Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Archive for 19 agosto 2020

Nuovi spazi per la didattica nel post COVID-19

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Parma. In vista della ripresa dell’attività didattica per il prossimo anno accademico, l’Università di Parma ha stretto un importante accordo con The Space Cinema per la disponibilità di nuovi spazi. A fronte delle misure necessarie nel post COVID-19, l’Ateneo si è attrezzato per aumentare la disponibilità di aule e spazi, per rendere possibile un riavvio delle attività in presenza in piena sicurezza. L’accordo con The Space Cinema va in questa direzione: per il primo periodo didattico 2020-21 l’Università avrà a disposizione le 7 sale del The Space Parma Centro per 703 posti complessivi (valutati con il distanziamento) e le 12 sale del The Space Campus per 1.226 posti complessivi (sempre valutati con il distanziamento): in totale dunque quasi duemila posti in più. I due cinema diventeranno poli didattici a tutti gli effetti, e saranno a servizio di tutti i Dipartimenti che gravitano lì intorno: quelli del Campus per The Space Campus, quelli vicini al centro cittadino per The Space Parma Centro. «Da settembre adotteremo una modalità “mista” di svolgimento delle attività didattiche, cioè sia in presenza sia online, nel rispetto dei principi della massima precauzione e delle pari opportunità. Proprio per garantire la massima sicurezza e il distanziamento sociale necessario, per le attività in presenza abbiamo bisogno di spazi aggiuntivi rispetto ai nostri consueti: ecco dunque l’accordo con The Space Cinema, che ha locali adeguati e in posizioni “strategiche” per i nostri Dipartimenti», spiega la Pro Rettrice alla Didattica e Servizi agli studenti Sara Rainieri, che aggiunge: «Stiamo lavorando alacremente, facendo anche squadra con il territorio, su più fronti per una ripresa ottimale della didattica “dal vivo”, tenendo sempre al centro gli studenti e le loro esigenze e il diritto allo studio come priorità assolute». «Con grande soddisfazione ci uniamo all’Università di Parma in questo accordo che permetterà agli studenti di potere usufruire dei nostri due The Space in città – ha commentato Francesco Grandinetti, General Manager del circuito, che in Italia conta in tutto 36 strutture – A testimonianza che il cinema, in particolare la sala, può essere un luogo di intrattenimento e di magia come anche un punto di incontro, scambio e condivisione per una comunità cittadina che in questo luogo si ritrova e ci si riconosce. In questo caso, la collaborazione con l’Università ci rende anche orgogliosi, oltre che contenti, per il ruolo che viene riconosciuto al cinema come parte integrante del tessuto sociale in cui Parma Campus e Parma Centro coesistono, diventando da oggi anche polo accademico di assoluto prestigio e, non è banale sottolinearlo in questo particolare momento, di assoluta garanzia di sicurezza per la salute di chi frequenterà i nostri The Space Cinema».

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Contrastare la microcriminalità Alto casertano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

“Tutelare maggiormente i cittadini del comprensorio dell’Alto Casertano da atti delinquenziali e vandalici mi ha spinto a considerare con insistenza una presenza sul territorio di un presidio di Polizia di Stato. Pertanto, ho presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno al fine di poter ritenere nell’ambito della riforma del comparto sicurezza la possibilità di istituire la Caserma della Polizia di Stato a Piedimonte Matese. Un presidio di legalità assolutamente necessario ed indispensabile, viste le diverse criticità del territorio che attanagliano il Matese e che hanno visto sviluppare un substrato criminale legato alle organizzazioni malavitose. La presenza del presidio di Polizia unitamente al grande impegno nel controllo del territorio da parte dei Carabinieri e della Guardia di Finanza sarebbe un forte segnale di contrasto alle organizzazioni criminali”. Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia, Giovanna Petrenga.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vendemmia a rischio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Col fisco 4.0 e lo smart working degli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, servono 15 giorni per dotare di codice fiscale i lavoratori stranieri da contrattualizzare per la vendemmia. Negli anni passati bastava un’ora per sbrigare la pratica. E’ questo l’allarme lanciato da Cia-Agricoltori Italiani, a ridosso del periodo di raccolta delle uve. Le imprese agricole dopo aver presentato via e-mail la modulistica precompilata devono aspettare tempi troppo lunghi per il rilascio del codice, essenziale all’assunzione dei braccianti esteri per un regolare rapporto di lavoro.La lunga procedura non ha riscontri con il passato e suscita molti dubbi sull’efficienza delle piattaforme digitali della Pubblica Amministrazione, che in tempi di crisi come questo dovrebbero, invece, velocizzare le pratiche burocratiche per agevolare il rilancio dell’economia del Paese. Rispetto all’era pre-Covid, la digitalizzazione della richiesta dovrebbe essere persino più snella per gli uffici territoriali dell’Agenzia delle Entrate, perché permette di bypassare ogni difficoltà di incomprensione linguistica con il lavoratore straniero, che prima era costretto a recarsi personalmente a eseguire la pratica. Un altro problema per le aziende riguarda l’indicazione degli sportelli digitali di non effettuare richieste di codici fiscali cumulativi: massimo dieci per singola e-mail. Cia ricorda come questi ostacoli si aggiungano alla difficoltà di reclutamento di manodopera straniera dopo l’esplosione della pandemia e si augura che la PA in smart working riesca a meglio utilizzare le risorse offerte dalla tecnologia, per dare un servizio davvero efficiente alle imprese agricole e vitivinicole italiane.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Roma: commercio in sede fissa

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Roma Via libera della Giunta capitolina alla memoria che promuove l’istituzione di un tavolo di confronto in tema di commercio in sede fissa, partecipato dai rappresentanti delle realtà economiche cittadine.Lo scopo è quello di favorire la ripartenza delle attività produttive, colpite dalle restrizioni imposte dalla crisi Covid-19, coinvolgendole in un dialogo aperto su esigenze, osservazioni e proposte.“Il rilancio del nostro tessuto produttivo è una priorità. In questi mesi segnati dall’emergenza sanitaria ho incontrato le categorie per lavorare a soluzioni condivise e superare insieme la crisi. Questo tavolo di confronto sul commercio in sede fissa nasce dalla promessa fatta alla associazioni: un canale aperto per analizzare necessità e proposte di un settore preziosissimo per la città, che significa molto in termini di occupazione e indotto”, dichiara la Sindaca Virginia Raggi.Nel dettaglio, questi gli obiettivi del tavolo dedicato al commercio in sede fissa:
– implementare il monitoraggio delle condizioni di esercizio del commercio su sede fissa, elaborando studi che possano coniugare gli interessi dei consumatori e le necessità degli operatori;
– individuare tutte le possibili sinergie utili a raccogliere, elaborare e sintetizzare dati, bisogni, istanze, suggerimenti, per il tramite del confronto tra i rappresentanti delle associazioni di categoria e l’Amministrazione Capitolina;
– analizzare obiettivi di rilancio del settore avanzando proposte e progetti per il superamento di eventuali criticità, approfondendo strategie di marketing e innovazioni tecnologiche;
– promuovere il rispetto del decoro e migliorare la qualità dei servizi.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il dolore di tipo termico tende a perdurare e amplificarsi di più rispetto al dolore di tipo meccanico

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Questa diverso comportamento dipende da un trasportatore del cloro, il KCC2, che condiziona la capacità dei neuroni centrali di inibire i diversi tipi di stimoli dolorifici. La scoperta è contenuta nell’articolo “Differential chloride homeostasis in the spinal dorsal horn locally shapes synaptic metaplasticity and modality-specific sensitization”, pubblicato venerdì 7 agosto sulla rivista Nature Communications.Lo studio nasce da una collaborazione ormai decennale tra il Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino e il laboratorio del Prof. Yves De Koninck del Centro di Ricerca CERVO, presso l’Université Laval (Québec). Primo autore dell’articolo è Francesco Ferrini, docente del Dipartimento di Scienze Veterinarie di UniTo.Sebbene siano entrambi stimoli dolorosi, una bruciatura lascia una sensazione di dolore più persistente rispetto a un pizzico o una puntura. Il dolore di tipo termico e quello meccanico rappresentano due modalità differenti e sono trasmesse al corno dorsale del midollo spinale attraverso delle vie specializzate. I neuroni spinali, a loro volta, trasmettono l’informazione al cervello dopo averla rielaborata e filtrata.
La capacità del midollo spinale di controllare gli stimoli dolorifici in arrivo dalla periferia è estremamente importante per evitare che stimoli non rilevanti siano erroneamente trasmessi al cervello come segnali dolorifici. Tale modulazione è in gran parte dovuta al rilascio di trasmettitori inibitori (GABA o glicina), che inibiscono la comunicazione tra neuroni mediante l’ingresso di cloro. L’efficacia di questi trasmettitori inibitori è determinata dal KCC2, un trasportatore che mantiene basso il livello di cloro nei neuroni. Se il trasportatore funziona bene, i trasmettitori inibitori sono più efficaci nel limitare il passaggio di informazioni dolorifiche.Grazie a questo studio si è scoperto che, in condizioni normali, i livelli di espressione del trasportatore di cloro, KCC2, sono più bassi nelle aree del midollo spinale che elaborano stimoli termici, mentre sono più alti in quelle che ricevono gli stimoli meccanici. Ne consegue che i trasmettitori inibitori sono molto meno efficaci nel controllare uno stimolo termico (ad es. una bruciatura), rispetto a uno stimolo meccanico (ad es. un pizzicotto). Ricevendo un’inibizione più debole, gli stimoli termici tendono ad amplificarsi e a sommarsi maggiormente, divenendo più rapidamente intollerabili.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vacanze in Appennino

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

L’andamento della stagione turistica sull’Appennino modenese è a tinte chiaroscure: molti turisti, ma crollano del 40% le prenotazioni fino a fine luglio nelle strutture alberghiere che risultano invece essere vicine al tutto esaurito soltanto nella settimana di ferragosto. Per le vacanze si preferisce la sistemazione in casa: altissima la richiesta di affitti turistici e netta ripresa della compravendita di immobili. Sono i primi dati raccolti da Assoturismo Confesercenti: “Questo scenario è un’occasione per ripensare il sistema turistico: è necessario riqualificare le strutture ricettive e promuovere il nostro Appennino ad ampio raggio”Effetto covid anche sulle vacanze estive, che – vuoi per difficoltà economiche, vuoi per la preoccupazione di spingersi oltre i confini nazionali mentre il virus è ancora in circolazione – spinge i modenesi, come la maggioranza degli italiani, a optare per mete vicine: una forte percentuale di turisti sta infatti ripopolando le montagne del nostro Appennino.
Assoturismo Confesercenti fa un primo bilancio della stagione, tastando il polso alle attività commerciali e ricettive della zona: ristoratori e commercianti non si lamentano, poiché per loro il calo del giro d’affari dei mesi scorsi dovuto allo stop forzato sta in parte rientrando.Chi invece continua a risentire del post pandemia sono gli hotel: i vacanzieri preferiscono sistemarsi in case e appartamenti e oltre agli affitti turistici sono ripartite anche le compravendite, con una risalita del valore degli immobili.
Al 31 luglio alberghi, pensioni e hotel hanno perso il 40% degli incassi rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: sono mancate le prenotazioni dei vari gruppi organizzati (ancora fermi) e quelle dei campus estivi delle società sportive; bene i primi quindici giorni di agosto: fino a ferragosto le strutture ricettive sono quasi tutte al completo, ma dal 21 in poi le prenotazioni crollano nuovamente, quindi anche il mese in corso sarà in negativo rispetto al 2019.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aborto farmacologico senza ricovero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Le Società Scientifiche di Ginecologia e Ostetricia esprimono soddisfazione per le nuove linee guida, annunciate ieri dal Ministro della Salute Roberto Speranza, che regolano l’interruzione volontaria di gravidanza con metodo farmacologico in day hospital e senza obbligo di ricovero. Si tratta di un passo importante a tutela della salute e dei diritti delle donne, nel pieno rispetto della Legge 194/78.La nuova direttiva, auspicata dalle Società Scientifiche e già in uso in molte regioni italiane, oltre a promuovere una maggiore uniformità di comportamento clinico da parte dei ginecologi italiani, consente alle donne di “attenuare” il disagio di una scelta sempre difficile e dolorosa e l’opportunità di accedere subito a metodi di controllo delle gravidanze non desiderate.La Federazione Italiana di Ginecologia e Ostetricia riconosce il grande e importante successo che la direttiva – emanata a seguito del parere del Consiglio Superiore di Sanità, alla luce delle più recenti evidenze scientifiche – traccia nel panorama nazionale, e coglie l’occasione per ribadire al Ministro della Salute la massima collaborazione sulle tematiche inerenti alla tutela della salute della donna.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istruzioni per il voto e il renzusconismo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Leggo sempre con interesse e un pizzico d’invidia quanto scrive su “Il fatto” Marco Travaglio. Interesse perché mi ritrovo a condividere, nella quasi totalità, gli argomenti trattati e d’invidia perché avrei voluto, almeno in parte, avere la penna “pungente”, la sottile ironia e la lucidità nel presentare la situazione politica italiana e la vena di farlo quotidianamente.
Io che faccio parte, oramai, di una generazione ad “estinzione naturale” posso dire che per quanto bimbetto ho vissuto “lucidamente” gli anni dalla Seconda guerra mondiale ai giorni nostri e ad ereditare il seme della saggezza dei padri non per una scelta acritica ma semmai, per convivervi e rispettarle. Talvolta, lo riconosco, la baldanza giovanile non mi ha consentito la coerenza che dentro di me si stava maturando, ma alla fine è prevalsa la ragione e la stima per il prossimo. In famiglia, per quanto fosse piccola e modesta, ho imparato a dissentire dalle idee di mio padre senza mancargli di rispetto e a condividere la sua dirittura morale, la sua coerenza nei rapporti con parenti, amici e conoscenti e a chiudersi in un silenzio tombale quando le passioni trasbordavano nell’irriverenza e nell’intolleranza per le visioni altrui. Oggi non è più possibile comportarsi in questo modo perché è venuto meno l’antica regola di coesistenza civile, umana e religiosa. Un tempo tutte le istituzioni erano sacre e intangibili anche se il primo colpo di maglio lo inferse il fascismo. Da allora, purtroppo, vi fu un crescendo inarrestabile.
Oggi i politici sono diventati, sia pure con le debite eccezioni, dei bugiardi incalliti e del tutto inaffidabili con le promesse e le dichiarazioni che fanno. Penso a Renzi che va a dire all’allora presidente del consiglio Enrico Letta “stai tranquillo” e gli soffia la poltrona sotto il sedere o durante la campagna sul referendum nel dichiarare che avrebbe lasciato la politica se non avesse vinto. Come credergli oggi? E lo stesso dicasi di Berlusconi. Ora non si può più convivere con le idee altrui perché si rischia di convivere con le menzogne altrui. E ciò è intollerabile sia per chi è sul viale del tramonto sia per chi seduto in panchina e aspetta il sorgere dell’alba. Andiamo quindi “sereni al voto” ma non come vorrebbero e hanno detto e fatto Renzi e Berlusconi. La nostra dignità non ci permette deroghe al ribasso. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pandemia al confronto con imprese, organizzazione e risorse umane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

La pandemia ha messo a nudo una realtà con la quale convivevamo lasciandola galleggiare in una sorta di limbo mentale. Ha toccato un nervo sensibile che ci siamo ingegnati a tenerlo assopito per non farlo emergere in tutta la sua crudezza. Ora l’incantesimo si è spezzato e ci siamo resi conto che non tutti i governanti del mondo hanno mostrato la stessa sensibilità nella tutela della salute pubblica in specie se andava a configgere con gli interessi economici e produttivi delle loro rispettive macchine industriali. L’esempio più eclatante lo abbiamo avuto negli Stati Uniti e in una certa misura nel Regno Unito. Dovremmo meravigliarcene se anche in Italia più di qualcuno ha cercato di mestare nel torbido negando o sottovalutando la pericolosità sociale di questa pandemia? No di certo se pensiamo che il nostro sistema è più orientato ad una visione mercantilistica e in forma più ridotta alla cura delle persone in specie se sono meno abbienti. L’essere umano, diciamocelo pure senza perifrasi, in questo assetto geopolitico mondiale, sta mostrando tutti i suoi limiti, è diventato l’ultimo anello della catena produttiva. Il suo ruolo fondamentale sta sempre più diventando quello che deve adeguarsi per dare risposte per risolvere la potenziale dicotomia tra imprese e organizzazione e l’uomo per privilegiare le prime e non come dovrebbe, il suo contrario.
Se diamo un taglio politico a questa dialettica uomo-imprese-organizzazione dobbiamo avere la consapevolezza che la contesa si proietta nel modo come i partiti, che hanno una guida ideologica, ne interpretano le scelte di campo o nelle peggiori situazioni si asservano ad esse. Significa, in altre parole, che quando noi andiamo ad esprimere il nostro voto nel segreto dell’urna dovremmo renderci conto che la contesa va oltre un partito o il suo leader perché è in gioco qualcosa di più. È la nostra dignità di esseri umani. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Berlinguer un ricordo, una lezione di vita

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Il ventiduenne sassarese Enrico Berlinguer scontò nel 1944 cento giorni di carcere per un’intricata vicenda di assalto ai forni del pane. Così accade che il comunista che non ha conosciuto né l’esilio né la galera del fascismo va dietro le sbarre nella Sardegna libera. Uscito dal carcere è invitato a pranzo dove tra gli invitati c’è un monsignore. Il prelato rivolgendosi gli dice: “per cambiare le cose è necessario che le masse dei diseredati si raccolgano adesso dietro la bandiera della Democrazia Cristiana.” E il giovane Berlinguer ribatte: “Per cambiare le cose occorre che le masse dei cattolici diseredati si uniscano a quelle dei marxisti diseredati: occorre una nuova alleanza.”
Probabilmente da qui è nata l’idea del compromesso storico condivisa da un grande democristiano anni dopo: Aldo Moro. Oggi con il crollo delle ideologie quest’idea non è superata ma ha acquistato una nuova dimensione, più radicale, se vogliamo. Oggi lo scontro è tra l’avere e l’essere. Tra i diseredati di sempre e i ricchi di sempre. Due mondi eternamente conflittuali dove vi è una parte consistente dell’umanità condannata all’emarginazione e una ristretta minoranza che la domina.
È una lotta che sa di antico tra i plebei e i patrizi della Roma repubblicana precristiana. Ma è anche una lotta più raffinata rispetto al passato poiché chi ha dispone di tutti i mezzi per asservire le masse e queste ultime alla fine si accontentano delle briciole solo per sopravvivere. Ma verrà un giorno del risveglio e allora l’intelligenza prevarrà sulle barbarie perché sarà reso vano il senso dell’avere nel confronto con l’essere. Scrive Rousseau nel suo contratto sociale nel 1762: “L’ordine sociale è un diritto sacro che sta alla base di ogni altro spirito. Si tratta di trovare una forma di associazione che difenda e protegga con tutta la forza comune la persona e i beni di ciascun associato e in cui ciascuno, pur unendosi a tutti gli altri, possa obbedire ancora solo a sé stesso e rimanere libero come prima.” (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La rivoluzione moderna ha un padre nobile?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Il XX secolo sarà probabilmente definito dai posteri non come taluni affermano il “secolo breve” quanto il periodo in cui sono stati messi a frutto le teorie formulate e immaginate per la costruzione di una nuova società civile e libertaria e il suo contrario. Con alle spalle due guerre mondiali e cruenti rivoluzioni da quella russa alla spagnola e all’avvento di due dittature devastanti e altri sovvertimenti minori ad est come ad ovest, a nord come a sud dell’Europa questo continente ha perso la sua centralità storica a dispetto della sua cultura e delle sue tradizioni.
È stato anche il tempo che i grandi ingegni venuti per lo più dal XIX secolo da Einstein a Fermi, da D’Annunzio a Croce e dalle lucide follie da uomini come Stalin e Hitler hanno messo a dimora le forze delle loro idee nel bene come nel male.
È stato anche il secolo che ha esaltato e preso ad esempio le coraggiose asserzioni come quella di Jefferson, a proposito della dichiarazione d’indipendenza americana che disse: “Noi riteniamo che tutti gli uomini sono creati uguali e a tutti il creatore dà gli stessi diritti che comprendono la vita, la libertà e il perseguimento della felicità. I governi sono stabiliti per garantire tali diritti, il loro giusto potere deriva dal consenso dei governanti. Quando una forma di governo si oppone a tali finalità, il popolo ha il diritto di cambiarla o abolirla.” (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La giustizia che non si vuole riformare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Quante volte abbiamo sentito dai nostri politici che è loro intenzione portare avanti una seria riforma della giustizia? Tante, tantissime sino al punto di aver perso il conto delle volte che questa fatidica parola è stata pronunciata. Qualcuno ingenuamente potrebbe chiedersi e chiedere perché non si riesce nell’intento? A costoro potremmo addurre non una ma decine di ragioni ma per contenere la risposta al nocciolo potremmo dire che fa comodo soprattutto a chi si prende beffa della giustizia e può fare i suoi comodi certo che nella mala parata vi sarà, alla fine del percorso processuale, nei suoi vari gradi di giudizio, una provvidenziale prescrizione per decorso dei termini. In questo modo abbiamo due cammini giudiziari dove il primo non riesce a colpire i super dotati di poteri politici e clientelari e l’altro che fa scendere la sua mannaia sul povero Cristo che è finito sotto i suoi ingranaggi per aver rubato un tozzo di pane per fame. Il primo avrà nella peggiore delle ipotesi un processo lungo fino alla prescrizione e l’altro sarà condannato per direttissima. Si aggiunge poi alla beffa lo scorno quando un solerte poliziotto che arresta un borseggiatore in flagranza di reato lo porta in commissariato per le misure di competenza. Il solito ingenuo mi dirà: sarà processato per direttissima e condannato con tanto di pena, ed invece no. Si prendono i suoi estremi e viene rilasciato nel giro di poche ore. Così è probabile che lo stesso poliziotto se lo rivedrà in giro per continuare a commettere lo stesso reato, se non peggio.
Oggi sta diventando molto rischioso persistere con questo andazzo perché la gente è arcistufa di una giustizia ad orologeria e finisce con il prendersela proprio con chi nella filiera giustizia è il più esposto, ovvero il poliziotto. Dove abbiamo imparato che la giustizia è una cosa seria? Probabilmente sul pianeta Marte. Ma la giustizia, per chi lo avesse dimenticato è davvero una cosa seria, anzi serissima e allora perché non la facciamo funzionare? Qui non si tratta di ledere i diritti della difesa e i doveri dei magistrati tra giustizialismo e garantismo ma significa semplicemente che quando nella convivenza civile si stabiliscono delle regole o si rispettano sino in fondo, senza sconti partigiani, o si dichiara forfè e si scade nell’anarchia. Cosa vogliamo fare? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cultura tra passato e presente

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Esiste un problema di ordine culturale e psicologico non meno grave dei problemi posti dallo sviluppo della scienza contemporanea e della critica storica. Il dramma del nostro presente sta tutto qui con giovani che non riescono più a volgere lo sguardo al passato ma che si crogiolano con il loro presente e persino negando un ruolo chiave al loro futuro. Vivere e godere i frutti del presente sembra essere una parola d’ordine che ha un suo innegabile fascino. Con ciò si vogliono spezzare i legami con un passato e disconoscerne il suo primato nella continuità, prima ancora che nella tradizione, per affermare quei valori deformanti del capitalismo e del consumismo che rendono, in pratica, più aspri e conflittuali i rapporti non solo generazionali ma di vita in comune. Mi riferisco, nello specifico, a quei giovani dell’abbandono scolastico, che si stordiscono con le droghe leggere o pesanti che siano, che si abbandonano a gesti teppistici, a violenze di genere. Cosa essi possono sapere della cultura moderna, delle libertà civili, degli ordinamenti democratici?
E’ un ritorno all’analfabetismo di nuova formulazione che non s’identifica con il non saper scrivere e leggere ma nel non conoscere o riconoscere i sentimenti che sono generati da un vivere comune fondato su determinati valori che trovano la loro continuità dal passato proprio perché non sanno di vecchio ma semmai di eterno. Sono deformazioni che i giovani se le portano nel loro Dna non sapendo più distinguere un evento sportivo sano a uno deformato dalla violenza e dal teppismo, dall’istruzione come base per una ricerca sistematica del sapere a vantaggio di una devianza aberrante degli stessi insegnamenti. È una strada che rischia di portarci in un vicolo cieco di là del quale non vi sono sbocchi possibili. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concorso nazionale di “Momenti da non sprecare”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

1.800 scuole primarie in tutta Italia, 2.500 classi per circa 69.000 alunni coinvolti, 2.500 kit educativi e un totale di 594 elaborati inviati dai bambini che si sono messi alla prova con il concorso educativo nazionale Talent Kitchen. Sono questi i numeri che confermano il successo della quarta edizione di Momenti da non sprecare (www.momentidanonsprecare.it), il progetto ludico-didattico gratuito lanciato da Whirlpool EMEA che sensibilizza le nuove generazioni a dare valore al cibo e a non sprecare i momenti trascorsi in famiglia.Il progetto si è concluso con il concorso educativo Talent Kitchen, che invitava i bambini a raccontare, con disegni, foto, video o altro, in modo originale e creativo, la loro idea di cucina antispreco e i bei momenti vissuti a tavola assieme ai familiari, prima e durante il lockdown. Gli elaborati inviati sono stati valutati da una giuria composta da insegnanti, giornalisti, esperti in comunicazione e rappresentanti del Banco Alimentare e di Whirlpool.
A vincere la sfida, cui hanno partecipato 119 classi in tutta Italia, sono stati i bambini della 2ª C della Scuola Primaria M. La Sorte di Alberobello (Bari), che hanno conquistato il primo posto, aggiudicandosi un premio di 2.000 euro in materiali didattici, grazie a un lavoro di documentazione di diverse esperienze antispreco: dai due video girati prima del lockdown (uno sulla visita al mercato del paese e l’altro sulla piantumazione delle fragole) al libro di ricette interattivo in italiano e inglese, con piatti della tradizione barese, polacca, cinese, a seconda dei paesi di origine degli studenti, fino al padlet (bacheca virtuale) in cui bambini e genitori hanno postato le foto dei pranzi e delle cene in famiglia (un vero e proprio album interattivo che immortala tutti i loro “momenti da non sprecare”). Il secondo premio – 1.000 euro in materiali didattici – va alla classe 4ª B della Scuola Primaria Telesforo Righi di Brescello (Reggio Emilia) che si è distinta per la creatività inventando due originalissime fiabe, “La favola di Frutta Biologica” e “La fata Fragolina”, e ideando un super aquilone alimentare che promuove uno stile di vita più sano, cui si aggiunge anche un ricettario antispreco e tanti disegni e manufatti artistici sul tema dell’alimentazione. A pari merito la giuria ha premiato anche le 18 classi della Scuola Primaria Giovanni Paolo II di Roma che hanno lavorato a distanza presentando un progetto molto articolato grazie al quale hanno imparato ad acquistare, conservare e cucinare il cibo in modo consapevole. Anche a loro va un premio di 1.000 euro in materiali didattici.Due menzioni speciali, infine, sono andate una alla 5ª B della Scuola Primaria Leone XIII di Milano, per l’originalità e l’inventiva dei lavori presentati (dalla proposta di una App “Calorie da non sprecare” per perdere peso e acquisire uno stile di vita salutare, al gioco da tavola sulle abitudini alimentari nel mondo, fino alle videoricette e ai consigli antispreco), e l’altra alla 5ª Unica della scuola Primaria Edmondo de Amicis di Genova Voltri (Genova), che ha presentato un elaborato sotto forma di telegiornale, “A tutta IV”, in cui i “piccoli videogiornalisti” hanno dato spazio a servizi su esperienze laboratoriali collegate alla natura e all’alimentazione, cui hanno partecipato anche alunni con diverse disabilità.
A testimonianza del suo continuo impegno verso il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU e per rafforzare il suo supporto alla lotta contro gli sprechi, Whirlpool per ogni elaborato ricevuto dalle scuole partecipanti al progetto, effettuerà una donazione al Banco Alimentare sostenendo l’Organizzazione nel recupero delle eccedenze alimentari e nella loro redistribuzione alle strutture caritative. http://www.momentidanonsprecare.it.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il primo graphic novel dedicato agli ultimi giorni di Giacomo Leopardi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Giacomo Leopardi ci ha lasciato grandi poesie diventate dei classici immortali della poesia italiana: Il Passero Solitario, Il sabato del villaggio, A Silvia sono ad oggi simboli di una poesia senza età e di una ricerca intimista instancabile.Tra queste, però, prima fra tutte e indimenticabile rimane L’Infinito, simbolo dell’aspirazione dell’uomo a cose più grandi e definita come un’avventura dell’animo. Leopardi, che realizzò questo idillio sul monte Tabor a Recanati, parte da un piccolo episodio per sviluppare il senso della sua poetica: una siepe gli impedisce la vista del paesaggio e così comincia ad immaginare spazi immensi… È proprio partendo da questa immagine che nasce questo biopic dedicato alla vita del più grande poeta italiano dell’Ottocento.Si racconterà del suo rapporto tormentato con l’amore e con la famiglia e del suo ritorno a Recanati, dove realizzerà le sue opere più note, fino alla morte, avvenuta a Napoli, a seguito della quale il poeta si ricongiungerà proprio con quell’infinito che apre il racconto della sua vita.Il progetto nasce con il sostegno di MiBACT e di SIAEnell’ambito del progetto «Per Chi Crea».

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Report “Stipendi negati in pandemia”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Analizza i mancati pagamenti e i tagli salariali avvenuti ai danni dei lavoratori tessili nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio in seguito all’imposizione di aspettative non retribuite, a tagli pubblici, all’interruzione dei rifornimenti e alla cancellazione di ordini da parte dei brand. Sulla base di dati raccolti sul campo e di altre ricerche pubblicate, l’inchiesta rivela che in tutti i Paesi del sud e sud-est asiatico i lavoratori hanno ricevuto strutturalmente il 38% in meno di quanto gli spettasse. In alcune delle regioni dell’India, si supera addirittura il 50%. Rapportando questi numeri all’industria mondiale dell’abbigliamento, escludendo la Cina, un’ipotesi prudente attesta tra 3.19 e 5,78 miliardi di dollari la cifra dei salari dovuti ai lavoratori.La Campagna Abiti Puliti, insieme ai partner della Clean Clothes Campaign, chiede ai marchi e ai distributori di assumersi le loro responsabilità garantendo ai propri lavoratori e lavoratrici il versamento di tutti i salari che gli spettano in accordo con il diritto del lavoro e gli standard internazionali. “Chiediamo che questo impegno sia pubblico attraverso la sottoscrizione di una “assicurazione salariale”. Questo significa utilizzare la propria capacità di influenza quali committenti delle catene globali di fornitura per sollecitare fondi, fornire contributi diretti e collaborare con altri attori – ad esempio con l’ILO – per garantire i pagamenti dovuti ai lavoratori interessati dalla crisi” aggiunge Deborah Lucchetti, portavoce della Campagna Abiti Puliti. Dal lancio di questa proposta lo scorso giugno, la Clean Clothes Campaign ha già contattato decine di marchi, iniziando in alcuni casi un dialogo costruttivo.Christie Miedema, della Clean Clothes Campaign ha dichiarato: “Accogliamo con favore le azioni intraprese da alcuni marchi in questi mesi. Stiamo chiedendo a ciascuno individualmente un impegno pubblico per evitare che in una situazione in cui tutti hanno delle responsabilità, nessuno se ne faccia carico aspettando che sia qualcun altro ad occuparsene. Solo così saremo in grado di porre fine alla malsana abitudine di scaricare i rischi e le responsabilità lungo la catena di fornitura lasciando che alla fine a pagare siano sempre i lavoratori”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il nuovo numero di Prima Comunicazione è in edicola

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

La copertina è dedicata al mondo della pubblicità con due protagonisti – Simona Maggini e Massimo Beduschi – nuovi responsabili di Wwp Italia: una scelta forte per guardare avanti e con un discreto ottimismo, dopo gli effetti catastrofici sul mercato dovuti all’emergenza Covid. Emergenza che ha provocato anche una ‘rivoluzione’ nel modo di lavorare, con un’esplosione di smart working che, dopo un’accoglienza quasi entusiasta, inizia a essere valutato con maggiore attenzione. Abbiamo quindi condotto un’inchiesta, intervistando specialisti dell’organizzazione del lavoro, giornalisti, comunicatori che fa capire quanto può essere utile ma anche frustrante lavorare da remoto.In Parlamento nel frattempo la senatrice Sabrina Ricciardi (M5S) ha depositato un disegno di legge sul diritto alla disconnessione, mentre la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo promette un approfondimento sulle normative, da portare avanti anche con il sindacato.D’altra parte, in questa strana estate, si abbozza – pur con diverse difficoltà – la ripartenza. Su Prima raccontiamo come la Rai in autunno si ripresenta con una ottima offerta di palinsesti, anche se è in corso un drammatico taglio dei costi.E mentre lo sport torna in campo, il ceo Paolo Bellino illustra come rifioriscono i progetti di Rcs Sports & Events, che vedono già in pista maratoneti e ciclisti. Stesso clima alla , dove è arrivato il nuovo direttore Stefano Barigelli, che progetta edizioni locali e rafforza il digitale per “irrobustire la nostra leadership”. Mentre lo sport era fermo, durante il lockdown mettersi ai fornelli è diventata una attività in crescita esponenziale e una ricerca Gfk rivela che ad aumentare sono stati soprattutto ingredienti e prodotti italiani. Un ‘rinascimento’ che ha trovato nella ‘Cucina italiana’ e in ‘GialloZafferano’ i suoi migliori alfieri. Gli approfondimenti sui temi della comunicazione vedono in primo piano l’importanza della reputazione, a cui dedichiamo tre storie. La prima riguarda le politiche svolte da Unipol per mantenere il primato – riconosciuto nella classifica 2020 ‘Italy Reptrack’. Mentre Sec Newgate presenta True, una piattaforma per misurare la comunicazione di un brand o di un prodotto, utilizzando l’intelligenza artificiale. E Lundquist, società di consulenza svedese, che aiuta i clienti a declinare il business sulle questioni della sostenibilità, percorso fondamentale per l’immagine delle aziende.
Miseria e nobiltà: con la guerra per l’eredità di Karl Lagerfeld siamo arrivati ad agosto. E poi… Ha un nome buffo, Buddybank, la app di servizi bancari firmati da Unicredit, che punta a una clientela giovane e rappresenta un laboratorio di innovazione.
RaiCinema crede nella ripartenza delle sale bastonate dal Covid e prima di tutte presenta il suo listino, fra film americani e proposte italiane d’autore.Il mondo dell’audiovisivo ha un nuovo importante player europeo: Mediawan Alliance, che apre ai soci Xavier Niel, fondatore di Iliad, Matthieu Pigasse, uno dei più influenti uomini d’affari francesi e il produttore Pierre-Antoine Capton. Del gruppo fa parte anche Carlo Degli Esposti, con la responsabilità del drama a livello globale.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lucentis, il TAR annulla la delibera della Regione Lombardia che limitava la rimborsabilità del farmaco

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

A pochi giorni dalla sentenza del Tribunale di Roma che ha assolto Novartis dall’accusa di aggiotaggio, il gruppo farmaceutico ottiene un altro importante riconoscimento delle sue ragioni nell’ambito della lunga e controversa vicenda Lucentis/Avastin.
Il TAR della Lombardia ha infatti accolto il ricorso che Novartis aveva presentato contro la delibera con la quale la Regione Lombardia poneva forti limiti alla rimborsabilità di Lucentis.Con questa disposizione, del luglio 2019, la Regione Lombardia riduceva in modo molto sensibile il rimborso delle terapie anti-VGF per il trattamento dei pazienti affetti da degenerazione maculare, di fatto imponendo ai medici solo l’utilizzo off- label di Avastin®. Quest’ultimo prodotto veniva così a trovarsi, per evidenti ragioni di puro risparmio economico, in una condizione di vantaggio rispetto a tutti i farmaci approvati dall’autorità regolatoria europea (EMA) e italiana (AIFA) per la patologia in questione, tra i quali Lucentis, di Novartis, ed Eylea®, di Bayer.
Accogliendo il ricorso di Novartis il TAR ripristina le condizioni esistenti prima dell’entrata in vigore della delibera lombarda: ogni medico potrà dunque prescrivere la cura che giudica più appropriata per il singolo paziente, sulla base della propria valutazione professionale e delle caratteristiche del paziente stesso, senza essere vincolato da limitazioni di natura economica. Novartis precisa inoltre che, per quanto riguarda i costi di Lucentis, l’accordo raggiunto con l’autorità regolatoria permette al Servizio Sanitario Nazionale di avere a disposizione il farmaco a un prezzo equo e sostenibile, lontano dalle cifre che erano circolate sui media e analogo a quello dell’altro farmaco regolarmente approvato per la stessa indicazione terapeutica.La sentenza attuale del TAR rafforza ulteriormente l’evidenza che Novartis ha sempre agito nell’interesse dei pazienti, in particolare per quanto riguarda l’appropriatezza e la sicurezza dei trattamenti, requisiti che rappresentano, in oftalmologia come in ogni area terapeutica, una priorità assoluta per il Gruppo.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Vacanze al Romantik Hotel Weisses Kreuz di Burgusio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

Burgusio (BZ) Dal 6 al 13 settembre, dal 20 al 27 settembre e dal 4 all’11 ottobre 2020, il Romantik Weisses Kreuz celebra le Settimane attive, conducendo gli ospiti nei luoghi più affascinanti dell’Alta Val Venosta. Il pacchetto comprende 3 escursioni guidate con la guida alpina Edy, un’escursione al sorgere del sole con colazione sulla malga, un tour in e-bike con la padrona di casa Marlene, acquagym e gettate di vapore in sauna. Il prezzo per una settimana è a partire da 728 euro a persona.
L’albergo è una perla architettonica dove stube gotiche e stanze rinascimentali si fondono con camere moderne dalle ampie vetrate, connubio di tre epoche diverse. La parte più antica della struttura, la Tenuta Zum Löwen, risale al 1236 ed è tutelata dalle belle arti. Ospita 9 suite con legni pregiati e artigianato d’autore, granito della Val Martello, bagno turco privato fra mura secolari.Qui l’estate ha l’odore dell’erba appena tagliata e della terra calda. Custodisce antiche tradizioni e sapori autentici, come il pane scuro con le pere, e invita a vivere la libertà di avventurarsi tra sentieri immersi in paesaggi straordinari che guardano al monte Ortles, esplorare le cave di marmo di Lasa, seguire percorsi in mountain bike, scorgere laghi alpini come il mitico Lago di Resia con il campanile sommerso o i Laghi del Prete a 2mila metri di altitudine, cercare itinerari avvincenti come l’anello 360° Alta Val Venosta con 9 tappe nei paesini nella valle o magari andare alla scoperta delle oltre 80 pittoresche malghe e baite ad alta quota.La cucina guidata dallo Chef Marc Bernhart è un tripudio per i sensi, armonia gourmet di sapori alpini, piatti mediterranei e gusti internazionali. Mentre il centro benessere Aura Mea è una carezza per il corpo e l’anima, con la sua piscina esterna panoramica collegata alla piscina interna, le saune, la silent lounge con lettini ad acqua, l’idromassaggio esterno e l’esclusiva Private Spa.
Fino all’8 novembre 2020, con una prenotazione di almeno 7 notti si può approfittare di un prezzo speciale. Ricco buffet di prima colazione con delizie fatte in casa, cena con menu a scelta di 5 portate e buffet d’insalate, una volta la settimana buffet di dolci con pasticceria fatta in casa, aperitivo della domenica con bocconcini e menu di gala di 6 portate, utilizzo dell’Aura Mea Spa (con piscina coperta collegata con la piscina scoperta (30°), idromassaggio panoramico all’esterno (36°), spaziosa area sauna in abete (90°) con vista panoramica, biosauna al cirmolo (60°), bagno turco (40°), silent lounge con lettini ad acqua e lume di candela, area riposo con lettini relax, coperte coccolanti e luce per lettura, luminosa sala relax con vista mozzafiato sulle montagne, terrazza panoramica con posti a sedere e lettini, teelounge con snacks, piccolo giardino con lettini), programma attivo (2 escursioni guidate, esercizi aquagym nella piscina coperta o scoperta, noleggio gratuito di mountain bike, zaini, racchette e borracce, la Venosta Card con tanti vantaggi e inclusa la Mobil Card e tanto altro ancora.

Posted in Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Tumore al polmone: Una terapia mirata di nuova generazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 19 agosto 2020

E’ ensartinib. Migliora in modo significativo la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule con riarrangiamento del gene ALK. Lo dimostra uno studio internazionale di fase III, presentato sabato scorso, al simposio presidenziale, in forma virtuale, della Conferenza mondiale sul tumore del polmone (WCLC 2020) dell’International Association for the Study of Lung Cancer (IASLC). Lo studio eXalt3, che ha coinvolto 290 persone, ha evidenziato una sopravvivenza libera da progressione mediana di 25,8 mesi nei pazienti trattati con ensartinib rispetto a 12,7 mesi con crizotinib (lo standard di cura al momento dell’avvio dello studio).L’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano è uno dei nove centri in Italia che hanno partecipato alla sperimentazione. “Fino al 2011, cioè all’arrivo degli inibitori di ALK di prima generazione, questi pazienti avevano come unica opzione la chemioterapia – spiega il Professor Filippo de Marinis, Direttore della Divisione di Oncologia Toracica allo IEO -. Nonostante i progressi ottenuti, circa la metà dei malati trattati con queste terapie mirate, di cui crizotinib è il capostipite, sviluppava metastasi cerebrali. Da qui la necessità di trovare nuove armi, gli inibitori di ALK di seconda generazione, in grado di rispondere a necessità cliniche ancora insoddisfatte. Ensartinib, come evidenziato nello studio eXalt3, non solo raddoppia la sopravvivenza libera da progressione rispetto a crizotinib, ma garantisce anche una buona qualità di vita grazie all’ottima tollerabilità. Non sono presenti effetti collaterali come diarrea, anemia, astenia e crampi muscolari, registrati invece con farmaci della stessa classe. In questo modo, i pazienti possono condurre una vita normale. Non solo. Ensartinib ha una maggiore capacità selettiva, perché blocca solo il gene ALK, responsabile della proliferazione del tumore, senza colpire altri bersagli molecolari”. Circa il 70% delle persone con tumore del polmone non a piccole cellule ALK positivo è privo di metastasi cerebrali. “Lo studio – continua il prof. de Marinis – ha anche dimostrato che ensartinib garantisce un’alta protezione contro le nuove metastasi cerebrali. In questi casi, infatti, la sopravvivenza libera da progressione non è ancora stata raggiunta e si stima che possa avvicinarsi a 40 mesi, in base a dati di proiezione. Nelle persone che già presentano metastasi cerebrali, il tasso di risposta globale è stato del 64% rispetto al 21% con crizotinib. Va evidenziato che tutti i pazienti con metastasi cerebrali hanno mostrato una riduzione del tumore che, nel 64%, è stata superiore al 30% del diametro tumorale, riferimento per qualificare la risposta globale”.
Nel 2019, in Italia, sono stati stimati 42.500 nuovi casi di tumore del polmone. Il 5-7% presenta riarrangiamento del gene ALK. “I pazienti ALK positivi di solito sono giovani, di età inferiore ai 55 anni, e non fumatori – afferma il prof. de Marinis -. Queste alterazioni contribuiscono alla crescita incontrollata delle cellule tumorali. Nei fumatori, servono alcuni decenni perché il cancro del polmone si sviluppi, cioè perché l’azione cancerogena del fumo di sigaretta determini mutazioni genetiche nelle cellule. Invece, nei pazienti ALK positivi, il processo tumorale non è causato da fumo di sigaretta ed è molto rapido, perché questa mutazione genetica è altamente proliferativa. Le terapie mirate, nell’ultimo decennio, hanno consentito passi in avanti molto importanti, infatti la sopravvivenza mediana in questi malati supera i 7 anni. L’obiettivo è rappresentato dalla cronicizzazione della neoplasia. Per questo è importante offrire ai pazienti armi sempre più efficaci e ben tollerate”.
“I risultati dello studio – conclude il dr. Giovanni Selvaggi, Chief Medical Officer di Xcovery – dimostrano che ensartinib è potenzialmente la molecola più efficace della sua classe. Ci auguriamo che i pazienti possano accedere quanto prima alla nuova arma. Attendiamo l’approvazione da parte dell’ente regolatorio americano (FDA) entro luglio 2021 e da parte dall’agenzia europea del farmaco (EMA) entro gennaio 2022. Ed è importante che anche ai pazienti italiani sia garantita la disponibilità in tempi brevi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Leave a Comment »