Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Giulio Giorello e Giuseppe Sabella: Società aperta e lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 11 luglio 2019

La seconda globalizzazione sta attraversando un momento di cambiamento profondo: l’impatto dell’intelligenza artificiale, i fenomeni migratori, le nuove leadership politiche, la crisi non solo economica ma anche ambientale. Nella confusione che attraversa la politica – tentata dal fascino sovranista e dalle sue chiusure – il ruolo della rappresentanza sociale è fondamentale proprio per la centralità del lavoro nei processi di trasformazione che caratterizzano la società aperta. Così Karl Popper chiamava quell’orizzonte che nella storia d’Europa vive di valori che oggi hanno bisogno di essere riaffermati quali, per esempio, la competenza, l’innovazione, la giustizia sociale, il pluralismo, la pratica del dissenso, il ruolo della ricerca scientifica, la laicità e, naturalmente, la libertà delle donne e degli uomini.La rappresentanza del lavoro sembra più in grado della politica di non cedere alla riduzione della complessità: imprese e lavoratori sono i soggetti che direttamente vivono da anni le sfide della globalizzazione e la trasformazione della produzione.
Se non si presta la giusta attenzione, oggi, all’impatto dell’intelligenza artificiale sul lavoro e sulle persone, rischia invece di essere il contrario, ovvero l’uomo per la fabbrica.Imprese e lavoratori saranno in grado di affrontare la trasformazione soltanto camminando insieme verso il futuro. Ed è proprio il loro percorso comune che può condurre la società intera a un nuovo modello di sviluppo.L’uomo non prevede il futuro, ma lo può percepire. E la nostra capacità di percepire il futuro, anche se non è garanzia di successo, è fondamentale per provare a governarlo. Tuttavia, la rappresentanza sociale – se vuole arginare il potere del capitale – ha bisogno di crescere la sua dimensione internazionale: il sindacalismo avrà un futuro vivace soltanto se rafforzerà l’organizzazione delle reti sindacali globali.
Giulio Giorello, docente di Filosofia della Scienza presso l’Università degli Studi di Milano. È stato Presidente della SILFS (Società Italiana di Logica e Filosofi a della Scienza). Ha vinto la IV edizione del Premio Nazionale Frascati Filosofi a 2012. Dirige, presso l’editore Raffaello Cortina di Milano, la collana Scienza e idee e collabora alle pagine culturali del Corriere della Sera.
Giuseppe Sabella, direttore esecutivo di Think-industry 4.0, think tank specializzato in lavoro e welfare. Ha collaborato e collabora con diverse testate tra cui Il Sole 24Ore, il Sussidiario e Start Magazine. È spesso ospite del TGCom24 in veste di commentatore economico ed è autore di diversi saggi sui temi dell’industria e del lavoro. Per Cantagalli dirige la collana Nova industria. Edizioni Cantagalli 2019 pp. 96 euro 12

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: