Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 220

Coronavirus: attivo servizio per le videochiamate a casa

Posted by fidest press agency su martedì, 7 aprile 2020

E’ entrato in funzione il servizio che permette di mantenere i contatti con familiari dei pazienti ricoverati in tutti i reparti di degenza covid-19 dell’ASST Papa Giovanni XXIII, comprese le terapie intensive ed il Pronto Soccorso. L’attività è garantita al momento dal lunedì al venerdì dalle 11 alle ore 15.30. Notevole la dotazione di strumentazione tecnologica a disposizione per effettuare le videochiamate a casa: già presenti nei reparti 45 dispositivi tra mini tablet e smartphone. Altri 30 andranno ad aggiungersi in settimana. E’ previsto l’arrivo di molti altri dispositivi a breve e l’elenco si aggiorna di giorno in giorno grazie alla generosità di molti soggetti. Tutti i dispositivi vengono controllati, messi in funzione e dotati di SIM e di software dal team di Antonio Fumagalli, direttore dell’ICT Information and Communications Technology, che proprio in questi giorni è impegnato tra l’altro nella messa a punto della rete informatica del presidio ospedaliero in via di ultimazione alla Fiera di Bergamo.Grazie al personale della Direzione Professioni Sanitarie e Sociali, è stato organizzato e testato nei giorni scorsi il percorso di supporto, al fine di verificarne la fattibilità e le procedure di sicurezza.Sono già 30 i pazienti ricoverati in reparti Covid-19, inclusa una terapia intensiva, ad aver usufruito del servizio.“Il servizio è stato molto gradito da parte di parenti e degenti – ha riferito Andreina Scotti, coordinatrice infermieristica di terapia intensiva -. Particolarmente emozionante il suo utilizzo da parte di due pazienti ricoverati in terapia intensiva, uno dei quali ha potuto parlare in videochiamata sia con il figlio che con la moglie”.La collaborazione tra il personale sanitario e il personale tecnico-informatico ha consentito di ottenere rapidamente i contatti telefonici delle persone di riferimento dei pazienti attingendo a quanto documentato nella cartella clinica elettronica.
Il Coordinatore Tecnico di Neurofisiopatologia Paolo Conte e tutta l’équipe di tecnici di neurofisiopatologia si occuperanno di garantire il servizio al letto del paziente applicando le necessarie misure di sicurezza per limitare il rischio di contaminazione del dispositivo e trasmissione del virus.Il servizio è stato apprezzato anche dal personale sanitario che lavora a contatto con i pazienti: favorire le relazioni affettive e i rapporti con i familiari permette di accompagnare in maniera positiva il percorso terapeutico e l’aggiornamento dei familiari stessi sulla sua evoluzione. Il servizio è attivabile dal coordinatore infermieristico o dal direttore delle strutture di degenza secondo le modalità operative indicate dalla Direzione Aziendale. E le richieste arrivate sono già molte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: