Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Archive for 24 febbraio 2020

Coronavirus – Spallanzani: Bollettino medico numero 25

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Roma. Tutti i test di ricerca del nuovo coronavirus effettuati in questi giorni sono risultati negativi, ad eccezione della Signora cinese, ancora in terapia intensiva ma con condizioni stabili, vigile ed orientata e con respiro autonomo e ripresa dell’alimentazione. Il marito, tuttora ricoverato in regime ordinario, prosegue il percorso di riabilitazione. Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 114 pazienti. Di questi, 75, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Trentanove sono i pazienti tuttora ricoverati. Si è provveduto a formalizzare un accordo con l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù che prevede, nell’ambito di una estensione della già vigente collaborazione, la presa in carico dei bambini accompagnati dai genitori, con sintomatologia riferibile alla infezione da nuovo coronavirus.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: le linee guida proposte da SIMA all’attenzione dell’esecutivo

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

“In linea con le restrizioni già varate in queste ore dal governo, ecco i punti proposti da SIMA all’urgente attenzione dell’esecutivo: disporre che su tutti i voli in arrivo in Italia da qualunque destinazione estera si proceda a sottoporre ai passeggeri una scheda di raccolta dati in cui venga chiesto se si è stati in Cina nelle ultime tre settimane (come da molti decenni accade di prassi per l’accesso negli USA, senza che ciò sia giudicato come una violazione della privacy) e, in caso di risposta positiva, attivare la quarantena domiciliare obbligatoria (o ricovero in caso di sintomi già in atto) e la sorveglianza sanitaria già al momento dell’arrivo nel nostro Paese; estendere le suddette misure anche ai passeggeri di navi, treni e bus in arrivo dall’estero fin dall’ingresso nei porti o nelle stazioni ferroviarie; chiedere a tutti i Paesi europei di area Shenghen di adottare le stesse misure nell’immediato oppure ripristinare i controlli alle frontiere anche per le auto private e i camion, ai cui conducenti va sottoposta la stessa scheda di raccolta dati per identificare chi si è recato in Cina nelle ultime tre settimane; prevedere pene severe in caso di dichiarazioni false o elusione della quarantena; invitare tutti i lavoratori a usufruire senza remore (con certificazioni mediche semplificate a posteriori) giornate di malattia nel caso di comparsa di tosse o sintomi influenzali; blocco immediato dei viaggi di istruzione scolastiche all’estero per 30 giorni ulteriormente prorogabili; quarantena di tre settimane per tutti gli studenti rientrati dalla Cina e non conteggiare le assenze a scuola o in corsi universitari e post-lauream degli studenti soggetti a quarantena ; blocco dell’accordo della Cina con la regione Toscana per il rientro dei 2500 cinesi a Prato o stringente quarantena di 21 giorni con sorveglianza sanitaria in caso di rientro in Italia”.Sono le linee guida espresse dal Presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale SIMA, Alessandro Miani, in seguito alla notizia dei casi di coronavirus in Lombardia e in Veneto.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le preoccupazioni della Bce e il “Minsky Moment”

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Christine Lagarde sta prendendo confidenza con il suo nuovo ruolo alla Banca centrale europea. Nel suo discorso, tenuto davanti al Parlamento europeo, riunito a Bruxelles per discutere il bilancio annuale 2018 della banca, la governatrice ha espresso per la prima volta la sua valutazione sulle politiche monetarie accomodanti, il cosiddetto quantitative easing.
“Dal 2014 la politica della Bce, ha affermato, si basa su quattro elementi: un tasso d’interesse negativo, l’acquisto di asset (titoli di vario tipo), la forward guidance (le indicazioni prospettiche delle intenzioni della Bce) e le operazioni mirate di credito.” Sono politiche che hanno favorito la stabilità del sistema e lo avrebbero protetto da “venti contrari globali”. Ma, ammette Lagarde, “Quella monetaria non può e non deve essere la sola politica disponibile. Più a lungo si continua con le politiche accomodanti, più grande diventa il rischio di essere colpiti da qualche effetto collaterale”.
La Bce è consapevole che il tasso d’interesse basso produce effetti sui redditi, sulle valutazioni degli asset, sulla propensione al rischio e sui prezzi degli immobili. Di conseguenza si “monitorizzano” i menzionati possibili effetti negativi per evitare che pregiudichino le politiche concernenti il credito, l’occupazione e i salari.
La governatrice, perciò, chiede che siano messe in campo politiche fiscali e strutturali adeguate. Anche lei, come da un po’ di tempo fanno tutti gli attori economici, sostiene il “Green New Deal “ europeo e i necessari massicci investimenti finanziari occorrenti per la transizione ecologica.
Inoltre, tra le grandi sfide che anche la Bce dovrà affrontare mette la digitalizzazione del sistema. Al riguardo è stata creata una task force per studiare la realizzazione di una moneta digitale della banca centrale e testarne il funzionamento nella pratica.
Come si può notare le istituzioni europee preferiscono esprimere le proprie preoccupazioni sotto voce. Dall’altra parte dell’Atlantico, invece, nonostante le sbandierate statistiche ufficiali, si parla di nuovi rischi di crisi finanziaria con toni più accessi.
Nel dibattito è riapparsa la paura del cosiddetto “Minsky Moment”, quella situazione che si crea quando il sistema va in tilt perché gli investitori si sono spinti troppo avanti con le speculazioni aggressive, facendo troppi debiti e assumendo rischi molto alti. Anche il Fmi ha recentemente evidenziato questo pericolo. In passato è stato oggetto di riflessioni anche nei forum economici della stessa Bce.
Hyman Minsky è un economista americano della scuola di Schumpeter prima e poi di quella post-Keynes, che ha studiato la fragilità del sistema finanziario rispetto all’emergere delle bolle speculative. E’ stato un economista indipendente, fuori dal coro, e per questo poco considerato dall’establishment prima della sua morte avvenuta nel 1996. Ha avuto un legame personale anche con l’Italia e in particolare con la città di Bergamo.
In certi periodi di espansione finanziaria, quando i flussi di cassa superano le quote necessarie per pagare i debiti, scatta una grande propensione alla speculazione. Ciò mette in moto aspettative di aumenti dei valori degli asset e dei guadagni, che a loro volta spingono verso un’ulteriore espansione debitoria. Questo processo finisce quando i prezzi, artificialmente gonfiati, cominciano a scendere. Si crea, quindi, una spirale discendente che può portare al crollo dei mercati, con effetti negativi sull’economia reale. Nei decenni passati si è sperimentato più volte e in modo devastante con la Grande Crisi del 2008.
Negli Usa, tale processo è ripartito nei mesi passati con il quantitative easing n. 4 delle Federal Reserve. In verità, è un rischio globale, tenuto conto che, a livello mondiale, i bilanci delle banche centrali sono passati dai 5.000 miliardi di dollari del 2007 ai 21.000 miliardi di oggi. Inoltre, nello stesso periodo la capitalizzazione globale delle borse è salita da 65.000 a 85.000 miliardi di dollari. E’ quasi l’equivalente dell’espansione complessiva dei bilanci delle banche centrali. L’economista Minsky affermava anche che i mercati hanno una memoria molto corta e che volutamente vogliono convincersi che ogni volta sarà differente e che le crisi del passato non si ripetono. Sono illusioni che, purtroppo, incidono sulla vita di interi paesi e su quella di milioni di famiglie. Senza essere pessimisti, lo scenario mondiale non sembra roseo, soprattutto se si considera che in aggiunta ai rischi citati vi sono gli effetti negativi dell’epidemia esplosa in Cina. Del resto nel mondo globalizzato tutto è concatenato e non vi sono zone franche per nessuno. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un concorso per nuovi talenti aperto ai romani

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Con questo spirito parte il contest musicale CantaRomaCanta, che vede protagonisti i cittadini maggiorenni nati o residenti a Roma, i quali potranno candidarsi inviando un proprio video all’indirizzo mail cantaromacanta@comune.roma.it entro il 31 maggio.Il contest sarà articolato in due categorie: “Le voci di Roma”, canzoni originali sulla città eterna, e cover a tema libero. I brani, eseguiti da solisti o band, potranno contenere testi scritti in italiano, inglese e in dialetto romanesco.Per quanto riguarda la prima categoria “Le voci di Roma”, i partecipanti potranno esprimersi declinando il tema secondo il proprio personale legame con la città. Roma è una città attraversata da persone provenienti da luoghi differenti, in cui si mescolano culture, idee, pensieri e atmosfere. Il testo delle canzoni proposte dovrà avere come filo conduttore Roma e il rapporto che il cantautore o la band ha con la città, con il quartiere in cui abita, con le vie e gli edifici che vive quotidianamente, con le persone che incontra. Il concorso è aperto anche a una seconda categoria, ovvero a tutti coloro che vogliono dimostrare le proprie capacità canore esibendosi in una cover a tema libero.Dopo una prima selezione in base alle Social Media Policy di Roma Capitale e all’aderenza ai criteri stabiliti dal regolamento, i video verranno caricati sulla pagina Instagram di Roma Capitale (@Roma) dove potranno essere votati con un ‘mi piace’ dai cittadini.Per partecipare al concorso, occorre realizzare un video in formato mp4 di una durata compresa tra 1 e 3 minuti. La votazione sarà popolare. A vincere saranno i 3 video per categoria che riceveranno più ‘mi piace’. La candidatura potrà essere inviata entro le ore 24.00 del 31 maggio 2020. I vincitori saranno annunciati sul sito ufficiale e sui canali social di Roma Capitale entro la fine del mese di giugno e avranno la possibilità di esibirsi nel corso di un grande evento a dicembre.Secondo la Sindaca Virginia Raggi, il contest musicale CantaRomaCanta permetterà ai tanti talenti nascosti nella nostra città di mostrare le loro capacità canore e di raggiungere un vasto pubblico di ascoltatori. Sarà una vetrina per tutti i cantautori che vorranno parlare di Roma e per chiunque porti avanti la passione per la musica e vorrà mettersi in gioco.Per ulteriori informazioni e modalità di partecipazione: https://bit.ly/2vVf1wA

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Anno della cultura dell’Azerbaigian in Italia”

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

La Sindaca di Roma Virginia Raggi ha ricevuto in Campidoglio il Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian, Ilham Aliyev, in occasione della visita di Stato in Italia.Nel corso dell’incontro la delegazione guidata dal Presidente della Repubblica ha visitato l’Aula Giulio Cesare dove per l’occasione sono stati esposti i reperti archeologici provenienti dagli scavi archeologici dell’area di via Alessandrina, nei Fori Imperiali, realizzati grazie al finanziamento del Ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica dell’Azerbaigian.Gli scambi culturali verranno intensificati nel corso di quest’anno. Il 2020 è stato, infatti, scelto come “Anno della cultura dell’Azerbaigian in Italia” e avrà in programma eventi che si svolgeranno a Roma dedicati a favorire lo scambio culturale tra i due Paesi.L’incontro è l’occasione per ribadire i sentimenti di amicizia tra i due popoli e le molte relazioni storiche e culturali che legano i due Paesi e le rispettive Capitali, ha sottolineato la Sindaca Raggi accogliendo il presidente dell’Azerbaigian. E con riferimento all’Anno della cultura azera in Italia la Sindaca ha sottolineato la volontà dell’Amministrazione di supportare la collaborazione nell’ottica di garantire il pieno successo di tutte le iniziative.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Accordo politico di Juba

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Juba. Sant’Egidio presente in questi giorni, con una sua delegazione, in Sud Sudan – si rallegra per l’intesa tra il presidente, Salva Kiir Mayardit, e il leader dell’opposizione, Riek Machar, che apre la strada alla formazione di un governo di unità nazionale, lungamente atteso, e lo ritiene un incoraggiamento a proseguire con ancora più convinzione il ruolo di mediatore, portato avanti ormai da tempo dalla Comunità per giungere alla pace in questo Paese, dopo dolorosi anni di guerra civile. “Si tratta – spiega Paolo Impagliazzo di un importante tassello per sostenere il cammino verso la pace e la definitiva cessazione delle ostilità, deciso da tutte le parti in lotta lo scorso gennaio a Roma”. Proprio a Sant’Egidio infatti, grazie alla mediazione della Comunità, è stata firmata il 13 gennaio scorso la “Dichiarazione di Roma”, alla hanno aderito anche i gruppi dell’opposizione che erano rimasti fuori dagli accordi di Addis Abeba del 2017 riunendo per la prima volta tutte le parti politiche del paese. Il documento, risultato di un lungo lavoro di mediazione tra le parti, si basa su tre i cardini: l’impegno alla cessazione delle ostilità; l’impegno a discutere e a valutare insieme – a Sant’Egidio – meccanismi per risolvere le divergenze; la garanzia per le organizzazioni umanitarie di poter operare nel paese a sostegno della popolazione civile. La Dichiarazione è stata firmata dai membri della delegazione del governo centrale del Sud Sudan, dai rappresentanti dei Movimenti di opposizione sud sudanesi che non hanno aderito all’accordo di pace rivitalizzato del 2018 ad Addis Abeba (Ssoma) e da quelli delle opposizioni firmatarie dell’accordo. Nella dichiarazione finale si era espressa anche gratitudine per quanto aveva fatto Papa Francesco con il suo appello a lasciare da parte le differenze e a cercare ciò che unisce, inginocchiandosi davanti ai leader del Paese per implorare la pace. Successivamente, a metà febbraio, si è tenuto, sempre a Sant’Egidio, il primo round negoziale a seguito della Dichiarazione di Roma. Alle trattative hanno partecipato una cinquantina di delegati in rappresentanza del governo del Paese africano, di tutte le forze politiche dell’opposizione (SSOMA, SPLM/IO, NDM, OPP, FDS) e di alcuni osservatori internazionali, tra cui l’IGAD, le Nazioni Unite e l’Unione Europea. L’incontro, svoltosi grazie alla mediazione di Sant’Egidio, ha sancito l’ingresso del SSOMA, sigla che riunisce tutti i movimenti di opposizione che non hanno aderito all’accordo di pace di Addis Abeba del settembre 2018, nel meccanismo di verifica e monitoraggio del cessate il fuoco. Il negoziato proseguirà nelle prossime settimane sulla governance e le cause principali del conflitto; il prossimo round sarà dedicato all’incontro tra i capi militari che dovranno rendere operative le decisioni prese in merito al cessate il fuoco e si svolgerà nel mese di marzo. Proprio per favorire i prossimi incontri tra le parti – che si svolgeranno sempre a Roma – una delegazione della Comunità di Sant’Egidio è presente in questi giorni a Juba.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

15a Conferenza Nazionale GIMBE

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Bologna, 6 marzo 2020 – Royal Hotel Carlton conferenza su: Il coraggio delle scelte per il futuro della sanità pubblica. Sarà presente il Ministro della Salute, On. Roberto Speranza. Il Presidente Cartabellotta nella lettura inaugurale illustrerà le scelte coraggiose necessarie a rilanciare il nostro servizio sanitario nazionale, grande motore di giustizia sociale.Il forum dedicato alle politiche per il personale sanitario vedrà protagonisti Filippo Anelli (FNOMCEO), Alessandro Beux (Federazione Nazionale Ordini TSRM e PSTRP), Antonio Bortone (Conaps), Antonio Magi (SUMAI-Assoprof), Andrea Mandelli (FOFI), Barbara Mangiacavalli (FNOPI), Carlo Palermo (ANAAO-ASSOMED), Maria Vicario (FNOPO).Seguirà un confronto su invecchiamento, cronicità, multimorbidità cui parteciperanno Massimo Barberio (GE Healthcare), Roberto Bernabei (Policlinico Gemelli), Silvio Brusaferro (Istituto Superiore di Sanità), Ivan Gardini (EpaC Onlus), Antonio Gaudioso (Cittadinanzattiva), Giovanni Gorgoni (AReSS Puglia), Walter Ricciardi (Università Cattolica del Sacro Cuore), Silvestro Scotti (FIMMG), Angelo Tanese (ASL Roma 1), Andrea Urbani (Ministero della Salute).Immancabili appuntamenti pomeridiani il Laboratorio Italia, vetrina dei progetti di eccellenza realizzati dalle organizzazioni sanitarie, e la sessione GIMBE4young dedicata a studenti e giovani professionisti.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un evento di chiusura per la mostra After Bauhaus

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Roma Una visita guidata tenuta in italiano dalla curatrice Zsófia Kókai chiuderà, venerdì 28 febbraio p.v., alle ore 18.00 la mostra AFTER BAUHAUS. Riflessioni degli studenti dell’Università di Arte e Design Moholy-Nagy di Budapest sul Bauhaus in corso presso l’Accademia d’Ungheria in Roma (Via Giulia, 1) dallo scorso 16 gennaio.
La mostra, organizzata in collaborazione con MOME e con il sostegno del Fondo Nazionale Culturale di Ungheria, ha presentato una selezione di lavori realizzati dagli studenti dell’Università di Arte e Design Moholy-Nagy di Budapest durante i corsi relativi al Bauhaus del secondo semestre del 2019. Le opere provenienti dal Dipartimento di Progettazione Tessile e Moda, Design, Media Design e Grafica rievocano e portano avanti i pensieri tuttoggi validi del Bauhaus centenario.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del 6° Report italiano sui Minibond

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Milano, Martedì 25 febbraio alle ore 10 viene presentata al Campus Bovisa (Aula Magna Carassa e Dadda, via Lambruschini 4) la sesta edizione del Report italiano sui Minibond, frutto del lavoro di ricerca dell’Osservatorio Minibond della School of Management del Politecnico di Milano. Un appuntamento ormai consolidato nell’agenda della finanza alternativa che quest’anno si arricchisce di un nuovo ‘tassello’: la premiazione di un’azienda emittente italiana che, nell’arco di un triennio dopo l’emissione di un minibond, si è distinta per crescita di fatturato e di occupati. Dopo la presentazione del Report da parte del professor Giancarlo Giudici, Direttore scientifico dell’Osservatorio Minibond, si terrà una tavola rotonda a cui prenderanno parte: Massimo Bianchi (EPIC SIM), Simone Brugnera (Banca Finint), Diomidis Dorkofikis (Foresight Group), Vittorio Fiore (Deloitte), Leonardo Frigiolini (F&P Frigiolini & Partners Merchant), Christian Martello (Mediocredito Trentino-Alto Adige), Anna Marucci (Borsa Italiana), Fabrizio Negri (Cerved Rating Agency), Andrea Nuzzi (Cassa Depositi e Prestiti), Sabrina Setini (Orrick) ed Emilio Troiano (ADB Corporate Advisory). Modera Maximilian Cellino (Il Sole 24 Ore). Al termine verrà consegnato l’Innexta Minibond Award.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ciclo di lezioni/incontri

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Cuneo 28 febbraio Marco Aime – 20 marzo Andrea Zorzi, 20 aprile Stefano Bartezzaghi – 5 maggio Taxi1729 Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Prenotazioni disponibili su http://www.fondazionecrc.it. La seconda edizione del progetto MotivAzione, promosso dalla Fondazione CRC, oltre ai consueti percorsi di formazione per gli insegnanti, prevede per il 2020 un ciclo di lezioni/incontri tenuti da scrittori, studiosi e personalità, al fine di sensibilizzare sulle tematiche educative tutti gli attori che compongono la comunità.Il ciclo di lezioni/incontri si terrà a Cuneo, con il patrocinio del Comune di Cuneo, e vedrà protagonisti Marco Aime, Andrea Zorzi, Stefano Bartezzaghi, Taxi1729.Il nucleo portante attorno a cui è stato costruito il progetto è il tema del benessere a scuola come elemento essenziale per la buona riuscita scolastica a cui si legano i temi della scoperta del talento e delle intelligenze multiple, dell’innovazione tecnologica e didattica, delle scelte future consapevoli e le tematiche multiculturali.Il primo incontro dal titolo “La cultura e il processo di cambiamento. Siamo tutti multiculturali” si terrà a Cuneo venerdì 28 febbraio 2020, alle ore 18, presso il cinema Monviso (via XX settembre 14) e avrà come protagonista Marco Aime.“Grazie alla presenza di Marco Aime, questo primo incontro del ciclo di MotivAzione vuole stimolare la riflessione su un tema complesso e di strettissima attualità, come quello della multiculturalità, che oggi rappresenta non solo una grande opportunità per il mondo della scuola – dichiara Giandomenico Genta, presidente della Fondazione CRC – ma anche una sfida centrale per costruire una società coesa e in grado di confrontarsi con i cambiamenti che ci attendono. Un tema su cui la Fondazione è attiva con iniziative specifiche, come il progetto Parole per crescere”.Che la cultura sia un elemento imprescindibile del nostro stare nel mondo è un dato acquisito. Attraverso la diversità dei saperi il mondo è diventato meno estraneo, vivibile; l’uomo nella sua incompletezza crea il mondo in cui abita, lo modifica, lo adatta, lo interpreta: è la sua libertà e la cultura è il contenitore delle sue relazioni con il mondo. Relazioni fatte di scambi, di ibridazioni, spostamenti, circolazione delle idee, contraddizioni e scontri che richiedono un continuo ripensamento della categoria dell’umano.
Marco Aime affronta la complessità di questi temi all’interno della contraddittoria realtà presente e di un futuro segnato da grandi trasformazioni culturali piegate alla globalizzazione e alla superficiale rapidità delle informazioni.
Marco Aime insegna Antropologia culturale all’Università di Genova. Ha condotto ricerche sulle Alpi e in Africa Occidentale (Benin, Burkina Faso, Mali). Ha pubblicato favole per ragazzi, testi di narrativa e saggi, tra cui: Le radici nella sabbia (EDT, 1999); Il primo libro di antropologia (2008); L’altro e l’altrove (con D. Papotti, 2012); La fatica di diventare grandi (con G. P. Charmet, 2014) per Einaudi; Verdi tribù del Nord (Laterza, 2012); African graffiti (Stampa Alternativa, 2012); Gli specchi di Gulliver (2006); Timbuctu (2008); Il diverso come icona del male (con E. Severino, 2009); Gli uccelli della solitudine (2010); Cultura (2013); L’isola del non arrivo (2018) per Bollati Boringhieri; La macchia della razza (2013); Etnografia del quotidiano (2014) per elèuthera; Tra i castagni dell’Appennino. Conversazione con Francesco Guccini (2014); Senza sponda (2015) per UTET; Comunità (il Mulino, 2019). Ha curato Atlante delle frontiere (2018, Add editore). Nel 2020 è uscito il suo ultimo libro Classificare, separare, escludere. Razzismi e identità, edito da Einaudi.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferma dei 500 euro per la 18App da spendere nel 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

“La pubblicazione in Gazzetta ufficiale del regolamento della 18App, con la conferma che anche ai nati nel 2001 verranno assegnati 500 euro da spendere in cultura nel 2020, è una notizia positiva – ha dichiarato il presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi –. La 18App non solo contribuisce a sostenere l’industria culturale, ma è un tassello importante di una politica volta a far crescere la lettura nel nostro Paese. Per questo è necessario garantire a tutti i neomaggiorenni la stessa possibilità di spesa anche in futuro”. “Adesso – continua Levi – si tratta di dare continuità e sicurezza per l’avvenire a questa importante misura di sostegno alla lettura dei giovani, ripristinando la dotazione originaria della 18App a 290 milioni e confermando l’assegno di 500 euro per ciascun ragazzo per gli anni futuri, a partire dal 2021”. Nel 2018, ricorda l’associazione degli editori, sono stati spesi in libri 132,4 milioni di euro, il 69% della spesa totale. Nel 2019 131,5 milioni, il 66% della spesa totale. “Nella grande maggioranza dei casi – conclude Levi – i ragazzi utilizzano i soldi ricevuti per i libri: è la dimostrazione che il sostegno alla domanda funziona nel far avvicinare famiglie e giovani alla lettura”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Torino: Edilizia scolastica

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

La Città Metropolitana di Torino è impegnata al massimo sui temi dell’edilizia scolastica e della sicurezza. Grazie al lavoro degli uffici e agli interventi effettuati o già programmati l’Ente risponde alle legittime preoccupazioni degli studenti che nelle loro scuole la situazione è sotto controllo e non ci sono particolari emergenze.A margine della manifestazione odierna indetta dagli studenti per rivendicare edifici scolastici sicuri, la Città Metropolitana ricorda le misure già adottate per garantire al territorio un parco-scuole efficiente e pienamente rispondente alle necessità degli allievi.
Sono 30 gli edifici scolastici nel territorio metropolitano torinese coinvolti dagli 11 appalti finanziati dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca per complessivi 8 milioni di euro nell’ambito del cosiddetto “Decreto Fedeli”, riguardanti la messa in sicurezza dei solai dal fenomeno dello sfondellamento.Alcuni cantieri sono già partiti, come quelli all’Istituto Moro di Rivarolo e all’Ubertini di Caluso, mentre gli altri partiranno a breve. Sono, inoltre, in corso di redazione i progetti esecutivi di quattro interventi sugli istituti Galilei di Avigliana, Dalmasso di Pianezza, Darwin-Romero di Rivoli e Porporato di Pinerolo, per una spesa di 13.150.000 euro, in gran parte finanziata dal MIUR nell’ambito del Piano triennale dell’edilizia scolastica 2018-2020-annualità 2018.I lavori saranno aggiudicati entro il prossimo 30 settembre, fatta eccezione per l’intervento previsto all’istituto Dalmasso di Pianezza, la cui aggiudicazione è prevista entro il 30 dicembre.Sempre nell’ambito del Piano Triennale, sono stati presentati, per l’annualità 2019, 8 progetti definitivi per una spesa prevista di 16.200.000 euro. Per ora sono stati finanziati gli interventi negli istituti D’Oria di Ciriè, Pininfarina di Moncalieri, Albert di Lanzo, Ferrari di Susa, Galilei-Ferrari di Torino e Alberti-Porro di Pinerolo. Le graduatorie sono state comunicate alcuni giorni fa dalla Regione Piemonte.Nella prima parte di quest’anno saranno predisposte le gare per l’affidamento degli incarichi di progettazione finanziati dal MIUR e dal MIT per 13 nuovi progetti definitivi, riguardanti altrettante scuole.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: al via il bando per strumenti informatici gratuiti

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Roma. È partito il bando 2020 per la donazione di apparati informatici agli istituti superiori. Due anni fa a vincere il bando fu l’I.T.T. Pacinotti di Fondi e lo scorso anno l’I.T.I. Cannizzaro di Colleferro.Il bando viene quindi rinnovato anche quest’anno, in modo da donare alcuni apparati informatici per scopi didattici ad un altro istituto superiore, dotato di un laboratorio di informatica, e che abbia tra le proprie materie lo studio delle reti.L’iniziativa è aperta anche ad associazioni, enti ed università che abbiano come scopo o oggetto sociale lo studio delle telecomunicazioni e dell’informatica. Il valore degli apparati, sebbene utilizzati ma perfettamente funzionanti, è pari a circa € 4000.Il bando è a cura della TLC Telecomunicazioni, compagnia telefonica nazionale con sede a Formia, nell’ambito delle proprie attività di sostegno del territorio, della formazione scolastica e dell’istruzione dei giovani.Gli istituti interessati a candidarsi devono inviare una mail all’indirizzo commerciale@tlctel.com e verranno contattatida un responsabile dalla TLC Telecomunicazioni per gli accordi del caso.Qualora si ricevano più richieste rispetto agli apparati disponibili, a suo insindacabile giudizio la TLC Telecomunicazioni (www.tlctel.com) selezionerà l’istituto a cui donarli sulla base dello scopo didattico per cui verrebbero utilizzati.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via la V edizione di “In-formazione Universitaria”

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Roma, Torna a Euroma2, Via Cristoforo Colombo, angolo Viale dell’Oceano Pacifico da mercoledì 26 febbraio a sabato 29 febbraio 2020, la V edizione dell’evento dedicato all’orientamento universitario: “In-formazione Universitaria”. Rivolto agli studenti delle Scuole Superiori che si trovano a dover effettuare una scelta importante della loro formazione, “In-formazione Universitaria” ha come obiettivo quello di aiutare i ragazzi nella valutazione del percorso universitario da intraprendere.Si prevede un’altra edizione dai grandi numeri: quattro giornate in cui saranno presenti con i propri stand 36 Università, dove Professori e Studenti universitari forniranno ai numerosissimi studenti partecipanti informazioni sui piani di studio del proprio Ateneo e consigli utili per effettuare una scelta consapevole.I ragazzi, che la mattina saranno accompagnati nella visita dai propri Professori ed il pomeriggio potranno tornare insieme alle loro Famiglie, avranno modo di porre domande direttamente a coloro che ogni giorno vivono o lavorano nell’ambiente universitario, valutare attentamente l’ampio ventaglio di offerte formative proposto da ogni Ateneo e Accademia e scegliere la strada più adatta alle proprie esigenze, interessi ed inclinazioni individuali. “La manifestazione rientra tra i numerosi eventi a carattere sociale ed educativo promossi da Euroma2, rivolti in particolare alla formazione dei più giovani e realizzati grazie al consolidato rapporto di collaborazione con gli Istituti Scolastici – ha dichiarato il Presidente di Euroma2 Davide Maria Zanchi. Info-universitaria riscuote ogni anno sempre maggior successo, confermando Euroma2 come punto di riferimento per il proprio territorio, e ci rende particolarmente orgogliosi di poter essere vicini agli studenti ed alle loro Famiglie nella scelta del percorso scolastico ed aiutarli nel cammino di costruzione del loro futuro”.L’evento “In-Formazione Universitaria” ha ricevuto importanti riconoscimenti da parte delle Istituzioni, ottenendo il Patrocinio della Regione Lazio e della Citta Metropolitana di Roma Capitale, come iniziativa di particolare valore per la comunità del territorio.www.euroma2.it

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Meno iscrizioni? Un’occasione per confermare e rimodulare gli organici

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

La scuola deve tornare ad essere un vettore di crescita, pure sociale. Lo dice convinto il sottosegretario al ministero dell’istruzione Peppe De Cristofaro. Anief rilancia: servono organici differenziati in base alle esigenze del territorio, alla dislocazione, alla rete di collegamento con le stesse istituzioni scolastiche nelle piccole isole o comunità montane, all’ubicazione in luoghi a rischio, ad alto tasso di dispersione scolastica, migratorio, in zone depresse economicamente.“Peppe De Cristofaro ha davvero ragione – dice Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief -: anche noi sosteniamo da tempo che per l’Italia la denatalità è un’occasione d’oro per abbattere finalmente l’indecenza delle classi pollaio, uno dei motivi che sta alla base del decremento di competenze e dell’elevazione del tasso di dispersione. Ora si passi dalle parole ai fatti”. Il ministero dell’Istruzione deve ridurre gli organici dei docenti, approfittando del decremento di iscritti, pari a circa 70 mila alunni in meno l’anno. Il monito giunge da una delle personalità più importanti dell’Istruzione pubblica nazionale: il sottosegretario del ministero dell’Istruzione Peppe De Cristofaro. Intervenuto a Genova per il Convegno “Il rammendo delle periferie”, dedicato alle scuole di periferia in Italia, l’esponente di Leu ha detto che serve un provvedimento che risponda anche all’esigenza di mantenere il corpo docenti nonostante la crescente denatalità.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Università – Ricerca – Afam: Anief incontra il ministro Manfredi e segnala le priorità per il personale del comparto

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

La delegazione con il presidente Marcello Pacifico e Daniela Rosano della segreteria nazionale è stata ricevuta insieme alle altre sigle rappresentative. Tanti i temi trattati su stato giuridico, reclutamento, organici, regolamenti. Nelle prossime settimane partiranno nuovi tavoli tematiciPacifico (Anief): “Nell’Università e nell’Afam il tasso di precarietà è superiore persino a quello della scuola. Urge una nuova riforma del sistema di reclutamento per non incorrere nelle sentenze della Corte di giustizia europea, dopo il caso Sciotto delle fondazioni lirico-sinfoniche e in viste di quella sui ricercatori a tempo determinato italiani. La messa ad esaurimento dei ricercatori, da dieci anni, ha bloccato il sistema Paese. È arrivato il momento di abolirla” Alla stesura della memoria sono stati apportati i contributi di Maresci (SERI) per gli enti di ricerca, Iacomini (ABC) per l’afam, Guerriero per l’università.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istruzione e ricerca: Investimenti in calo, Anief chiede alla ministra Dadone l’1% progressivo del PIL

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Il comparto Istruzione e Ricerca vive in estrema emergenza: servono decisioni programmatiche d’investimento, rispetto al Prodotto interno lordo, in palese controtendenza col passato, anche recente. A chiederlo alla ministra della Pubblica Amministrazione è stata la delegazione del sindacato autonomo, durante la prosecuzione del confronto del Governo e del Parlamento con le Parti Sociali. Tra le criticità espresse da Marcello Pacifico, presidente Anief, all’on. Fabiana Dadone c’è quella di “un comparto che sta attraversando un vero e proprio svilimento. I tentativi di intervento del Parlamento nelle passate e nell’attuale legislatura non sono risultati né efficaci né risolutivi. La possibilità di cambiare subito strada è a portata di mano ed è quella di agire già in primavera, proprio attraverso il Documento di economia e finanza applicato alla Legge di Bilancio 2021”.Il momento è topico: c’è l’urgenza di assegnare almeno l’1% progressivo del PIL nel prossimo triennio ai settori istruzione, università e ricerca, in modo da garantire l’effettiva attuazione di uno sviluppo concreto che riporti l’Istruzione, l’Università e la Ricerca Scientifica a livelli di eccellenza sempre più lontani dalla realtà: lo ha chiesto la delegazione Anief alla parte pubblica, nel corso dell’incontro a Palazzo Vidoni con la titolare della Funzione Pubblica sul Memorandum d’intesa in materia di lavoro pubblico.“Occorre assolutamente cambiare la politica sugli investimenti – ha detto Marcello Pacifico, leader dell’Anief –, mentre ad oggi ci ritroviamo con la spesa pubblica per l’Istruzione rispetto al Pil in perenne calo fino al 2035: lo dice l’ultimo Def, con una riduzione progressiva.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Riduzione classi pollaio e tempo pieno al Sud, Anief: servono 40 mila docenti aggiuntivi

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

La riduzione del numero di alunni per classe e l’aumento di tempo-scuola al Sud necessitano di un surplus di insegnanti: servono non meno di cinque docenti in più per istituto, considerando anche che alla maggiore parte delle 8.200 scuole autonome sparse per il territorio nazionale sono annesse più sedi. È bene, quindi, che il ministero dell’Istruzione preveda la richiesta al Mef di non meno di 40 mila insegnanti ulteriori in organico di diritto, al fine di rendere esecutivi gli sdoppiamenti di classe, in presenza di un elevata quantità di iscritti, e di tenere sempre aperte le scuole del Meridione, dove occorre riallineare i livelli di apprendimento.
Commentando i lavori su questo tema della Commissione Istruttoria per le politiche sociali e lo sviluppo sostenibile per la preparazione del documento programmatico, che sarà presentato a breve al ministro dell’Istruzione, il presidente nazionale di Anief, Marcello Pacifico, ha detto che “uno dei cavalli di battaglia dell’Anief è proprio la necessità di incrementare gli organici, in base alle necessità del territorio, alla dislocazione, alla rete di collegamento con le stesse istituzioni scolastiche nelle piccole isole o comunità montane, all’ubicazione in luoghi a rischio, ad alto tasso dispersione scolastica e migratorio”.Comincia a farsi sentire la necessità di implementare l’organico dei docenti italiani. Con apposito avviso SIDI – scrive oggi Orizzonte Scuola – le scuole hanno ricevuto comunicazione dell’apertura delle relative funzioni per la costituzione degli organici dell’anno scolastico 2020/21.
Come ogni anno il Ministero dovrà emanare un’apposita circolare, nella quale si dovrà per forza di cose tenere conto dello stop alle classi pollaio dall’anno scolastico 2020/21: il provvedimento, già inserito nel Milleproroghe approvato alla Camera, dovrà passare il vaglio del Senato ed essere convertito definitivamente entro il 29 febbraio. Si partirà solo dalla scuola secondaria di II grado: con i 55 milioni a disposizione che saranno ripartiti su tre anni e su base regionale, tenendo conto del numero di classi con un numero di iscritti superiore a 22 alunni, ridotti a 20 in presenza di studenti con grave disabilità certificata.In attesa della circolare ministeriale, alcuni uffici scolastici, come quello di Milano, hanno fornito alcune utili indicazioni: in queste, ad esempio, si specifica che “l’attività in fasce orarie pomeridiane, sarà autorizzata nei limiti della dotazione organica assegnata dalla Direzione Regionale, sulla base delle vigenti disposizioni ministeriali”. Diventa quindi prioritario, da parte dell’amministrazione centrale di Viale Trastevere, prevedere l’incremento di cattedre nell’attuale fase preliminare.Il surplus di docenti, inoltre, sarà particolarmente necessario in quelle scuole dove si prevede un incremento di orario di apertura delle istituzioni scolastiche, quindi anche di tempo scuola.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tobacco Control Scale 2019: lotta al tabacco

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Da quindici anni l’Associazione delle Leghe europee contro il cancro confronta le misure adottate dagli Stati europei per ridurre il consumo di tabacco e stila la “Tobacco Control Scale in Europe”. L’edizione di quest’anno è stata pubblicata ieri in occasione dell’ottava Conferenza europea sul tabacco o sulla salute a Berlino. Come rivela la classifica, l’Italia si attesta a metà scala in Europa esattamente al 16esimo posto, anche se scesa rispetto ai report precedenti, per quanto riguarda la prevenzione del tabagismo. Nel 2016 è entrato in vigore nell’UE il divieto per le sostanze che facilitano l’inalazione e dal 20 maggio di quest’anno sarà vietata la vendita di tabacco aromatizzato, che attrae soprattutto gli adolescenti. Realizzata a scadenza triennale, nel confrontare le misure adottate dagli stati per ridurre il consumo, la scala è un indicatore importante per comprendere come e quali Paesi cerchino di arrestare il fenomeno del tabagismo Europeo; i dati sono stati raccolti ed inseriti nella scala di controllo del tabacco (TCS -Tobacco Control Scale 2019), che classifica i paesi europei in base alle loro politiche di controllo del tabacco. Il Regno Unito si attesta al primo posto, avvalorando la sua posizione di predominanza sulle politiche anti tabagismo, mentre la Svizzera è scesa al penultimo posto (35 su 36), la Germania si è piazzata ultima. A differenza della Svizzera, “patria della multinazionale del tabacco”, la maggior parte dei Paesi europei ha fatto progressi nella lotta al tabagismo. “Nessun reale progresso da segnalare dal 2005 ad eccezione del divieto di fumo nelle auto in presenza di minori.” – è il commento nel rapporto ufficiale riguardante l’Italia. La Svizzera per ‘Colpa delle lobby’, è scesa al penultimo posto segno, per gli autori dello studio, che la Confederazione sta perdendo il contatto con la moderna prevenzione del tabagismo e della nicotina a causa della scarsa protezione dei minorenni, delle regole vigenti in materia di pubblicità, di tasse non disincentivanti e della mancanza di una regolamentazione giuridica nazionale per le sigarette elettroniche. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione in prima linea contro il tabagismo, auspica che l’Italia come la maggior parte dei Paesi europei continuino a fare progressi nella lotta al tabagismo, aumentando, per esempio, la tassa sul tabacco, che viene usata in altri Paesi per creare un effetto dissuasivo. Gli aumenti di prezzo operati negli ultimi anni sono stati decisi dai produttori, non per ragioni di prevenzione. Complessivamente, i paesi che non sono riusciti a intraprendere nuove iniziative hanno perso punti e sono scesi in classifica. I paesi che guidano il controllo del tabacco in Europa sono quelli che hanno politiche globali di controllo del tabacco.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Coronavirus potrebbe costare al Pil cinese almeno 500 miliardi di yuan

Posted by fidest press agency su lunedì, 24 febbraio 2020

Così come in tutto il mondo si cercano le risorse per contenere i costi del nuovo focolaio di Coronavirus, molte aziende stanno iniziando a valutarne gli effetti economici. È ancora presto, ma l’esperienza cinese degli ultimi 20 anni in termini di epidemie possono dare un’idea di cosa possa significare quest’ultimo focolaio per l’economia di Pechino.
Tra le epidemie del passato – influenza aviaria, influenza suina e SARS – solo la SARS del 2002-2003 sembra davvero paragonabile. Finora, sembra essere meno letale per i pazienti colpiti, con un tasso di mortalità del 2%-3% contro quello della SARS pari al 6,6%. Tuttavia, il Coronavirus sembra essere molto più contagioso: il numero di casi è già di otto volte superiore al numero di casi segnalati durante l’intero periodo di epidemia della SARS, e il numero di decessi ha superato quelli dovuti alla SARS. In termini finanziari, la differenza maggiore tra l’epidemia in corso e la SARS è la dimensione dell’economia cinese, che nel 2003 ammontava a 13,74 trilioni di yuan (RMB). La SARS ha ridotto il PIL della Cina di quasi l’1% (o circa 100 miliardi di RMB). Nel 2003, tuttavia, la Cina rappresentava solo il 4% del PIL globale. Con quasi 100 trilioni di RMB oggi, l’economia cinese è sette volte più grande, costituisce più del 16% del PIL globale e svolge un ruolo di importanza critica in molte supply chain globali.Sebbene abbia un peso inferiore rispetto alla SARS in termini di percentuale sul PIL del Paese, le stime attuali relative al Coronavirus evidenziano un impatto economico pari a una riduzione del PIL cinese dello 0,2%-0,5%, che potrebbe costare circa 500 miliardi di yuan.
È ancora presto per sapere se queste prime stime si riveleranno troppo ottimistiche, ma un confronto con la SARS offre ancora una volta uno scenario di riferimento per ipotizzare cosa aspettarsi (e in cosa può differire) questo focolaio.Le differenze tra il Coronavirus e la SARS potrebbero portare tuttavia a conseguenze economiche più gravi. In primis, incide su questo fattore il tasso di contagio del Coronavirus, la cui epidemia è esplosa del durante il periodo del Capodanno cinese, momento in cui la maggior parte della popolazione cinese si sposta. Inoltre, le industrie più colpite allora dalla SARS – tra cui quella dei servizi – rappresentano ora una fetta maggiore dell’economia cinese: 54%, contro il 42% del 2003. Ci sono, tuttavia, delle differenze con la situazione di allora che potrebbero invece contribuire a mitigare il danno economico. La Cina di oggi è una potenza legata ad Internet e all’e-commerce. Molte delle persone che lavorano con la rete potranno continuare a farlo anche a distanza, compensando almeno in parte le perdite di produttività.
Le ferie forzate e le sfide dei processi produttivi e distributivi, sia per quanto riguarda le materie prime che i prodotti finiti, potrebbero causare anche un rallentamento a breve termine dell’industria manifatturiera, anche se la portata varierà da industria a industria. Ad esempio, nelle nostre analisi, iniziamo a vedere i primi segnali che suggeriscono come l’attività di settori legati alle sostanze chimiche sia in calo del 15%-20% nel complesso.Ci aspettiamo anche un calo a breve termine delle esportazioni, con un effetto domino globale. Bank of China International stima che l’impatto a breve termine sulle esportazioni costerà 30 miliardi dollari. Questo potrebbe anche accelerare la diversificazione di molte multinazionali che oggi utilizzano la Cina come base di approvvigionamento e di produzione. Le cinque regole d’oro di Bain & Company Sebbene sia ancora presto per avere visibilità sull’effettivo costo – in termini umani e finanziari – della crisi del Coronavirus, le aziende possono già iniziare a minimizzarne gli effetti seguendo, in questo periodo difficile di emergenza sanitaria, cinque regole d’oro. Roberto Prioreschi, managing director di Bain & Company in Italia, sottolinea che “l’esperienza di Bain e le analisi della società dimostrano che, in tempi incerti, un approccio attendista è spesso la mossa più dannosa per le aziende. Quelle che reagiranno nell’immediato, invece, se la caveranno meglio non solo durante la crisi, ma saranno meglio posizionate anche durante la successiva fase di ripresa”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »