Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 15

Scuola: Emanata la circolare Miur di cessazione dal servizio del personale scolastico dal 1° settembre 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 dicembre 2019

E’ stata emanata la Circolare Miur prot. 50487 condivisa con l’Inps con la quale si forniscono le indicazioni operative per le cessazioni dal servizio dal 1° settembre. Marcello Pacifico (Anief): Non è giusto mandare in pensione a 62 anni con decurtazioni, soprattutto se il lavoro è gravoso, come quello del personale scolastico, anche se non riconosciuto dalla legge: si ribadisce la necessità d’inserire l’insegnamento all’interno dell’Ape social. Le domande di cessazione dal servizio e le revoche delle stesse devono essere presentate entro il 30 dicembre 2019. I dirigenti scolastici, il personale docente, educativo e Ata di ruolo devono utilizzare esclusivamente la procedura web POLIS “istanze on line”, relativa alle domande di cessazione, disponibile sul sito internet del Ministero; nella domanda di cessazione gli interessati devono dichiarare espressamente la volontà di cessare o permanere in servizio una volta che sia verificato dall’Inps il possesso o meno dei requisiti contributivi. Successivamente le domande di pensione devono essere inoltrate all’ente Previdenziale INPS in modalità telematica. Si ricorda che l’accertamento del diritto al trattamento pensionistico sarà effettuato da parte delle sedi competenti dell’INPS sulla base dei dati presenti sul conto assicurativo entro i termini che saranno comunicati con nota congiunta MIUR/INPS. Le domande di trattenimento in servizio continuano a essere presentate in forma cartacea entro il termine del 30 dicembre 2019. Si ricorda che nel 2020 potranno chiedere la permanenza in servizio i soli soggetti che, compiendo 67 anni di età entro il 31 agosto 2020, non siano in possesso di 20 anni di anzianità contributiva entro tale data.I docenti interessati all’Ape sociale o alla pensione anticipata per i lavori gravosi e per i lavoratori precoci potranno, una volta ottenuto il riconoscimento dall’INPS, presentare la domanda di cessazione dal servizio con modalità cartacea, sempre con effetto dal 1° settembre 2020. Con il vigente ordinamento permangono i requisiti contributivi e anagrafici per le pensioni di vecchiaia al compimento dei 67 anni di età; per la pensione anticipata è richiesto il requisito contributivo di 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini. È prevista la possibilità di fruire della pensione anticipata “Quota 100” al raggiungimento dei 62 anni di età e almeno 38 anni di contributi. Confermata Opzione donna per chi ha almeno 58 anni di età e 35 anni di contributi entro il 31 dicembre 2018, optando per il calcolo della pensione con sistema interamente contributivo.
Il presidente Pacifico ha dichiarato che “non è giusto mandare in pensione a 62 anni con decurtazioni, soprattutto se il lavoro è gravoso, come quello del personale scolastico, anche se non è considerato tale dalla legge. In realtà, la professione docente è esposta allo stess da lavoro correlato, collegata al burnout e alle conseguenti malattie professionali; perciò l’Anief ribadisce la necessità d’inserire l’insegnamento all’interno dell’Ape social”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: