Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

La scuola nel caos

Posted by fidest press agency su giovedì, 26 dicembre 2019

Le dimissioni del ministro dell’istruzione, università e ricerca Lorenzo Fioramonti sono un fatto pressoché inedito per il palazzo della Minerva: ricordiamo un solo precedente, peraltro illustre, quello dell’attuale Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che nel luglio 1990 si dimise da ministro della Pubblica Istruzione insieme ad altri quattro ministri della sinistra DC non condividendo la linea assunta dal Governo (presieduto da Giulio Andreotti) favorevole alla legge Mammì sul sistema radiotelevisivo. Altri tempi. L’uscita di scena di Fioramonti crea notevoli problemi operativi per il funzionamento della scuola. Tuttoscuola passa in rassegna i principali.Oltre a diverse questioni che riguardano la scuola (dispersione scolastica, formazione dei docenti, stabilizzazione del sistema, procedure di avvio del prossimo anno scolastico, ecc.) ce ne sono alcune nuove conseguenti al recente decreto legge 126 sul salva precari e alla legge di stabilità (entrambi attesi alla pubblicazione in GU nei prossimi giorni). Tra questi:
• Regolamenti dei concorsi per nuovi dirigenti tecnici e per insegnanti di religione cattolica (il primo e unico concorso si è tenuto ben 15 anni fa).
• Eventuale integrazione degli attuali regolamenti dei concorsi (ordinario per docenti infanzia, primaria e secondaria, per 48 mila posti complessivi, e concorsi straordinari per scuola secondaria di primo e secondo grado) a seguito delle modifiche introdotte dal DL 126/19 (es. candidati in corso di specializzazione per il sostegno)
Decreto per definire l’attuazione della nuova legge sull’educazione civica
• Decreto per individuare i settori universitari preposti alla formazione della didattica digitale e alla programmazione informatica (coding).
• Decreto per nuova regolamentazione sulla sicurezza (molta attesa dai dirigenti scolastici)
• Utilizzo delle nuove risorse per la sicurezza degli edifici scolastici
• Regolamentazione dell’impiego del bonus docenti a favore di tutto il personale
• Stabilizzazione di una quota di posti per il sostegno pari ad oltre mille unità (un pannicello caldo per coprire gli oltre 73 mila posti in deroga, cioè assegnati ai precari)
• Decreto per la distribuzione di 390 posti dell’organico potenziato a favore della scuola dell’infanzia.
• Indicazioni per la formazione dei docenti per l’inclusione e la prevenzione del bullismo.
• Modalità di incremento del piano nazionale della scuola digitale (sul quale si scontano crescenti ritardi)
• Accordo per l’impiego di fondi di edilizia scolastica per asili nido e scuole dell’infanzia.
• Concertazione interministeriale per la definizione degli obiettivi per il rinnovo del CCNL
Le dimissioni del ministro impattano su tutti questi fronti, ai quali si aggiunge una situazione critica delle Direzioni generali del Ministero, che erano già in attesa di nuovi vertici. Le domande vanno presentate entro il 27 dicembre, ma senza un Ministro che scelga e sottoscriva le nomine, la macchina ministeriale resta bloccata. Chi firmerà i vari decreti direttoriali, salvo quelli più urgenti, per i quali subentrano i Capi dipartimento del Miur? (fonte: tuttoscuola)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: