Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 341

Archive for 30 maggio 2020

Garantire la Green New Deal nel Lazio

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

“Abbiamo inviato una lettera al Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti con la proposta di un Green New Deal della mobilità nel Lazio. Il Paese e la regione non possono permettersi di ripartire dal cemento: per coerenza con le aspirazioni green espresse da Zingaretti, è arrivato il momento di scegliere la sostenibilità”.Così, in una nota, gli esponenti di Europa Verde Francesco Alemanni e Filiberto Zaratti e i co-portavoce del Lazio, Nando Bonessio e Laura Russo.“Nel programma della Regione, – proseguono, – l’84% delle risorse è destinato a nuove autostrade: come Europa Verde, riteniamo che i tempi siano maturi per un ribaltamento del solito schema, portando a destinare il 60% delle risorse al trasporto su ferro e il restante alla manutenzione e messa in sicurezza di strade urbane e grandi arterie regionali già esistenti”. “È per noi fondamentale elaborare un piano strategico per il trasporto su ferro e per favorire la mobilità sostenibile, soprattutto elettrica, – concludono Alemanni, Zaratti, Bonessio e Russo, – pur non dimenticando la necessità di procedere alla verifica dei viadotti e delle gallerie e intervenire per il ripristino dei fondi carrabili spesso ridotti a veri percorsi bellici, come nel caso della SS 148 Pontina”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istat: fatturato servizi primo trimestre -6,2%

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

L’Istat comunica che nel primo trimestre 2020 il fatturato dei servizi, rispetto al primo trimestre 2019, diminuisce del 7,2%, e del 24,1% per le attività di alloggio e ristorazione.”Dati molto allarmanti, ma il crollo più rilevante è quello delle agenzia di viaggio. Anche se apparentemente la voce nel complesso segna un calo tendenziale di appena il 2,8%, l’Attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione crolla del 32,3% segnando la variazione record, superiore anche al settore dell’alloggio (-24,7%) e del trasporto aereo (-24,6%)” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Il fatto che il fatturato delle agenzie, relativamente alle prenotazioni, sia precipitato di un terzo, dimostra che il bonus vacanze non può bastare per salvare la stagione turistica” prosegue Dona.”Nessuno prenota oggi se non gli viene garantito che potrà recarsi nel luogo di villeggiatura, specie vista la bella pensata del ministro Franceschini di non poter riavere i soldi in caso di annullamento del pacchetto turistico, ma solo un voucher” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alfasigma Contest: riaperti i termini per la presentazione delle candidature al concorso

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Una borsa di lavoro finalizzata a un contratto di 12 mesi presso la redazione giornalistica di Open, il giornale on line fondato da Mentana che valorizza i giovani. Si tratta di “Alfasigma Contest. Per i giornalisti del Futuro”, il concorso promosso da Alfasigma – tra i principali player dell’industria farmaceutica del nostro Paese e di cui fanno parte oltre 3000 dipendenti in Italia e all’estero – per stimolare l’interesse verso una corretta informazione medico-scientifica resa ancora più urgente dall’attuale emergenza sanitaria da Covid-19.I termini per partecipare al concorso sono stati prorogati proprio in considerazione del lungo lockdown dovuto all’epidemia e c’è tempo fino alle ore 22.00 del 26 giugno 2020 per presentare la propria candidatura. Il giornalista vincitore sarà inserito in redazione già a partire dal mese di luglio. L’iniziativa è rivolta ai neodiplomati nelle Scuole di Giornalismo riconosciute dall’Ordine dei Giornalisti e a tutti coloro non iscritti all’Ordine dei Giornalisti che essendo nati dopo il 1° gennaio 1990 collaborano con testate giornalistiche. La premiazione ufficiale avverrà al Festival della Scienza Medica, in programma ad ottobre 2020 a Bologna.Favorire la diffusione tra gli aspiranti giornalisti di un approccio medico-scientifico e contribuire alla formazione e alla conoscenza della medicina nell’opinione pubblica giovanile, sono alcuni tra gli obiettivi che si prefigge il concorso promosso da Alfasigma. Per quest’anno partner del progetto è Open, testata giornalistica da sempre impegnata in attività di formazione di giornalisti e giovani lettori. Alfasigma sponsorizza in forma non condizionata il progetto, che avrà cadenza annuale.“Il concorso è nato in epoca pre-COVID19 per contrastare la diffusione di fake-news in ambito medico-scientifico spesso condivise dalle generazioni più giovani”, dichiara l’Amministratore Delegato di Alfasigma, Pier Vincenzo Colli. “Con la diffusione del Coronavirus abbiamo assistito a questo nuovo fenomeno – la cosiddetta infodemia, sviluppatasi in parallelo alla pandemia – con cui l’opinione pubblica è rimasta ulteriormente spiazzata e confusa. Oggi siamo ancor più convinti della necessità di un’informazione corretta e una comunicazione responsabile: ci impegniamo per questo con il nostro Contest, lieti di farlo in questa prima edizione con Open che ha dimostrato di essere in prima fila nel fact checking e nel coinvolgimento del pubblico giovanile.”Per partecipare basta collegarsi al sito http://www.alfasigmacontest.com, leggere il regolamento e approfondire il tema del Contest in questa edizione dedicato a “Cirrosi ed Encefalopatia Epatica”, patologie spesso trascurate e diagnosticate solamente in fase acuta, proprio per una conoscenza ancora troppo limitata. Sarà poi necessario inviare, a pena di inammissibilità, il curriculum vitae e l’elaborato all’indirizzo info@alfasigmacontest.com entro e non oltre le ore 22.00 del 26 giugno 2020. Gli elaborati pervenuti successivamente non saranno presi in considerazione. A causa dell’emergenza sanitaria COVID-19, tutte le attività dovranno essere svolte in conformità alle misure restrittive di cui alle disposizioni governative e ministeriali e agli ulteriori provvedimenti delle autorità competenti vigenti in materia.Il concorso è solo una delle attività messe in piedi da Alfasigma contro il fenomeno delle fake news e dell’infodemia: l’azienda ha supportato in maniera non condizionata pochi giorni orsono il corso per giornalisti promosso dal Centro Studi Giornalismo ed altre iniziative di sensibilizzazione dell’opinione pubblica con webinar e campagne social.Il progetto avrà cadenza annuale e coinvolgerà scuole e master di giornalismo, insieme ad altre testate, con un particolare focus sulle generazioni più giovani.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fortinet guida il mercato con l’innovativa soluzione Secure SD-WAN

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Fortinet® (NASDAQ: FTNT), leader globale nel settore delle soluzioni di cybersecurity ampia, integrata e automatizzata, annuncia nuove soluzioni innovative e conferma un continuo aumento della quota di mercato per la sua soluzione Secure SD-WAN. La flessibilità e la scalabilità di Fortinet Secure SD-WAN ha permesso ai clienti di tutte le dimensioni l’implementazione negli home office, nelle filiali e tra cloud distribuiti, fornendo al contempo la migliore esperienza utente e il miglior livello di sicurezza possibile.
“SD-WAN non è una tecnologia solo per la filiale, è importante per l’intera azienda end-to-end. Con applicazioni per il lavoro da casa, dal data center al cloud e la capacità di collegare i cloud tra loro, Fortinet Secure SD-WAN è una tecnologia di grande impatto che migliora l’esperienza dell’utente e favorisce l’ottimizzazione dei costi e il risparmio di tempo per le aziende. Fortinet è uno dei provider SD-WAN in più rapida crescita e l’unico grande player in questo mercato con un’offerta sviluppata internamente che garantisce sicurezza e networking in un’unica soluzione”, spiega John Maddison, EVP Products e CMO di Fortinet.
Fortinet propone Secure SD-WAN come funzionalità integrata del suo next-generation firewall FortiGate leader del mercato, alimentato dal primo SD-WAN ASIC del settore per consentire una migliore esperienza d’uso, prestazioni più elevate e una migliore efficienza dei costi. Al fine di implementare cambiamenti di rete che garantiscano la continuità del business per una forza lavoro remota in espansione con il minimo di personale IT e risorse infrastrutturali, l’ampio portafoglio di prodotti FortiGate con SD-WAN integrato offre politiche di business flessibili da una console centralizzata Fabric Management Center. Queste policy intuitive permettono una configurazione più rapida e scalabile in pochi minuti per consentire le migliori prestazioni per le app di collaboration, come le conferenze audio/video e le applicazioni SaaS. Il portfolio Secure SD-WAN di Fortinet non si limita ai soli casi di utilizzo aziendale ed è disponibile in un’ampia gamma di dispositivi, che vanno dalle soluzioni pensate per i grandi data center, fino a quelli progettati per filiali, uffici remoti e anche piccoli home office. La capacità di Fortinet Secure SD-WAN di scalare da un home office a una filiale a un cloud distribuito è una caratteristica distintiva.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Evitare la nuova “epidemia” da solitudine sociale

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

L’obbligo di distanziamento porta con sé una “epidemia” da solitudine sociale con risvolti che possono essere anche drammatici, soprattutto per le persone più vulnerabili all’isolamento e alla solitudine: gli anziani, le persone con disabilità o con precarie condizioni di salute preesistenti.È proprio in questo momento di distanziamento sociale dovuto al COVID-19 che emerge come sempre più pressante il concetto di uguaglianza, in questo caso “digitale”. Mai come ora è chiaro che la mancanza di accesso alla rete non è solo un tema di esclusione dai vantaggi della società digitale, ma ha a che fare con una forma di esclusione sociale più profonda: ecco perché, anche passata l’emergenza, la priorità sarà la lotta al divario digitale, oltre che economico e culturale.
Grazie alla connessione digitale, possiamo oggi ri-costruire relazioni in ambienti digitali che consentono di simulare modalità quotidiane della vita cui eravamo abituati e che improvvisamente ci sono venute a mancare, ma rischiano di essere escluse, da questa indispensabile possibilità, le frange più deboli della popolazione, quelle che per condizione culturale, sociale e personale non possono trovare in rete, una soluzione al cambiamento cui si sono trovate esposte da un giorno all’altro.Colmare il divario digitale può aiutare i gruppi socialmente svantaggiati e questo obiettivo dovrebbe far parte della nostra “ricostruzione” post Covid-19.
Gli anziani sono la fetta di “non nativi digitali” della nostra comunità e in questa fase non hanno possibilità di comunicare, o solo in parte, mentre è importante per loro potersi raccontare. L’alfabetizzazione digitale degli over 65 dovrebbe essere affrontata dallo Stato italiano nel rispetto del principio di uguaglianza sostanziale, con azioni che vadano a sostenere il “pieno sviluppo della persona umana”.Se da un lato si è molto parlato di divario digitale in riferimento ai ragazzi e alle problematiche legate al passaggio obbligato, ma repentino, alla didattica a distanza, poco si è parlato del gap generazionale e delle difficoltà degli over 65 nell’utilizzo quotidiano di strumenti tecnologici.È su questo gap che lavora #EmerGemma, un progetto presentato da un partenariato di enti pubblici e privati (Comune di Montone, Anci Umbria, Comune di Spello, Comune di Giano dell’Umbria, Fondazione Golinelli, Ic Togiano-Bettona, Liceo Properzio Assisi e Giove In Formatica Srl) e finanziato dalla Regione Umbria con le risorse del POR-FSE 2014-2020 nell’ambito del programma #OpenUmbria.È possibile seguire le dirette facebook (ogni martedì e giovedì ore 16.00 https://www.facebook.com/gemmaprogetto) e ri-vedere tutti i contenuti nel canale YouTube del progetto (https://www.youtube.com/channel/UCD4fThSkBEcFFLKzO_9hNeQ) che sta divenendo un prezioso archivio di alfabetizzazione digitale, accessibile a tutti e sempre consultabile.#EmerGemma ha creato un calendario di appuntamenti digitali che hanno un programma diversificato che tocca molti argomenti che in questa fase di emergenza sanitaria sono divenuti indispensabili, come ad esempio: fare la spesa on line da produttori locali, fare videochiamate di gruppo con i propri cari, trovare informazioni certificate sul Covid-19 e sull’attualità più in generale, ordinare un pasto con la consegna a domicilio, visitare virtualmente musei, siti archeologici e città d’arte restando in casa, ma anche giocare a burraco on line, scaricare libri on line, quali App utilizzare per tenere sotto controllo le spese casalinghe.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“I finanziamenti bancari alle imprese con garanzie SACE e Fondo PMI”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

“Dovrebbero configurarsi in fattispecie diverse, come quella degli strumenti finanziari partecipativi, da riconoscere, sotto il controllo della Cassa Depositi e Prestiti. Al fine di agevolare le imprese ed innescare un meccanismo di riequilibrio finanziario delle stesse in una prospettiva di rilancio economico, sarebbe auspicabile l’accesso al Fondo di garanzia anche per operazioni di aumento del capitale sociale. Per questa ragione, esprimo piena soddisfazione per l’approvazione del mio odg che impegna il governo a valutare questa ipotesi secondo il meccanismo del prestito partecipativo nella prospettiva di agevolare le imprese ed innescare un meccanismo di riequilibrio finanziario delle stesse in una prospettiva di rilancio economico”. Lo dichiara Maria Teresa Baldini, deputato di Fratelli d’Italia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cronicità, Senior Italia FederAnziani: mancano i DPI per riaprire gli ambulatori

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

«Mettere subito gli ambulatori specialistici territoriali in condizione di riaprire e riprendere le loro attività di presa in carico di pazienti cronici e di attività diagnostica, anche attraverso un’adeguata dotazione di dispositivi di protezione individuale, la cui mancanza è spesso la causa dell’impossibilità di riaprire anche in quelle Regioni dove le linee guida sono già pronte. Questo l’appello lanciato dalle società scientifiche e dalle organizzazioni di medici riunite nell’Advisory Board di Senior Italia FederAnziani che ha promosso la tavola rotonda virtuale “Il problema delle cronicità al tempo del COVID -19” nella quale medici e pazienti hanno presentato le proprie criticità al Vice Ministro della Salute Pierpaolo Sileri.Tra le proposte chiave dei medici c’è il rafforzamento del numero di specialisti negli ambulatori e la valorizzazione del lavoro multidisciplinare, e della telemedicina e del telemonitoraggio, della medicina personalizzata, la somministrazione delle terapie a domicilio, ove possibile, anche prevedendo, come accade in oncologia, la consegna dei farmaci a domicilio o nella farmacia di prossimità. Occorre rafforzare il rapporto tra centri ospedalieri, poliambulatori specialistici territoriali e la medicina generale. Puntare cioè sull’integrazione e il ricongiungimento del dato tra medicina del territorio (medicina generale e specialistica ambulatoriale) e specialistica ospedaliera, attraverso una grande accelerazione sul fascicolo sanitario che dovrebbe essere impressa a livello centrale. Mantenere un canale aperto tra decisori e società scientifiche e sindacali in modo che collaborazione basata su evidenze scientifiche sia quanto più fattiva possibile. Sono 16 milioni in Italia i pazienti ipertesi che, a meno che non abbiano avuto un problema acuto, in questo periodo non sono stati visitati. Anche l’oculistica si è fermata, tanto più che data la prossimità nelle visite tra medico e pazienti in assenza di DPI è impossibile lavorare in sicurezza. Tutta la macchina deve ripartire con urgenza.
Il Vice Ministro Sileri ha annunciato la presentazione al Comitato Tecnico Scientifico del dossier elaborato dalle società scientifiche, dalle organizzazioni dei medici e da Senior Italia ed ha annunciato l’apertura di un tavolo che coinvolga i soggetti interessati in una discussione sulla nuova fase.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Thomas Piketty: Capitale e ideologia

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Collana i Fari, trad. Lorenzo Matteoli e Andrea Terranova, 1.200 pagine, 25€. Arriva finalmente il seguito del best-seller mondiale Il capitale nel XXI secolo. Ogni comunità ha bisogno di giustificare le proprie disuguaglianze: l’uomo deve trovare le ragioni di queste disparità per non rischiare di vedere crollare l’intero edificio politico e sociale. In questa chiave, anche molte ideologie del passato non appaiono più così irragionevoli, se paragonate al nostro presente. Conoscere la molteplicità delle traiettorie e delle biforcazioni della storia può infatti aiutarci a interrogare le fondamenta delle nostre istituzioni e a intuire le loro trasformazioni.
Questo libro, fondato sull’analisi di dati comparativi di inedita ampiezza, traccia il percorso dei regimi basati sulla disuguaglianza e ne immagina il futuro in una prospettiva economica, sociale, intellettuale e politica: dalle antiche società schiavistiche fino alla modernità ipercapitalista, passando per le esperienze comuniste e socialdemocratiche, e per il racconto inegualitario che si è imposto negli anni ottanta e novanta. Con lo sguardo rivolto ai temi più caldi della nostra contemporaneità, Thomas Piketty dimostra come l’elemento decisivo per il progresso umano e lo sviluppo economico sia la lotta per l’uguaglianza e l’educazione, ridiscutendo il mito della proprietà a tutti i costi. Ispirati dalle lezioni della storia, possiamo affrontare il fatalismo che ha nutrito le derive identitarie in Europa e nel resto del mondo, e immaginare un nuovo orizzonte partecipativo per il XXI secolo, basato sull’uguaglianza, la proprietà sociale, l’educazione e la condivisione dei saperi e dei poteri.
Nell’atteso seguito di Il capitale nel XXI secolo, best seller mondiale tradotto in 40 lingue e venduto in 2,5 milioni di copie, Piketty lancia la sfida di un nuovo modello economico e culturale, un’autorevole e illuminante chiave di lettura per interpretare il nostro tempo.
THOMAS PIKETTY, professore dell’École des Hautes Études en Sciences Sociales (EHESS) e dell’École d’Économie de Paris, è autore di numerosi studi storici e teorici, che gli hanno fatto meritare nel 2013 il Prix Yrjö Jahnsson, assegnato dalla European Economic Association. Scrive per Libération e Le Monde. Il suo libro Il capitale nel XXI secolo (2014) è stato tradotto in 40 lingue e ha venduto 2,5 milioni di copie. Ha inoltre pubblicato Si può salvare l’Europa? (2015), Capitale e disuguaglianza (2017) e suoi contributi sono inclusi nei volumi Democratizzare l’Europa! (La nave di Teseo, 2017) e Rapporto sulle disuguaglianze nel mondo (La nave di Teseo, 2019).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La mobilità post Covid-19?

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

7 italiani su 10, superata l’emergenza COVID-19, utilizzeranno l’auto per i propri spostamenti. Solo il 10% tornerà a servirsi dei mezzi pubblici. Per gli acquisti di nuove auto, complice la crisi economica, gli italiani sono sempre più propensi a servirsi di finanziamenti e nuove formule come il noleggio a lungo termine. Solo 1 su 3 è disposto ad acquistare la vettura in contanti. Nel processo d’acquisto cresce l’apertura verso le tecnologie digitali e i contatti, anche serali o di domenica, con il concessionario.
Soni questi i principali trend che emergono dalla survey mensile “Come cambiano le tue abitudini”, condotta a cavallo tra i mesi di aprile e maggio da Areté (azienda leader nella consulenza strategica fondata da Massimo Ghenzer) per fotografare i cambiamenti in atto nel mondo della mobilità.L’emergenza COVID-19 sta producendo scenari inediti con gran parte degli italiani, ancora in attesa di riprendere a spostarsi come nei primi due mesi dell’anno, che stanno modificando le proprie intenzioni di consumo. Circa il 90% si dice pronto a muoversi, ma solo su veicoli privati, di mobilità “individuale”. Al minimo storico la fiducia nei confronti dei mezzi pubblici, ritenuti ora anche poco sicuri sotto il profilo sanitario.In una fase critica per il mercato automotive, praticamente azzerato durante il lockdown e ridotto al lumicino nelle prime settimane di riapertura, lo studio propone un focus sulla propensione e modalità di acquisto di nuove auto.Complice la dura crisi economica e l’impossibilità di immobilizzare grandi capitali che tocca ampie fasce della popolazione, sono destinate a cambiare le formule di acquisto: solo 1 italiano su 3 si dice intenzionato a comprare in contanti l’autovettura, il 57% intende farlo tramite finanziamento o leasing, l’8% è pronto ad affidarsi al noleggio a lungo termine. L’adozione di misure restrittive e di dispositivi individuali di protezione finalizzati a contenere la diffusione del contagio stanno rivoluzionando anche il processo di acquisto dell’auto. Il 70% dichiara di voler avviare da casa la trattativa con il venditore della concessionaria attraverso un collegamento audio e video (soprattutto tramite WhatsAPP e Skype) che faciliti la comunicazione. Oltre l’80% è disponibile a ricevere una video-chiamata nella seconda metà della giornata (dalla pausa pranzo in poi), il 15% anche dopo le 20.“I dati raccolti”, evidenzia Massimo Ghenzer – Presidente di Areté, “certificano le nuove tendenze in atto nell’approccio alla mobilità e alla vendita dell’auto, con gli italiani pronti a dialogare con il dealer attraverso nuove forme di comunicazione e a riscoprire la passione per le quattro ruote in modalità digitale o anche fisica, recandosi in concessionaria anche la domenica. Lo stato di ansia emotiva ed incertezza economica richiedono oggi da parte dei dealer un’attenta profilazione dei potenziali clienti, anche alla luce dei cambiamenti in atto, per poter rendere più efficace il processo di vendita”.
In allegato la ricerca completa.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bisogna subito attivare la Reti Oncologiche Regionali

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

“Invitiamo tutti i pazienti oncologici a tornare negli ospedali per sottoporsi a cure, esami e controlli. Siamo già ripartiti e abbiamo ripreso con le consuete attività d’assistenza anche nei territori più colpiti dall’emergenza Covid. E’ giunto ora il momento di riorganizzare l’oncologia del nostro Paese puntando sul potenziamento della medicina del territorio anche per quanto riguarda le cure anti-tumorali. Sono necessari medici e infermieri, appositamente formati, in grado di gestire alcune terapie a livello domiciliare e nelle strutture sanitarie territoriali. Così potremmo evitare di intasare ulteriormente gli ospedali nei prossimi mesi”. E’ questa la proposta avanzata ieri dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) durante un webinar reso possibile grazie al supporto di Novartis. L’evento on line dal titolo Coronavirus e Pazienti Oncologici, L’AIOM incontra le associazioni ha avuto l’obiettivo di instaurare, in questo momento particolare, un dialogo costruttivo tra malati e clinici. Hanno partecipato in totale oltre 90 associazioni di pazienti e migliaia hanno seguito la diretta sulla pagina Facebook della Società Scientifica. “Siamo contenti di questo grande successo e torneremo periodicamente a dialogare on line con i rappresentanti dei malati – ha affermato Giordano Beretta, Presidente Nazionale AIOM -. Come Società Scientifica sentiamo il dovere e il bisogno di avviare un confronto ancora più diretto anche con chi sta affrontando sulla propria pelle il cancro. Vogliamo trovare nuove soluzioni per far fronte ad eventuali nuove emergenze sanitarie magari avviando progetti pilota in determinati territori. Per farlo chiediamo la collaborazione anche delle associazioni di pazienti che possono svolgere un ruolo determinante. Il Coronavirus può essere un’occasione da sfruttare per cambiare l’organizzazione della medicina e della sanità italiana. Siamo convinti che certe prestazioni oncologiche possano essere trasferite degli ospedali al territorio. I farmaci orali possono essere consegnati direttamente a domicilio mentre alcune terapie infusionali potrebbero essere somministrare nei locali dell’ASL o dell’ATS. Per fare tutto ciò è però indispensabile attivare e rendere finalmente operative le Reti Oncologiche Regionali. Grazie a queste strutture è possibile garantire una reale ed effettiva collaborazione tra specialisti ospedalieri, medici territoriali e farmacie. Per gli esami di follow up si potrà sempre più ricorrere ai nuovi strumenti della telemedicina. Ciò nonostante alcuni dei controlli periodici dovranno per forza essere svolti direttamente negli ospedali”. Durante il webinar dell’AIOM è emerso anche l’esigenza, per la prossima stagione, di una vaccinazione anti-influenzale a tappetto di tutti i malati oncologici. “E’ uno strumento di prevenzione importante e diventa ancor più fondamentale a partire dal prossimo autunno – ha aggiunto Saverio Cinieri, Presidente Eletto AIOM -. Grazie all’immunizzazione potremo meglio distinguere i casi di normale influenza stagionale dai contagi da Covid-19. Come Società Scientifica da anni raccomandiamo a tutti i nostri pazienti il ricorso al vaccino antiinfluenzale. Si tratta di un presidio sanitario sicuro, poco invasivo e che può determinare grandi benefici ad un paziente immuno-depresso come quello oncologico. Estendiamo poi l’invito anche a familiari, caregiver e a chiunque viva a stretto contatto con i malati”. “Nel nostro Paese, il 60% dei pazienti oncologici è vivo a 5 anni dalla diagnosi di cancro – ha sottolineato Stefano Vella, infettivologo e docente di Salute Globale all’Università Cattolica di Roma -. Non possiamo vanificare gli importanti risultati ottenuti finora, grazie alle terapie innovative e agli screening. Tutti i pazienti devono riprendere le cure, così come vanno riavviati i programmi di screening. Anche la ricerca medica deve proseguire e proprio per questo l’Unione Europea ha stanziato dei fondi specifici”..

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Lo shock da coronavirus impatta anche sulla propensione agli investimenti”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Sono tante le riflessioni che la crisi da Coronavirus ha portato nelle case degli italiani, e non solo. Una delle maggiori fonti di preoccupazione, alla luce della stagnazione economica, è quella che attanaglia i risparmiatori che sono stati portati dal lockdown a ripensare alla propria pianificazione finanziaria. Ma c’è un lato positivo: sembra aumentare la consapevolezza degli italiani della necessità di affidarsi a dei professionisti per una corretta pianificazione, tanto che il 42% degli italiani con investimenti ha dichiarato che darà maggior valore e spazio alla consulenza finanziaria. È quanto emerge da un sondaggio condotto da Columbia Threadneedle Investments, uno dei principali gruppi di risparmio gestito a livello globale, su un campione rappresentativo di italiani.
L’incertezza non è sicuramente una buona consigliera. Ragionare o addirittura pentirsi delle proprie scelte in fatto di investimenti è però lecito, ma non bisogna dimenticare che, durante mercati azionari in ribasso come ora, non è mai il momento migliore per disinvestire. L’investimento dovrebbe sempre essere visto come un obiettivo di lungo termine. Come hanno dimostrato le crisi precedenti, infatti, gli shock a breve termine portano ad un rimbalzo successivo. Tuttavia, a oggi, un investitore italiano su sei dichiara di sentirsi più propenso a vendere le proprie quote di investimento alla luce della volatilità attuale, dato suffragato dal fatto che il 16% degli investitori italiani ha utilizzato o si aspetta di utilizzare il ritorno della vendita degli investimenti per sostenersi finanziariamente nei prossimi mesi. Se ciò diventasse realtà, queste azioni sarebbero realmente dannose per il risparmiatore portandolo a cristallizzare perdite certe e a perdere importanti occasioni di guadagno che si otterrebbero in futuro rimanendo investiti.Quasi due terzi (65%) degli italiani si sono pentiti delle decisioni di pianificazione finanziaria fatte prima che la crisi colpisse. I più giovani sono più propensi a rivedere le precedenti decisioni, ben il 78% tra i 25-34 anni. Neppure gli over 65 sono immuni al pentimento, con un 48% che ritiene che avrebbe potuto agire diversamente. La speranza è che i più giovani abbiano tutto il tempo per correggere le proprie azioni nei prossimi anni. È logico, quindi, pensare che questa crisi possa essere colta anche come un’ottima occasione per ripensare a un approccio più efficace dei propri investimenti.Ma quali sono i rammarichi più condivisi? Un italiano su tre (31%) ritiene di non avere un piano finanziario adeguato, mentre circa uno su nove (11%) di avere un orizzonte temporale troppo di breve termine. Un aspetto positivo è che molti sembrano aver imparato dai propri errori: il 40% degli investitori italiani vuole investire con maggiore diversificazione in futuro, il 42% darà maggior valore e spazio alla consulenza finanziaria, il 51% sta identificando nuove opportunità di investimento. Il 44% è, però, diventato più avverso al rischio. Questo 44% è la parte di popolazione che la crisi ha reso più incline a privilegiare maggiormente la liquidità. Un segnale di allarme che, da una parte, deve far pensare, in un Paese come il nostro in cui oltre 1.600 miliardi di euro sono già fermi nei conti correnti (fonte ABI) e, dall’altra, può stimolare il risparmiatore ad affidarsi a dei professionisti per ottimizzare l’allocazione di portafoglio. Ad oggi, però, solo il 13% degli investitori italiani si è già approcciato o intende confrontarsi a breve con un consulente professionale e il 17% è ancora restio a pagare per una consulenza professionale.
Come spesso accade nel mondo degli investimenti, l’incertezza e l’imprevedibilità possono causare danni importanti. Sette italiani su dieci (70%) ritengono che questa crisi avrà un impatto duraturo sulla propria situazione patrimoniale. Stessa percezione anche per coloro che detengono investimenti finanziari (65%). È la fascia d’età compresa tra i 25 e i 64 anni che sente di trovarsi più a rischio, forse un riflesso delle scarse aspettative sulle opportunità economiche nel prossimo decennio. Infatti, indipendentemente dalle misure di sostegno dei governi che sono state messe in atto, una percentuale significativa di persone si aspetta che la crisi da Covid-19 abbia un impatto negativo a lungo termine sui propri livelli di reddito (43%), sulla performance degli investimenti (31%), sulle prospettive di carriera (30%) e sugli obiettivi finanziari (33%), come ad esempio, i piani pensionistici. Per la fascia d’età over 55 – quella più vicina al pensionamento – la paura degli impatti negativi a lungo termine è minore. Con la relativa stabilità maturata negli anni e la natura costante del loro reddito (ad es. la pensione statale o entrate frutto di eventuali rendite) questo gruppo si trova ad affrontare meno incertezze.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Coronavirus e prezzi benzina

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Secondo i dati del ministero dello Sviluppo economico, il prezzo medio nazionale della benzina al self-service è salito nell’ultima settimana a 1,366 euro al litro da 1,356 euro della settimana chiusa il 18 aprile. Ci dicono che questo sia dovuto alla ripresa delle quotazioni del petrolio che, da qualche giorno, è andato oltre i 30 dollari al barile e, di conseguenza, all’aumento dei prodotti della raffinazione.Come sempre in questi casi, i consumatori vengono presi per i fondelli, facendo loro credere che la percezione sia la stessa cosa della realtà.E’ innegabile, infatti, che se il petrolio aumenta in questi giorni le proprie quotazioni, siccome dentro le nostre auto non mettiamo petrolio ma benzina, e che quest’ultima è frutto di una raffinazione che non si fa in pochi giorni… è innegabile che il prezzo aumentato della benzina è solo una speculazione di mercato.Tutto in regola, quindi. In regola con gli aumenti che vengono applicati quando il mercato ha una maggiore domanda.Certo, in periodo pandemico ci si sarebbe aspettati un comportamento più collaborativo, invece no. A noi consumatori ci si chiede, per il bene nostro e di chiunque altro, di limitarci nelle libertà personali, a rinunciare a molte delle nostre abitudini… tutto nel nome del bene collettivo. E sembra che tutti abbiano rispettato queste limitazioni visto che i risultati ci sono nel calo della diffusione del virus. Ci si sarebbe aspettato che agire in nome del bene collettivo riguardasse non solo l’ultimo anello della catena produttiva, il consumatore… invece no.
Pazienza, vorrà dire che sarà per la prossima volta.Intanto, però, sarà bene che ognuno faccia tesoro che questi sistemi di mercato esistevano, esistono ed esisteranno. E come si lottava prima contro l’essere considerati degli imbecilli da parte dei “padroni della benzina”, occorre continuare a farlo. Oggi con il vantaggio del green deal europeo, quello italiano e le politiche e gli incentivi che vengono riconosciuti per una mobilità sempre meno legata al consumo della benzina… vantaggio che per ora è nelle parole e che auspichiamo passi presto ai fatti. E, di conseguenza, che tutti questi mercanti della percezione che credono di avere a che fare con consumatori imbecilli, guadagnino sempre meno … potendo, ovviamente, prima di fallire, convertire i loro tipi di produzione in direzione ecologica… ma, al momento, sembra che su questo siano abbastanza tonti e continuino ad accontentarsi, per il momento, a pagare le cosiddette tasse per inquinare. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arera: via a riduzione 600 mln bollette piccole imprese

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Arera comunica che è al via la riduzione di 600 milioni di euro per le bollette dell’elettricità delle utenze non domestiche connesse in bassa tensione.”Ottima notizia per le piccole e medie imprese. Peccato che un analogo provvedimento non sia stato fatto anche per le famiglie” afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori.”Purtroppo per le famiglie si è passati dalla proposta demagogica di sospendere in toto le bollette di luce e gas, cosa che avrebbe mandato in tilt il sistema, al nulla cosmico” prosegue Vignola.”Avevamo chiesto che nel decreto Cura Italia, per le bollette della luce, fosse prevista la sospensione della tariffa bioraria nel Servizio di Maggior Tutela e fosse applicata, anche nelle ore di punta, quella della fascia più bassa (F3), visto che gli italiani erano costretti a restare a casa. Avevamo chiesto l’estensione immediata dei bonus sociali di luce e gas a chiunque perdeva il posto di lavoro, la riduzione dell’Iva sul gas al 10% sull’intero consumo e non solo sui primi 480 Smc annuali, oltre che la sospensione degli oneri generali di sistema e delle componenti Terna sulle bollette di luce e gas, ma nessuna di queste ragionevoli proposte è stata accolta” conclude Vignola.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intesa Sanpaolo: Finanziamenti in favore di Fca

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

“Apprendiamo che l’istituto di credito Intesa Sanpaolo ha approvato la delibera relativa al finanziamento in favore di Fca per un importo pari a 6,3 miliardi di euro. In attesa dell’approvazione finale da parte della Sace e il via libera del Mef, che diamo per scontato.Ci sono tre domande a questo punto che vanno poste: il Governo italiano, dando disco verde al prestito, ha convocato Fca per avere garanzie sugli investimenti e farsi dare il nuovo piano industriale per condividerlo? Ha chiarito il perimetro della fusione con Psa e smentito coi fatti l’idea circolante di un’annessione di Fca a Psa? Ha considerato che in Psa c’è lo Stato francese, quindi un soggetto impari rispetto a qualunque azienda privata e ha valutato in quali forme difendere la nostra industria ammiraglia che si è alimentata anche grazie ai tanti sacrifici degli italiani? Il governo non firmi nessuna cambiale in bianco e si accerti che dietro prestito e fusione non ci siano operazioni opache e sconvenienti per l’Italia”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trasparenza e controllo smaltimento DPI. Bocciata mozione urgente M5S

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Milano. È stata formalmente respinta la mozione urgente del M5S Lombardia che chiedeva alla regione di “garantire una gestione trasparente e controllata del trattamento e dello smaltimento di dispositivi di protezione individuale pericolosi per l’ambiente e la salute pubblica” con il coinvolgimento “di aziende e operatori specializzati accreditati”.Monica Forte, consigliera del M5S Lombardia e Presidente della Commissione regionale Antimafia dichiara: “A conclusione di una giornata paradossale abbiamo deciso, a seguito di una grave violazione del regolamento, di abbandonare l’aula.In nostra assenza è andata al voto una nostra mozione molto seria perché mascherine e guanti, rifiuti potenzialmente pericolosi, siano trattati con la massima attenzione, un tema che sta emergendo con grande urgenza in tutto il Paese. Chiedevamo la raccolta in bio contenitori in luoghi ben precisi e un conferimento personalizzato per i positivi Covid.La maggioranza ci ha scherzato sopra, dapprima votando a favore dell’urgenza della mozione, in un atto di sfregio istituzionale, e poi votando contro la mozione, bocciandola. Siamo assolutamente indignati: questi temi vanno affrontati responsabilmente, stiamo parlando di rifiuti pericolosi e che vanno manipolati con estrema cautela. Evidentemente sui rifiuti potenzialmente infetti da Covid la maggioranza trova di che scherzare”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Censis/Confcommercio: Il 48% degli italiani ha rinunciato alle vacanze, solo 9,4% ha deciso di partire

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

“Dati allarmanti” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il rapporto Confcommercio – Censis.”Il fatto che il 48% delle famiglie ha dovuto rinunciare a qualsiasi forma di vacanza e, soprattutto, che solo il 9,4% ha già deciso quest’anno di partire, ma con una riduzione di budget e di durata, dimostra che il bonus vacanze non può certo bastare per salvare la stagione turistica” prosegue Dona.”Gli sconti, infatti, non sono sufficienti se le famiglie sono in difficoltà e faticano ad arrivare a fine mese. Solo ridando capacità di spesa agli italiani, il settore turistico potrà risollevarsi. Invece, non solo non è stato fatto finora nulla per compensare le perdite che i consumatori hanno avuto durante l’emergenza Coronavirus, ma addirittura, con l’operazione voucher, si è chiesto loro di svolgere il ruolo pubblico di sovvenzionare e finanziare le imprese di viaggi e vacanze, sacrificando il diritto di essere rimborsati in denaro previsto dalle normative europee e nazionali pre-Covid” conclude Dona.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Università Parma: Il russo in classe

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Parma. Dopo la giornata di studi sull’insegnamento della lingua russa a distanza del 2 maggio, l’Università di Parma, con la sua sezione di Lingua e letteratura russa all’interno del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali – DUSIC, organizza oggi e per sabato 6 giugno la terza edizione di “Il russo in classe 3: storytelling”, rivolta a insegnanti di lingua, letteratura, cultura russa.Gli appuntamenti si terranno sulla piattaforma web Zoom. Il link sarà spedito a quanti si registreranno con il modulo pubblicato all’indirizzo https://forms.gle/pE7mTVHs33GLCuDMA
La giornata di oggi è dedicata allo storytelling come tecnica interattiva e inclusiva applicata alla didattica delle lingue e alla pratica con la lingua russa.
La giornata del 6 giugno, invece, offrirà una panoramica delle risorse digitali nell’ambito dello storytelling e l’opportunità di creare storie tramite laboratori. Esperti dello storytelling condivideranno infine esperienze e conoscenze nell’ultima parte dell’appuntamento.L’iniziativa, organizzata da Maria Candida Ghidini, docente di Letteratura russa all’Università di Parma, Polina Guelfreikh, docente madre lingua di Lingua russa, e Nicoletta Cabassi, docente di lingua e traduzione – lingua russa, mira a promuovere un dialogo aperto e uno scambio di esperienze tra docenti. Essendo accreditata sul portale S.O.F.I.A, vale come corso di aggiornamento per gli insegnanti. Le relazioni saranno in lingua russa e inglese. (fonte Università di Parma)

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria: “Tutelare l’Ansa è tutelare il Paese”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Per questo considero criticabile il comportamento dell’azienda che, dopo oltre una settimana, non ha ancora dato risposte concrete e convincenti ai dipendenti in agitazione per difendere le proprie condizioni lavorative. Si mettono a rischio 75 anni di gloriosa attività dell’Ansa, cioè della prima agenzia italiana, che pure in emergenza Covid ha svolto brillantemente il proprio lavoro al servizio dell’informazione. Ritengo che le misure proposte dall’azienda con massiccio ricorso alla cassa integrazione e soprattutto col taglio del budget dei collaboratori (quindi dei più deboli e meno tutelati), sarebbero pesantemente negative per i lavoratori, e determinerebbero conseguenze negative su tutto il sistema informativo nazionale, anche per le conseguenze sulle sedi locali ed estere. Il governo dimostri sensibilità per l’Ansa e l’azienda rifletta sulla natura e sulla mission della storica agenzia nazionale, che è parte del nostro Paese”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione Finanze e Tesoro.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mazara del Vallo: “La cripta di S. Francesco”

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

La cripta si trova nella Chiesa di S. Francesco, e nella Diocesi: Mazara del Vallo. L’inizio della sua costruzione risale all’ XI secolo, ma la cripta, inizialmente luogo di sepoltura e di preghiera dei primi cristiani, risale all’anno 250 – 300. Più tardi, nell’anno 827 furono erette le mura saracene, e poi, nell’anno 1093 fu realizzato l’altare normanno. La chiesa di San Francesco di Mazara del Vallo fu edificata sopra una chiesa preesistente, dedicata a San Biagio, fatta costruire dal gran conte Ruggero d’Altavilla nella seconda metà dell’XI secolo. L’originale costruzione era in stile arabo-normanno dotata di tre navate e dodici altari, oltre a quello principale. Nel 1680, mons. Francesco Maria Grifeo (che sarà poi vescovo della diocesi), decise di trasformarla in stile barocco:
le due navate laterali vennero abbattute, e la navata centrale venne rialzata e coperta con una volta a botte.Venne quindi riaperta al culto nel 1703, per essere chiusa nuovamente in seguito al terremoto del Belice nel 1968, durante il quale la chiesa e l’adiacente convento subirono notevoli danni. Nel 1977 vennero cominciati i lavori di restauro.A fianco della chiesa di S. Francesco vi è l’attuale Chiostro, chiostro che nacque come convento francescano e, successivamente, trasformato in carcere una parte, ed in caserma dei Carabinieri l’altra.La sua storia risale al 1216. Nel 1216 il beato Angelo Tancredi da Rieti, chiamato in Sicilia dal gran conte Ruggero, fondò un convento francescano contiguo all’allora chiesa di San Biagio. In seguito alla chiusura, il convento divenne proprietà della Provincia di Trapani, e venne adibito a caserma dei carabinieri.La chiesa di San Francesco é una dei più importanti luoghi di culto del barocco italiano. La chiesa é visitata da migliaia di turisti e vi si celebrano matrimoni sia in lingua italiana che in lingua inglese.Dal piano della navata principale si accede alle cripte sottostanti.I Locali delle cripte sono fruibili ai turisti anche se, altre cripte ed altri passaggi sotterranei, non sono ancora aperti al pubblico.Certamente vi è ancora molto da esplorare e probabilmente vi sarebbero ancora molti nuovi locali da restaurare. Certamente alla fin fine si otterrebbe un notevole incentivo al turismo, perché una visita alle cripte è praticamente una tappa obbligata per chiunque visiti questo monumento del barocco italiano.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Intenzioni di voto degli italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 30 maggio 2020

Dopo mesi di calo, per la prima volta si registra un recupero rilevante (0,7%) della Lega, che sale al 25,3%, distaccando il PD, che scende al 20,9%, evidenziando un calo di due punti nell’ultimo mese.
Nell’area di Governo continua a salire, invece, il Movimento 5 Stelle, che raggiunge il 17,5%, con una differenza di 2 punti e mezzo rispetto a due mesi fa. Nel campo del centro destra, flessione (-0,4%) per Fratelli d’Italia e piccolo assestamento positivo (+0,2%) per Forza Italia. Nel suo complesso, quindi, l’opposizione ha un saldo positivo di mezzo punto rispetto alla scorsa settimana.I gradimenti dei politici vedono ancora in testa Conte con il 59% e per il resto confermano gli orientamenti di voto: scende la fiducia in Giorgia Meloni (33%), sale quella in Salvini (30%), scende Zingaretti (25%) e cresce Berlusconi (22%).
Si conferma anche un gradimento di portata nazionale per il Presidente del Veneto Zaia, che sale al 51% riducendo le distanze dal premier,La fiducia del Governo, cresciuta sensibilmente in questi mesi di emergenza, si mantiene su livelli elevati, ma si segnala una flessione nell’ultima settimana (57%). A questo dato si associa una diffusa delusione per le misure economiche adottate dal Governo per fronteggiare l’emergenza: poco più di un terzo (36%) degli italiani le ritiene efficaci, mentre a inizio aprile tale quota raggiungeva il 52%.Oltre la metà degli italiani ha già approfittato delle riaperture della scorsa settimana. Sono andati dal parrucchiere/barbiere (27%) e hanno ricominciato a prendere il caffè al bar (26%). Una quota non trascurabile ha già fatto acquisti di abbigliamento/scarpe (16%), mentre ristoranti e aperitivi sono stati finora meno praticati.
Nonostante questa cautela, stando a quanto dichiarato, nella ripresa delle ‘vecchie’ abitudini, il 51% degli intervistati mostra preoccupazione rispetto ad un abbassamento della guardia da parte degli italiani, che starebbero adottando comportamenti meno prudenti. (fonte: Istituto Ixé)

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »