Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 259

Archive for 29 giugno 2020

Le opportunità di rilancio dall’Unione europea

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Lunedì 29 giugno 2020, dalle 10.00 alle 13.00, amministratori locali, rappresentanti delle istituzioni europee e operatori del settore si confronteranno sulle misure messe in campo dall’Unione europea per sostenere il settore turistico. Aprirà i lavori Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna, seguito da Carlo Corazza, responsabile del Parlamento europeo in Italia e Antonio Parenti, capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea.A seguire gli interventi di Emma Petitti, presidente Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna, Andrea Corsini, assessore Turismo e trasporti Regione Emilia-Romagna, per un focus sul territorio.La parola passerà poi agli stakeholders: Paola Batani, titolare della catena alberghiera Batani select hotels, Claudio Fantini, titolare Fantini club Cervia, Giuliano Grani, titolare di società di gestione impianti sciistici dell’Appenino, Lino Giglioli, presidente Consorzio terme dell’Emilia-Romagna), Francesca Velani, coordinatrice di Parma 2021, Enrico Postacchini, presidente Aeroporto di Bologna.Gli operatori del settore avranno la possibilità di confrontarsi sia con i deputati europei Antonio Tajani, presidente della Commissione Affari Costituzionali e della Conferenza dei Presidenti e capo delegazione Forza Italia (PPE) (tbc), Mara Bizzotto (ID, Lega), Elisabetta Gualmini (S&D, PD), Sabrina Pignedoli (NI, M5s), Carlo Fidanza, capo delegazione Fratelli d’Italia (ECR), che con Ovidiu Ene, policy officer presso la Direzione Generale Mercato interno, industria, imprenditoria e PMI della Commissione europea e con un altro funzionario della Direzione generale per la politica regionale e urbana.Modererà i lavori Leonardo Nesti, responsabile della redazione Ansa di Bologna.L’intero evento sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook del Parlamento europeo in Italia e sarà chiuso da un punto stampa.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Committee and political groups meetings

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Brussels The week ahead 29 June – 05 July 2020 EU approach to energy storage. As part of efforts to achieve the goal of a carbon-neutral EU by 2050, the Industry and Energy Committee will vote on proposals to increase energy storage capacity and guarantee the security of energy supply, with renewables making up an increasingly larger part of Europe’s energy mix. MEPs should present ideas to develop storage through hydrogen, batteries and other solutions (Monday).
Chemicals strategy for sustainability. The Environment, Public Health and Food Security Committee will adopt a resolution calling for a chemicals strategy for sustainability that effectively ensures a high level of protection of human health and the environment, minimising exposure to hazardous chemicals. The Commission should present a chemicals strategy for sustainability after the summer (Monday).
Appointment of EBA Executive Director. The European Banking Authority’s candidate for Executive Director, Francois-Louis Michaud, will be heard by Economic and Monetary Affairs MEPs, who will then vote on whether to confirm or reject the candidate. In January this year, MEPs rejected Gerry Cross for the same post (Monday: hearing, Thursday: vote results).
MFF/EU long-term and recovery budget. The EP’s Multiannual Financial Framework and Own Resources Contact Group, chaired by President Sassoli, will meet in the morning. They will discuss Parliament’s key conditions and negotiating strategy on the revised proposals for the MFF 2021-2027 and Own Resources as well as for the European Recovery Instrument, ahead of 17 July European Council. Budgets Committee Chair Johan Van Overtveldt will hold a press conference, at around 11:30 (Tuesday).
Monitoring mechanism for core EU values. An update on the establishment of an EU Mechanism on Democracy, the Rule of Law and Fundamental Rights, which would regularly assess the rule of law situation in all member states, will be discussed in the Civil Liberties Committee. Justice Commissioner Didier Reynders, President of the Council of Europe Parliamentary Assembly Rik Daems, European Network of Councils for the Judiciary President Filippo Donati, and Jonas Grimheden, Programme Manager at the EU Agency for Fundamental Rights, will join the discussion (Monday).
French minister of the Armed Forces Florence Parly. The Security and Defence Subcommittee will meet with France’s Minister of the Armed Forces Florence Parly to make an overall assessment of the defence and security challenges facing Europe (Thursday).
Plenary preparations. Political groups will discuss topics on the agenda of the 8-10 July Brussels plenary part-session and prepare for debates with Federal Chancellor Angela Merkel on the programme of the incoming German Council presidency and with EU Council President Charles Michel on the outcome of the MFF-focused 19 June EU summit. MEPs will also discuss upcoming votes on the mobility package and sectorial COVID-19 measures and prepare their input to debates on the future EU Health Strategy, on the fight against money laundering, on EIB activities, on EU energy networks and storage and on the 2019 Human Rights report.
President’s diary. EP President David Sassoli will chair the Multiannual Financial Framework – Own resources Contact Group meeting, hold a video meeting with the German Minister of State for Europe at the Federal Foreign Office, Michael Roth, and have a phone call with the Speaker of the Israeli Knesset, Yariv Levin, on Tuesday. On Wednesday, the President will have a video meeting with the President of the European Trade Union Confederation, Roberto Visentini.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EU long-term budget: press conference by the Chair of the Budgets Committee

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Bruxelles Tuesday 30 June at 11:30 – Where: Anna Politkovskaya pressroom and via Skype. The Chair of the Committee on Budgets Johan Van Overtveldt will hold a press conference at 11.30 on Tuesday on the following topic: “Parliament’s work on the EU-long-term budget, Own Resources and the recovery package: expectations from the German Council Presidency”.
Ahead of the start of the German Council Presidency and the upcoming EU summit on the revised Multiannual Financial Framework (MFF) and Recovery Plan proposals presented by Commission President Ursula von der Leyen during an extraordinary EP plenary session on 27 May, Mr Van Overtveldt will outline the Parliament’s position and expectations from the German Presidency.Parliament will be using an interactive virtual press environment (with interpretation) based on Skype TX, in conjunction with the traditional EbS and web-streaming services.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le “T-Shirt – Haute Couture” by Gian Paolo Zuccarello

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Haute CoutureL’inevitabile periodo di lockdown dovuto al coronavirus ha avuto serissime conseguenze non solo sulla salute delle persone, ma anche nella vita economia e sociale a livello mondiale, impattando su moltissimi settori e quello della moda, è sicuramente tra i più colpiti. Dopo un primo periodo di stasi generale il Made in Italy non si è lasciato scoraggiare e tutti i principali protagonisti del nostro fashion system, in modi e tempi diversi, stanno reagendo all’emergenza adeguandosi e pianificando nuove strategie di marketing e comunicazione.A Gian Paolo Zuccarello, fra i nostri principali couturier quella sana voglia del bello e il desiderio di ideare nuove linee è rimasta sempre viva, anche in questi mesi dove tutto si è purtroppo dovuto fermare.Reduce dal successo ottenuto con la sua collezione haute couture nel Calendario di Altaroma di gennaio, l’intento e le intenzioni erano quelle di essere presente anche nella kermesse capitolina di luglio.“Tutti gli eventi moda sono andati in fumo o posticipati, dichiara lo stilista, e quindi anche la mia seconda collezione di alta moda rimane ferma in disegni. Difficile da accettare ed è così che ho pensato di dare vita ad un nuovo e stimolante progetto, la mia collezione potrà quindi essere ammirate sulla mia prima capsule di T-Shirt – Haute Couture by Gian Paolo Zuccarello”
I 31 figurini della collezione alta moda diventano stampe a tiratura limitata (1/6) e quella collezione che doveva esser ammirata in passerella, prenderà vita su uno degli intramontabili capi icona della moda internazionale la “T-Shirt”. L’immagine di quel esclusivo capo d’alta moda sarà riprodotto su una versione dalla linea over, realizzata a mano in eco cotone vegano.
Un’idea vincente che si arricchisce di un’ulteriore e particolare iniziativa, nell’esclusivo packaging appositamente ideato da Gian Paolo Zuccarello sarà possibile trovare il bozzetto originale relativo alla “T-Shirt” acquistata. Le “T-Shirt – Haute Couture” by Gian Paolo Zuccarello si possono acquistare a Roma nell’Atelier dello stilista in Via Calabria, 25 o nello showroom di Spazio Margutta in Via Margutta 86. (foto: Haute Couture copyright gianpaolo zuccarello)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Occhi a candela” presentato da Forche Caudine

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Occhi a candelaSegnalato da Alessandra De Blasio e illustrato da Giampiero Castellotti, il libro “Occhi a candela” della giornalista Roberta Muzio, edito da Lampo, è stato protagonista della presentazione – in modalità web – da parte dell’associazione “Forche Caudine” a Roma, a beneficio degli associati.La saga familiare dell’autrice è il pretesto di un’analisi più ampia, che investe il borgo di Frosolone attraverso i cambiamenti imposti dal trascorrere del tempo.“Il piccolo Frosolone non s’è fatto mancare nulla – ha evidenziato Castellotti. “Se la vanga è stato l’amaro destino per intere generazioni di molisani, o le valigie di cartone come extrema ratio, questo borgo ha saputo crearsi la sua classe operaia tra i fumi di piccole officine. Ha saputo dar vita ad un prosperoso commercio. Ed oggi, forzando la sua storiografia già inesorabilmente scritta, di cui si lamentò giustamente Pasolini per quella parola ‘fine’ imposta dalla (in)civiltà dei consumi, continua a lottare con i denti della benemerita famiglia Colantuono per non far scomparire l’ultima transumanza a piedi. Perché non c’è futuro senza passato. O almeno così dovrebbe essere”.
Il presidente di “Forche Caudine” ha sottolineato la “narrazione utilissima per scoprire l’essenza vera di un’antica collettività molisana grazie all’esaltazione privilegiata del patrimonio immateriale”.Nel dettaglio: “Come nel sapiente restauro di un antico capolavoro, l’autrice ricostruisce i preziosi tasselli, fatti di un elenco illimitato di nomi e soprannomi, offerti da un’infinita ramificazione di avi e di parenti ‘vicini e lontani’. Sono loro a prendersi la responsabilità del racconto, diventando gli ignari protagonisti di un grande affresco di comunità. Le splendide foto d’epoca, rigorosamente in bianco e nero (intriganti quelle con apertura ‘a ventaglio’), aiutano il libro a diventare scrigno di memorie condivise. In tale operazione spontaneamente culturale, che le distanze temporali rendono ancora più affascinante, sono gli ‘occhi a candela’ a guidarci, illuminando la strada da percorrere con curiosità e pazienza. Quegli stessi che hanno permesso ad un illustre ‘frosolonese d’adozione’, il sociologo Giuseppe De Rita, che nel paese molisano ha trascorso gli anni di guerra, ad assorbire – per sua stessa ammissione – ‘il rigore della gente di montagna’, ma anche a mitizzare gli occhi nerissimi della figlia di una farmacista”.Ha aggiunto Castellotti: “Il paese d’antan, nell’esposizione della Muzio (e dei suoi ‘coautori’ familiari), si presenta quanto mai vitale. Con le donne vere protagoniste della vita sociale quotidiana, tenaci e intraprendenti dentro e fuori casa. Un insieme di personaggi paradossalmente attuali nei ricordi dei più anziani lettori, comunque originali e inediti per i più giovani. I colori e i profumi del borgo esalano dalle pagine attraverso i vicoli, assoluti primi attori del racconto, con quel senso rassicurante di protezione e di solidarietà che sanno trasudare dalle pietre. Dalle finestre, altri occhi sul mondo. Dai camini, emblema di benessere e di produttività”.“La società novecentesca molisana è fatta di botteghe, tante, familiari, essenziali, strumenti di servizio, ma anche di relazione e di sussistenza – ha continuato Castellotti. “E’ animata dalle cantine, veri e propri dopolavoro per condividere pretesti e racconti. E’ rifornita dal negozio di generi alimentari, con un ‘bene di lusso’, i lupini. Poi il calore dei forni, il rumore degli strumenti del barbieri, il primo flash dei fotografi, l’arte sapiente delle tessitrici. Il ritmo degli ultimi maniscalchi, con il corollario di ‘funari’ e ‘sellai’. Le cererie. Ed i mestieri in via di esaurimento, dalle capillare, le donne pettinatrici, fino alle saponare, chissà quanto sarebbero utili in tempo di coronavirus”.E ha concluso: “Vita umanissima, quindi, quella di Frosolone. E umilissima, sui tanti materassi riempiti da foglie di granone e figli da far mangiare tutti i giorni. Infervorata dalle famiglie numerose, dai preziosi animali (grazie al latte, i bambini diventavano ‘figli della capra’, come si legge nel libro) e dagli scherzi ideati dalle torme di bambini per dare il miglior senso al defluire del tempo, dalle palle di neve che centravano pile sul fuoco alla classica gara di flussi organici dai tetti più strategici. Vita scandita daIl’inesorabile scorrere dei mesi, a cui l’autrice dedica un intero capitolo dei tredici del libro, il numero 6. Dal Capodanno agli zampognari di dicembre, passando per la befana, il carnevale, la mietitura, la vendemmia, il culto dei defunti. Ma anche i matrimoni, snodo sostanziale di un’intera esistenza, talvolta talmente essenziale da essere affidato alla procura. Altro che possibilità di scelta. Su tutto, immancabile, la superstizione del malocchio e di mille altre stramberie, regolatrici dell’arco vitale. Le tante tragedie legate all’emigrazione, dove i drammi hanno eco così forte da essere in grado di oltrepassare gli oceani. Ma anche le feste, allietate dai suonatori d’organetto”.La chiosa: “Non esiste separazione definitiva finché esiste il ricordo, ha scritto Isabel Allende. La giovane Roberta Muzio, ‘raccoglitrice di memorie’, ce lo conferma nel suo incancellabile e gioioso affresco”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premialità a imprese che non ricorrono a Cig? E’ proposta FdI che governo ha sempre bocciato

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

“Apprendiamo dalla stampa, visto che finora dell’incontro in sedi istituzionali con il presidente del Consiglio non si ha alcuna notizia, che il presidente Conte avrebbe intenzione di riconoscere alle aziende che non ricorrono alla cassa integrazione una premialità. Ecco, se ciò fosse vero Conte ammetta che si tratta di una proposta di Fratelli d’Italia, che presentammo ai tavoli di lavoro che precedettero l’esame del Cura Italia e poi inserita nel pacchetto degli emendamenti di FdI al Cura Italia e al dl Rilancio. Emendamento poi puntualmente bocciato da questo governo e questa maggioranza, che soltanto a parole parla di collaborazione ma nei fatti risponde a logiche personalistiche. Il presidente Conte la smetta con gli annunci e le passerelle, l’Italia ha bisogno di interventi immediati che rilancino la nostra economia”. Lo dichiara il presidente dei senatori di Fratelli d’Italia, Luca Ciriani.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le proteste degli agenti penitenziari e i silenzi del Governo

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

“Il ministro della giustizia Bonafede e il capo del Dap Petralia escano dal palazzo per incontrare gli agenti penitenziari, ai quali va la mia totale vicinanza e il mio incondizionato sostegno”. Lo dichiara il Questore della Camera e presidente della direzione nazionale di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli: “E’ scandaloso che, in un paese democratico, il Corpo della Polizia Penitenziaria sia costretto a manifestare davanti alle carceri, com’è avvenuto nei giorni scorsi a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), e oggi finanche dinanzi alla sede del Dap, perché il Governo Pd-M5S-Italia Viva continua a snobbare tutte le richieste di aiuto che, ormai da anni, giungono dalle sigle sindacali di categoria. La sicurezza nelle carceri – sottolinea Cirielli – è diventata una vera e propria emergenza. E’ arrivato il momento, dunque, di rompere questo assordante silenzio. Basta con le scarcerazioni dei mafiosi e le aggressioni ai danni dei nostri uomini e delle nostre donne in divisa. Bonafede e Petralia si sveglino! Bisogna abolire subito la vigilanza dinamica, rafforzare gli organici con lo scorrimento delle graduatorie e dotare gli agenti penitenziari dei taser e dello spray al peperoncino. Se Bonafede è incapace di adempiere ai suoi doveri di ministro e, in questo caso, di soddisfare le urgenti esigenze della Polizia Penitenziaria venga immediatamente rimosso. Lo Stato dimostri da che parte sta. Fratelli d’Italia sarà sempre dalla parte delle Forze dell’Ordine” conclude Cirielli.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il governo Conte pensa di rilanciare l’Italia a ‘colpi di scostamenti di bilancio’

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Lo fa con una confusione degna della più scalcinata giostra di parse. Senza che sia ancora maturata una visione organica degli interventi fiscali, dopo il caos sul pagamento della cassa integrazione ora Conte propone di dare incentivi alle imprese per non utilizzare la cassa integrazione. Esattamente ciò che ha proposto, inascoltata, Giorgia Meloni fin dall’origine e proprio mentre la maggioranza respinge l’emendamento a mia firma che impedisce alle aziende pubbliche di accedere alla Cig per evitare che vengano sottratte risorse a quelle imprese costrette alla chiusura. Per loro e per i relativi lavoratori sì che tale strumento è questione di vita o di morte.Il terzo scostamento di bilancio annunciato dal ministro Gualtieri, la cui presenza in commissione ieri è stata imbarazzante, inizia a incutere paura.Fino a quando si continuerà a tirare la corda aggiungendo debiti senza renderli funzionali all’individuazione di leve economiche capaci di generare sviluppo e occupazione? Per fa ripartire i consumi servono investimenti e non provvedimenti improduttivi – solo ieri la Corte dei Conti ha certificato il fallimento del reddito di cittadinanza, strumento con il quale solo il 2% dei beneficiari ha trovato lavoro. Il DL Rilancio, gestito a oggi a colpi di maggioranza, come fosse la più banale manovra di assestamento, non offre alcuna garanzia di equilibrio e serietà. Interventi a macchia di leopardo si alternano a operazioni di squallido clientelismo e ad altrettanti deplorevoli marchette, mentre il mondo della produzione invoca da tre mesi aiuti incisivi e tempestivi. A nulla servirà fare nuovo debito”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Ritorno in classe, gli alunni in più possono fare lezione negli istituti chiusi dal 2008

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

L’indicazione è di Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ed è stata anche comunicata al ministero dell’Istruzione: se vogliamo rivedere a settembre tutti gli alunni in classe, ha detto il sindacalista, “è necessario rivalutare la possibilità di ripristinare i plessi scolastici dismessi, più di 15mila negli ultimi anni” a causa del dimensionamento tagli-scuole avviato 12 anni fa con la riforma Tremonti-Gelmini, così da ospitare i tanti alunni che non possono entrare in aule da 35 metri quadri per via del distanziamento sociale. E poi bisogna “andare a operare per un’assunzione di organici in maniera straordinaria: servono almeno 200mila unità di personale docente e Ata in più”, ha ribadito oggi Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, rispondendo alla rivista Orizzonte Scuola.Per tornare a scuola a settembre occorre uno sforzo di programmazione ed economico importante. L’indicazione di Marcello Pacifico, leader del giovane sindacato rappresentativo Anief, è che per assicurare la didattica in presenza occorre “un impegno del governo soprattutto per ciò che riguarda il numero degli alunni per classe e i metri quadri degli spazi a scuola, nel rispetto del distanziamento sociale”: la richiesta è stata fatta anche ieri, durante l’incontro tra ministero e sindacati sulla riapertura delle scuole a settembre.
Pur evidenziando le tante modifiche da introdurre nelle linee guida in via di approvazione, Pacifico ha colto anche dei lati positivi nel documento ministeriale esaminato: “c’è sicuramente la volontà di coinvolgere le parti sociali, gli enti locali”. Uno dei punti dolenti è la scarsità di finanziamenti di operazioni che si preannunciano complesse: il sindacalista ha ravvisato “purtroppo l’assenza di risorse tali da poter valorizzare queste stesse linee guida con le modifiche chieste dalle organizzazioni sindacali. Ci ritroviamo di fronte a delle belle idee che possono essere portate avanti, ma che non potranno essere realizzate per mancanza di risorse fino a quando non ci saranno delle garanzie rassicuranti del premier Conte e del ministro Azzolina. Alle rassicurazioni devono però seguire i fatti”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Linee Guida per settembre inutili se non aumentano organici e classi

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Sul piano per la ripresa delle attività didattiche a settembre, che si aggiunge al protocollo sulla sicurezza e ai tavoli regionali, il sindacato Anief ha detto al ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina e ai direttori degli Uffici Scolastici Regionali delle cose chiare: incrementare docenti e Ata, ma anche nuove classi, con meno alunni; rivedere le responsabilità penali dei lavoratori che rivestono ruoli di responsabilità; ricalibrare il rapporto alunni-docenti-Ata. A dirlo è stato Marcello Pacifico, presidente nazionale del giovane sindacato autonomo, al termine dell’incontro dei sindacati con la titolare del dicastero dell’Istruzione per analizzare le Linee Guida in via di approvazione definitiva.Le Linee Guida per la ripresa della scuola in presenza necessitano di accorgimenti. I motivi sono stati spiegati dal professor Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief.Nel corso della sua analisi dell’incontro tenuto ieri con la ministra dell’Istruzione, il sindacalista ha detto che “non si può far ripartire le scuole a settembre con gli attuali organici, con le attuali classi e con le attuali sedi di dirigenza scolastica; in secondo luogo, è evidente che bisogna rimettere mano alla responsabilità penali di tutto il personale, dalle Rls alle Rsu fino alle Rspp; in terza battuta, è chiaro che quando si realizza un intervento del genere – dopo quello che è stato già detto nell’incontro con il premier Giuseppe Conte a Palazzo Chigi, anche a Villa Pamphili, e con il Cnel – bisogna andare a ricalibrare il rapporto docenti-alunni-Ata, per consentire l’igienizzazione corrente, il distanziamento sociale, una maggiore performance negli apprendimenti, il diritto allo studio anche in riferimento alla povertà educativa, la possibilità di realizzare classi con massimo 15 alunni e non con 30-32 in aule di 35 metri quadri.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

«Aldo Moro e l’Educazione Civica»

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

L’originale proposta del pedagogista Mario Caligiuri, autore per Rubbettino del libro «Aldo Moro e l’Educazione Civica». Finalmente l’educazione civica diventa materia obbligatoria. Era stato Aldo Moro a volere per primo l’educazione civica nelle scuole, come racconta Mario Caligiuri, docente di pedagogia della comunicazione presso l’Università della Calabria, nel suo libro «Aldo Moro e l’educazione civica», edito da Rubbettino. Abbiamo chiesto al prof. Caligiuri di commentare la notizia data dai giornali in queste ore: «Nella assoluta incertezza di quanto capiterà nei prossimi mesi, è stato sistemato un sassolino, che però potrebbe servire per correggere la rotta. Si tratta dell’educazione civica, materia intuita da Aldo Moro da ministro della pubblica istruzione nel 1958. Dopo alterne vicende e solo con un anno di ritardo, questa disciplina è diventata obbligatoria ed è soggetta anche a un voto di valutazione, come l’italiano o la matematica. Alle fluviali indicazioni della legge, sembra che le aree di intervento siano ridotte a tre: studio della Costituzione, sviluppo sostenibile e cittadinanza digitale. Sono ancora troppe. Come ho avuto modo di sostenere nel volume «Aldo Moro e l’educazione civica. L’attualità di un’intuizione» (Rubbettino, 2019) questa materia andrebbe concentrata sugli effetti della disinformazione, che rappresenta, a mio modo di vedere, l’emergenza educativa e democratica di questo tempo, come le vicende del coronavirus hanno poi clamorosamente confermato.Piuttosto che attardarsi su concetti vuoti, come il pensiero critico che vuoto non è ma che è semplicemente il risultato di altro, a cominciare dalla conoscenza semantica delle parole e della lucidità dei concetti, due iniziative mi permetto di suggerire. La prima è assicurare, presto e non annunciando soltanto, adeguate misure a supporto per dirigenti e docenti, con linee guida nazionali per evitare che la sciagurata autonomia scolastica produca effetti creativi che determinano in larga misura la nullità delle intenzioni. Pertanto una massiccia azione di orientamento e formazione specifica potrebbe produrre qualche utilità.In secondo luogo, così come aveva intuito Aldo Moro, l’educazione civica potrebbe rappresentare un grimaldello per innovare i processi educativi nella scuola italiana che, insieme all’università, continuano a riproporre professioni superate e che sono già travolte dallo sviluppo dell’intelligenza artificiale (che assicura competenze in gran parte migliori e più efficienti di quelle umane) e dai social digitali (che adesso rappresentano l’ambiente educativo più potente per le giovani generazioni). L’educazione civica, insomma, per riportare la persona al centro del processo educativo. Dovrebbe essere questa una intenzione ovvia, ma intanto si continua a parlare di sistemazione dei precari, dei centimetri delle distanze dei banchi e di varie amenità, evitando con estrema cura da quasi mezzo secolo di intervenire sui nodi strutturali che sono certamente difficili ma gli unici che potrebbero consentire di andare oltre la manutenzione del dolore dell’istruzione».

Posted in Recensioni/Reviews, scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Energia: Arera, dal 1° luglio elettricità +3,3%, gas -6,7%

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Secondo quanto stabilito da Arera, dal 1° luglio la bolletta dell’elettricità registrerà un aumento del 3,3% mentre quella del gas scenderà del 6,7%.Secondo lo studio dell’Unione Nazionale Consumatori, per una famiglia tipo significa spendere su base annua (non, quindi, secondo l’anno scorrevole, ma dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2021, nell’ipotesi di prezzi costanti), 14 euro in più per la luce e 55 euro in meno per il gas. Una minor spesa complessiva, quindi, pari a 41 euro.”Una cattiva notizia per le famiglie già in difficoltà per le conseguenze dell’emergenza Covid. Purtroppo il calo del prezzo del gas è solo un effetto ottico, un risparmio sulla carta, visto che in estate non c’è l’usanza di accendere il riscaldamento. Insomma, sui bilanci delle famiglie peserà solo il rialzo della luce. Se poi consideriamo che nei mesi estivi si registrano i picchi dell’anno per i consumi di elettricità, dato l’uso massiccio dei condizionatori, la notizia è ancora peggiore” afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Monitor dei Mercati Emergenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

A cura di Patrick Zweifel, Chief Economist di Pictet Asset Management. Nella nostra ultima edizione abbiamo trattato la risposta monetaria alla pandemia di Covid-19 nei mercati emergenti. Questa volta consideriamo l’aspetto fiscale: quali mercati stanno attuando le manovre maggiori, e quali sembrano più a rischio? Il travagliato trio costituito da Brasile, Turchia e Sudafrica pare particolarmente vulnerabile.Come nei casi precedenti di forte avversione al rischio, le valute dei Paesi emergenti più dipendenti dai finanziamenti da parte degli investitori esteri sono quelle che hanno sofferto maggiormente. Le valute di questi Paesi con deficit delle partite correnti (CAD, current-account-deficit) sono infatti in flessione del -13% da inizio anno. Esaminiamo più da vicino questi mercati: India, Indonesia, Malaysia, Brasile, Messico, Colombia, Turchia e Sudafrica.
A prima vista, i pacchetti fiscali totali per gli otto Paesi in esame paiono di dimensioni importanti (ad es. 8,5% del PIL per il Brasile o 7,1% per la Colombia). Tuttavia, una porzione importante di tali stimoli è costituita dai prestiti garantiti – prestiti ponte alle società per consentire loro di sopravvivere alla crisi – che non necessariamente si sommeranno al debito pubblico in quanto dovrebbero essere ripagati. “Dovrebbero” è la parola chiave in questo caso, in quanto si ipotizza che queste aziende non saranno insolventi o che i governi non abbuoneranno i loro prestiti.
Concentrandosi solo sulla spesa fiscale che inciderà sul livello di debito, questi mercati emergenti paiono aver nel complesso raggiunto un buon equilibrio tra necessità e convenienza – tutti tranne il Brasile. Ma il debito pubblico è solo uno degli indicatori che a nostro avviso andrebbe considerato. Utilizzando sei criteri per stilare il nostro punteggio di sostenibilità del debito, possiamo confrontarlo nella fig.2 sotto riportata con lo stimolo fiscale nei diversi mercati. Ciò mostra che i maggiori stimoli fiscali sono giunti da quei Paesi con un debito più sostenibile o, per contro, maggiore è il rischio sovrano, più debole è lo stimolo fiscale. Esempi di un debito elevato e bassi stimoli comprendono il Sudafrica e l’India. Di nuovo l’eccezione degna di nota è il Brasile, che è da poco diventato il secondo Paese con il bilancio più vasto dopo la Thailandia, tra i mercati emergenti, pari a 380 miliardi di BRL.A parte il Brasile, il deterioramento fiscale dovrebbe essere molto inferiore nei mercati emergenti rispetto alle economie avanzate. Lo stimolo fiscale diretto mediano nei mercati emergenti è dell’1,6% del PIL, confrontato con il 4,2% delle economie avanzate. Inoltre, i mercati emergenti sono di norma molto più cauti nel fornire prestiti garantiti al settore privato rispetto ai mercati sviluppati.
Ma si può essere troppo cauti? Un rischio evidente è che pacchetti fiscali più piccoli siano inefficaci e in ultimo conducano a costi maggiori per l’economia in generale. Questo perché il deterioramento fiscale arriva in ogni caso quando il collasso dell’attività porta alla perdita di ricavi fiscali attraverso gettiti fiscali inferiori. Ad esempio, prevediamo che in Sudafrica una flessione nominale del PIL del -3,7% nel 2020 dovrebbe determinare una contrazione del 5% dei ricavi fiscali. Questo è il delicato percorso che alcuni mercati emergenti con deficit delle partite correnti dovranno percorrere nei prossimi mesi. Un eccessivo stimolo fiscale rischierebbe di aumentare l’indebitamento a livelli insostenibili e di distruggere la valuta e l’economia, ma con stimoli fiscali ridotti si può scatenare una crisi economica in grado di ridurre i ricavi fiscali e di annientare la valuta.
Un fattore chiave da considerare è la percentuale di investitori nazionali rispetto a quelli esteri. Come indicato nella fig. 3 sotto riportata, i mercati che hanno ottenuto buoni punteggi con oltre l’85% del debito pubblico detenuto internamente sono il Brasile, l’India e la Malaysia. Altri, come la Colombia, l’Indonesia, il Sudafrica e soprattutto la Turchia, hanno una base di investitori estera superiore alla mediana dei mercati emergenti.Nel complesso, il Brasile ha le esigenze di finanziamento maggiori, mentre la Turchia è il paese più esposto agli investitori esteri. Il Sudafrica, tuttavia, pare il Paese più vulnerabile, in quanto ha un deficit cospicuo da finanziare e una porzione rilevante del suo debito in mani estere.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assalzoo: nella GDO in crescita gli acquisti di carne e formaggi nel corso della pandemia

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Vendite in aumento per carne e formaggi, boom di uova e netta contrazione per latte e pesce. Nelle settimane di emergenza sanitaria per la diffusione di CoVid-19, i consumatori hanno modificato il loro carrello della spesa: tra gli alimenti di origine animale sono soprattutto le carni ad aver fatto segnare un buon andamento, con un incremento delle vendite sia in termini di volume che di valore. L’analisi dei consumi nel corso della pandemia è riferita in modo particolare alla sola GDO ed è stata oggetto dell’intervento di Marco Limonta, Business Inside Director di IRI, all’Assemblea annuale di ASSALZOO, Associazione nazionale tra i Produttori di alimenti zootecnici, svoltasi in modalità di videoconferenza a Roma il 24 giugno.La tendenza all’aumento delle vendite dei prodotti “confezionati di Largo consumo” nella GDO ha cominciato a manifestarsi già a febbraio. Considerando solo questi beni, il trend nella Fase 1 ha toccato l’8,9% tra il 17 febbraio e il 3 maggio, un valore più che doppio rispetto alla crescita del fatturato complessivo della GDO (inclusi quindi i beni di general merchandise e quelli a peso variabile). A partire dal 4 maggio l’aumento è stato invece del 5,9% (3,7% quello generale). Sia nella Fase 1 (17 feb-3 mag.) che nella Fase 2 (dal 4 mag.) molti reparti del Largo consumo confezionato hanno segnato incrementi a doppia cifra rispetto allo scorso anno delle vendite in valore. Tra questi la carne confezionata calibrata, con aumenti del 24,9% e del 15,5% nelle due fasi.
Nel progressivo a maggio, la tendenza alla crescita delle vendite dei prodotti di origine animale nasconde andamenti molto positivi per alcuni e flessioni per altri. Molto sostenuto quello della carne, che ha fatto segnare un aumento maggiore della media di tutti i freschi (pari al 3,1%): +4,5% per i volumi venduti, sfiorando le 300.000 tonnellate. Sotto la media i salumi, a +2,8% con 88.000 t vendute. Grande balzo in avanti per wurstel e precotti, con 15.000 t e un aumento che supera il 23%. Molto bene anche i formaggi, con 207.000 t di venduto e un aumento del 12,2%. Il segno meno caratterizza invece latte e panna fresca, giù del 3,7% (150.000 t vendute) e il pesce, in calo del 2,3% (50.000 t vendute).
Sul fronte dei fatturati – sempre considerando il progressivo a maggio – la spinta in quasi tutte le categorie arriva dal rialzo dei prezzi. Le vendite della carne hanno fruttato un valore di 2,56 miliardi di euro (+7,8% a fronte di un aumento del 3,1% dei prezzi) mentre per i salumi questo ha quasi raggiunto 1,6 miliardi di € (+7% e prezzi in aumento del 4%). Anche per il fatturato c’è stato un rialzo molto positivo per wurstel e precotti (86 milioni di €; crescita del 28,9% e prezzi a +4,6%).Grandi protagoniste della spesa in pandemia le uova, con 284 milioni € di vendite – un aumento di quasi il 25% – e prezzi in rialzo del 2,4%. Nel lattiero-caseario, abbondantemente sopra i 2 miliardi di € le vendite dei formaggi, con un incremento del 13% (prezzi pressoché stabili a +0,7%) mentre è stagnante la variazione percentuale delle vendite di latte e panna fresca, a 242 milioni € a fronte di un aumento dei prezzi di quasi il 4%. Male il pesce: le vendite in valore scendono dell’1,8% fermandosi a 662 milioni € con prezzi in leggera risalita dello 0,5%.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rifugiati: Numeri record di persone in fuga

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Secondo le stime rese note ieri dall’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, in occasione di un forum annuale sul reinsediamento, l’anno prossimo oltre 1,4 milioni di rifugiati, attualmente soggiornanti in 62 Paesi di accoglienza, avranno bisogno di essere reinsediati.Quest’anno, la conferenza sui reinsediamenti è presentata insieme al governo del Canada e al Consiglio canadese per i rifugiati e si sta tenendo virtualmente.Secondo il rapporto sulle esigenze di reinsediamento globali previste per il 2021 (Projected Global Resettlement Needs 2021), lanciato ieri nel corso delle Consultazioni, tra i rifugiati a rischio più elevato e bisognosi di reinsediamento vi sono quelli siriani. Per il quinto anno consecutivo costituiscono la popolazione che presenta il numero di esigenze di reinsediamento più elevato (41 per cento), seguiti dai rifugiati sudsudanesi (9 per cento) e da quelli congolesi (9 per cento).Il reinsediamento, che prevede il ricollocamento dei rifugiati da un Paese di asilo a un Paese che ha accettato di ammetterli sul proprio territorio concedendo il diritto di potervisi stabilire in modo permanente, permette di proteggere coloro le cui vite potrebbero essere in pericolo o che sono portatori di esigenze particolari che non possono essere prese in carico nel Paese in cui hanno cercato protezione.I Paesi in via di sviluppo accolgono l’85 per cento dei rifugiati di tutto il mondo. Per regione di asilo, quella che comprende Africa orientale e Corno d’Africa continua a costituire la regione che presenta il numero di esigenze di reinsediamento più elevato. Seguono Turchia, che accoglie 3,6 milioni di rifugiati, Medio Oriente e Nord Africa, Africa centrale e regione dei Grandi Laghi.Condividere responsabilità e mostrare solidarietà nei confronti degli Stati che assicurano sostegno alle popolazioni di rifugiati di vaste dimensioni, incrementando le opportunità che consentono ai rifugiati di trasferirsi in Paesi terzi grazie al reinsediamento e a canali di ammissione complementari, quali ricongiungimento familiare e programmi per l’impiego e gli studi, costituisce uno degli obiettivi chiave del Global Compact sui Rifugiati.L’anno scorso, l’UNHCR e i partner hanno lanciato una Strategia triennale su reinsediamento e canali complementari che prevede il reinsediamento di un milione di rifugiati e l’ammissione di due milioni di rifugiati mediante percorsi complementari entro il 2028. A tal fine, è necessario che un numero maggiore di Paesi prenda parte al programma di reinsediamento e offra posti ai rifugiati.Nel 2019, 26 Paesi hanno ammesso al reinsediamento 107.800 rifugiati, quasi 64.000 dei quali beneficiavano dell’assistenza dell’UNHCR. Quest’anno, sono solo 57.600 i posti messi a disposizione dell’UNHCR dagli Stati. Purtroppo, la pandemia da COVID-19 condizionerà la piena realizzazione dei programmi.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alitalia. The Brightest star in the sky

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Correva l’anno 2008, il governo Berlusconi, con grande consenso tra maggioranza ed opposizione, emanò il decreto “Salva Alitalia”. La compagnia di bandiera non fu venduta ad Air France e si fecero avanti i “Capitani coraggiosi”.
I fatti nel periodo 2008-2020, sono noti, e fanno parte dei numerosi capitoli delle nostre vergogne nazionali.
Corre l’anno 2020, addì 24 giugno, la ministra ai Trasporti ed Infrastrutture, Paola De Micheli, rispondendo ad un Question Time alla Camera: “La futura Newco di Alitalia si dotera’ di un piano industriale che, in assoluta discontinuita’ con i precedenti modelli, consentira’ all’Italia, nel rispetto dei principi di concorrenzialita’ e di libera iniziativa economica, di disporre di una compagnia aerea in grado di contribuire alla ripresa economica del Paese, ma soprattutto di competere sul mercato internazionale del trasporto aereo” . Nello specifico tra le norme per il lancio della newco ce ne sono due che sono una “chicca” di concorrenzialità e libero mercato: La prima prevede che i singoli aeroporti cosiddetti “minori” applichino a tutti i vettori le stesse tariffe; la seconda che tutte le compagnie che operano in Italia debbano applicare il contratto collettivo nazionale praticato da Alitalia. Nel primo caso, al di là dell’apparenza di equità, significa che vengono annullate le facilitazioni che i singoli enti locali concedono alle compagnie low cost per farle operare da scali che convogliano nelle località turistiche decine di migliaia di passeggeri. Nel secondo caso si obbligano le compagnie low cost ad applicare stipendi ben superiori a quelli praticati negli altri Stati europei, stipendi che sono comunque nelle norme del diritto italiano. La norma del decreto rilancio rischia di trasformarsi in un’ondata di licenziamenti e abbandoni degli scali italiani.La nostra ministra, dimentica di questi particolari, o forse proprio per questi particolari, annuncia che Alitalia sarà The Brightest star in the sky in un mercato, tra l’altro, in totale dèbacle e con prospettive più nere dell’oggi. Dove gli investimenti sono solo per salvare il salvabile dell’esistente…. Che non ci sembra – esistente – sia il caso di Alitalia. Dove un qualunque investitore direbbe che sarebbe meglio, con quei soldi dei contribuenti, riparare le buche delle strade delle città che già oggi sono piene di biciclette e monopattini acquistati col relativo bonus. Questi sono i nostri governanti. Queste sono le nostre opposizioni. Queste le politiche per una nuova economia che non sia solo ripresa del passato (oh, lo ha detto il premier Giuseppe Conte, non noi). (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Proceedings of the National Academy of Sciences”

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

E’ uno studio coordinato dall’Università di Parma. E’ una ricerca effettuata dal gruppo di Luca Bonini, docente di Psicobiologia al Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma, volta a comprendere i meccanismi neuronali che consentono al nostro cervello di riconoscere le azioni degli altri in contesti naturali. Il nostro cervello riesce a riconoscere l’identità di oggetti statici e persino volti nonostante la straordinaria variabilità di punti di vista, luminosità e colori con cui le immagini si presentano ai nostri occhi nella vita quotidiana. E le neuroscienze hanno dimostrato la presenza di aree visive e singoli neuroni capaci di riconoscere in modo stabile e invariante volti e oggetti. Tuttavia, ad oggi non era noto quali meccanismi neuronali permettessero di percepire in modo invariante le azioni degli altri in contesti naturali, caratterizzati da grande variabilità di punti di vista, identità e postura di chi agisce. Lo studio pubblicato su PNAS ha dimostrato per la prima volta la possibilità di sfruttare algoritmi dell’intelligenza artificiale per decodificare il segnale neuronale registrato dalla corteccia parietale della scimmia, e “leggere” l’azione che l’animale stava osservando attraverso l’attività dei suoi neuroni: un passo importante verso la possibilità di decodificare il modo in cui il cervello rappresenta scene visive dinamiche e complesse, come i comportamenti degli altri, in condizioni naturali. La ricerca, che ha come primo autore Marco Lanzilotto del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino, è stata condotta nel Laboratorio di Neurofisiologia e Neuroetologia del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma, con il coordinamento di Luca Bonini, già vincitore di due progetti finanziati dal Consiglio Europeo della Ricerca (ERC starting e proof-of-concept grant), in collaborazione con Guy Orban, fino a dicembre 2018 visiting scientist all’Università di Parma grazie a un altro finanziamento ERC (advanced grant) quinquennale. Il lavoro si inserisce con una prospettiva innovativa nel prolifico filone della ricerca sui “neuroni specchio”, avviato dal gruppo di Giacomo Rizzolatti alla fine degli anni Novanta.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Deal on ECI extensions: plans for additional flexibility approved

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

The draft legislation will retroactively extend time limits for the collection, verification and examination phases of European Citizens’ Initiatives affected by COVID-19.Following last week’s adoption by the European Parliament of amendments containing improvements on the original Commission proposal, negotiators from the three EU institutions reached an informal agreement on Thursday afternoon, largely based on Parliament’s position.Parliament’s proposed improvements focused on lowering the thresholds required for the Commission to further extend the temporary measures if the situation remains difficult in September. The necessary threshold will be reduced from a majority of member states originally foreseen (or states representing more than 35% of the Union), to a quarter of EU countries. Another key change is the option for ECI organisers to participate remotely in hearings or meetings, if they choose to do so.After the meeting, rapporteur Loránt Vincze (EPP, RO) said: “We have concluded this process with remarkable swiftness and good cooperation, serving the interests of European citizens. In this way, we are ensuring that the most important EU mechanism for participatory democracy is protected and that ECI organisers are supported in their efforts through legal clarity and flexibility”.
The informal agreement, once endorsed by the Council, will have to be tabled at Constitutional Affairs Committee. Thereafter, the proposal is expected to become legally binding through votes in Parliament’s plenary and in the Council. Parliament aims for the process to be finalised by July. These temporary measures, once adopted, will stay in force until the end of 2022.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Call for a renewed relationship with the African continent based on solidarity and respect

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

Foreign Affairs Committee MEPs point to an array of challenges with which countries in the Sahel region, West Africa and Horn of Africa struggle to cope. Climate change, population growth, food insecurity or uncontrolled exploitation of natural resources are just some of the challenges that many African countries struggle to cope with, warned MEPs in the Committee on Foreign Affairs.
It all leads to destabilisation of the traditional agro-pastoral economy, which, combined with weak institutions and a lack of trust in government, results in religious extremism, concluded MEPs in a report on EU-African security cooperation in the Sahel region, West Africa and the Horn of Africa, adopted on Monday.They recall that the fight against terrorism depends on the states concerned having strong and reliable institutions as well as established basic services, including an internal security infrastructure and a justice system, in particular on criminal matters, in which citizens have confidence. A security strategy for the Sahel, West Africa and Horn of Africa regions must first and foremost address the root causes of the conflicts in the region as poverty eradication is key to sustainable peace, say MEPS.
MEPs call for the promotion of a renewed relationship between the EU and the African continent based on solidarity, mutual respect and mutual benefit, adhering always to the principles of respect for international law, national sovereignty and equality between parties.MEPs also called for the European Peace Facility to be swiftly adopted and implemented, making the EU missions more effective and strengthening EU partners’ capacity building in the security sector. The European institutions should have a stronger mandate to provide the means and to take the measures necessary to improve the security situation whilst ensuring the respect of human rights and international humanitarian law, they stress.The rapporteur Javier Nart (Renew, ES) said : “Without development we cannot have security. In order to ensure security, the local armed forces have to be trained and equipped absolutely and effectively, without some of the constraints that have hitherto existed. The European Peace Facility is essential for this.”The report is the result of a broad consensus of the majority of the groups in the Parliament and was adopted with 49 votes for, 6 against and 14 abstentions.The European Union has conducted several military and civilian missions in the region, but after years of being involved there, the general situation continues to worsen. MEPs are calling for a new and comprehensive strategy, as the EU missions have been hampered due to restrictions on their mandate, training programmes, and a lack of basic equipment, including weapons and ammunition.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

COVID-19: Both WHO and Europe must learn from the current pandemic, say MEPs

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 giugno 2020

The Committee for Environment, Public Health and Food Safety held a debate with the Director-General of the World Health Organisation (WHO), Dr Tedros Adhanom Ghebreyesus, on the fight against COVID-19 and the global response to it, including WHO actions to prevent the spread of the disease and to develop treatments and vaccines.Dr. Adhanom Ghebreyesus said the pandemic has highlighted the importance of global solidarity and that health should not be seen as a cost but an investment. He added that all countries in the world must strengthen primary health care and crisis preparedness and stressed the need for EU leadership globally. While the Director-General said the situation in the EU has improved significantly, he underlined that COVID-19 is very much still circulating globally, with more than four million new cases in the last month.Many MEPs said that the global community must cooperate including in developing, manufacturing and distributing vaccines against COVID-19 and asked when a safe vaccine could be available.Dr. Adhanom Ghebreyesus very much welcomed the Global Coronavirus Response pledging campaign launched by the EU, which has so far raised €9.8 billion, but said more is needed. He said scientists predict we may have a vaccine within one year or even a few months earlier. However, making the vaccine available and distributing it to all will be a challenge and requires political will. One option would be to give the vaccine only to those that are most vulnerable to the virus.Several MEPs underlined the importance of the WHO but also said it has made mistakes in its response to the pandemic. The Director-General admitted everyone makes mistakes and informed MEPs that an independent panel will evaluate the WHO response to the pandemic to learn from any mistakes made. It will start its work soon.Dr Hans Kluge, Regional Director of WHO Europe, added that the three most important lessons learned in Europe from the pandemic are:
A stockpile of medical equipment, such as ventilators and masks, is needed;
Common indicators for monitoring a pandemic are necessary;
Solidarity is key, as no one is safe from a pandemic until everyone is safe.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »