Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 250

Spasticità e distonia cervicale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 27 maggio 2020

PARIGI, FRANCIA. Più dell’80% dei pazienti con spasticità o distonia cervicale trattati con iniezioni di tossina botulinica di tipo A (BoNT-A) presenta una recidiva debilitante dei sintomi e una mancanza di controllo duraturo dei sintomi tra una iniezione e l’altra, che provoca profonde ripercussioni sulla vita personale e professionale. È quanto emerge dai risultati di due sondaggi a cui hanno risposto 400 pazienti da cinque Paesi, con sintomi di spasticità o distonia cervicale trattati con iniezioni di tossina botulinica di tipo A (BoNT-A).
Il primo sondaggioha analizzato l’impatto della spasticità sulla vita dei pazienti. Dei 210 pazienti che hanno risposto da Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti, l’83% ha riportato che i sintomi della spasticità sono ricomparsi tra le due sessioni di trattamento con BoNT-A e, di questi, il 59% ha riferito di aver avuto recidiva entro tre mesi dall’ultimo trattamento. La ricomparsa della sintomatologia ha avuto una ripercussione significativa sulla qualità di vita dei pazienti, sul sonno, sulle relazioni, sulla vita di tutti i giorni e sull’esperienza lavorativa. Inoltre, il 47% degli intervistati ha riportato di non riuscire a lavorare, al riacutizzarsi dei sintomi, mentre il 45% ha dichiarato di sentirsi meno efficiente al lavoro rispetto al periodo precedente.
Il secondo sondaggio, con un approccio simile, ha analizzato i dati di 209 intervistati con distonia cervicale che hanno risposto da Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Stati Uniti. Di questi l’88% ha riportato la ricomparsa della sintomatologia preesistente tra le due iniezioni di BoNT-A. La maggior parte degli intervistati impegnati in attività lavorative ha riferito un importante impatto sulla vita professionale, il 66% di questi ha dichiarato di non sentirsi a proprio agio al lavoro e il 66% di non sentirsi efficiente al lavoro come al solito. La vita personale dei pazienti è risultata compromessa in modo significativo dal ritorno dei sintomi, con ripercussioni sulla possibilità di socializzare, sul sonno, sulla guida o sugli impegni quotidiani.In entrambi i sondaggi oltre il 70% dei pazienti ha dichiarato di sentire l’esigenza di un trattamento che offra benefici più duraturi.I risultati completi dei sondaggi Carenity 2 relativi alla spasticità sono stati pubblicati il 7 maggio 2020 in Frontiers in Neurology.
La spasticità e la distonia cervicale sono patologie neurologiche distinte, anche se caratterizzate entrambe da un ridotto controllo muscolare e da spasmi, normalmente trattate con iniezioni di tossina botulinica A (BoNT-A).La spasticità colpisce oltre 12 milioni di persone in tutto il mondo7 ed è generalmente causata da un danno alle aree del cervello e del midollo spinale responsabili del controllo dei muscoli e dei riflessi da stiramento, dovuto a infarto, traumi cranici e a lesioni midollari , sclerosi multipla e paralisi cerebrale.5 La distonia cervicale è una malattia dalle origini sconosciute nella maggior parte dei casi primaria, caratterizzata da contrazioni involontarie dei muscoli del collo.
Si stima che la spasticità colpisca oltre 12 milioni di persone in tutto il mondo. E’ una patologia che comporta la costante contrazione di alcuni muscoli, causando rigidità muscolare che interferisce con i normali movimenti, l’andatura e la pronuncia delle parole. La spasticità normalmente è causata da un danno alle aree del cervello o del midollo spinale che controllano i movimenti volontari, che comporta modificazioni nel bilanciamento dei segnali tra il sistema nervoso e i muscoli, aumentando l’attività muscolare. Traumi al midollo spinale, sclerosi multipla, paralisi cerebrale, infarto, trauma al cervello o alla testa e disturbi metabolici possono causare la spasticità. Questa patologia viene riscontrata nel 34% dei sopravvissuti all’infarto entro 18 mesi dall’episodio infartuale.La distonia cervicale (DC), conosciuta anche come torcicollo spasmodico, è un disturbo del movimento che causa contrazioni muscolari involontarie in modo particolare dei muscoli del collo. Questo può comportare l’inclinazione della testa lateralmente o l’oscillazione avanti e indietro.La DC è relativamente poco diffusa, colpisce da 57 a 280 persone su un milione. Può insorgere a qualsiasi età, anche se generalmente i sintomi si sviluppano nell’età media, all’inizio lentamente, e solitamente raggiunge la stabilizzazione in pochi mesi o in anni. La degenerazione della colonna vertebrale, l’infiammazione delle radici nervose, oppure cefalee frequenti possono rendere la malattia particolarmente dolorosa. Nella maggior parte dei casi la causa è sconosciuta e non esistono cure. (by Giovanni Asta in sintesi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: