Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 14 ottobre 2019

Osservatorio Laudato Si’ – L’impegno dei giovani per l’ecologia

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Roma Venerdì 18 ottobre 2019, ore 15:00 Pontificia Università Gregoriana Piazza della Pilotta 4. Istituito presso la Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana e con il supporto del Joint Diploma in Ecologia Integrale, l’Osservatorio Laudato Si’ intende promuovere i valori dell’enciclica di Papa Francesco sulla cura della nostra casa comune. Esso mira ad approfondire l’insegnamento in essa offerto, la cui corretta ed efficace applicazione rappresenta una «grande sfida culturale, spirituale ed educativa che implicherà lunghi processi di rigenerazione» (LS 202). L’Osservatorio si propone di sviluppare sia un continuo lavoro sistematico (filosofico, teologico e sociale) sulla Laudato Si’, sia un approfondimento circa la sua attuazione dal punto di vista pastorale, educativo ed operativo.L’Osservatorio intende inoltre rispondere alla richiesta di Papa Francesco di “fare rete” e di aprire percorsi transdisciplinari, esercitati con sapienza e creatività nella luce della Rivelazione, illuminando «nuovi modi di relazionarsi con Dio, con gli altri e con l’ambiente, e che susciti valori fondamentali» (Evangelii gaudium 74).In tale contesto, tra le sue attività vi è quella di organizzare seminari su temi specifici, come questo qui presentato. Il primo avrà luogo venerdì 18 ottobre e intende porre in collegamento il trascorso Sinodo sui Giovani con il presente Sinodo sull’Amazzonia, interrogandosi sull’impegno delle giovani generazioni per la salvaguardia della casa comune. Il seminario «The Amazon and Beyond. Integral Ecology, Multiple Vulnerabilities and Youthful Commitments» si aprirà alle ore 15:00 con il saluto del Prof. Jaquineau Azetsop S.J., decano della Facoltà di Scienze Sociali, e di P. Philipp G. Renczes S.J., nuovo decano della Facoltà di Teologia. In seguito alla relazione introduttiva di Mons. Marcelo Sanchez Sorondo, seguiranno gli interventi sui due Sinodi proposti da Miguel Yanez S.J., Giacomo Costa S.J., Alessandra Smerilli FMA. Nella seconda parte del seminario saranno invece condivise esperienze (Tomas Insua, Celia Deane-Drummond) e proposte strategie per aree sensibili quali l’Asia Pacifica (Pedro Walpole, S.J.), il Bacino del Congo (Rigobert Minani, S.J.) e l’Amazzonia (Jaime Tatay Nieto, S.J.).

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dal Piemonte a Londra a confronto sulle sfide del futuro

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Amministratori piemontesi a Londra per “The governance of urban regeneration: a programme for new civic leaders”, la conferenza organizzata da Publica – Scuola ANCI alla University College London. Occasione di incontro e di confronto sulle esperienze di governo locale in materia di rigenerazione urbana, la conferenza ha visto la partecipazione di 40 amministratori provenienti da tutta Italia. All’evento hanno partecipato il vicepresidente di ANCI Piemonte Michele Pianetta, il vicesindaco di Pinerolo Francesca Costarelli, il vicesindaco di Piossasco Federica Sanna e il vicesindaco di Ronco Canavese Lorenzo Giacomino.Soddisfatto il vicepresidente all’Innovazione di ANCI Piemonte, Michele Pianetta: “Abbiamo vissuto un’esperienza formativa di alto livello. Il Piemonte ha potuto toccare con mano gli effetti positivi dell’esperienza di rigenerazione urbana messa in atto dalla città di Londra, da Camden Town a Kings Cross. Iniziative come questa ci fanno riflettere sulle sfide del futuro. Torniamo da Londra con una sensazione molto positiva, più ricchi e al tempo stesso felici di aver potuto presentare anche le piccole esperienze virtuose attuate in Italia e in Piemonte”.Primissima esperienza di formazione per Federica Sanna, vicesindaco di Piossasco: “Un’ottima occasione per conoscersi e scambiarsi idee. Le esperienze londinesi, seppur difficilmente replicabili nei nostri piccoli Comuni, possono offrirci spunti e occasioni di riflessione molto utili e importanti per lo sviluppo dei nostri territori”. Concetto ribadito dal vicesindaco di Pinerolo; Francesca Costarelli: “Torniamo in Italia davvero carichi: anche se in contesti e con dimensioni diverse, le sfide del futuro sono le stesse. Torniamo a casa con uno straordinario bagaglio di idee, di energie e di best practices che ci consentiranno di riflettere in modo attento e consapevole sulle sfide che ci attendono”.L’appuntamento di Londra ha inaugurato un nuovo format didattico – le Conferenze Internazionali – pensato per offrire agli amministratori locali italiani la possibilità di studiare e confrontarsi con altri giovani amministratori europei.
Molte delle politiche cruciali su smart cities, rigenerazione urbana e innovazione sociale hanno preso avvio dalle esperienze di singole municipalità. Da qui l’idea della conferenza, organizzata in collaborazione con il British Council, con l’obiettivo di affrontare i temi della rigenerazione urbana, della governance locale e del coinvolgimento delle comunità partendo dall’esperienza dell’area londinese. Durante la due giorni, i 40 amministratori italiani hanno fatto visita alla nostra Ambasciata, accolti dall’ambasciatore Raffaele Trombetta.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lotta al cambiamento climatico. I profittatori e i burocrati… come sempre

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Le forchettine di plastica che qualche vettore aereo ha tolto dal proprio servizio di bordo; la pubblicità di grandi e piccole aziende che mostrano i propri prodotti (gli stessi di prima della “conversione”) come “bagnati” dall’ecologia e per questo a prezzi maggiori di quelli “non bagnati”; le scuole che bandiscono plastica e inneggiano a vari bio e Km zero dando da mangiare alimenti di una monotonia e qualità che giustamente i bambini lasciano nei piatti; amministrazioni pubbliche di ogni “tipo” e “dove” che approvano mozioni su mozioni, abbracciano le Grete di ogni tipo per strada o nei loro uffici dove le finestre vengono tenute aperte per rimediare al riscaldamento “a palla” che li inondano; raccolte di rifiuti (quando li raccolgono) tutt’altro che impostate su riciclo, riuso e produzioni energetiche conseguenziali; etc etc. E questo mentre i comuni mortali (consumatori e individui), giustamente intimoriti dalle informazioni sulla situazione del Pianeta, si colpevolizzano quotidianamente rispetto alle loro abitudini: con sforzi giganteschi per cambiarle, magari coi propri figli che al minimo sgarro – mentre questi stessi figli sono attaccati, slogandosi i pollici, allo smartphone di grido costato un occhio della testa e anch’esso prodotto con materiali inquinanti – fulminano questi genitori con sguardo di disprezzo; consumatori e individui che passano buona parte del loro tempo imbottigliati nel traffico o in coda agli uffici postali o in attesa di un qualche documento che la ridicola e criminale burocrazia deve concedere loro: tutte persone che regalano ogni giorno il loro tempo alle inettitudini delle amministrazioni, trasformandosi in umani meno felici, nevrotici e scaricando tutto sui loro prossimi. In questo contesto – italiano e non solo – ci apprestiamo a salvare il Pianeta e noi stessi. C’è qualcosa che non torna. E si tratta solo di una discriminante da aggiungere a quella maggiore in assoluto: i Paesi che dovrebbero contribuire al raffreddamento del Pianeta, se non sono democratici con elezioni libere dove gli eletti determinano governi e scelte, stanno solo facendo “in grande” tutto quel “piccolo” del nostro parziale elenco di sopra che riguarda consumatori ed individui.
Per restare alla nostra “piccola” quotidianità, è importante che la sostanziale presa di fondelli di cui abbiamo scritto prima diventi consapevolezza di ognuno: soggetti consapevoli che non si facciano mettere i piedi in testa e che, per farlo, abbiano conoscenze e possibilità di rivolgersi ai preposti al rispetto e all’attuazione dei loro diritti: amministrazioni e giustizia in particolare. Per esempio. Se un nostro figliolo sta mangiando in una mensa scolastica dove, pur con le forchettine di metallo, il cibo fa schifo e/o inadeguato a quel tipo di consumatori, c’è la possibilità di farsi ascoltare e valere in modo incisivo senza dover occupare una scuola litigando con molti? Raro! Se per farti valere in giudizio ti capita di dover fotocopiare tutto il passaporto, c’è la possibilità di farti valere lo stesso senza aspettare anni, e quindi essere costretti a “fotocopiare anche le mutande” altrimenti rimani senza quel che ti serve? Raro! Certo, si potrebbero sempre non votare alle prossime elezioni gli amministratori che abbracciando le Grete, e bevendo pubblicamente in bicchieri di vetro continueranno a far lasciare rifiuti per strada e i loro amministrati imbottigliati nel traffico; sperando che quelli dopo non facciano altrettanto….
Siamo consapevoli che la tendenza di questo secolo è altrimenti, raccogliendo talvolta gli aspetti negativi dell’individualismo del secolo precedente… ma dovremmo partire dal presupposto che questo non farebbe al nostro interesse: non si tratta di avere un’auto o un frigorifero o una casa in più, e per questo “fottersene” degli altri, ché li consideriamo come un limite al nostro star bene. Stiamo parlando dell’aria che respiriamo, con la necessaria consapevolezza che le stanze e gli antri protetti per respirarla bene stanno sparendo per tutti.
1 – in questo periodo siamo inondati, per esempio, da quella di Eni, che se risparmiasse non facendo pubblicità e ci facesse pagare meno le bollette dei suoi prodotti che talvolta vende in regime di monopolio, forse farebbe una vera azione di “ecologia economica”.
2 – è di ieri, esperienza diretta, una famosa Autorità che, dovendo allegare ad una domanda copia di un documento di identità, ha preteso, essendo questo documento un passaporto, le fotocopie di tutte (TUTTE) le pagine dello stesso… inclusi i visti di quello o quell’altro Paese lì stampigliati (burocrazia inquinante per la mente e per le fotocopie e il denaro speso per fare e inviare queste ultime). (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Di Maio e governo tutelino pensioni italo-venezuelani

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

“Il ministro Di Maio intervenga per tutelare le centinaia di pensionati, quasi tutti cittadini italiani, che si vedono negare il sacrosanto diritto alla pensione, chiedendo il rispetto dell’accordo bilaterale stipulato tra Italia e Venezuela, disatteso da ben 4 anni dallo stato del presidente Maduro”.Così il senatore di Fratelli d’Italia, Giovanbattista Fazzolari, responsabile nazionale del programma di FdI, in un’interrogazione al ministero degli Affari esteri sulla questione della mancata erogazione delle pensioni da parte dell’istituto di previdenza venezuelano.“La ‘Convenzione bilaterale di sicurezza sociale’ tra Italia e Venezuela, firmata nel 1988 ed esecutiva dal 1991, dispone che le prestazioni in denaro dovute da uno Stato contraente saranno corrisposte integralmente e senza alcuna limitazione ai titolari che risiedono nel territorio dell’altro Stato contraente o in uno Stato terzo. Purtroppo, dal dicembre del 2015 risultano interrotte le erogazioni dovute agli italiani residenti in Venezuela dall’istituto di previdenza venezuelano. Una situazione che colpisce la sicurezza sociale delle persone interessate, spesso pensionati che non dispongono di altro reddito, ma anche l’Italia costretta a gestire una vera e propria crisi sociale, che interessa centinaia e centinaia di persone, molto spesso cittadini italiani”. “Per questo Fratelli d’Italia chiede al ministro Di Maio ed al governo di adottare qui necessari provvedimenti per ristabilire la legalità e garantire alle centinaia di pensionati italo-venezuelani il godimento della propria pensione”, conclude il senatore di FdI.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Gli infermieri rivendicano il diritto al futuro del Servizio sanitario nazionale e della professione

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Cosa vogliono gli infermieri? “Il diritto al futuro di un’assistenza accessibile, equa, sicura, universale e solidale – è scritto chiaro nella mozione – senza accettare più prese di posizione, deroghe o tempi di attesa con l’unico effetto di rimanere ancorati a un immobilismo pericoloso per l’assistenza e i diritti dei cittadini”.E proprio per questo i 450.000 infermieri considereranno come banchi di prova delle Istituzioni e della politica il Nuovo Patto per la Salute, la prossima Legge di Bilancio, e tutte le mozioni-provvedimenti legislativi e gli Accordi-Intese tra Stato e Regioni in corso di esame in Parlamento e in Conferenza Stato Regioni.“Solo questo – affermano – darà la vera misura della volontà di tutelare il nostro Servizio Sanitario Pubblico e di sostenere i diritti dei pazienti. Solo questo darà la misura della capacità di Governo e di attenzione al tema dell’effettività dei diritti dei pazienti”.Per ottenere il risultato “il Consiglio nazionale FNOPI chiede ufficialmente ai ministri competenti, quello della Salute in prima battuta e alle Regioni, che si affronti in tempi brevi questo tema in modo strutturato, attingendo alle evidenze e sottraendolo alla strumentalizzazione politica. I presidenti danno inoltre mandato alla presidenza della Federazione di rappresentarli ai tavoli di analisi e discussione, multi-istituzionali e anche multi-professionali, per giungere a un’organizzazione condivisa e reale dei servizi e dell’assistenza che non sia la facciata di un palazzo vuoto di contenuti innovativi e solo pieno di vecchi ricordi di un’attività ormai lontana dai bisogni reali, ma la base per costruzione di un nuovo e più efficiente modello di Servizio sanitario nazionale”. È una reazione decisa e determinata quella dei vertici delle professioni infermieristiche – infermieri e infermieri pediatrici – che rappresentano oltre 450mila iscritti, dei quali 270mila dipendenti del Ssn e oltre 115mila tra liberi professionisti e dipendenti di strutture assistenziali private che garantiscono ogni giorno l’assistenza ai bisogni di salute dei cittadini, soprattutto (ma non solo) ai più fragili (cronici, anziani, non autosufficienti, terminali ecc.).E lancia un preciso messaggio dopo lo stato di tensione interprofessionale che si è venuto a creare nelle ultime settimane/giorni, che invece di far avanzare il Servizio sanitario nazionale e i diritti dei pazienti, corre il serio rischio di attuare una regressione culturale dei rapporti tra professioni e delle politiche sanitarie pubbliche: “o si cambia, con coraggio e responsabilità, o si danneggia inesorabilmente il Servizio sanitario nazionale e non si va incontro ai reali bisogni dei cittadini”.L’obiettivo di tutte le professioni sanitarie, si legge nella mozione, deve essere dare ai cittadini ciò di cui hanno veramente bisogno, disegnando i nuovi modelli basati su ciò che deve necessariamente venire anche dopo la diagnosi e la terapia: l’assistenza continua e la continuità tra ospedale e territorio, fino al domicilio del paziente. E il presupposto di tutto è e deve essere che i processi vanno costruiti insieme mettendo a disposizione il proprio sapere, quello di ogni disciplina.
In questo senso, sostengono i rappresentanti della professione, mettere in dubbio modelli ormai internazionalmente riconosciuti nel mondo e anche dai nostri maggiori partner europei utilizzando e confondendo definizioni come task shifting, che riguardano tutte le professioni, crea confusione e destabilizzazione nel prezioso rapporto con i cittadini e con gli assistiti che tutte le professioni devono avere secondo le proprie caratteristiche.“L’obiettivo della professione infermieristica – si legge ancora nella mozione – non è altro che quello di rendere coerente l’esercizio professionale con le competenze acquisite costantemente nel corso degli anni, grazie ad uno specifico percorso di studi molto rigoroso e robusto, e in continua evoluzione.Non c’è alcun esproprio di professionalità o invasione di competenze altrui – sottolineano i 102 presidenti degli Ordini e il Comitato centrale della Federazione – atti questi che non devono essere nel pensiero di nessuno: nessun professionista vuole fare il lavoro di altri, nessun professionista che ha scelto una disciplina intende confonderla con quelle di altri”.
Non sostenere questo percorso vuol dire sprecare risorse e competenze secondo la mozione, negare lo sviluppo, l’innovazione e il cambiamento di cui ha bisogno il Ssn per allinearlo e metterlo in grado di rispondere di più e meglio alle nuove sfide, ai nuovi bisogni delle comunità. Vuol dire anche negare lo sviluppo che da oltre 25 anni ha caratterizzato nel settore dell’assistenza, la professione infermieristica: dalle lauree ai master di primo e secondo livello, dai dottorati di ricerca alla docenza universitaria, dalla dirigenza alla responsabilità assistenziale dei pazienti, a partire dai servizi di emergenza-urgenza fino all’assistenza domiciliare e terminale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione del libro “I mille giorni” di Aemilia di Aliberti

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Bologna Giovedì 24 ottobre ore 18:00 – Libreria Coop-Zanichelli Piazza Galvani, 1H.Il libro è firmato da Tiziano Soresina, giornalista che da oltre vent’anni segue le vicende di mafia – e della ‘ndrangheta in particolare – per la Gazzetta di Reggio. Esperienza professionale sul campo a cui ha aggiunto l’enorme sforzo fatto per documentare quanto è avvenuto nelle 195 udienze del maxiprocesso Aemilia tenutosi, in primo grado a Reggio Emilia.
Questa pubblicazione però non è solo il diario del più grande processo contro la ‘ndrangheta mai tenutosi al Nord Italia. Infatti, grazie al poderoso lavoro degli inquirenti, alle rivelazioni dei pentiti, al coraggio dimostrato da alcuni testimoni, narra come si siano evoluti trent’anni d’infiltrazione mafiosa nelle terre del Po. Un avanzare più o meno sottotraccia del clan Grande Aracri, affermatosi col tempo come vero e proprio radicamento dal fatturato spaventoso a danno dell’economia che opera nella legalità. Un cancro che mangia anche il cuore del Nord, divenuto tutt’altro che una retrovia della ‘ndrangheta calabrese. Ed ecco che sfogliando le oltre seicento pagine del volume esce un quadro finalmente preciso di violenze, omicidi, droga, roghi dolosi, riti d’affiliazione, affari illeciti milionari, maxi frodi fiscali, riciclaggio, il mondo del lavoro calpestato, pezzi di società che “dialogano” con la criminalità organizzata. Finalmente sotto i riflettori una “zona grigia” rivelatasi per nulla impermeabile.“Quando un’organizzazione mafiosa si fa sistema – scrive nella prefazione Giovanni Tizian, giornalista de L’Espresso da tempo sotto scorta perché minacciato di morte da boss calabresi – vuol dire che ha saputo costruire attorno alla cosca una rete di protezione estesa. Un network di personaggi insospettabili: professionisti, servitori dello Stato infedeli, politici, imprenditori, cittadini omertosi. Ma significa anche che il metodo proposto dall’organizzazione ha trovato cittadinanza in alcuni settori dell’economia e del mercato”. Nella pubblicazione troviamo anche il racconto di come si evolve, codice alla mano, un processo così complesso sul piano giuridico, con ricadute giurisprudenziali divenute di respiro nazionale. Insomma, uno strumento informativo per colmare ritardi, trascuratezza, scarsa conoscenza del radicamento ‘ndranghetistico in Emilia e non solo. In appendice una “bussola” fatta di centinaia di nomi di persone e luoghi citati nel testo, oltre ad una bibliografia ragionata.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tagli dei fondi alla scuola

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

“Il Ministro Fioramonti il giorno della sua nomina aveva promesso 3 miliardi per la scuola o le dimissioni. Visto che, non solo non hanno trovato i soldi ma hanno anche tagliato il fondo scuola, come Forza Italia chiediamo le dimissioni del Ministro. I 3 miliardi infatti glieli abbiamo trovati noi e sono inseriti nel disegno di legge sull’inserimento dei costi standard nella scuola. Provvedimento che porterebbe a un risparmio di 3 miliardi nelle casse dello Stato oltre che a garantire una scuola migliore per le nuove generazioni. La nostra – ha poi proseguito – è una proposta di legge per una scuola di qualità ed efficiente. L’ultimo rapporto OCSE conferma che In Italia c’è un sistema scolastico iniquo che colpisce principalmente le famiglie più disagiate. Oggi un terzo della popolazione giovanile italiana non studia e non cerca lavoro: un numero inaccettabile per un Paese Civile. Non possiamo perdere tempo – ha infine concluso il Coordinatore – dobbiamo portare avanti la nostra proposta su cui ci aspettiamo l’appoggio della Lega, di FDI e di tutte le regioni del Nord governate dal centrodestra, a partire dalla Lombardia del Presidente Fontana che aveva inserito il tema dei costi standard nel programma elettorale . Questa deve essere la prima battaglia da portare avanti insieme per ottenere l’autonomia di cui si parla tanto ”

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso Dsga, Anief ricorre contro la soglia di 21/30 dopo il primo scritto

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

L’intervista di Marcello Pacifico, presidente Anief, a Italia Stampa: «Per noi il criterio è la sufficienza. E aspettiamo di sapere dal Tar se potranno paretcipare gli assistenti amministrativi da oltre cinque anni e i Dsga facenti funzione»
E Anief lancia un nuovo ricorso. Lo spiega anche il presidente nazionale Marcello Pacifico, in un’intervista radiofonica a Italia Stampa. «Per noi il criterio da adottare nelle prove intermedie – spiega il leader del sindacato autonomo – è quello della sufficienza, sotto la soglia indicata dal bando che è di 21/30. Anief quindi lancia un nuovo ricorso. Aspettiamo poi di sapere dal Tar se i nostri ricorsi consentiranno di far partecipare alle prove sia gli assistenti amministrativi da più di cinque anni, sia i Dgsa facenti funzione. La misura è colma, la politica non è in grado di rispondere alle esigenze della scuola italiana».Intanto Eurosofia, da molti anni specializzata nella preparazione ai concorsi della scuola e leader fra gli enti di formazione del comparto, ha creato tre diverse tipologie di corsi per preparare al meglio le prove scritte del concorso per Dsga, in programma il 5 e 6 novembre prossimi: in presenza, online, online+presenza. È già possibile preaderire gratuitamente al ricorso avverso il bando del concorso DSGA in modo da ricevere tutte le informazioni utili per l’effettiva proposizione delle specifiche azioni legali non appena saranno noti gli esiti delle prove scritte. Per ulteriori informazioni e per pre-aderire entro il prossimo 7 novembre.

Posted in Diritti/Human rights, scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“L’Italia festeggia sui territori il Tuber magnatum con una serie di avvenimenti……” e nel Molise?

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Di Pasquale Di Lena. E’ la terra per eccellenza (40% della raccolta media annuale) del tartufo bianco. Una perdita di immagine enorme, visto l’interesse e la curiosità che il consumatore del mondo riserva a questo pregiato tubero. La dimostrazione che nel Molise ogni raccoglitore pensa a come fare affari e che le istituzioni non sanno cosa riserva il proprio territorio e, quando lo sanno, non fanno niente per comunicare. Un’occasione persa per uno dei possibili turismi molisani animato dal tartufo. Un’occasione persa per le imprese che vivono sull’ospitalità e penso, soprattutto, alla sempre più quotata ristorazione molisana che ha forte bisogno della promozione del territorio Molise. Si pagano gli annunci alto sonanti e si paga ancor di più la mancanza di programmazione e di una strategia di marketing, che può risultare efficace e vincente solo se ha strumenti e struttura all’altezza del compito – per niente facile vista la forte concorrenza che anima il mercato – e solo se programmata nel tempo. L’idea “Piacere Molise”, nata nella prima metà degli anni ’90, e, in pratica, mai realizzata, è ancora vincente se viene presa in considerazione. La farfalla colorata c’è, si tratta solo di farla volare nelle direzioni giuste perché il territorio abbia, con tutti i suoi protagonisti, le risposte che merita.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Alessandro Perissinotto con Il silenzio della collina (Mondadori) vince il Premio Lattes Grinzane 2019

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

È Alessandro Perissinotto con Il silenzio della collina (Mondadori) il vincitore del Premio Lattes Grinzane 2019 per la sezione Il Germoglio, dedicata ai migliori libri di narrativa italiana o straniera pubblicati nell’ultimo anno. Gli altri finalisti al Premio erano: Roberto Alajmo con L’estate del ’78 (Sellerio), Jean Echenoz (Francia) con Inviata speciale (Adelphi, traduzione di Federica e Lorenza Di Lella), Yewande Omotoso (Sud Africa) con La signora della porta accanto (66thand2nd, traduzione di Natalia Stabilini), e Christoph Ransmayr (Austria) con Cox o Il corso del tempo (Feltrinelli, traduzione di Margherita Carbonaro).
La cerimonia di premiazione si è svolta presso il Castello di Grinzane Cavour (Cn) ed è stata condotta da Loredana Lipperini, giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica. Protagonisti della giornata sono stati gli studenti rappresentanti delle 25 giurie scolastiche italiane i cui 400 voti hanno determinato il vincitore.
Lo scrittore giapponese Haruki Murakami è stato premiato venerdì 11 ottobre per la sezione La Quercia, riservata a un autore internazionale che abbia saputo raccogliere nel corso del tempo condivisi apprezzamenti di critica e di pubblico. La maggior parte dei suoi libri sono pubblicati in Italia da Einaudi. Al teatro sociale di Alba ha tenuto la lectio magistralis Un piccolo falò nella caverna.I romanzi finalisti del Premio, organizzato dalla Fondazione Bottari Lattes, erano stati designati e annunciati ad aprile a Cuneo, alla sede della Fondazione CRC (che collabora e sostiene il Premio), dalla Giuria Tecnica formata da: Gian Luigi Beccaria (presidente), Valter Boggione, Vittorio Coletti, Rosario Esposito La Rossa, Giulio Ferroni, Bruno Luverà, Alessandro Mari, Romano Montroni, Laura Pariani, Marco Vallora, Bruno Ventavoli.Tra aprile e settembre 2019 i cinque libri sono stati letti e discussi dai 400 studenti delle 25 Giurie Scolastiche. Ventiquattro giurie sono scelte in modo da coprire tutto il territorio della Penisola: quattro in Piemonte (regione sede del Premio) e almeno una per ciascuna delle altre regioni. A queste si aggiunge la giuria estera a Madrid, presso il Liceo Scientifico “Enrico Fermi”. Le Giurie Scolastiche italiane sono: Istituto di Istruzione Superiore “G. Govone” di Alba (Cuneo); Liceo “A. Avogadro” di Biella; Istituto di Istruzione Superiore “Giordano Bruno” di Budrio (Bologna); Liceo “Galanti” di Campobasso; Istituto Omnicomprensivo “Rosselli-Rasetti” di Castiglione del Lago (Perugia); Liceo Classico “Pitagora” di Crotone; Liceo Scientifico Statale “V. Volterra” di Fabriano (Ancona); Liceo Classico “V. Lanza” di Foggia; Liceo Scientifico “Pacinotti” di La Spezia; Istituto di Istruzione Superiore “Duni-Levi” di Matera; Liceo Artistico Statale “Caravaggio” di Milano; Liceo Scientifico e Linguistico “E. Fermi” di Nuoro; Liceo Statale “G. Marconi” di Pescara; Liceo Classico Statale “G. F. Porporato” di Pinerolo (Torino); Liceo Scientifico “Amedeo di Savoia Duca d’Aosta” di Pistoia; Liceo Classico “M. T. Varrone” di Rieti; Liceo Scientifico “Michelangelo Grigoletti” di Pordenone; Liceo Scientifico Statale “C. Darwin” di Rivoli (Torino); Liceo “F. Filzi” di Rovereto (Trento); Liceo Statale “Francesco De Sanctis” di Salerno; Istituto di Istruzione Superiore “Fardella-Ximenes” di Trapani; Liceo Ginnasio Statale “A. Canova” di Treviso; Istituzione Scolastica di Istruzione Liceale, Tecnica e Professionale di Verrès (Aosta). A loro si aggiunge il Gruppo di Lettura “La Scugnizzeria” di Scampia a Napoli.
Il Premio Lattes Grinzane è intitolato a Mario Lattes (editore, pittore, scrittore, scomparso nel 2001) ed è organizzato dalla Fondazione Bottari Lattes con il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRC (principale sostenitore per il triennio 2017-2019), Fondazione CRT, Banca D’Alba, Giulio Einaudi Editore, Cantina Giacomo Conterno, Banor; con il patrocinio di Mibac, Consolato Generale del Giappone a Milano, Istituto Giapponese di Cultura in Roma, Institut Français Milano, Città di Alba, Comune di Grinzane Cavour, Comune di Monforte d’Alba, Città di Cuneo, Unione di Comuni Colline di Langa e del Barolo, Polo del ‘900, Casa editrice Lattes; con il contributo di Enoteca Regionale Piemontese Cavour, Cantina Terre del Barolo, Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, Felicin-Ristorante Albergo Dimora Storica, La Ribezza Boutique Hotel, Antica Torroneria Piemontese, GVA Gruppo Volontari Albesi; sotto gli auspici del Centro per il libro e la lettura.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro di Nicola Porro: Le tasse invisibili. L’inganno di stato che toglie a tutti per dare a pochi

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Uscita prevista: fine ottobre. Un’inchiesta sulla più grande ingiustizia del nostro paese: le tasse invisibili. L’autore smonta i luoghi comuni con la forza delle idee e di dati inoppugnabili, attingendo agli insegnamenti degli economisti di ogni epoca per metterci sull’avviso: date a Cesare quel che è giusto dare.
Pagare le tasse è dovere di ogni onesto cittadino, ma uno stato che si rispetti ha il dovere ancora più imprescindibile di imporre tributi equi e trasparenti. E invece, guardando all’intrigo di tasse e balzelli italiani, si scopre che il contribuente di casa nostra è continuamente assillato da richieste di denaro che somigliano a una ingiustificata fregatura. Dalle tasse pensate a fin di bene che generano disastri, come la tobin tax sulle transazioni finanziarie, a quelle invisibili, come l’obbligo del seggiolino tecnologico o dell’auto ecologica, introdotti secondo principi apparentemente inattaccabili ma che colpiscono soprattutto i meno abbienti. O ancora, le tasse apparentemente basse, come quelle universitarie, che tuttavia rappresentano un costo per la collettività a favore di pochi privilegiati. (by La Nave di Teseo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro di Fulvio Abbate: I promessi sposini

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Con le illustrazioni di Carla Abbate uscita prevista: 21 novembre. Una favola patafisica, come già I fiori blu di Raymond Queneau, popolata da personaggi strampalati eppure esemplari di un tempo storico che ci riguarda tutti.
Leggiamo in queste pagine dell’amore tribolato tra il pappagallo Treica e il rinoceronte volante Maurilio, gay dichiarati; del temibile Gran Cognato, disk joker con la passione per gli ellepì di Mussolini e che organizza il rapimento del coleottero che si è rifiutato di fare da puntina per il suo giradischi; del Brigadiere Insanguinato, Maicol Giacson, Gion Elton, la Suora Lampeggiante, il gattino Faretto, gli amici della “bella gente” capitanati da Malena Togliatti, i furetti albini cui spetta il compito di trasformarsi in tappeto per la cerimonia nuziale, Don Citarda, il granduca di Ficarazzi: tutti in ordine di precipizio fino all’irruzione del pistolero Warren Oates. I promessi sposini è una favola illustrata, provocatoria e solo all’apparenza leggera che si serve della fantasia contro ogni deriva autoritaria. (by La Nave di Teseo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro di Pierluigi Battista: libri al rogo. La cultura e la guerra all’intolleranza

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Uscita prevista: 7 novembre. Negli ultimi decenni, ai roghi in piazza si è sostituita una pratica solo apparentemente meno feroce: una censura sottile eppure implacabile, ispirata ai più nobili motivi ma che rischia di sconfinare nel fanatismo più intollerante. Nel suo nome si mettono all’indice registi e scrittori, si coprono dipinti e si alterano i classici che offendono la sensibilità contemporanea.
I libri hanno sempre fatto paura, perché le loro pagine possono diffondere il seme della conoscenza, della scoperta, di una pericolosa libertà. Lo stesso è accaduto con quadri, canzoni, film e spettacoli teatrali capaci di conquistare l’emozione del pubblico con la stessa intensità con cui hanno attirato l’avversione di chi ne contestava i princìpi. Sicché dittatori e benpensanti si sono accaniti contro le opere accusate di turbare l’ordine costituito, impedendone la diffusione e perseguitando gli autori.
Pierluigi Battista, in un atto d’amore per i libri e il pensiero libero, risponde con un infuocato manifesto a favore della libertà d’espressione, in difesa di una tolleranza che non ammette deroghe. (by La Nave di Teseo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Grant Thornton: Sette posizioni aperte dedicate ai giovani

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Milano. La member firm italiana del network internazionale Grant Thornton, specializzata in servizi di consulenza nelle aree Audit, Assurance, Tax, ed Advisory, tra i protagonisti del career day di oggi all’Università Cattolica di Milano. Una giornata dedicata agli studenti e ai laureandi che hanno potuto presentare personalmente ai recruiter la propria candidatura per le posizioni aperte e conoscere alcuni dei manager e dei partner Grant Thornton nel corner aziendale allestito all’interno dell’Università.“E’ un’occasione alla quale crediamo molto e che ci ha dato grandi soddisfazioni nelle edizioni precedenti” dichiara Simonetta La Grutta, Head of VAT e partner di Grant Thornton. “Con l’intento di offrire una visione concreta dell’ampio spettro delle nostre attività, partecipano, alternandosi nel corso della giornata, professionalità diverse per età anagrafica e specializzazione tecnica. I migliori testimonial sono coloro che abbiamo incontrato per la prima volta qui negli anni scorsi e che oggi collaborano stabilmente con la nostra organizzazione. Li abbiamo visti particolarmente orgogliosi di descrivere i “10 motivi per crescere con noi” sintetizzati nel nostro flyer, uno statement del quale rispondiamo ogni giorno.”
Lavorare in Grant Thornton significa entrare a far parte di un network internazionale presente con 53.000 persone in oltre 140 paesi nel mondo. Un ambiente dinamico nel quale idee e diversità si fondono per dare vita a nuovi valori e nuove sfide, supportando la valorizzazione delle proprie persone.Nello specifico, Grant Thornton è alla ricerca di sette figure junior da inserire nei propri team di Milano: due risorse da inserire in stage come Junior Tax Specialist; un Junior VAT Consultant; un Junior Tax Advisor; un Junior Consultant Transfer Pricing; un Junior Consultant Transaction Services e una posizione in stage per un Assistant Auditor.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

76° Anniversario della Razzia del Ghetto di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Milano Mercoledì 16 ottobre 2019, ore 20,30 via Federico Confalonieri 14 ad iniziativa di Anpilibri casa della memoria In collaborazione con “Associazione Figli della Shoah”. Intervengono: Lamberto Bertolè, Pres. del Consiglio comunale di Milano; Roberto Cenati, Pres. ANPI Milano; Ruggero Gabbai, Regista; Daniela Tedeschi, Ass. Figli della Shoah.
TESTIMONIANZE di Piero Temin in ricordo di ALBERTA LEVI TEMIN -Claudia Terracina in ricordo di MARISA CAMERINI – Clara e Silvia Wachsberger in ricordo di ARMINIO WACHSBERGER. Con i patrocini di Comunità Ebraica di Milano – Fondazione Memoriale della Shoah, Binario 21 – Associazione Figli della Shoah.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siamo in piena “guerra fredda cibernetica”

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

“L’Italia e l’Europa sono soggette a politiche predatorie da parte di Stati incompatibili con i nostri valori, interessati a prendere il controllo delle nostre economie. Lo scenario delineato dal report UE sui rischi del 5G, svelato da Bloomberg e rilanciato da Francesco Bechis su Formiche, è inquietante: grazie alle reti di nuova generazione, potenze ostili potrebbero infiltrarsi nelle nostre infrastrutture critiche, dall’energia all’elettricità, fino ai dati personali. La Guerra fredda cibernetica fra il blocco occidentale e le potenze orientali imperversa, e ci chiediamo cosa intenda fare il governo in materia. La discussione sul dl cybersecurity prenda atto di queste nuove evidenze, e il legislatore ne tenga conto. Le aziende come Huawei e ZTE hanno un rapporto di osmosi con le gerarchie militari e politiche della Repubblica Popolare Cinese, tanto che ZTE è controllata per la maggioranza della proprietà proprio dallo stato cinese e Huawei è in un rapporto di dipendenza con la casa madre cinese.FDI ha da sempre portato avanti la richiesta di tutelare le infrastrutture chiave della nostra Nazione da attacchi stranieri, stabilendo un perimetro di sicurezza nazionale e chiarezza sui rapporti.” E’ quanto dichiara il deputato responsabile Innovazione di Fratelli d’Italia Federico Mollicone.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Banco Desio: aumento capitale da 8,7mln per la cassaforte Brianza Unione

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

(Fonte: Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) Brianza Unione Sapa, la cassaforte attraverso cui le famiglie Gavazzi e Lado controllano il Banco Desio, rafforza il patrimonio del gruppo varando un aumento di capitale da 8,7 milioni tramite la conversione di un bond. In base ai verbali assembleari consultati da Radiocor, lo scorso 30 settembre l’assemblea degli obbligazionisti portatori del bond da 19,7 milioni in scadenza il 30 settembre 2020 ha infatti modificato il regolamento del prestito, rendendolo convertibile in azioni con un rapporto di 12 obbligazioni per ogni nuova azione e anticipando la scadenza al 31 ottobre 2019. Lo stesso giorno l’assemblea straordinaria degli azionisti dell’accomandita ha varato l’aumento di capitale fino a 8,7 milioni nominali a servizio della conversione del bond. Da qui a fine mese, quindi, i bondholder avranno la facoltà di convertire in azioni ordinarie, in tutto o in parte, le obbligazioni detenute. L’operazione, che ha avuto il via libera della Banca d’Italia, «risponde all’opportunità per il gruppo che fa capo alla società, che comprende la controllata Banco di Desio e della Brianza e le società da queste controllate, di migliorare i coefficienti patrimoniali di vigilanza cui è sottoposto il gruppo medesimo, con ricadute positive in termini di operatività nell’attività bancaria svolta». In particolare «l’operazione dovrebbe consentire di riassorbire ampiamente l’effetto diluitivo in termini di Cet1 ratio derivante dalla fusione per incorporazione della Banca Popolare di Spoleto» nel Banco Desio. Il consiglio degli accomandatari ritiene quindi che la conversione sia nell’interesse della società «permettendo l’estizione di un debito consistente e la conseguente patrimonializzazione del gruppo nel suo complesso, oltre a una riduzione degli oneri finanziari della società».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mediobanca: Del Vecchio, nuovo piano, risultati non solo da Generali e Compass

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

(Fonte: Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) “Mi aspetto un nuovo piano industriale che non basi i risultati di Mediobanca solo su Generali e Compass, ma progetti un futuro da banca di investimenti”. Così ha risposto il presidente di Delfin, Leonardo Del Vecchio, incrociato da Radiocor fuori dalla sede milanese di Luxottica. “Una banca – ha proseguito Del Vecchio – capace di giocare un ruolo da leader in Italia e in Europa e che possa così dare soddisfazione a tutti gli azionisti, Delfin inclusa”, ha concluso. È la prima volta che il patron di Luxottica interviene su Mediobanca dopo che la sua holding di famiglia Delfin ha annunciato qualche settimana fa di aver acquisito una quota di poco inferiore al 7% di Mediobanca. L’istituto, sempre secondo Del Vecchio, deve sommare agli utili oggi generati da Compass e Generali altre fonti di reddito per soddisfare tutti gli azionisti. Secondo indiscrezioni pubblicate nei giorni scorsi dal Sole 24 Ore e non confermate, la Delfin ha allo studio l’ipotesi di chiedere alla BCE l’autorizzazione per salire oltre il 10% della banca di Piazzetta Cuccia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Festival del Giornalismo Digitale

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Varese dal 7 al 10 novembre. L’ottava edizione dell’evento si prefigge di andare a delineare il futuro della professione giornalistica offrendo un’angolazione particolare: come il racconto può modificare un territorio. Tra turismo e valorizzazione turistica, protagonisti della scena giornalistica e testimonianze d’autore, musica, sport e laboratori, Glocal guarda al giornalismo del futuro con gli occhiali delle nuove tecnologie.
Sono almeno quattro i fili conduttori del Festival 2019 che si intersecano ripetutamente in una tensione costantemente sospesa tra locale e globale. Il primo riguarda il ciclo di incontri organizzati con Google per comprendere scenari e cambiamenti e culmina nell’appuntamento (previsto il 9 novembre) con il vice president News di Google, Richard Gingras, chiamato a dialogare con Mario Calabresi, già direttore de la Stampa e di Repubblica.Tra le “voci d’autore” spiccano le testimonianze di giornalisti quali Chiara Nielsen, vicedirettrice del settimanale Internazionale che da oltre dieci anni dirige il festival di Internazionale a Ferrara; Giuseppe Cruciani che insieme a Valerio Staffelli aprirà il Festival in un incontro organizzato dall’Ordine dei Giornalisti; Sandro Ruotolo che insieme alla direttrice di change.org Stephanie Brancaforte parlerà del circolo virtuoso tra giornalismo e attivismo.Il “racconto dei luoghi” è la parte del Festival più estesa. I nuovi linguaggi del giornalismo in materia di turismo sono al centro di una serie di incontri dedicati al settore. Giornalisti, scrittori, blogger ed esperti dell’informazione si confronteranno sulle nuove frontiere della narrazione di viaggi, territori, destinazioni e cammini. Innovazione digitale, social network, big data, turismo esperienziale, sono solo alcuni degli argomenti al centro degli appuntamenti organizzati con l’obiettivo di avviare una riflessione sui cambiamenti che hanno interessato il mondo della comunicazione turistica.Non certo ultima la musica: i rapper Tormento e Kaso saranno ospiti del Festival per raccontare di quando Varese era protagonista, negli anni Novanta, della scena hip hop italiana.Come ogni anno, le serate nei tre giorni del Festival offriranno occasioni di incontro, spunti di riflessione e momenti conviviali.
Sabato 9 novembre appuntamento con il grande basket. Lo sport che da sempre identifica la città di Varese sarà protagonista con alcuni dei suoi più illustri esponenti. A Ville Ponti verrà proiettato il documentario “Parigi 1999, vent’anni dopo”, una raccolta di testimonianze di chi c’era e di chi ha vissuto l’intera cavalcata azzurra in quell’estate del 1999 che portò l’Italia a diventare campione d’Europa. Gli ingressi alle serate sono liberi e gratuiti.Confermati laboratori e workshop: Google Search, fotografia, podcast, tool ed uffici stampa, dati per il giornalismo e molto altro. Una serie di lezioni aperte a tutti e gratuite, per conoscere i nuovi strumenti della comunicazione.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via il corso-concorso gratuito “Cinema e culture” sull’organizzazione di eventi in ambito cinematografico

Posted by fidest press agency su lunedì, 14 ottobre 2019

Milano Sabato 26 ottobre 2019, ore 10.00- 13.00 Fondazione ISMU, via Galvani 16. Fondazione ISMU è lieta di segnalare che Associazione COE offre ad associazioni e comunità straniere la possibilità di partecipare al corso gratuito “Cinema e Culture” a cui seguirà un concorso per selezionare e finanziare 3 iniziative che saranno inserite nel programma del 30° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina (21-29 marzo 2020).La proposta rientra nell’ambito di “Nuovi pubblici dalla A alla Zebra”, progetto finanziato da Fondazione Cariplo e promosso da Associazione COE in partnership con Fondazione ISMU.L’obiettivo è quello di diffondere l’offerta culturale del Festival ad un pubblico sempre più ampio.
L’incontro di formazione avrà luogo sabato 26 ottobre dalle 10 alle 13 presso Fondazione ISMU, in via Galvani 16, Milano. Lo scopo è quello di invitare le comunità straniere a partecipare attivamente all’organizzazione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina e di fornire gli strumenti necessari per organizzare un evento nell’ambito di festival cinematografici.Durante l’incontro di formazione verrà presentato il Festival, la sua storia, la sua cinematografia e i legami con l’attualità, saranno condivisi gli strumenti e le procedure necessarie per organizzare un evento pertinente al Festival.
I partecipanti avranno inoltre l’occasione di acquisire conoscenze che permetteranno alle associazioni di prendere parte ad altre attività culturali e cinematografiche a Milano con una maggiore consapevolezza.Per le iscrizioni c’è tempo fino al 21 ottobre,basta compilare il form on-line al link http://www.ismu.org/corso-cinema-e-culture-iscrizione/www.coeweb.orghttp://www.ismu.org

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »