Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 338

UE, le cariche proposte dal Consiglio, insediamento dell’Europarlamento

Posted by fidest press agency su venerdì, 5 luglio 2019

Nel Consiglio europeo straordinario del 30 giugno-2 luglio a Bruxelles i leader europei hanno trovato un accordo sulle nomine delle massime cariche dell’UE. Nel frattempo anche l’Europarlamento riunito nella sua prima sessione plenaria che si è svolta dal 2 al 4 luglio ha previsto l’insedimento con la presentazione dei gruppi e le elezione delle massime cariche (Presidenza, vicepresidenza, questori). Per l’Italia la Presidenza dell’Europarlamento è stata affidata a David Sassoli, PD, candidato del gruppo socialista UE.
Charles Michel, ex primo ministro belga, liberale, è eletto presidente del Consiglio europeo per il periodo dal 1º dicembre 2019 al 31 maggio 2022. Il suo mandato, di due anni e mezzo, è rinnovabile una volta. Michel è nominato anche presidente del Vertice Euro per un mandato della stessa durata.Ursula von der Leyen, ministra della Difesa tedesca, vicinissima alla Merkel, è stata proposta quale candidata alla presidenza della Commissione europea. La candidata dovrà essere eletta dal Parlamento europeo a maggioranza dei membri che lo compongono nella prossima sessione plenaria prevista per metà luglio. Il Consiglio europeo ha inoltre preso atto dell’intenzione di Ursula von der Leyen di nominare Frans Timmermans e Margrethe Vestager quali vicepresidenti della Commissione di più alto grado. “Se verrà eletta, sarà la prima donna a guidare la Commissione europea” ha sottolineato il Presidente Donald Tusk in chiusura del Consiglio.
Un’altra donna, francese, Christine Lagarde, attuale direttrice del Fondo Monetario Internazionale è stata proposta per sostituire Mario Draghi alla Presidenza della Banca Centrale Europea. La nomina verrà formalizzata previa consultazione del Parlamento europeo e del consiglio direttivo della BCE.È stato inoltre nominato Josep Borell Fontelles, ministro degli esteri spagnolo ed ex presidente del Parlamento europeo, come candidato al posto di alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza. La nomina formale necessita dell’accordo della neoeletta presidente della Commissione. Il Presidente Tusk si è congratulato con il Consiglio per aver concordato l’intero pacchetto prima della seduta inaugurale del Parlamento europeo (alle scorsa legislatura il processo aveva preso 3 mesi) e per l’equilibrio di genere – due donne e due uomini per le quattro cariche principali.Presidente della Commissione, alto rappresentante e gli altri membri della Commissione saranno soggetti, collettivamente, ad un voto di approvazione del Parlamento europeo, prima della nomina formale da parte del Consiglio europeo. Il loro mandato sarà di 5 anni dalla fine del mandato dell’attuale Commissione fino al 31 ottobre 2024.Europarlamento, la Presidenza a Sassoli. Nella seduta del 3 luglio l’Europarlamento ha eletto Presidente l’italiano David Sassoli, candidato ufficiale del gruppo socialista con 345 voti al secondo scrutinio. Sassoli, 63 ann, giornalista, anche televisivo (conduttore, inviato e Vicedirettore TG1), ex vicepresidente dell’Europarlamento sotto la Presidenza Tajani, è stato rieletto nelle liste del Partito Democratico (gruppo S&D) nel maggio 2019. Eletto per un mandato di due anni e mezzo (metà legislatura), rinnovabile, guiderà il Parlamento almeno fino a gennaio 2022.
Il Parlamento nella sua prima seduta plenaria che si è svolta dal 2 al 4 luglio a Strasburgo si è costituito  in 7 gruppi politici (erano 8 nella precedente legislatura) oltre ai “non iscritti” in numero di 57.
Si ricorda che un gruppo politico deve essere composto da almeno 25 deputati europei eletti in almeno in quarto degli Stati membri (ossia almeno 7). I negoziati per la costituzione dei gruppi politici sono iniziati a valle delle elezioni, il 27 maggio: la composizione doveva essere notificata entro il 1° luglio per essere riconosciuti dal 2 luglio, anche se un gruppo politico può essere creato in ogni momento nel corso della legislatura. Con la costituzione di un gruppo, i deputati accettano per definizione di avere affinità politica. I gruppi politici, tranne quello dei non iscritti, hanno un ruolo importante nel definire l’agenda del Parlamento, hanno più tempo per parlare durante i dibattiti e contano su uffici, tecnici e fondi per il loro lavoro. Dei cinque partiti italiani che hanno eletto i loro rappresentanti all’Europarlamento, il M5S non fa parte di nessun gruppo non avendo trovato alcun accordo, il Partito democratico fa parte dei Socialisti, la Lega di Identità e democrazia, Forza Italia è nel Ppe e Fratelli d’Italia nell’Ecr. La Lega, all’interno del gruppo Identità e democrazia, 73 membri ha Matteo Zanni, eurodeputato leghista come presidente. Il movimento dei 5S al momento appare fra i non iscritti (53 membri). Il M5S ha tuttavia espresso un Vicepresidente dell’Europarlamento, Fabio Massimo Castaldo che già nella precedente legislatura aveva ricoperto la stessa carica ottenendo più voti della candidata della Lega per il Gruppo politico Identità e democrazia Mara Bizzotto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: