Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 126

Abuso della chirurgia plastica: esce “L’istmo di Panama non è una banana“

Posted by fidest press agency su martedì, 18 febbraio 2020

È un romanzo satirico in cui a parlare sono le rughe delle donne, un bisturi, e il botulino. È “L’istmo di Panama non è una banana” dell’autrice Barbara Appiano, un libro esilarante sull’abuso della chirurgia plastica e sulle donne che non vogliono invecchiare condito di una sana invidia: “senza non avrei potuto scrivere questo libro” dice la stessa autrice. Un libro nato da una visione quando in televisione “vidi una showgirl che al posto della bocca aveva due pneumatici da neve che le impedivano di sorridere”.Il libro è un dialogo tra le rughe condannate al fine vita di un chirurgo plastico, del botulino e di un bisturi. La satira condensata di sagace e acuta ironia è il ritratto che la scrittrice “disegna” per le donne di oggi che hanno l’ansia della ruga e che si sottopongono ad accanimento terapeutico pure di perpetrare l’eutanasia alla ruga di troppo. A ciò si aggiunge che Barbara Appiano dedica il libro agli invidiosi che sono la linfa dell’esibizionismo contemporaneo, che fomenta il disturbo della personalità narcisistico-compulsivo attraverso l’abuso dei social, che creano la competizione estrema tra simili. Perché non bisogna invecchiare, non bisogna ingrassare, bisogna essere ricchi e avere successo, sempre e comunque. Barbara Appiano è un genuino, prolifico e autentico talento fuori dagli schemi, capace di dare vita ad una scrittura surreale con metafore e allegorie .Un talento che ha dato vita ad un nuovo titolo irriverente, con la partnership del Corriere dello Spettacolo, il giornale quotidiano on line diretto dal giornalista e scrittore Stefano Duranti Poccetti, e una copertina particolare, un assemblaggio del quadro di Mario, fratello dell’autrice, dal titolo “La matassa” e l’opera “Ritratto parapsicologico di donna adulta” del pittore Andrea Guasti.
Appiano ha il merito di essere una scrittrice anticonformista, geniale per il suo linguaggio satirico, onirico e surreale, tanto che potrebbe essere paragonata ai pittori dadaisti e surrealisti. La stessa copertina è travolgente per l’insieme pittorico di bozzetto che pare davvero l’isteria di una ruga in fuga come indicato nel sottotitolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: