Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Covid-19: Isolamento o quarantena

Posted by fidest press agency su sabato, 7 novembre 2020

Ci sono due procedure diverse in caso di quarantena o di isolamento fiduciario, per gli iscritti Enpam – medici di famiglia, pediatri, specialisti Asl, liberi professionisti, odontoiatri. Lo spiega bene una circolare del governo del 12 ottobre scorso. Secondo cui: la quarantena inquadra i soggetti che sono contatti stretti di positivi al Covid-19, mentre l’isolamento fiduciario riguarda chi è risultato positivo al Covid-19. In particolare, per il Ministero della Salute, «l’isolamento (…) si riferisce alla separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità, in ambiente e condizioni tali da prevenire la trasmissione dell’infezione». La quarantena, invece «si riferisce alla restrizione dei movimenti di persone sane (…) che potrebbero essere state esposte ad un agente infettivo o ad una malattia contagiosa, con l’obiettivo di monitorare per la durata del periodo di incubazione l’eventuale comparsa di sintomi e identificare tempestivamente nuovi casi». L’isolamento è equiparato a malattia, dunque, mentre la quarantena è un caso particolare. Seguendo tale logica, per gli iscritti risultati positivi e posti in isolamento si apre una procedura che passa per 30 giorni di copertura a proprio carico (con l’eccezione di medici di famiglia e specialisti) e dal 31° giorno per l’erogazione dell’inabilità temporanea di quota B da parte della Fondazione. Quarantena – A chi è stato costretto a interrompere l’attività a causa di quarantena ordinata dall’autorità sanitaria, l’Enpam come da delibera del 13 marzo scorso eroga un contributo sostitutivo del reddito di 82,78 euro al giorno. Nei mesi scorsi sono arrivate agli uffici della Fondazione diverse domande da parte di medici e dentisti liberi professionisti per il sussidio di quarantena, accompagnate da certificati di malattia per Covid-19. In realtà, come chiarisce la circolare, l’isolamento da malattia esclude trattamento da quarantena e le richieste state, purtroppo, respinte a causa del probabile fraintendimento tra i termini isolamento e quarantena. Altra novità nella circolare riguarda i motivi della messa in quarantena e i tempi per “uscirne”. Poiché la quarantena riguarda i contatti stretti di casi di positività confermati ed identificati dall’autorità sanitaria, in caso di contatto stretto per i camici bianchi si aprono due possibilità: un periodo di quarantena di 14 giorni dall’ultima esposizione al caso oppure un periodo di quarantena di 10 giorni dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo effettuato il decimo giorno. È trattato come un caso di quarantena anche chi, non essendo positivo al Covid-19, deve isolarsi dalla comunità per eventuali altri motivi stabiliti dalle autorità, ad esempio: quando si rientra da paesi dove il contagio è dilagante e si è isolamento forzato in attesa del tampone. Per ricevere il sussidio di quarantena occorre allegare alla richiesta un documento del proprio medico di famiglia o dell’autorità sanitaria in cui sia indicato il periodo in cui è valida la misura di prevenzione. La domanda andrà presentata alla fine del periodo di quarantena e quindi di assenza dal lavoro. Il modulo per fare domanda è disponibile al link https://www.enpam.it/moduli/sussidio-sostitutivo-del-reddito-per-lepidemia-coronavirus/ Isolamento fiduciario – Per i positivi invece viene disposto l’isolamento fiduciario, siano essi sintomatici o meno, per un periodo che dura 10 giorni minimo dalla comparsa dei sintomi. Questo periodo non gode paradossalmente delle stesse tutele perché viene considerato malattia, e non malattia professionale – l’Inail ha dato un iniziale indirizzo favorevole ma qui non si tratta di medico a rapporto dipendente – ma sostanzialmente al pari di un’influenza. In tutti i casi di assenza per malattia fino al 30° giorno nel caso del medico di famiglia, ma anche del pediatra convenzionato o del libero professionista, ci vuole una copertura assicurativa per coprire le spese di sostituzione. I medici di famiglia e continuità assistenziale la pagano come categoria con una trattenuta dello 0,72% sulla busta paga; pediatri e liberi professionisti provvedono loro con propria polizza assicurativa. Dal 31° giorno, se la malattia si protrae, interviene l’Enpam e fa scattare la diaria per l’inabilità temporanea pari a euro 82,78 al giorno erogabile nei casi di malattia od infortunio ma anche, da quest’anno, come contributo sostitutivo per l’accertata perdita di reddito. Per inciso, lo specialista ambulatoriale è coperto dal Servizio sanitario nazionale per i primi 180 giorni di malattia. By Mauro Miserendino fonte Doctor33)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: