Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Dall’immateria il Natale della materia: nel Novecento la più grande rivoluzione di sempre

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 dicembre 2019

Il 99,99% delle persone non ne sa niente. Neppure i fisici teorici, che pure nella materia ci sguazzano, sembrano essersene resi conto. Qualche filosofo? forse. Qualche teologo? vagamente. I più attenti divulgatori scientifici (come il nostro Piero Angela), nulla di nulla. Inspiegabile. Persino nel celebratissimo film “Novecento”, Bertolucci se ne dimostra completamente all’oscuro. Eppure si tratta della più grande rivoluzione di sempre. In silenzio, troppo in silenzio, nel Novecento è avvenuta la madre di tutte le scoperte: la materia ha origine e sostanza immateriale (proprio nel senso etimologico di sub- stantia). La più famosa equazione della storia, quell’ E = Mc2 di Albert Einstein, dice soprattutto questo, sancisce l’equivalenza tra materia ed energia.Ma l’equivalenza non era solo quantitativa. Dalla intuizione dell’atome primitif dello scienziato gesuita Lemaitre, padre del big bang, negli anni venti del XX secolo (questi sì formidabili, altro che nostalgie di bacchettoni sessantottini) – proveniva la conseguenza scientifica che “in principio” era l’immateria (logos? pensiero? Dio?) e da questa, per un fenomeno di cui la scienza non conosce modi e riproducibilità, avveniva il misterioso natale della materia. Il mistero che si realizzava nel big-bang è tale che nessun vocabolario possiede un termine specifico per rappresentarlo. In genere per spiegare il big bang si ricorre al termine “esplosione”, termine del tutto inadeguato, anzi errato, perché l’esplosione tradizionalmente indica trasformazione di materia in energia, mentre nel big bang avviene tutto il contrario. E’ l’energia che vi si trasforma in materia.
Ecco perché con le scoperte del Novecento viene data una spallata definitiva al modo di vedere ultramillenario, con la implicita sentenza di morte di tutte le concezioni materialistiche sfornate nei secoli. La materia infatti si riconosce figlia dell’energia, ma l’energia nessuno sa che cosa sia, tanto che chi scrive s’è visto costretto ad introdurre un neologismo, l’immateria. Perchè la fisica definisce l’energia con un raggiro intelligente: guardando al suo effetto, la definisce capacità di produrre lavoro, guardandosi bene dal prendere di petto la definizione di energia. Nessun testo di Fisica si azzarda a farlo, perché il travaso nell’immisurabile, nell’ascientifico, sarebbe inevitabile.
Quali le conseguenze della incommensurabile scoperta novecentesca? Numerose e terremotanti.Il Natale cristiano, che celebriamo ogni anno, è l’evento mediante il quale Dio si incarna, usiamo dire. Ma incarnarsi significa appunto assumere corpo, assumere materia, materializzarsi. Ebbene, la trasmutazione del big bang, con la trasmutazione dell’energia in massa, dell’immateria nella materia, rivela nel Novecento la sorprendente coincidenza dell’evento scientifico del big bang col mistero dell’Incarnazione, dal Dio all’Uomo-Dio, quale elaborata dalla teologia cristiana. Persino il mistero del Concepimento verginale della giovanetta Maria si apre ad interpretazioni profonde.Ma non finisce qui. La sostanziale appartenenza dell’intera materia, di tutti i corpi all’universo dell’Immateria, provoca terremoti teologici insospettati. Il mistero e le tribolazioni logiche e teologiche della doppia natura umana e divina del Gesù storico potrebbero trovare una pacificazione, nell’accertamento che tutto è fondamentalmente Immateria, e la materia altro non è che un mero carattere avvertibile dai sensi materiali, ossia sensibile, ma dalle strutturale substantia e provenienza immateriale. Fermo l’analisi qui, per brevità, ma forte di questa notizia passo ad augurare la rivisitazione del Natale, oltre all’augurio di un prospero nuovo anno. Chi ha interesse ad approfondire le rivoluzionarie scoperte della Fisica del Novecento, sostenendo qualche impegnativo tecnicismo, può leggere l’e-book o ordinarne il cartaceo su “Amazon”. (Fausto Carratù)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: