Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Amin Maalouf: Le crociate viste dagli arabi

Posted by fidest press agency su martedì, 14 gennaio 2020

Uscita prevista: 30 gennaio. Una nuova edizione per un classico contemporaneo, assente da molti anni dai nostri scaffali. Il primo libro di Amin Maalouf, un long seller che è diventato un punto di riferimento per più generazioni di lettori. Con una nuova introduzione dell’autore. Luglio 1096: fa molto caldo sotto le mura di Nicea. All’ombra dei fichi, nei giardini fioriti, circolano notizie inquietanti: una truppa formata da cavalieri, fanti, ma anche di donne e bambini, marcia su Costantinopoli. Si dice che portino, cucite sulla spalla, delle croci in tessuto. Dicono che vengono a sterminare i musulmani fin dentro Gerusalemme. Resteranno due secoli in Terra santa, saccheggiando e massacrando in nome del loro dio. Un’incursione barbara compiuta dall’Occidente contro il cuore del mondo musulmano segna l’inizio di un lungo periodo di decadenza e oscurantismo, e la violenza di quell’attacco continua a farsi sentire ancora oggi. Nell’intento di dare delle crociate un’immagine nuova e diversa, Amin Maalouf ha fatto ricorso agli scritti degli storici arabi, molti dei quali sconosciuti in Europa, gettando al di là della barricata uno sguardo che ci riserva non poche sorprese: un affresco a colori violenti, ma anche un monito inquietante per i nostri tempi. collana le Isole. Editore: La nave di Teseo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: