Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 276

Attenzione alle punture di api, vespe, calabroni e altri insetti

Posted by fidest press agency su martedì, 21 luglio 2020

Continua la campagna di informazione ‘Punto nel vivo’, patrocinata da FederAsma e Allergie Onlus-Federazione italiana pazienti ed in vista delle tanto sospirate vacanze dopo i mesi di lockdown. Le reazioni alle punture di imenotteri. Normalmente la puntura degli imenotteri (api, vespe, calabroni) causa una reazione attorno alla sede della puntura caratterizzata da dolore, gonfiore e rossore che in genere si attenua nel giro di poche ore. In base alla sensibilità individuale i sintomi possono essere diversi: alcuni soggetti già entrati in contatto con il veleno di un imenottero per precedenti punture possono sviluppare un’allergia nei confronti delle componenti del veleno e presentare reazioni allergiche più o meno gravi fino ad arrivare ad una reazione anche mortale.
L’adrenalina autoiniettabile è indispensabile per chi è allergico al veleno di imenotteri e va portata sempre con sé. L’adrenalina è sensibile alle alte temperature e pertanto è opportuno munirsi di appositi contenitori termici; inoltre nel kit “salvavita” oltre all’adrenalina andranno anche tenuti cortisone e antistaminici. Comunque, nonostante l’automedicazione attuata, il soggetto andrà trasportato al più vicino Pronto Soccorso.Il vero farmaco “salva-vita” per le persone allergiche al veleno di imenotteri è rappresentato dalla immunoterapia specifica. L’immunoterapia specifica per via iniettiva al momento attuale rappresenta l’unico presidio terapeutico in grado di prevenire efficacemente le reazioni allergiche sistemiche in caso di nuova puntura, con una efficacia protettiva superiore al 90% (per il veleno di Vespidi addirittura intorno al 95%). Se eseguita per un minimo di 5 anni consecutivi, mantiene la sua efficacia anche per molti anni dopo la sua interruzione. E’ fondamentale che durante il periodo estivo questa terapia non sia interrotta; quindi sarà compito della specialista fissare un appuntamento idoneo per evitare questo inconveniente.
Un’ulteriore minaccia estiva è rappresentata dalla diffusione sempre maggiore della vespa Velutina Nigritorax o “Calabrone asiatico”. Anche se può essere confusa con il calabrone comune, ha delle sostanziali differenze: è lungo al massimo circa 3 cm contro i 4-5 cm del calabrone e ha colori diversi dato che presenta le zampe di due colori, nero e giallo alle estremità, ha una linea gialla sull’addome, il corpo è di colore scuro e arancione nella parte frontale e le antenne sono nere. In estate la velutina si dedica alla caccia per procurarsi gli zuccheri e le proteine per permettere lo sviluppo delle larve e per questo ha una azione molto aggressiva nei confronti delle api nutrendosi dei muscoli del torace.“E’ importante sapere che questo imenottero si sta diffondendo nelle regioni del Nord-Italia e possiamo essere accidentalmente punti” spiega il dott. Oliviero Quercia, uno degli esperti di Punto nel vivo che da sempre si occupa di allergia al veleno degli imenotteri “perché così come api, vespe e calabroni (vespa crabro) può causare reazioni allergiche spesso gravi fino allo shock anafilattico. Non dimentichiamo che in Italia 9 persone su 10 vengono punte almeno una volta nella vita da un’ape, una vespa o un calabrone. E fino a 8 su 100 possono sviluppare una reazione allergica di varia gravità al veleno di imenottero.
E’ disponibile un vaccino anche per la vespa velutina: viene utilizzato l’estratto purificato di vespa crabro e il vaccino deve essere eseguito da personale esperto in centri allergologici qualificati. “Ad un paziente che ha avuto delle reazioni sistemiche dopo puntura di imenottero o è affetto da mastocitosi deve essere prescritta l’adrenalina autoiniettabile e consigliata una valutazione allergologica per valutare la prescrizione di un eventuale vaccino che al momento è l’unica terapia in grado di proteggere il paziente da reazioni generalizzate in caso di ripuntura e modificare la sua qualità della vita” sottolinea il dott. Quercia.Per proteggersi dalle punture di imenotteri gli esperti allergologi di “Punto nel Vivo” hanno realizzato un vademecum con consigli pratici. Pensando all’estate gli allergologi di “Punto nel vivo” hanno prodotto un vademecum con una descrizione dettagliata delle reazioni che si possono avere a seguito di una puntura ed i consigli per gestirla.Per Informazioni: https://www.facebook.com/puntonelvivo/ Per consultare i centri della rete Punto nel Vivo: https://www.facebook.com/puntonelvivo/app/137541772984354/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: