Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Scuola: Rinnovo del contratto

Posted by fidest press agency su domenica, 8 novembre 2020

Sul “tavolo” di concertazione con la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ci sono il rinnovo del contratto scaduto da due anni e le assunzioni dei precari: a ricordarlo è stato Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, nel corso di un’intervista rilasciata a Orizzonte Scuola. La posizione dell’Anief sul rinnovo contrattuale e sulle stabilizzazioni è inclusa nella memoria di 15 punti fondamentali consegnata la scorsa settimana al ministero dell’Istruzione al termine dell’incontro dello stesso presidente Anief con la ministra Lucia Azzolina. L’obiettivo del sindacato è riuscire a far inserire le sue proposte nella legge di Bilancio. Sul fronte del rinnovo dei contratti, il sindacalista ha ricordato che la ministra “ha riferito che il ministro Dadone sta cercando di mettere delle risorse aggiuntive per il rinnovo dei contratti dei dipendenti pubblici. Noi riteniamo – ha detto Pacifico – che rispetto ai 100 euro già previsti” con le ultime Leggi di Bilancio quanto meno “nelle more debbono essere messi almeno altri 80 euro per recuperare l’inflazione cresciuta negli ultimi 10 anni”.Il tema del contratto si intreccia con quello delle mancate stabilizzazioni. “Sul reclutamento abbiamo sottolineato che non riteniamo il concorso straordinario”, da oggi sospeso, “come la soluzione al male della supplentite. Questo percorso non deve essere selettivo ma ammettere alla graduatoria annuale chi ha 36 mesi di servizio. Soltanto riaprendo il doppio canale di reclutamento ai precari si può rispettare la norma comunitaria”.L’attenzione del sindacato è rivolta anche ad amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici. “Abbiamo ribadito” al Ministero “che sarà essenziale per il personale Ata rivedere i profili professionali”, andando ad introdurre quelle figure di coordinamento sinora mai attuate; per il personale docente c’è invece “da riconoscere il ruolo della vice dirigenza e per il personale precario la parità di trattamento dei diritti come il personale già di ruolo”.Poi c’è il problema degli investimenti che scarseggiano e della qualità dell’offerta formativa da elevare: “Non si può pensare – ha detto Pacifico – che in attesa del Recovery fund non si parli più delle classi pollaio. Abbiamo quindi chiesto al ministro di aprire il tavolo previsto dal protocollo sulla sicurezza per riformare i criteri restrittivi della legge 133 del 2008 che ha portato al licenziamento di più di 200mila insegnanti, 50mila amministrativi, 4mila sedi di presidenza e quindi posti di Dsga, alla dismissione di 15mila posti”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: