Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Scuola: I concorsi non risolveranno il problema del precariato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 febbraio 2020

Le procedure derivanti dal Decreto Scuola convertito nella Legge 159/2019, prevedono che “solo una parte del personale della scuola” verrà stabilizzata: “non gli insegnanti di religione cattolica per quanto riguarda il concorso straordinario, né i precari di infanzia e primaria, né quelli che hanno lavorato nelle scuole paritarie e nei corsi professionali e regionali”: lo ha detto, ad ‘Orizzonte scuola’, Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, il sindacato che “fin dall’inizio ha denunciato, durante le audizioni parlamentari, come il limite delle 24 mila assunzioni da fare è una goccia nel deserto rispetto ai 200 mila contratti che si hanno”Inoltre, le assunzioni che deriveranno da questi concorsi, ancora nemmeno avviati, si attueranno solo tra un anno e mezzo: solamente la procedura riservata potrebbe, ad essere ottimisti, concludersi per portare subito in cattedra a tempo indeterminato i vincitori. Solo che, ricorda Pacifico, “anche andando ad assumere i 24 mila precari” della sessione straordinaria le cose non cambieranno di molto: se si contano anche i prossimi pensionamenti, i posti vacanti sono quasi dieci volte tanto.L’organizzazione sindacale autonoma non si è fermata alle proteste. Ha anche indicato le cose da fare. “Innanzitutto – spiega Pacifico – il ministero dell’istruzione dovrebbe fare una ricognizione sugli organici e imporre al ministero dell’economia la copertura integrale con assunzioni a tempo indeterminato di tutti i posti che non hanno titolare. Si dovrebbe poi revisionare l’ultima legge approvata, estendendo la procedura riservata a una più ampia platea di precari e aumentando i posti banditi. Se ogni anno si chiamano 200 mila persone dalle graduatorie di istituto, si deve fare poi in modo che questi precari possano anche essere assunti dalle graduatorie di istituto”. Anief è stata la prima sigla sindacale a chiedere la trasformazione delle graduatorie di istituto in provinciali: il Miur ha dato seguito al consiglio, “è stato fatto ma soltanto ai fini dell’attribuzione delle supplenze annuali al termine delle attività didattiche. Ora serve un passaggio successivo – sottolinea il leader del giovane sindacato -: bisogna utilizzare queste nuove graduatorie provinciali di istituto anche per le immissioni in ruolo dove le GaE sono esaurite, almeno in via del tutto eccezionale per il prossimo anno scolastico, come si è voluto bandire un concorso straordinario”. Per farlo serve però “un provvedimento legislativo”, attraverso il quale “estendere il doppio canale di reclutamento con la call veloce anche dalle graduatorie di istituto, che saranno formate entro l’estate”. Un altro cavallo di battaglia dell’Anief è l’approdo nelle GaE di tutti i docenti abilitanti. “Sarebbe opportuno – dice a questo proposito Pacifico – riaprire le graduatorie ad esaurimento. Anief non smetterà mai di chiederlo: riteniamo che rimanga la strada maestra” per coprire i tanti posti liberi. “Quando gli insegnanti vengono assunti in ruolo e superano l’anno di prova – argomenta il presidente – , non importa se con diploma magistrale o con PAS o TFA, è inutile che poi si licenziano”. Perché ci sono più di 7 mila maestri che rientrano in questa casistica. “Abbiamo il problema dei precari e si va a licenziare chi ha avuto una valutazione positiva dagli organi collegiali? Non è vincere il concorso che fa il ruolo, ma superare l’anno di ruolo. Una volta che si viene confermati, non si può essere licenziati, come invece sta accadendo con i diplomati magistrali”.
Pacifico parla anche delle modalità discutibili decise dal Miur per gestire il concorso in arrivo della secondaria e di nuovo reclutamento: “In molti oggi insegnano senza specializzazione sul sostegno, senza abilitazione. Allora è inutile mettere dei paletti per far fare dei corsi abilitanti. Bisognerebbe eliminare ogni paletto in entrata dei percorsi abilitanti e selezionare in uscita chi merita. Consentire a chi ha almeno 24 mesi di servizio sia di fare il corso sul sostegno sia di fare il PAS. Anche perché – conclude – conviene per fargli fare l’insegnante quando serve non si mettono questi paletti: questa è una irragionevolezza sotto gli occhi di tutti, non si può ignorare”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: