Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for novembre 2019

Trenitalia in Spagna

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Per i servizi alta velocità Madrid – Barcellona, Madrid – Valencia/Alicante e Madrid – Malaga/Siviglia.Il consorzio ILSA, composto da Trenitalia e Air Nostrum, è stato selezionato da ADIF, il Gestore dell’infrastruttura ferroviaria spagnola, come primo operatore privato ad accedere nel mercato iberico. L’inizio del servizio commerciale è previsto per gennaio 2022 e avrà una durata decennale.“Questo progetto segna l’ingresso del Gruppo FS nel mercato ferroviario alta velocità iberico” ha sottolineato Gianfranco Battisti, Amministratore Delegato e Direttore Generale di FS Italiane. “Siamo orgogliosi di mettere a disposizione anche in Spagna il know-how sviluppato in 10 anni di alta velocità con 350 milioni di passeggeri trasportati in Italia, unici in Europa in un mercato competitivo”, ha continuato Battisti. “Il Gruppo FS Italiane è un player internazionale primario, pronto ad affrontare le sfide per le gare nel mercato americano dopo l’aggiudicazione sia dei servizi ferroviari fra Londra ed Edimburgo, operativi dal 9 dicembre in Gran Bretagna, sia del progetto per l’alta velocità in Thailandia.”
Il consorzio ILSA offrirà 32 collegamenti giornalieri sulla rotta Madrid – Barcellona (16 in ciascuna direzione). La rotta Madrid – Valencia avrà otto collegamenti al giorno, sette saranno quelli sia fra Madrid e Malaga sia fra Madrid e Siviglia. Da Madrid ad Alicante, invece, ci saranno quattro collegamenti giornalieri, incrementabili durante le settimane estive di punta. Il treno scelto da ILSA è il Frecciarossa 1000 fabbricato con tecnologie ecosostenibili e dotato di design aerodinamico. Le cinque rotte aggiudicate saranno servite grazie a una flotta di 23 treni.
Il Frecciarossa 1000, treno di punta della flotta di Trenitalia e più veloce d’Europa, è stato progettato e costruito secondo le Specifiche Tecniche di Interoperabilità (STI) internazionali che consentono al treno di poter circolare su più reti europee. Il Frecciarossa 1000 è il primo treno alta velocità ad aver ottenuto la certificazione di impatto ambientale (EPD) ed è costruito con materiali riciclabili e riutilizzabili per quasi il 100%, oltre ad avere ridotti consumi idrici ed elettrici.Trenitalia è presente con società controllate in Gran Bretagna con Trenitalia c2c (trasporto pendolare) e Trenitalia UK che dal 9 dicembre 2019 gestirà i servizi InterCity da Londra a Glasgow/Edimburgo (West Coast Partnership); in Germania con Netinera (passeggeri); in Francia con Thello (collegamenti internazionali Italia – Francia) e in Grecia con TrainOSE (servizi passeggeri).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istruzione: Anief rappresentativo, ora pronti a difendere ancora di più i lavoratori del comparto scuola

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, è stato intervistato ai microfoni di Teleborsa; tanti i punti trattati: assemblee sindacali, sicurezza, progressione di carriere, mobilità e altro: “Vogliamo ricominciare a fare sindacato, secondo quello che ci dice l’Europa, consultando e informando i lavoratori della scuola” Il giovane sindacato ha raggiunto una tappa importante con la rappresentatività, “un porto nel viaggio che ha portato l’Anief nella difesa come baluardo contro la precarietà e la supplentite per rinnovare la fiducia verso il sindacato, che vuole cominciare a tutelare di nuovo i diritti dei lavoratori”. Il commento del presidente Anief, Marcello Pacifico Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, afferma che “scenderemo di nuovo, non dico nelle piazze se sarà il caso ancora, ma soprattutto dentro le scuole. Vogliamo entrare in più di mille scuole, con delle assemblee sindacali che da una parte vadano a discutere coi colleghi che verranno quali cose cambiare nel rinnovo del contratto, quali sono gli elementi che necessariamente bisogna cambiare, poi continuare a informare i lavoratori sui diritti, sugli anni di precariato svolti, sulla ricostruzione di carriera, sulla progressione di carriera, sulla mobilità, per quanto riguarda appunto tutto il servizio di precariato che ancora non viene riconosciuto sia per personale docente e Ata e ovviamente non possiamo dimenticare che ci aspetteranno in futuro le contrattazioni d’istituto, che ormai sono avviate e concluse in alcuni casi”.
“Dobbiamo capire cosa è fondamentale mettere nelle contrattazioni d’istituto, come bisogna garantire il diritto alla sicurezza e la salute dei lavoratori. Abbiamo la legge di bilancio, abbiamo il decreto-legge salva precari, vogliamo capire se gli emendamenti presentati da Anief, in questo momento discussi dal Parlamento, sono quelli richiesti dal personale della scuola e se in futuro dovremo fare nuove proposte. Ecco vogliamo ricominciare a fare sindacato, secondo quello che ci dice l’Europa, consultando e informando i lavoratori della scuola”, conclude il sindacalista autonomo.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Decreto Legge N. 126/2019: sbloccati i posti “Quota 100”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Non si ripeterà la mancata copertura del turn over verificatasi quest’anno a seguito dei circa 25 mila posti venutisi a liberare a seguito dell’anticipo pensionistico “Quota 100” e non assegnati al turn over: lo prevede un emendamento approvato in settimana dalle Commissioni Cultura e Lavoro della Camera. Per Anief che ne ha caldeggiato l’approvazione è una norma giusta che doveva essere approvata già prima. L’anno prossimo il personale che lascerà la scuola anticipatamente attraverso l’anticipo pensionistico “Quota 100”, introdotto dal Governo M5S-Lega e valevole fino al 2021, sarà rimpiazzato con nuove assunzioni a tempo indeterminato: è servita da lezione, quindi, l’esperienza della scorsa estate, quando le lungaggini delle verifiche dei requisiti per accedere al pensionamento, realizzate dall’Inps, hanno vanificato la possibilità di assegnare nel contingente delle immissioni in ruolo i tanti posti liberati attraverso il sistema previdenziale che permette di lasciare il lavoro con almeno 38 anni di contributi e 62 anni di età anagrafica.Nella fattispecie, l’emendamento 1. 107. al decreto n. 126 sulla scuola che da domani arriverà nell’Aula della Camera, dopo la sua approvazione da parte delle Commissioni VII e IX, prevede che “in via straordinaria, in considerazione dei posti” che a seguito della pensione anticipata con il sistema cosiddetto “Quota 100” anche nel 2020 rimarranno “vacanti e disponibili, sono nominati in ruolo i soggetti inclusi a pieno titolo nelle graduatorie valide per la stipula di contratti a tempo indeterminato, che siano in posizione utile per la nomina rispetto alle facoltà assunzionali non utilizzate alla conclusione delle operazioni di immissione per l’anno scolastico 2019/2020”.La nomina del lavoratore subentrante in ruolo prevede, sempre secondo l’emendamento approvato, che avrà “decorrenza giuridica dal 1° settembre 2019 e decorrenza economica dalla presa di servizio, che avviene nell’anno scolastico 2020/2021”. Infine, chi subentrerà al personale, avrà facoltà di scegliere “la provincia e la sede di assegnazione con priorità rispetto alle ordinarie operazioni di mobilità e di immissione in ruolo da disporsi per l’anno scolastico 2020/2021”.

Posted in scuola/school, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Campidoglio: parte il recupero di un tratto del Colle Capitolino

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Partiti i lavori di consolidamento e riqualificazione della parete tufacea che sostiene il Belvedere Caffarelli e via di Villa Caffarelli sul versante del Colle Capitolino che si affaccia su via del Teatro di Marcello. Un tratto del colle geologicamente fragile, la cui area verde sottostante si snoda intorno a importanti resti storici e archeologici, tra cui la celebre “casa del luparo”.L’intervento, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, oltre a mettere in sicurezza l’area, renderà di nuovo fruibile il giardino che si estende lungo questo lato del colle “simbolo” della romanità attraverso dei percorsi pedonali, ridisegnati sul tracciato storico accessibili anche ai disabili. Un sistema di rampe e vialetti, intervallati da nuove sedute, riporterà in auge questo lato del parco ideato negli Anni Trenta del Novecento, caratterizzato da slarghi e terrazze panoramiche che si affacciano sul Teatro di Marcello. Tra le novità, la realizzazione di un nuovo sistema di illuminazione che evidenzierà elementi morfologici, archeologici e storico-artistici di questa parte dell’antico Mons Capitolinus.Il progetto, redatto dai tecnici della Sovrintendenza Capitolina con il supporto alla progettazione di Zètema Progetto Cultura, ha ottenuto il parere favorevole della Soprintendenza statale competente sulla tutela. L’intervento finanziato da Roma Capitale per un costo complessivo pari a € 1.128.672,40 sarà realizzato, a seguito di gara con evidenza pubblica, dal raggruppamento di imprese (Celletti costruzioni generali srl e Holding servizi e partecipazioni srl). La conclusione delle opere è prevista alla fine del 2020. L’area archeologica, situata alle pendici occidentali del Campidoglio che costeggia l’attuale via del Teatro di Marcello, è stata messa in luce in occasione delle demolizioni realizzate tra il 1929 e il 1933 per la realizzazione dell’allora Via del Mare nell’ambito di un disegno urbanistico mussoliniano che attribuiva al Campidoglio un ruolo di primo piano quale simbolo della romanità primigenia.I lavori, oltre a far riaffiorare i resti di un esteso quartiere di età romana, il Foro Olitorio, fecero emergere ampie porzioni del banco tufaceo del Colle Capitolino caratterizzate da problemi di staticità — presenti anche in età antica – che, fin dall’inizio, determinarono l’attuazione di interventi di consolidamento, completati nel 1943 e tuttora visibili lungo via del Teatro di Marcello, vico Jugario e via della Consolazione.Negli Anni Sessanta dello scorso secolo si ebbero nuovi e gravi episodi di distacco dalla parete tufacea che comportarono ulteriori interventi di messa in sicurezza, visibili ancora oggi, la cui validità sarà verificata dai saggi che saranno effettuati nel corso nei lavori.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aurelio Regina festeggia il titolo di Cavaliere del Lavoro

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Una sede prestigiosa, quella di Palazzo Braschi con gli scenografici affacci su piazza Navona illuminata. Un ospite d’onore: il genio di Canova e il contesto che lo scultore trovò nella Roma del 1779. E poi i tanti invitati, un parterre di ospiti prestigiosi dell’economia, del giornalismo e dell’impresa. Così Aurelio Regina, azionista e vice presidente di Manifatture Sigaro Toscano, ha festeggiato ieri sera il recentissimo titolo di Cavaliere del Lavoro. La serata è cominciata con un giro esclusivo tra le oltre 170 opere di Canova e degli artisti a lui contemporanei, esposte in uno spettacolare gioco di luci e ombre, di movenze eleganti e apparizioni di mitiche divinità. La serata si è poi conclusa al terzo piano del museo dove una cena privata ha accolto i tanti amici di Regina.Tra i presenti, tra gli altri, il Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, il Presidente dell’ABI Antonio Patuelli, alcuni banchieri tra cui Giampietro Nattino, presidente di FINNAT.
Si sono visti anche Gianni Letta, Paolo Astaldi e la moglie Marina, Ugo Brachetti Peretti, Valter Mainetti, Franco Bernabè e Franco Bassanini accompagnato dalla moglie, l’ex Vicepresidente del Senato Linda Lanzillotta. Nel parterre anche tanti manager come gli Amministratori Delegati di Ferrovie, Gianfranco Battisti; di Snam, Marco Alverà; di Italgas Paolo Gallo; di Acea, Stefano Donnarumma; di Trenitalia e di RFI, Orazio Iacono e Maurizio Gentile e ancora, l’ex ministro Piero Gnudi, il Presidente di Philip Morris Italia, Eugenio Sidoli, l’ex ad di Ferrovie e Leonardo Mauro Moretti.Ricca la pattuglia delle Istituzioni a cominciare dal Capo della Polizia di Stato, Franco Gabrielli e il Direttore Generale del DIS, Gennaro Vecchione e il Vice Comandante Generale della Guardia di Finanza, Edoardo Valente. E molto ampia anche la partecipazione del mondo diplomatico, tra gli altri, l’Ambasciatrice dell’India, Reenat Sandhu e il Viceambasciatore USA, Thomas D. Smitham.Per il brindisi e la mostra sono arrivati anche il Presidente dell’Istituto Commercio Estero, Carlo Ferro e della SACE, Beniamino Quintieri, i Consiglieri della Presidenza della Repubblica Emanuela D’Alessandro, Giovanni Grasso e Simone Guerrini e per la Corte dei Conti il Presidente Angelo Buscema. Inoltre, i Capi di Gabinetto del MISE e del MEF, Vito Cozzoli e Luigi Carbone.
Tanti gli amici stretti, a cominciare dal Presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’AD di Medusa Giampaolo Letta, lo showman Renzo Arbore e il Presidente dell’APT, Giancarlo Leone.Presenti anche molti parlamentari, dal Questore del Senato, Francesco Giro, alla Capogruppo Maria Elena Boschi, al Sottosegretario ai Beni Culturali Lorenza Bonaccorsi. Inoltre, gli Onorevoli Andrea Ruggieri, Emilio Carelli, Maurizio Gasparri. Infine, in rappresentanza del mondo giornalistico, tantissimi ospiti, a cominciare da Michele Renzulli caporedattore del Tg1, il Direttore di Avvenire Marco Tarquinio, Myrta Merlino (La7) accompagnata da Marco Tardelli, Annalisa Bruchi e tanti altri. Saluto e brindisi finale con Vittorio Sgarbi.

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Xiaomi annuncia i risultati finanziari per il terzo trimestre 2019

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Xiaomi Corporation (“Xiaomi” o il “Gruppo”; Stock Code: 1810), società Internet con smartphone e dispositivi smart interconnessi da una piattaforma Internet of Things (IoT), annuncia oggi i risultati consolidati e certificati del terzo trimestre 2019 chiuso al 30 settembre 2019 (“Q32019” o “il Periodo”).Durante questo Periodo, i ricavi totali del Gruppo sono aumentati del 5,5% rispetto all’anno precedente (“YoY”) attestandosi a 53,7 miliardi di RMB, facendo del Q32019 il trimestre con i ricavi totali più alti dalla sua fondazione. L’utile netto rettificato è stato di 3,5 miliardi di RMB, con un incremento del 20,3% rispetto all’anno precedente. L’utile netto totale rettificato del Gruppo nei primi tre trimestri è stato pari a 9,2 miliardi di RMB, già superiore all’utile netto dello scorso anno.Nel corso del Periodo, il Gruppo ha continuato ad operare con prudenza, migliorando costantemente la propria capacità di resistenza al rischio e ottimizzando significativamente l’utile lordo. L’utile lordo, pari al 15,3%, è aumentato del 25,2% rispetto all’anno precedente, raggiungendo 8,2 miliardi di RMB. La liquidità totale è stata pari a 56,6 miliardi di RMB.
Xiaomi Corporation è stata fondata nell’aprile 2010 e quotata al Main Board della Borsa di Hong Kong (1810.HK) il 9 luglio 2018. Xiaomi è una società Internet con smartphone e dispositivi smart interconnessi da una piattaforma Internet of Things (IoT).Grazie alla vision di essere amica dei propri fan e di diventare la “società più cool” nel cuore dei propri utenti, Xiaomi si impegna nell’innovazione continua, con una costante attenzione alla qualità e all’efficienza. L’azienda costruisce instancabilmente prodotti sorprendenti con prezzi onesti per permettere a tutti nel mondo di godersi una vita migliore attraverso tecnologie innovative.Xiaomi è attualmente il quarto brand di smartphone al mondo e ha creato la più grande piattaforma IoT consumer del mondo, con oltre 213 milioni di dispositivi intelligenti (esclusi smartphone e laptop) connessi a essa. I prodotti Xiaomi sono presenti in oltre 90 paesi e regioni in tutto il mondo e hanno raggiunto una posizione di leader in molti mercati. A luglio 2019, Xiaomi si posiziona per la prima volta nella lista Fortune Global 500 classificandosi al 468° posto e al 7° posto nella categoria Servizi Internet e Vendita al dettaglio. Xiaomi è la più giovane azienda Global 500 del 2019.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sul corretto riciclo dei Pneumatici Fuori Uso

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Giunto alla sua VIII° edizione il concorso ha coinvolto i ragazzi siciliani nel realizzare un video con un messaggio legato alle buone pratiche per il corretto recupero dei PFU, i Pneumatici Fuori Uso. Una giuria di esperti, composta da rappresentanti di Legambiente, Ecopneus, Ministero dell’Istruzione e Ministero dell’Ambiente ha valutato tutti i lavori e stilato la classifica.
In Sicilia nel 2018 Ecopneus ha raccolto 17.800 tonnellate di Pneumatici Fuori Uso. La raccolta prosegue in linea anche nel 2019, con 14.398 tonnellate raccolte nei primi 10 mesi del 2019. A livello provinciale 1.337 t raccolte ad Agrigento, 995 t nella provincia di Caltanissetta, 3.583 t a Catania, 785 t a Enna, 2.308 t a Messina, 876 t a Palermo, 1.470 a Ragusa, 1.494 a Siracusa e 1.510 t nella Provincia di Trapani.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Dipartimento incontra aziende, garantiti livelli occupazionali nella refezione

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Il Dipartimento Politiche Educative di Roma Capitale ha incontrato ieri pomeriggio le aziende aggiudicatarie della gara d’appalto per il servizio di ristorazione educativa e scolastica e riscontrato da parte loro l’impegno ad assorbire il personale ad oggi impiegato nei servizi rispettando la clausola sociale a garanzia dei livelli occupazionali. L’avvio del nuovo appalto è programmato a gennaio.La gara d’appalto, vigilata dall’Anac nel quadro rigoroso che questa Amministrazione ha voluto adottare in materia di appalti, contiene infatti al suo interno una clausola sociale fortemente voluta dall’Amministrazione al fine di tutelare i livelli occupazionali ai sensi di legge e la continuità nell’ottica di garantire la massima qualità dei cibi e del servizio rivolto agli alunni.Inoltre il Dipartimento ha ricevuto la risposta attesa dall’Avvocatura Capitolina in merito agli approfondimenti di natura tecnico legale previsti dall’accordo siglato a settembre con i sindacati. Il parere, sollecitato dalla stessa Amministrazione accolte le istanze sindacali in tal senso, è stato tuttavia negativo.Lo stato di avanzamento della procedura è stato condiviso oggi in un incontro tra l’Assessorato alla Persona, Scuola e Comunità solidale e i rappresentanti dei sindacati maggiormente rappresentativi del settore, durante il quale l’Amministrazione ha ribadito massima apertura e disponibilità nel continuare a condividere con le sigle sindacali l’avanzamento del percorso avviato a tutela dei lavoratori nelle nuove aziende.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istruzione e formazione: Urgente adeguamento degli organici e ripresa della formazione iniziale

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Sono ripresi al CNEL gli incontri della Commissione istruttoria per le politiche sociali e lo sviluppo sostenibile finalizzati a selezionare, nell’ambito della molteplicità delle problematiche afferenti l’istruzione e la formazione, alcune priorità, con l’intento di fare proposte operative – concrete ed incisive – in grado di affrontare il tema delle competenze e innalzare i livelli di istruzione, rispetto al quale l’OCSE da anni segnala il disallineamento del Paese. Oltre al gruppo di lavoro ieri era presente il Dott. Rubinacci, dirigente tecnico del MIUR con il quale i partecipanti hanno iniziato il confronto che proseguirà nelle prossime settimane. Temi all’ordine del giorno: l’orientamento, la formazione permanente e l’inclusione. Sulla formazione degli insegnanti è stato avviato un piano triennale dal ministero ma non basta: Anief ha ribadito l’urgenza di far ripartire la formazione iniziale al momento interrotta. Negli ultimi anni si è assistito all’avvicendamento di SSIS, TFA, FIT. Questi percorsi hanno integrato con una formazione specifica il bagaglio culturale dei docenti, formati come professionisti dell’educazione. L’assenza di procedure abilitanti attivate con regolarità ha impoverito il bagaglio formativo dei docenti, ma soprattutto ha ritardato l’accesso alla carriera dei docenti che in Italia sono in media tra i più anziani d’Europa. Per questo Anief ha proposto l’attivazione di un percorso abilitante regolare che garantisca almeno 10 mila posti annuali con tirocinio da svolgersi su posti vacanti e disponibili su cui venire immessi in ruolo a termine dell’anno di prova e dopo un esame finale. Per rispondere alle esigenze di orientamento e inclusione Anief ha evidenziato l’urgenza dell’adeguamento degli organici alle effettive esigenze della comunità e del territorio, alla dislocazione degli istituti scolastici, alla rete di collegamento con le stesse istituzioni scolastiche nelle piccole isole o comunità montane, all’ubicazione in luoghi a rischio o ad alto tasso di dispersione scolastica, senza dimenticare le zone ad alto tasso migratorio o ancora depresse economicamente. L’adeguamento delle risorse è garanzia della parità di accesso al sistema di istruzione e dell’inclusione. Seguiranno ulteriori incontri nelle prossime settimane, Anief continuerà a segnalare con forza, al Governo e al Parlamento, anche attraverso lo spazio di iniziativa del CNEL, le criticità del sistema di istruzione e formazione e le proposte per affrontarle.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: ricostruzione di carriera

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Due contratti collettivi nazionali di lavoro firmati dagli altri sindacati, quasi un milione di decreti di ricostruzione di carriera emanati dai dirigenti scolastici sono illegittimi laddove non valutano il servizio effettivamente prestato negli anni di pre-ruolo, per via di un raffreddamento che è contrario alla normativa comunitaria, perché non effettivamente sorretto da ragioni oggettive. Il ricorso è stato discusso in Cassazione dagli avv. Nicola Zampieri e Fabio Ganci dopo la sentenza Motter della Corte di Giustizia Europea sempre patrocinata dagli avvocati del giovane sindacato. Marcella Pacifico (Anief): “Ora si cambino subito le norme per fare finalmente giustizia, perché siamo pronti a coinvolgere i tribunali del lavoro”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le biblioteche scolastiche continuano a essere un’emergenza nazionale

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Roma. Sono alcuni dei dati che verranno presentati giovedì 5 dicembre alle 11.30 in Sala Aldus a Più libri più liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, in programma fino a domenica 8 dicembre al Roma Convention Center La Nuvola. Ne discuteranno Lucia Azzolina (Sottosegretaria MIUR), Ricardo Franco Levi (presidente AIE) e Giovanni Peresson (AIE), moderati dal giornalista del Corriere della Sera Paolo Conti. Nella seconda giornata della Fiera nazionale della piccola e media editoria si parlerà anche di politiche per il libro e attività dedicate alla lettura nelle scuole. Un primo incontro, Politiche per il libro, gli editori e la lettura in Francia e Germania, realizzato in collaborazione con Aldus, è in programma alle 10.30 in Sala Aldus: Andrea Carbone (Institut Français) e Christina Hasenau (Direttrice Centro Informazioni e Redazione Internet del Goethe-Institut), moderati da Stefano Salis (Il Sole 24 Ore), discuteranno dei progetti a sostegno della lettura e del settore nei due Paesi europei con le più forti industrie editoriali, Francia e Germania. Ciò che avviene in Europa e nelle scuole straniere in Italia emergerà anche dall’incontro L’educazione alla lettura nei programmi scolastici europei, in programma alle 12.30, sempre in Sala Aldus. Come si colloca la lettura nei programmi scolastici dei principali Paesi europei? Che spazio viene dato a queste attività, quali risorse sono destinate alle biblioteche scolastiche? Alcune scuole straniere di Roma e i loro insegnanti racconteranno la loro esperienza e quella del loro Paese. Ne parleranno Agnès Leone (Lycée Chateaubriand), Eva Lample Marcos (Liceo Cervantes) e Esther Lehmann (Scuola svizzera di Roma), moderate da Paolo Conti.
Biblioteche e lettura saranno temi trattati anche nei due incontri in collaborazione con ISTAT in programma sabato 7 dicembre. Il convegno I lettori in biblioteca, ore 15.30, sarà l’occasione per presentare l’indagine ISTAT 2019 sul pubblico delle biblioteche di pubblica lettura. Interverranno Rosa Maiello (Associazione Italiana Biblioteche), Giovanni Peresson (AIE) e Miria Savioli (ISTAT), moderati da Riccardo De Palo (Il Messaggero). Al centro dell’appuntamento delle 16.30, Come misurare la lettura?, con Emanuela Bologna (ISTAT) e Giovanni Peresson (AIE), sarà invece la discussione su cosa si considera lettura nell’era digitale, e come rilevarla. Entrambi gli appuntamenti si svolgeranno in Sala Aldus.
È quanto emerge dall’indagine, realizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE) in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR), il Centro per il Libro e la Lettura (CEPELL) e l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB), per fotografare lo stato delle biblioteche scolastiche italiane e basata sulle risposte di 7.762 scuole. Un quadro che si ricompone dopo otto anni dall’ultima rilevazione e che evidenzia come, rispetto al 2011, la spesa media per studente per il loro funzionamento sia di 1,13 euro (1,56 euro otto anni fa) e il numero di scuole dotate di biblioteca si attesti oggi all’85% rispetto all’89% di allora. E questo malgrado il 45% delle scuole indichi che la biblioteca sia stata potenziata grazie a iniziative come #ioleggoperché.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primo concorso fotografico internazionale dedicato ai trittici

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Lugano. 3 dicembre 2019. Negli spazi di via Pelli 13 – piano primo – Lugano di Artphilein Library, alle ore 18.30, saranno esposti i lavori dei cinque finalisti: ERNESTO BLOTTO (Italia) ENNIO DEMARIN (Italia) MIYUKI OKUYAMA (Giappone) PIETRO PRIVITERA (Italia) ANDREA TONELLOTTO (Italia). La giuria, presieduta da Andrea Micheli, e impreziosita dalla partecipazione del curatore Gian Franco Ragno, proclamerà il vincitore durante la serata.L’autore dell’opera vincitrice si aggiudicherà un premio in denaro di CHF 1’500 e la possibilità di una mostra personale da Heillandi Gallery a Lugano (CH).Heillandi Gallery e Andrea Micheli, insieme agli Sponsor UBP – Union Bancaire Privée e De Pietri Artphilein Foundation, proclameranno il 3 dicembre 2019 presso Artphilein Library il vincitore della prima edizione del Swiss Photo-Three Award, primo premio internazionale dedicato ai trittici ed aperto a fotografi, professionisti e non, di ogni nazionalità. Uno degli obiettivi che lo Swiss Photo-Three Award si è posto è quello di contribuire ad affermare il tema dell’identità in fotografia, della centralità espressiva; la forma del trittico è insidiosa e in quanto tale un banco di prova per identificare, ove presente, un linguaggio fotografico definito e solido.

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo. Di Maio e l’Alitalia. Che disastro!

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Roma. Se ancora la memoria ha qualche valore, si può ricordare quello che Luigi Di Maio, per 14 mesi vicepremier, ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, dichiarava su Alitalia:
1.”Serve un ottimo management, non altri soldi pubblici”. Invece, il suo subentrante al ministero dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli afferma “Tornare all’Iri? Se serve, assolutamente sì”. Significa che noi contribuenti dobbiamo tirare fuori dalle tasche altri soldi per una compagnia aerea che perde 500 milioni l’anno, e che è costata complessivamente al contribuente 9,4 miliardi.
2. “Alitalia farla diventare una compagnia strategica per il turismo italiano”. La quota di traffico da e per il nostro Paese, rappresentato dall’Alitalia, è dell’8,5%, l’altro 91,5% è gestito da altre compagnie. La quota di mercato europeo, rappresentata da Alitalia, è il 2%, l’altro 98% è gestito da altre compagnie. Il che significa che chi viene in Italia non lo fa perché c’è una compagnia aerea nazionale, cioè l’Alitalia, che garantisce il turismo verso il nostro Paese. Il turista viene in Italia indipendentemente dalla presenza di Alitalia.
3. “Sono molto fiducioso che entro fine mese si possa chiudere brillantemente anche questo dossier”. Era l’ottobre del 2018. Siamo a novembre 2019, e il dossier non si è risolto per niente.
4. Occorre “Punire i responsabili della attuale situazione Alitalia significa promuovere l’azione di responsabilità su quei manager che in questi anni hanno utilizzato Alitalia come un bancomat”.
Era luglio 2018. Siamo a novembre 2019 e dell’azione di responsabilità non scorgiamo traccia.
Questo sono le parole del ministro Di Maio. Di fatti non se ne scorge l’ombra.
Ma chi lo ha eletto? Mi chiede di solito l’avventore del bar mentre sorseggiamo un caffè. Il popolo, rispondo. Quello al quale metteranno le mani intasca per salvare l’insalvabile.Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Disturbi del sistema nervoso centrale

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Zurigo Arvelle Therapeutics GmbH, una società biofarmaceutica emergente focalizzata sui trattamenti innovativi per i pazienti affetti da disturbi del sistema nervoso centrale, ha annunciato che SK life science, Inc., una consociata di SK Biopharmaceuticals Co., Ltd., ha ricevuto l’approvazione dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per le compresse di cenobamate, come trattamento per le crisi epilettiche parziali negli adulti (ora denominate crisi ad insorgenza focale), in attesa dell’esame della pianificazione da parte della Drug Enforcement Amministrazione (DEA) statunitense. Arvelle Therapeutics ha ottenuto i diritti di licenza esclusiva per lo sviluppo e la commercializzazione del cenobamate in Europa da SK Biopharmaceuticals. Arvelle Therapeutics intende presentare una domanda di autorizzazione all’immissione in commercio (AIC) nell’Unione europea, nel primo semestre 2020, per il cenobamate come trattamento delle crisi ad insorgenza focale nei pazienti adulti sulla base dei dati ottenuti dal programma di sperimentazione clinica globale di SK life science che coinvolge più di 1.900 pazienti durante gli studi di Fase 2 e 3.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per l’Italia 36 miliardi di euro destinati all’agricoltura, 43 miliardi per la coesione

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Nel prossimo quadro finanziario pluriennale dell’UE per il periodo 2021-2027 i fondi destinati a settori considerati prioritari e ad alto valore aggiunto europeo potrebbero aumentare di circa 200 miliardi di euro mentre quelli a favore della politica agricola comune (PAC) e della politica di coesione dovrebbero subire una riduzione. In questo scenario l’Italia potrebbe beneficiare di circa 36,3 miliardi di euro per la politica agricola, diventando il quarto Paese beneficiario dei fondi PAC, dopo Francia, Spagna e Germania. Sul fronte della politica di coesione le risorse a disposizione dell’Italia salirebbero a 43 miliardi di euro rispetto alla dotazione di 34 miliardi del periodo 2014-2020. Questi sono alcuni dei dati emersi oggi a Matera nel corso convegno “NON SPRECHIAMO L’EUROPA – Fondi europei, opportunità di sviluppo e ruolo del dottore commercialista”, organizzato dalla Cassa Dottori Commercialisti (CNPADC).
L’incontro, che rientra nel programma “Previdenza in tour” della CNPADC, giunto alla sua ottava edizione, si è focalizzato sui fondi europei, sulle opportunità che offrono per lo sviluppo del sistema economico nazionale e sul ruolo che i dottori commercialisti possono svolgere nel supportare aziende e professionisti in questo percorso. Sul fronte nazionale si registra, infatti, una carenza nella gestione dell’accesso a queste opportunità per imprese e professionisti, che si traduce in una bassa capacità di spesa dei fondi. Per recuperare terreno diventa quindi strategico il ruolo che professionisti e istituzioni possono ricoprire nel facilitare l’accesso e la gestione da parte delle imprese italiane e degli Enti interessati di questi importanti motori di crescita economica.Con riferimento al prossimo quadro finanziario pluriennale 2021-2027 la Commissione europea ha proposto di innalzare le risorse per settori quali ricerca, innovazione e agenda digitale, giovani, migrazione e gestione delle frontiere, difesa e sicurezza interna, azione esterna, clima e ambiente. Al contempo si prevede che verranno ridotti finanziamenti destinati alla politica agricola comune (PAC) e alle politiche di coesione verso le quali sono rivolti gli strumenti finanziari di supporto, come il Fondo di Coesione, il Fondo di Sviluppo Regionale (FESR) e il Fondo Sociale europeo+ (FSE+).
Per l’Italia questo si traduce in una riduzione di circa 4,7 miliardi di euro di fondi per la politica agricola comune rispetto agli oltre 41 miliardi della PAC 2014-2020. Con 36,3 miliardi di euro, tuttavia, il nostro Paese sarebbe quarto per risorse totali dopo Francia (62,3 miliardi), Spagna (43,7 miliardi) e Germania (40,9 miliardi).L’Italia sarebbe in controtendenza per quanto riguarda la politica di coesione, con un aumento da 34 a 43 miliardi di euro circa rispetto alla dotazione 2014-2020, potendo destinare tali risorse a quelle che l’UE, nella futura programmazione, definisce regioni meno sviluppate (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna e Molise), regioni in transizione (Abruzzo, Marche e Umbria) e regioni più sviluppate (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, provincia di Bolzano, provincia di Trento, Friuli Venezia-Giulia, Emilia Romagna, Toscana e Lazio).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ambientalismo: fondatore Extinction Rebellion minimizza la Shoah

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Dovrebbe essere capita, rispettata. E invece la Shoah continua a essere minimizzata e banalizzata, come se fosse un episodio con poca rilevanza.A questa lista di persone che ogni anno annovera nuovi nomi, si è aggiunto Roger Hallam, co-fondatore del movimento ambientalista radicale Extinction Rebellion, conosciuta per le continua proteste contro i cambiamenti climatici.Il 52enne britannico in un’intervista al settimanale Zeit ha sminuito l’enorme valore della Shoah:“È un fatto che milioni di persone nella nostra storia sono state regolarmente uccise in circostanze terribili. I belgi sono venuti in Congo alla fine del XIX secolo e l’hanno decimato. A voler essere onesti si potrebbe dire che è un evento quasi normale, solo un’altra stronzata nella storia dell’umanità”.
Ma cos’è la Extinction Rebellion? Prendiamo l’autodefinizione presente nel sito web in italiano del movimento ambientalista:“Siamo un gruppo di attiviste/i che credono nell’efficacia della Nonviolenza nelle azioni e nella comunicazione di tutti i giorni e nella necessità di unirci per poter prosperare. Crediamo nella pace, nella scienza, nell’altruismo, nella condivisione di conoscenza. Nutriamo profondo rispetto per l’ecosistema nel quale viviamo, per questo motivo impegniamo le nostre vite a diffondere un nuovo messaggio di riconciliazione, discostandoci dal separatismo e dalla competizione, sulle quali la società moderna si basa; siamo i narratori di una storia più bella che appartiene a tutti noi, agiamo in nome della vita”.E ancora:“Proviamo rispetto per chiunque, anche coloro che non la pensano come noi: rispettiamo i funzionari in divisa, il Governo e le Istituzioni, nonostante l’inazione riguardo alla crisi ecologica e climatica”.Rispetto per chiunque, ma non per la Shoah, un evento tragico della storia che ha visto morire milioni di persone e visto soffrirne tante altre.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Abu Dhabi accoglie 1,3 milioni di hotel guest nel Q3 2019

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Abu Dhabi. I dati pubblicati dal Dipartimento Cultura e Turismo – Abu Dhabi (DCT Abu Dhabi) riportano il numero di ospiti che hanno soggiornato negli hotel dell’emirato durante il terzo trimestre del 2019: più di 1,3 milioni con un aumento del 1,7% rispetto allo stesso periodo del 2018. Nell’anno in corso invece, si contano fino ad oggi 3,8 milioni di hotel guest, + 2,9%.
L’ultimo rapporto DCT Abu Dhabi mostra inoltre che i ricavi totali degli hotel nel terzo trimestre hanno superato 1 miliardo di Dirham, registrando un aumento dell’1,7% rispetto al 2018. L’occupazione alberghiera è cresciuta notevolmente, dal 4% al 69%, mentre la durata media del soggiorno (ALOS) è aumentata del 5,6%, toccando le 2,5 notti.Questi numeri sono generati in gran parte dai visitatori dei mercati principali. Gli hotel guest provenienti dall’India (+ 8,1%), Regno Unito (+ 5,3%), Oman (+ 18,6%) e Arabia Saudita (+ 2,1%) mostrano un aumento significativo tra luglio e settembre. Nel terzo trimestre, il mercato italiano registra 8.000 hotel guest ed una durata media del soggiorno di 4 notti. “I risultati riflettono l’impegno del DCT Abu Dhabi, degli stakeholder e dei partner turistici nel promuovere una destinazione avvincente e ricca di eventi di richiamo mondiale, per ogni tipo di viaggio, leisure o business, e turista internazionale. Infatti, le stime del terzo trimestre risultano impressionanti. L’estate è generalmente un periodo più tranquillo per il settore turistico della regione, ma i numeri sono stati sostenuti da alcuni eventi davvero eccezionali, come l’Abu Dhabi Showdown Week, l’Abu Dhabi Family Week, l’esclusiva Summer In Abu Dhabi e la celebrazione dell’Eid Al Adha”, ha affermato HE Saif Saeed Ghobash, sottosegretario DCT Abu Dhabi. “Tutto ciò fa sperare nella realizzazione di ulteriori 12 mesi da record per Abu Dhabi in termini di arrivi. Secondo le previsioni l’emirato accoglierà 5,1 milioni di ospiti entro la fine dell’anno, registrando un aumento del 2% rispetto al 2018, mentre il numero di stanze occupate supererà gli 8,6 milioni, + 5,6 %”.“Entro fine anno, attesi ancora tanti imperdibili eventi e nuove entusiasmanti attrazioni: il weekend dal 28 novembre al 1° dicembre in occasione del Gran Premio di Formula 1 Etihad Airways Abu Dhabi, il nuovissimo appuntamento culturale Al Hosn Festival, dal 12 al 19 dicembre, ed il Capodanno animato dalla performance esplosiva della star Bruno Mars. Da non perdere l’apertura, il 29 novembre, del CLYMB ™ Abu Dhabi, un’attrazione originale ed unica nel suo genere, che presenta la più grande camera di volo per paracadutismo indoor del mondo e la parete per arrampicata indoor più alta del mondo”.Infine, nell’anno in corso l’India risulta il primo mercato incoming per Abu Dhabi, con oltre 321.000 hotel guest. La Cina ha registrato più di 297.000 presenze, con il Regno Unito che si posiziona al terzo posto nel ranking mondiale, con oltre 190.000 visitatori. Gli hotel guest italiani ad oggi sono 35.000, con una media soggiorno pari a 4,2 notti.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Influenza: il virus è in anticipo

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

Sono 642mila i cittadini costretti a letto a causa dell’influenza dall’inizio della sorveglianza epidemiologica. Il virus è in anticipo, nello stesso periodo dello scorso anno infatti aveva colpito 505mila persone. Nell’ultima settimana di rilevazione (18-24 novembre) i nuovi casi ammontano a 167.000. Il livello di incidenza del virus in Italia è pari a 2,76 casi per mille assistiti. Le regioni più colpite sono Sicilia (4,16), Lombardia (4,39), Piemonte (4,11), Toscana (3,10) ed Emilia-Romagna (3,07). In totale potrebbero essere oltre 7 milioni gli italiani colpiti dall’influenza nel corso dell’interna stagione 2019-2020. E’ quanto emerge dal 36° Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), in corso a Firenze, con la partecipazione di oltre 3.000 camici bianchi da tutta la Penisola. “La nostra società scientifica, grazie ai medici sentinella distribuiti su tutto il territorio e a un’esperienza ventennale, è asse portante di questo sistema di rilevazione – spiega il dott. Claudio Cricelli, presidente Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG) –. La campagna di vaccinazione anti influenzale sta andando bene, anche se è iniziata un po’ in ritardo. A differenza dello scorso anno, non abbiamo registrato criticità nella distribuzione delle scorte di vaccini e la copertura si preannuncia buona. Non è mai troppo tardi per ricorrere a questo fondamentale strumento di profilassi. Il vaccino è ben tollerato, efficace e sicuro. Sta continuando l’ascesa della curva epidemica, la situazione è sotto controllo e il sistema assistenziale riesce ad assorbire i carichi di lavoro: quest’anno infatti in tutto il territorio si è avuto un incremento della domanda e dell’offerta del vaccino antiinfluenzale, che fa ben sperare sui numeri positivi di copertura vaccinale in tutte le persone a rischio”. “Il nostro ruolo nel contrasto all’influenza è fondamentale – aggiunge il dott. Ovidio Brignoli, Vice Presidente Nazionale SIMG -. Come medici di famiglia siamo presenti in modo capillare su tutto il territorio nazionale e possiamo fornire alle istituzioni sanitarie, locali e nazionali, tutti i dati relativi a incidenza, prevalenza e mortalità. Sulla base di questi numeri è possibile pianificare interventi concreti di salute nell’interesse della collettività. Nella popolazione generale esistono alcune tipologie di persone che presentano un rischio maggiore di contrarre l’influenza, di trasmetterla e di sviluppare le complicanze correlate, sono gli individui considerati fragili. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) li ha suddivisi in cinque diverse categorie a rischio, ovvero i bambini al di sotto dei 5 anni di età, le donne in gravidanza, gli over 65, i pazienti cronici e gli operatori sanitari”.
Con il Piano Nazionale Prevenzione 2017-2019, il Ministero della Salute ha confermato la volontà e necessità di raggiungere un obiettivo di copertura minimo pari al 75% e uno ottimale del 95% per la vaccinazione antinfluenzale, da raggiungere in tutte le categorie a rischio individuate dal Piano. Nella stagione 2018-1019, però, i livelli di copertura del vaccino antinfluenzale tra le diverse fasce d’età, comprese le categorie più a rischio, hanno evidenziato percentuali ancora lontane dagli obiettivi fissati nel piano. I bambini al di sotto dei 5 anni, per esempio, mostrano livelli tra l’1,7% e il 3,1%, mentre fra gli over 65 il livello di copertura è pari al 53,1%. “Durante la scorsa stagione i casi gravi sono stati 809 (pazienti ricoverati in unità di terapia intensiva) con insufficienza respiratoria secondaria ad influenza – sottolinea il dott. Aurelio Sessa, responsabile SIMG del settore -. I decessi riconosciuti come effetto finale dell’influenza sono stati 198. L’età media di questi pazienti era di 63 anni e l’età media dei deceduti di 68 anni. L’84% dei casi gravi e l’89% dei deceduti aveva almeno una comorbidità e l’80% non risultava vaccinato. Questi dati ci devono far riflettere sull’utilità della vaccinazione antiinfluenzale. Il virus dell’influenza è caratterizzato da una capacità di diffondersi molto elevata. Una persona è in grado di infettarne altre otto nell’arco di 1 metro di distanza, rendendo classi scolastiche, metropolitane, aerei o altri luoghi di incontro molto pericolosi. Per questo la copertura vaccinale è in grado di fare da scudo efficace ed evitare gravi danni al sistema Paese. La nostra la raccomandazione è di estendere la vaccinazione a più categorie possibili”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Italia che dimentica le sciagure

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

“L’Italia è un campione di velocità nel passare dall’emozione per una sciagura alla sua rimozione nella memoria collettiva e conseguentemente nelle scelte politiche per eliminarne le cause”: la frase ad effetto è di Massimo Gargano, Direttore Generale dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), intervenuto al convegno per i 30 anni della Legge 183 sulla Difesa del Suolo, organizzato nella Capitale dall’Ordine degli Ingegneri della provincia di Roma.
“Gli esempi si sprecano – prosegue il DG di ANBI – Dalla Legge sul Consumo del Suolo, ferma in Parlamento dal 2012 al susseguirsi degli stati di calamità, per i quali mediamente lo Stato riesce a rifondere solo il 10% dei danni; senza parlare delle irresponsabilità costruttive, su cui deve indagare la magistratura o dei ritardi burocratici. Di fronte a questo scenario è necessario che a prevalere siano le competenze che ci sono, come nei Consorzi di bonifica, per un grande piano di prevenzione civile; primi obbiettivi devono essere l’approvazione della legge contro la progressiva cementificazione del territorio, nonchè la riduzione dei tempi fra il momento decisionale e quello esecutivo per le opere pubbliche.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Not a listening exercise, but a real relaunch of the European project

Posted by fidest press agency su sabato, 30 novembre 2019

The President of the Union of European Federalists (UEF), Sandro Gozi, welcomes the Franco-German non-paper on the Conference of the Future of Europe with a view to the upcoming Council meeting:
“I am delighted to see the French and German governments placing the Conference on the Future of Europe firmly on the European agenda for the next Council meeting. Following a promising draft in the Constitutional Affairs Committee of the European Parliament, it is good to see that also the Member States recognise the urgent need for a relaunch of the European project. I also welcome that the Franco-German proposal foresees an open mandate for the Conference aimed at tangible reform proposals. We do not have the time for another inconclusive listening exercise. This open mandate will allow the members of the Conference to make all types of proposals they deem necessary to strengthen Europe, including treaty changes or a new treaty framework altogether where it is needed to give Europe the necessary competences, financing and effective governance tools.””The results of the Conference should however not only be presented as recommendations to the European Council as the Franco-German paper envisages. Instead, Member States must give a clear commitment from the start either to take forward the results in the framework of an Article 48 procedure or by a sub-set of member states where unanimity cannot be reached”, Gozi continues.
The President of the Young European Federalists, Leonie Martin, adds: “While decisions of the conference must be taken by participants with a democratic mandate, the success of the conference hinges critically on the meaningful inclusion of citizens and civil society in the process. Citizens know what they expect from Europe – we must be given a chance to express our demands! The Conference should therefore be supported by consulting organs composed of citizens and experts from civil society on different levels of technical detail, in Brussels, but also beyond the capitals!”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »