Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Archive for 12 agosto 2020

Scuola: Immissioni in ruolo docenti 2020

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Sono state recepite le proposte del sindacato Anief per la revisione dell’allegato A contenente le istruzioni per l’avvio delle operazioni di reclutamento – Tempistica e informazioni importanti. Diverse sono le modifiche formulate dal nostro sindacato che sono state accolte, il presidente dell’Anief, Marcello Pacifico, esprime soddisfazione. “Sia per il personale beneficiario di legge 68/1999 che per il personale appartenente alle sezioni dell’infanzia o alle classi di scuola primaria che attuano la didattica differenziata Montessori era necessario un intervento correttivo, siamo soddisfatti che le nostre richieste siano state accolte”. Permane la criticità legata all’esclusione dalla call veloce del personale immesso in ruolo con riserva, Pacifico ribadisce che “vanno innanzitutto tutelati i colleghi inseriti in GaE con riserva; preme precisare che molti soggetti destinatari di proposta di nomina in ruolo risultano presenti in più graduatorie utili a tal fine e, stante il disposto che prevede l’apposizione di clausola rescissoria del contratto a tempo indeterminato stipulato nei confronti dei soggetti inseriti con riserva nelle graduatorie preordinate alle immissioni in ruolo a seguito di contenzioso, appare illogico e illegittimo precludere la loro partecipazione, ove inseriti in ulteriori graduatorie utili a questo scopo, alle operazioni legate alla cosiddetta call veloce da altre regioni”.Con riferimento al personale appartenente alle sezioni dell’infanzia o nelle classi di scuola primaria che attuano la didattica differenziata Montessori sarà prevista, anche per l’immissione in ruolo sulle differenziazioni didattiche Montessori, Agazzi e Pizzigoni, il rispetto del disposto di cui all’articolo 399 del Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297, che dispone – per tutti i gradi di istruzione – che le nomine in ruolo del personale docente avvengano per il 50% dalle graduatorie dei concorsi per titoli ed esami e per il 50% dalle graduatorie di cui all’art. 1, comma 605, lettera c) della legge n. 296 del 29 dicembre 2006.
La chiamata veloce si realizzerà tramite la presentazione della domanda da parte degli interessati nel periodo compreso tra il 28 agosto e il 1° settembre 2020, per completare ogni operazione di immissione in ruolo entro il 7 settembre p.v.
Immissioni in ruolo: la fase ordinaria dovrà essere completata entro il 26 agosto. Gli Uffici Scolastici provvederanno alla registrazione delle informazioni conseguenti alle avvenute immissioni in ruolo o rinunce degli aspiranti al sistema informativo al fine di precostituire la base dati per le successive operazioni di nomina. Gli uffici scolastici pubblicheranno, entro il 27 agosto, i posti rimasti vacanti e disponibili sui rispettivi siti internet istituzionali
Le operazioni di conferimento dei contratti a tempo determinato da GaE e da GPS avranno inizio dopo la conclusione di tutte le operazioni di immissione in ruolo. Quest’anno, in considerazione dell’emergenza sanitaria in atto, le procedure per le immissioni in ruolo si svolgeranno in modalità telematica tramite Istanze on line, attraverso un’apposita applicazione che consentirà ai convocati di poter esprimere la propria preferenza in termini di provincia (per gli assunti da graduatorie di merito concorsuali) e/o di classe di concorso.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La ricandidatura della Raggi a sindaco di Roma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Roma “Da un lato ci sono le critiche strumentali, soprattutto da parte di chi ha lasciato Roma piena di debiti ed ha visto il dilagare dell’illegalità, dall’altra, invece, c’è il lavoro quotidiano di chi, portando i cittadini nelle istituzioni, ha riportato legalità e trasparenza negli appalti, messo in atto politiche per risanare il bilancio della città e di contrasto ai diffusi fenomeni di illegalità. I due opposti. In questi anni ho lavorato a stretto contatto con gli enti locali, a partire da Roma. La collaborazione tra la Capitale d’Italia ed il Governo ci ha portato ad approvare, tra le altre, una norma specifica per risolvere il problema delle buche di Roma, la norma sull’accollo del debito della gestione Commissariale, con un notevole risparmio per i cittadini romani, e ad avviare le procedure per liberare l’immobile occupato abusivamente da Casapound.
Roma sta cambiando, in meglio, grazie al lavoro di Virginia Raggi e della sua Amministrazione. Virginia sta lavorando intensamente con grande passione e impegno. Si merita la vicinanza di tutti noi. C’è ancora un grande lavoro da fare. E noi le cose non le lasciamo mai a metà“. Lo scrive, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Miragliano: 1500 di una passeggiata tutta da scoprire

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Mazara del Vallo (Trapani)La sponda Ovest del fiume Mazaro, dal ponte Fiumara fino alla grande area archeologica dell’Ipogeo di San Bartolomeo è stata attrezzata per percorsi turistici e di svago. Ma non solo. Una vasta area è stata adibita come parco giochi per i più piccoli e come zona di aggregazione per genitori e nonni.Questo notevole ed importante progetto è stato generosamente finanziato dalla comunità europea e poi affidato alla gestione di una cooperativa Mazarese.Ma tutto il percorso è in rovina, la centrale elettrica di alimentazione degli impianti di illuminazione saccheggiata ed il materiale rubato.
Questo tratto della costa occidentale ha una lunghezza di circa un chilometro e mezzo ed è di indubbia bellezza per l’impagabile sul canalone nel quale scorre il fiume Mazaro. Ora il centro studi “la Città”, con alcune forze politiche, si sono attivati con l’attuale amministrazione per richiedere un progetto ed un programma di attivazione di questa importante attrattiva della Città.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ASST Bergamo Ovest: in arrivo altri 9 Primari

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Bergamo. Regione Lombardia ha dato avvio alle procedure di pubblicazione di nove procedure concorsuali per il reclutamento di altrettanti Direttori di Struttura Complessa.Dopo le cinque Strutture coperte negli scorsi mesi (Direzione Medica dei Presidi, Radioterapia, Oncologia, Servizio Farmaceutico e Urologia) e la sesta in fase di espletamento (Servizio territoriale delle Dipendenze), nei prossimi mesi l’ASST Bergamo Ovest bandirà altri 9 concorsi per altrettante Strutture Complesse, in particolare per:
– Diagnostica per Immagini 1;
– Anatomia e Istologia patologica;
– Medicina Nucleare;
– Medicina Generale 1;
– Chirurgia Generale 2;
– Oculistica;
– Controllo e produzione sanitaria;
– Prevention Process Owner;
– Sviluppo Strategico ed Innovazione Organizzativa.
“Ringrazio la Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia – afferma Peter Assembergs, Direttore Generale dell’ASST Bergamo Ovest -. Con questo provvedimento possiamo ora coprire le Strutture complesse ancora vacanti o coperte da un Facente Funzione: entro fine anno avremo così completato la squadra che determinerà i prossimi 10-15 anni della nostra Azienda. Cercheremo i migliori Professionisti, per servire al meglio il bisogno di salute del nostro vasto territorio.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Definire meglio le attribuzioni legislative tra Regioni e Stato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

“Concordo in pieno con le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella sulla necessità di definire meglio le attribuzioni legislative tra Regioni e Stato. Il cinquantesimo anniversario della loro istituzione, che cade proprio in una fase di protagonismo conflittuale con lo Stato centrale a causa della gestione della pandemia, non ci deve obbligare ai rituali autocelebrativi. Con la riforma del Titolo Quinto, che ha aumentato a dismisura il braccio di ferro tra lo Stato e le amministrazioni territoriali e complicato ancora di più il quadro amministrativo e la giustizia, l’attuale Pd si trova a gestire i frutti avvelenati di quella che fu la sua riforma per antonomasia. La peggiore della storia repubblicana a detta di tutti. Troviamo pertanto stucchevoli le celebrazioni di oggi che nascondono in realtà una belligeranza tra governatori e tra governatori e interesse nazionale teoricamente, ma non realmente, attribuibile al Governo centrale. Alcune materie, tra cui il turismo, devono tornare allo Stato. Infine, la riforma delle riforme: il ruolo di Roma Capitale. Ruolo che oggi è soltanto apparentemente riconosciuto ma privo di reale efficacia. Nei vari decreti legislativi fatti da quello iniziale, il 61 del 2012, i governi si sono ‘dimenticati’ di destinare alla Capitale d’Italia i necessari fondi e poteri per l’espletamento delle sue funzioni. Funzioni nazionali esclusive”. E’ quanto dichiara il vicepresidente della Camera dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Castelli: L’Italia riparte se riparte il lavoro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Per decenni, al nostro Paese, è mancata una visione, e la politica ha preferito interventi spot ad una programmazione organica, di prospettiva. Per noi ogni provvedimento di questi mesi va visto all’interno di un quadro unitario. Collegandoli necessariamente a quelli che introdurremo con il Decreto Fiscale e la Legge di Bilancio, a cui stiamo già lavorando, e che prevedranno tra le altre l’abbassamento delle tasse, ulteriori semplificazioni al cittadino e risparmi di spesa per lo Stato, misure per incentivare gli investimenti da parte delle aziende e per favorire l’intervento del risparmio privato a sostegno dell’economia reale. Decontribuzione, per abbassare il costo del lavoro, internazionalizzazione e strumenti per incentivare il consumo, per far valorizzare e promuovere il Made in Italy. Tutti tasselli di uno stesso puzzle. L’indice PMI manifatturiero dell’Italia è rimbalzato a 51,9 punti, top dal giugno 2018, è il segnale che stiamo facendo bene. Dati incoraggianti, come quelli dell’ISTAT, di qualche giorno fa, che registrano un significativo rimbalzo nei consumi, e delle Borse che chiudono in rialzo. Stiamo correndo più della Germania e di tanti altri Paesi europei, e dobbiamo continuare così per favorire lo sviluppo, sull’intero territorio nazionale, e colmare quel divario che ancora esiste tra il nord e il sud del Paese. Il Paese riparte, se riparte il lavoro, con un concetto di economia circolare che ci è sempre stato caro. Migliorare la qualità della vita dei cittadini è il faro del nostro impegno di Governo”.Lo scrive, sui social, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lombardia: “È ora che il centrodestra la finisca con i suoi giochi di poltrone”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

“Salvini è venuto a Milano per diffondere le sue solite fake news quotidiane. È ora che il centrodestra la finisca con i suoi giochi di potere e poltrone. Salvini e i suoi hanno perso qualunque tipo di credibilità, sia a livello nazionale che locale.Sappiamo tutti delle spaccature, del rischio di scissione e della debolezza della Lega. Per come è messa non può governare la nostra regione.Un rimpasto non cambierà nulla, devono andare a casa insieme alle inchieste che li coinvolgono. In Lombardia la Lega ha fatto un disastro e preso in giro i cittadini.Ora la priorità è dare risposte ai cittadini su sanità, legalità rilancio dell’Italia. Il Governo ha dimostrato di saper fare e di rendere credibile la politica, questi personaggi no”, così Massimo De Rosa, consigliere regionale del M5S Lombardia, commenta le parole di Matteo Salvini a Milano e l’eventualità di un rimpasto.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IX centenario del fondatore dei Cavalieri di Malta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Il 3 settembre alle 10.00, nel Duomo di San Lorenzo, si terrà la solenne celebrazione Eucaristica presieduta dal Delegato Speciale della Santa Sede presso il Sovrano Ordine di Malta, Cardinale Angelo Becciu, in diretta su TV2000. Alla solenne commemorazione parteciperanno tra gli altri: il Ministro rappresentante del Governo italiano, il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il Sindaco di Scala, Luigi Mansi, e il Luogotenente interinale dell’Ordine dei Cavalieri di Malta, Fra’ Ruy Gonçalo do Valle Peixoto de Villas Boas.Alle 12.00, al termine della Santa Messa, i discorsi ufficiali del Ministro del Governo italiano e del Luogotenente dell’ordine dei Cavalieri di Malta.Nel pomeriggio verranno presentati i due francobolli celebrativi di Poste Italiane: uno realizzato dall’artista Mimmo Paladino, l’altro sulla bozza di un disegno di Dario Fo, ospite a Scala nel 2009, che ritrae la facciata del Duomo di San Lorenzo. Due immagini che rappresentano due opere d’arte contemporanee.A chiudere la giornata il concerto gratuito del maestro, Uto Ughi. Un importante momento commemorativo che ha anche l’intento di tenere alti, attraverso la figura e l’esempio del Beato Gerardo Sasso, i valori della pace, fratellanza e solidarietà tra i popoli. L’evento, organizzato dal Comune di Scala con Scabec e il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e Malta, vedrà la presenza di importanti autorità civili militari e religiose.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il re è “nudo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Parliamo di un personaggio dei nostri tempi. È “nudo” al confronto della curiosità popolare, del “pasto famelico” dei media, che sa scavare sino alla radice ogni cosa che si para dinanzi e capace di stuzzicare la curiosità dei propri lettori, telespettatori, navigatori di Internet e per gli amatori di “passa parola” e di chi sa disvelare un segreto anche al cospetto del fatidico: “qui lo dico, qui lo nego”. Le redazioni dei giornali e delle emittenti televisive ricevono a getto continuo notizie da informatori anonimi, ma ben documentati, che dispiegano le loro verità che altrimenti resterebbero ad ammuffire nei fondi dei cassetti di chi apre un fascicolo e poi lo archivia perché il fatto non costituisce reato. Si sa che la giustizia si ciba di fatti e non sa che farsene dei si dice e delle dichiarazioni che non siano di prima mano. Non si sa mai. C’è sempre quel qualcuno che potrebbe sbagliare i conti e affermare che due più due non fa quattro bensì cinque. Per lui la matematica è un’opinione. Ebbene di quel re che vi parliamo, di quel re travicello della leggenda non metropolitana noi possiamo vederlo anche internamente, tanto gli hanno fatto sia la radiografia sia l’ecografia sia l’endoscopia. Lascerebbe indifferente un patologo sul tavolo dell’obitorio: tanto non ci sarebbe altro da vedere. È tutto scritto nelle carte. È finito il tempo di chi con un dossier in cassaforte riusciva a preoccupare il possessore di uno scheletro nell’armadio. Oggi tutto si digerisce e tutto si scarica tra i rifiuti. Poco ci manca che qualche notabile non ci quereli per il semplice fatto che abbiamo dimenticato d’offenderlo, di rivelare che ha un’amante, che ha certe tendenze sessuali poco ortodosse, che evadono il fisco e ha amici nella malavita organizzata. Un tempo il politico andava alle adunate di partito o a piedi o in bicicletta e se avesse dovuto coprire grosse distanze avrebbe comprato un biglietto di seconda classe, proprio per darsi un certo contegno. Oggi se non arriva con l’auto blu, con la scorta, meglio se rafforzata, e un codazzo di portaborse, segretari, assistenti, consulenti e affiancati da ben dotate guardie del corpo, è uno squalificato, non vale un soldo bucato. È questo il pasto preferito dall’uomo della strada poiché vive di logiche e quella del consumismo è in cima ai suoi pensieri. Bisogna essere ricchi, belli, fotogenici e tremendamente viziosi per restare nel cuore del popolo, per farsi amare di un amore masochistico. Così nacquero le dittature e continuano ad esistere, così si riesce oggi a prendere in giro la democrazia così detta compiuta o è l’incompiuta di quel certo personaggio della musica? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il rigetto per un’idea di capitalismo pigliatutto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Il capitalismo di stampo statunitense sta mostrando tutti i suoi limiti entro e fuori i suoi confini. Questa sua continua interferenza negli affari interni degli altri stati e nella pretesa di volerli tenere sotto tutela in nome di una libertà viziata da interessi legati alle lobby affaristiche, condizionata dal cinismo e dall’avidità, sembra aver raggiunto un punto di non ritorno. E’ un potere che trasforma in carta straccia gli accordi internazionali, il rispetto della dignità umana, la volontà di quanti vorrebbero una società dal volto umano.Gli Stati Uniti tendono a proiettare l’immagine di una società dove la politica è suddita dei poteri forti e se tende a condizionarli è spazzata via senza tanti complimenti. E’ un paese che è incline a ripiegarsi su se stesso, con le sue contraddizioni, con le sue lotte intestine, con i frutti della violenza data da una cultura dell’avere sull’essere che comporta l’imbarbarimento della società e la caduta dei suoi valori fondanti.E’ una classe politica che ha trovato la sua Caporetto nell’avidità dei suoi membri. Un tutto condizionato dal dio denaro. Per il dio denaro ogni sacrificio è degno di rispetto e la lotta diventa spietata perché se si è ricchi non basta, bisogna averne di più e se si è poveri si diventa automaticamente dei perdenti. Questo modello di società se ci appaga nel presente non sembra trovare spazio nel futuro. Le tensioni sociali che provocano, l’allargarsi della schiera di chi ne esce sconfitto, la depressione che ingenera per una vita vissuta nel vuoto e la caducità degli ideali che s’infrangono lungo la scogliera degli interessi partigiani, delle congreghe malavitose, dei comitati d’affari che favoriscono gli arrampicatori sociali, cinici e spietati, hanno raggiunto il loro punto di rottura ed ora siamo arrivati alla resa dei conti. Alla consapevolezza che non è più premiante la logica dell’avere che costantemente e inesorabilmente umilia quella dell’essere. Ed è anche una questione culturale se si pensa che chi studia, lavora, ricerca è spesso estraneo al mondo dell’avere e ciò facendo diventa un soggetto fuori al circuito degli interessi economici e finanziari di una società sempre più proiettata alla spinta di una prosperità fine a se stessa. Se questi parametri non s’invertono la prospettiva di un imbarbarimento del sistema diventa concreta e con essa la violenza e l’anarchia. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il modello italiano di nazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Le grandi nazioni si sono costruite essenzialmente su due modelli, quello legittimistico basato sull’alleanza fra il “trono” e “l’altare” e quello giacobino della “nazione in armi”. Qual è il modello italiano? Se penso al nostro Risorgimento mi pare impossibile inquadrare la sua evoluzione in uno dei due modelli citati.
D’altra parte, la nazione “legittimista” finì con il realizzarsi con il concordato del 1929 che chiudeva la questione romana, identificata da Antonio Gramsci come il problema principale (insieme con quella meridionale) per la realizzazione effettiva dell’unità nazionale. Fu una partenza debole, per le istituzioni liberali, essendo rimaste a lungo prive dell’apporto delle masse cattoliche e contadine. È in quella fase che il nazionalismo diventa, proprio perché espressione di élite ristrette, antiparlamentare e potenzialmente eversivo. La rivincita dell’idea della nazione in armi venne con la Resistenza, in cui però le motivazioni patriottiche e quelle classiste non si fusero mai completamente, la lotta sociale s’intrecciò con la guerra civile, e il risultato fu la costruzione di un nuovo Stato e di un nuovo patto costituzionale che prescindeva dall’idea di nazione. Un’altra indicativa svolta l’abbiamo avuta nel 1948, dove i vincitori si raccolsero intorno alla figura di Alcide de Gasperi e i perdenti si sentirono stranieri in patria. Ancora una volta il vento del cambiamento nelle relazioni internazionali, dopo la caduta del muro di Berlino, nel 1989 riportò in Italia un sostanziale reinserimento delle forze di origine comunista e il loro modo di riconciliarsi pienamente con l’idea di nazione. Oggi, probabilmente, siamo di fronte a nuove forme evolutive del nostro modello di nazione. La sua crescita è in una fase iniziale per cui per il momento è arduo dare una definizione esaustiva. Vedremo nei prossimi anni. Ciò che, tuttavia, mi appare indicativo è che nell’attesa del nuovo corso ci siamo imbattuti in un risveglio dei localismi e delle tendenze separatiste. La verità è che abbiamo fatto poco per dare al sistema paese il suo assetto unitario lasciando che il meridione restasse indietro rispetto agli stimoli innovativi esercitati nel Nord. Ora questo nodo irrisolto giunge al pettine e potrebbe guastare la festa a quella parte di italiani che sente vivo il sentimento unitario. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gesù storico, Gesù della fede

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Giuseppe Flavio, storico ebreo negli anni 93 o 94 d.C. nelle sue “Antichità giudaiche” parla di Gesù. Oggi non esiste il manoscritto originale. Possiamo accedere alla sua conoscenza solo attraverso la copiatura del manoscritto ad opera, nel corso dei secoli, dei diversi monaci cristiani. A questo riguardo va altresì precisato che prima del terzo secolo d.C. non esistevano monasteri e data la professione di fede ebraica di Flavio e l’ambiente nel quale viveva vi possono essere stati dei ritocchi al suo manoscritto. Pur con tutte queste puntellature, ciò che emerge, dal testo giunto ai giorni nostri, è che la testimonianza sull’esistenza di Gesù è da considerarsi valida. Flavio lo definisce: “Un uomo buono che attrasse dietro di se molte persone, che ebbe dei discepoli che gli rimasero fedeli anche nei momenti più difficili e che fu condannato sotto Pilato e morì sulla croce e che i suoi discepoli, sin dal primo momento, dissero che al terzo giorno era resuscitato e vive in mezzo a noi, e in lui si compiono le cose meravigliose annunciate dai profeti.”
A questa testimonianza “esterna” si aggiunge quella dei suoi discepoli e, soprattutto dei quattro evangelisti: Matteo, Marco, Luca e Giovanni che ci hanno raccontato la vita di Gesù segnandola come la “buona notizia” dal greco “evangèlicon”. Non solo. A latere sono fiorite altre “buone notizie” da autori poco noti e che sono passate alla storia come “apocrife”. Da tutto ciò non mi sembra vi possano essere dubbi sull’esistenza di un uomo carismatico, dalla parola suadente, dalla fermezza dei suoi principi posto al cospetto delle debolezze umane incluse quelle dei sacerdoti di Gerusalemme nel tollerare la presenza di mercanti dinanzi al tempio, luogo di fede e di sacrale rispetto. Ma la storia può spiegare il Gesù della fede?
Questa riflessione la considero importante per valutare il fondamento sul quale si costruiscono il cristianesimo e la sua pesante eredità di sofferenze, martirii, persecuzioni ed emarginazioni. La parola di Gesù è stata quella che uccide perché la natura umana conosce la strada giusta ma preferisce percorrere l’impervia. Perché non è sufficiente costruire una Chiesa in nome di un Gesù elevato agli onori di un Dio. Occorre ogni giorno dare testimonianza di se ed essere costruttori di pace per ritrovare la via, la verità e la giustizia. E in questo le religioni non sempre si ritrovano con il Gesù della fede facendoci dubitare della sua stessa esistenza. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il cattolicesimo e le nuove sfide

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

I temi ricorrenti, e non sono solo di questi giorni, sono quelli che più di frequente appaiono anche sui quotidiani di tutto il mondo e si riferiscono alle coppie di fatto, a matrimoni omosessuali, alla riproduzione sessuale in vitro, ai divorzi e più in generale alle nuove provocazioni di “frontiera” della genetica.
La risposta che oggi abbiamo, sia pure articolata in modo diverso, è quella di generale chiusura per il diverso che si prospetta e con un certo irrigidimento delle posizioni in specie in casa del Vaticano. Non dico, a questo punto, che sia un errore fissare dei paletti oltre i quali presumere che si possa giungere a creare confusione di ruoli e perdita di valori etici e religiosi. Tutt’altro. Vi è, in ogni caso, un margine entro il quale occorre ragionare con più ponderazione.
Il timore è pienamente giustificato da parte di chi pensa che, concedendo qualcosa, si finisca con il far franare il castello che si è costruito in secoli di professioni di fede e di dogmi accertati e riconosciuti validi e sperimentati con successo nel tempo a dispetto degli eventi e della loro mutabilità legata, si ritiene, alle mode e non alle certezze alle quali sembravano ancorarsi.
E’ anche vero che una revisione delle “certezze” va fatta sgombrando il campo dall’idea che taluni considerano la religione un sinonimo di “conservazione”, di “tradizione” e che, in virtù di ciò, non accettano il nuovo per partito preso e non per intimo convincimento. Di certo un grande passo papa Giovanni Paolo II, e in una certa misura i suoi predecessori, l’ha compiuto sul fronte del riconoscimento dei propri errori nei confronti degli altri credi religiosi, ma è ancora poco se vogliamo dare una visione di una Fede che sappia riconoscere i suoi limiti temporali mentre ci parla del trascendente.
Non dico, però, le cose che dovrebbero essere cambiate o i rigori della dottrina che andrebbero smussati, ma suggerisco che se ne parli sia pure a porte chiuse, ma se ne parli anche nei “palazzi” del potere ecclesiastico perché qualcosa è cambiato tra la gente e quel qualcosa merita la dovuta attenzione ed anche riconoscimento. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Idea politica e idea dello Stato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

L’idea della politica e l’idea dello Stato modernamente inteso, sono oggi in rotta di collisione. E’ una frattura semantica conseguente al riconoscimento dell’asse centrale della società civile, alle multi e interdipendenze, alla razionalità plurale. Il nesso non si trova più concentrato nello Stato, in una classe, struttura, o ceto, ma in ogni soggetto. Il principio di libertà (persona) diritto alla proprietà (natura) s’identifica in un agire dotato di senso solo se rispetta questi due canoni fondazionali, di là della tripartizione del potere che Weber ha proposto: razionale, tradizionale, carismatico.
Lo Stato e l’impresa economica sono i due grandi elementi creati dal mondo moderno. Entrambi sono attraversati dalla politica ma in forma sempre più ridotta, semplice postulato normativo, a una forma di giustificazione del potere esistente. In questo modo, la politica non è più riconoscibile come centro di una società, ma solo come sistema autoreferente senza finalità extra-sociali. Un potere che sempre più s’identifica con il vecchio detto: auctoritas non veritas facit legem. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Latte vaccino: Un toccasana per gli anziani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Nei primi mesi di vita il latte è la nostra unica fonte di alimentazione e in età adulta gioca un ruolo molto importante nella dieta giornaliera. Ma anche per la popolazione più anziana, il latte può essere un alimento benefico, specialmente per migliorare la propria salute intestinale. Lo dimostra uno studio, realizzato nell’ambito del progetto ‘PROLAT’ e pubblicato sulla rivista internazionale ‘Nutrients’, condotto in collaborazione dal CREA, con i centri di Alimenti e Nutrizione di Roma e di Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari di Torino coordinati dalla dott.ssa Marianna Roselli, e dai ricercatori dell’Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-ISPA) di Torino, coordinati dalla dott.ssa Laura Cavallarin.
Nello studio, che ha avuto il sostegno della Regione Piemonte e della Centrale del Latte di Italia, i ricercatori hanno valutato gli effetti sull’intestino di un tipo di latte vaccino caratterizzato da un diverso profilo di caseine, le principali proteine contenute nel latte. In particolare, tale latte contiene la proteina beta-caseina esclusivamente di tipo A2, a differenza del latte convenzionale, che contiene una miscela delle proteine beta-caseina A1 e A2. Dalla ricerca, condotta in laboratorio su modelli murini anziani, è emerso un generale impatto positivo del consumo di latte vaccino sullo stato di benessere intestinale. In particolare, il latte contenente proteina beta-caseina esclusivamente di tipo A2, ha mostrato effetti benefici sul sistema immunitario e sulla morfologia della mucosa intestinale. Inoltre, si è osservato che il consumo di latte vaccino fresco, specialmente quello A2, favorisce la produzione, da parte della popolazione microbica intestinale, di acidi grassi a catena corta, benefici per la salute. Complessivamente, i risultati indicano che il consumo di latte vaccino di tipo A2 sembra rallentare parzialmente l’invecchiamento della salute dell’intestino, organo particolarmente sensibile per le persone anziane che soffrono molto spesso di alterazioni a carico del sistema immunitario e del microbiota intestinale. Con questo studio viene confermato l’importanza del consumo di latte vaccino e, nello specifico, di quello contenente unicamente beta caseina di tipo A2, quale strategia adeguata per migliorare la salute dell’intestino nella popolazione, in particolare quella anziana. Il progetto PROLAT, della durata di 24 mesi, ha visto la partecipazione, oltre a CREA e CNR-ISPA, delle Università di Torino e di Pisa, del Polo Agrifood Piemonte e di Laemmegroup srl ed è stato finanziato nell’ambito del programma POR FESR 2014-2020 della Regione Piemonte. https://www.mdpi.com/2072-6643/12/7/2147/xml

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Democrazia e fascismo. Confondere l’ideologia col museo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Alcuni consiglieri della città di Roma avevano paventato la costruzione di un museo del fascismo. E’ subito partita un’onda di disgusto e dissenso cosiddetto antifascista che, anche la Sindaca della Capitale (dello stesso partito dei proponenti) è intervenuta per far ritirare la richiesta. Tutto in nome dei valori dell’antifascismo. Il rischio paventato da più parti è che il museo porti ad una sorta di celebrazione di questo periodo storico che il nostro Paese ha vissuto nel secolo scorso.Per capire di cosa stiamo parlando.Prima di tutto riportiamo la definizione della Treccani per la parola museo:
“Raccolta di opere d’arte, o di oggetti aventi interesse storico-scientifico, etno-antropologico e culturale; anche, l’edificio destinato a ospitarli, a conservarli e a valorizzarli per la fruizione pubblica, spesso dotato di apposito corredo didattico…..” e nella definizione dei vari tipo di museo: “.. musei storici, contenenti documenti e cimelî d’interesse per la storia civile e politica;..”. Poi facciamo un salto a Berlino, dove è nato il nazismo, ispiratore, fratello e commilitone del fascismo italiano. E’ notorio che il nazismo fu decisamente più truce e tragico del fascismo, e la sua eliminazione comportò sostanzialmente l’eliminazione di un Paese, anche in senso fisico, e il passaggio da due Germanie, DDR e RFT, fino alla caduta del muro di Berlino per arrivare alla Germania odierna, motore determinante della nostra democrazia ed economia in Ue e non solo.A Berlino ci sono musei sul nazismo di tutti i tipi: da quelli che mostrano le atrocità, a quelli puramente storici. Tutti fatti con dovizia di particolari e informazioni che calano il visitatore dentro la realtà storica e politica. Alcuni dei più famosi: Museo Storico tedesco, Museo della storia di Berlino, lo Schwerbelastungskörper, il Museo delle Spie, i vari bunker in tutta la città compreso il giardino dove sorgeva quello di Hitler. Musei a cui si affiancano quello ebraico, delle varie vittime del nazismo come omosessuali e rom e sinti e tutti i musei dei vari campi di sterminio raggiungibili anche con la metropolitana dal centro della città. Insomma sono stati quello che sono stati e se lo raccontano e lo raccontano al resto del mondo.
Torniamo al nostro paventato museo romano sul fascismo.
Cosa c’è da non far sapere? Immaginiamo che tutti, pure i più virulenti antifascisti che si oppongono alla sua realizzazione, risponderanno: niente. Il problema sorge quando si deve capir come far conoscere questi fatti. Virtù culturale indica che dovrebbe essere il metodo museale con cui si parla della storia: che quando ha a che fare con narrazioni tragiche, non richiede necessariamente la condanna continua di queste tragedie, ma sono i fatti tragici in sé che dovrebbero stimolare il giudizio dell’osservatore. Ma questo metodo non piace alla Sindaca di Roma e a tutti quelli che, in diverse occasioni anche istituzionali, ci ricordano che siamo una repubblica antifascista, anche quando apostrofano i deliri anti-immigrati e sovranisti di alcuni esponenti di alcune destre. Metodo che induce a dire che del diavolo non se ne deve parlare, non bisogna farlo conoscere, anche se tutto il nostro Paese fino al 1943 andava a braccetto con questo diavolo. Un colpo di spugna e tutti
allegri e contenti? Vincenzo Donvito, presidente Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Open day all’università di Camerino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

Camerino Prosegue dal 17 agosto al 4 settembre, sia in presenza che in modalità telematica, presso le sedi Unicam di Camerino, Ascoli Piceno, Matelica e San Benedetto del Tronto, l’iniziativa “Porte aperte in Unicam – estate 2020”.Tra le attività di orientamento alla scelta universitaria, infatti, Unicam ha promosso per oggi in presenza l’iniziativa “Unicam Open Day”, nel periodo estivo in cui gli studenti che devono scegliere il percorso universitario hanno bisogno di avere maggiori informazioni e chiarire eventuali dubbi. Nella sede di Camerino, presso il Polo di Informatica ed altre due sedi, nel rispetto delle norme di sicurezza e del distanziamento, gli oltre 370 partecipanti sono stati accolti dal Rettore Claudio Pettinari e dalla delegata all’orientamento Valeria Polzonetti e dopo un saluto di benvenuto ed una presentazione dell’Ateneo, hanno avuto le informazioni relative ai corsi di laurea attivati dalle Scuole di Bioscienze e Medicina Veterinaria, Giurisprudenza, Scienze del Farmaco e dei prodotti della salute, Scienze e Tecnologie, ai servizi, alle borse di studio ed alle agevolazioni, all’organizzazione della didattica. Hanno poi avuto la possibilità di visitare le strutture, gli alloggi e gli impianti sportivi.Nella sede di Ascoli i partecipanti hanno potute avere tutte e informazioni sui corsi della Scuola di Architettura e Design e sul corso di laurea in Tecnologie innovative per i beni culturali.Per tutte le informazioni dettagliate e per prenotare un appuntamento è possibile consultare il sito orientamento.unicam.it

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Planet lancia un servizio integrato di pagamenti digitali per le aziende europee

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

La società di pagamenti Planet ha lanciato un servizio integrato di pagamenti digitali per i Partner che operano in tutta Europa nei settori Hospitality e Food&Beverage. La nuova soluzione fornisce tutti i servizi – inclusi l’acquiring e l’elaborazione delle transazioni – in un’unica piattaforma, garantendo ai Partner nuovi ricavi grazie ai servizi ad alto valore aggiunto per la gestione dei pagamenti. Il servizio viene fornito da Planet a seguito dell’approvazione della chiusura dell’acquisizione di 3C Payment da parte della Financial Conduct Authority (FCA).Scegliendo Planet, i Partner beneficiano di una gamma completa di servizi di pagamento per l’Hospitatily che copre acquiring, accettazione, elaborazione dei dati attraverso il gateway, reportistica e intelligence. Il nuovo servizio garantisce metodi di pagamento contactless digitali più veloci e sicuri, trasmettendo agli ospiti la serenità necessaria per fare i propri acquisti. Albergatori e ristoranti saranno in grado di offrire un’esperienza di pagamento migliore anche per gli ospiti cinesi, poiché il servizio di acquiring include anche Alipay e WeChat Pay. Grazie al servizio di pagamenti integrato, i Partner possono ottimizzare i costi consolidando gli accordi precedentemente stipulati con più fornitori. Una soluzione che li aiuta a rispondere a condizioni commerciali globali sempre più complesse e a beneficiare di ulteriori servizi ad alto valore aggiunto, tra cui gli insights derivanti dall’elaborazione dei dati acquisiti e la conversione dinamica di valuta, permettendo loro di aumentare le entrate derivanti dalla gestione dei pagamenti. La soluzione sfrutta il gateway 3C Payment – completamente integrato con i sistemi operativi e di prenotazione aziendali – e fornisce servizi sicuri su più canali in loco, online o via mobile. Il sistema risulta ancora più efficiente grazie alle funzionalità offerte dal nuovo terminale portatile di pagamento PAX A920, utilizzabile sia alla reception che al tavolo. I nuovi e innovativi servizi digitali possono anche supportare i Partner del settore Hospitality nel miglioramento dell’elaborazione delle transazioni su tutti i touchpoint, dal fisico all’online, aumentando la sicurezza in un mondo post lockdown. Nel Food&Beverage, grazie al gateway digitale 3C e la tecnologia wallet, possono fornire servizi di prenotazione e pagamento, elaborati in-app, limitando così l’interazione con il personale e gli altri commensali.La soluzione di pagamento Planet per il settore Hospitality, consente di costruire un profilo completo degli ospiti per comprendere meglio le loro abitudini d’acquisto. Una volta elaborate, queste informazioni vengono mandate ai Partner, permettendogli d’implementare attività di marketing personalizzate e loyalty program per gli ospiti.Steve O’Donovan, Chief Payments Officer di Planet ha dichiarato: “Dopo l’annuncio dell’acquisizione, abbiamo riscosso un positivo interesse da parte delle principali catene globali di hotel e ristorazione. Abbiamo infatti già sviluppato la prima di una serie di nuove entusiasmanti proposte per i nostri Partner.Il nostro servizio integrato di pagamenti per l’Hospitality consente ad albergatori e ristoratori di migliorare l’esperienza dei propri ospiti, aumentare i profitti, e allo stesso tempo, beneficiare dell’efficienza della gestione di un’unica piattaforma di pagamento”.
“Dopo l’approvazione della FCA e la successiva finalizzazione dell’accordo con 3C Payment, la nostra attenzione si concentra ora sull’integrazione delle attività. Ciò significa lavorare con i nostri nuovi colleghi di 3C Payment per aiutare i Partner dei settori Retail, Hospitality, Food & Beverage e Self-Service, ad offrire ai loro clienti un’esperienza di pagamento eccezionale e a far crescere i loro ricavi con un’ampia gamma di prodotti e servizi”.Grazie ai 30 anni di esperienza nel Retail, Planet sta integrando i servizi di 3C Payment in una piattaforma di pagamenti digitali per i retailer europei. Da questo nascerà una soluzione costruita appositamente per il settore. Ciò include l’acquiring completo, l’accettazione dei pagamenti dei digital wallet, la conversione di valuta e i rimborsi iva, il tutto elaborato attraverso un unico terminale di pagamento di nuova generazione. L’introduzione sul mercato della soluzione integrata per il Retail è prevista per settembre 2020. L’acquisizione di 3C Payment da parte di Planet, annunciata il 18 giugno 2020, è stata ora formalmente approvata dalla Financial Conduct Authority (FCA) nel Regno Unito, permettendo la finalizzazione dell’operazione.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Attacco contro un campo sfollati in Camerun

Posted by fidest press agency su mercoledì, 12 agosto 2020

L’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, condanna fermamente l’attacco brutale e ingiustificato contro un sito che accoglie 800 sfollati interni vicino al villaggio di Nguetchewe, nella regione dell’Estremo Nord, in Camerun.Almeno 18 persone sono state uccise e 11 ferite nell’incidente avvenuto nelle prime ore di domenica 2 agosto, quando gli assalitori hanno lanciato un ordigno esplosivo, probabilmente una granata, all’interno dell’insediamento mentre tutti dormivano.Alcuni dei feriti sono stati evacuati all’ospedale del distretto di Mokolo, a un’ora di auto da Nguetchewe. Circa 1.500 persone, tra cui gli abitanti terrorizzati della comunità di accoglienza, sono fuggite nella vicina città di Mozogo per mettersi in salvo.L’UNHCR ha avviato una missione di emergenza per valutare la situazione e, di conseguenza, le esigenze sanitarie e di protezione delle persone colpite.Le comunità di quest’area impoverita sono spesso le prime a rispondere alle esigenze di quanti fuggono dall’assenza di sicurezza e dalle violenze crescenti che caratterizzano una zona comprendente le regioni del Lago Ciad e del nordest della Nigeria. A volte tra queste comunità intercorrono stretti legami e le scarse risorse a disposizione sono condivise.In questo contesto di crescente insicurezza, in cui il Paese è parimenti impegnato nella risposta alla pandemia da COVID-19, l’UNHCR prevede la necessità di rafforzare le misure volte ad assicurare protezione comunitaria, alloggi, acqua e servizi igienico-sanitari.L’UNHCR rivolge un appello a tutti gli attori coinvolti affinché rispettino il carattere civile e umanitario che distingue i campi di sfollati interni e rispondano prontamente alle urgenti esigenze di persone traumatizzate dalla necessità di fuggire dalle violenze in più occasioni.Questo attacco fa seguito al significativo aumento di episodi di violenza verificatisi nell’Estremo Nord nel mese di luglio, tra i quali saccheggi e rapimenti condotti da Boko Haram e altri gruppi armati attivi nella regione. La regione, stretta tra gli Stati nigeriani di Borno e Adamawa e il bacino del Lago Ciad, attualmente accoglie 321.886 sfollati interni e 115.000 rifugiati nigeriani.Questo triste incidente ricorda anche quanto siano intense e brutali le violenze perpetrate nella più ampia regione del bacino del Lago Ciad, che hanno costretto alla fuga oltre 3 milioni di persone: 2,7 sono sfollati interni in Nigeria nordorientale, Camerun, Ciad e Niger, e 292.682 sono rifugiati nigeriani nei Paesi confinanti.A partire da gennaio di quest’anno, il Camerun ha registrato 87 aggressioni perpetrate da Boko Haram lungo la frontiera settentrionale con la Nigeria. Di queste, 22 sono avvenute nel solo distretto settentrionale di Mozogo.Tutti gli attacchi violenti sono costati la vita a 30.000 persone e hanno costretto alla fuga più di altri 3 milioni in Nigeria, Camerun, Niger e Ciad.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »