Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 55

Governo. Prescrizione e il “lodo Conte”: la toppa peggiore del buco

Posted by fidest press agency su domenica, 26 gennaio 2020

Dobbiamo evitare che i colpevoli siano agevolati dai tempi lunghi dei processi e quindi siano assolti per decorrenza dei tempi. Così il M5S.Siamo tutti d’accordo che i colpevoli devono essere condannati, che gli innocenti siano assolti e che i danneggiati ricevano giustizia.
Tuttavia, la legge sulla abolizione della prescrizione, proposta dal ministro Bonafede e approvata dal M5S e dalla Lega, non raggiunge questi obiettivi, perchè i danneggiati saranno gli innocenti e coloro che attendono un risarcimento.Vediamo: Il 75% dei processi va in prescrizione entro il primo grado di giudizio. Sarebbe necessario concentrare l’attenzione su quel 75%.
La legge, comunque, entrerebbe in vigore fra 3-4 anni e ha tutti i caratteri della incostituzionalità, visto che la nostra Costituzione prevede la ragionevole durata dei processi e non l’infinita durata dei processi.Ieri, il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha dichiarato che “gli innocenti non finiscono in carcere”, il che è falso perché ben 27 mila innocenti sono finiti in carcere e per questo risarciti. Sarebbe opportuno che il ministro Bonafede tornasse alle occupazioni precedenti il suo incarico.In questi giorni si sta discutendo il cosiddetto “lodo Conte”, cioè il blocco della prescrizione solo per chi è condannato in primo grado di giudizio.Una toppa peggiore del buco.Da far notare al premier, e avvocato del popolo, Giuseppe Conte, che la Costituzione prevede l’innocenza di un imputato fino al terzo grado di giudizio, e non al primo grado. Tale precetto è stato ribadito dalla Corte Costituzionale. Finirà che, al primo processo che si farà, si ricorrerà in appello alla Corte Costituzionale, che dichiarerà incostituzionale la legge sulla abolizione della prescrizione.Insomma, è stata propinata ai cittadini l’ennesima bufala: si è fatto credere che con l’abolizione della prescrizione si sarebbe fatta giustizia. E’ esattamente il contrario. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc) (n.r. A nostro avviso il problema più serio in Italia è il mal funzionamento della giustizia. Oggi con le varie toppe che si cercano di aggiungere al vestito di Arlecchino si vuol far nutrire la speranza che vi possano essere degli aggiustamenti “salvifici”. Pura illusione. La riforma va attuata radicalmente per rendere l’iter processuale più breve rispetto agli attuali tempi biblici pur con tutte le garanzie del caso per gli imputati e i diritti della difesa.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: