Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Archive for 1 marzo 2020

Crisi del settore: Gli operatori turistici scendono in piazza

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

A pochi giorni dalla nota con cui Fiavet Lazio – e con essa Fiavet nazionale con interviste e altre note portava all’attenzione di Istituzioni e pubblico le gravissime conseguenze economiche per aziende turistiche, agenzie di viaggi e loro dipendenti, operatori tutti della allerta epidemiologica cosi come veicolata – FIAVET LAZIO ha deciso di appoggiare l’iniziativa spontanea di due giovani agenti della Regione Lazio per dare voce alle agenzie di viaggio, e sensibilizzare la politica e l’opinione pubblica tutta su questo grave tema. Quanto successo nelle ultime ore ha messo in ginocchio un intero settore, peraltro strategico per l’economia del nostro Paese. Non e’ certamente l’unico settore colpito, ma e’ quello che lo e’ stato piu’ duramente.La Fiavet Lazio insieme alle organizzatrici vuole lanciare un messaggio di unità per tutto il comparto.L’invito e’ a scendere in piazza (v. Locandina pure allegata) Lunedi 2 marzo ore 10.00 (Roma piazza Monte Citorio), un invito esteso a tutto il comparto turistico e a chiunque volesse condividere questa iniziativa.
Maggiori info disponibili sul sito http://www.fiavet.lazio.it

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vincent Van Gogh Multimedia & Friends

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Parma, Palazzo Dalla Rosa Prati (Str. Duomo, 7) 1 aprile – 31 maggio 2020 Orari: Dal lunedì al venerdì dalle ore 09,30 – 20,00
sabato e domenica dalle ore 09,30 – 21,00 ultimo ingresso trenta minuti prima dell’orario di chiusura – Aperta tutti i giorni.
La mostra riaprirà i battenti l’1 aprile e sarà prorogata fino al 31 maggio 2020. Nonostante il dispiacere determinato dalle conseguenze e dalle criticità di una circostanza imprevedibile, l’estensione della possibilità inedita di penetrare nell’universo creativo del genio olandese e della sua cerchia, attraverso riproduzioni multimediali dei dipinti che sfruttano i vantaggi e mezzi offerti dalle nuove tecnologie, è il miglior vaccino per superare i disagi e le difficoltà che non riusciranno comunque a rovinare la festa di Parma Capitale della Cultura 2020, di cui “Van Gogh Multimedia & Friends” è uno degli imperdibili eventi. La convinzione di chi ha organizzato l’esposizione e di chi la ospita è che nemmeno un virus all’apparenza tanto ansiogeno e ostile sia in grado di fermare una celebrazione della bellezza di tale portata, che affianca all’opera di Van Gogh una stanza segreta con i lavori degli illustri amici – da Monet a Renoir – dei quali l’artista si circondò durante la propria permanenza nella Ville Lumière. Ogni 20 giorni, i quadri di un diverso autore – a cominciare da Émile Bernard – contribuiranno a variarne il senso, dando così l’idea di un contesto artistico unico e febbrile, popolato da giganteschi protagonisti dell’Impressionismo e del Post-Impressionismo. Riaprire l’1 aprile sarà come rispondere a un’occasione drammatica con una risata, rinnovando idealmente l’inaugurazione di un evento che, anziché ritirarsi per la paura, si estende per l’euforia connaturata a un’avvolgente esperienza del bello, in grado di suscitare un sostanziale coinvolgimento emotivo.
Biglietti: €12,00 Intero €10,00 Ridotto (Personale docente – over 65) €8,00 (Convenzioni – universitari – disabili ed accompagnatori ragazzi fino a 14 anni – gruppi oltre 15 persone) €15,00 Biglietto Open €5,00 Scuole Gratuito (Bambini fino a 6 anni)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Real Academia de España en Roma: Open studios

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Roma Giovedì 19 marzo 2020 Ingresso libero per il pubblico ore 17.00 – 19.00 Ingresso su appuntamento per addetti ai lavori ore 10.00 – 17.00 Real Academia de España en Roma Piazza S. Pietro in Montorio 3. Anche quest’anno la Real Academia de España rinnova il consueto appuntamento con la giornata degli Open Studios.
La Real Academia de España di Roma, 147 anni dopo la sua istituzione, continua a rinnovarsi come centro di produzione artistica e di conoscenza. Dal 1873, anno della sua nascita, sono stati 988 i borsisti che hanno vissuto a Roma, dando vita durante il loro soggiorno nella città ad importanti progetti e consolidando sempre più il ruolo dell’Accademia come centro di cultura spagnola all’estero.Gli Open Studios saranno l’occasione per incontrare e conoscere da vicino, all’interno degli atelier dei residenti, le realtà e le espressioni dei singoli linguaggi prescelti, che vanno dall’arte figurativa alle performance, dalla storia dell’arte alle tecnologie multimediali, dalla fotografia al teatro, dalla letteratura al cinema, dal fumetto alla moda, mettendo in mostra la creatività dei vincitori del Concorso del Ministero degli Affari Esteri spagnolo, nel cui bando viene richiesto agli artisti un progetto in sinergia con il panorama artistico e culturale italiano e romano in particolare.
Giovedì 19 marzo sarà l’occasione per conoscere i progetti dei 22 borsisti, ancora in divenire, che saranno successivamente presentati nel mese di giugno, in occasione dell’inaugurazione della mostra a loro dedicata.Durante la giornata sarà inoltre possibile vedere anche alcuni dei luoghi dell’Accademia solitamente chiusi al pubblico, come il chiostro, i giardini, la terrazza, il giardino romantico, il salone dei ritratti e la sala da pranzo del piano nobile.La Real Academia de España en Roma, istituzione dipendente dell’Ambasciata di Spagna in Italia, che festeggia quest’anno il suo 147º anniversario, svolge da sempre un ruolo fondamentale e strategico per la politica culturale spagnola all’estero nella formazione di numerose generazioni di artisti e intellettuali spagnoli, italiani e iberoamericani. Piattaforma culturale e centro di produzione e innovazione artistica di riferimento per stimolare alla produzione sia delle promesse che degli affermati talenti, ha come obiettivo primario quello di proiettare e diffondere la cultura creativa a livello internazionale.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Master in “Materiali innovativi per Economia Circolare”

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Camerino. E’ stata prorogata a venerdì 6 marzo 2020 la data di scadenza delle iscrizioni al master in “Materiali innovativi per Economia Circolare”, attivato dall’Università di Camerino in collaborazione con sei prestigiose realtà industriali marchigiane. Il master, diretto dal prof. Roberto Gunnella, docente della sezione di Fisica della Scuola di Scienze e Tecnologie di Unicam, rappresenta un percorso di studi unico in Italia, che colma una lacuna nella preparazione specifica di metodo di approccio nel settore dei materiali e che nasce dalla proficua esperienza dell’Università di Camerino con diverse ed importanti realtà del mondo imprenditoriale, quali ICA, iGuzzini Illuminazione, Clementoni, Tod’s, Elantas ed Elica. I materiali e la loro gestione ricopriranno un ruolo centrale nelle attività formative del master, che si prefigge come obiettivi la promozione delle tecnologie a bassa impronta di carbonio, il trasferimento e interazione tra laboratorio e industria e tra pubblico e privato, nonché la riduzione dei rischi di innovazione attraverso un eco-sistema che condivida i processi virtuosi
Il nuovo master è rivolto in particolar modo a laureati nei settori della Chimica, della Fisica, delle Scienze dei materiali ed affini, che al termine del percorso saranno in grado di operare e di prendere decisioni informate ed ottimizzate su tutti gli aspetti della produzione e della gestione dei materiali, dall’approvvigionamento al suo smaltimento, ed in particolare sul controllo della materia prima, sulla certificazione e qualità del prodotto, sul consumo energetico e produzione CO2 durante tutto il ciclo di vita, sullo smaltimento e salute del luogo di lavoro.Tutte le informazioni sono disponibili nel sito http://193.205.94.21:8080/index.htm

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Parma: Una nuova piattaforma

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Parma. E’ online il sito https://attrezzature.unipr.it/, una nuova piattaforma predisposta dall’Università che permette a chiunque di visionare le numerose attrezzature scientifiche dell’Ateneo, sia navigando fra le strutture dipartimentali e i Centri, sia facendo una ricerca libera partendo dal nome dell’apparecchiatura.Per ogni attrezzatura è visualizzabile una scheda che riporta il responsabile scientifico, i referenti per eventuali informazioni tecniche, la struttura universitaria di riferimento, il tipo di strumento e il suo campo di utilizzo, le modalità di utilizzo da parte di esterni.Conoscere le dotazioni esistenti, il loro campo d’azione e i loro referenti costituisce un grande passo verso l’ottimizzazione dell’uso delle risorse strumentali universitarie.«La necessità di censire il vasto patrimonio strumentale esistente nel nostro Ateneo era da tempo sentita per evitare di duplicare attrezzature esistenti e per stimolare nuove collaborazioni fra i gruppi di ricerca di diversi Dipartimenti e Centri. Oltre a costituire un grandissimo supporto alla ricerca sperimentale, questo database potrà contribuire ad intensificare i rapporti con le imprese, in special modo quelle del nostro territorio, producendo anche positive ricadute in termini di servizi conto terzi», spiega il Pro Rettore per la Ricerca Roberto Fornari.É la prima volta che l’Ateneo si dota di un tale database, uno strumento prezioso la cui realizzazione è stata resa possibile grazie alla collaborazione di alcuni uffici dell’Ateneo: l’Area Servizi Informativi, la UO Ricerca e Trasferimento Tecnologico e l’Area Economico-Finanziaria.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo quadro per la fornitura di 3.500 robot

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Saranno inseriti nelle nuove linee di produzione e impianti del player con sede a Monaco di Baviera. I robot FANUC saranno utilizzati nella produzione delle generazioni attuali e future di modelli BMW. I primi robot sono stati già installati alla fine del 2019 e nei prossimi anni ne verranno utilizzati ulteriori nei siti di produzione tedeschi e internazionali del Gruppo BMW.“Siamo particolarmente orgogliosi dell’accordo raggiunto”, Marco Ghirardello, Managing Director di FANUC Italia. “Per FANUC questo successo ha una duplice valenza: significa, da un lato, qualificarsi come partner strategico del Gruppo BMW, dall’altro vedere pienamente riconosciuti i propri investimenti in ricerca e sviluppo, nonché l’ampliamento della nostra rete di assistenza per supportare i clienti in tutto il mondo”.Prossimamente il Gruppo BMW utilizzerà diversi modelli di robot FANUC, compresi quelli di nuova concezione che sono stati adattati alle esigenze individuali del cliente. I robot saranno utilizzati principalmente nella costruzione di carrozzerie e per la produzione di porte e cofani. FANUC, in collaborazione con i produttori di imballaggi per tubi flessibili e assi di movimento, sta completando la gamma di forniture al Gruppo BMW con particolare riferimento ai componenti periferici.Con oltre 110 modelli di robot disponibili nel proprio portfolio, FANUC offre la più ampia gamma di robot per applicazioni industriali in tutto il mondo. Questi includono modelli particolarmente potenti come l’M-2000, in grado di trasportare in sicurezza carichi fino a 2,3 tonnellate e spostarli in modo flessibile attraverso i suoi sei assi. Oltre al settore automobilistico, l’azienda ha gia installato a livello globale oltre 600.000 robot FANUC in molteplici settori industriali.“Il mondo dell’automotive si trova oggi in un momento di svolta epocale, tra la conversione ai modelli elettrici e la ricerca sulle auto a guida autonoma, fino alla necessità di ridurre sempre più l’impatto ambientale della produzione. Un insieme di sfide che devono essere intese come opportunità per un rinnovamento tecnologico non più procrastinabile, e che passa da un’automazione sempre più smart, in cui i robot collaborativi, l’Intelligenza Artificiale e l’Internet of Things giocano un ruolo fondamentale”, conclude Ghirardello.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Coronavirus finanza: come ci si protegge?”

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

A cura del team Multi Asset di Milano di Pictet Asset Management guidato da Andrea Delitala, Head of Investment Advisory. I mercati finanziari, almeno quelli dei Paesi sviluppati, hanno reagito con estrema compostezza al flusso di notizie delle prime settimane di quest’anno: prima la tensione Iran-USA e a seguire l’epidemia del nuovo Coronavirus (COVID-19) scaturita in Cina. Il copione sembrava il proseguimento del paradigma del 2019 (e in realtà di tutta la decade): di fronte a problemi economico/finanziari o geopolitici, i mercati scontano rapidamente un intervento salvifico della politica monetaria.Il 2019 si è archiviato con una attenuazione dei rischi più temuti (Brexit e Trade War) e i primi dati macroeconomici del 2020 stavano migliorando, come l’indice ISM americano, tornato sopra il livello di 50 a gennaio. Nonostante il miglioramento del contesto macro sia storicamente associato ad una risalita dei rendimenti obbligazionari, a gennaio per effetto del Coronavirus abbiamo assistito a una cospicua discesa dei tassi di interesse globali: in particolare, il rendimento decennale USA è sceso di oltre 30pb, con la parte breve della curva che ha iniziato a scontare un proseguimento del taglio dei tassi. In questo contesto, abbiamo assistito a un “reverse decoupling”: i mercati finanziari dei Paesi emergenti hanno accusato il colpo del rallentamento cinese, mentre le borse dei Paesi sviluppati, confortate da dati macro e clima geopolitico in miglioramento, scudate dalla incrollabile certezza dell’intervento monetario, hanno proseguito la marcia del 2019 (l’MSCI World in valuta locale ha toccato un massimo di +4% a metà febbraio).Il paradigma si è interrotto bruscamente il 24 febbraio con l’evidenza della trasmissione di COVID-19 a Giappone, Corea e Italia. In particolare, le decisioni prese dal governo italiano, spinto dalla volontà di circoscrivere i contagi in un’aerea limitata, hanno lasciato intravedere la possibilità che il protocollo europeo di fronte alla diffusione del virus nel vecchio continente possa replicare il modello Cina/Wuhan, con le conseguenti ricadute economiche.
Gli economisti non hanno ancora aggiornato le stime sulla base delle ultime informazioni e il quadro di lavoro precedente a questo cambio di passo della diffusione di COVID-19 prevedeva un rallentamento della crescita cinese per il 2020 di 0,4% e di quella globale di circa 0,15%-0,20%. Ora il timore è che il protocollo Wuhan applicato all’Europa (più difficile negli USA) comporti ulteriori revisioni al ribasso della crescita, con un rallentamento globale di 0,5% circa, accompagnato da un’ulteriore discesa dell’inflazione. È quindi verosimile che nei prossimi trimestri, oltre al rallentamento globale, si possano verificare recessioni tecniche locali (Giappone, Italia).In questo scenario, sono possibili revisioni al ribasso dei profitti del 5-10%, che aprirebbero alla possibilità di un altro anno a crescita zero degli utili aziendali (dopo il dato marginalmente negativo del 2019). Le contromisure di politica economica vedranno in campo la politica monetaria (in buona parte già scontata) e la politica fiscale, che in Europa avrà la forma di maggiore tolleranza dei vincoli di bilancio, mentre negli USA sarà condizionata dal dibattito elettorale.In sintesi, i mercati hanno velocemente rielaborato lo scenario più probabile degradandolo da un andamento a V (calo ma rapido recupero) della crescita a un percorso a forma di U dove intensità e durata del rallentamento sono al momento incerti perché si tratta di scommettere su estensione e successo delle misure di contenimento del Coronavirus. Come detto sopra, una revisione al ribasso degli utili del 10% è coerente con una ripresa lenta, mentre uno scenario recessivo comporterebbe revisioni anche superiori al 20%.In questo quadro un aumento del premio per il rischio è la norma: tra calo dei multipli di circa un punto e mezzo (data la correzione dell’S&P dell’8%) e quello dei rendimenti decennali di circa altri 30pb, l’ERP (Equity Risk Premia) USA è aumentato di 70pb: vista l’incertezza, difficilmente una discesa dell’ERP potrà assorbire la discesa degli utili.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ricerca e cura in campo pediatrico del Bambin Gesù di Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Roma L’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (OPBG), il più grande ospedale e centro di ricerca pediatrica d’Europa, e IBM hanno annunciato oggi una collaborazione strategica multifase, con lo scopo di migliorare la ricerca pediatrica e tradurla più velocemente in cure.La missione dell’Ospedale è quella di agire da clinica e centro di ricerca di terzo livello altamente specializzato e fornire assistenza pro bono ai bambini, ovunque essi provengano. L’Ospedale opera non solo in Italia, ma anche in molti Paesi in via disviluppo, come Repubblica Centrafricana, Tanzania ed Etiopia.Il focus della collaborazione tra l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e IBM sarà inizialmente concentrato sui tumori cerebrali pediatrici (TCP), con l’obiettivo di sviluppare algoritmi per accelerare la diagnosi e il trattamento dei pazienti affetti da medulloblastoma, problema più comune che i medici che si occupano di TCP si trovano ad affrontare, rappresentando il 15-20% di tutti i tumori cerebrali pediatrici.La collaborazione sarà estesa anche nell’ambito delle malattie rare (RD): queste malattie colpiscono collettivamente il 6-8% della popolazione totale dell’Unione Europea, e più di due terzi dei pazienti colpiti sono i bambini.IBM supporterà l’Ospedale nella realizzazione di un database di dati anonimizzati, incluse informazioni genomiche, cliniche, di laboratorio e di imaging, e svilupperà algoritmi che utilizzano l’AI per migliorare la resa diagnostica, accelerare la diagnosi nei pazienti affetti da malattie rare e per identificare nuovi geni della malattia e caratterizzare disturbi non ancora riconosciuti in precedenza.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In scena “Aspettando er sor Enea”

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Pomezia Venerdì 13 marzo 2020, alle ore 18.00, presso il nuovissimo Centro Congressi del Simon Hotel di Pomezia (via Calvi, 9), andrà in scena “Aspettando er sor Enea”, commedia scritta da Gianni Di Spirito e diretta da Ondina Cera. Lo spettacolo dell’Associazione Tyrrhenum di quest’anno si ricollega direttamente con la prima della sua Compagnia “Talia”, “E’ arivato er sor Enea”. Vedremo il Lazio prima dell’arrivo di Enea, le varie vicissitudini di Re Latino, Lavinia, Turno, Fauno, etc. Lo spunto è il desiderio di far conoscere la storia locale attraverso un testo divertente e surreale che senza discostarsi dalla leggenda ufficiale ironizza e scherza per far ricordare meglio quanto sia grande il nostro passato e quanto gli siamo debitori. Debitori anche per il futuro: infatti, possiamo poggiare le basi sul nostro passato per fondare un futuro sicuro e valido. Quindi, parleremo del nostro territorio, della nostra storia e di noi, per ridere, conoscere e interessare. L’ingresso è libero.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

XXIV di OpenARTmarket

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Roma 12 marzo 2020 (Vernissage: Giovedì 12 Marzo – dalle h.18.00.00 alle h. 21.00 – Orario di apertura mostra: Dal lunedì a sabato ore 10.00/13.00 – 15.30/ 18.30 – Domenica chiuso – Ingresso: libero) galleria Mo.C.A – Piazza degli Zingari, 1 Si inaugura un nuovo appuntamento, il XXIV, di OpenARTmarket, progetto a cura di Antonietta Campilongo, fino al 19 marzo. Un’esposizione-mercato in cui l’opera e l’artista, rispettivamente prodotto e produttore d’arte, escono dalla logica dell’eccezionalità e del collezionismo d’élite, per diventare un mezzo di comunicazione sociale ed estetico a costi accessibile a tutti. Si proporranno, infatti, opere d’arte in una fascia di prezzo che va da 49 a 999 euro. Dare all’arte la capacità di aprire nuovi spazi di dialogo e far sì che l’arte contemporanea sia sempre meno un discorso per pochi, con meno timore reverenziale e più voglia di partecipazione: è questa è la mission di OpenARTmarket. Di fronte alla prospettiva di cambiamenti in cui si intrecciano nuove forme di committenza e un collezionismo in grado di esercitare la sua influenza sul sistema dell’arte a livello globale, diventa ancora più importante e più stimolante per gli artisti riuscire a raggiungere nuovi spettatori. Performance: ViralEscape di e con: Lara Ferrara, Paola Beatrice Frati, Corinna Ammendolia Special Guest: Silvano Corno. Artisti in mostra: Marianna Abramova, Alessandro Angeletti, Rossana Bartolozzi, Antonella Bosio, Antonella Catini, Antonio Ceccarelli, Vincenza Costantini, Silvano Debernardi, Alexander Luigi Di Meglio, Giusy Lauriola, Valentina Lo Faro, Sebastiano Longo, Stefano Monti, Flaviana Pesce, Loredana Salzano, Eugenia Serafini, Giovanna Silvestri, Anna Tonelli http://www.antoniettacampilongo.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

La rivoluzione del commercio al dettaglio

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Secondo i dati Istat dello scorso novembre1, la vendita al dettaglio registra in Italia un andamento positivo principalmente per il commercio elettronico e la grande distribuzione. Rispetto all’anno precedente il commercio elettronico è cresciuto del 4,1% e le vendite al dettaglio per la grande distribuzione del 3,3%, mentre le imprese operanti su piccole superfici hanno registrato una diminuzione dell’1,4%. In quest’ottica si rivela sempre più necessario attrarre i consumatori verso il negozio fisico attraverso nuove forme di coinvolgimento.Per rispondere a questa esigenza, una nuova ricerca ha scoperto che rendere partecipi gli acquirenti in esperienze dirette sul punto vendita è cruciale per cambiare il comportamento dei consumatori, e potrebbe anche favorire un maggior numero di acquisti in negozio a spese dei giganti online e degli acquisti sul web. L’indagine ha rilevato che ben oltre i tre quarti degli intervistati (84%) cambierebbero il loro comportamento d’acquisto se un maggior numero di negozi proponesse attività con elementi esperienziali, una percentuale che si colloca fra il 90% dei Millennial (nati fra il 1980 e il 1993) e l’83% della Generazione Z (nati fra il 1994 e il 2003).La nuova ricerca europea, commissionata da Epson e intitolata “The Experiential Future”, evidenzia quanto gli elementi immersivi ed esperienziali siano il futuro dei punti vendita, soprattutto quando si tratta di giovani acquirenti. Quasi otto Millennial su dieci (77%) sarebbero più propensi a fare acquisti in negozio se ci fossero attività di tipo esperienziale, seguito dal 70% di coloro che appartengono alla Generazione Z, dal 69% delle persone che fanno parte della Generazione X (nati fra il 1965 e il 1979) e dal 58% dei Baby Boomer (nati fra il 1946 e il 1964).Questi risultati mostrano che per le aziende del commercio al dettaglio è il momento di iniziare a sfruttare le potenzialità offerte da attività con contenuti esperienziali: dalla mappatura delle proiezioni agli ologrammi, dal controllo dei gesti e del movimento fino al tracciamento del viso, le tecnologie immersive possono e devono essere utilizzate dai marchi per fornire esperienze uniche capaci di stupire il cliente e approfondirne il rapporto con il brand.Neil Colquhoun, Vice Presidente CISMEA e Professional Displays di Epson Europe commenta: “Le nuove tecnologie stanno cambiando drasticamente il modo in cui i retailer comunicano con il loro pubblico – ma la tecnologia esperienziale non è più un “nice to have”, bensì una opportunità utile ed efficace per i retailer in difficoltà. I marchi devono utilizzare nuovi strumenti che potrebbero aiutarli a creare e mantenere un vantaggio competitivo. Soprattutto, devono sfruttare le potenzialità offerte dalle esperienze di shopping immersivo ed esperienziale per far rivivere i loro negozi.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno, i bandi di specializzazione diventano pubblici

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Peccato che siano meno della metà gli ammessi ai corsi di didattica speciale, rispetto alle migliaia di posti vacanti coperti da docenti senza specializzazione. Ancora una volta, l’accesso sarà regolato dall’offerta degli atenei e non dalle effettive esigenze del territorio, se i verbali dei comitati regionali di coordinamento confermeranno le evidenti disomogeneità rispetto ai bisogni effettivi, il sindacato impugnerà il decreto ministeriale sui corsi. Rivolgendosi al Tar Lazio, con il fine di aumentare il numero dei posti
Marcello Pacifico (Anief): “Rimaniamo convinti che per evitare il ripetersi dei problemi e le ingiustizie del 2019, la soluzione non poteva essere altra che l’accesso libero per tutti i docenti che sono stati chiamati anche nel corrente anno scolastico come supplenti senza specializzazione con una selezione in uscita. Invece, ci ritroviamo con Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna, tra le regioni con più cattedre disponibili, a cui sono stati assegnati pochissimi posti. L’assurdo è che i candidati sono in alto numero in servizio su quelle cattedre: dovranno lasciarle, in molti casi, per partecipare ai corsi, per poi tornare con il diploma conseguito, alimentando il già alto numero di docenti che cambiano sede anche più volte l’anno”. Si sta man mano completando la pubblicazione dei bandi di concorso emessi dalle Università per la presentazione della domanda di partecipazione alle prove selettive dei corsi di specializzazione di sostegno, previsti dal DM 95 del 12 febbraio scorso: complessivamente, sono 19.585 i posti a disposizione, da suddividere tra i docenti aspiranti, tutti necessariamente abilitati all’insegnamento, in base a prove preselettive che si svolgeranno in una data unica nazionale per ogni ordine di scuola. Negli stessi bandi, pubblicati nelle ultime ore anche da Roma Tre e Torino, “viene indicata la data ultima per la presentazione della domanda, la tassa da pagare per accedere alle selezioni e tasse da pagare per chi le supererà”, ricorda Orizzonte Scuola.
Il problema è che al ministero dell’Istruzione l’esperienza negativa dello scorso anno non è servita: sulla scia del D.M. n. 92 dell’08 febbraio 2019, anche il D.M. n. 95 del 12 febbraio 2020 prevede una ripartizione regionale dei posti di sostegno non rispettosa delle esigenze del territorio, delle certificazioni degli alunni con handicap, del numero dei posti vacanti assegnati in supplenza e della mancanza di insegnanti specializzati: i numeri dei partecipanti ai vari corsi, distinti per ogni ordine e grado scolastico, continuano ad essere in violazione della legge 104/92, oltre che al regolamento sulla “Definizione della disciplina dei requisiti e delle modalità della formazione iniziale degli insegnanti” (DM 249/2010).

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Emergenza diplomati magistrale, Anief rilancia la riapertura delle GaE

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

A seguito della pubblicazione e della notifica di sentenze definitive in merito all’esclusione delle diplomate magistrale ante 2001/2002 dalle GAE, molti insegnanti in servizio di ruolo da anni o in servizio con contratti a tempo determinato vengono licenziati e si trovano all’improvviso nella condizione di non poter più insegnare, oltretutto con l’onere di non percepire alcuna indennità di disoccupazione, non ricorrendone le condizioni di legge. Per il giovane sindacato rappresentativo Anief è assurdo negare a questi docenti i ruoli confermati in sede collegiale dopo il superamento dell’anno di prova.Il senatore Roberto Berardi, promotore degli Odg. G/1729/2/1, G/1719/3/1, sostiene che siamo di fronte a una vera e propria emergenza, perché viene messa a repentaglio la continuità didattica e viene meno il regolare svolgimento dell’anno scolastico.
Per questa ragione Marcello Pacifico, presidente Anief, chiede la riapertura delle GAE: queste insegnanti – migliaia di maestre della scuola dell’infanzia e primaria diplomate fino al 2002, che da anni garantiscono il diritto allo studio dei più piccoli – rischiano di uscire anche per lungo tempo dal circuito scolastico, continuando a rappresentare una delle tante criticità del comparto scolastico italiano. Ecco perché è necessaria una soluzione nel più stretto tempo possibile. La prossima estate, stando così le cose, quanti dovessero ricevere sentenza negativa non avranno scampo: si ritroveranno fuori dalle GaE e verranno licenziati. Compresi gli oltre 7 mila maestri già immessi in ruolo e con anno di prova superato.
Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “siamo alla schizofrenia governativa: questi lavoratori precari, anche da vent’anni, vanno più che bene allo Stato per tappare i vuoti di organico, assicurando il servizio pubblico e la didattica con regolarità; poi però quando si tratta di stabilizzarli, si tirano fuori tutti i cavilli legislativi possibili per mantenerli nella condizione di supplenti. Noi continuiamo a essere convinti che i maestri con diploma magistrale hanno pieno diritto a rimanere nelle GaE e a essere confermati in ruolo”.“Arrivare a un licenziamento di massa del genere – continua Pacifico, leader del sindacato autonomo – sarebbe un atto di irriconoscenza professionale e di illegittimità senza precedenti. Siamo anche convinti che le stesse aule di giustizia, alla lunga, non potranno che darci ragione riguardo a chi ha superato l’anno di prova. La politica è in grado di sanare questa situazione, basterebbe riaprire le GaE, magari approfittando della finestra annuale di aggiornamento, che non riguarda i punteggi o il cambio provincia, ma solo lo scioglimento della riserva per chi è già inserito, tutto ciò avrebbe costo zero per lo Stato e un grande vantaggio per la scuola”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Dadone dà il via libera ai concorsi: 25.000 posti per l’ordinario e 24.000 per lo straordinario

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Per l’Anief, rimaniamo in piena emergenza supplentite. Bisogna in via straordinaria assumere dalle graduatorie di istituto provinciale per la prossima estate e su tutti i posti vacanti e disponibili. L’annuncio della ministra per la Pubblica amministrazione riguarda il decreto che autorizza il ministero dell’Istruzione a pubblicare i bandi: “Con questo provvedimento – ha detto Dadone – siamo di fronte a un altro passaggio importante, grazie al quale la Funzione pubblica consente al sistema scolastico italiano di procedere in direzione di un rafforzamento degli organici ormai improrogabile”.
“I posti che si vanno a coprire con le procedure concorsuali – spiega Marcello Pacifico, leader del giovane sindacato – sono un quinto degli organici coperte da supplenza se si considerano gli ulteriori 35 mila posti vacanti dei futuri pensionamenti. Bisogna con un provvedimento normativo allargare la platea di tutti gli esclusi al nuovo concorso straordinario. Abbiamo aperto le preadesioni per migliaia di insegnanti esclusi.D’altronde i tempi di attesa si stanno sempre più allungando, come certifica il nuovo anche decreto Milleproroghe licenziato dalla Camera, che ha portato la nuova scadenza per la pubblicazione dei testi ufficiali al 30 aprile 2020, con inevitabile impossibilità di assumere i vincitori dei concorsi già la prossima estate. Il presidente di Anief lo aveva già previsto nel primo incontro col ministro Azzolina quando aveva chiesto una procedura straordinaria di immissioni in ruolo del personale presente in seconda e terza fascia delle graduatorie di istituto. È passato più di un mese e il tempo gli dà ragione.Comunque, il numero di cattedre appare altamente sottodimensionato, visto che a settembre, a seguito dei 50 mila pensionamenti previsti, si supereranno le 200 mila supplenze annuali: e non ci vengano a dire che la maggior parte sono di fatto, perché si tratta di posti a tutti gli effetti senza titolare e quindi da considerare utili alla stabilizzazione dei tanti abilitati in lista di attesa”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Inflazione allo 0,4%, con ricadute di 118,60 Euro annui a famiglia

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

L’Istat registra, a febbraio, un tasso di inflazione al +0,4% su base annua. Con l’inflazione a questi livelli, gli aggravi a carico di ogni famiglia ammontano a +118,60 Euro annui.Più marcato, invece, l’aumento del tasso relativo al carrello della spesa, ovvero dei prezzi dei beni con maggiore frequenza di acquisto, che si attesta al +1%, in lieve diminuzione rispetto al tasso del +1,3% registrato a gennaio. Questo si traduce, solo nel settore alimentare, in un aggravio di 56,00 Euro annui a famiglia.In particolare l’Istat sottolinea che non ci sono stati a febbraio aumenti dei prezzi degli igienizzanti a causa del Coronavirus, precisando che le rilevazioni arrivano fino a domenica 23. Una speculazione che forse non avveniva solo nelle farmacie e nei negozi fisici monitorati dall’Istat, che tra l’altro in tale data avevano con grande probabilità già finito le scorte. Purtroppo, a partire da circa il 20 febbraio, specialmente online, i prezzi hanno iniziato a lievitare, lo dimostrano le numerose denunce dei cittadini che si sono rivolti alla nostra Associazione, che ci hanno portato a segnalare prontamente il fenomeno all’Antitrust. È di oggi la notizia che l’Autorità ha chiesto chiarimenti sulla vendita di prodotti igienizzanti e di mascherine alle principali piattaforme e ai siti di vendita on line.Al di là dei dati relativi alle speculazioni, rimane comunque il fatto che l’inflazione in crescita pesa sui bilanci familiari in un momento delicato e difficile per l’intero sistema economico.Condividiamo gli appelli alla calma e alla razionalità: attraverso una corretta informazione che dia spazio alla conoscenza e non alle paure irrazionali è possibile adottare tutte le misure precauzionali del caso senza paralizzare l’intero Paese. Per questo è necessario uno sforzo del Governo per affrontare l’emergenza e limitare i danni sull’economia, che rischiano di ripercuotersi in maniera pesante sull’economia e su tutti i cittadini.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I sindacati militari uniti per rivendicare i propri diritti!

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

By Paolo Melis. I sindacati militari si uniscono per approvare il manifesto dei diritti sindacali di tutti i militari, ecco il Comunicato congiunto: ” In risposta alle forze politiche che ci hanno descritto divisi ed incapaci di indicare delle soluzioni condivise da inserire nella legge sui sindacati oggi in discussione in Commissione Difesa della Camera.Ora non ci sono più alibi, se la politica sceglierà di ignorare questo messaggio forte, si toglierà definitivamente la maschera e dimostrerà che le sue uniche attenzioni erano rivolte a tutelare la classe dirigente della Difesa. Insieme a loro perdono la faccia quelle sigle che per meri interessi di bottega non hanno neanche voluto partecipare a questa iniziativa, nella speranza di accreditarsi con i vertici militari come i sindacati più allineati e mansueti. Che ne penseranno i loro iscritti?

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coronavirus: “Mascherine, acquisto di competenza di Regione Lombardia”

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Il Governatore Fontana continua a dichiarare che il problema mascherine sarebbe stato risolto: «Andandocele a comperare all’estero. Questo forse sarebbe stato un argomento migliore per fare polemiche. Invece di parlare della mia mascherina. Servono ai nostri medici e infermieri». Marco Fumagalli, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “Mi pare doveroso ricordare al Presidente Fontana che la competenza all’acquisto di materiale medico e sanitario è di Regione Lombardia che provvede solitamente mediante a società in house ARIA. Dato che è una competenza regionale Fontana dovrebbe verificare se son state fatte adeguate scorte, e se nell’ambito del principio di precauzione e responsabilità dopo la dichiarazione dello stato di emergenza del Governo in data 31 gennaio 2020, la Regione ha provveduto ad un approvvigionamento straordinario di dispositivi di protezione per affrontare l’emergenza”. “Mi auguro che il Presidente”, aggiunge Fumagalli, “superato il periodo di quarantena riesca a riprendere in mano la situazione dando le corrette disposizioni ai suoi uffici ed eviti di fare dichiarazioni che non sono corrispondono alla realtà dei fatti e alla responsabilità giuridica delle competenze”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pedemontana troppo costosa e impattante sul territorio più urbanizzato d’Italia”

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

“Quando ho letto della proposta di legge per aumentare di 350 milioni di euro il patrimonio di Milano Serravalle per poter finanziare la Pedemontana il primo pensiero è stato di pena verso il popolo lombardo costretto a sopportare questi amministratori. Perché nelle stesse ore la Regione negava poche centinaia di migliaia di euro di finanziamento per il prolungamento della metropolitana da Cologno a Vimercate. Che andrebbe a snellire il traffico sulla tangenziale est e quindi i ricavi della Milano Serravalle”, così Marco Fumagalli, capogruppo del M5S Lombardia.
“Il punto non è questo,”, aggiunge, “ma tutte le attività poste in essere da Regione intorno alla Serravalle. A cominciare dalla controversia sul valore della società che ha visto contrapporre le pretese di Regione Lombardia al Comune di Milano. Il Tribunale ha dato uno schiaffone alla Regione e così il salasso dell’acquisto delle quote dal Comune ammonta a 90 milioni di euro a carico del contribuente”. “Ora la Regione Lombardia ha azioni pari all’82 % della società che a parere mio ha un valore complessivo di circa un miliardo. Negli ultimi 3 anni infatti la Serravalle ha fatto utili netti per 150 milioni di euro e ha un ROE (il rendimento netto rispetto al capitale investito) pari al 10 %, che in tempi di interessi zero rappresenta una vera eccezione di mercato. È chiaro che in Serravalle hanno “tirato la cinghia” per patrimonializzare il più possibile la società e poter investire in Pedemontana. Ma siccome questa mostruosa creatura ha dei costi esorbitanti Regione deve mettere mano al portafoglio e al contribuente costa 350 milioni. Al di là che ritengo che la Pedemontana sia un’opera troppo costosa e impattante sul territorio più urbanizzato d’Italia, è l’operazione finanziaria che non convince. Perché il contribuente deve pagare per Pedemontana? Perché anziché fare un aumento di capitale da parte di Regione Lombardia, non si procede a collocare sul mercato presso investitori istituzionali un aumento di capitale a pagamento di Serravalle così da evitare l’esborso da parte di Regione Lombardia? Perché se l’opera è di così grande interesse per l’imprenditoria lombarda, l’aumento di capitale non viene sottoscritto dagli imprenditori interessati dalla tratta? Forse perché l’opera ha più ombre che luci e nessuno si fida a tirare fuori un centesimo. Salvo Pantaleone che però non può esprimersi ma deve solo subire”, conclude Fumagalli.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ecoreati: 2400 sanzioni nel 2019 grazie all’utilizzo delle fototrappole

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

La lotta agli eco-reati e ai comportamenti illeciti in materia di rifiuti, dal 2019, ha fatto un vero e proprio salto di qualità grazie al sistema delle cosiddette “fototrappole”, gestite dalla Polizia Locale di Roma Capitale.Si tratta di sofisticati sistemi di videosorveglianza, anche a infrarossi, che scattano un numero molto alto di immagini e che, proprio per scovare i responsabili, sono state posizionate nelle principali arterie di Roma e in alcuni punti “caldi” della città.Con questa tecnologia, nell’ultimo anno, il Nucleo ambiente e decoro (Nad) della Polizia Locale è riuscito ad elevare circa 2.400 sanzionati, che corrispondono a circa 300 mila euro.Grazie all’analisi delle immagini sono stati più volte identificati alcuni soggetti che, sistematicamente, gettavano rifiuti in modo errato. Tra questi ci sono gli “svuota-cantine”, che hanno buttato diversi tipi di materiali nei cassonetti domestici o in aree verdi, e i cosiddetti “pendolari dei rifiuti”: con questo termine vengono indicate persone residenti nei Comuni limitrofi al territorio di Roma Capitale, dove è attivo il sistema di raccolta differenziata porta a porta, che buttano la propria spazzatura nei cassonetti stradali di Roma. Solo nel 2019 sono stati 1.058 i casi di “pendolarismo” sanzionati anche grazie all’uso delle fototrappole.In totale, grazie alle circa 50 fototrappole utilizzate da maggio a dicembre 2019, sono state indagate 45 persone per diversi tipi di reati ambientali ed ammontano a 85 gli automezzi sequestrati ai fini della confisca.La sindaca Virginia Raggi si è detta molto soddisfatta dei risultati portati avanti da questo strumento d’indagine e spiega che l’utilizzo di tecnologie sempre più sofisticate è fondamentale per identificare e perseguire le organizzazioni e i singoli che inquinano la città di Roma. Nel ringraziare gli agenti del Nad per il lavoro di analisi, la sindaca ha inoltre ricordato l’attenzione dell’Amministrazione verso la repressione degli ecoreati, dimostrata proprio dall’aver istituito un gruppo specifico che si occupa di questa materia.

Posted in Diritti/Human rights, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Maxi appalto di infermieri al Policlinico Umberto 1° di Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 1 marzo 2020

Con Delibera 1177 del 19/12/2019 il Direttore Generale Panella, supportato dal Direttore Sanitario Dr. Romano e dal Direttore Amministrativo Dr.ssa Bensa, hanno avviato le procedure di esternalizzazione dell’assistenza infermieristica e di supporto al più importante Policlinico Universitario Pubblico del centro Italia, il tutto al modico prezzo di 16 milioni 150.000 Euro all’anno (più iva) per la durata di 3 anni. In particolare sarà appaltato alle cooperative l’assistenza nelle medicine (immunologia, gastroenterologia, pneumologia, ematologia), nel dipartimento di neuroscienze (neurologia e neurochirurgia), in urologia, ortopedia e nel percorso chirurgico intraoperatorio.Preoccupa l’atteggiamento della Direzione Generale del Policlinico – dichiara il Coordinamento USB Sanità di Roma e Lazio – perché, mentre Regione e Governo si orientano verso una soluzione del precariato in sanità, che comporterebbe anche il recupero del personale esternalizzato alle ditte e cooperative che da anni sopperisce alle carenze di personale ed al blocco delle assunzioni, il Direttore Panella ripropone un percorso di esternalizzazione, in piena autonomia dalla Regione e già saggiamente censurato dal TAR nel 2018.L’operazione del Dr. Panella non ha eguali, se si esclude una mossa simile ma di minor impatto della ASL Roma 2 che ha dato in gestione esterna solo i 2 reparti a pagamento, non solo perché imponente dal punto di vista economico ma anche perché sottintende due ulteriori mostruosità organizzative: l’intermediazione di manodopera, già censurata dal TAR Lazio nel 2018, e l’ipotesi che tale manovra possa favorire la “cessione del ramo d’azienda”, intervenendo così su alcune unità produttive già dotate di autonomia economica e gestionale.Una manovra pericolosa che riconferma l’intento di alcuni amministratori pubblici di privatizzare il Servizio Sanitario Nazionale non più attraverso la convenzione con i privati (già ampiamente utilizzata nel Lazio) ma attraverso l’ingresso dei privati direttamente nel pubblico proprio in quei gangli del servizio che più sono indispensabili alla cura delle persone – dichiara ancora USB Sanità. Chi in questi giorni si rivolge al sistema pubblico non vuole certo che l’attuale emergenza COVIN19 sia affrontata con personale precario, flessibile, esternalizzato, ad ore… Chiediamo un intervento urgente del Presidente Zingaretti a garanzia di un servizio sanitario regionale pubblico e di qualità ed a tutela della salute dei cittadini di Roma e del Lazio – conclude USB – perché i nostri ospedali non siano più gestiti dai profittatori delle cooperative, che utilizzano personale spesso sottopagato, sfruttato e scarsamente tutelato in termini di sicurezza.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »