Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Istruzione: Il PD insiste: aumento stipendi, a scuola fino a 18 anni, istituti sempre aperti. Anief: passiamo ai fatti

Posted by fidest press agency su sabato, 1 febbraio 2020

Sulla scuola continuano a piovere impegni importanti. Li ha ribadito oggi il Partito Democratico, attraverso il suo segretario, Nicola Zingaretti. Parlando ad Agorà, su Rai Tre, il leader del Pd ha detto quali sono i prossimi passi concreti: obbligo scolastico, stipendi degli insegnanti, tenere aperte le scuole nel pomeriggio. Anche dal ‘Rapporto Italia 2020’ dell’Eurispes è emerso che la maggior parte dei cittadini è d’accordo nell’estendere l’obbligo scolastico fino alle scuole medie superiori e la metà hanno a cuore l’aumento degli stipendi dei docenti.Inquadrati i problemi da risolvere, per il sindacato si deve passare dagli annunci ai fatti: occorrono nuove leggi ed interventi ad hoc, come lo stanziamento immediato nel DEF di 4 miliardi di euro per aumentare gli stipendi in media di 250 euro, il potenziamento degli organici del personale, un reclutamento meno “ingessato”, l’azzeramento del precariato, e prevedendo l’investimento permanente su formazione, valorizzazione e progressione di carriera del personale. Anief ritiene altrettanto importante mettere mano all’ultimo decreto scuola e alla Legge 240 del 2009, con particolare attenzione a quanto è stato approvato in Europa, in particolare dalla direttiva sul precariato e sull’organizzazione dell’orario di lavoro alla carta europea dei ricercatori, in modo da far allineare l’Italia agli altri Paesi.
“Dobbiamo andare avanti con cose concrete: aumentare l’obbligo scolastico e gli stipendi degli insegnanti, tenere aperte le scuole nel pomeriggio, semplificare la burocrazia per combattere la corruzione, sbloccare le risorse per gli investimenti verdi e digitali”, ha detto oggi il segretario Nicola Zingaretti. Il PD entra così in una fase cruciale per gli insegnanti, che attendono l’apertura dei tavoli per il rinnovo del contratto, da cui dovrebbero scaturire gli aumenti, ha quindi commentato Orizzonte Scuola.
Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, apprezza l’impegno del leader del Partito Democratico sulla scuola, ma avverte: “se davvero il Pd vuole intraprendere una nuova linea sulla scuola, allora è bene che pretenda dal Premier Conte e dal suo ministro Gualtieri precise rassicurazioni nella scrittura della prossima legge di bilancio. Lo stesso Zingaretti sa bene che le dimissioni di Fioramonti sono avvenute per l’assenza delle risorse necessarie per rilanciare il settore dell’istruzione, università e ricerca”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: