stagioni e come queste possono essere vissute e percepite nelle diverse parti del mondo. Protagonisti sono quattro viaggiatori e quattro fate delle stagioni, che accompagnano i ricordi di inverno, primavera, estate e autunno.L’ingresso è a inviti che si possono ritirare alla Ensemble Company in via Bara all’Olivella 70 a Palermo.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Personale di Ester Grossi

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Bologna fino a Venerdì 28/06/2019 via D’Azeglio 50 Personale di Ester Grossi. Ester Grossi è un’artista con la quale Spazio Testoni collabora da diversi anni e insieme hanno condiviso un percorso che è stato scandito da passaggi importanti della sua espressività pittorica: dalla raffigurazione enigmatica di volti e ambientazioni magiche e surreali a ricerche storico-antropologiche sulla sua terra di origine: il Fucino abruzzese, arrivando poi ad una quasi astrazione indagando la cromaticità della luce con il progetto Lumen. Il suo inconfondibile uso del colore l’ha resa protagonista nei wall painting in dialogo con le opere dell’artista tedesca Ingeborg zu Schleswig-Holstein. Le sue ultime opere uniscono le sue capacità grafiche a quelle pittoriche generando icone che pongono l’osservatore di fronte alla sfida che Ester Grossi pone ora a se stessa: la ricerca della perfezione nell’ESSENZIALE.
Ester Grossi è nata nel 1981 ad Avezzano (AQ), Italia.Dopo gli studi in Moda, Design e Arredamento, ha conseguito la laurea in Televisione, Cinema e Produzione Multimediale presso l’Università di Bologna, dove vive e lavora come pittrice. Ha collaborato con festival internazionali di cinema e teatro, etichette musicali e designer italiani ed ha all’attivo mostre in Italia e all’estero. Collabora frequentemente con musicisti e video artisti per progetti multidisciplinari. Orari: da martedì a venerdì 16,00 | 20,00 – sabato 10,30 | 13,00 e 16,00 | 20,00 domenica, lunedì e altri orari su appuntamento.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Aumento stipendi a rischio per colpa dei sindacati

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Il Governo è pronto da aprile, a seguito dell’accordo, ad incrementare la retribuzione di un milione di insegnanti ed Ata, ma i ritardi nella definizione del contratto quadro sulla rappresentatività e le nuove risorse che devono essere approntate per evitare la procedura d’infrazione dell’Europa potrebbero far saltare tutto: diventa a rischio persino l’indennità di vacanza contrattuale riattivata dalla Legge 145/2018, se confermate le stime della crescita zero del Pil. Unica soluzione, siglare il CCNQ su aree, comparti e rappresentanza mercoledì prossimo – 26 giugno – per firmare il CCNL 2019/2021 in estate prima della prossima legge di stabilità? La stessa sorte potrebbe accadere agli altri 2 milioni di dipendenti pubblici. Ma le confederazioni rappresentative firmeranno, perché senza la certificazione della nuova rappresentatività non si possono firmare i contratti di settore e fino ad oggi, per paura di far sedere Anief ai tavoli, in Aran si è perso soltanto tempo, con opposizioni strumentali, al punto che la vicenda potrebbe finire in tribunale. Anief ha diffidato tutte le confederazioni presenti al tavolo affinché venga firmato il Ccnq.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Salvini convocherà i sindacati entro luglio, Anief vuole esserci

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

“Entro luglio inviterò i sindacati al Viminale, con altri rappresentanti del lavoro, del commercio, dell’impresa e dell’agricoltura per confrontarci e ragionare insieme sulla prossima manovra economica”, ha detto il vicepremier Matteo Salvini, annunciando anche che ai sindacati presenterà la “proposta sull’autonomia che finalmente porterà merito e responsabilità anche ai politici del Sud. Sono sicuro che in un anno questo governo abbia fatto di più rispetto ai governi di sinistra che ci hanno preceduto per lavoratori e precari. Con la flat tax per famiglie, lavoratori e imprese faremo ancora di più”, ha concluso il vicepremier. Anief replica sin d’ora a Matteo Salvini, sostenendo che il lavoro realizzato dal Governo per i precari è al di sotto di quello necessario: nella scuola, ad esempio, mentre si sta andando incontro al record di supplenze annuali, si punta su procedure concorsuali non risolutive, con due terzi dei supplenti storici che non verranno comunque assunti in ruolo, oltre che lente, mentre servono soluzioni immediate. Queste soluzioni, inoltre, vanno ad escludere un’ampia fetta degli attuali precari che permettono quotidianamente di sopperire ai larghi vuoti di docenti e Ata titolari, sempre a causa dell’inettitudine di chi gestisce le sorti dell’Istruzione e che continua ad opporsi strenuamente alla riapertura delle GaE e del doppio canale di reclutamento con utilizzo, all’occorrenza, delle graduatorie d’Istituto anche ai fini del reclutamento.
Per non parlare del personale Ata, sempre più dimenticato, per il quale si continuano a ravvisare organici tagliati, stipendi vicini alla soglia di povertà, mancate attivazioni di profili professionali superiori, come quella dei coordinatori di ogni profilo, anche laddove sono previsti per legge, oltre che l’opposizione all’avvio di concorsi riservati, a partire da quelli per gli amministrativi facenti funzione Dsga. In generale, preoccupa molto il mancato rilancio del comparto dell’Istruzione, per il quale si prevede addirittura un taglio progressivo di investimenti pubblici nel Documento di economia e finanza, con la spesa per il settore in calo continuo – dal 3,9% del 2010 al 3,1% – fino al 2040. “Se il vicepremier e ministro del Lavoro ci convocherà come annunciato – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief –, saremo prontissimi a indicare quali sono le priorità da affrontare nel mondo della Scuola, spiegandogli perché l’accordo del 24 di Palazzo Chigi è tutt’altro che risolutivo. Lo abbiamo fatto di recente con il ministero dell’Istruzione, al quale abbiamo inviato una serie di proposte, come quella di risollevare per davvero gli stipendi senza oneri per lo Stato”. “Sinora, però, non abbiamo avuto risposte. E siccome il nuovo anno scolastico è alle porte – conclude Pacifico -, presto i nodi verranno al pettine, sotto forma di mancata copertura di decine di migliaia di posti, niente continuità didattica e scuole nel caos, con i dirigenti scolastici costretti a compiere acrobazie di ogni genere per tamponare situazioni sempre più difficili”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chimera Comix: Arezzo è pronta a giocare

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Arezzo sabato 29 e domenica 30 giugno trasforma Arezzo nella capitale del divertimento. Fumetti, games, giochi da tavolo, cosplay, eventi fantasy, per due giorni il Prato e la Fortezza della città toscana sono lo strepitoso palcoscenico per un programma fitto di spettacoli, concerti, eventi ludici, concorsi e proposte culturali.
Organizzato dall’Associazione Mystara in collaborazione con la Fondazione Arezzo Intour e la CNA di Arezzo e grazie alla Fondazione Guido d’Arezzo che ha concesso gli spazi, il festival offre la possibilità di immergersi in un mondo pieno di magia dove la dimensione del “gioco” è la sola protagonista.Il bellissimo Prato che domina la città e che, con la sua Fortezza, si offre come suggestivo teatro per il festival, sarà pacificamente invaso da un universo di colori e suggestioni.
Qui sarà allestita l’area comics dove fumettisti, editori e autori indipendenti possono mettere in mostra i loro lavori e dove saranno organizzati contest a tema per gli illustratori.Giochi di carte collezionabili, giochi da tavolo, Dungeons & Dragons, wargames, saranno protagonisti dell’area games con tante associazioni del settore pronte a coinvolgere i visitatori.Qui verrà messo in mostra Thanos costruito da Prizmatec Cosplay e in alcuni momenti della due giorni sarà possibile osservarlo in azione così come scoprire un’armatura che raffigura un ultramarine del gioco di ruolo da tavolo con miniature Warhammer 40.000.Immancabili le console PS4 e le postazioni Gaming PC, che nell’area videogames saranno a disposizione del pubblico che potrà provare nuovi videogiochi e sfidarsi in tornei a premi dedicati a Fortnite, Fifa 19, League Of Legends.Spazio anche a “Chimera Comix Bricks” con un’esposizione di opere realizzate in mattoncini a cura dell’associazione Brickpatici, possibilità di gioco libero da 0 a 99 anni e acquisto di mattoncini a peso e set.Prevista anche l’area dedicata ai Live War Games, dove squadre di sfidanti potranno misurarsi nel Paintball, nell’Archery Games, nel Softair e nel Lasertag.
Nell’area “Live Action Role Play”, si potrà giocare con tornei d’arme e avventure fantasy.
Spazio anche al genere Horror con un’area che si ispira ai classici “Vicoli della Paura”, dove il Chimera Comix presenterà il percorso survival zombie.Nell’area live gli amanti del Cosplay potranno sfidarsi in una doppia gara: la prima è in programma sabato 29 alle ore 16.00, la seconda domenica 30 alle ore 15.30Quindi, alle ore 22.00, il palcoscenico passerà alla musica: con più di 25 anni di carriera, oltre 2.000 concerti, 18 album pubblicati, 4.623.079 di visualizzazioni su YouTube, più di 300.000 fan su Facebook saranno i Gem Boy a far ballare il pubblico la sera del 29 giugno, mentre domenica 30 giugno il gran finale è affidato ai PanPers che presentano lo spettacolo “Non Facciamo Tardi”.Il Chimera Comix dedicherà uno spazio speciale a STAR WARS, la celeberrima saga ideata da George Lucas, al mondo magico di HARRY POTTER, MARVEL, THE Walking Dead, Vikings e Game of Thrones.In omaggio ad Arezzo e alla sua importantissima storia non mancheranno momenti di rievocazione storica con comparse vestite in abiti medievali e rinascimentali, giocolieri, giullari e mangiafuoco.Durante la due giorni sarà parcheggiata in fiera una replica della DeLorean di “Doc” Brown del film “Ritorno al Futuro”, messa a disposizione da DeLoreanXEventi.Il festival accoglierà i suoi visitatori con uno strepitoso stand dedicato all’enogastronomia dove sarà possibile assaggiare i prodotti tipici del territorio. Orario: sabato 29 giugno dalle ore 11.00 alle ore 24.00; domenica 30 giugno dalle ore 10.00 alle ore 21.30.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La casa degli affreschi è ora visitabile

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Ossana (TN) La Casa degli Affreschi di Ossana, piccolo scrigno d’arte e di storia in Val di Sole, è oggi visitabile con un’inedita modalità di fruizione, nonostante le sue stanze rimangano inaccessibili a causa del cattivo stato di conservazione dell’edificio. A renderlo possibile un’installazione multimediale e interattiva promossa dal Comune di Ossana, che ha trovato il sostegno di FAI – Fondo Ambiente Italiano e Intesa Sanpaolo, nell’ambito dell’ottava edizione del censimento “I Luoghi del Cuore”, e di un’importante rete di partner territoriali, quali la Soprintendenza per i Beni culturali della Provincia Autonoma di Trento, l’Azienda per il turismo delle Valli di Sole, Peio e Rabbi, Funivie Folgarida Marilleva spa e il Consorzio BIM dell’Adige.Per il visitatore, lo studioso e l’appassionato la Casa degli Affreschi rappresenta un unicum nella storia dell’arte della Val di Sole e dell’intera regione. Un tesoro storico e artistico quattrocentesco i cui segreti non sono stati ancora completamente svelati e che per secoli sono stati celati dietro gli strati d’intonaco e i rivestimenti lignei delle stanze, finché nell’estate del 2000 le decorazioni murali sono state riscoperte e rimesse in luce rivelando raffigurazioni a soggetto religioso e profano: figure allegoriche delle Virtù cardinali e teologali, teorie di Santi e scene di caccia e di vita cortese. Da allora l’amministrazione comunale di Ossana, che nel 2003 acquistò l’immobile, si è impegnata da un lato nella valorizzazione del bene, promuovendone la conoscenza, e dall’altro nella ricerca dei fondi necessari per poter concretizzare un progetto di recupero e di restauro. E proprio queste finalità hanno stimolato la partecipazione a “I Luoghi del Cuore”, il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare promosso da FAI e Intesa Sanpaolo, che ha saputo appassionare e coinvolgere centinaia di cittadini della valle e turisti riuscendo a rendere nel 2016 la Casa degli Affreschi, con 3.167 voti, il sito il più amato della Regione Trentino-Alto Adige. Ideato e realizzato dall’agenzia di comunicazione Nitida Immagine srl di Cles, in Val di Non, il sistema multimediale “Il mistero svelato: alla scoperta della Casa degli Affreschi” è collocato nelle sale del vicino Castel San Michele e consente al visitatore di percorrere gli ambienti della dimora, scoprirne i pregevoli affreschi risalenti al XV secolo, oltre che ottenere informazioni sul piccolo borgo dell’alta Val di Sole, sulle sue bellezze, sulla sua storia e sui personaggi illustri che ha ospitato.Plaudono all’iniziativa i rappresentanti del FAI sul territorio trentino. In particolare la presidente regionale FAI Trentino Giovanna degli Avancini, oltre a ricordare il valore storico e artistico della casa, evidenzia anche l’importanza del censimento “I Luoghi del Cuore”. Il successo di questa iniziativa sta proprio nella sua capacità di stimolare la partecipazione attiva della cittadinanza nella tutela e nella valorizzazione dei propri “Luoghi del Cuore”. E questo è un valore straordinario perché così nella collettività cresce la consapevolezza del nostro passato e di quanto sia necessario impegnarsi per offrire un futuro a tanti siti legati alla nostra identità e alla nostra memoria».
Leonardo Debiasi, capo delegazione FAI di Trento, ricorda come «l’inaugurazione a Ossana rappresenti una grande soddisfazione per i volontari del Fondo Ambiente Italiano, per l’intera Val di Sole e per tutti coloro che hanno a cuore l’arte e la storia del Trentino». Presenti, oltre al dirigente della Soprintendenza per i Beni Culturali della Provincia Autonoma di Trento Franco Marzatico, al direttore dell’Apt delle Valli di Sole, Peio e Rabbi Fabio Sacco e al direttore della filiale Intesa Sanpaolo di Fondo Walter Cattani, anche Patrizia Ballardini, amministratore delegato di Funivie Folgarida Marilleva spa, e Michele Bontempelli, presidente di vallata del Consorzio BIM dell’Adige.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CartOrange: realizza itinerari su misura

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Quando vogliono andare in vacanza, e in particolare progettare un viaggio “importante” e strutturato, gli italiani si affidano sempre di più ai consulenti di viaggio: figure chiave della ripresa del settore turistico, che uniscono un’elevata componente di servizio (offrono le loro consulenze a domicilio) a competenze di alto livello e a un uso “smart” della tecnologia per progettare itinerari su misura, personalizzati con esperienze attentamente selezionate.Lo confermano i dati 2018 di CartOrange, l’azienda che per prima in Italia ha scommesso sui consulenti di viaggio nel 1998 e da allora è cresciuta costantemente. In particolare, CartOrange ha chiuso il 2018 con un incremento del giro d’affari del +19% (+15% per il settore nozze). Solo negli ultimi 5 anni CartOrange è cresciuta del 90%.«Al secondo anno del nostro piano industriale, siamo perfettamente in linea con gli obiettivi che ci eravamo dati – commenta l’amministratore delegato di CartOrange Gianpaolo Romano –. Osserviamo una crescita generalizzata per tutti i consulenti in rete, che ottengono sempre più richieste qualificate dal mercato. Da un’indagine CartOrange condotta da Doxa risulta infatti che l’85% dei nostri clienti richiede un servizio completo di consulenza, affidandosi quindi al consulente per ogni aspetto della pianificazione del viaggio, non solo per le prenotazioni. Ed è bassissima la percentuale di clienti che, dopo la consulenza, non finalizzano l’acquisto. Un altro dato di cui possiamo andare orgogliosi è l’apprezzamento che i clienti dimostrano per il nostro servizio: dal servizio di certificazioni delle recensionifeedaty.com, risulta che su 7mila recensioni, il 99,2% è positivo e l’81% valuta il servizio CartOrange 5 stelle su 5». A riprova che la figura del consulente di viaggio è sempre più familiare agli italiani ci sono anche i numeri dell’ultimo rapporto dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano: più di 1 turista su 2 conosce i consulenti di viaggio e il 12% si è già rivolto a uno di loro.Altro progetto presentato da Romano è stato #CARTORANGE4PLANET, con cui l’azienda si impegna a compensare le emissioni inquinanti dei voli aerei dei propri clienti: per ogni viaggio viene piantato un albero di cacao da agricoltura sostenibile in Camerun e se ne può seguire la crescita via web attraverso la piattaforma Treedom. L’iniziativa è partita dai clienti che acquistano viaggi del tour operator CartOrange, ma in futuro potrà estendersi anche ai viaggi di altri tour operator venduti dai consulenti.Come sempre, il momento culminante della convention è stato quello del premio al miglior consulente d’Italia: per il 2018 è andato ad Alessandra Tagliabue. Milanese, 42 anni, dopo una lunga carriera come graphic designer da qualche anno ha deciso di fare a tempo pieno la Consulente per Viaggiare: oggi è arrivata ai massimi livelli grazie al supporto di CartOrange, alla sua passione e al suo impegno nell’aggiornamento professionale continuo.
CartOrange – Viaggi su misura (www.cartorange.com) è la più grande azienda di Consulenti per Viaggiare®, attiva in Italia dal 1998 con 450 Consulenti e svariate filiali sul territorio nazionale. Un servizio personalizzato per proporre viaggi su misura unici e ricchi di esperienze, alla scoperta dei luoghi più belli del pianeta.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce la piattaforma digitale per migliorare il business degli agenti di viaggio

Posted by fidest press agency su martedì, 25 giugno 2019

Torino mercoledì 26 giugno alle ore 11.30 Presso Eataly, Sala Punt & Mes Via Nizza 230. Intervengono:Francesco Adamo Professore Emerito Università del Piemonte Orientale, Fulvio Avataneo Presidente Associazione Italiana Agenti di Viaggio, Davide Padroni Responsabile CNA Turismo e Commercio del Piemonte, Angelo Bianco Responsabile accordi direzionali Gruppo Dylog Italia Spa. Modera Barbara Odetto. Dal 2015 il settore turistico e le agenzie di viaggio sono stati oggetto di analisi da parte di Geoprogress onlus presso Università degli Studi del Piemonte Orientale. L’indagine ha evidenziato che queste sono sempre meno performanti perché c’è un forte sbilanciamento tra back office e front office. Le agenzie, infatti, hanno meno personale e più incombenze di carattere fiscale, legislativo e contrattuale.L’Università degli Studi del Piemonte Orientale ha sottoposto i risultati dell’indagine all’Associazione Italiana Agenti di Viaggio AIAV che ha individuato la necessità di creare una piattaforma per supportare gli operatori del settore sia attraverso corsi di formazione sia pubblicando la legislazione pertinente o altre informazioni utili. AIAV ha quindi coinvolto il Centro Studi sul Turismo di CNA Piemonte, il Politecnico di Torino e la Dylog, società leader in ambito di servizi e soluzioni software, che hanno sviluppato un portale per facilitare il lavoro delle agenzie di viaggio.Per la parte formativa della piattaforma sono stati coinvolti fiscalisti, esperti di marketing, avvocati e specialisti in ambito turistico così da fornire un know-how mirato agli interessati. Il portale garantirà infine una banca dati costantemente aggiornata dal punto di vista fiscale e legale. Grazie ad esso, quindi, gli agenti di viaggio potranno tornare a dedicarsi concretamente al business.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »