Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 25 ottobre 2019

Manovra: Sindacati in presidio, per lotta a evasione misure per Agenzie fiscali

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

“Grande presidio al Mef dei lavoratori delle Agenzie fiscali, così come tutti quelli organizzati sui territori: per le lavoratrici e i lavoratori delle Agenzie servono soluzioni contrattuali e normative”. Oggi, infatti, Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Pa, Confsal Unsa e Flp hanno promosso una giornata di mobilitazione per rivendicare interventi sulle Agenzie fiscali in vista del nuovo impulso alla lotta all’evasione fiscale che il governo si appresta a dare con la prossima legge di Stabilità.Nel corso del presidio di Roma una delegazione ha incontrato il vice ministro dell’Economia e delle Finanze, Antonio Misiani, per rappresentargli tre questioni: “un piano straordinario di assunzioni per l’Agenzie delle Dogane e dei Monopoli e l’Agenzia delle Entrate, l’esigibilità del salario aziendale, una rivisitazione dei modelli organizzativi delle Agenzie”. Temi sottoposti al vice ministro Misiani che, riportano i sindacati, “ha convenuto sulla rilevanza del rilancio della funzionalità complessiva della macchina fiscale, e sul ruolo fondamentale del personale del fisco per il sistema Paese. Temi che si è impegnato a rappresentare da subito al Ministro Gualtieri al fine di verificare da una parte la fattibilità di immediate iniziative sul tema del salario accessorio e dall’altra mirate all’apertura di un confronto più ampio e continuo sui temi della riorganizzazione e del rilancio delle Agenzie”, concludono.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Taglio degli eletti all’estero: a questo punto meglio abolirli e potenziare Comites e CGIE

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

di Fucsia Nissoli Fitzgerald. Sono ormai quasi sette anni che, grazie al mio mandato parlamentare, ho l’opportunità di incontrare le tantissime Comunità locali di italiani del Nord e Centro America. Ogni volta è una differente “sfumatura di italianità”, sempre avvolgente e calda, vissuta nella loro quotidianità e con un unico comune denominatore: l’attaccamento all’Italia. Un sentimento vero, profondo, che mi porta a considerare che ho trovato più Italia all’estero che a Roma. Per questo il mio dovere di rappresentare, in Parlamento, le istanze di queste Comunità, di questi concittadini che chiedono semplicemente più attenzione e servizi adeguati, non è un obbligo ma una missione. Una necessità, per tutti gli italiani all’estero, ovvero che l’Italia si ricordi, costantemente, che ci siamo, chi siamo e cosa possiamo apportare se giustamente integrati e considerati. È quindi naturale la mia esigenza di rendermi utile verso questi concittadini e, quindi, verso queste comunità che, grazie all’aggregazione, portano l’Italia nei cinque continenti e là, la mantengono viva. Sono stata tra gli italiani residenti negli Stati Uniti: quelli della costa orientale e quelli della costa occidentale; quelli degli Stati del Sud ma anche tra quelli degli Stati interni, che sono Comunità meno numerose ma molto attive. In tutte queste realtà mi sono sentita a casa e fiera di essere italiana. Ho goduto delle radici che, nel mantenere vive le diverse tradizioni, connotano quel meraviglioso arcobaleno di dialetti, sapori e colori che solo la nostra cultura può rappresentare nel mondo.Ho visitato le Comunità del Canada, sia quelle anglofone che francofone, ed anche qui sono rimasta colpita da quanto gli italiani si siano fatti apprezzare all’estero: un onore ed un vanto per il nostro Paese. Comunità belle che tengono alto il Tricolore. 🇮🇹
Sono stata in Centro America. Sono cambiati i panorami, le dimensioni dei Paesi che ospitano le nostre comunità, ma anche qui sempre orgogliosa di quanto siamo in grado di distinguerci, positivamente, anche grazie al nostro essere italiani.Poi torno a Roma, nella “Casa di tutti gli italiani” e devo prendere atto di quanto tutto questo sia, anche politicamente, sconosciuto ai più.Io ce l’ho messa tutta e mi sto impegnando ancora con tutte le mie forze per far comprendere, in Parlamento, quale sia l’enorme risorsa che i nostri connazionali, residenti all’estero, rappresentano per il Paese, per la sua cultura e per la crescita di una economia ormai stagnante. Vanno solo riconosciuti anche attraverso adeguate politiche dell’emigrazione.Confesso la complessità di essere, al medesimo tempo, in mezzo a tutte queste realtà, lavorando costantemente in Parlamento per cercare di inserire, nei singoli provvedimenti legislativi, quanto sia utile ed indispensabile per garantire, a quel 10% di cittadini che vivono fuori dai confini nazionali, la pienezza dei diritti di cittadinanza.Come dicevo, però, una missione che affronto con piacere, orgoglio e spirito di servizio – questo deve essere il ruolo di ogni rappresentante del popolo – in favore di coloro che, per le più svariate ragioni, sono spesso stati costretti a vivere lontani dal proprio Paese di origine.Questo configura una necessaria e costante interlocuzione con il maggior numero di residenti in un territorio molto vasto che se è già non così facile da realizzare oggi, figuriamoci quando entrerà in vigore la riforma costituzionale che prevede il taglio degli eletti all’estero con un rapporto eletto elettore inconciliabile con i criteri della democrazia rappresentativa.Infatti, a meno che un referendum non blocchi questa riforma, i deputati eletti all’estero passeranno dagli attuali 12 a 8 e, in Nord e Centro America, da 2 a 1, rappresentando ciascun eletto 700 mila iscritti AIRE. I senatori passeranno dagli attuali 6 a 4 e ciascun senatore rappresenterà oltre 1 milione e 400 mila iscritti AIRE. Poi, se come sento dire, nella nostra Ripartizione entrerà a far parte anche l’Oceania e l’Africa, rischiamo di scadere del ridicolo, cancellando, di fatto, il significato della parola democrazia.Tutto questo ad oggi, senza considerare, quindi, che la base elettorale è in continua crescita, dato il costante aumento dei flussi di emigrazione dall’Italia verso l’estero. Immaginate un domani dove l’oggi è complesso ed il futuro impossibile. Quale rappresentanza ? Quale capacità di ascolto ? E come potrà, un rappresentante, conciliare gli incontri nel territorio con i lavori parlamentari ?Quando potrà lavorare – io, spesso, la faccio in aereo, durante gli spostamenti – ai disegni di legge, le modifiche, le proposte … . Anche se volesse, come faccio io, usare le sue vacanze e pause di lavoro per visitare la maggior parte delle meravigliose comunità come sarà possibile con un territorio così ampio?Da qui la necessaria ed improcrastinabile riflessione, seria e condivisa, sulla rappresentanza estera come, del resto, avevo chiesto, proponendo di stralciare la Circoscrizione estera dalla riforma. Ma nulla, il Governo Conte, sia quello a maggioranza giallo-verde che il secondo a maggioranza rosso-gialla, è stato completamente sordo, mostrando scarsa considerazione per le questioni degli italiani all’estero oltre che una manifesta ignoranza su questo tema che tocca milioni di persone, la loro vita ed il loro futuro (oltre quello del nostro Paese).Avevo, addirittura presentato un disegno di legge per istituire la Commissione bicamerale per gli italiani all’estero, proprio con l’obiettivo di riflettere su come riformare la Circoscrizione estera, ma anche qui, nessun segnale da parte del governo. Infatti nessuna delle due proposte, la mia e quella del sen. Fantetti sono state mai discusse in Parlamento !Ed allora, siamo seri: se, di fatto, la rappresentanza parlamentare dall’estero non interessa, che siano almeno intellettualmente onesti e calino la maschera ! Il Governo abbia, dunque, il coraggio di abolire gli eletti all’estero e di far votare gli iscritti AIRE per i candidati presenti nelle liste elettorali dei luoghi di origine. Potenzi le rappresentanze del Comites e del CGIE che, alla fine, sono coloro che conoscono bene il territorio e, con le risorse risparmiate dall’abolizione degli eletti all’estero, organizzi un sistema realmente democratico per includere questo 10% di cittadini che nonostante “la colpa” (per alcuni), di vivere all’estero, apportano, in differenti modi, alla madre Patria. Non ci possiamo definire un Paese democratico se continuiamo ad avere cittadini di “serie B”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istruzione: Personale Ata, dal decreto salva scuola solo risposte parziali

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Rimane irrisoluto il problema della stabilizzazione delle migliaia di collaboratori scolastici, assistenti tecnici e amministrativi per diversi anni assunti a tempo determinato e dei posti di Direttore dei servizi generali e amministrativi ricoperti dai facenti funzione che chiedono di poter partecipare agli scritti e orali della vigente procedura concorsuale, senza aspettare il prossimo concorso riservato, quando saranno assunti in subordine ai vincitori di concorso. A soffermarsi sull’inerzia sostanziale di chi gestisce la scuola nei confronti del personale amministrativo, tecnico e ausiliario della scuola pubblica, è stato Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief. Intervistato da Orizzonte Scuola, il sindacalista autonomo ha sottolineato un’incongruenza di base: “Per il personale Ata, non possiamo dimenticare che se si pensa di reclutare – giustamente – i lavoratori delle cooperative private”, tuttavia “non si capisce perché non devi stabilizzare il personale scolastico Ata con gli stessi criteri e requisiti”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La scelta educativa in Italia e in Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Roma Giovedì 14 Novembre 2019 Ore 15.00/18.00 presso Sala Convegni USMI-CISM Via Zanardelli, 32 giornata di studio sulla scuola organizzato dall’USMI e dalla CISM con il patrocinio del Senato della Repubblica. Ore 14.45: Inizio dei lavori a cura di Madre Nicla SPEZZATI asc, per la Presidenza U.S.M.I Nazionale
PRIMA SESSIONE – INTERVENTI
Ore 15.00: Intervento del Presidente del Senato Maria Elisabetta ALBERTI CASELLATI
Ore 15.20: Intervento di Sua Em. Card. Gualtiero BASSETTI, Presidente C.E.I.
Ore 15.40: Intervento di Padre Luigi GAETANI ocd, Presidente C.I.S.M. Nazionale
Ore 16.00: Coffee Break
SECONDA SESSIONE – LAVORO IN ASSEMBLEA
Ore 16.30: Confronto con i componenti del Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica presso la C.E.I., che hanno redatto il documento “Autonomia, parità e libertà di scelta educativa” (2017)
Modera i lavori la giornalista Lorena BIANCHETTI
AGESC – Giancarlo FRARE (Presidente Nazionale)
CDO-FOE – Marco MASI (Presidente Nazionale)
CISM – Don Roberto DAL MOLIN (Delegato scuola nel Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica)
CONFAP – Suor Lauretta VALENTE (delegata CONFAP nel Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica)
FIDAE – Virginia KALADICH (Presidente Nazionale)
FISM – Luigi MORGANO (Segretario Generale)
Ore 17.30: Conclusioni e Prospettive di Lavoro a cura di sr Anna Monia ALFIERI, im
(Delegata U.S.M.I. Nazionale nel Consiglio Nazionale della Scuola Cattolica)

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Offerta di immobili in asta è aumentata del 20%

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Secondo l’Osservatorio di Immobiliare.it nel corso dell’ultimo anno è quanto avvenuto nel corso dell’ultimo anno. L’aumento delle richieste si traduce in segnali che fanno ben sperare per il settore: un anno fa, dall’analisi del portale, emergeva che un annuncio di asta rimaneva online quattro volte più a lungo rispetto alle inserzioni di compravendita tradizionale. Oggi lo studio rivela che questo scarto è sceso a tre.L’immobile tipo in asta in Italia misura 111 metri quadrati e ha un costo medio di 145.000 euro. Acquistare con questa formula consente di risparmiare in media il 35% rispetto al libero mercato ma ci sono città e regioni dove lo sconto è maggiore.A Napoli e Palermo, infatti, lo scarto rispetto ai prezzi degli immobili in vendita sul libero mercato raggiunge rispettivamente il 37% e il 35%. Nel capoluogo campano l’immobile tipo in asta misura mediamente 97 metri quadri per un costo medio di 183.000 euro. A Palermo gli immobili in asta hanno una superficie media maggiore, pari a 106 metri quadri, e si parte da un costo medio di 163.000 euro. Al terzo posto per gli sconti più consistenti della base d’asta rispetto ai prezzi del libero mercato si trovano Bari e Genova, dove lo scarto è pari al 33%.Uno sguardo alle regioni rivela che sono l’Abruzzo, la Campania e la Liguria ad offrire le migliori occasioni di risparmio, con prezzi medi più bassi di circa il 40% rispetto al mercato libero.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rimborsi fatturazione a 28 giorni: i gestori rispettino le disposizioni AGCom

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

La annosa vicenda della fatturazione a 28 giorni sembrava in via di risoluzione con il pronunciamento con cui, nel luglio scorso, il Consiglio di Stato ha confermato l’automatismo dei rimborsi stabilito da AGCom per Fastweb, Vodafone e WindTre. Purtroppo, però, i gestori telefonici hanno dimostrato di non voler rispettare il criterio stabilito dall’Authority e continuano imperterriti ad esortare i clienti a presentare – tramite una telefonata, un fax, una PEC, una mail, un messaggio di posta ordinaria o attraverso il sito web – specifica richiesta per la restituzione dei giorni illegittimamente erosi. Vogliamo ribadire che non è necessario presentare alcuna richiesta per ottenere il rimborso e vogliamo anzi dissuadere gli utenti ad aderire ad una indicazione non corretta degli operatori, in merito alla quale è peraltro in corso un processo sanzionatorio proprio da parte dell’Autorità Garante per le Comunicazioni.Infatti assecondando la logica che subordina il rimborso alla presentazione di una richiesta si rischia di legittimare questa inaccettabile procedura.La diffusione di indicazioni inesatte sulla questione costituisce potenzialmente un enorme vantaggio economico per le aziende: la presunta necessità di presentare richiesta di rimborso può finire di fatto per indurre molti utenti a desistere.Gli sportelli della Federconsumatori continuano a ricevere richieste di informazioni e di assistenza, anche perché la vicenda si è ormai trascinata oltre ogni ragionevole ed accettabile tempo di attesa. Per non venire meno al giusto principio della restituzione automatica noi continuiamo a dire loro di aspettare.A tale proposito ricordiamo che si attende ancora la pubblicazione delle motivazioni della sentenza di luglio del Consiglio di Stato nonché il pronunciamento analogo in merito ai rimborsi per i clienti TIM.Quanto tempo devono ancora aspettare gli utenti per ottenere il rimborso dei milioni di Euro incassati dalle aziende con questo comportamento?

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Venditore a domicilio: un lavoro per giovani

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

La vendita a domicilio è una professione che piace ai giovani italiani. A dirlo sono i numeri di Univendita, la maggiore associazione di categoria italiana del settore: nelle aziende associate il 37% dei venditori ha meno di 35 anni, con una quota importante di under 25 (il 15,7%). «Si tratta dunque dei cosiddetti millennials – fa notare il presidente di Univendita Ciro Sinatra – e sono quanto di più lontano dallo stereotipo del “bamboccione”: per trovare la propria strada nel mondo del lavoro hanno deciso di puntare su un settore in cui ci si mette in gioco in prima persona, prevale la meritocrazia e i risultati sono direttamente commisurati all’impegno».
Ma cosa spinge le persone in questa fascia d’età a intraprendere un percorso nella vendita a domicilio? Come entrano in questo settore? Qual è il loro grado di soddisfazione? Da un sondaggio condotto da Univendita sui un campione di venditori appartenenti alle aziende associate emergono alcuni dati interessanti.
I numeri rivelano che sono molti i giovani che si approcciano alla professione per una scelta spontanea, senza conoscerla a priori (cioè senza essere clienti delle aziende del settore e senza aver ricevuto una proposta da un conoscente che fa il venditore): è così per il 30% dei giovani fra i 25 e i 34 anni e per il 39% degli under 25. Fra questi ultimi, il 24,4% ha cominciato rispondendo a un annuncio o un contatto sul web. Altro elemento degno di nota è che la scelta di diventare venditori a domicilio non è stata dettata dalla mancanza di alternative sul piano occupazionale: meno di una persona su tre era senza lavoro prima di iniziare. Fra i giovani sotto i 25 anni, in particolare, il 39% dichiara di essere studente. «Questo è uno scenario tipico – spiega sempre Sinatra – in quanto la professione si presta molto bene a essere affiancata agli studi. Ci si organizza il tempo in autonomia, ci si garantisce un’entrata interessante e si cresce sul piano personale e professionale. In genere i giovani che si affacciano a questo mondo sono attratti dalla possibilità di fare, guadagnando, un’esperienza molto formativa, che fa curriculum; le aziende poi garantiscono interessanti piani di carriera». Tutte le opportunità di lavoro offerte dalle aziende di Univendita sono elencate su http://www.univendita.it.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Micromobilità elettrica in città, le regole della sperimentazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

La legge di Bilancio 2019 ha previsto a suo tempo la possibilità per i Comuni di autorizzare la sperimentazione della circolazione sul proprio territorio di “veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica”, quali segway, hoverboard e monopattini. La legge è intervenuta sul Codice della Strada permettendo l’uso di tali veicoli nelle aree pedonali e nelle zone a traffico limitato, pur lasciando vigente il generico divieto di utilizzo sulle carreggiate. Si tratta infatti di una sperimentazione che ha termini e durata limitati, dettagliata da un decreto ministeriale ed affidata alla disciplina dei singoli Comuni che nel caso dovranno organizzare un’adeguata segnalazione nelle zone dove la circolazione è concessa, ed informare i propri cittadini. (Rita Sabelli, responsabile Aduc aggiornamento normativo)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra Emilio Scanavino: Genesi delle forme

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Parma Palazzo Pigorini 10 novembre – 15 dicembre 2019. L’inaugurazione avverrà sabato 9 novembre alle 17.30 nelle sale di Palazzo Pigorini Strada della Repubblica 29/A, Inaugurazione Sabato 9 novembre, ore 17.30 Date 10 novembre – 15 dicembre 2019Orari Giovedì e venerdì dalle 14.30 alle 18.30 | Sabato e domenica dalle 10 alle 18.30 Ingresso libero, a cura di Cristina Casero ed Elisabetta Longari in collaborazione con l’Archivio Emilio Scanavino e il sostegno del Comune di Parma. La rassegna offre una lettura inedita dell’opera di Emilio Scanavino (Genova, 1922–1986), artista che è stato protagonista della stagione italiana della pittura informale negli anni Cinquanta, aggiornando poi i suoi modi nei decenni seguenti lungo una traiettoria personale e coerente.
Nelle sue fotografie Scanavino immortala brani di realtà – corde, innesti, insetti, muri, nodi, pietre -, tutti elementi che qui diventano forme primarie, archetipi, il cui senso va oltre il loro significato letterale. Come evidenzia una delle due curatrici, Elisabetta Longari, “la fotografia aiuta Scanavino a leggere con evidenza il carattere particolare della materia, ne capta la qualità, la struttura segreta”, e quindi il motivo per cui egli ricorre a questo strumento espressivo è “la conoscenza, la più profonda e diretta possibile. La fotografia in questo quadro si rivela un ottimo strumento d’indagine, l’obiettivo è un occhio ravvicinato cui non sfugge nulla, o comunque che sa cogliere ciò che l’occhio umano non afferra”. L’artista, dunque, assegna alla fotografia un ruolo fondamentale nel processo di genesi delle forme del suo immaginario, non fondato soltanto sulla sua invenzione, sulla sua immaginazione, ma capace di trarre forza anche da quella ricognizione sulla realtà che egli compie anche attraverso il mezzo fotografico.
Emilio Scanavino (Genova, 1922 – Milano, 1986), conseguito il diploma artistico, nel 1942 si iscrive alla Facoltà di Architettura dell’Università di Milano, ma interrompe gli studi a seguito della chiamata alle armi. Nel 1947 Scanavino si reca per la prima volta a Parigi dove soggiorna qualche tempo e, accanto ai critici, incontra i poeti e gli artisti, Edouard Jaguer, Wols, Camille Bryen. L’esperienza parigina si rivelerà fondamentale nel suo percorso stilistico, in particolare per gli echi del postcubismo che assimila e interpreta in chiave personale fin dal 1948, quando espone alla Galleria l’Isola di Genova. Nel 1950 alla XXV Biennale di Venezia espone Soliloquio musicale e suscita l’attenzione della critica. Sarà invitato alla Biennale di Venezia anche nel 1954, nel 1958 e nel 1960 con una sala personale. Nel 1951, in occasione di una mostra personale alla londinese Galérie Apollinaire, trascorre un periodo a Londra, dove viene profondamente colpito dall’opera di Bacon, Sutherland e Matta. Dal 1968 lavora sempre di più a Calice Ligure, avendovi stabilito una comunità artistica, specialmente dedita alle attività artigianali e alla ceramica. Alla sua opera sono state dedicate mostre personali presso la Kunsthalle di Darmstadt (1973), Palazzo Grassi di Venezia (1973) e Palazzo Reale di Milano (1974).

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Teatro: Familie Floz Teatro Delusio

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Roma Dal 5 al 17 novembre 2019 al Teatro Sala Umberto, Via della Mercede, 50 dopo il grande successo riscontrato nella passata stagione, torna a grande richiesta uno dei fenomeni teatrali più famosi al mondo: la compagnia berlinese Familie Flöz che, insieme a Arena Berlin e Theaterhaus Stuttgart, presentano per la prima volta a Roma uno dei loro spettacoli di maggior successo: Teatro Delusio.con Andres Angulo, Johannes Stubenvoll, Thomas van Ouwerkerk Musica Dirk Schröder Maschere Hajo Schüler Costumi Eliseu R. Weide Disegno Luci Reinhard Hubert Direttore di Produzione Gianni Bettucc Assistente di Produzione Dana Schmidt
Regia di MICHAEL VOGEL.Un ‘opera teatrale, una storia di successi, 640 repliche, 34 paesi, premi e menzioni, non ultima quella di essere la produzione più stellata del Fringe Festival di Edimburgo 2016, una produzione che annovera tra i suoi spettatori più affezionati anche il direttore artistico della Sala Umberto Alessandro Longobardi che ha già accolto la Familie lo scorso aprile 2019, segnando un successo di pubblico con un altro cavallo di battaglia di questa compagnia: Hotel Paradiso.
La Familie Flöz cavalca la cresta dell’onda della scena teatrale mondiale dopo più di 2.500 repliche in 43 paesi negli ultimi 25 anni e sono pronti ancora una volta a strabiliare il pubblico, tra gesti e maschere, dando vita ad un teatro muto capace di parlare al cuore di tutti. Biglietti da 34 € a 19 € http://www.salaumberto.com

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: A.A.A. docente cercasi

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

L’alto numero di cattedre scoperte continua a farsi sentire. E non è limitata ad alcune aree del Paese: ormai, anche se si tratta di istituzioni pubbliche, dopo che gli Uffici scolastici hanno ben presto “scaricato” il problema alle scuole, ai presidi non è rimasto altro che provare con le graduatorie d’Istituto. Ma siccome in tanti casi non sono servite a molto, perché i candidati si sono presto esauriti, i capi d’istituto sono passati alle vie informali prendendo in considerazione le Mad. Solo che ora nemmeno queste bastano più, perché l’opera di comparazione richiesta dal Miur non è facile dal compiersi, soprattutto, come spesso avviene, in presenza di candidati con titoli diversi da quelli specifici richiesti per la classe di concorso di cui ha bisogno la scuola. L’ultima spiaggia diventano i portali specializzati in Istruzione, da dove l’annuncio arriva direttamente a casa dei potenziali supplenti: una sorta di Mad al contrario.
Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief: “Sulla scuola italiana si sta portando a compimento un’opera di demolizione ad ampio raggio, iniziata con l’algoritmo impazzito, passata per la chiamata diretta ed ora dirottata sulla ricerca dei precari tramite internet e social. Il progetto è iniziato con il ritardare sempre più l’uscita dal lavoro, in modo da avvalorare il già esistente record dei docenti più vecchi d’Europa per via della presenza di due docenti su tre sopra i 50 anni di età; poi, si è deciso di ridurre ai minimi termini il turn over, arrivando a produrre da anni un numero solo apparentemente ampio di immissioni in ruolo, per poi concretizzarne meno della metà perché le uniche graduatorie reputate valide sono ormai senza candidati. Nel frattempo, mentre si continuano a tenere in naftalina oltre 100 mila abilitati all’insegnamento, la politica dei concorsi-lumaca non ha fatto altro che aumentare il precariato. In generale, sulla bilancia va messa anche la volontà di volere mantenere basso il livello di valorizzazione del corpo docente, ad iniziare dalla modestia degli stipendi”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turismo inclusivo e sviluppo locale: uno sguardo oltre le barriere

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Roma Martedì 29 ottobre 2019, alle 10.00, all’Università Europea di Roma (via degli Aldobrandeschi 190), si terrà il convegno “Sviluppo locale e turismo. Una lettura attraverso il paradigma della sostenibilità e accessibilità”.L’incontro sarà aperto da un saluto del Rettore Padre Pedro Barrajón LC e dall’introduzione di Gianluca Casagrande, vicecoordinatore del corso di laurea in Turismo e Valorizzazione del territorio e Direttore del GREAL – Università Europea di Roma.Il dibattito ha l’obiettivo di riflettere sui criteri per lo sviluppo del turismo nei prossimi decenni. Il turismo da una attività antropica “smokeless”, senza effetti inquinanti, si sta modificando ad una attività con diversificati impatti sia per il crescente numero di turisti, che di anno in anno viaggiano per tutto il nostro pianeta, sia per il gravoso impatto ambientale conseguente. Così il turismo rischia di divenire, se non giustamente pianificato a livello locale – “pensa globalmente e agisci localmente” -, una minaccia dei cambiamenti climatici e di ostacolare la convivenza sociale.“Per limitare tali possibili pericoli – spiega la Prof.ssa Carmen Bizzarri, docente nel Corso di Turismo dell’Università Europea di Roma – è necessario agire immediatamente con politiche volte alla diminuzione dell’uso delle risorse naturali, attivando le tecnologie appropriate e innovative per i territori, ma soprattutto declinando il turismo verso una equità sociale intergenerazionale e intra-generazionale.Nel turismo la sostenibilità sociale, infatti, sarà in grado di realizzarsi quando il turismo diventa inclusivo grazie ad una nuova modalità di progettare il prodotto turistico, che sarà pianificato con attività non solo accessibili, ma inclusive, ovvero offrendo a tutti gli ospiti potenziali ed effettivi di vivere l’esperienza turistica nella sua totalità con attenzione alla persona, alle sue esigenze e ai suoi bisogni.Il turismo inclusivo è, d’altronde, un turismo che va oltre le barriere sociali, di genere, di pelle o di età, consolidando la prospettiva etica di un mondo che potenzialmente è per tutti e dove ognuno può trovare un proprio altrove per stare in armonia con sé stesso e con il creato”.

Posted in Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pa: Fp Cgil, passi avanti in revisione classificazione personale Stato

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

“Passi avanti nella revisione del sistema di classificazione del personale del comparto delle Funzioni Centrali, così come previsto dal passato contratto, che dovranno necessariamente proseguire”. A darne notizia è la Funzione Pubblica Cgil nel resoconto della riunione di oggi all’Aran della Commissione Paritetica sui sistemi di classificazione del personale.
L’Aran, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, fa sapere il sindacato, “ha presentato una ‘Ipotesi di lavoro per la revisione del sistema di classificazione del personale’ sulla quale si è svolto il confronto che si sostanzia su un sistema articolato su 3 aree (di supporto, operativa e funzionariale), con la previsione di un solo accesso dall’esterno per ogni area e la previsione di gruppi e famiglie professionali. La proposta – spiega la Fp Cgil – contiene inoltre una analisi delle criticità riscontrate nell’istituto delle progressioni economiche orizzontali, ipotizzando l’adozione di modalità che ‘sdoppino’ l’attuale istituto in modo da dare risposta sia all’esigenza di inclusività (tramite il riconoscimento dell’esperienza professionale) sia all’esigenza di selettività (tramite il riconoscimento dell’acquisizione di più elevate capacità professionali)”.Inoltre, continua il sindacato, “Aran inserisce poi la proposta di un potenziamento dell’utilizzo delle posizioni organizzative mediante la previsione di incarichi ‘manageriali’ o ‘professionali’, in riferimento rispettivamente ad incarichi correlati a responsabilità di risultato o a responsabilità derivanti dallo svolgimento di funzioni richiedenti la iscrizioni ad albi professionali. In virtù della caratteristica di ‘investimento sull’organizzazione’ si ipotizza la possibilità di destinare a questo istituto risorse specifiche per non gravare sui fondi per la contrattazione decentrata”.Come Fp Cgil, prosegue, “abbiamo apprezzato l’obiettivo di convergere verso un modello unico di classificazione per l’intero comparto delle Funzioni Centrali, precisando tuttavia che vanno tenute a riferimento le esperienze più evolute all’interno del comparto, in modo da rispondere alle dichiarate esigenze di flessibilità e dinamicità del sistema per mettere le Amministrazioni in condizioni da poter rispondere con tempestività alle evoluzioni dei processi lavorativi nella Pa. Abbiamo poi espresso apprezzamento per il recepimento nella proposta di alcuni elementi che fanno parte della nostra proposta e che avevamo anticipato nel precedente incontro, come la necessità di riconoscere l’esperienza professionale e la peculiarità di alcune professionalità specifiche”.
Tuttavia, precisa la Fp Cgil, “abbiamo considerato insufficienti le soluzioni ipotizzate sia per quanto riguarda l’individuazione delle tre aree, che sostanzialmente ripropongono la struttura attuale e non prevedono di fatto il superamento definitivo della attuale prima area, sia per la soluzione individuata per le specifiche professionalità, con la previsione di utilizzare l’incarico di posizione organizzativa. Per questo abbiamo chiesto di ragionare sulla istituzione di una terza area riservata a professionisti e alte specialità, in tal caso superando l’ipotesi di una terza area di bassa qualificazione professionale. Abbiamo poi evidenziato come nel testo di Aran siano da inserire e sviluppare sia il tema delle declaratorie di area che quello relativo agli accessi nelle aree, elementi indispensabili per verificare la coerenza della proposta con gli obiettivi del superamento dell’attuale prima area e del fenomeno del mansionismo”.”Nell’interlocuzione abbiamo introdotto l’ipotesi di percorsi formativi in entrata differenziati a secondo del titolo di studio posseduto dal lavoratore (scuola dell’obbligo o diploma per l’area operativa; laurea triennale, vecchio ordinamento o magistrale per quella funzionariale), nonché la necessità di prevedere accessi anche dall’interno con percorsi selettivi ed esperienza professionale utilizzabile in mancanza del titolo di studio richiesto per l’accesso dall’esterno. In conclusione riteniamo che la seduta di oggi abbia contribuito a far fare dei passi avanti significativi nei lavori della Commissione e che negli incontri prossimi dovranno necessariamente proseguire per traguardare gli obiettivi che da ultimo ci siamo dati con il documento presentato nell’incontro unitario del 10 ottobre scorso. La prossima riunione della Commissione dovrebbe essere fissata entro il mese di novembre”, conclude la Fp Cgil.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tasse, evasione e galera. L’inutilità delle decisioni in atto

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Sembra che tutti i politici della maggioranza siano contenti. Certo, ci sono i distinguo come quelli fatti da alcuni esponenti del partito di Matteo Renzi, ma poi votano tutti insieme. Possiamo annoverare una nuova conquista del “partito conduttore” dei nostri ultimi due governi: dopo aver abolito la povertà e la corruzione, ora hanno abolito l’evasione fiscale. E ci dicono di avervi provveduto prevedendo maggiore galera per alcuni evasori, quelli eccessivi.
A nostro avviso si tratta di un meccanismo psicologico – trasmigrato per la bisogna alla politica – che commuta il desiderio in realtà. Avete presente quando uno viene preso da una fissazione, credendo che tutto intorno sia finalizzato al proprio bene o al proprio male, più o meno condito da influenze astrali e/o religiose? E’ quanto ci sembra stia accadendo.
Sentiamo già una voce grossa che sovrasta questo nostro approccio: “che fai? Presti la spalla agli evasori?”. E ci sembra che anche questa voce grossa faccia parte dello stesso meccanismo psicologico trasferito alla politica.
Ci facciamo una domanda: ma veramente qualcuno crede che aumentando le pene per un reato lo stesso non verrà più commesso? Ci vengono in mente quelle sentenze che comminano al reo due o tre ergastoli… qualcuno crede che in questo modo ci sia stata più giustizia di quella che ci sarebbe stata nel caso in cui al reo fosse stato comminato un solo ergastolo? Suvvia! Nel caso dei giustizieri del nostro governo non stiamo parlando di reati per cui sia previsto l’ergastolo… ma qualcuno crede che se ad un evasore fiscale venga comminata una pena di 20 anni al posto di 10, questo evasore si senta più timoroso nel commettere questo reato? Suvvia! E’ quasi ovvio che starà solo più attento, che raffinerà il suo metodo delinquenziale, che aumenterà le mazzette da elargire a man bassa, etc etc.
Il problema a nostro avviso è che, così come siamo messi oggi, ci saranno sempre e comunque dei funzionari disposti a prendere e chiedere delle mazzette. Così come ci saranno sempre dei contribuenti che, per un motivo o per un altro, evaderanno. Un motivo: facile arricchimento; altro motivo: se pagano le tasse non stanno dietro allo standard di vita che tutt’intorno gli viene fatto credere (o lui crede) sia funzionale al suo specifico status. E quindi? Ci teniamo l’evasione e continuiamo a curarci il cancro con l’aspirina?
Ovviamente no. Chi scrive non ha formule magiche perché domani siano tutti ligi a pagare le proprie tasse. Ma chi scrive vive in questa società, in questo sistema economico. E vive e percepisce il disaggio di tutti coloro che sono contribuenti e cittadini. Ci sono alcune isole felici, ma mediamente l’amministrato si sente preso in giro vedendo e constatando che l’uso di queste tasse da parte della pubblica amministrazione è “sgradevole”…. e il conseguente rigetto/allontanamento dal sentirsi parte della comunità è quotidiano.Questo a nostro avviso è il punto centrale. Con il corollario di un sistema giudiziale che dimostri il suo funzionamento grazie alla sua celerità e incisività. Prerogative che per essere tali non hanno bisogno che le pene siano di venti anni invece che di dieci. Con l’aggiunta che non possiamo escludere che un giudice, di fronte al dover comminare una pena di venti anni chieda più tempo rispetto ad altrettanta pena di dieci anni.
Quello a cui accenniamo non è impresa facile. Ma intende contribuire ad individuare dove occorre attaccare il nostro sistema per far sì che l’evasione abbia sempre meno ragioni d’essere: giustizia e semplificazione amministrativa. Nel frattempo, le pene stratosferiche sono solo fumo negli occhi, erogato da chi, per se stesso e per gli amministrati, si accontenta di dichiarare. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Violenze nel nord-est della Siria: bambini le prime vittime

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Più di 74.000 bambini sono stati costretti a fuggire dalle loro abitazioni e ora si ritrovano a vivere dentro le scuole, in edifici abbandonati o in tende provvisorie allestite nei campi aperti. Migliaia di sfollati, sottolinea Save the Children – l’Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro – in questo momento hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria, come cibo, acqua pulita e rifugi. “Nei cinque principali campi per sfollati, persone di decine di nazionalità diversa, tra cui siriani, iracheni e altri, dipendono già quasi interamente dagli aiuti umanitari – spiega Sonia Khush, Direttrice degli interventi di Save the Children in Siria – Nelle ultime due settimane, in alcuni di questi campi stanno confluendo ulteriori sfollati, il che mette ancor più a dura prova le popolazioni che vivono già in condizioni precarie, con pochissime risorse. Per evitare una crisi umanitaria su vasta scala, oltre a una cessazione duratura delle ostilità è quindi fondamentale che i civili e gli operatori umanitari possano spostarsi senza alcun ostacolo”. “Siamo fuggiti per scampare agli attacchi aerei e ai bombardamenti. Gli aeroplani volavano in cerchio, e non potevamo fare altro che scappare per salvare le nostre vite. Mia suocera è stata ferita, mentre mio cognato, mio nipote e mio cugino risultano dispersi. Abbiamo dei bambini piccoli con noi e abbiamo dovuto lasciarci tutto alle spalle pur di mettere in salvo la nostra vita e quella dei nostri figli. Siamo fuggiti a piedi nudi con solo i nostri vestiti addosso e ora siamo qui senza niente: non abbiamo né cibo né niente e non sappiamo cosa fare”, è la testimonianza di Shahad*, 30 anni, che ora vive in una scuola ad Al Hassakeh. Nell’ambito dei suoi interventi per rispondere all’emergenza in Siria, Save the Children ha finora distribuito oltre 200 kit di prima necessità, con vestiario, materassi e coperte, circa 440 razioni alimentari e più di 2.000 confezioni di cibo già pronto per esser consumato.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brexit senza accordo: mantenere i fondi UE 2020 per il Regno Unito

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Il Parlamento europeo ha approvato una misura per garantire che i fondi UE per il 2020 restino disponibili nel caso in cui il Regno Unito lasci l’Unione europea senza un accordo. Il progetto di regolamento proroga al 2020 il piano di emergenza approvato dal Parlamento europeo il 17 aprile 2019, limitato al 2019.L’obiettivo è quello di ridurre al minimo l’impatto negativo che il ritiro del Regno Unito potrebbe avere sui beneficiari dei finanziamenti UE e sul bilancio dell’Unione europea in caso di “no deal”. La misura comprende programmi quali Orizzonte 2020, Erasmus+ e le politiche agricole e regionali.La proposta consentirebbe di prorogare i pagamenti ai beneficiari britannici per tutto il 2020, a condizione che il Regno Unito continui a versare i propri contributi e accetti i controlli e le verifiche necessarie.Il progetto di raccomandazione del relatore Johan Van Overtveldt (CRE, BE), Presidente della commissione bilanci, che ha sostenuto l’approvazione della proposta, è stato adottato con 543 voti favorevoli, 30 contrari e 46 astensioni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno “Contenuti e servizi: prospettive per l’evoluzione di SBN”

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Venezia. 5 novembre prossimo, a partire dalle ore 15.30, e proseguirà nella giornata del 6 novembre con orario 9.30 – 16.30. Piazzetta San Marco n. 13. L’iniziativa è organizzata dalla Biblioteca Nazionale Marciana in collaborazione con l’Associazione Italiana Biblioteche e la Fondazione Ugo e Olga Levi, nella sua sede storica.
Il Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN) è l’infrastruttura informatica che ha realizzato una rete di servizi pubblici basata sul catalogo collettivo di circa 6.500 biblioteche italiane, e che a Venezia vede cooperare 39 biblioteche cittadine con un catalogo comune di oltre 2.300.000 documenti. Nel trentennale della nascita del Polo veneziano del SBN questo convegno si propone di discutere sulle prospettive di evoluzione del sistema, in considerazione delle mutate condizioni tecnologiche e delle attuali esigenze degli utenti. La discussione verterà in particolare sul documento “Cosa SBN dovrebbe fare nel breve-medio periodo”, recentemente pubblicato dal Gruppo di lavoro sulle biblioteche digitali dell’AIB e disponibile al seguente indirizzo:
https://www.aib.it/wp-content/uploads/2019/07/Cosa_sbn_dovrebbe_fare.pdf
L’esigenza di salvaguardare i livelli di servizio fin qui raggiunti, in epoca di contrazione di risorse sia umane che finanziarie, e nel medesimo tempo di affrontare le sfide dell’era digitale inducono le biblioteche a ripensare le modalità e gli strumenti della cooperazione all’interno della rete del Servizio Bibliotecario Nazionale, anche in vista della valorizzazione delle proprie
ricchissime collezioni presso pubblici diversi da quelli tradizionali.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arrive Accelerates Deployment of Seamless Parking Solutions Across North America

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Arrive is accelerating the deployment of its seamless parking solutions across North America, moving from city-based tests to wide-scale implementation of its frictionless technologies. By the end of 2020, Arrive aims to have installed Bluetooth and other technologies in tens of thousands of garages and lots across the U.S. and Canada. Drivers who purchase parking through the company’s ParkWhiz and BestParking apps, or one of Arrive’s partners like Ticketmaster, Amazon Alexa, or Honda will be able to seamlessly enter and exit garages and lots without making a reservation or pulling a ticket at the gate. “The way people get from place to place is changing as fast as new technology is developed. It can be difficult for businesses to keep up and a financial burden for parking operators and asset owners to continue investing in expensive technology,” said Yona Shtern, CEO of Arrive. “We have developed a range of low-cost and easy-to-install solutions, and are committed to working with operators and PARCS companies to enhance their existing infrastructure, making it possible for them to enable new technology faster and creating a better, more connected experience for drivers.” To help the company accelerate its expansion, Arrive has entered into a strategic partnership with Inugo, a New Zealand-based company, to provide Arrive with Bluetooth connectivity kits that the company has integrated into existing PARCS systems.
“We’ve spent many years building a platform that allows parking operators to have a robust, cost-effective solution for enabling digital access to their gates for a range of use cases. By partnering with Arrive, we will be able to expand our footprint in North America and collaborate with them to enable seamless access for millions of drivers across the country,” said Ben Martel, CEO of Inugo.Inugo is the latest hardware solution provider to join Arrive in its pursuit of seamless parking solutions, joining previously announced hardware partners Flash Parking, Parkonect, TIBA, Skidata and DataPark.In addition to more hardware partnerships, Arrive is also announcing nationwide operator partnerships with InterPark and Propark Mobility to help advance frictionless parking and other mobility services.“Arrive’s unique approach to the marketplace, focusing on connecting parking operators to the millions of customers who will use new technologies in connected cars and fleets, helps Propark enhance our business today, and ensures we are adaptable to the changing landscape of mobility,” said John Schmid, CEO of Propark Mobility. InterPark COO James Mueller said, “Arrive’s flexible and collaborative partnership nicely supports our own investments in improving the customer experience without requiring additional costs.” Arrive and Inugo will demo the new Bluetooth connectivity kit in the Arrive booth at the 2019 National Parking Association Annual Convention and Expo.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

5th Annual Small Cap Growth Conference

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

October 29th, 2019 at 4:05pm Eastern Time at the Wyndham Grand Hotel in the Preserve Ballroom in Jupiter, Florida. Lineage Cell Therapeutics, Inc. (NYSE American and TASE: LCTX), a clinical-stage biotechnology company developing novel cell therapies for unmet medical needs, announced today that Brandi L. Roberts, Chief Financial Officer, will be presenting at the Dawson James Securities. Interested parties can access a live audio webcast on the Events and Presentations section of Lineage’s website and an archived presentation will be available for 30 days.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Incyte to Present at Upcoming Investor Conference

Posted by fidest press agency su venerdì, 25 ottobre 2019

Incyte Corporation (Nasdaq:INCY) announced today that it will present at the Credit Suisse 28th Annual Healthcare Conference on Tuesday, November 12, 2019 at 8:35 am (MST) / 10:35 am (EST) in Scottsdale, Arizona.The presentation will be webcast live and can be accessed at http://www.incyte.com under For Investors, Events and Presentations and will be available for replay for 30 days. Investors interested in listening to the live webcast should log on before the start time in order to download any software required.
Incyte Corporation is a Wilmington, Delaware-based biopharmaceutical company focused on the discovery, development and commercialization of proprietary therapeutics. For additional information on Incyte, please visit the Company’s web site at http://www.incyte.com.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »