Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Perché insistere sull’ergastolo ostativo?

Posted by fidest press agency su venerdì, 18 ottobre 2019

La Grande Chambre della Corte Europa ha dichiarato inammissibile il ricorso proposto dall’Italia per ‘tutelare’ l’ergastolo ostativo: un po’ come dire che è pacifico, che non occorre ‘rimettere la testa’, sulla legittimità della pena a vita. Un articolo de “Il Fatto Quotidiano” ha riportato le parole di Niccola Gratteri, secondo il quale “i mafiosi tireranno un bel sospiro di sollievo. É passata l’idea che puoi commettere qualunque crimine, anche il più abietto, poi alla fine esci di galera. Un principio devastante che non possiamo permetterci di accettare: cancellerebbe 150 anni di legislazione antimafia. Per motivi culturali, ma anche pratici, viste le conseguenze che avrebbe non solo in Italia. Ma in tutta Europa”. Una pronuncia, insomma, che piace “ a chi si spaccia per progressista e garantista per interessi inconfessabili o anche soltanto per seguire la moda. A chi racconta che un sistema legislativo come quello antimafia italiano che rende non conveniente delinquere, non è progressista”.Leggere queste parole induce innumerevoli riflessioni in chi scrive ri(con)ducibili, purtuttavia, a poche parole. Ci si chiede: È veramente progressista il pensiero di chi invoca una pena ossequiosa – non solo formalmente – del principio rieducativo di tutte le pene, enunciato in una ‘carta’ entrata in vigore nel 1948?Se è vero, come pare, che le pene possano – molto modestamente – ambire unicamente ad una “tensione rieducativa” (frutto di non poche diatribe in assemblea costituente) “cui prodest” una punizione ontologicamente non-rieducativa? Forse abbiamo sbagliato tutto…forse non capiamo certe dinamiche dell’antimafia e della criminalità organizzata. Concedeteci, però, una piccola chiosa. Se la rieducazione non può orientare la nostra “scala dei valori giuridica” ditelo apertamente: proponete una modifica dell’art. 27 della Cost.: diversamente, a mio modestissimo ed insignificante parere, la questione è assodata. “ Ça va sans dire”. Mi chiedo, però, e qui mi taccio: chi è il vero progressista? Chi vede nel ristretto un moderno Miché, condannato a suonare una tragica ballata “ l’avevan perciò condannato vent’anni in prigione a marcir…però adesso che lui s’è impiccato la porta gli devon aprir…” o chi chiede che le pene, tutte le pene, debbano tendere alla rieducazione del condannato? (by DANIEL MONNI PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE LIBERARSI ODV)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: