Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Epilobio: una pianta per i disturbi prostatici

Posted by fidest press agency su martedì, 16 luglio 2019

Erbe annue o perenni, le piante appartenenti al genere Epilobium sono più di 100. Tra queste, la specie più studiata ed utilizzata è l’angustifolium che presenta interessanti proprietà contro IPB e un interessante corredo di flavonoidi. Infatti, i flavonoidi sembrano I responsabili delle attività antiossidante, anti-proliferativa, anti-infiammatoria, antibatterica ed anti-aging della pianta.
Conosciuta anche con il nome di camenèrio, epilobio a foglie strette o garofanino di montagna, il genere è diffuso in tutte le latitudini temperate e fredde di entrambi gli emisferi. Tra gli usi tradizionali, particolari sono quelli della medicina popolare siberiana, dove l’infuso fino al XIX secolo era la bevanda più consumata dalla popolazione. Curioso è il trattamento che veniva riservato alle foglie prima di essere infuse. Una volte raccolte, si lasciavano appassire, quindi si sminuzzavano e si lasciavano riposare per alcuni giorni in ambiente riscaldato. Questo dava origine a processi fermentativi che in un secondo momento venivano interrotti dall’essiccazione delle foglie.La tisana risultante, veniva impiegata per il trattamento di patologie infiammatorie del tratto gastro-intestinale e per coadiuvare il riposo notturno. Recenti studi scientifici hanno confermato le intuizioni di un’erborista austriaca: Maria Straben. Infatti, a metà del XX° secolo, in Austria si ipotizzava l’utilizzo dell’Epilobio per il trattamento di casi di prostatite. È il caso di uno studio apparso su Journal of Ethnopharmacology a Marzo, dove gli autori si interrogavano sull’utilità di un estratto di E. angustiolium per trattare i primi sintomi e stadi di ipertrofia prostatica benigna o infiammazione a uretra e prostata. In particolare, gli autori evidenziano nell’oenoteina B il metabolita responsabile dell’attività farmacologica della pianta. Lo studio in vivo ha dimostrato interessanti attività, correlata alla down-regulation dei livelli di androgeni, alla soppressione dell’espressione di NF-kB e alla riduzione della risposta infiammatoria.
Un precedente studio polacco aveva già suggerito l’importanza dell’effetto contro patologie che colpiscono la prostata, confrontando l’epilobio con la Serenoa repens. Anche in questo caso si tratta di uno studio in vivo, che però considerava ratti affetti da cancro prostatico ormone-dipendente. I risultati hanno indicato un possibile effetto delle piante (statisticamente equivalente ed interessante) nelle vie di segnale coinvolte nella crescita tumorale.In questo periodo estivo, non possiamo non citare lo studio di Kubala e Ruszova. Questo studio ha valutato in vitro l’effetto dell’estratto ei epilobio su fibroblasti ed in vivo l’azione fotoprotettrice. In particolare, si è osservato che dopo l’applicazione di epilobio la pelle era protetta dalla formazione di eritema dopo l’esposizione a raggi UV. In vitro, I fibroblasti se trattati con estratto di epilobio, non riducevano la loro proliferazione anche se colpiti da agenti soppressivi. (by Luca Guizzon Farmacista territoriale, esperto di fitoterapia Farmacia Campedello (VI) – fitoterapia33)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: