Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Giovedì Rubbettino lancia in libreria “Gli artigiani del diavolo”

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 febbraio 2020

“Come le sette i santoni manipolano l’Occidente” di Don Aldo Buonaiuto con Giacomo Galeazzi (prefazione del card. Parolin) «Chi non crede in Dio, finisce per credere a tutto» diceva Chesterton e a leggere le vicende raccontate al vaticanista Giacomo Galeazzi da Don Aldo Buonaiuto nel libro «Gli artigiani del diavolo. Come le sette e i santoni manipolano l’Occidente» (Rubbettino) non si può che dare ragione al celebre scrittore britannico.Il libro conduce un’indagine a tutto tondo sul mondo delle sette, svelandone i meccanismi e ricostruendo il profilo psicologico degli adescati anche attraverso il racconto di tante storie drammaticamente vere. Abusi, decostruzione dell’identità, circonvenzione, violenze anche fisiche e sessuali… famiglie distrutte, giovani che alla ricerca di un’agognata serenità psicologica si sono ritrovati a vivere in un inferno.«Sono vicende agghiaccianti ed inquietanti – scrive nella prefazione il card. Parolin – alle quali di primo acchito si stenterebbe a credere (…) gli autori delle trappole psicologiche, sotto svariate apparenze, si propongono quali maestri di salvezza, risolvendosi invece in guide cieche».C’è, ad esempio, la storia di Lucrezia, 23 anni, che per trovare conforto a una situazione di disagio familiare si unisce a un gruppo che pratica meditazione indiana diventando, di fatto, schiava della volontà della sua guru che arriverà a farle somministrare psicofarmaci per distruggere gli ultimi baluardi di resistenza e autonomia. Dopo un tentato suicidio, Lucrezia riesce a ritrovare la famiglia ma la sua vita porta le stigmate purulente di questo lungo periodo di buio.Spesso è una malattia o una questione di salute a portare la vittima tra le braccia del santone di turno. È il caso di Lorenza, 40 anni, che non riesce ad avere un bambino. Grazie alle tecniche di procreazione medicalmente assistita rimane finalmente incinta ma al sesto mese un’ecografia rivela che il bambino è affetto da una grave malformazione. Grazie al consiglio di un’amica arriva da un santone che le vende cinque litri di acqua “benedetta” e le chiede di portarla a casa e berla. Non ci vorrà molto a Lorenza per scoprire di essere stata truffata, ma a quel punto il santone sembra dissolto nel nulla.Sono tante le tecniche psicologiche di adescamento e fidelizzazione dell’adepto e sono quasi sempre accomunate da quello che il libro definisce “Love bombing”. « Il malcapitato – scrivono gli autori – viene posto al centro dell’attenzione, lo si abbraccia spesso e tiene per mano, come se avesse incontrato i migliori amici arrivati improvvisamente per risanare i suoi problemi» Le sette, secondo gli autori, sono strumenti diabolici anche quando non si richiamano esplicitamente a satana: «Non tutte le sette sono sataniche – avvertono – ma tutte sono diaboliche, perché separano l’individuo da sé stesso, dal suo ambiente vitale, dai suoi cari, dalla vita, dal lavoro».Eppure, continuano, di sette «si parla poco perché è una categoria minacciosa, per molti aspetti persino più pericolosa delle mafie. Dietro la trappola delle sette ci sono criminali che si beffano dello Stato, guru che si approfittano della solitudine, della debolezza, del bisogno, della sofferenza. E ci sono le vittime, usate e gettate, plagiate. Un mondo invisibile costituito da persone non ascoltate, che si nascondono, che si vergognano, sole e isolate anche dalle istituzioni, derise umiliate. Terreno ideale di caccia per il maligno».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: