Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 312

Archive for 26 agosto 2020

XXXII Civitafestival

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Civita Castellana (VT) 3 settembre 2020. Forte Sangallo, imponente fortezza in terra falisca costruita nel 1495 su volere di Alessandro VI Borgia è la suggestiva scenografia del triplo appuntamento teatrale della trentaduesima edizione del CivitaFestival. La consuetudine frastagliata dell’averti accanto di Marco Andreoli, diretto e interpretato da Daniele Pilli e Claudia Vismara, produzione di La fabbrica dell’attore, il 3 settembre apre la staffetta teatrale del XXXII CiviteFestival. Un testo che parla di coppia, di quell’universo criptico che sono le relazioni, del loro lento disgregarsi, dell’ostinazione con cui a volte ci si accanisce per mantenere con se stessi una facciata, una parvenza di felicità… un testo che parla di tempo, di fisica quantistica, di quelle scelte che si compiono nella vita e che una volta compiute la segnano per sempre. Di quanto un istante, a volte, faccia la differenza, tra la vita e la morte. Un approccio drammaturgico che trae ispirazione dalle teorie dei ‘Multiversi’ di Everett, esplorando il concetto di simultaneità del tempo nelle infinite possibilità di ogni singola scelta.
La consuetudine frastagliata dell’averti accanto di Marco Andreoli, diretto e interpretato da Daniele Pilli e Claudia Vismara, produzione di La fabbrica dell’attore, il 5 settembre prosegue con In Exitu, dall’omonimo romanzo di Giovanni Testori, nell’adattamento, interpretazione e regia di Roberto Latini con musiche e suono di Gianluca Misiti, e il 6 settembre si conclude con La Pianista Perfetta, prodotto dalla Compagnia MauriSturno, testo i Giuseppe Manfridi con Guenda Goria e Lorenzo Manfridi, regia di Maurizio Scaparro. Tre appuntamenti nel segno del grande teatro che portano in scena, tra storia e contemporaneo, due produzioni raffinate e originali.
Il teatro al CivitaFestival prosegue il 5 settembre con Roberto Latini che affronterà la furente inventività linguistica di In exitu (1988) e darà vita e corpo alla parola testoriana. La proposta teatrale del XXXII CivitaFestival si conclude il 6 settembre con La Pianista Perfetta, prodotto dalla Compagnia MauriSturno, testo i Giuseppe Manfridi con Guenda Goria e Lorenzo Manfridi, regia di Maurizio Scaparro. http://www.civitafestival.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La fine del super dollaro?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Commento a cura di Roberto Rossignoli, Portfolio Manager di Moneyfarm. Il dollar index, che traccia la performance del dollaro con le altre 10 valute più importanti, è caduto del 10% dal punto di massima a marzo. Dato la dimensione mastodontica del mercato finanziario americano, e il peso ciclopico di azioni e obbligazioni a stelle e strisce negli indici globali, quando il dollaro si muove è fondamentale per chi investe analizzare cause e conseguenze della dinamica.Il dollaro è la valuta di riserva a livello mondiale e come tale anche la valuta più scambiata sui mercati. Il petrolio viene prezzato in dollari (anche se la recente volatilità del mercato del petrolio in dollari ha favorito l’ascesa del mercato in yuan) e molti paesi del mondo accettano il dollaro come valuta corrente o hanno legato la propria valuta al dollaro. Il valore del dollaro è sicuramente influenzato dagli stessi fattori che influenzano le altre valute: livello degli scambi, quantità di valuta in circolazione, estensione della base monetaria.Tutti questi fattori sono in definitiva riconducibili alla fiducia globale dell’egemonia statunitense, che rendono il biglietto verde la divisa considerata più sicura per conservare valore, sia da parte di privati sia da parte di istituzioni come le banche centrali. La forza del dollaro permette al governo Usa e alla Fed di adottare misure politiche e fiscali estremamente significative senza intaccare il valore della moneta in modo eccessivo. Esistono tuttavia dei limiti.
Dal punto di vista fiscale il Congresso sta discutendo un nuovo pacchetto di stimoli che probabilmente avrà la dimensione di 1.500 miliardi di dollari. Quando i tassi vengono tagliati e la base monetaria (la quantità di moneta in circolazione) viene aumentata così tanto rispetto a quella di altre valute, è evidente che sia le richieste di dollari, sia il valore relativo della moneta sono destinati a scendere.Le implicazioni sono piuttosto ampie. Le valute dei mercati emergenti tendono ad aumentare il proprio valore con un dollaro più debole (taper tantrum 2013). Tuttavia, questa volta sembra che il dollaro si sia indebolito soprattutto a spese di altre valute forti come l’euro, lo yen e il franco svizzero. Bisogna ricordare che molti Paesi Emergenti sono alle prese con dinamiche recessive molto dure a causa della pandemia e non è scontato che nel medio termine riescano ad avvantaggiarsi del dollaro debole. Bisogna ricordare che:
L’economia americana ha mostrato molta resilienza e probabilmente si avvia verso una ripresa più veloce nel 2021; questa dinamica – se si verificasse – andrebbe a compensare gradualmente l’indebolimento del biglietto verde nel medio termine.
La Fed non agisce in modo isolato. Per quanto l’espansione monetaria – e quella fiscale – sia stata chiaramente più pronunciata che in altre geografie, la storia ci insegna che le principali banche centrali mondiali tendono nel tempo a colmare il gap di policy con la Federal Reserve.
Detto questo, e considerato anche il punto di partenza che vede un dollaro comunque ai massimi storici, probabilmente nei prossimi mesi potremmo assistere a un graduale riposizionamento del dollaro nei confronti dell’euro e a un parziale ritorno della volatilità da un punto di vista valutario.
Questi dati indicano un ambiente difficile. I comunicati sugli utili raccontano una storia di buone prestazioni aziendali in un ambiente difficile. Il contesto macro sembra ancora impegnativo, mentre le valutazioni – sia per le obbligazioni che per le azioni negli Stati Uniti – sono elevate rispetto ai loro standard storici. Le nostre previsioni di rendimento a lungo termine suggeriscono ancora che le azioni genereranno un rendimento migliore delle altre asset class, con rendimenti obbligazionari prossimi allo zero in gran parte dei mercati sviluppati, anche se è probabile che tali rendimenti saranno inferiori rispetto al passato. All’interno dello spazio azionario, una domanda importante è fino a che punto le azioni statunitensi possono continuare a sovraperformare il resto del mondo come hanno fatto negli ultimi anni. Scommettere contro le azioni statunitensi a grande capitalizzazione è stato un perdente costante, e i risultati del II trimestre spiegano perché. La combinazione di una composizione settoriale favorevole, una crescita più forte e una maggiore redditività hanno ampiamente compensato la valutazione iniziale più elevata. Questo mix è difficile da battere. E in un mondo in lenta ripresa, è probabile che i vincitori continueranno a vincere, a meno che non intervenga la politica. (Abstract – fonte: http://www.moneyfarm.com)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Viva Wallet offre ai propri clienti anche il servizio Apple Pay

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

E’ il primo provider Europeo di servizi di pagamento interamente basato su cloud. E’ un metodo più sicuro, affidabile e privato che consente di eseguire il pagamento senza la necessità di dare la propria carta a qualcun altro, di toccare pulsanti fisici o di scambiare denaro contante – e utilizza la potenza di iPhone per proteggere ogni transazione.I clienti devono semplicemente avvicinare il proprio iPhone o Apple Watch a un terminale per effettuare un pagamento contactless. Ogni acquisto Apple Pay è sicuro perché autenticato con Face ID, Touch ID o passcode del dispositivo, oltre a un codice univoco di sicurezza dinamico temporaneo. Apple Pay è accettata nei negozi di alimentari, farmacie, taxi, ristoranti, caffetterie, punti vendita e in molti altri esercizi commerciali.I clienti possono utilizzare Apple Pay anche su iPhone, iPad e Mac per effettuare in modo più veloce e conveniente acquisti in app o sul Web utilizzando Safari senza dover creare un account o digitare ripetutamente i dati di spedizione e fatturazione. Apple Pay semplifica anche il pagamento per i servizi di consegna di prodotti alimentari e food delivery, acquisti online, trasporto e parcheggio. Apple Pay può anche essere utilizzato per effettuare pagamenti in app su Apple Watch.Sicurezza e privacy sono al centro di Apple Pay. Quando i clienti utilizzano la propria carta Mastercard Viva Wallet con Apple Pay, i numeri della carta non vengono memorizzati sul dispositivo né sui server Apple. Al contrario, viene assegnato un codice univoco Device Account Number, crittografato e memorizzato in totale sicurezza nel Secure Element, un chip certificato e progettato allo scopo di archiviare le informazioni di pagamento in modo sicuro sul dispositivo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vendemmia 2020, tanta qualità ma si selezionano i vigneti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

La vendemmia per le terre del Soave è prevista per il 20 di settembre, solo qualche giorno di anticipo rispetto agli scorsi anni, con una garganega allungata e spargola e con le acidità che sono aiutate dalle importanti escursioni termiche che si stanno registrando e che sono ottimali per la freschezza ma anche per i profumi floreali di fiori d’acacia e camomilla del Soave.
«Ci stiamo preparando a una vendemmia da un lato estremamente promettente, dall’altro con qualche nuvola all’orizzonte – dice Sandro Gini, presidente del Consorzio – il nostro Consorzio si è dimostrato reattivo e in grado di rispondere alle problematiche che ci si sono poste davanti e siamo sicuri che saprà reagire con prontezza anche in futuro.»
Una stagione metereologica come la 2020 non si vedeva da diversi anni. Preceduta da un inverno mite e siccitoso, il germogliamento è partito con sostanziale anticipo rispetto alla stagione precedente. I mesi di aprile e maggio sono stati perturbati e piovosi, e le basse temperature registrate hanno rallentato la corsa delle viti per arrivare alla fioritura in giugno in perfetto stato. I mesi estivi hanno registrato temperature senza estremi, ventilazione e un perfetto apporto idrico che hanno portato le vigne a essere rigogliose e sane, senza attacchi di peronospora o altre malattie.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spartizione tra Russia e Turchia nel silenzio del governo italiano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

“A Misurata una base navale turca, a Sirte quella russa. La spartizione della Libia nel silenzio attonito del governo. Traditi gli interessi vitali dell’Italia”. Lo scrive su twitter il senatore Fratelli d’Italia, Adolfo Urso, vicepresidente del Copasir, secondo cui “il ministro degli Esteri spieghi in Parlamento quella che appare come la più grave sconfitta della nostra storia repubblicana. Il destino dell’Italia non si gioca a Pomigliano ma nel Mediterraneo dove stiamo perdendo su tutto il fronte. In Libia come in Libano, in Siria come nel Mediterraneo orientale, altre Nazioni occupano il ruolo che era dell’Italia”.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuove raccomandazioni per le iniezioni intravitreali

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Le iniezioni intravitreali potranno essere eseguite in ambulatori chirurgici dedicati e non più soltanto nelle sale operatorie, grazie a procedure più snelle, ma altrettanto sicure, che consentiranno di erogare un maggior numero di terapie ai pazienti affetti da maculopatie. È la principale novità contenuta nelle nuove raccomandazioni sulle iniezioni intravitreali per le patologie che coinvolgono la parte della retina che serve per la visione distinta, ovvero la macula, stilate da un gruppo di esperti dell’Associazione Italiana Medici Oculisti (A.I.M.O.). “Si tratta di una novità assoluta per l’Italia, ritenuta inconcepibile fino a poco tempo fa- commenta Giuseppe Lo Giudice, consigliere di AIMO, tra i principali autori delle raccomandazioni- con queste nuove indicazioni, che abbiamo redatto basandoci interamente sui dati dalla evidenza scientifica, ci allineiamo finalmente al resto dei Paesi europei e non solo, dove già da tempo le iniezioni intravitreali possono essere eseguite anche in un ambulatorio chirurgico, rispettando ovviamente le caratteristiche di sterilità nella preparazione del farmaco e nella procedura stessa a prescindere dall’emergenza sanitaria legata al Covid-19, perché tali procedure dovranno essere rispettate sempre”.
Le iniezioni intravitreali di sostanze terapeutiche (IVT) sono prestazioni ambulatoriali riportate nei nuovi Livelli essenziali di assistenza (DPCM del 18 marzo 2017) e nel Nomenclatore nazionale delle prestazioni ambulatoriali (al codice 14.79). Ma qual è la loro importanza per il paziente con patologia maculare? “Per questa tipologia di pazienti le iniezioni intravitreali sono fondamentali- risponde Lo Giudice- perché al momento rappresentano l’unica forma di terapia in grado di garantire loro la conservazione o la riduzione della perdita visiva”. In Italia ogni anno vengono eseguite “migliaia” di iniezioni intravitreali, ma nel 2020 “a causa del Covid-19, molte ne sono andate perse. Ancora non sappiamo quante con esattezza- spiega il consigliere di AIMO- però stiamo cercando di arrivare ad una stima di pazienti persi al follow-up mediante uno studio multicentrico che vede coinvolti nella raccolta dati numerosi centri di Oculistica in Italia”. Se il paziente non esegue un’iniezione programmata, può capitare che insorga “una perdita irreversibile della vista, con la conseguenza che le punture successive non siano più in grado di controllare la patologia”.Ma tornando alle raccomandazioni di AIMO in merito all’esecuzione delle iniezioni intravitreali, alle procedure pre e post-prestazione, al setting chirurgico e alla presa in carico del paziente pre, durante e nel corso di follow-up, il loro scopo è fornire indicazioni basate su EBM (Evidence based medicine), letteratura scientifica disponibile e International expert consensus. “Ci siamo ispirati alle raccomandazioni di Euretina, la società europea degli specialisti della retina, soprattutto per quanto riguarda il setting chirurgico- spiega Alberto Piatti, referente di AIMO per le patologie retiniche, anche lui tra i principali autori delle raccomandazioni- Quello che vogliamo proporre è una semplificazione della procedura per far accedere più pazienti alle terapie, la procedura infatti prevede un ambulatorio chirurgico dedicato alle iniezioni intravitreali e non più una sala operatoria vera e propria. Questo non vuol dire abbassare le attenzioni e ridurre le prudenze, ma semplicemente allinearsi ad una normativa già diffusa in moltissimi Paesi europei (come Francia, Inghilterra, Germania), e non (come Stati Uniti e Canada), dove l’ambulatorio chirurgico è utilizzato da tempo per questo tipo di terapie”. Utilizzare un ambulatorio chirurgico dedicato alle iniezioni intravitreali significa “ampliare la platea dei potenziali utenti, che non saranno più costretti a rivolgersi esclusivamente agli ospedali- prosegue Piatti- Durante l’emergenza sanitaria questo ha tra l’altro rappresentato un problema, perché molti pazienti hanno rinunciato ad andare in ospedale per timore di contrarre il virus”. (fonte Agenzia Dire)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Multa dell’Antitrust a Sixthcontinent

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Un primo importante passo verso la giustizia. È il commento delle associazioni dei consumatori Codici ed Aeci, che aderiscono alla Federazione Consumatori Italiana insieme ad Aiace e Konsumer, in merito alla multa inflitta dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a Sixthcontinent. Attiva nell’ambito della pubblicità online e dell’e-commerce, in particolare nell’offerta e nella vendita di shopping card attraverso la piattaforma sixthcontinent.com, la società ha ricevuto una sanzione di 4 milioni di euro per condotte ingannevoli e aggressive.“Questa multa – dichiarano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici, ed Ivan Marinelli, Presidente di Aeci – conferma quanto denunciamo da mesi. La convenienza economica prospettata dalla società è stata ingannevole ed i consumatori sono stati danneggiati da condotte aggressive. Prima Sixthcontinent ha negato, poi ha minimizzato, ora ha scaricato la colpa su una presunta truffa perpetrata da alcuni utenti. Riteniamo sia arrivato il momento che la società si assuma le sue responsabilità e risarcisca i consumatori. È quello che chiediamo con la class action che abbiamo avviato e che ha raccolto centinaia di adesioni”.Il giudizio dell’Antitrust è netto. Come appurato dall’Autorità, Sixthcontinent ha bloccato gli account di molti clienti in modo ingiustificato, ha ostacolato il rilascio di shopping card dei vari merchant e ne ha ritardato più volte l’attivazione, ha convertito forzosamente le proprie shopping card dal valore promesso e spendibile sulla piattaforma in crediti da usare sulla stessa, ha svalutato la percentuale dei crediti utilizzabili per l’acquisto delle shopping card dei vari merchant dal 50% all’1-3%, ha ridotto in modo significativo il numero e l’importanza di shopping card acquistabili e degli altri servizi di pagamento fruibili in precedenza con il saldo e con i crediti accumulati. Infine, in alcuni casi la società ha omesso il rimborso delle somme versate per l’acquisto delle shopping card e ha offerto solo crediti spendibili sulla piattaforma ormai priva di molti servizi di pagamento prima utilizzabili. Le condotte accertate hanno coinvolto complessivamente oltre 500 mila consumatori.Sui siti http://www.codici.org e http://www.euroconsumatori.eu sono disponibili i moduli di adesione alla class action.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Talvolta la storia ci insegna qualcosa sui mali di oggi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Allora si poteva evitare un bagno di sangue “rivoluzionario” se solo il giovane re Luigi XIV avesse ascoltato, tra le altre, le parole del filosofo e pedagogista Fenelon che indirizzò al re aspre critiche elencando gli errori sia commessi in politica estera sia interna, disattendendo così gli elementari principi e calpestando gli inalienabili diritti nella persona dei suoi sudditi, pensando esclusivamente a “rendere grande il suo nome e potente lo Stato”. All’immagine del principe sovrano e del monarca assoluto con poteri illimitati, auspicato dal filosofo Hobbes, fa riscontro quella del principe illuminato e del monarca costituzionale voluto dai filosofi: l’olandese Spinoza e l’inglese Locke come difensori dei diritti del singolo e assertori della libertà dei popoli. Vi furono nazioni che compresero il messaggio di questi ultimi come la Gran Bretagna e l’Olanda mentre non sortì lo stesso effetto in Francia e altrove. Oggi se è stato superato l’assolutismo monarchico, non è stato così per gli altri assolutismi a partire dalle logiche del consumismo di stampo capitalista, dall’imperialismo che si regge sugli inneschi delle bombe atomiche, delle minacce batteriologiche, delle guerre chimiche e si nutre degli arrembaggi pirateschi per il controllo delle risorse energetiche mondiali, e per finire allo sfruttamento delle aree depresse. Persino l’ordinamento giuridico ispirato da Montesquieu che vedeva nella tripartizione dei poteri non tanto la sovranità del popolo, come nel contratto sociale di Rousseau, ma un reciproco controllo inteso ad evitare la preminenza di un potere sull’altro, oggi è stato messo in crisi dall’arroganza di chi ci ha governati, pur restando ancorati in linea di principio ad una democrazia compiuta. È caduto il comunismo, dopo settanta anni di sognatori e di fieri oppositori per un ideale di vita, ma ancora vi sono i nostalgici che richiamano il passato per farlo rivivere al presente, ma in loro non c’è futuro. Sia chiaro. L’idea era e resta buona. È mancato, semmai, il modo di rappresentare il diverso con uomini giusti. E l’errore prosegue se anche tra i leader cosiddetti di sinistra oggi parlano di riforme mentre il prezzo più alto sono i ceti meno abbienti a pagarlo.  Così tutte le cose che la politica propone hanno un grosso limite: non riescono ad andare oltre la barriera del presente e il “male oscuro” è sempre lo stesso: l’idea del potere che ci rende homo homini lupus. È e resta, come lo fu, dal fallimento della rivoluzione ateniese a oggi, una negatività che si riflette un po’ da tutte le parti. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Where are you going to live?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Dove andrai a vivere? Ho l’impressione che non sono pochi coloro che stanno ponendosi, o lo hanno già fatto o temo che lo faranno, la domanda sul proprio futuro e quello che è sintomatico incominciano a porsela da giovanissimi ma non ne sono immuni, al tempo stesso, i più anziani. Inizialmente ho pensato che si trattasse solo di una moda e come tale destinata a durare una stagione per poi rientrare nei ranghi della normalità. Ora non lo penso più e ritengo che si tratti di un problema più serio e duraturo nel tempo. Ne consegue l’interrogativo: perché? E sia chiaro non mi riferisco allo stimolo migratorio legato all’indigenza ma a quanti si sentono indotti ad evadere perché non riescono più a riconoscersi nell’ambiente in cui sono nati. Sono a volte le piccole cose che vanno in uggia e fanno montare sempre più il senso del diverso che non riesce a maturare dove predomina il conservatorismo mentre intorno si annuncia il risveglio di nuove sfide culturali e pratiche di vita e che i residenti non riescono a cogliere nella loro interezza. E non è solo, ovviamente, una questione anagrafica. La differenza e il conformismo sono trasversali. E non è nemmeno una mera diversità di opinioni. È qualcosa di più. È questa la spinta che porta ad evadere, ad esplorare mondi nuovi, a fare nuove conoscenze a saggiare un rapporto diverso tra coetanei e non solo. Forse il nomadismo è nato proprio da questo impulso atavico, da questa voglia di confrontarsi, di misurarsi, d’esplorare, di conoscere. È una sfida contro il tempo, le avversità della natura, le diffidenze degli autoctoni, le difficoltà di adattamento ma anche la consapevolezza di saper accettare la provocazione e di saperla gestire al meglio. A ben riflettere penso che sia l’unico modo per sentirsi realizzato e ad avere una visione della vita più appagante e motivata. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Democrazia e governance: gli scenari del domani prossimo venturo

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Si ha l’impressione che a molti stia sfuggendo la carica negativa determinata dall’internazionalismo liberal-democratico, lasciato a briglie sciolte, e la possibilità che vi sia una minoranza in grado d’incidere sul potere dei decisori alterandone le loro azioni in termini politici ed economici globali. Gli effetti distorsivi sono evidenti e si possono riconoscere sia nei movimenti di protesta che si sono sviluppati su base nazionale, quali quelli femministi, ambientalisti e pacifisti, sia nella diffusione di nuove identità sovraniste da una parte e, dall’altra, di nuove nozioni di cittadinanza globale. Se a questo punto ci soffermiamo sugli effetti che tali linee di tendenza producono dal basso verso l’alto, in chiave movimentistica, e la capacità mediatica di determinarli, gli effetti che determinano possono diventare devastanti. Lo diventano, senza dubbio, sulla stessa democrazia e governance rendendola incapace di fronteggiare le minacce alla coesione sociale e i conseguenti rischi ecologici e politici della globalizzazione. Il tutto rileva un avvitamento in senso regressivo e involutivo dei regimi politici esistenti, sia in chiave democratica sia autoritaria, e che possono mettere in seria difficoltà la stessa rappresentatività della democrazia, a livello mondiale, come noi la conosciamo e ci interfacciamo.
Ciò ha, senza dubbio, una valida spiegazione che si può riassumere in un solo modo: non siamo preparati affrontare in maniera adeguata i due momenti cruciali della nostra identità esistenziale. Lo sono la crescita demografica fuori controllo e lo sviluppo tecnologico sempre più avanzato che rende evidente il surplus umano rispetto alle intelligenze innovative. In altri termini non possiamo convivere, nel giro di pochi anni, con una popolazione mondiale di nove miliardi di abitanti con un ecosistema già ora in profonda crisi esistenziale e uno sviluppo tecnologico innovativo la cui è eccellenza è quella di servirsi di pochi per gestirne il corso. L’umanità in crescita diventa a questo punto una “eccedenza” intollerabile e foriera di forti conflitti degenerativi. Come uscirne in modo meno indolore? È questo il punto. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le nostre crisi di identità

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Fin dai primi vagiti cerchiamo di farci notare e ad allargare la nostra sfera d’influenza. Nel prosieguo ogni momento della nostra esistenza diventa un’occasione per farci distinguere e a centrare l’attenzione degli altri su di noi. Questa tendenza non è solo individuale ma collettiva. Il grande oratore affascina con la sua eloquenza e si procura dei fan che in un certo qual modo si identificano con lui e tendono ad appropriarsi dell’ascendente che promana per sentirsi parte di una comunità di pensiero e comportamentale affine. Se questo aspetto lo rapportiamo all’agire politico odierno forse è più agevole comprendere il nostro atteggiamento nei confronti di chi scende in piazza, è ripreso dai media nei talk show o nelle interviste compresa la carta stampata. Incominciamo con il notare che la cartina di tornasole si ripone tutto nel saper esercitare l’eloquenza come arma di comunicazione di massa cogliendo con abilità i nostri punti più sensibili nel nostro vedere gli eventi della vita e di ricercare chi sa metterli in mostra con sagacia e fermezza. Tutto questo, ad esempio, potrebbe spiegare gli “umori” degli italiani nei confronti di taluni politici. Penso al successo elettorale di Matteo Renzi alle europee del 2014. E’ bastato poco per suscitare in noi una speranza di rinnovamento dei politici, della loro classe dirigente e del loro modo di gestire gli eventi nel corso d’opera. Ma gli è bastato un passo falso per far crollare la sua leadership. Da qui la ricerca affannosa per scuotere l’immobilismo esistente. Fu trovato, nell’immaginario collettivo, nel carisma esercitato da Grillo e dal suo Movimento. Divenne il classico grimaldello per cercare di rendere consapevoli i responsabili dei partiti tradizionali che era caduto il carisma ideologico e che era il popolo con la sua sete di giustizia, onestà e franchezza di idee e modo di esporle per fare la differenza con il passato. Ma se è l’ascendente di taluni per procurarsi sostenitori vi è anche il rovescio della medaglia nella perdita di fiducia nel sentire popolare se l’eroe del giorno tradisce questo rapporto fiduciario non nutrito con sincerità ma con l’inganno. Lo è stato per Renzi con la sua famosa frase: “Enrico stai sereno…” e qualche giorno dopo lo accoltellò alle spalle. Renzi giura che non fu intenzionale ma a poco serve se è percepito diversamente dal popolo degli elettori. Ora è la volta di Matteo Salvini e gli chiediamo, riesumando una famosa frase latina: Quousque tandem abutere patientia nostra? (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’Italia e le leggi ignorate

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Qualcuno ha provato a calcolare quante leggi vi sono in Italia ma arrivato a un certo numero astronomico vi ha rinunciato. Eppure, se ci guardiamo in giro molte di loro sembrano inesistenti tanto che non sono pochi coloro che ne invocano di nuove. Se a questo riguardo apriamo il discorso chiedendoci chi dovrebbero farle rispettare pensando alla magistratura o rivolgendoci al legislatore per darne una sostanziosa sforbiciata per ridare le restanti più visibili e ottimizzarne l’applicazione nella fattispecie pratica, notiamo una logica consolidata negli anni di chi presenta una sordità cronica a tali impegni. Sembra che non ci rendiamo conto, o meglio lo sappiamo ma fingiamo di ignorarlo e il che è ancora peggio, che se vogliamo un sistema paese efficiente bisogna, e con urgenza, porvi mano con determinazione e soprattutto in maniera risolutiva.
Direi che ai tanti programmi che ogni partito si appresta a redigere ad uso e consumo degli elettori edulcorandolo di promesse, e soprattutto di illusioni, potremmo farne carta straccia in modo radicale proponendo una sola riforma: quella della giustizia e con essa con leggi chiare dove l’evasore fiscale sappia che se individuato rischia subito ed in tempo reale senza rinvii e passaggi ai vari gradi di giudizio che in Italia significa farsi beffe delle leggi. Che chi delinque per reati comuni potrà contare in processi che non richiedono anni per la sentenza definitiva pur nel rispetto dei diritti dell’incriminato. Quante volte un cittadino si sente una nullità al cospetto della farraginosità delle procedure per farsi riconoscere un diritto o una tutela d’ordine amministrativo nei confronti di un privato o di una pubblica amministrazione? Alla fine, se subisce uno scippo, un borseggio, un furto in casa o una truffa telematica preferisce non denunciarli tanto, pensa, non riusciranno a prendere i colpevoli e se lo fanno nel giro di qualche anno ce lo ritroviamo a reiterare lo stesso delitto. E il poliziotto che ferma in flagrante un ladruncolo di certo si sentirà stressato se lo rivede il giorno dopo in libertà e nello stesso posto dove lo ha bloccato in precedenza a commettere lo stesso reato. E dalle piccole vicende di criminalità di strada alle truffe in grande stile ci ritroviamo fatalmente con un paese difficilmente governabile e se diciamo che vogliamo mettere le manette ai grandi evasori facciamo ridere i polli. (Riccardo Alfonso)

Posted in Confronti/Your and my opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I separati in casa: la coppia Salvini-Berlusconi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

È davvero uno strano destino quello che sta vivendo in questi giorni l’ex-cavaliere. Spuntato agli onori della cronaca politica nel lontano 1994 con un colpo di reni da maestro riuscendo ad imporre agli elettori di quel tempo il MSI retto da Gianfranco Fini e a lanciarlo, con i suoi fan della prima ora, nell’avventura parlamentare e di governo sparigliando tutti gli avversari, mentre oggi è finito nelle mani di un leghista e l’abbraccio è di quelli che non si possono rifiutare sebbene non lo fa da protagonista, ma da guitto. La scena che più mi ha colpito è stata impietosamente ripresa dalla telecamera di una emittente televisiva che ci ha mostrato un volto disfatto mentre si dirigeva per l’ultimo saluto verso l’auto dove Salvini era già salito e che subito dopo è partita sgommando. Ritrovandosi solo davanti ai microfoni si è limitato a poche parole di circostanza e ad affermare che “lui si fida di Salvini”. Strane parole, davvero. Forse non si è del tutto reso conto che i tempi sono mutati e che la partita non si gioca solo nei salotti del “palazzo”, ma tra la gente e che questo popolo che pure si è fidato di lui sta sistematicamente abbandonandolo. Emergono altre figure, il paese è in ginocchio, i suoi abitanti si sentono assediati da politici inaffidabili, da promesse che non possono mantenere e da una gestione della cosa pubblica dominata da interessi personali e vanagloriosi. Penso ai 70 miliardi di euro elargiti alle banche che si sono ridotte alla bancarotta per favorire gli amici degli amici mentre milioni di italiani diventano sempre più poveri anche se hanno un lavoro. Penso a un ex presidente del consiglio che in vena di grandeur prende in affitto un aereo, a spese dello Stato, per 150 milioni di euro perché non vuol essere da meno del presidente degli Stati Uniti o dei sultani orientali con il loro oro nero. Penso anche che ci siamo ritrovati con un’Italia a due facce dove da una parte vi è una minoranza che si crede baciata dalla fortuna e si esprime con arroganza verso i più deboli e l’altra che è maggioranza ma non riesce ancora ad avere la consapevolezza della propria forza e dei numeri che potrebbe esprimere per una svolta politica significativa. E con questo andante adagio tra slanci e regressi l’Italia va avanti titubante. (Riccardo Alfonso)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Meloni: i clandestini vanno rimpatriati, non coccolati e regolarizzati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

“La Bellanova in lacrime aveva raccontato che la sanatoria di massa dei clandestini fatta dal Governo in piena crisi coronavirus serviva ad aiutare le aziende agricole e a salvare i braccianti dal caporalato. Era una menzogna, ovviamente, e ora i dati ufficiali lo certificano: su 207.000 regolarizzazioni, l’85% riguarda sedicenti colf e badanti (uomini), che con ogni probabilità si licenzierà appena ottenuto il permesso di soggiorno. Gli italiani sono stanchi della furia immigrazionista della sinistra e del M5S, ” Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Isoclima vince il Louis Schwitzer Award

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Il prestigioso Louis Schwitzer Award 2020 a Isoclima, azienda leader nello sviluppo di soluzioni trasparenti innovative con sede a Este (PD) e con cinque stabilimenti produttivi in Italia, Croazia e Messico. Isoclima è nel team che si è aggiudicato il riconoscimento che ogni anno la sezione dell’Indiana della SAE International, insieme con i tecnici della IndyCarSeries (organizzatore della 500 miglia di Indianapolis), attribuisce alle soluzioni tecnologiche in grado di migliorare le prestazioni, la sicurezza o l’efficienza energetica delle auto da corsa, le apparecchiature a supporto del pilota e della pista di Indianapolis. Nello specifico, gli ingegneri di Isoclima, nel team composto da Red Bull, Pankl, Dallara, Aerodine Composites e PPG, hanno sviluppato e realizzato Indycar Aeroscreen, un innovativo parabrezza che garantisce maggiore sicurezza al pilota: può infatti resistere ad un proiettile da 1 kg lanciato a 350 km/h e assicura perfetta visibilità, non si appanna, non si graffia ed è idrofobico.Isoclima, che ha fatto delle soluzioni innovative trasparenti il proprio punto di forza, opera anche nei settori navale, balistico, dell’architettura, aerospaziale, ferrotranviario, oltre che nell’automotive. «Soluzioni come l’Indycar Aeroscreen nascono dalla volontà di applicare il nostro importante know-how di produzione nel raggiungere forme complesse, con aspetti ottici ed estetici elevati», prosegue Cavallari. Può sembrare banale, ma un parabrezza applicato ad auto ad alte prestazioni deve garantire una perfetta visibilità, senza distorsioni; deve rispondere a sollecitazioni dinamiche molto elevate e deve resistere, proteggendo il pilota, anche ad oggetti che possono arrivargli contro. Drammatico precedente è, ad esempio, l’incidente avvenuto a Felipe Massa nel 2009, quando durante le prove del GP di Ungheria fu colpito da una molla che gli forò il casco. «Il punto di partenza è stato proprio questo: proteggere la testa del pilota», osserva Marco Bertolini, capofila del progetto per Isoclima. «Abbiamo iniziato a sviluppare una soluzione simile con Red Bull nel 2016, rispondendo a un’esigenza della Formula 1. Il progetto è stato successivamente perfezionato dal 2019 per la Formula Indy, raccogliendo gli elementi dell’halo e superando il progetto precedente. L’obiettivo è stato quello di proteggere il pilota sia da oggetti di grandi dimensioni – pensiamo ad esempio ad uno pneumatico -, sia di piccole dimensioni». Nello specifico, Isoclima non solamente ha sviluppato e realizzato il parabrezza, ma ha anche progettato il telaio composito per il fissaggio sulla vettura. Prosegue Bertolini: «L’Indycar Aeroscreen è un parabrezza laminato realizzato da due lastre di policarbonato unite insieme con un intercalare poliuretanico nel quale è annegato un sistema a microfili riscaldanti che permette il disappannamento in condizioni ambientali particolari. Ha un trattamento anti-graffio e idrofobico sia sulla superficie esterna, sia su quella interna che serve a migliorare la durabilità del prodotto e a rimuovere con più facilità l’acqua, migliorando la visione in caso di pioggia. Per quanto riguarda il telaio, abbiamo attinto dalla nostra esperienza maturata nei vetri per gli elicotteri e la abbiamo applicata al motor sport. Il parabrezza così montato resiste ad un oggetto di 1 kg lanciato a oltre 350 km orari. Inoltre, l’Aeroscreen può resistere anche 150 kN di forza (15 tonnellate) grazie alla struttura in titanio realizzata per la stampa in 3D da Pankl».

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Le faglie dell’Appennino centrale studiate con un metodo innovativo multidisciplinare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Attraverso una innovativa analisi multidisciplinare, risultato delle osservazioni geodetiche di circa 20 anni e di un gran numero di dati aggiornati sulla direzione dello sforzo tettonico, è possibile quantificare la velocità del movimento delle faglie attive dell’Appennino centrale. Questo approccio potrebbe essere decisivo per determinare meglio la velocità del movimento delle faglie in un modo completamente innovativo e complementare alle classiche ed affidabili tecniche geologiche. È quanto è stato fatto nello studio “Partitioning the Ongoing Extension of the Central Apennines (Italy): Fault Slip Rates and Bulk Deformation Rates from Geodetic and Stress Data” pubblicato sulla rivista ‘Journal of Geophysical Research – Solid Earth’. La ricerca, che ha coinvolto competenze geodetiche, geologiche e modellistiche dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), è stata condotta in collaborazione con il Department of Earth, Planetary, and Space Sciences dell’University of California di Los Angeles (UCLA).
Come è noto, i terremoti sono generati da faglie, grandi piani in corrispondenza dei quali porzioni della crosta terrestre si muovono in tempi geologici l’una rispetto all’altra parallelamente al piano della faglia stessa. La velocità media su tempi geologici con cui questo processo avviene, chiamata slip rate nella letteratura scientifica, è un parametro cruciale perché quantifica il potenziale di ciascuna faglia all’interno dei modelli elaborati per valutare la pericolosità sismica di una data regione.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vietare il fumo di sigaretta all’aperto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Dalla Spagna arriva un’importante novità, due regioni (Galicia e Canarie, ma il divieto è in studio anche in altre aree) hanno deciso di per contrastare la diffusione del Coronavirus attraverso il fumo delle sigarette. Per gli esperti, infatti, nelle zone in cui non è possibile garantire la distanza di almeno due metri tra una persona e l’altra, fumare comporterebbe rischi per la diffusione del patogeno, ciò perché fumando la persona rilascia “droplets” le goccioline che possono portare al contagio.La correlazione statistica tra fumo e decessi è spaventosa già di suo, un vero e proprio genocidio; ogni anno il fumo uccide 7 milioni di persone (saranno 8 milioni entro il 2030), come se di colpo fosse cancellata la città di New York; in Italia 80 mila persone l’anno perdono la vita per malattia causate dal fumo di sigaretta.Secondo alcuni studi scientifici poi vi sarebbe una correlazione diretta tra il fumo ed il rischio di sviluppare forme più gravi della malattia, aumenterebbe il rischio di ventilazione artificiale e ricovero in terapia intensiva, oltre che di morte.Codacons: “Si tratta di prendere una scelta importante, anche se impopolare – afferma il Presidente del Codacons, Marco Donzelli – sappiamo che in Italia i fumatori rappresentano una grossa fetta della popolazione, ma è arrivato il momento di dare prevalenza alla salute pubblica. Fumare comporta dei rischi per la salute umana già di per sé, ma in un momento così difficile e particolare come quello che stiamo vivendo si tratta di prendere una scelta volta a tutelare la salute dell’intera popolazione. Dobbiamo combattere la diffusione del virus con ogni mezzo, per questo motivo chiediamo al Governo ed al Ministero della Salute di vietare il fumo di sigaretta all’aperto.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Arriva Rome Art Week

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

 

Roma. Nella quinta edizione di Rome Art Week riparte la collaborazione con il Miami New Media Festival e si apre la call dedicata a tutti i video artisti che parteciperanno a RAW 2020! I video selezionati saranno esposti, durante la settimana di Rome Art Week (www.romeartweek.com/it) all’evento del Miami New Media Festival (www.miaminewmediafestival.com), che si terrà presso una prestigiosa sede espositiva romana, che verrà rivelata a breve. La partecipazione è completamente gratuita e vi sarà inoltre l’opportunità di vedere la propria opera di videoarte esposta a Miami e nelle altre tappe mondiali del festival.
La tesi curatoriale di Miami New Media Festival 2020 è incentrata su proposte che esplorano le relazioni tra New Media Art e censura.Quest’anno, infatti, il Miami New Media Festival affronterà l’argomento New Media Art e censura nell’era dell’informazione: com’è possibile che le stesse piattaforme e dispositivi che consentono agli artisti di accedere a una fonte infinita di informazioni possano essere contemporaneamente strumenti per limitare e punire le creazioni d’arte in tutto il mondo?Il Miami New Media Festival è un evento inclusivo e si incoraggia la partecipazione di video-artisti di qualsiasi età, dai 16 anni in poi, e di qualsiasi genere, senza restrizioni di nazionalità o residenza. È aperto a tutti i tipi di pubblico, artisti, studenti d’arte, studiosi, istituzioni accademiche, curatori, collezionisti, istituzioni e aziende. Per iscriversi gratuitamente alla call italiana basta andare alla pagina web https://romeartweek.com/it/miami-new-media-festival. Le iscrizioni chiuderanno il 30 agosto 2020.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Settore armatoriale: misure urgenti per il sostegno e il rilancio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

In particolare, l’articolo 88 del Decreto recepisce quanto richiesto da Confitarma per dare un sostegno economico tangibile alle imprese armatoriali che operano con navi iscritte nei registri nazionali adibite ad attività di cabotaggio, anche crocieristico, bunkeraggio, nonché a deposito ed assistenza alle piattaforme petrolifere nazionali. Seppure limitata nel tempo, dal 1° agosto al 31 dicembre 2020, tale disposizione che estende l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali previsti
dalla legge n.30 del 1998 alle navi iscritte nel primo registro è di portata storica per il comparto. Infatti, da ormai un decennio tali unità non beneficiano di sgravi contributivi e le imprese che le operano stanno quindi soffrendo con particolare intensità la crisi attuale. L’articolo 89 contiene una prima risposta del Governo alla richiesta dell’armamento di colmare l’assenza nei precedenti provvedimenti di specifiche misure di sostegno al settore del trasporto passeggeri via mare che ha subito, e continua a subire, gli effetti dei provvedimenti delle Autorità nazionali ed internazionali per il contenimento dell’epidemia. In particolare, la misura istituisce un fondo con una dotazione iniziale di 50 milioni di euro per l’anno 2020, destinato a compensare la riduzione dei ricavi tariffari relativi ai passeggeri trasportati nel periodo dal 23 febbraio al 31 dicembre 2020 rispetto alla media dei ricavi registrata nel medesimo periodo del precedente biennio. L’efficacia della norma è comunque subordinata all’autorizzazione della Commissione europea che dovrà valutarne la compatibilità con il quadro normativo in materia di aiuti di stato ammissibili. Infine, l’articolo 38, su esplicita sollecitazione di Confitarma, prevede la proroga di un anno – fino al 30 giugno 2021 – della deroga che consente l’impiego di guardie giurate a bordo delle navi italiane, in
assenza dei corsi teorico-pratici, consentendo la protezione armata dei nostri equipaggi nelle aree a rischio pirateria.
“È stato un periodo molto intenso, sia per le nostre imprese che per l’Associazione – afferma Mario Mattioli, presidente di Confitarma – Negli ultimi sei mesi la Confederazione ha lavorato incessantemente per raggiungere importanti obiettivi per l’armamento, quali la ripartenza graduale e responsabile delle crociere, un sostegno tangibile al primo registro e al settore passeggeri, la sicurezza e l’avvicendamento dei nostri equipaggi, nonché’ lo sblocco ove possibile della macchina burocratica
al fine di non compromettere la competitività della flotta nazionale. Sappiamo che non è ancora finita e che sono molti i temi e le sfide che ci attendono. Alla ripresa dei lavori parlamentari monitoreremo attentamente l’iter di conversione del Decreto
Agosto, già efficace dal 15 agosto, che presumibilmente subirà modifiche ed integrazioni. Parimenti seguiremo, con il consueto spirito di collaborazione ed interazione con le Amministrazioni competenti, l’adozione dei decreti attuativi anche al fine di una pronta e corretta attuazione delle misure, evitando distorsioni concorrenziali e iniquità nei servizi di continuità territoriale. Da ultimo, speriamo possa essere accolta la nostra forte richiesta affinché, nel corso dell’iter di conversione del Decreto “Semplificazioni”, vengano inserite le prime urgenti misure di deburocratizzazione delle più obsolete normative e procedure marittime”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Importante scoperta archeologica

Posted by fidest press agency su mercoledì, 26 agosto 2020

Un nuovo studio scientifico presenta un’importante scoperta archeologica fatta in una grotta appartenente al complesso carsico di Frasassi del Comune di Genga nelle Marche. Allo studio del sito, effettuato da un gruppo di ricercatori internazionali guidato da Alessandro Montanari, direttore dell’Osservatorio Geologico di Coldigioco (MC), ha preso parte anche la Sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie dell’Università di Camerino, col paleontologo Marco Peter Ferretti che ha analizzato i reperti fossili negli scorsi anni.La ricerca, pubblicata nella Rivista Internazionale di Speleologia, disponibile al link https://scholarcommons.usf.edu/ijs/vol49/iss2/2/, ha permesso la mappatura della cosiddetta “Sala del Fuoco” nella Grotta del Fiume (complesso carsico di Frasassi) e l’analisi di reperti archeologici e paleontologici, come i resti di carbone di almeno quattro focolari, varie ossa di stambecco e manufatti in selce. Il materiale fu scoperto nel 1989 dal Gruppo Speleologico Marchigiano di Ancona e successivamente archiviato dalla Soprintendenza archeologica regionale.Lo mappa della grotta è stata effettuata con moderni strumenti di rilevamento, tra cui scanner laser terrestre e radar a penetrazione terrestre. Le datazioni al radiocarbonio ottenute sui resti di stambecco e sui carboni dei focolari hanno dato un’età di circa 16 mila anni, per cui la Sala del Fuoco rappresenterebbe uno dei pochi siti archeologici italiani datati radiometricamente riferibile all’ultimo Pleniglaciale. Inoltre, la datazione U-Th della calcite da speleotemi ha aiutato a ricostruire l’ambiente ipogeo nel momento in cui era frequentato dall’uomo. I manufatti litici, studiati da Gaia Pignocchi, archeologa di Ancona e coautrice dello studio, testimoniano una rara industria epigravettiana in quest’area dell’Appennino settentrionale. È stato anche rilevato un deposito peculiare di lastre di crosta di speleotemi accatastate in un angolo della caverna, che potrebbe rappresentare un tumulo funerario. L’ipotesi è che la Sala del Fuoco della Grotta del Fiume nel complesso carsico di Frasassi rappresentasse un luogo di culto utilizzato sporadicamente da pochi rappresentanti di una comunità locale di cacciatori epigravettiani durante l’ultimo periodo glaciale.Il termine Epigravettiano indica una cultura preistorica della fine del Paleolitico superiore, diffusasi in gran parte dell’Europa a partire da circa 20.000 anni fa, durante l’ultima fase glaciale (glaciazione würmiana). L’ambiente in Italia era molto diverso dall’attuale, i ghiacci e le nevi perenni scesero a 1400 m sul livello del mare. L’alto Adriatico emerse a causa della regressione marina. Nelle regioni tirreniche si alternavano paesaggi di steppa arborata a pino, ad aree di rifugio della vegetazione mediterranea. Le regioni adriatiche furono maggiormente esposte alle influenze continentali con ambienti di prateria montana, di tundra e, nelle fasi più aride e fredde, di steppa di tipo asiatico. Stambecchi, camosci, cervi, cavalli e uri rappresentavano la cacciagione preferita delle comunità umane dell’epoca, che si trovano prevalentemente in ripari sotto roccia e all’imboccatura di grotte.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »