Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Archive for 21 febbraio 2020

Due gare di Coppa Europa di altissimo livello a Folgaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Folgaria (Trentino) domenica 23 e lunedì 24 febbraio 15 nazioni presenti. Si annuncia una due giorni dagli elevati contenuti tecnici quella in programma domenica e lunedì sulla pista Agonistica di Fondo Grande di Folgaria. I due slalom gigante femminile di Coppa Europa, recupero delle tappe di Morzine, vedranno al cancelletto un lotto di partenti di assoluto livello, in lizza per conquistare punti preziosi per la graduatoria di specialità e per affinare la forma in vista dei prossimi appuntamenti di Coppa del Mondo.Gli organizzatori della Polisportiva Alpe Cimbra, assieme alla locale ApT e a Folgaria Ski, stanno predisponendo gli ultimi dettagli, e in particolar modo preparando al meglio il tracciato di gara con un pendio che prevede significativi cambi di direzione, con partenza a 1.615 metri di quota e arrivo a 1.336 metri, con un dislivello di 279.All’ufficio gare sono state ultimate le procedure di iscrizione. Le atlete partenti saranno un centinaio in rappresentanza di 15 nazioni. La meglio punteggiata è la norvegese Mina Fuerst Holtmann, che vanta due podi in Coppa del Mondo, l’ultimo a dicembre in gigante a Courchevel, seguita dalla compagna di squadra Maria Therese Tviberg, con tre piazzamenti nella top ten di Coppa del Mondo. Occhi puntati poi sulla slovena Tina Robnik e sulla neozelandese Piera Hudson, ma pure sull’austriaca Julia Scheib, vincitrice di due medaglie ai Mondiali junior, così come l’altra norvegese Kaja Norbye, che dodici mesi fa ottenne due podi ai stessi Mondiali junior della Val di Fassa. Indosseranno il pettorale Alpe Cimbra anche la leader della generale di Coppa Europa Nadine Fest, austriaca come la seconda classificata Rosina Schneeberg, quindi la leader della graduatoria di gigante continentale, la norvegese Marte Monsen e la sua principale rivale Elisa Mörzinger (Austria).Intenzionate a ben figurare anche le azzurre in gara, ben 18, fra le quali anche l’esordiente Giulia Peterlini, portacolori del Trentino Ski Team. Possono sicuramente giocarsi piazzamenti importanti Valentina Cillara Rossi e Lara Della Mea e non rimarranno certo a guardare le altre italiane Sara Allemand, Annette Belfrond, Luisa Matilde Maria Bertani, Veronika Calati, Giulia Di Francesco, Francesca Fanti, Emmi Frenandemez, Ilaria Ghisalberti, Vivien Insam, Roberta Midali, Giulia Paventa, Karoline Pichler, Elisa Platino, Laura Rota ed Elena Sandulli.
Le nazioni presenti sono 15, nel dettaglio Italia, Argentina, Austria, Croazia, Spagna, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Norvegia, Nuova Zelanda, Polonia, Slovenia, Svizzera e Svezia.Il programma della manifestazione prevede la partenza delle prime manche sia domenica sia lunedì indicativamente per le ore 9, quindi domenica 23 febbraio la premiazione della prima giornata è prevista presso Piazzetta Stella d’Italia a Folgaria, la premiazione della seconda si svolgerà invece sul parterre della pista Agonistica a Fondo Grande lunedì 24 febbraio.La gara si potrà seguire anche in diretta streaming, sia domenica sia lunedì, sul canale web http://www.sportcultura.tv.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Strage di Hanau

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

La Comunità di Sant’Egidio esprime il suo profondo cordoglio alle famiglie delle vittime del gravissimo attentato di Hanau e manifesta la sua solidarietà alla comunità turca che vive in Germania. Non si può assistere impotenti di fronte ad atti di violenza così orribili nei confronti di una minoranza, che ci riportano a momenti bui della storia. L’Europa deve difendere i suoi valori di pace, tolleranza e integrazione sui quali si è rifondata dopo la fine della seconda guerra mondiale. Per questo lanciamo un appello a fermare con convinzione la propaganda di odio razzista e xenofobo, che ormai dal web e dalle parole è cominciata a passare tragicamente ai fatti.
Colpire una comunità, come quella turca, che contribuisce, come molte altre, di origine diversa, al benessere e allo sviluppo della Germania e dell’Europa, solo perché “straniera”, oltre ad essere un crimine grave, contribuisce a chiudere le porte al futuro del nostro continente. Occorre al contrario seminare parole di pace, facilitare occasioni di incontro, favorire ogni iniziativa che porti ad una maggiore integrazione e puntare sulla diffusione di una cultura che si basi su questi valori, a partire dalle giovani generazioni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

È Kristian Ghedina l’Aquila del Carnevale 2020

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Sarà Kristian Ghedina il protagonista del Volo dell’Aquila 2020. Il campione italiano con più vittorie negli anni 90 nella discesa libera di Coppa del Mondo di sci alpino, volerà, domenica 23 febbraio alle 12.00, dal Campanile di San Marco sul palco della piazza per il tradizionale evento che ha visto, prima di lui, tra le Aquile sportive, Giusy Versace (2015), Carolina Kostner (2014), Francesca Piccinini (2013), Fabrizia d‘Ottavio (2012). Il discesista di Cortina D’Ampezzo, con un abito ideato dall’Atelier Pietro Longhi si calerà dal campanile sventolando la bandiera dei prossimi Campionati Mondiali di sci alpino 2021, di cui è Ambassador – il grande evento che si terrà a Cortina e che precederà le Olimpiadi del 2026 – e interpreterà una versione originale di “discesa libera” questa volta non sulla neve ma “in aria” sullo sfondo della piazza più bella del mondo rievocando una delle sue imprese più memorabili, la “folle” spaccata a 140km/h fatta sullo schuss finale di Kitzbuhel nel 2004, storica gara austriaca patrocinata da Red Bull che da sempre “mette le ali” ai talenti del mondo dello sport. Il brand, per il quarto anno consecutivo è main partner del Carnevale di Venezia.Il Volo dell’Aquila anche quest’anno vuole essere, quindi, un riconoscimento al mondo dello sport, ai suoi valori e alla sua profonda valenza educativa ma anche un messaggio di sostegno per i Mondiali di sci alpino 2021 e, successivamente, le Olimpiadi Invernali che si terranno dal 6 al 22 febbraio 2026 a Milano e Cortina.Ad attendere Kristian Ghedina, sul colorato palco del Carnevale di Venezia 2020, ci sarà la conduttrice televisiva Cristina Chiabotto, già madrina della manifestazione nel 2006.Prima del volo, sfileranno le maschere dei cortei storici del Cers coordinati da Massimo Andreoli. Al pomeriggio, a partire dalle 15.30, il gran finale della maschera più bella.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carnem levare: Semel in anno licet insanire…

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Roccelletta di Borgia – Borgia (Catanzaro) Domenica 23 febbraio 2020, alle ore 10.00 presso il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Scolacium, si svolgerà Carnem Levare – Semel in anno licet insanire…, un’iniziativa di grande valenza didattica e educativa nonché ludica e divertente ispirata al Carnevale.La dottoressa Elisa Nisticò, funzionario archeologo, referente del Polo museale della Calabria per questa Sede afferente al Polo museale della Calabria, guidato dalla dottoressa Antonella Cucciniello, così ne illustra i contenuti <>.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Festival musicale “Da Firenze all’Europa”

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Firenze Dal 25 al 29 Febbraio Sala Bianca di Palazzo Pitti. Una nuova rassegna del Festival “Da Firenze all’Europa”, frutto della collaborazione tra l’Associazione Musica con le Ali e le Gallerie degli Uffizi.Protagonisti i giovani talenti sostenuti dall’Associazione Musica con le Ali insieme a celebri e affermati interpreti di fama internazionale, in una kermesse che di edizione in edizione promuove l’unione e la reciproca valorizzazione della grande musica classica, dei suoi talentuosi interpreti e del patrimonio culturale italiano.
Ecco il programma in dettaglio. Si parte martedì 25 febbraio alle ore 16 con il concerto di Ludovica Rana (violoncello) e di Maddalena Giacopuzzi (pianoforte) che eseguiranno musiche di Brahms, Debussy e Chopin. Mercoledì 26 febbraio alle ore 16 si svolgerà il concerto di Gaia Gaibazzi (clarinetto) e di Claudio Laureti (viola), che si esibiranno insieme al celebre pianista Giuseppe Andaloro con musiche di Lovreglio, Schumann, Bassi e Mozart. Giovedì 27 febbraio alle ore 11.30 la violoncellista Lorenza Baldo si esibirà con il pianista Filippo Gamba eseguendo brani di Brahms, Schumann e Janáček. Nella stessa giornata, alle ore 16, si terrà il concerto del cornista Martin Owen insieme a Fabiola Tedesco (violino) e Giovanni Bertolazzi: in programma musiche di Beethoven e Ligeti. Anche venerdì 28 febbraio gli appuntamenti saranno due, uno mattutino e uno pomeridiano. Ad iniziare alle ore 11.30 saranno il violinista Indro Borreani e la pianista Clarissa Carafa, che eseguiranno brani di Wieniawski, Grieg, Paganini e Brahms; seguirà, alle ore 16, il concerto del violoncellista Enrico Dindo e della pianista Martina Consonni, che suoneranno Beethoven e Chopin. Sabato 29 febbraio alle ore 11.30 si esibiranno la violinista Francesca Dego e le due musiciste Fabiola Tedesco (violino) e Martina Consonni (pianoforte), eseguendo un programma che spazia da Debussy a Prokofiev, a Poulenc, a Shostakovich. Arriviamo dunque al concerto conclusivo delle ore 16, che vedrà protagonista la pianista Ludovica De Bernardo, che eseguirà musiche di Dvořák e di Mozart accompagnata dall’Ensemble Musica con le Ali, composto da musicisti affermati che si esibiscono insieme ai giovani interpreti sostenuti dall’Associazione, intervenendo come sostegno sinfonico nella proposta di capolavori del repertorio per solista e orchestra. Si tratta di una formazione variabile che in questa rassegna del Festival è composta dai violinisti Leonardo Matucci e Alessia Pazzaglia, dalla violista Camilla Insom, dalla violoncellista Valeria Brunelli e dal contrabbassista Pietro Horvath.
L’Associazione Musica con le Ali, costituita a Milano nel 2016, rappresenta una realtà di Patronage Artistico unica nel suo genere in Italia e all’estero. Sostiene e promuove i migliori giovani talenti italiani della musica classica offrendo loro importanti opportunità di crescita professionale e di visibilità. Per raggiungere questo obiettivo, Musica con le Ali supporta il percorso formativo dei giovani interpreti aiutandoli ad affermarsi nella propria professione attraverso molteplici iniziative in collaborazione con le principali istituzioni culturali e musicali.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bob Reynolds: Master Class

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Roma Lunedì 2 marzo 2020 h 14:30-16:30 Casa del Jazz via di Porta Ardeatina, 55. Master class con Bob Reynolds, sax tenore degli Snarky Puppy. Compositore e sassofonista, Bob Reynolds, vincitore di 3 Grammy insieme agli Snarky Puppy e per 5 anni al fianco di John Mayer, terrà una master class organizzata dal Saint Louis presso la Casa del Jazz di Roma. Quote di partecipazione:
€ 30 per esterni; € 20 riduzione riservata agli allievi Saint Louis.
Compositore e sassofonista, Bob Reynolds ha vinto 3 Grammy insieme agli Snarky Puppy e ha suonato per 5 anni al fianco di John Mayer, suo ex compagno al Berklee College. Dopo l’esperienza con John Mayer il sassofonista ha deciso di tornare al suo lavoro da solista incidendo “Somewhere in Between” grazie a cui è stato in testa alle classifiche degli ascolti digitali (2013).
Nel 2017 ha pubblicato gli album “Guitar Band” e “Hindsight”, entrambi approdati nella top ten delle classifiche di Billboard Jazz. La sua ultima uscita, “Quartet” ha debuttato al terzo posto nella classifica Contemporary Jazz di Billboard e il primo tour europeo della sua band ha ottenuto il sold out.Nato a Morristown, nel New Jersey nel 1977, Reynolds è cresciuto a Jacksonville, in Florida, dove ha iniziato a suonare il sassofono all’età di 13 anni. Dopo il liceo ha affinato le sue abilità al Berklee College of Music di Boston. Oltre che musicista, Bob è appassionato didatta. Ha co-fondato un ritiro annuale per sassofonisti e, attraverso il suo Virtual Studio, aiuta i musicisti a diventare improvvisatori fiduciosi. Bob vive a Los Angeles e condivide intuizioni sull’equilibrare una carriera musicale con la crescita di una famiglia attraverso il suo popolare vlog di YouTube.

Posted in Roma/about Rome, scuola/school, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

CNEL: accolta la richiesta dell’Anief di aumentare gli organici per rispondere alle sfide dell’Istruzione

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Daniela Rosano, delegata Confedir della segreteria nazionale Anief, ha seguito il dibattito sulle questioni emergenti del mondo dell’istruzione, finalizzato alla stesura di un documento unitario elaborato sulla base delle posizioni delle parti sociali presenti. Il lavoro intende rispondere alle nuove sfide per l’istruzione e in particolare alle questioni dell’orientamento, dell’inclusione, della formazione permanente. L’inclusione è stata esaminata in termini di dispersione scolastica: occorre affrontarla prevenendo la condizione di drop out e quindi fenomeni di Early School Leavers e NEET anche con piani straordinari per il Mezzogiorno. Accolta e inserita tra le proposte da suggerire al ministro la richiesta dell’Anief di aumentare stabilmente gli organici di docenti e personale ATA per un sostegno alla didattica in generale. “Da tempo sosteniamo la necessità di incrementare gli organici – sottolinea Marcello Pacifico, presidente nazionale di Anief – in base alle necessità del territorio, alla dislocazione, alla rete di collegamento con le stesse istituzioni scolastiche nelle piccole isole o comunità montane, all’ubicazione in luoghi a rischio, ad alto tasso di dispersione scolastica, migratorio”.
È necessario prevedere azioni integrate tra la scuola e l’extra scuola, intervenendo sia sulla condizione di svantaggio di partenza che sull’offerta educativa di qualità, mediante opportune azioni formative nella scuola, pur nel rispetto dell’autonomia scolastica.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anziani: bollette energetiche (62%) e telefonia (56%) i settori in cui chiedono più aiuto

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

“Bollette di luce, acqua e gas (62% delle risposte) e telefonia (56%) sono i settori di consumo nei quali gli anziani si sentono più bisognosi di tutela. A seguire i prodotti difettosi (29 risposte su 100) senza dimenticare l’alimentazione (19% delle risposte), i trasporti e il credito al consumo (entrambi indicati da 15 consumatori su 100)”. E’ quanto emerso dalla survey “Anziani e inclusione” realizzata dall’UNC nell’ambito del progetto “Quello che le persone non dicono, un’inclusione possibile” finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali ai sensi dell’art. 72 del CTS annualità 2017 e realizzato dall’Unione Nazionale Consumatori in partenariato con U.Di.Con. SCARICA I RISULTATI COMPLETI DELLA SURVEY “Il dato -spiega Massimiliano Dona, presidente dell’UNC- non ci sorprende affatto: basti pensare che sono centinaia le segnalazioni che il nostro sportello energia gestisce ogni mese e che riguardano proprio venditori porta a porta o telefonici che, sfruttando la debolezza soprattutto delle persone anziane, propongono contratti di luce e gas con modalità a dir poco fraudolente. E seppur l’indagine non abbia valore statistico ma intenda semplicemente fotografare il sentiment degli utenti -prosegue Dona- la grande partecipazione con oltre 900 risposte, evidenzia come gli anziani manifestino un disagio ed una richiesta di aiuto per sentirsi davvero inclusi”.Proseguendo nell’analisi dei risultati, emerge che è durante il rapporto con l’azienda in caso di problemi che gli anziani si sentono maggiormente bisognosi di tutela (57% delle risposte), mentre il 46% individua nel cambio operatore di un prodotto/servizio il momento in cui necessita di un supporto e ancora 40 anziani su 100 trovano invece difficoltà proprio nella scelta autonoma di un prodotto/servizio. Chiude la classifica la finalizzazione di un contratto con il 33% delle preferenze.Alla domanda “In quali forme vorresti il nostro aiuto?” l’e-mail la fa da padrone, scelta da ben 62 anziani su 100 e seguita dal telefono (44% delle preferenze). E se il 23% individua nelle indicazioni “guida” degli esperti UNC su come scrivere in autonomia all’azienda uno strumento valido per far valere i propri diritti, il coinvolgimento diretto degli esperti UNC “che contattano l’azienda per te” conquista il podio, con il 61% delle preferenze.“Quest’ultimo dato -afferma Dona- evidenzia quanto gli anziani si sentano soli e indifesi rispetto ai colossi del marketing, in un’asimmetria che vede troppo spesso il più debole soccombere al più forte. Ed è proprio per fornire un sostegno concreto, dando innanzitutto gli strumenti per autodifendersi, che la nostra associazione è costantemente impegnata in progetti come questo. Perché non ci stancheremo mai di ripeterlo -conclude Dona- la consapevolezza è la prima grande risorsa della quale disponiamo perché Davide possa davvero vincere contro Golia’”. (n.r. Apprezziamo l’iniziativa dell’associazione consumatori su un percorso particolarmente accidentato anche perchè talvolta gli addetti ai lavori una volta contattati mostrano poca sensibilità o incapacità di risolvere i problemi prospettati per una politica dei concessionari arrogante e che non lascia margini di manovra. Ognuno di noi, e i meno giovani sembrano diventate le “vittime ideali”, non può dire di essere rimasto immune da tali trattamenti. In proposito vorrei suggerire una specie di task-force per far emergere non solo i casi più eclatanti ma dare ad essi la massima diffusione mediatica e di cercare, con questa iniziativa, di coinvolgere il mondo della politica che spesso in queste cose predica bene e razzola male)

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il commissario Montalbano sul grande schermo

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Il commissario Montalbano è uno di famiglia: molti di noi ormai si sentono a casa tra le pareti del commissariato di Vigata, come tra i muretti a secco, sulla terra arsa e gli ulivi, nelle tonnare abbandonate, nei ristoranti sul mare e sulle terrazze con vista sul tramonto.
Dopo aver raccolto oltre un miliardo e duecento milioni gli spettatori in vent’anni su Rai1, in attesa del grande evento televisivo della primavera 2020, il commissario, nato dalla penna di Andrea Camilleri – che con le sue opere ha venduto oltre 20 milioni di copie nel mondo – e interpretato da Luca Zingaretti, arriva per la prima volta al cinema per un evento straordinario in anteprima assoluta.
Il nuovo attesissimo episodio della collection evento si intitola “SALVO AMATO, LIVIA MIA” ed è diretto da Alberto Sironi e Luca Zingaretti. Interpretato da Luca Zingaretti, Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Angelo Russo, Sonia Bergamasco, “SALVO AMATO, LIVIA MIA” arriverà al cinema solo il 24, 25, 26 febbraio (elenco sale su http://www.nexodigital.it) in un evento speciale e prossimamente sarà in onda su Rai1.In questo nuovo episodio, il brutale omicidio di Agata Cosentino, il cui cadavere viene ritrovato in un corridoio dell’archivio comunale, non può lasciare indifferente Montalbano. Perché la vittima era una cara amica di Livia, una ragazza timida e riservata, che concedeva la sua amicizia e il suo amore a poche persone. E su quelle si concentra l’indagine di Montalbano, perché gli è presto chiaro che a uccidere Agata è stato qualcuno che le era molto vicino. Si tratta forse una violenza sessuale degenerata in omicidio, ma da subito questa ipotesi non convince Montalbano, che inizia la sua indagine partendo proprio dalle conoscenze della vittima.
“SALVO AMATO, LIVIA MIA”, una produzione Palomar con la partecipazione di Rai Fiction, sarà distribuito nei cinema italiani da Nexo Digital in collaborazione con i media partner Radio DEEJAY e MYmovies.it.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Cuneo Fiscale: ennesima misura assistenziale in deficit. Non servirà a rilancio Paese

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

“La riduzione del cuneo fiscale, così come prevista da questo governo, è la terza misura assistenziale dopo gli ‘ottanta euro’ di Renzi ed il reddito di cittadinanza giallo verde, e non rappresenta affatto una misura per lo sviluppo e la tanto necessaria ripresa dell’Economia nazionale. Il presidente dell’Inps Tridico, che nel corso della sua audizione in Commissione Finanze ha richiamato gli anni ’80, farebbe bene a rievocarli non tanto per il calo delle diseguaglianze quanto, piuttosto, per il ritorno a provvedimenti di assistenzialismo in deficit per ben 23 miliardi nello stile del ‘panem et circenses’. Politiche che hanno indebitato l’Italia e che ora sono in gran voga nei governi della Sinistra. Si consuma, inoltre, l’ennesima iniquità e sperequazione nei confronti dei lavoratori autonomi e delle partite Iva in genere, cioè dei produttori di ricchezza e lavoro, che vengono costantemente ignorati e finanche penalizzati dal governo, come peraltro evidenziato, dati alla mano, dal Consiglio Nazionale dei Commercialisti”. A dirlo il senatore di Fratelli d’Italia e segretario della Commissione Finanze e Tesoro Andrea de Bertoldi al termine delle audizioni in Commissione sulla riduzione del cuneo fiscale.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezione diretta del Capo dello Stato

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

“Fratelli d’Italia ha chiesto la calendarizzazione già dalla prossima settimana della proposta di legge di riforma costituzionale per l’elezione diretta del Capo dello Stato; riforma fortemente voluta dal presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Riteniamo infatti fondamentale l’elezione diretta del Capo dello Stato, non scelto attraverso accordi di palazzo. Ad ogni modo anche il prossimo fine settimana Fdi sarà in tutte le piazze italiane a raccogliere le firme per garantire un iter parlamentare più accelerato a questa e alle altre proposte presentate da Giorgia Meloni: taglio dei senatori a vita, tetto alle tasse in Costituzione e supremazia dell’ordinamento italiano su quello europeo a tutela dell’interesse nazionale”. Lo dichiara Emanuele Prisco, capogruppo di Fdi in commissione affari costituzionali e responsabile nazionale per le Riforme di Fratelli d’Italia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Firma digitale: tra il pubblico e il privato

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

“A quattro anni dall’istituzione dello Spid, il Sistema pubblico di identità digitale, sono state erogate solo 5 milioni e 700mila identità digitali con una spesa di 30 milioni di euro su 60 milioni di cittadini. Il sistema è indietro essenzialmente perché pochi conoscono lo Spid e quali potrebbero essere i benefici per tutti i cittadini. Ad oggi lo Spid è distribuito in Italia da 9 operatori, di cui 7 sono privati e 2 pubblici. Fratelli d’Italia ritiene sia indispensabile attuare il passaggio dei dati dai privati al pubblico entro il 2020 al fine di proteggere la privacy dei cittadini italiani. È, inoltre, meglio assegnare il servizio alla Presidenza del Consiglio.
Sappiamo anche che Spid e Carta d’Identità elettronica debbano andare di pari passo magari sfruttando anche la presenza capillare di Poste nei comuni. Questi dati devono essere custoditi in Cloud che rispondano ai requisiti di criteri già esistenti dei cosiddetti poli strategici nazionali e su questo presenteremo una risoluzione in commissione”.
Lo ha dichiarato il deputato e responsabile del dipartimento Tlc e Media di Fratelli d’Italia, Alessio Butti, illustrando un ordine del giorno a sua firma al decreto Milleproroghe.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Violenze camici bianchi

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Un dossier con documenti che testimoniano le iniziative dei consiglieri di Fratelli d’Italia in 17 Regioni a difesa dei professionisti della sanità oggetto di aggressioni e violenze è stato presentato questa mattina al Senato, alla presenza del presidente di FdI Giorgia Meloni. Ma anche un disegno di legge presentato in Senato da Fratelli d’Italia che parta dall’equiparazione dei medici e il personale sanitario nell’esercizio delle proprie funzioni ai pubblici ufficiale e che, inoltre, preveda modifiche al codice penale, l’introduzione di misure di protezione e prevenzione insieme alla videosorveglianza nei luoghi di lavoro e l’istituzione di presìdi di sicurezza.
A presentare l’incontro Marta Schifone, responsabile del Dipartimento libere professioni di FdI. Sono intervenuti il dott. Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Silvestro Scotti, segretario generale nazionale della Federazione italiana Medici di Medicina Generale, e Tonino Aceti, portavoce della Federazione nazionale degli Ordini delle professioni infermieristiche. “Non si possono lasciare in prima fila da soli gli operatori e i professionisti della sanità – ha affermato la Schifone – è un tema di sicurezza che abbiamo portato avanti in tutte le Regioni con i nostri consiglieri in un gioco di squadra molto efficace”.
“Le libere professioni – ha osservato il capogruppo alla Camera di FdI Francesco Lollobrigida – sono oggetto di attacchi da parte dello Stato in tema di tasse perché fanno gettito. Il nostro obiettivo è di ricostruire il tessuto delle professioni a livello nazionale per tornare a dare loro più forza e di colmare quella che è stata l’aspettativa delusa del decentramento regionale sulla sanità, lavorando in parallelo sul piano nazionale e quello territoriale”.”Il nostro ddl presentato al Senato su questa materia – ha sottolineato il vicecapogruppo vicario al Senato di FdI Isabella Rauti – contiene misure di prevenzione e contrasto alla violenza sugli operatori sanitari e, in particolare, prevede il riconoscimento dello status di pubblico ufficiale degli operatori sanitari. Ed è proprio l’assenza di tale equiparazione a rappresentare il Vulnus della proposta della maggioranza. Lo status di pubblico ufficiale che FdI chiede per gli operatori sanitari è la legittimazione formale della funzione sociale svolta e consente l ‘attivazione di misure di prevenzione e deterrenza, nonché la previsione dell’ampliamento della procedibilità d’ufficio. Le violenze sugli operatori sanitari non possono essere derubricate ad una ‘componente del rischio professionale’ e non possiamo lasciare soli e in prima linea chi lavora per offrire un servizio sociale alla comunità”.”La nostra – ha concluso Giorgia Meloni – non è una iniziativa estemporanea ma è il frutto di un lungo lavoro. Sono oltre 3mila l’anno i casi stimati di aggressioni a danno dei medici e degli operatori del nostro sistema sanitario ed è un dilagare di fatti di violenza che incide pesantemente sulla qualità del nostro servizio sanitario. Per questo Fratelli d’Italia lavora da tempo sia a livello nazionale per equiparare i medici ai pubblici ufficiali, sia a livello regionale per iniziative come le telecamere che possano mettere in sicurezza i medici per migliorare le condizioni del nostro servizio sanitario e per rendere più facile la vita a chi dedica la propria esistenza a salvare quella degli altri. Il nostro vuole essere il tentativo di disegnare una società nella quale vi sia rispetto per chi si sacrifica e per chi lavora, nella quale ci sia una educazione culturale a comprendere le tante occasioni in cui in Italia si pensa di alzare la voce e si finisce con farsi male, tutti. Quindi cerchiamo di migliorare le condizioni del nostro sistema sanitario che, è sì considerato uno dei migliori del mondo, ma secondo me può parecchio migliorare”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pa: Cgil Cisl Uil Fp a Dadone, ok confronto ma servono risultati

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

“Registriamo un’apertura del ministro Dadone all’avvio di un confronto tecnico sul lavoro pubblico. Valuteremo il merito partendo dalle nostre proposte e che riguardano, in estrema sintesi: l’esigenza di adeguate risorse per il rinnovo dei contratti, al netto degli interventi necessari per stabilizzare l’elemento perequativo e per finanziare il nuovo sistema di classificazione; un piano straordinario di assunzioni che vada oltre il turn over; provvedimenti che valorizzino le professionalità e che liberino la contrattazione da ingerenze amministrative”. Ad affermarlo sono i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Serena Sorrentino, Maurizio Petriccioli e Michelangelo Librandi, nell’annunciare di aver inviato all’Aran le piattaforme unitarie Cgil Cisl Uil per il rinnovo dei contratti 19-21 di Funzioni Locali e Sanità Pubblica.Sul fronte delle risorse per il rinnovo dei contratti, come emerso oggi, fanno sapere i segretari generali, “il Mef, rappresentato al tavolo dalla viceministro Castelli e dal sottosegretario Baretta, non ha assunto impegni, non potendo andare oltre il dato dell’interlocuzione che porterà alla stesura del Def. Per queste ragioni la mobilitazione continua e diamo il via, anche alla luce delle piattaforme presentate, ad assemblee in tutti i luoghi di lavoro. Valutiamo infatti con grande attenzione il percorso preannunciato oggi di confronto ma siamo ben consapevoli che questo non è e non può essere la stagione degli auspici, bensì quella dei risultati”, concludono.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Afghanistan: Bambini bisognosi di assistenza umanitaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

In Afghanistan il numero di bambini che avrà bisogno di assistenza umanitaria nel 2020 è salito del 40% rispetto allo scorso anno; ciò significa che 1,5 milioni di minori in più avranno bisogno di supporto per sopravvivere. Questa la denuncia di Save the Children – l’Organizzazione internazionale che da oltre 100 anni lotta per salvare i bambini a rischio e garantire loro un futuro – che sottolinea come 18 lunghi anni di conflitto abbiano trasformato l’Afghanistan in uno dei posti peggiori al mondo dove essere bambini.
Nell’anno in corso, specifica l’Organizzazione, altre 3,1 milioni di persone, più della metà delle quali minori, necessiteranno di assistenza umanitaria in un Paese in cui, negli ultimi due anni, la sicurezza è peggiorata notevolmente e il numero di bambini uccisi e mutilati ha raggiunto il suo record.Secondo le Nazioni Unite, nei primi nove mesi del 2019, i bambini hanno rappresentato il 77% delle vittime civili a causa di armi esplosive. Questo quotidiano rischio mortale ha un profondo impatto sulla salute mentale dei più piccoli che spesso sono testimoni di atti di estrema violenza e devono affrontare lesioni traumatiche che spesso hanno ripercussioni gravissime sulla loro vita.Infatti, oggi nel Paese 1 persona su 10 vive con disabilità fisiche.Una recente analisi di Save the Children ha inoltre rilevato che due terzi dei genitori intervistati in alcune parti dell’Afghanistan hanno affermato che i loro figli hanno paura delle esplosioni, dei rapimenti o di altre forme di violenza durante il tragitto per andare a scuola. Queste testimonianze danno la misura di quanto i bambini afgani vivano nella paura costante di perdere la vita, senza il necessario sostegno per affrontare questi traumi.Rischi differenti a seconda che si tratti di bambini o bambine. Come messo in evidenza nel nuovo rapporto “Stop alla guerra sui bambini” diffuso la scorsa settimana dall’Organizzazione, le ragazze nelle aree colpite dai conflitti corrono infatti rischi molto più elevati di essere vittime di violenza sessuale e di genere, gravidanze e matrimoni precoci forzati. In tutti i casi verificati di violenza sessuale contro i minori in aree di conflitto, 9 volte su 10 sono proprio le ragazze ad esserne vittime. I ragazzi hanno invece molte più probabilità di essere esposti ad uccisioni e mutilazioni, rapimenti e reclutamento nei gruppi armati.“Rispetto ad altre emergenze globali, dopo oltre 18 anni di conflitto l’Afghanistan rimane un Paese dimenticato nonostante le decine di migliaia di morti tra i civili e il fallimento di molteplici tentativi per arrivare alla pace. I bambini nati e cresciuti qui non hanno conosciuto altro che la guerra nella loro vita, hanno paura di andare a scuola e sono a rischio continuo di abusi e sfruttamento. I bambini afgani non hanno accesso all’assistenza sanitaria di base e ad un’istruzione di qualità, per non parlare del supporto psicologico di cui hanno bisogno per superare tutto ciò che hanno dovuto subire”, ha dichiarato Onno van Manen, Direttore di Save the Children in Afghanistan.“I bambini afgani hanno il diritto di vivere al sicuro, di essere protetti e di crescere come ogni bambino dovrebbe, purtroppo però i loro diritti fondamentali continuano ad essere calpestati. Dobbiamo offrire loro un futuro libero dalla violenza e dalla paura e per questo Save the Children sta intensificando le sue attività in tutto il Paese per rispondere a questa terribile situazione”, ha proseguito Onno van Manen.Nel 2019, Save the Children ha raggiunto oltre 4 milioni di persone in Afghanistan, delle quali oltre 900 mila bambini, attraverso programmi di educazione, salute, nutrizione e sicurezza alimentare, diritti e protezione. L’Organizzazione è presente con il suo staff in otto province del Paese e realizza anche attraverso partner interventi umanitari in 14 province su 34.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La vera storia dei Peaky Blinders di Carl Chinn

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

In libreria per Sperling & Kupfer. La realtà differisce dalla versione per lo schermo, perché i veri peaky blinders erano personaggi spregevoli, mediocri e sordidi. Per quanto riprovevoli, tuttavia, nel complesso sono stati un’importante componente storica della Birmingham di epoca tardovittoriana e edoardiana. Ignorati o appena citati dalle cronache locali, hanno condizionato in chiave negativa la vita di più di una generazione e macchiato la reputazione della città. Le loro azioni sono inestricabilmente legate alla storia di Birmingham, al pari di quelle dei suoi principali uomini politici e dei grandi industriali.
I Peaky Blinders così come li conosciamo, grazie all’enorme successo dell’omonima serie Netflix, sono un concentrato di violenza e terrore. Thomas Shelby, capofamiglia e boss della gang, si muove nella Birmingham degli anni Venti, in cui si combattono sanguinose guerre tra delinquenti e polizia che coinvolgono terroristi irlandesi e autorità.Ma chi erano i veri Peaky Blinders? Esistevano davvero?
Carl Chinn ha trascorso decenni a cercare di ricostruire le loro gesta e a seguire le loro orme oscure. Ne “La vera storia dei Peaky Blinders”, edito da Sperling & Kupfer, rivela la vera storia dei membri della famigerata gang, uno dei quali era il suo bisnonno, raccontando l’Inghilterra di quegli anni e le lotte della classe operaia inglese. Guidati da Billy Kimber, hanno combattuto una sanguinosa guerra con i gangster londinesi. Riunendo nel libro una vasta quantità di fonti originali, tra cui rarissime immagini storiche dei veri Peaky Blinders, Chinn aggiunge una nuova dimensione alla storia del mondo sotterraneo di Birmingham e ai fatti dietro la fiction. Autore di diversi libri, è il pronipote di un membro dei cosiddetti Peaky Blinders.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alessandro Serra porta in scena Il giardino dei ciliegi

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Roma 25 febbraio e fino al 8 marzo 2020 Teatro Argentina, Largo di Torre Argentina al Teatro Argentina Alessandro Serra a confronto con la più grande partitura sinfonica per anime mai scritta, Il giardino dei ciliegi di Anton Čechov.«Il giardino dei ciliegi si apre e si chiude in una stanza speciale, ancora oggi chiamata stanza dei bambini. Tra poco arriveranno i padroni, hanno viaggiato molto, vissuto e dissipato la loro vita. Bambini invecchiati che tornano a casa. Tuttavia il sentimento che pervade l’opera non ha a che fare con la nostalgia o i rimpianti ma con qualcosa di indissolubilmente legato all’infanzia, come certi organi misteriosi che possiedono i bambini e che si atrofizzano in età adulta. L’incombere della scure sul giardino provoca un senso di dolore sconosciuto, un risvegliarsi di quegli organi non ancora del tutto spenti nella loro funzione vitale – così annota Alessandro Serra – Un dolore che non ha nome e che solo guardando negli occhi il bambino che siamo stati potrà placarsi. Non c’è trama, non accade nulla, tutto è nei personaggi. Una partitura per anime in cui i dialoghi sono monologhi interiori che si intrecciano e si attraversano. Un unico respiro, un’unica voce. Non vi è alcun tono elegiaco, è vita vera distillata: si dice, si agisce. Un valzerino allegro in una commedia intessuta di morte. Comicità garbata, mai esibita, perfetto contrappunto in un’opera spietata e poetica. I personaggi ridono e si commuovono spesso, il che non significa che si debba piangere davvero, è piuttosto uno stato d’animo, scrive Čechov in una lettera, che deve trasformarsi subito dopo in allegria. Velando di lacrime gli occhi dei suoi personaggi Čechov suggerisce la visione sfocata della realtà sensibile, una realtà spogliata dai contorni. Come i vetri delle vecchie case, opachi, deformi, pieni di impurità fornivano una versione estetica della vita oltre la finestra, così le lacrime agli occhi erodono le forme: gli oggetti e le persone sfumano l’uno nell’altro, i colori si sfaldano in mezzetinte, i lineamenti e le voci si disciolgono. Tanto che a un certo punto non si sa più chi è che parla, se una voce proveniente da un’altra stanza o noi stessi con le parole di un altro. La scrittura stessa agevola questo dissolversi del centro e del focus: l’opera è cosparsa di piccoli impedimenti e fraintendimenti, anche linguistici, rotture sintattiche, pianti, canti, apnee, russamenti, borbottii e filastrocche, e poi i suoni. Tutto concorre a una partitura musicale che, scrive Mejerchol’d, è come una sinfonia di Čajkovskij».
Biglietti: intero 40 euro – ridotto 12 euroOrari spettacoli: prima ore 21 _martedì e venerdì ore 21 _ mercoledì e sabato ore 19 _ giovedì e domenica ore 17 Durata spettacolo: 115 minuti atto unico.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Labomar: i ricavi 2019 salgono a circa 57 milioni di euro

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Labomar, tra i principali produttori di integratori alimentari, dispositivi medici, alimenti a fini medici speciali e cosmetici, ha chiuso il 2019, secondo i dati preconsuntivi, con ricavi consolidati proforma pari a circa 57 milioni di euro, a fronte di 43,8 milioni di euro del 2018.L’incremento del fatturato ha beneficiato sia dell’apporto della crescita organica sia dell’acquisizione degli assets di una società con sede a Montréal che opera nel mercato farmaceutico, cosmetico e nutraceutico nord-americano, realizzata lo scorso novembre.
L’acquisizione delle attività canadesi è volta a consentire l’ingresso nel mercato nordamericano e l’ampliamento della quota di ricavi realizzati all’estero dal Gruppo: nel 2019 circa il 40% dei ricavi consolidati proforma sono già realizzati fuori dei confini nazionali, in oltre 30 diversi Paesi. Al fine di incrementare ulteriormente tale quota, Labomar ha messo a punto un portafoglio di soluzioni “ready to market” – circa 100 prodotti con formulazioni proprietarie – che consentono alle case farmaceutiche internazionali con distribuzione pluri-mercato di ridurre il time-to-market e servire più rapidamente mercati nuovi e presidiati.“Il 2019 è stato un altro importante anno per Labomar, contrassegnato da crescita e da un’operazione di M&A dalla grande valenza strategica” ha commentato Walter Bertin, fondatore e AD di Labomar, ricordando che “l’acquisto delle attività canadesi ci ha messo in una posizione privilegiata nel maggior mercato al mondo per il settore farmaceutico, cosmetico e nutraceutico, quello del Nord America e, in particolare, degli Stati Uniti che da soli valgono oltre 25 miliardi di dollari. Un’acquisizione che potrebbe non rimanere isolata poiché Labomar punta a proseguire nel proprio percorso di crescita sia per linee interne sia, ove ne ricorrano le condizioni, per linee esterne”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Chryso Italia chiude il 2019 con un fatturato da 35 milioni di euro

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Offrire soluzioni sicure e innovative, creare prodotti di qualità sempre più sostenibili per il Pianeta e garantire servizi di consulenza affidabili ai propri clienti, investendo nello sviluppo di tecnologie sempre più avanzate per l’industria delle costruzioni. Sono questi i punti di forza che contraddistinguono la linea operativa di Chryso Italia, filiale dell’omonimo gruppo francese e dal 1997 leader nel settore degli additivi in ambito edilizio, che ha concluso il 2019 registrando un fatturato da 35 milioni di euro, affermandosi ancora una volta sul mercato italiano e rafforzandosi su quello internazionale. Grazie alla disponibilità sul territorio di tre laboratori tecnologici, chimici e prove, e due siti produttivi in Lombardia, Chryso Italia offre ai propri clienti servizi sempre all’avanguardia coadiuvati da un’esperienza ventennale nella formulazione e nella conoscenza dei materiali. L’azienda, infatti, mette a disposizione un’ampia gamma di soluzioni tra cui additivi per calcestruzzo, additivi per cemento, sistemi di sollevamento e fissaggio per la prefabbricazione leggera e pesante, fibre e malte. “Siamo orgogliosi di aver chiuso il 2019 con un bilancio davvero positivo che testimonia il successo della nostra azienda nel garantire servizi di qualità e sviluppare nuove soluzioni per soddisfare al meglio le esigenze tecniche ed economiche dei clienti – ha spiegato Paolo Novello, CEO di Chryso Italia – L’innovazione è infatti parte integrante del nostro DNA poiché il 35% del fatturato è generato da prodotti che hanno meno di cinque anni e il 3% viene investito ogni anno in ricerca e sviluppo. Un lavoro svolto con un’attenzione costante alla sicurezza sul lavoro, dato che ci impegniamo quotidianamente nel mettere in atto misure volte a garantire la totale incolumità dei nostri dipendenti”. Ma non è tutto, perché Chryso Italia è attiva inoltre in un progetto di sviluppo sostenibile attraverso la creazione di soluzioni che riducano l’impatto ambientale, utilizzando componenti di origine vegetale e materie prime che consentano di formulare prodotti finalizzati alla riduzione dell’esposizione degli utilizzatori ai rischi del mestiere. L’azienda ha infatti ottenuto quattro certificazioni che consentono di garantire un’evoluzione costante e il miglioramento continuo dei processi: si tratta delle ISO 9001 (dal 1997), OHSAS 18001 (dal 2005), ISO 14001 (dal 2006) e SA 8000 (dal 2012). (fonte: Espresso Communication Srl)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Esposizione di Guido Guidi “Dalle cose”Madrid

Posted by fidest press agency su venerdì, 21 febbraio 2020

Madrid 27 febbraio 2020 alle ore 20.00. La mostra è realizzata in collaborazione con Viasaterna. Aperta al pubblico dal 28 febbraio all’8 maggio 2020 Ingresso gratuito. Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 18.00. Festivi chiusa. Dalle cose è la prima mostra personale in Spagna di uno dei principali maestri della fotografia italiana, Guido Guidi (Cesena, 1941), e ripercorre le tracce fondamentali della vasta costellazione del suo lavoro, invitando il visitatore a scoprire le sue teorie e riflessioni visive. La mostra presenta i principali passaggi della pratica di Guidi, prima fra tutte le connessioni che la dimensione temporale inscrive nel suo lavoro. Alcune opere riflettono sulla sequenza, come nella serie dedicata a Preganziol, piccolo paese vicino Venezia, o nella sua casa a Cesena, in cui indaga i cambiamenti della luce del sole filtrata attraverso la finestra; o, ancora, l’ombra degli alberi durante un’eclissi, mostrando come la successione e le possibilità siano modalità distintive della sua pratica. Poco o niente viene letto come momento decisivo, il lavoro di Guidi non si basa sulla produzione di fotografie isolate che hanno funzione di icone evocative. Anche quelle fotografie che sono esposte in mostra singolarmente o in forma di dittici, appartengono a progetti più ampi, in cui i tempi di realizzazione variano notevolmente. A volte durano qualche giorno come per Gibellina, dove Guidi è stato invitato a offrire il suo personale sguardo sul territorio siciliano in ricostruzione; mentre in altre occasioni, la ricerca può essere prolungata per anni, come per i paesaggi di Strada Romea (1975 – 1990) o la Tomba Brion di Carlo Scarpa (1997 – 2007). Con un interesse per le trasformazioni più lievi dovuti al tempo, l’osservazione per la vita quotidiana e il territorio che cambia, le fotografie di Guidi invitano a pensare l’immagine come a un processo che richiede l’attenzione del visitatore per coglierlo. (fonte: prensa)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »