Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 302

Istruzione: Docenti bloccati 5 anni nella scuola di immissione in ruolo

Posted by fidest press agency su martedì, 29 settembre 2020

I circa 30 mila insegnanti della scuola pubblica stabilizzati nel corrente anno scolastico dovranno necessariamente rimanere collocati per cinque anni nell’istituto scolastico loro assegnato. La disposizione, prevista nel Decreto Legge n.126 del 29 ottobre 2019 e nella Legge di conversione n. 159 del 20 dicembre 2019, prevede il blocco quinquennale di tutti i neo-immessi in ruolo nel corrente anno scolastico 2020/21 a prescindere dal canale/graduatoria di reclutamento (GaE, Concorsi 2016, Concorsi 2018, “call veloce”) e a prescindere dall’ordine o grado di istruzione interessato. Vi sono solo due eccezioni, legate al subentrare dello stato di soprannumerarietà e di assistenza di un familiare disabile. Anief ricorda che è attivo il ricoros al Giudice del Lavoro per coloro che hanno i requisisti previsti dalla legge 104/92. Anief ha predisposto un apposito ricorso con preadesione gratuita.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ricorda che “introdurre delle norme professionali illegittime ricade sulla testa dei lavoratori ed è inaccettabile. Perché il diritto al ricongiungimento alla famiglia non può essere negato, soprattutto quando è compatibile con quello lavorativo perché si è in presenza di cattedre vacanti e disponibili in sedi scolastiche più vicine ai propri affetti. Il vincolo introdotto dall’attuale Governo è anche alla base del clamoroso flop di immissioni in ruolo che ha contrassegnato la tornata di assunzioni 2020, con la maggior parte delle stabilizzazioni andate a vuoto su quasi 85 mila autorizzate dal Mef. Come sindacato, ci adopereremo in tutte le sedi possibili per eliminare il vincolo alla mobilità di 5 anni, a costo di rivolgerci alla Corte Costituzionale”. Il blocco di spostamento di sede per cinque anni non è una norma di poco conto. I docenti coinvolti nel blocco non avranno accesso, per un quinquennio, ai trasferimenti, ai passaggi di cattedra e passaggi di ruolo, né accedere alla mobilità annuale, quindi fruire di utilizzazione o assegnazione provvisoria. Il blocco quinquennale si estende anche alla richiesta di svolgere un incarico a tempo determinato ai sensi dell’art.36 del CCNL. Prima di presentare tali domande il docente dovrà avere svolto 5 anni di effettivo servizio nella scuola dove è stato assegnato in ruolo. Vi sono solo un paio di casi in cui sono previste delle eccezioni. “Il vincolo quinquennale – scrive Orizzonte Scuola – non si applica ai docenti che si trovano in una delle seguenti condizioni: docente soprannumerario; docente beneficiario dell’art.33 commi 3 e 6, della legge n. 104/1992. Nel primo caso il docente dichiarato soprannumerario, in seguito a contrazione nell’organico della scuola di titolarità, dovrà necessariamente presentare domanda di trasferimento anche se si trova nel quinquennio. Nel secondo caso il docente è titolare di precedenza per il trasferimento nel comune di residenza del familiare disabile al quale presta assistenza, anche se si trova nel quinquennio, a condizione che tali situazioni riferite alla legge 104 siano intervenute successivamente alla data di iscrizione dei concorsi o dell’aggiornamento delle Graduatorie ad esaurimento”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: