Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

“Global Inclusion – Generazioni senza frontiere”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 settembre 2019

Bologna. È affidata al professor Stefano Zamagni la chiusura della prima edizione di “Global Inclusion – Generazioni senza frontiere”, ospitato oggi a FICO EatalyWorld a Bologna, evento che ha chiamato a raccolta l’intero ecosistema italiano – imprese, associazioni non profit, università, lavoratori – dell’inclusione nei luoghi di lavoro. “Di inclusione si deve parlare secondo tre prospettive: società, mondo dell’impresa e scuola di ogni ordine e grado – ha detto Zamagni nel suo intervento, partendo da lontano, dal Fedro di Platone nel quale, dice, “viene evidenziato il bisogno primario dell’uomo, quello di essere riconosciuto (timos). Ma ad una visione paritaria (isotimia, necessità di essere riconosciuti come simili all’altro) si è sostituito negli ultimi decenni il concetto di megalotimia (riconoscimento per contrapposizione e superiorità), visione distorta da cui nascono i sovranismi e le chiusure dell’oggi”. Anche il mondo del lavoro è attraversato secondo Zamagni da una contrapposizione, quella tra “un taylorismo, del quale si riconoscono i limiti e l’inattualità ma che viene ancora proposto come modello vincente in una sua versione, per così dire, ammorbidita, e quella “olocrazia” teorizzata in America da Brian Robertson nel 2007 e da lui applicata all’interno della sua azienda. Un modello di lavoro nel quale autorità e decisioni sono distribuiti nell’ambito di una olarchia di gruppi auto-organizzati anziché fissati in una gerarchia di tipo manageriale”. Infine la scuola, nella quale, secondo Zamagni, si perpetua l’erronea esaltazione del concetto di meritocrazia, “il contrario della democrazia” secondo le sue parole. Un concetto coniato dal sociologo Michael Young nel 1959, e in seguito da lui sconfessato per “i danni incalcolabili causati da una sua interpretazione distorta. “Al concetto di meritocrazia – potere conferito al merito – va sostituito quello di meritorietà, intesa come ricompensa al merito, unica via ad una democrazia compiuta” ha concluso Zamagni.
Un evento che ha visto la partecipazione di oltre 750 persone, oltre a 150 aziende, associazioni no profit, università e business school che si sono confrontate sui temi della diversity & inclusion. Un ecosistema che per la prima volta ha avuto modo di connettersi e confrontarsi e che ha identificato 5 linee strategiche per la “messa a terra” delle tematiche dell’inclusione: “costruire un modello di leadeship inclusiva; offrire esperienze di inclusione a collaboratori e clienti; educare all’inclusione; integrare profit e no profit; promuovere uno spirito di cittadinanza globale” come hanno sintetizzato i membri del Comitato Global Inclusion Art. 3, promotore dell’evento organizzato da Newton Spa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: