Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Scuola: Regionalizzazione, la partita non è chiusa

Posted by fidest press agency su lunedì, 22 luglio 2019

I Governatori di Lombardia e Veneto si dicono contrari all’accordo raggiunto in Consiglio dei Ministri perché non vogliono lasciare il personale della scuola allo Stato e la Scuola sotto l’egida dell’amministrazione centrale. Marcello Pacifico (Anief): Abbiamo fermato il loro vero obiettivo che era di prendersi le risorse destinate alle altre regioni con la scusa di una maggiore autonomia.La verità è che le scuole sono autonome per Costituzione e, fin quando saremo un Paese unito, l’interesse dello Stato sarà sempre superiore agli interessi di partito. Zaia e Fontana se ne facciano una ragione. Noi, come sindacato, in contrattazione decentrata ci opporremo a ogni barriera sulla mobilità di docenti e Ata tra i diversi territori di questa nostra bella Italia.La partita sulla regionalizzazione senza scuola non è affatto chiusa: i governatori del Lombardo-Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia, minacciano infatti di non firmare l’accordo raggiunto il 19 luglio in Consiglio dei Ministri, che lascerebbe sostanzialmente fuori l’istruzione pubblica dall’autonomia differenziata. Dopo aver contestato la ricostruzione del vertice legastellato del 19 luglio definita “cordiale”, si rivolgono al premier Giuseppe Conte: “Pensavamo fosse così autorevole da chiudere la partita e invece la prolunga senza fine”. Significa, quindi, che sul progetto di spezzettamento dei servizi pubblici nazionali, scuola compresa, i giochi non sono ancora fatti.
Ancora di più perché qualcosa sulla scuola la Lega sembra averla portata a casa: nella discussa intesa di ieri, raggiunta a Palazzo Chigi, sembra infatti che è stato comunque approvato l’assurdo vincolo di permanenza di cinque anni per le nuove assunzioni dei docenti. Inoltre, è vero che è stato soppresso l’articolo 12 del testo della ministra Erika Stefani che prevedeva l’assunzione diretta dei docenti su base regionale, come chiesto dalla Lega. Ma rimane in piedi l’idea dei ministri e parlamentari del Carroccio di trasformare i lavoratori della scuola in impiegati regionali, di assumerli con selezioni regionali e obbligarli a svolgere un orario di lavoro maggiorato che viene spacciato anche per aumento di stipendio. Il primo a non arrendersi è il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, fautore del motto ‘la scuola regionale si farà’. Non è da escludere che il tema possa essere ripreso la prossima settimana, forse già dopodomani, nel corso di un nuovo vertice con all’ordine del giorno i nodi delle risorse finanziarie e delle soprintendenze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: