Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Al Ministero Esteri incontro su ruolo strategico della Cultural Diplomacy

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 settembre 2019

«Finché l’ecosistema globale si reggeva su regole tese a gestire la circolazione essenzialmente di beni e persone, la diplomazia metteva a confronto soggetti simili che condividevano riti, regole e schemi culturali non troppo differenti tra loro. Oggi, in un mondo in cui la circolazione fondamentale è quella delle informazioni e in cui tutte le nazioni e le potenze sembrano più vicine nello spazio pur mantenendo le distanze, la diplomazia diventa essenzialmente culturale. Per fare diplomazia oggi occorre costruire una relazione con un soggetto altro». È questo uno dei passaggi centrali dell’indirizzo di saluto che il Rettore dell’Università Cattolica Franco Anelli ha rivolto ai partecipanti all’ultima edizione del Corso internazionale in “Cultural and Digital Diplomacy for International Relations” promosso dall’Università Cattolica del Sacro Cuore e alla folta rappresentanza di Ambasciatori riunitisi oggi, giovedì 12 settembre a Roma, in occasione della consegna dei diplomi a 13 studenti provenienti da tutto il mondo, al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale.
Di grande attualità il tema dell’incontro, intitolato “Il ruolo strategico della diplomazia della cultura nell’attuale scenario geopolitico”, organizzato alla Farnesina in occasione del Graduation Day del Master in Cultural Diplomacy, offerto dall’Alta Scuola in Media, Comunicazione e Spettacolo (ALMED) dell’Università Cattolica.
Il Master in Cultural Diplomacy della Cattolica propone un modello formativo che attraverso il linguaggio universale delle Arti, offre a studenti internazionali la capacità di contribuire alla costruzione della reputazione globale di Soft Power per un Paese, di riaprire dialoghi geopolitici interrotti e costruire progetti di riconciliazione fra popolazioni in zone di post-conflitto. Per questa edizione gli studenti che hanno conseguito il Master provengono da Bulgaria, Canada, Coazia, Etiopia, Grecia, Iran, Italia, Nigeria, Perù, Serbia Spagna, Turchia Venezuela. «È questa la ragione – ha concluso Olivares – per cui un grande ateneo come l’Università Cattolica ha dato vita a un Programma internazionale in “Cultural and Digital Diplomacy for International Relations”: un Programma aperto al mondo, frequentato da studenti provenienti da 4 Continenti e 15 Paesi, e che fa parte integrante dell’offerta globale dell’Ateneo. C’è infatti grande bisogno, anche in questo settore, di formazione basata su una ricerca di qualità e di innovazione. E su questo punto il nostro programma può vantare una faculty e relazioni di elevato spessore internazionale».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: