Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Capitalismo e erosione dei sistemi democratici

Posted by fidest press agency su giovedì, 15 agosto 2019

Abbiamo sempre pensato che non ci fosse conflittualità tra il capitalismo ed i sistemi democratici entro i quali esprimono il loro agire, ma non è così. E’ che il capitalismo come oggi lo viviamo tende sempre di più a mostrare il volto negazionista o per lo meno insofferenza sugli elementi costitutivi degli stati nazionali fondati su precise premesse sociali, culturali e giuridiche. Questa discrasia tende a rimettere in discussione gli stessi elementi costitutivi dello Stato a partire dal territorio, la sovranità popolare e l’ordinamento giuridico. Ciò significa che i confini tendono a diventare permeabili ai flussi migratori, monetari e alle forme culturali più superficiali come le mode e i consumi attraverso la comunicazione globale. A ben considerare non sarebbe un male se il fine fosse quello di un’equa ripartizione delle risorse, per una drastica riduzione dei conflitti e nel dare una certa omogeneità attraverso la comunicazione globale alle forme più superficiali di cultura e soprattutto alla cultura dei consumi. Ma così non è, purtroppo. In questa fattispecie il popolo perderebbe la sua identità culturale dando vita a fenomeni di massa che limitano il senso della continuità storica e della percezione del futuro. Si perderebbero le certezze del dettato costituzionale non più orientato da valori ma da interessi di parte. Resta da chiederci se mai è possibile una democrazia, come noi la conosciamo, senza Stato? Affidata agli interessi e alle fluttuazioni di poteri sociali non sottoposti a limiti e deprivate di valori? Sarebbe, senza dubbio, una svolta involutiva come sta già accadendo negli Stati Uniti, dove l’assistenza sanitaria è garantita solo ai possessori di un reddito. Diventerebbe una sudditanza delle culture nazionali e delle qualità condivise nella tradizione e nei costumi di un Popolo nella sua identità di Nazione. (Riccardo Alfonso)

Una Risposta to “Capitalismo e erosione dei sistemi democratici”

  1. fidest press agency said

    Al lettore che mi scrive rispondo:
    Caro Riccardo, io invertirei le tue credenze dovute probabilmente in conseguenza della tua giovane età. La Democrazia non é altro che un Totalitarismo di gruppo. La Mafia che modifica le informazione e anche i cervelli. In sostanza creare confusione Politica per interessi di gruppo.

    Ho sempre rispettato le opinioni altrui anche se non le condivido. E’ questo il caso, ovviamente. Un mio illustre maestro mi faceva notare che tutti i fattori che alimentano la diffusione delle paure e lo sviluppo delle tendenze totalitarie finiscono con il provocare il declino dei sistemi democratici. E soggiungeva: “Dobbiamo renderci conto che l’individuo nel mondo occidentale subisce l’indebolirsi di quei “sistemi di protezione” costituiti dalla cultura e dalla politica e in particolare subisce lo svilirsi della funzione dello Stato.” Cordialità. (Riccardo Alfonso)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: