Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

La Sicilia nascosta: Borgo Runza

Posted by fidest press agency su sabato, 23 maggio 2020

Si trova nel Comune di Mazara del Vallo, in provincia di Trapani ed è di pertinenza del Comune di Mazara. Il Borgo era già indicato come “da progettare” nel bilancio dell’ ERAS dei lontani anni 1956-57.Il borgo è suddiviso in 31 lotti tutti ricadenti nel territorio di Mazara Del Vallo non lontano dalla piccola frazione di Borgata Costiera.Il Borgo rientrava nel Consorzio di Bonifica Casale – Tre Cupole – Bellusa – Bucari. Le prime idee di progettazione risalgono all’anno 1952.. quando il provveditorato alle opere pubbliche della Sicilia approvò il progetto al consorzio di bonifica il 30 ottobre 1952, unitamente ai progetti dei borghi di Riddusa e di Rampigallo.Il borgo comprende un’area adibita a seminativo ed una serie di una trentina di case coloniche molto spartane.
Case coloniche costituite da un ingresso con porticato, un forno, cucina, stanze da letto ed una stalla con relativa mangiatoia. Le abitazioni rurali furono abbellite dalle ceramiche di un artista siciliano, Giovanni De Simone. Alcune abitazioni sono state poi demolite per lasciare spazio alla attuale e modernissima centrale fotovoltaica. La planimetria del borgo fu realizzata dall’Ing Luigi Panico che sviluppò le costruzioni giusto a fianco all’asse stradale. Il corpo centrale del Borgo si sviluppa su tre strutture: la scuola-asilo che includeva l’alloggio per l’insegnante, un corpo centrale con magazzino per attrezzi agricoli e deposito, ed infine la caserma dei carabinieri. Altri progetti analoghi sono stati quelli di Borgo Cuticchi, Borgo Gurgazzi, e borgo Desisa. Il borgo Runza fu consegnato alla fine dell’anno 1963, inizio dell’anno 1964 ai primi abitanti. Nell’Aprile 1970 vi si insediavano i carabinieri nella caserma assegnata dal consorzio. Il borgo languì fino al giugno dell’anno 1975 quando un gruppo di imprenditori marsalesi, con a capofila i fratelli Vito e Giovanni Nibbio si proposero come interessati ad nuovo utilizzo: quello di realizzare una attività di allevamento di pollame, di ovini e di suini. Evidentemente senza nessun risultato, tant’è che la loro proposta non si realizzò mai.
Nel 1975 il borgo passò sotto la giurisdizione del comune di Mazara del Vallo che nel maggio del 1980 lo ebbe in consegna.
Consegna accettata dall’assessore ai lavori pubblici del comune di Mazara, dell’epoca, Bartolomeo Mezzapelle. Da anni nella disponibilità dei beni del Comune di Mazara del Vallo non ha mai avuto modo di avere un qualsivoglia utilizzo restando così una struttura abbandonata, ricordo di un progetto mai veramente realizzato per la mancanza, all’epoca, di energia elettrica e di un efficiente sistema di adduzione dell’acqua dolce. Ma nella zona del borgo vi sono diverse sorgenti d’acqua dolce naturali che, con la prossimità del grande impianto fotovoltaico ora esistente, non dovrebbe aver nessun problema per il loro prelievo. Insomma, oggi come oggi il borgo Runza avrebbe la possibilità di una nuova vita..peccato che solo in pochi ne conoscano la mera esistenza!

Una Risposta to “La Sicilia nascosta: Borgo Runza”

  1. molto interessante.. E chissà quanti altri siti sono ancora ignoti alle stesse amministrazioni regionali !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: