Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Archive for 11 novembre 2020

Compromesso sul bilancio a lungo termine UE

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

PE ottiene 16 miliardi in più per programmi chiave. Dopo 10 settimane di intense negoziazioni, martedì pomeriggio i deputati che negoziano in nome del Parlamento hanno concordato con la Presidenza del Consiglio le linee guida per un accordo sul prossimo Quadro finanziario pluriennale (QFP 2021-2027 – MFF in inglese) e sulle nuove risorse proprie. Il compromesso deve essere ancora approvato da entrambe le istituzioni. Il Parlamento ha ottenuto, nel compromesso, 16 miliardi di euro in aggiunta al pacchetto concordato dai capi di Stato e di governo al Vertice di luglio. Di questi, 15 miliardi di euro rafforzeranno i programmi faro dell’UE per proteggere i cittadini dall’attuale pandemia Covid-19, fornire opportunità alla prossima generazione e preservare i valori europei, mentre il restante miliardo di euro andrà ad aumentare la flessibilità di bilancio per far fronte a possibili esigenze e a crisi future. La massima priorità del Parlamento è stata quella di garantire aumenti per i programmi faro che rischiano di essere sottofinanziati, secondo l’accordo del Consiglio europeo del luglio 2020, e di mettere a repentaglio gli impegni e le priorità dell’UE, in particolare il Green Deal e l’Agenda digitale.I fondi aggiuntivi saranno attinti principalmente da importi provenienti da multe per la violazione della concorrenza leale (che le aziende devono pagare quando non rispettano le regole dell’UE), in linea con la richiesta originale del Parlamento che i fondi generati dall’Unione rimangano nel bilancio dell’UE.Grazie a questo compromesso, in termini reali, il Parlamento europeo, tra l’altro, triplica la dotazione per EU4Health, garantisce l’equivalente di un anno supplementare di finanziamento per Erasmus+ e assicura che i finanziamenti per la ricerca continuino ad aumentare. Per quanto riguarda la spesa dei fondi UE, il Parlamento ha assicurato che le tre istituzioni si riuniranno regolarmente per valutare l’attuazione dei fondi messi a disposizione. La spesa sarà effettuata in modo trasparente e il Parlamento, insieme al Consiglio, controllerà eventuali scostamenti dai piani nazionali precedentemente concordati. Lo strumento UE di ripresa (Next Generation EU) si basa su un articolo del Trattato UE (art. 122 del TFUE) che non prevede alcun ruolo per il Parlamento europeo. I negoziatori del PE hanno ottenuto una nuova procedura, che istituisce un “dialogo costruttivo” col Consiglio, sulla base di una valutazione della Commissione, al fine di concordare le implicazioni di bilancio di qualsiasi nuovo atto proposto sulla base dell’articolo 122.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Compromise on long-term EU budget: EP obtains €16 billion more for key programmes

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Bruxelles. On Tuesday, after ten weeks of intense negotiations, Parliament’s budget negotiators agreed with the Council Presidency on the outline of an agreement on the next Multiannual Financial Framework (MFF 2021-2027) and new Own Resources. The compromise needs to be endorsed by both institutions.In the compromise, Parliament obtained €16 billion on top of the package agreed by heads of state or government at their summit in July. €15 billion will reinforce flagship programmes to protect citizens from the COVID-19 pandemic, provide opportunities to the next generation, and preserve European values. €1 billion will increase flexibility to address future needs and crises.Parliament’s top priority was to secure an increase for flagship programmes that were at risk of being underfinanced under the European Council’s July 2020 agreement, jeopardising the EU’s commitments and priorities, notably the Green Deal and the Digital Agenda.The additional funds will be drawn mainly from amounts corresponding to competition fines (which companies have to pay when they do not comply with EU rules), in line with Parliament’s long-standing request that money generated by the European Union should stay in the EU budget. Thanks to this compromise, in real terms, the European Parliament inter alia triples the envelope for EU4Health, ensures the equivalent of an additional year of financing for Erasmus+ and ensures that research funding keeps increasing. Negotiators agreed to the principle that the medium- to long-term costs of repaying the debt from the recovery fund should neither come at the expense of well-established investment programmes in the MFF, nor result in much higher GNI-based contributions from member states. Therefore, EP negotiators have devised a roadmap to introduce new Own Resources during the next seven years. This roadmap is incorporated into the ‘Interinstitutional Agreement’, a legally binding text. In addition to the plastics-based contribution as of 2021, the roadmap includes an ETS (Emissions Trading System)-based Own Resource (from 2023, possibly linked with a carbon border adjustment mechanism), a digital levy (from 2024), and an FTT-based Own Resource as well as a financial contribution linked to the corporate sector or a new common corporate tax base (from 2026).Concerning the expenditure of Next Generation EU funds, Parliament secured that the three institutions will meet regularly to assess the implementation of funds made available on the legal basis of Art. 122. The expenditure will be spent in a transparent manner and Parliament, together with Council, will check any deviation from previously agreed plans.The recovery instrument (Next Generation EU) is based on an EU treaty article (Art. 122 TFEU) which does not provide for a role for the European Parliament. EP negotiators have also obtained a new procedure, setting up a “constructive dialogue” between Parliament and Council on the basis of an assessment by the Commission, in order to agree on the budgetary implications of any proposed new legal act on the basis of Article 122.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Frank Elderson recommended as member of ECB executive board

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Bruxelles. Dutchman Frank Elderson on Tuesday received the green light from the Economic and Monetary affairs committee to sit on the ECB’s executive board.Following a hearing with the candidate on Monday, committee MEPs on Tuesday voted 33 in favour of Mr Elderson occupying the post. 21 voted against and 3 abstained.This positive opinion will now be tabled for a plenary vote at the next plenary session of the European Parliament in the last week of November.Following the vote, the Chair of the committee, Irene Tinagli (S&D, IT) said, “I welcome that Frank Elderson was supported by a clear majority of the ECON committee, following his public hearing in ECON yesterday. Nevertheless, I would like to highlight the Parliament and the economic and monetary committee’s general concerns in relation to appointment procedures for positions on the ECB’s Executive Board, in particular as regards the issue of gender balance. I reiterate that Parliament has called for improved procedures in this regard and, in particular, for gender-balanced shortlists of candidates for future appointments.” During the hearing, various MEPs in fact expressed displeasure at having again not received a shortlist of candidates which included women. Some MEPs however also said that individual persons with the right credentials should not pay the price for an institutional dispute. MEPs also discussed the most pressing issues which face the ECB in the coming months and sought Mr Elderson’s views on these. These issues included the role of the ECB in greening the economy, the possibility of the ECB to think outside of its policy box in light of stubbornly low inflation, and the need to address state aid which continues to be delivered to struggling banks despite political will and legislation to avoid this. Questions were also put to Mr Elderson on whether the ECB’s target should be widened to include other goals than price stability, and on the role for the ECB in a single supervisory structure of the Capital Markets Union.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comunità ebraica in lutto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

“Grande cordoglio e vicinanza alla famiglia per la scomparsa di Renzo Gattegna, che per 10 anni ha guidato con passione e dedizione l’Unione delle Comunità ebraiche italiane impegnandosi con particolare attenzione e grande sensibilità nella direzione del dialogo, del confronto e della tolleranza”. Così, in una nota, il presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lotta al Covid-19: Corona d’oro per la pace al Prof.Foad Aodi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

La Fondazione “Memoriale Reale degli Ambasciatori di Pace in Marocco ha organizzato una conferenza scientifica sanitaria invitando Il Prof.Foad Aodi presidente Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi) e dell’Unione medica euro mediterranea (UMEM) nonché Membro Registro Esperti della Fnomceo ad illustrare le ultime notizie su Coronavirus e il Protocollo promosso da UMEM e Amsi in 72 paesi con domande e risposte dai numerosi partecipanti di ambasciatori della pace. Alla fine della conferenza ed il dibattito che e’ durato 3 ore il Presidente della Fondazione ha premiato il prof.Foad Aodi con l a corona d’oro per la pace per il suo impegno nell’emergenza Covid19 e per l’impegno costante di Aodi da Novembre 2019 a favore della salute di tutti tramite più di 1100 tra interviste ,conferenze stampa e video messaggi e dirette Facebook in Italia e nei 72 paesi Euro mediterranei, Terra Santa ,America ,Londra Iran ,Paesi del Golfo, Africa e Russia divulgando il protocollo contro il Coronavirus promosso dall’UMEM e dall’Amsi che illustriamo qui di seguito; 1-promuovere di più la terapia a domicilio in particolare al primo sintomo e nei primi 5 giorni; 2-Cura con vitamina D e C, Cortisone e Antibiotici, farmaco anti malaria, Ossigeno Ozonoterapia, Plasma Terapia, Eparina, Aspirina ed altri farmaci con approvata efficacia scientifica salvo contro indicazioni e su consiglio esclusivo dei medici senza affannarsi ad eseguire il tampone subito dopo il contatto; 3.Dopo il quinto giorno e in base ai sintomi concordarsi con il medico di famiglia e di fiducia si stabilisce come proseguire la terapia e in base alla sintomatologia da Covid 19 o altre patologie; 4.Non recarsi dal medico senza appuntamento; 5.Non recarsi all’Ospedale senza indicazioni precise e di necessità; 6.Isolamento fiduciario ai primi sintomi e contattare solo telefonicamente il medico di famiglia o il medico di fiducia anche per i familiari contagiati; 7.Il Covid si cura anche con la buona informazione e senza dichiarazioni politicizzate degli scienziati; 8.Promuovere una alleanza sanitaria mondiale per lo scambio delle buone pratiche; 9.Il Covid si cura curando anche l’ansia e la paura da allarmismo eccessivo e cattiva informazione; 10.Consigliare ai medici di effettuare le autopsie per sicurezza e qui è stato commesso un grande sbaglio che non sono state fatte abbastanza autopsie per confermare ancora di più il ruolo della trombosi nella morte dei pazienti contagiati da Coronavirus.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sull’Italia l’ombra grigia di un secondo lockdown

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Il premier Giuseppe Conte e la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina cercheranno fino all’ultimo di tenere aperte le scuole, come è giusto che sia perché la didattica in presenza è insostituibile. Da ministri Daniele Franceschini a Roberto Speranza, l’ala rigorista del Governo, arrivano però sempre maggiori pressioni per l’attuazione del fermo totale. Secondo il sindacato Anief, l’aumento incessante – intanto Emilia Romagna, Campania, Friuli Venezia Giulia e Veneto, secondo quanto apprende l’Ansa, sono le quattro Regioni per cui l’Istituto superiore di sanità, sulla base dei dati dell’ultimo monitoraggio, ritiene opportuno che siano anticipare le misure più restrittive – del numero di contagi unito alle criticità del sistema sanitario nazionale impone una riflessione anche per quella scuola che tutti noi abbiamo voluto aperta insieme al ministro dell’Istruzione e al presidente del Consiglio perché in primo luogo siamo educatori e proprio questo ruolo viene molto offuscato nella didattica a distanza. La nostra scuola, nonostante l’individuazione di protocolli di sicurezza rigorosamente fatti osservare dentro gli edifici, paga la colpa di comportamenti sbagliati fuori dalle aule e dalle classi, tra gli amici, in famiglia e soprattutto nella rete dei trasporti rilevatasi insufficiente. Di nuovo, l’Italia è spaccata: in alcune regioni sono chiuse tutte le attività produttive e le lezioni in presenza, nell’altra metà i servizi di ristorazione con una curva di aumento del contagio che ci fa supporre che presto tutta l’Italia possa diventare “rossa”.Marcello Pacifico, presidente Anief: “Qui non si tratta più di chiedere l’onore delle armi agli ultimi insegnanti e al personale Ata, che combattono isolati contro un virus invisibile anche se tracciabile, ma di preservare ancora gli ultimi ‘avamposti’ della difesa della salute di tutti noi. Parliamo, quindi, degli ospedali con i loro medici e degli infermieri. Certo, oggi si realizzano dieci volte il numero di tamponi rispetto a pochi mesi fa, siamo più preparati, conosciamo meglio il virus ma proprio per questo dobbiamo chiudere, purtroppo, e con dispiacere, anche le scuole. Sempre cercando di utilizzare al meglio gli strumenti della didattica a distanza a partire dal consentire a ognuno, docente o amministrativo, precario o di ruolo, studente al Sud come al Nord, di quegli strumenti informatici necessari per stare insieme a distanza, impiegando questo periodo di chiusura per riprogrammare investimenti per la nuova apertura del Paese in sicurezza”.Crescono i contagi da Covid19 e i ricoveri. In modo direttamente proporzionale salgono le quotazioni del lockdown, facendo tornare in vita lo spettro delle lunghe settimane di fermo generalizzato della passata primavera: non si tratta più di possibilità, ma di un rischio concreto dettato da una serie di motivazioni nemmeno necessariamente legate all’aumento di casi di positività al coronavirus.

Posted in scuola/school, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parlamento Europeo: sessione del 11-13 novembre 2020

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Bruxelles. Dibattito sull’esito delle elezioni negli Stati Uniti Mercoledì, i leader dei gruppi politici discuteranno l’impatto delle elezioni americane sulle relazioni tra UE e Stati Uniti e sulla politica globale. il PE vuole rafforzare il nuovo programma sanitario UE. I deputati dovrebbero chiedere un programma più ambizioso per colmare i divari fra i sistemi sanitari nazionali e garantire la capacità di fronteggiare le minacce alla salute pubblica. http://www.europarl.europa.eu/external/img/scribo_webmail_temp/scribo-webmail-arrow.pngIl Parlamento chiederà incentivi per gli investimenti per la transizione verde. In un voto che si terrà venerdì, i deputati proporranno i criteri per finanziare il Green Deal e il passaggio ad attività economiche sostenibili. Il dibattito si svolgerà mercoledì. Vaccini COVID-19: il PE vuole trasparenza sugli accordi UE di acquisto I criteri e le condizioni per l’acquisto dell’UE dei vaccini COVID-19 e il loro accesso saranno discussi giovedì con la Commissaria Kyriakides. COVID-19 e i valori europei: i principi democratici “devono prevalere” Giovedì, i deputati interrogheranno la Commissione sull’impatto delle misure nazionali sui valori UE, venerdì adotteranno una risoluzione per valutare la risposta alla “prima ondata”. Nuovo primo vicepresidente del Parlamento europeo. La Plenaria eleggerà giovedì un nuovo vicepresidente, in seguito alle dimissioni dal Parlamento europeo della deputata Mairead McGuinness che ha assunto l’incarico di Commissario europeo. Cina: protezione dei prodotti locali agroalimentari UE. Un accordo tra l’UE e la Cina per proteggere 200 specialità alimentari europee e cinesi dalla contraffazione sarà votato in Plenaria Dibattito con Josep Borrell sui crimini contro i giornalisti. Mercoledì, i deputati confermeranno il loro impegno a difendere il diritto alla libertà di espressione e le garanzie a tutela dei giornalisti.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Castelli, “Lavoriamo a nuovo pacchetto di norme Salva Imprese”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Roma – “Stiamo scrivendo la manovra nella quale rifinanzieremo quelle misure per la liquidità che abbiamo dato in questi mesi, soprattutto dopo il primo Lockdown, capaci di dare risorse come il fondo di garanzia PMI e altre misure. A queste vanno accompagnate delle norme. Stiamo facendo un pacchetto di norme capaci di dare più tempo alle imprese per riorganizzarsi, fare i piani di risanamento e i concordati. Questo perché non bastano solo norme per dare più liquidità ma bisogna dare più tempo in una situazione come questa.Altrimenti rischiamo di disperdere risorse importanti che sostengono le imprese ma che per guardare avanti hanno bisogno di più programmazione.Allunghiamo alcuni termini, nella tutela del creditore. Parliamo di piani di risanamento e concordati. Quindi quelle situazioni, nate durante il Covid, quindi di di emergenza che hanno fatto sì che ci siano dei problemi di liquidità e che quindi hanno bisogno di misure a sostengo della liquidità ma anche di termini diversi. E anticiperemo alcune misure già previste nel codice delle crisi di impresa, a tutela delle imprese”.Lo ha detto, nel corso della registrazione di “Porta a Porta” su Rai Uno, il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Herbert Pagani: arringa per la mia terra

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Il testo che segue fu scritto nel novembre del 1975, all’indomani della vergognosa mozione ONU che assimilava il sionismo al razzismo. L’autore lo diffuse, l’11 novembre 1975, dai microfoni dell’emittente Europe 1, e, nell’aprile 1976, alla televisione francese. La versione italiana, che viene qui riprodotta, è opera dello stesso autore. Oggi ve lo riproponiamo, perché, a tanti anni di distanza, ci sembra conservi tutta la sua drammatica attualità: “Di passaggio a Fiumicino sento due turisti dire, sfogliando un giornale: “Fra guerre e attentati non si parla che di ebrei, che scocciatori…” È vero, siamo dei rompiscatole, sono secoli che rompiamo le balle all’universo. Che volete. Fa parte della nostra natura. Ha cominciato Abramo col suo Dio unico, poi Mosè con le Tavole della Legge, poi Gesù con l’altra guancia sempre pronta per la seconda sberla, poi Freud, Marx, Einstein, tutti esseri imbarazzanti, rivoluzionari, nemici dell’ordine. Perché? Perché l’ordine, quale che fosse il secolo, non poteva soddisfarli, visto che era un ordine dal quale erano regolarmente esclusi; rimettere in discussione, cambiare il mondo per cambiare destino, questo è stato il destino dei miei antenati; per questo sono sempre stati odiati da tutti i paladini dell’ordine prestabilito. L’antisemita di destra rimprovera agli ebrei di aver fatto la rivoluzione bolscevica. È vero. C’erano molti ebrei nel 1917. L’antisemita di sinistra rimprovera agli ebrei di essere i proprietari di Manhattan, i gestori del capitalismo… È vero ci sono molti capitalisti ebrei. La ragione è semplice: la cultura, la religione, l’idea rivoluzionaria da una parte, i portafogli e le banche dall’altra sono stati gli unici valori mobili, le sole patrie possibili per quelli che non avevano una patria. Ora che una patria esiste, l’antisemitismo rinasce dalle sue ceneri, o meglio, scusate, dalle nostre, e si chiama antisionismo. Prima si applicava agli individui, adesso viene applicato a una nazione. Israele è un ghetto, Gerusalemme è Varsavia. Chi ci assedia non sono più i tedeschi ma gli arabi e se la loro mezzaluna si è talvolta mascherata da falce era per meglio fregare le sinistre del mondo intero. Io, ebreo di sinistra, me ne sbatto di una sinistra che vuole liberare gli uomini a spese di una minoranza, perché io faccio parte di questa minoranza. Se la sinistra ci tiene a contarmi fra i suoi non può eludere il mio problema. E il mio problema è che dopo le deportazioni in massa operate dai romani nel primo secolo dell’era volgare, noi siamo stati ovunque banditi, schiacciati, odiati, spogliati, inseguiti e convertiti a forza. Perché? …perché la nostra religione, cioè la nostra cultura erano pericolose.Qualche esempio? Il giudaismo è stato il primo a creare il sabato, il giorno del Signore, giorno di riposo obbligatorio. Insomma il week-end. Immaginate la gioia dei faraoni, sempre in ritardo di una piramide. Il giudaismo proibisce la schiavitù. Immaginate la simpatia dei romani, i più grossi importatori di manodopera gratuita dell’antichità. Nella Bibbia è scritto: “La terra non appartiene all’uomo, ma a Dio”; da questa frase scaturisce una legge, quella della estinzione automatica dei diritti di proprietà ogni 49 anni. Vi immaginate la reazione dei papi del medioevo e degli imperatori del Rinascimento? Non bisognava che il popolo sapesse. Si cominciò quindi col proibire la lettura della Bibbia, che venne svalutata come Vecchio Testamento. Poi ci fu la maldicenza: muri di calunnie che divennero muri di pietra: i ghetti. Poi ci furono l’indice, l’inquisizione e più tardi le stelle gialle. Ma Auschwitz non è che un esempio industriale di genocidio. Di genocidi artigianali ce ne sono stati a migliaia. Mi ci vorrebbero dieci giorni solo per fare la lista di tutti i pogrom di Spagna, Russia, Polonia e Nord Africa. A forza di fuggire, di spostarsi, l’ebreo è andato dappertutto. Si estrapola il significato e eccoci giudicati gente di nessun posto. Noi siamo in mezzo ad altri popoli come gli orfani affidati al brefotrofio. Io non voglio più essere adottato, non voglio più che la mia vita dipenda dall’umore dei miei padroni di casa, non voglio più affittare una cittadinanza, ne ho abbastanza di bussare alle porte della storia e di aspettare che mi dicano Avanti. Stavolta entro e grido; mi sento a casa mia sulla terra e sulla terra ho la mia terra. Perché l’espressione terra promessa deve valere per tutti i popoli meno che per quello che l’ha inventata? Che cos’è il sionismo? …si riduce a una sola frase: l’anno prossimo a Gerusalemme. No, non è lo slogan di qualche club di vacanza; è scritto nella Bibbia, il libro più venduto e peggio letto del mondo. E questa preghiera è divenuta un grido, un grido che ha più di duemila anni, e i padri di Cristoforo Colombo, di Kafka, di Proust, di Chagall, di Marx, di Einstein, di Modigliani, e di Woody Allen l’hanno ripetuta, questa frase, almeno una volta all’anno: il giorno della Pasqua. Allora il sionismo è razzismo? Ma non fatemi ridere. Il sionismo è il nome di una lotta di liberazione e come ogni movimento democratico ha le sue destre e le sue sinistre. Nel mondo ciascuno ha i suoi ebrei. I francesi hanno i còrsi, i lavoratori algerini; gli italiani hanno i terroni e i terremotati; gli americani hanno i negri, i portoricani; gli uomini hanno le donne; la Società ha i ladri, gli omosessuali, gli handicappati. Noi siamo gli ebrei di tutti. A quelli che mi chiedono: “e i palestinesi?” Rispondo “io sono un palestinese di duemila anni fa, sono l’oppresso più vecchio del mondo, sono pronto a discutere con loro ma non a cedergli la terra che ho lavorato. Tanto più che laggiù c’è posto per due popoli e due nazioni” Le frontiere le dobbiamo disegnare insieme. Tutta la sinistra sionista cerca da trent’anni degli interlocutori palestinesi, ma l’OLP, incoraggiata dal capitale arabo e dalle sinistre europee, si è chiusa in un irredentismo che sta costando la vita a tutto un popolo, un popolo che mi è fratello, ma che vuole forgiare la sua indipendenza sulle mie ceneri.C’è scritto sulla carta dell’OLP: “verranno accettati nella Palestina riunificata solo gli ebrei venuti prima del 1917″A questo punto devo essere solidale con la mia gente.Quando gli arabi mi riconosceranno, mi batterò insieme a loro contro i nostri comuni oppressori. Ma per oggi la famosa frase di Cartesio penso, dunque sono non ha nessun valore.Noi ebrei sono cinquemila anni che pensiamo e ci negano ancora il diritto di esistere.Oggi, anche se mi fa orrore, sono costretto a dire mi difendo, dunque sono.”

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Classifica italiana dei top vendor di Canalys

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Xiaomi, leader mondiale nella tecnologia, continua la scalata verso la vetta e in Italia conquista il secondo gradino del podio della classifica dei top vendor per smartphone spediti nel terzo trimestre del 2020, come confermato dall’ultimo rapporto Canalys (Q3 2020).Arrivata poco più di due anni fa in Italia, Xiaomi ha guadagnato una quota di mercato pari al 19%, registrando una crescita su base annua del +122%.“Siamo estremamente orgogliosi di questo risultato, perché dimostra che la strada seguita finora è quella giusta”, ha affermato Leonardo Liu, General Manager di Xiaomi Italia. “La nostra strategia ora si focalizzerà sul consolidamento e il mantenimento di questa posizione, ma con lo sguardo sempre rivolto al gradino più alto del podio. Continueremo quindi a lavorare instancabilmente per portare prodotti sempre più innovativi al maggior numero di persone, forti della convinzione che chiunque meriti una vita migliore grazie alla tecnologia più cool. Ci aspettano mesi senza dubbio stimolanti!”Il rapporto Canalys ha confermato l’inarrestabile crescita del brand anche a livello Europeo, dove Xiaomi mantiene il terzo gradino del podio della classifica dei top vendor per smartphone spediti nel terzo trimestre del 2020, con il 19% di market share e una crescita su base annua del +91%.Guardando all’Europa occidentale, Xiaomi sale di una posizione, classificandosi al terzo posto, con una quota di mercato del 13% e una crescita su base annua del +107%. Mentre in Spagna, si conferma il primo brand di smartphone per il terzo trimestre consecutivo, con un incremento annuo del 93%.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contrasto stoccaggio illegale rifiuti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Il disegno di legge “Terra Mia” costituisce certamente – a giudizio del WWF – uno strumento importante per contrastare chi, al Nord come al Sud d’Italia, crede di poter creare zone franche, autorizzate e non, in cui vengono abbandonati o stoccati illegalmente enormi quantità di rifiuti, anche pericolosi, dove spesso si sviluppano roghi tossici che rilasciano emissioni inquinanti, comportando gravi danni per la salute e mettendo a rischio l’incolumità dei cittadini. Da troppo tempo questi fenomeni si sono fatti più frequenti e diffusi in tutta Italia e il WWF ha promosso, nel corso del tempo, numerose azioni legali a sostegno delle autorità investigative. Ma a questo punto – rilancia il WWF – è urgente e necessario che il Consiglio dei Ministri approvi il provvedimento e lo trasmetta alla Camere perché inizi il percorso parlamentare. Tra le misure contenute nel DDL, per il WWF sono di particolare importanza l’aggravamento delle sanzioni penali per i reati di discarica abusiva, abbandono o deposito di rifiuti pericolosi da parte di soggetti privati e di combustione illecita di rifiuti e il riconoscimento dell’infiltrazioni della criminalità organizzata nelle attività di gestione illecita dei rifiuti (con modifiche del Codice Antimafia e del Codice Penale). Queste norme, contenute nel DDL “Terra Mia”, devono quindi trovare da parte del Governo e del Parlamento un’attenzione adeguata e tempestiva per porre finalmente un argine ad un fenomeno intollerabile.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“No a vendita Torre di Pasolini a Chia”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

“La Torre di Pasolini sita a Chi in provincia di Viterbo, dove è stato scritto “Petrolio” e dove il poeta è vissuto, è in vendita. Presenteremo un’interrogazione al ministro Franceschini affinchè la Torre possa essere acquistata dal privato e trasformata in un museo in onore dello scrittore. Ne va dell’eredità di uno dei più grandi artisti del ‘900. La Torre è un vero e proprio racconto autobiografico dell’autore, che a Chia, dove si trova, è ricordato come parte integrante della vita della cittadinanza. Purtroppo molti degli effetti personali di Pasolini, come dei preziosi arazzi, sono andati perduti o rubati. Già la Biblioteca Nazionale mise sotto la propria gestione e cura, riacquistando la proprietà degli effetti personali, case-museo per altri scrittori italiani. Auspichiamo che questa modalità possa essere garantita anche per Pasolini.” Così i deputati di FDI Federico Mollicone e Mauro Rotelli.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

American Express si concentra sulla trasformazione digitale per le PMI

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

American Express, società leader di servizi finanziari, Alibaba.com, la più grande piattaforma di e-commerce b2b al mondo, e webidoo, digital company italiana specializzata in servizi web, annunciano la nascita di una nuova offerta a sostegno delle piccole imprese.American Express ha scelto webidoo, un partner globale di Alibaba.com, per offrire un pacchetto di consulenza unico alle pmi, al fine di consigliarle su come sfruttare la piattaforma Alibaba.com con l’obiettivo di far crescere il proprio business. L’offerta è riservata esclusivamente ai titolari di American Express Business e Corporate Card in Italia.Le aziende partecipanti potranno usufruire di una sessione di consulenza individuale gratuita con webidoo, che lavorerà al loro fianco per analizzare le esigenze dei loro Clienti e supportare l’implementazione di strumenti di marketing digitale. La consulenza si concentrerà nel supporto alle pmi nella costruzione di un profilo sulla piattaforma di e-commerce b2b di Alibaba.com, offrendo consigli sulla creazione e gestione di una vetrina su Alibaba.com e su come gestire l’advertising. Questa consulenza a 360 gradi mira ad aiutare i clienti a cogliere le opportunità offerte dalla piattaforma Alibaba.com e a massimizzarne i vantaggi. American Express e webidoo stringono questa collaborazione nella convinzione che la digital transformation sia la chiave del successo per le pmi italiane. L’utilizzo di strumenti web appropriati fa accrescere il business online delle aziende garantendo loro un accesso privilegiato al mercato globale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Governo. Coronavirus: ci cadono le braccia. Difendersi da soli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Ci riferiamo alla vicenda della sanità calabrese, emblematica di quella nazionale. Il governo Conte1 (M5S-Lega) nominò un commissario alla sanità in Calabria, il quale davanti alle telecamere scopre che doveva predisporre il piano anti Covid. E’ licenziato in tronco dal governo Conte2 (M5S-PD) che nomina un successore (in isolamento perché positivo al virus), che è un medico igienista e pochi mesi fa, in un video, sosteneva la inutilità della mascherina e che per contrarre l’infezione occorreva limonare per almeno 15 minuti. Aggiungiamo che il neo commissario era candidato alle elezioni politiche con il partito del ministro della Salute, Roberto Speranza. Vero è che la nomina di un commissario ad acta è attribuita al presidente del Consiglio, ma la proposta è del ministro competente, cioè quella della Salute, vale a dire Speranza, che aggiunge benzina sul fuoco con una dichiarazione che ha dello sbalorditivo. Dichiara, infatti, il ministro Speranza: “Quel video è del tutto inappropriato e profondamente inopportuno. Il commissario si è scusato, ma viene da una stagione diversa in cui anche l’Oms parlava di mascherine per contagiati e sanitari. Ma 30 anni di curriculum non si possono cancellare con un video rubato. Credo che il messaggio di fondo sia far ripartire la sanità calabrese”. Insomma, la colpa è del video rubato.Ci chiediamo dove viva il ministro Speranza che dovrebbe tutelare la nostra salute.Non rimane che tutelarci da soli, seguendo le indicazioni più volte raccomandate: mascherina, distanza, niente assembramenti e lavaggio delle mani. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Galleria del Vento del Politecnico di Milano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

E’ un luogo unico nel suo genere. Struttura dal nome semplice, quasi giocoso, questo edificio del Campus Bovisa è in realtà un enorme laboratorio, il più grande in Europa, in cui si studia l’andamento del vento intorno ai corpi dalle più svariate forme e dimensioni. Come si legge su Genio & Impresa (genioeimpresa.it), il magazine online di Assolombarda, attraversando le varie stanze della Galleria è possibile assistere a simulazioni di raffiche di varia intensità, fino a 200 chilometri orari, e la loro interazione con elicotteri, ponti ed edifici, oppure con oggetti più piccoli e comuni, come il casco di un ciclista o di uno sciatore. Una sperimentazione continua, che ha come fine ultimo la realizzazione di mezzi ed infrastrutture efficienti, prestanti e sicuri. “La Galleria è luogo di ricerca di base per gli studenti e i ricercatori del Politecnico, ma anche di ricerca applicata e di servizio verso il nostro tessuto economico”, afferma Marco Belloli, direttore scientifico della Galleria dal 2001, anno della sua nascita, e custode del laboratorio insieme al responsabile tecnico Luca Ronchi. Molte grandi, medie e piccole imprese italiane, infatti, si sono affidate proprio alla Galleria del Vento per testare l’efficacia dei prodotti, affittando l’impianto per i giorni necessari alle prove. Un vero e proprio “noleggio del vento”, che nel corso degli anni ha interessato settori di varia natura: velivoli e costruzioni in primis, ma anche impianti fotovoltaici, tracker per pannelli solari, geomembrane usate come coperture e società di ingegneria strutturale. Con un occhio di riguardo per la sostenibilità: “Lavoriamo sull’efficienza energetica degli edifici o dei velivoli con il bando Ue Clean Sky, nel settore delle energie rinnovabili e dei pannelli fotovoltaici, oppure con le grandi navi da cargo che, grazie ad una rete di vele, consumano e inquinano di meno”. Ma che aspetto ha esattamente una galleria del vento? La struttura si presenta come un gigantesco tubo all’interno del quale passa l’aria che soffia nelle camere di prova; una più grande, in cui si testano gli effetti del vento su oggetti statici, e una più piccola, in cui si provano macchine che si muovono nell’aria ferma. Un impianto che si regge su una tecnologia raffinatissima, ma che a nulla servirebbe senza il fattore umano: nella Galleria del Vento scienza e ingegneria incontrano le eccellenze del sistema produttivo e nessuno esclude l’altro. Lo conferma il direttore Belloli: “Gli artigiani che costruiscono i modelli in scala e collaborano con noi da tanti anni sono una risorsa preziosissima perché senza di loro tutti i nostri studi non sarebbero possibili”. All’esterno dell’edificio ci sono poi due cabine di comando, i modelli di alcune strutture architettoniche che hanno fatto la fama di Milano, come il quartiere City Life e il Palazzo Italia di Expo 2015, treni ad alta velocità, navi e una vera e propria “wall of fame” con le firme di tutti gli atleti che hanno utilizzato le attrezzature testate dalla Galleria. Giusto per citarne alcuni: Alex Zanardi ed Elia Viviani. Al momento alla Galleria del Vento sono tanti i progetti sul tavolo e altrettanti i sogni da realizzare. Uno su tutti? La costruzione del ponte sullo Stretto di Messina.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Stefano Ventura: Storia di una ricostruzione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

In libreria per Rubbettino “Storia di una ricostruzione. L’Irpinia dopo il terremoto” di Stefano Ventura Aveva sei mesi, Stefano Ventura, quella tragica sera del 23 novembre 1980, quando in un minuto e mezzo l’Irpinia venne scossa inghiottendo nel buio e nel terrore quasi tremila persone. Stefano non può avere memoria di quelle ore drammatiche, ma i racconti che ha ascoltato e che ha mandato giù con il latte materno hanno fortemente condizionato la sua crescita così come quella di tanti ragazzi nati dopo il terremoto e che – scrive Stefano – portano i nomi delle tante vittime.Al terremoto Stefano ha dedicato i suoi studi universitari e un dottorato di ricerca in storia contemporanea, oltre a numerosi saggi e ricerche.Oggi, in occasione del quarantennale di quel tragico evento esce in libreria per Rubbettino un suo libro molto accurato dal titolo “Storia di una ricostruzione. L’Irpinia dopo il terremoto” in cui lo studioso racconta i problemi, le storie e i processi che hanno caratterizzato la ricostruzione dopo il terremoto con il supporto delle voci dei protagonisti, dei dati e delle cifre, di alcuni casi esemplari e utili alla comprensione.La riflessione sull’Irpinia non può che finire inevitabilmente per intrecciarsi con quella sulla ricostruzione di altri luoghi (come il Belice, il Friuli e i terremoti più recenti) che hanno subito eventi simili; affronta il tema delle prospettive di rilancio economico dell’area che vennero avanzate negli anni successivi, passando attraverso il ruolo che la criminalità organizzata ha giocato sui lavori post-terremoto, il libro affronta i cambiamenti nel tessuto urbanistico dei paesi colpiti, la storia del processo di industrializzazione e sviluppo e l’attuale collocazione dell’Irpinia anche all’interno della Strategia nazionale aree interne.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Affitti e seconda ondata Covid

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Il clima di incertezza e l’emergenza pandemica hanno avuto un effetto molto deleterio sul comparto degli affitti brevi: al momento il prezzo medio degli affitti brevi si è ridotto del 7% mentre l’ occupancy del 54,3%, il tutto al netto del periodo di lockdown. A registrare questi cambiamenti i dati di Hostmate.it, società specializzata in servizi dedicati ai proprietari di appartamenti. Secondo fonti interne a Hostmate è prevista una ulteriore riduzione del 25% del numero di appartamenti a disposizione per gli affitti brevi sui principali portali dedicati.Per quanto concerne l’affitto transitorio, quello superiori a 30gg, il prezzo al momento tiene, riducendosi solo del 5%, il tutto favorito dal cambio dell’abitudine dei consumatori (inquilini/turisti) e dalla possibilità di prenotare per periodi superiori a 30 giorni attraverso portali come Booking e Airbnb. Al momento il 70% del portafoglio in gestione da Hostmate risulta affittato attraverso questa formula.L’aumento della volatilità di mercato, generato dalla pandemia da Covid-19, ha aumentato la necessità da parte dei proprietari immobiliari di perfezionare i propri modelli previsionali di guadagno per poter prendere decisioni strategiche sulla base di dati di mercato aggiornati alla situazione attuale.Per rispondere a questo bisogno e permettere ai proprietari immobiliari di avere un quadro chiaro circa la migliore strategia di messa a reddito da adottare, Hostmate (www.hostmate.it) ha investito nel potenziamento dei propri tool di data & analytics lanciando l’Acceleratore Immobiliare.Attraverso i propri strumenti di analisi, affiancati dall’esperienza diretta sul campo, l’azienda identifica la migliore strategia di messa a reddito degli immobili sulla base dell’andamento corrente di mercato. Il tutto unito con le competenze nella gestione operativa di portafogli di immobili che permette l’implementazione delle soluzioni in tempi brevi ed in continuità.“I tool proprietari Hostmate – afferma Maurizio Sicuro, COO Hostmate – calcolano i guadagni attesi nell’arco dei prossimi 12 mesi in base a diverse soluzioni di messa a reddito: affitto breve, affitto transitorio e affitto lungo. In seguito, in base alla scelta del proprietario, Hostmate implementa la soluzione”. Fonte: http://www.hostmate.it.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I droni per lo studio di emissioni vulcaniche inaccessibili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Un team internazionale guidato dall’University College London (UCL, UK), che ha visto la partecipazione dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) con il gruppo di ricerca di Vulcanologia del Dipartimento DiSTeM dell’Università di Palermo, ha sviluppato e utilizzato una nuova tecnologia basata sull’uso dei droni per la misura dei gas vulcanici emessi dai vulcani attivi, dimostrando così che anche nei vulcani inaccessibili e pericolosi come il Manam (in Papua Nuova Guinea), i droni rappresentano l’unico modo per realizzare importanti misure per caratterizzarne lo stato di attività in condizioni in sicurezza. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Science Advances dell’AAAS (American Association for the Advancement of Science). Questo progetto ha utilizzato tecnologie innovative, cioè droni (Unmanned Aerial System – UAS) con a bordo apparecchiature miniaturizzate di campionamento, per raccogliere misure di gas vulcanici presso i vulcani di Manam e Rabaul in Papua Nuova Guinea. Questi sono dei forti emettitori di gas, ma poco si sa su di loro perché i pennacchi sono di difficile accesso usando tecniche terrestri, specialmente in caso di eruzioni.ABOVE sta cambiando il modo in cui gli scienziati campionano le emissioni di gas vulcanici attraverso lo studio condotto nell’ambito del Deep Carbon Observatory, una comunità globale di scienziati impegnati in una ricerca decennale che punta a una migliore comprensione del ciclo naturale terreste del carbonio.Nel mese di maggio del 2019, un team internazionale di scienziati ha intrapreso un’ambiziosa campagna di misure presso i due vulcani in Papua Nuova Guinea, entrambi tra i più prodigiosi emettitori di anidride solforosa sulla Terra e tuttavia privi di qualsiasi misurazione della quantità di carbonio emessa nell’atmosfera.Il team comprende scienziati provenienti da Regno Unito, Italia, Stati Uniti, Papua Nuova Guinea, Svezia, Germania e Costa Rica. Il progetto unisce diversi gruppi che lavorano sulle misurazioni dei gas vulcanici tramite droni in tutto il mondo. I gruppi hanno schierato vari tipi di drone (ad ala fissa, ala rotante e sistemi combinati) dotati di sensori di gas, spettrometri e dispositivi di campionamento per acquisire misurazioni vicino alle emissioni di anidride carbonica e altri gas. Le diverse metodiche sono state comparate per verificarne gli ambiti di impiego ottimale.Il team italiano ha messo a disposizione la strumentazione geochimica sviluppata nei propri laboratori, per l’installazione a bordo di droni messi a punto da un team dell’Università di Bristol, sia ad ala fissa, più adeguati a voli su lunghe distanze e per fare misure di composizione attraversando i gas del plume, che ad ala rotante, più versatili per campionamento di gas in punti fissi. L’integrazione dei sistemi è stata effettuata in stretta collaborazione tra i due team. Già dalle fasi preliminari del progetto un drone ad ala rotante completo di sensoristica geochimica e altra strumentazione portatile, sono stati lasciati a disposizione dell’osservatorio vulcanologico di Papua Nuova Guinea, il Rabaul Volcanological Observatory.Utilizzando nuovi sensori di gas e spettrometri miniaturizzati, e progettando innovativi dispositivi di campionamento attivabili in maniera automatica, i ricercatori sono stati in grado di far volare droni fino a 2 km di altezza e 6 km di distanza e di raggiungere le inaccessibili aree dove eseguire le misurazioni.Infatti particolarmente impegnativa è stata la campagna sul vulcano Manam, che ha un diametro di 10 km e un’elevazione di 1800 m sul livello del mare, con gran parte delle zone sommitali totalmente inaccessibili. Si trova su un’isola a 13 km dalla costa nord-orientale della Papua Nuova Guinea.Questo vulcano era noto da misure satellitari essere uno tra i maggiori emettitori di anidride solforosa (SO2) al mondo, ma prima di questo progetto non si sapeva nulla sulla sua produzione di CO2, molto più difficile da misurare da lontano a causa delle alte concentrazioni nell’atmosfera di background.Infine, proprio il rapporto di abbondanza tra queste le specie CO2 e SO2 risulta essere fondamentale per determinare la probabilità del verificarsi di un’eruzione, perché correlata con la profondità nella quale il magma risiede, ed entrambe le specie sono state rilevate durante le campagne di misura.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Drones for the study of inaccessible volcanic emissions

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

An international team led by University College London (UCL, UK), which saw the participation of the National Institute of Geophysics and Volcanology (INGV) with the Volcanology research group of the DiSTeM Department of the University of Palermo, developed and used a new technology based on the use of drones to measure the volcanic gases emitted by active volcanoes, thus demonstrating that even in inaccessible, active and dangerous volcanoes such as Manam (in Papua New Guinea), drones are the only way to implement important measures to characterize the state of activity in safe conditions. The research results were published in the American Association for the Advancement of Science (AAAS) journal, Science Advances.Today, technology offers scientists the means to conduct research that was previously only a dream. What was apparently out of reach over the years is now within reach, as demonstrated in a new international project titled Aerial-Based Observations of Volcanic Emissions (ABOVE).This project used innovative technologies, i.e. drones (Unmanned Aerial System – UAS) with miniaturized gas sampling equipment to collect volcanic gas measurements at the volcanoes of Manam and Rabaul in Papua New Guinea. These volcanoes are strong emitters of gas, but little is known about them because their plumes are difficult to access using terrestrial techniques, especially in the event of eruptions.ABOVE is changing the way scientists sample volcanic gas emissions through research conducted by the Deep Carbon Observatory, a global community of scientists engaged in decades of research aimed at a better understanding of Earth’s natural carbon cycle.Taking advantage of recent advances in drone technology, the UAS are able to acquire aerial measurements of volcanic gases directly from plumes. This project transcends traditional disciplinary boundaries, bringing together scientists, engineers and pilots to study some of the most inaccessible but heavily degassing volcanoes in the world.In May 2019, an international team of scientists embarked on an ambitious campaign of measurements at the two volcanoes – in Papua New Guinea – both of the most prodigious sulfur dioxide emitters on Earth, yet lacking any measurement of carbon emitted into the atmosphere.The team includes scientists from the UK, Italy, the US, Papua New Guinea, Sweden, Germany and Costa Rica. The project unites several groups working on drone measurements of volcanic gases around the world.The groups deployed various types of drones (fixed-wing, rotary-wing and combined systems) equipped with gas sensors, spectrometers and sampling devices to acquire measurements near the emissions of carbon dioxide and other gases, and the different methods were compared to verify the areas of optimal use.The Italian team has made available the geochemical instrumentation developed in its laboratories, for the installation on board of drones developed by a team of the Bristol University, both fixed-wing, more suitable for long-distance flights and to make composition measurements by crossing the plume gases, as well as rotary wing, more versatile for gas sampling at fixed points. Systems integration was carried out in close collaboration between the two teams. Already from the preliminary stages of the project, a rotary wing drone complete with geochemical sensors and other portable instruments were left at the disposal of the volcanological observatory of Papua New Guinea, the Rabaul Volcanological Observatory. Using new gas sensors and miniaturized spectrometers, and designing innovative sampling devices that can be activated automatically, the researchers were able to fly drones up to 2 km high and 6 km away, and to reach the inaccessible areas where to perform the measurements.In fact, the campaign on the Manam volcano was particularly challenging. The volcano has a diameter of 10 km and an elevation of 1800 m above sea level, with most of the summit areas totally inaccessible, and is located on an island 13 km from the Northeast coast of Papua New Guinea.This volcano was known from satellite measurements to be one of the largest sulfur dioxide (SO2) emitters in the world, but before this project nothing was known about its CO2 production, much more difficult to measure from afar due to the high concentrations in the background atmosphere.Finally, the abundance ratio between these CO2 and SO2 species turns out to be fundamental for determining the probability of the occurrence of an eruption, because it correlates with the depth in which the magma resides, and both species were detected during the campaigns of measure.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rc auto: con il Covid tariffe in calo del 10,5%

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 novembre 2020

Secondo l’osservatorio RC auto di Facile.it la pandemia ha avuto un impatto significativo sul prezzo delle polizze tanto che, ad ottobre 2020, per assicurare un veicolo a quattro ruote occorrevano in media 492,03 euro, valore in calo del 10,51% rispetto allo stesso mese dello scorso anno.Una diminuzione che, come spiegano dal comparatore, è legata sia agli effetti prodotti dal primo lockdown, sia alle politiche delle compagnie assicurative che, in virtù del risparmio ottenuto nel 2020 a seguito del calo complessivo dei sinistri stradali, hanno scelto di ridurre i prezzi offerti ai clienti, soprattutto attraverso il canale online.Anche le nuove limitazioni alla mobilità introdotte dal Governo stanno iniziando ad avere i primi effetti. Già il primo giorno dell’entrata in vigore delle regole di chiusura previste dal DPCM del 4 novembre scorso si è registrato un calo importante delle richieste di RC auto nelle regioni in fascia rossa (-9% rispetto ad un -4% rilevato a livello nazionale).Nella stessa zona è stato rilevato anche un crollo delle richieste di polizze destinate a nuovi veicoli (-22% contro un +6% rilevato, ad esempio, nelle aree in fascia gialla).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »