Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 335

Il colesterolo alto in giovane età aumenta il rischio cardiovascolare futuro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 21 ottobre 2020

Secondo uno studio pubblicato su Journal of the American College of Cardiology, alti livelli di colesterolo Ldl in giovane età (adolescenti e ventenni) aumentano il rischio di incorrere in problemi cardiovascolari nella mezza età. Inoltre, il rischio elevato persiste anche in coloro che riescono a ridurre tali livelli verso la fine dei trent’anni. «Il danno fatto alle arterie in giovane età può essere irreversibile e sembra essere cumulativo» ha spiegato Michael Domanski, della University of Maryland School of Medicine negli Stati Uniti. «Per tale ragione i medici potrebbero voler considerare di prescrivere cambiamenti nello stile di vita e anche farmaci per abbassare gli alti livelli di colesterolo Ldl nei giovani adulti in modo da prevenire i problemi in futuro» ha continuato il primo autore.Per la ricerca, che ha incluso quasi 5.000 partecipanti tra i 18 e i 30 anni, sono stati analizzati i dati di uno studio in corso (CARDIA, Coronary Artery Risk Development in Young Adults) iniziato ben 35 anni fa. Un modello matematico è stato poi utilizzato per comprendere in che modo il rischio cardiovascolare (attacco cardiaco, ictus, ostruzione dei vasi sanguigni e morte per malattia cardiovascolare) aumenti con l’aumento cumulativo dell’esposizione al colesterolo Ldl in un tempo medio di 22 anni. Ebbene, i partecipanti avevano più probabilità di essere colpiti da un evento cardiovascolare quanto più grande era l’area sotto la curva Ldl, una misura del tempo di esposizione e dei livelli del colesterolo Ldl nel tempo. Ma, a rappresentare la differenza di rischio non era solo l’area sotto la curva ma anche l’andamento temporale dell’esposizione. Un risultato interessante e importante secondo l’autore Charles Hong, che ha spiegato come questo sottolinei l’importanza degli screening regolari del colesterolo a partire dalla prima età adulta, in modo da ridurre il tempo con un’alta esposizione. Da notare che non vi è consenso in merito a come intervenire per abbassare il colesterolo Ldl nei giovani. Le linee guida dell’American College of Cardiology raccomandano di operare attraverso misure sullo stile di vita nell’adolescenza e di prendere in considerazione l’uso di farmaci ipolipemizzanti nei giovani tra i 20 e i 39 anni, soprattutto se in famiglia ci sono casi di cardiopatie a esordio precoce. Secondo Albert Reece, non coinvolto nello studio, questi risultati possono salvare numerose vite. «La comunità medica dovrebbe sedersi, prendere atto e reagire a questa importante nuova prova» ha affermato. (fonte Doctor33)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: