Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Commerzbank: Pericoloso attacco all’Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 7 aprile 2020

“Mentre l’Italia si trova costretta a fronteggiare la più grave crisi dal dopoguerra, secondo quanto diffuso dall’agenza Bloomberg, la Commerzbank, istituto di credito detenuto al 15% dallo Stato tedesco invita a disfarsi dei BTP ritenendoli destinati a divenire “spazzatura”. Una indicazione che se confermata rischia di determinare un effetto valanga con esiti gravissimi per l’economia italiana. Qualora si innescasse una significativa dismissione dei titoli del debito pubblico italiano da parte degli attuali detentori ci esporremmo ad una pericolosa spirale speculativa dentro cui l’Italia, già costretta a finanziare i prossimi provvedimenti con emissione di debito, non può permettersi in alcun modo di finire. E’ indispensabile che il Governo italiano si attivi immediatamente con il Governo tedesco e la BCE affinché si smentisca categoricamente questo notizia. A questo punto riteniamo sempre più necessario che il Copasir, di cui Fratelli d’Italia ha già chiesto l’interessamento a seguito delle infelici e tristemente note dichiarazioni di Christine Lagarde, conduca le dovute verifiche anche in ordine alle manovre speculative che si stanno compiendo ai danni della nostra Nazione”.Lo dichiarano i deputati di Fratelli d’Italia Galeazzo Bignami e Marco Osnato, componenti della Commissione Finanze della Camera dei Deputati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: