Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 289

Ritorno a scuola: Dove andranno a finire i vecchi banchi?

Posted by fidest press agency su giovedì, 13 agosto 2020

Due milioni e mezzo di nuovi banchi monoposto dovranno essere collocati nelle scuole prima dell’avvio delle lezioni e almeno la metà (1 milione e 250 mila) saranno i vecchi banchi biposto che dovranno di conseguenza essere rimossi.E’ un lavoro titanico quello che dovrà essere fatto entro il prossimo 14 settembre, giorno di ripresa delle lezioni. Secondo le stime di Tuttoscuola i banchi che dovranno essere portati dalle fabbriche alle scuole occuperanno complessivamente mezzo milione di metri cubi di spazio. Un volume analogo dovrà essere movimentato per stoccare o distruggere i vecchi banchi dismessi.
Serviranno centinaia, forse migliaia di mezzi di trasporto e diverse ore di lavoro per ogni consegna. Ma non è solo un problema di disponibilità di dotazioni e mezzi, ma anche di personale da coinvolgere. Non basteranno centinaia o migliaia di autisti, ma servirà anche altro personale preposto al carico e allo scarico di tonnellate e tonnellate di materiale presso le oltre 11 mila sedi scolastiche coinvolte. Il personale delle scuole dovrà poi occuparsi della sistemazione dei nuovi banchi nelle singole aule. Ci saranno collaboratori scolastici (una volta chiamati bidelli) sufficienti, tenuto conto degli organici ad oggi incompleti e del numeroso personale con mansioni ridotte per motivi di salute, per svolgere queste operazioni nei pochi giorni che certamente intercorreranno tra la consegna (termine ultimo fissato per sabato 12 settembre, per il quale si dovrà provvedere al pagamento di straordinari) e l’inizio delle lezioni? E ci sarà chi eccepirà che si tratta di un’attività non inclusa tra quelle ordinarie?Il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri (e con lui anche la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina) conta comunque di farcela, anche se l’impresa si presenta improba non solo per l’immensa area territoriale da servire, ma anche per i tempi drammaticamente ristretti. E c’è dell’altro.Secondo i calcoli di Tuttoscuola, poiché quei 2,5 milioni di banchi corrispondono ad altrettanti alunni (poco più del 38% della popolazione scolastica del primo e del secondo ciclo), si può stimare che le scuole in cui dovranno essere collocati i banchi monoposto siano circa il 40% delle 28.489 scuole presenti (escluse le scuole dell’infanzia, non interessate dall’operazione) cioè circa 11.400, distribuite sull’intero territorio nazionale, in città, nei piccoli e grandi centri, nei posti più disparati e non sempre di facile accesso, come, ad esempio, nei centri storici, in montagna, in pianura, nelle isole: ovunque.Normalmente ad occuparsi degli arredi scolastici e dei banchi sono gli Enti locali che agiscono direttamente sui territori di competenza, ma questa volta la responsabilità è in capo allo Stato che agisce tramite la ditta o le ditte aggiudicatrici (italiane o straniere), che il bando individua come responsabili della consegna e che, non disponendo di una presenza capillare sul territorio come quella degli Enti locali, saranno costrette a movimentare una distribuzione imponente per raggiungere tutte le migliaia di sedi da servire, attraverso automezzi pesanti (non è sufficiente certo un furgoncino per trasportare i banchi per intere classi).C’è anche un altro aspetto da considerare: la rimozione di 1 milione e 250 mila banchi biposto che dovranno essere sostituiti dai nuovi monoposto. I mezzi di trasporto dovranno scaricare i nuovi banchi e caricare i biposto da portare altrove: ore di lavoro che allungheranno i tempi di predisposizione per l’inizio delle lezioni.Mentre i singoli Enti Locali dispongono di magazzini per il ricovero di arredi, le ditte appaltatrici dovranno trovare soluzioni in proprio. Sistemare 1,250 milioni di banchi che occupano complessivamente mezzo milione di metri cubi di spazio non sarà facile.Non è ancora chiaro se le seggiole dei banchi biposto saranno utilizzate per i nuovi monoposto, ma, se non fosse, ci sarebbero anche da ritirare e collocare 2,5 milioni di sedie che, a loro volta, occupano complessivamente circa 150 mila metri cubi di spazio.Per non parlare poi del peso dei banchi da rimuovere e delle sedute: tonnellate e tonnellate di materiale da distruggere o riciclare e, comunque, da trasportare altrove.Insomma, affinché circa un terzo degli studenti italiani possano occupare i nuovi banchi a partire dalla prima campanella non si tratta solo di risolvere il problema della massiccia produzione ma anche della consegna e poi dello smaltimento dei vecchi banchi. Altre variabili che rendono ancora più alto il coefficiente di difficoltà per l’avvio del nuovo anno scolastico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: