Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 203

Archive for 1 dicembre 2020

I 30 anni del CRM – Centro Ricerche Musicali

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Roma. Si terrà alla Sala Petrassi del Parco della Musica la giornata conclusiva del festival ArteScienza venerdì 4 dicembre per festeggiare i 30 anni di attività del CRM – Centro Ricerche Musicali che del festival ne è l’organizzatore. Le disposizioni degli ultimi DPCM in materia di contenimento dell’emergenza Coronavirus non permettono di realizzare concerti in presenza, ma il CRM non rinuncia all’evento e offre al pubblico un’intera giornata fra incontri, performance e concerti, live streaming e completamente gratuita, che potrà essere seguita dalla pagina facebook del Festival (https://www.facebook.com/artescienzacrm). Il primo incontro sarà alle ore 11, con il colloquio “Accelerazione e rivoluzione: i tempi del mutamento” che prende spunto dal tema del festival di quest’anno “Accelerazione | Decelerazione”. Una riflessione sull’innovazione tecnologica, sulla vita sociale, sul mutamento storico, analizzandone le loro diverse velocità e i risultati che esse determinano, sia in campo scientifico che artistico. Vi partecipano Maria Giovanna Musso (Sociologia del Mutamento, della Creatività e dell’Arte, Sapienza Università di Roma) e Dario Guarascio (Economia dell’Innovazione, Sapienza Università di Roma, sede di Latina); modera l’incontro Lucano Zani (Storia Contemporanea, Sapienza Università di Roma), introducono Michelangelo Lupone compositore, co-direttore del CRM e Adrian Braendli responsabile dei programmi scientifici dell’Istituto Svizzero di Roma. Alle ore 15 il concerto Double Step. Variations con due giovani interpreti, specializzate nel repertorio della musica d’oggi e nella sperimentazione musicale. Sono Alice Cortegiani al clarinetto e Arianna Granieri al pianoforte, che eseguono un programma in linea con il tema del festival. I pezzi scelti per pianoforte solo di George Crumb (Tora! Tora! Tora!, A prophecy of Nostradamus) e Domenico Guaccero (Esercizi per pianoforte) costituiscono il momento di accelerazione, sia per sonorità e drammaticità imponenti che per la grande sperimentazione di tecniche e materiali impiegati. Al contrario, i Dance Preludes per clarinetto e pianoforte di Witold Lutoslawski riportano indietro nel tempo, recuperano alcune canzoni popolari polacche, offrendo una varietà di contrasti. Il programma si completa con Respiro, aneliti per clarinetto basso (2019) di Simone Cardini e Fantasie per clarinetto solo di Jörg Widmann.Atteso infine alle ore 19 l’incontro e la performance di e con Alvin Curran, artista americano fra i padri della musica elettronica, dalla carriera lunga e fruttuosa, co-fondatore nel 1966 del gruppo Musica Elettronica Viva a Roma, dove vive tuttora. L’appuntamento in programma lo scorso fine settembre, poi costretto al rinvio, vede finalmente la luce in questa giornata che omaggia il CRM e che vedrà la prima assoluta di The Containment Etudes (Studi di Contenimento) per computer, tastiera midi e pianoforte, un’autobiografia sonora, che Curran ha iniziato durante il primo lockdown. “Mia moglie ed io eravamo a Berkeley in California all’inizio di marzo di quest’anno, quando fu annunciato il primo Covid-Lockdown. Ho preso in prestito una tastiera e ho deciso che avrei iniziato a documentare le quasi infinite possibilità combinatorie della mia collezione di suoni, realizzando brani brevi non più lunghi di 3 minuti con solo 1-3 suoni per ciascun brano. Questi brani sono diventati ‘The Containment Etudes’, un’autobiografia musicale che si estende per quasi 82 anni… Fino ad ora ho registrato circa sei ore di materiale, ma in questa occasione li presento in una forma molto condensata, eseguendo in modo spontaneo per circa 50 minuti un racconto, un’umile storia musicale che dura tutta una vita”. La serata sarà introdotta da Michelangelo Lupone ed è organizzata in collaborazione con l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America e l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il Polittico Griffoni a casa tua”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Bologna. La mostra “La Riscoperta di un Capolavoro”, con la quale Genus Bononiae. Musei nella città ha “riportato a casa” le 16 tavole del Polittico Griffoni ri-apre a partire da venerdì 4 dicembre le porte ai visitatori, attraverso un’esperienza digital, che diventa anche un originale dono natalizio. Mentre i musei sono chiusi a causa dell’emergenza sanitaria, grazie ad un tour virtuale accessibile dal sito http://www.genusbononiae.it, Palazzo Fava apre simbolicamente le porte a quanti ancora non hanno potuto visitare la straordinaria mostra che ha ricomposto per la prima volta – a 300 anni dalla loro dispersione – le 16 tavole del capolavoro rinascimentale di Francesco del Cossa ed Ercole de’ Roberti. La visita interattiva, al costo di 5 € (i biglietti sono acquistabili a partire da oggi sul sito http://www.genusbononiae.it), si compone di un percorso lungo tutta la mostra con vari tag che consentono al visitatore non solo di ascoltare la voce narrante che racconta l’opera e il contesto artistico e culturale in cui fu creata, ma anche di vedere brevi video che entrano nel dettaglio delle singole tavole e delle loro peculiarità, la loro descrizione critica, curiosità e aneddoti sulle figure rappresentate. L’alta qualità della digitalizzazione consente, infine, di zoommare le opere senza perdere il minimo dettaglio: la straordinaria grazia della mano di Santa Lucia, con gli “occhi miracolosamente fioriti sullo stelo”, la forza plastica della figura di San Floriano, i dettagli delle vesti, le architetture possenti ed eleganti, gli ori e gli azzurri accesi, i dettagli degli sfondi nei quali si inseguono figure secondarie ma raffigurate con egual minuzia, affaccendate tra edifici, rocce e paesaggi naturali, e infine lo straordinario colpo d’occhio dell’opera ricomposta al Piano Nobile di Palazzo Fava, affrescato dai Carracci. La visita virtuale può infatti diventare anche un originale dono natalizio, certamente gradito da chi in questi mesi sta soffrendo la chiusura di mostre e musei e un gesto ‘simbolico’ di sostegno al mondo dell’arte, provato dallo stop imposto dalla pandemia. L’acquisto del biglietto per il tour virtuale consentirà ai possessori di usufruire – alla riapertura dei musei – di un ingresso a costo ridotto in una delle sedi del circuito Genus Bononiae. Il pacchetto visita + catalogo – al costo del solo catalogo, pari a di 34 € – è acquistabile a Palazzo Fava o all’info point Bologna Welcome di piazza Maggiore: tutte le informazioni sul sito http://www.genusbononiae.it. Molte le novità in arrivo anche su piattaformaventiventi.genusbononiae.it, la piattaforma dedicata al mondo Genus Bononiae, che si sta arricchendo di ulteriori contenuti sulla mostra, dall’archivio delle conferenze realizzate nelle passate settimane alla Giornata Internazionale di Studi dello scorso 29 ottobre a nuovi contenuti in corso di realizzazione in un vero e proprio palinsesto.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Covid-19 e aule sicure”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Ferrara. A lezione in presenza sì, ma con la massima sicurezza grazie a una maggiore aerazione degli ambienti didattici. Da ottenere, tra l’altro, senza aprire le finestre, operazione non sempre priva di disagi specie nei mesi più rigidi.È l’obiettivo che si pone la sperimentazione finanziata dall’Ateneo di Ferrara e iniziata nei mesi estivi con il coordinamento del Professor Roberto Di Giulio, docente del Dipartimento di Architettura e Delegato del Rettore all’Edilizia.L’installazione nelle aule di sistemi di ventilazione controllati da remoto e a doppio flusso con recuperatore di calore permette in primo luogo una sensibile diminuzione del rischio di contagio da SARS-COV2, superiore, dopo 4 ore di permanenza, al 70% rispetto al caso di ventilazione naturale e di oltre l’80% dopo 8 ore di permanenza, così come previsto dall’equazione di Wells-Riley (1978), che correla la probabilità di infezione da parte degli occupanti di una stanza, in presenza di conseguente emissione di microrganismi patogeni, con il tasso di ventilazione della stessa.Oltre a ciò, il rispetto dei criteri di distanziamento, l’impiego della mascherina e la corretta sanificazione degli spazi contribuiscono ulteriormente al controllo della eventuale contaminazione nell’ambiente. “Le tecnologie impiegate sono ben note da tempo. L’aspetto sperimentale e innovativo di queste realizzazioni – prosegue il Professor Mazzacane – consiste nella contestuale conduzione periodica, effettuata dal CIAS sotto la supervisione della Prof.ssa Elisabetta Caselli, di test microbiologici e molecolari per monitorare la qualità dell’aria durante le attività didattiche, controllando la presenza di microrganismi patogeni (virali, batterici e fungini) in funzione dell’affollamento e delle caratteristiche operative dell’impianto. Ciò permetterà di validare sperimentalmente i risultati previsti dal modello teorico di Wells-Riley”.Il progetto è stato sviluppato nell’ambito delle attività di ricerca del Dipartimento di Architettura e in particolare del Laboratorio Interdipartimentale CIAS dell’Università di Ferrara, coinvolgendo anche studenti dell’A.A. 2019-2020 dei corsi di Progettazione Ambientale di Architettura e di Impianti Termotecnici di Ingegneria.L’ammontare complessivo dell’intervento riguardante cinque aule di medio/grandi dimensioni (che a regime potranno avere una capienza massima di 600 posti senza distanziamento) risulta pari a circa 200.000 euro.Il gruppo di lavoro è interdisciplinare e comprende docenti dell’Ateneo, studenti, l’ufficio tecnico dell’Università di Ferrara. Ha guidato il coordinamento generale il Prof. Arch. Roberto Di Giulio, Delegato del Rettore all’Edilizia. Per il Dipartimento di Architettura, oltre allo stesso Di Giulio, partecipano il Prof. Ing. Sante Mazzacane, Laboratorio Interdipartimentale CIAS, gli Architetti Gianni Lobosco, Giampaolo Guerzoni e Giuseppe Camillo Santangelo, il Geom. Gabriele Martini (consulente esterno), Leonardo Sannucci (tutor del corso di Progettazione Ambientale di Architettura) e Pauline Mindzie Minkoulou (studentessa del corso di Impianti Termotecnici di Ingegneria). Per l’Ufficio Lavori pubblici di Unife, lavorano al progetto oltre al Direttore generale dell’Ateneo Ing. Giuseppe Galvan, il Geom. Simone Tracchi, l’ Arch. Serena Dalla Casa e il Geom. Roberto Rossi. Per il monitoraggio microbiologico, partecipa il gruppo di ricerca CIAS, comprendente, oltre alla Prof.ssa Elisabetta Caselli, il Dr. Luca Lanzoni, il Dr. Matteo Bisi, la Dr.ssa Antonella Volta, la Dr.ssa Maria D’Accolti e la Dr.ssa Irene Soffritti.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Tfa Sostegno, prove d’accesso a distanza

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Dopo le lezioni, anche l’accesso ai corsi di sostegno si svolgeranno in “remoto”. La decisione è stata presa dal Governo per rispondere all’aumento dei casi di contagio da Covid19, che ha causato lo stop alle procedure concorsuali sia per i concorsi a cattedra che per l’accesso ai corsi di specializzazione sul sostegno. Premesso ciò, il ministero dell’Università ha deciso di comunicare agli atenei l’organizzazione della prova pratica secondo modalità a distanza, “avendo l’accortezza – si legge nella nota – di uniformare la procedura tra le varie sedi per evitare trattamenti differenziati tra i candidati”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scuola: Organici maggiorati per non perdere più alunni per strada

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Rivedere gli organici del personale docente e Ata della scuola sulla base delle esigenze del territorio: a chiederlo è il sindacato Anief: “Ci aspettiamo – ha detto Marcello Pacifico, leader dell’Anief – che il governo si impegni a recuperare i 10 miliardi tolti alla scuola negli ultimi 15 anni: bisogna recuperarli andando a ridurre il numero di alunni per classe, aumentando dunque il rapporto alunni-docenti e personale Ata, così anche in futuro vanno migliorati i livelli di apprendimento dei nostri studenti con organici che siano legati sulla base delle effettive esigenze del territorio. Questo perché va promossa una scuola non solo più sicura, ma anche più giusta. Così da portare risultati migliori ai nostri studenti”.A questo proposito, uno degli emendamenti specifici proposti dal giovane sindacato, nella fattispecie all’articolo 29 della bozza della Legge di Bilancio già approvata dal CdM, riguarda proprio la riformulazione degli organici delle scuole proprio sulla base delle esigenze del territorio. Nella richiesta di modifica motivata, il sindacato sostiene che in questo modo si potrebbe di sicuro meglio “affrontare la dispersione scolastica prevenendo la condizione di drop out e quindi fenomeni di Early School Leavers e NEET anche con piani straordinari per il Mezzogiorno”.Ma “aumentare stabilmente gli organici di docenti e personale ATA” andrebbe anche fornire un “sostegno alla didattica in base alle necessità del territorio, alla dislocazione, alla rete di collegamento con le stesse istituzioni scolastiche nelle piccole isole o comunità montane, all’ubicazione in luoghi a rischio, ad alto tasso di dispersione scolastica, migratorio.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Per ridurre i rifiuti più recupero, più impianti e più cultura della sostenibilità”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

In occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, è importante parlare dell’aggressione dei rifiuti alle nostre montagne: oltre 25 kg di plastica cadono sopra i nostri monti ogni anno a causa della presenza nell’aria delle microplastiche. Se mai ve ne fosse bisogno questa è la ulteriore prova che nella battaglia per la riduzione e il riciclaggio dei rifiuti non abbiamo più un minuto da perdere”, così la presidente della Commissione Ambiente della Camera, Alessia Rotta, lancia il proprio appello nel corso dell’evento “Nevica plastica” di Courmayeur. “Serve aumentare il recupero e il riuso dei rifiuti – dice la presidente Rotta – e nello stesso tempo ridurne la produzione. Servono quindi sia impianti di trattamento e smaltimento sia una battaglia culturale tra le famiglie e le imprese facendo diventare “popolare” la causa della riduzione dei rifiuti”.“Dobbiamo riuscire a chiudere il cerchio dell’economia circolare – aggiunge la Presidente della Commissione Ambiente della Camera – dato che oggi paghiamo il conto salato di avere una risorsa e di sprecarla, anzi di renderla dannosa sia economicamente che ambientalmente gettandola in discarica. Come spiegano i dati di REF Ricerche, infatti, l’Italia ha un passivo di 2,1 milioni di tonnellate di rifiuti da avviare a recupero energetico o smaltimento tra rifiuti urbani e speciali e ben 14 regioni in deficit, costrette ad esportare al di fuori dei propri confini rifiuti urbani destinati a smaltimento. Serve quindi che il Programma Nazionale dettagli precisamente gli obiettivi, ma anche i meccanismi di incentivo/penalità per la Regioni. Questo vuol dire avere attività di monitoraggio e poteri sostitutivi con tempi certi nei confronti degli enti inerti o inadempienti, ma anche disporre di una apposita struttura di missione, con competenze mutuate da ISPRA, da mettere a disposizione di quelle Regioni che hanno carenza di competenze tecniche e organizzative”.“In Italia stanno crescendo i rifiuti e stanno diminuendo gli impianti di trattamento, le microplastiche oramai si trovano anche sulle montagne, per cui mi pare evidente che il tempo sta scadendo e come sistema Paese dobbiamo darci una mossa all’interno di una strategia Ue chiara, che ci indica linee guida di azione non più rinviabili” conclude Rotta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Ci sono quattro priorità inderogabili”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Non va lasciato indietro nessuno, da sempre questa è la nostra missione. Non abbiamo intenzione di indietreggiare, anzi siamo sicuri che su questi temi ci sia massima convergenza politica. Per il Movimento cinque stelle sono indispensabili: – un Fondo perduto per le attività che hanno registrato un importante calo di fatturato, nonostante non abbiano chiuso, per fare in modo che possano superare questo momento di crisi e farsi trovare pronti alla ripartenza; – una nuova “Rottamazione”, per consentire a cittadini e imprese di alleggerire e riprogrammare il loro rapporto con il fisco, anche rateizzando e diluendo i pagamenti; – la stabilizzazione del “Superbonus al 110%, per assicurare alle imprese, e alla rete che lavora su questo rivoluzionario strumento, la giusta programmazione; – un pacchetto di norme “Salva Imprese” per consentire, anche attraverso l’ampliamento delle possibilità di accesso alle procedure concorsuali, il risanamento delle imprese e la tutela del creditore. Dobbiamo continuare ad accompagnare cittadini e imprese, passo dopo passo, ed è fondamentale farlo in questa fase dove il Covid ha colpito innanzitutto il tessuto economico del Paese. Farlo vuol dire sostenere imprenditori commercianti artigiani partite iva che lavorano per garantire anche posti di lavoro”. Così il Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze, Laura Castelli, sui social.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Progetto “Crescere Cittadini Digitali”

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Samsung Electronics Italia, azienda che da sempre si dedica allo sviluppo di progetti nell’ambito della formazione sui temi del digitale per diverse fasce della popolazione italiana, dalle nuove generazioni ai più senior, annuncia il il progetto “Crescere Cittadini Digitali” che si concretizza in una serie di attività, previste per le prossime settimane e mesi, a partire dall’omonima guida di Educazione Civica Digitale per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado. Con questo progetto, Samsung vuole supportare i giovani italiani, così come i loro genitori ed insegnanti, a crescere come cittadini digitali più consapevoli, in grado di valorizzare al meglio la propria presenza in rete e sui social, restando attenti e coscienti sulle insidie che si nascondono nelle pieghe del web. L’iniziativa è stata presentata oggi durante una conferenza stampa virtuale alla quale hanno presenziato il Viceministro dell’Istruzione Anna Ascani e l’On. Massimiliano Capitanio (componente della IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, nonché promotore e primo firmatario della legge che ha reintrodotto l’insegnamento dell’Educazione Civica nelle scuole in tutti i gradi dell’istruzione, a partire dalla scuola dell’Infanzia fino alla scuola secondaria di II grado).Nelle prossime settimane e mesi, Samsung diffonderà i contenuti della guida “Crescere Cittadini Digitali” in tutte le scuole secondarie di primo grado italiane, e sono già in programma diverse lezioni di educazione civica digitale nelle scuole, per le quali l’azienda si farà accompagnare da un gruppo di esperti scelti per le varie materie trattate nella guida.Per maggiori informazioni sul progetto “Crescere Cittadini Digitali”: http://www.samsung.com/it/campaign/crescere-cittadini-digitali/

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Modernizzare e digitalizzare l’agricoltura italiana

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Il fine è quello di aumentare produttività e sostenibilità del settore continuando a garantire l’approvvigionamento alimentare del Paese; rilanciare le aree rurali, in un’ottica abitativa e turistica, come argine contro lo spopolamento dei territori e il loro impoverimento ambientale e paesaggistico; costruire veri e propri “sistemi imprenditoriali territoriali” interconnessi, dove le attività economiche e le forze sociali possano fare rete per resistere meglio alle crisi. Questi alcuni dei punti chiave della ricetta di Cia-Agricoltori Italiani per “riprogettare il futuro” con “Agricoltura-Territorio-Società” al centro, come recita lo slogan dell’Assemblea nazionale 2020, costruendo un piano di rilancio post Covid e centrando al tempo stesso gli obiettivi fissati dal Green Deal europeo.Proprio con l’obiettivo di fornire un contributo concreto alla costruzione di un nuovo progetto di sviluppo dell’Italia, con gli strumenti messi in campo dall’Ue e dall’esecutivo anche con la prossima manovra di bilancio, Cia ha lanciato in Assemblea nazionale le sue cinque politiche direttrici del percorso di ripresa: • Sono riconducibili a tale sfera tutte quelle azioni che agevolano lo sviluppo estensivo dell’agricoltura digitale e la modernizzazione del settore, con l’obiettivo di rendere sempre più sostenibili i produttori nazionali, avendo a disposizione tecnologie innovative a supporto delle scelte di tecniche culturali e input produttivi, razionalizzazione delle risorse, raccolta dati, tracciabilità delle filiere. • Nelle aree interne, che fanno il 60% della superficie nazionale, l’agricoltura spesso rappresenta il principale asset economico, sociale ed ambientale, il solo freno all’abbandono di territori custodi da sempre di biodiversità e paesaggio. Occorrono, quindi, strumenti orientati a frenare lo spopolamento attraverso politiche di insediamento abitativo, che incentivino il recupero di fabbricati rurali, piccoli centri e borghi. • Riprogettare il futuro all’interno del rapporto stretto tra agricoltura, economia e società, vuol dire passare anche attraverso una sistematizzazione del sistema dei servizi alle imprese e alla persona che trovano diffusione sui territori. Questo vuol dire favorire “pacchetti” integrati in base ai bisogni e alla domanda, coerenti con le sfide del contesto globale, nonché ampliare e innovare la gamma dei servizi. • Nella convinzione che il turismo rurale sia una potente chance di rilancio del Paese, è necessaria una pianificazione che valorizzi maggiormente le dimensioni sostenibili dell’agriturismo e che metta a sistema il circuito enogastronomico con tutte le sue potenzialità. • La nuova Pac dovrà continuare a porsi come obiettivo principale lo sviluppo dell’agricoltura sostenibile e il sostegno al reddito degli agricoltori, mantenendo la produttività agricola e garantendo un approvvigionamento stabile di prodotti a prezzi accessibili. I pagamenti di base sono da riequilibrare: no al dato storico e sì al capping ragionevole. Bene anche alla nuova architettura (Piani strategici nazionali) se favorisce una visione strategica, migliora la governance e riduce la burocrazia. La vera ambizione per il futuro resta la capacità di unire sostenibilità e competitività. In tal senso, sì alla condizionalità rafforzata, superando le attuali misure del greening; misure agro-ambientali più ambiziose, se legate al territorio; uso più efficiente delle risorse dello Sviluppo rurale; estensione degli interventi settoriali (OCM) anche a nuovi settori.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

European MidCap Event, la nuova versione virtuale fa tappa a Ginevra

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Milano. Nuovo appuntamento nella versione virtuale per l’European MidCap Event, il ciclo di incontri dedicato alle piccole e medie aziende italiane, organizzato da Intermonte – investment bank indipendente specializzata in intermediazione istituzionale, ricerca, capital markets, M&A e advisory sul mercato italiano – in collaborazione con CF&B Communication, agenzia specializzata nelle relazioni tra società quotate e investitori istituzionali. L’evento, che si terrà a Ginevra martedì 1 e mercoledì 2 dicembre, è rivolto ancora una volta agli investitori europei e, in questa speciale occasione, presenterà aziende non solo italiane, ma provenienti da quattro paesi europei.Intermonte Sim, unico broker italiano aggiunge una nuova tappa virtuale nel proprio viaggio lungo le principali piazze finanziarie europee. Un percorso in cui Intermonte accompagna le mid e small caps italiane appartenenti ai più svariati settori (da quello bancario a quello IT), in incontri con investitori provenienti da diversi Paesi europei. In totale, saranno 13 le aziende italiane presenti all’evento virtuale, che prenderanno parte a ben 50 meeting: Aquafil; Banca Sistema; BE; El.en; Emak; Fine Foods; Gpi; Guala Closures; Sesa; Cellularline; Reno De Medici; Reply; Somec. A questo link http://geneva2020.midcapevents.com/participants, invece, è possibile consultare l’elenco completo di tutte le società partecipanti, tra le quali vi saranno anche società spagnole, tedesche e francesi. Sarà l’occasione per gli investitori di effettuare one-to-one meeting o meeting group con 64 gestori di 53 case investimento, la metà svizzeri, il resto provenienti da altri otto paesi europei.Guglielmo Manetti, Amministratore Delegato di Intermonte Sim, commenta: “La tappa di Ginevra presenta una importante novità: abbiamo deciso di allargare il bacino di aziende ospiti a diversi paesi europei. Le piccole e medie aziende italiane restano fondamentali nella nostra attività, ma in un’ottica di maggiore integrazione, abbiamo ritenuto importante dare l’opportunità anche a società europee di farsi conoscere. Intermonte si conferma un punto di riferimento importante nel mercato italiano delle mid-caps, coprendo oltre 140 titoli con il nostro ufficio. Ancor di più in un momento difficile come quello attuale, scegliamo di rinnovare il nostro impegno nel creare preziose opportunità di business a livello internazionale”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Emergenza Covid e le istituzioni del territorio

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

È in programma per mercoledì 2 dicembre alle 17, sulla piattaforma Zoom, il secondo e ultimo appuntamento del webinar La gestione dell’emergenza Covid-19: un approccio multidisciplinare e la testimonianza di chi opera nelle istituzioni, organizzato dall’Università di Parma (Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali), con il patrocinio di Comune e Provincia, per proporre una riflessione multidisciplinare sull’emergenza sanitaria connessa al COVID-19. Dopo il primo incontro, con docenti dell’Ateneo, sugli aspetti normativi, di comunicazione politica e di teoria dell’organizzazione, nel secondo porteranno la loro testimonianza figure chiave nella gestione dell’emergenza nell’ambito delle istituzioni locali. Dopo l’introduzione di Giacomo Degli Antoni, docente di Politica economica all’Università di Parma, interverranno il Prefetto di Parma Antonio Lucio Garufi, il Direttore generale del Comune di Parma Marco Giorgi, il Dirigente dell’Area Pianificazione e Programmazione della Provincia di Parma Andrea Ruffini e il Capo di Gabinetto della Provincia di Reggio Emilia Federico Ferrari.L’emergenza sanitaria ha richiesto una particolare attenzione alle modalità di trasmissione delle informazioni a vari livelli che interessano la comunicazione politica come la comunicazione all’interno delle organizzazioni e a livello istituzionale. Che ruolo hanno la comunicazione e le modalità di trasmissione delle informazioni nell’ambito della gestione delle situazioni di crisi? Inoltre, la necessità di ridurre i contatti e la presenza nei luoghi di lavoro ha richiesto un enorme sforzo organizzativo nell’ambito sia delle organizzazioni private sia di quelle pubbliche. Dematerializzazione, lavoro da remoto e smart working sono solo alcuni esempi di elementi su cui si è chiesto alle organizzazioni di agire.Il seminario si propone di discutere questi e altri temi, avvalendosi del fondamentale contributo di chi ha affrontato in modo diretto, all’interno delle istituzioni, la gestione dell’emergenza.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’Italia del turismo dell’olio si mette in gioco

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Oltre 100 esperienze in gara, 13 Regioni coinvolte, frantoi e aziende olivicole protagonisti assoluti dell’offerta turistica dedicata al mondo dell’olio extravergine in Italia, con più del con 50% delle proposte prevenute. Tra le categorie in gara, spiccano tour operator/agenzie di viaggio e altri enti come Pro Loco e Associazioni (il 25% delle esperienze in gara) seguono dimore storiche/hotel/B&B/agriturismi, ristoranti ed osterie e solo in fondo musei dedicati all’olio/frantoi ipogei/uliveti storici e oleoteche. I numeri del Primo Concorso nazionale dedicato al Turismo dell’Olio promosso dall’Associazione Città dell’Olio con la direzione scientifica della prof. Roberta Garibaldi, parlano chiaro: il turismo dell’olio è un settore in forte espansione che ha nei produttori ma anche negli operatori turistici e negli organizzatori di eventi, il suo motore principale. La distribuzione dell’offerta turistica legata all’olio ha un andamento omogeneo da nord a sud. Sono le Regioni con la maggiore presenza di Città dell’Olio ad aver strutturato percorsi ed eventi dedicati alla scoperta dell’oro verde e del paesaggio olivicolo: Toscana e Liguria in testa, Puglia e Lazio a seguire. Nelle esperienze in aziende e frantoi la partecipazione alla raccolta delle olive, in totale sicurezza e passeggiata nell’oliveta con degustazioni del prodotto vanno per la maggiore. Ma sono suggeriti anche e pic-nic tra gli olivi, visite guidate al frantoio con spiegazione delle varie fasi di produzione dell’olio extravergine di oliva. Tra gli eventi speciale molti laboratori con le scuole, per bambini ed adulti e alcuni tour culinari. Dimore storiche, hotel, B&B e agriturismi si sono organizzate con possibilità di assistere alla raccolta delle olive ma anche con alcune idee innovative: la possibilità di adottare un olivo e riceverne, ogni anno, l’olio prodotto; pacchetti benessere a tema olio: massaggi in spa con prodotti a base di olio extravergine di oliva, esperienze emozionali a piedi nudi nell’erba, meditazione, corsi di cucina con degustazione. Gli organizzatori di viaggi ed eventi puntano tutto sulle su attività esperienziali negli oliveti e negli oliveti monumentali. Qui il visitatore viene accolto da bevande a base di foglie di olivo e può degustare l’olio evo abbinato a prodotti del territorio. Ma ci sono alcuni elementi molto curiosi oltre la tradizionale visita ai frantoi che non manca mai, come la possibilità di fare lezioni di yoga, di assistere a performance teatrali e letture di poesie sull’olio, fare pranzo sotto gli olivi accompagnati da musiche e canti della tradizione, partecipare a corsi di ceramica decorando le oliere. La presenza e l’utilizzo della Carta degli Oli delle aziende del territorio è il punto di forza delle proposte dei ristoranti e delle osterie. Ma accanto alle più tradizionali proposte di abbinamento olio – cibo, olio e pizza gourmet e olio nell’elaborazione dei dessert come il gelato, ci sono interessanti soluzioni come la presenza di punti vendita e oil bar all’interno del ristorante. “Siamo molto felici della risposta entusiastica delle 115 strutture che hanno scelto di partecipare al nostro Concorso Turismo dell’Olio. È un segnale di forte interesse che nella fase iniziale di un progetto ambizioso come questo ci conferma che siamo sulla buona strada, che abbiamo avuto una grande intuizione, che c’è voglia in questo settore di investire e fare la differenza con proposte turistiche e buone pratiche in grado di coniugare qualità, sostenibilità, innovazione. Noi sappiamo che è da uno sforzo sinergico di messa a sistema di tutte le esperienze e dei tanti expertise specifici su questo tema che può nascere un grande movimento per l’oleoturismo in Italia.” Nei prossimi giorni la giuria di esperti presieduta dalla prof.ssa Roberta Garibaldi, tra i massimi esperti italiani del settore, autrice del Rapporto annuale sul Turismo Enogastronomico Italiano, Giorgio Palmucci Presidente di ENIT, Roberto Di Vincenzo Presidente di ISNART–Unioncamere, Michele Sonnessa Presidente dell’Associazione nazionale Città dell’Olio, Nicola D’Auria Presidente del Movimento Turismo del Vino e dell’Olio, Paolo Morbidoni Presidente Federazione italiana Strade del Vino e dei Sapori, Colombe McCarthy Director Europe div.- Destinations & Adventures (Usa), Fabiola Pulieri giornalista enogastronomica e sommelier dell’olio, Alberto Grimelli direttore di Teatro Naturale, la foodblogger Alice del Re (Pane Libri e Nuvole) e la travelblogger Elisa Orlando (In giro con Piccinaccia) decreteranno la rosa dei 3 finalisti per ogni categoria. La proclamazione dei vincitori finali, con evento dedicato, è prevista nei primi mesi del 2021. Intanto il pubblico sta votando la sua preferita attraverso il sito http://www.turismodellolio.com, dove tutte le esperienze in gara sono visibili per la votazione fino al 6 dicembre.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La cardiomiopatia ipertrofica

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

La cardiomiopatia ipertrofica (HCM) è una malattia cronica progressiva nella quale l’eccessiva contrazione del muscolo cardiaco e la ridotta capacità di riempimento del ventricolo sinistro possono causare lo sviluppo di sintomi debilitanti e di disfunzione cardiaca. Si stima che la HCM colpisca una persona su 500. La causa più frequente della HCM è la mutazione della proteina del sarcomero. Nei due terzi circa dei pazienti con HCM. Il percorso seguito dal sangue in uscita dal cuore, noto come tratto di efflusso ventricolare sinistro (LVOT), viene ostruito dal muscolo ingrossato e malato, limitando il flusso di sangue dal cuore al resto del corpo (HCM ostruttiva). In altri pazienti, il muscolo cardiaco ispessito non blocca l’efflusso ventricolare sinistro (LVOT) e la malattia è causata da un danno diastolico dovuto al muscolo cardiaco ingrossato e irrigidito (HCM non ostruttiva). Nei pazienti con HCM, ostruttiva o non ostruttiva, lo sforzo può provocare affaticamento o mancanza di respiro, interferendo con la capacità del paziente di partecipare alle attività della vita quotidiana. La HCM è stata anche associata ad un aumento del rischio di fibrillazione atriale, ictus, insufficienza cardiaca e morte cardiaca improvvisa. Attualmente sono circa 160.000-200.000 le persone con diagnosi di HCM ostruttiva sintomatica negli Stati Uniti e nell’Unione Europea, senza opzioni di trattamento efficaci esistenti oltre ad un limitato sollievo sintomatologico. Generalmente viene diagnosticata a pazienti intorno ai 40 o 50 anni e il trattamento è cronico. Si stima che solo circa il 25% delle persone con HCM ostruttiva e il 10% circa di quelle con HCM non ostruttiva abbiano ricevuto una diagnosi.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Bristol Myers Squibb completa l’acquisizione di MyoKardia

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

NEW YORK. Bristol Myers Squibb annuncia di aver completato l’acquisizione di MyoKardia, Inc. attraverso una transazione in contanti di circa 13,1 miliardi di dollari. Con il completamento dell’acquisizione, le azioni di MyoKardia hanno cessato la compravendita sul mercato NASDAQ Global Select e l’azienda è diventata una sussidiaria controllata di Bristol Myers Squibb.Attraverso la transazione con MyoKardia, Bristol Myers Squibb acquisisce mavacamten, un farmaco cardiovascolare potenziale first-in-class per il trattamento della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva (“HCM”), una malattia cronica del cuore con morbilità e impatto sul paziente elevati. La richiesta di autorizzazione di nuovo farmaco (“NDA”) per mavacamten, nel trattamento della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva sintomatica – basata sui dati dello studio EXPLORER- HCM –, sarà presentata all’ente regolatorio statunitense (U.S. Food and Drug Administration) nel primo quadrimestre del 2021. Bristol Myers Squibb prevede di investigare il pieno potenziale di mavacamten in ulteriori indicazioni, tra cui la cardiomiopatia ipertrofica non ostruttiva, e di sviluppare la promettente pipeline di nuove molecole di MyoKardia, che comprende due terapie in fase clinica, danicamtiv (formalmente MYK-491) e MYK-224, e due in fase pre-clinica, ACT-1 e LUS-1. L’offerta pubblica di acquisto di Bristol Myers Squibb precedentemente annunciata per tutte le azioni ordinarie in circolazione di MyoKardia per 225,00 dollari l’una è scaduta alle 12:00 ora di New York City, del 16 novembre 2020. Circa 42.180.978 azioni ordinarie di MyoKardia sono state correttamente offerte e non ritirate dall’offerta pubblica di acquisto, rappresentando circa il 78,9% delle azioni ordinarie di MyoKardia. In accordo con i termini dell’offerta di acquisto, tutte le azioni offerte e non ritirate sono state accettate in pagamento e Bristol Myers Squibb prevede di pagare prontamente tutte le azioni. In seguito al perfezionamento dell’offerta di acquisto, Bristol Myers Squibb ha completato l’acquisizione di MyoKardia mediante la fusione di Gotham Merger Sub Inc. con MyoKardia, senza votazione degli azionisti di MyoKardia ai sensi della Sezione 251(h) della legge generale sulle società dello Stato del Delaware. Come risultato della fusione, ogni azione ordinaria di MyoKardia emessa e in sospeso e non offerta nell’offerta pubblica di acquisto è stata convertita nel diritto di ricevere una somma in contanti pari a 225,00 dollari, senza interessi e al netto di eventuali imposte, lo stesso prezzo proposto nell’offerta d’acquisto.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legge sul biologico

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Dopo un lungo stallo in Parlamento, sembra finalmente arrivato il momento dell’approvazione per la nuova legge sul biologico, un tassello indispensabile per la transizione verde della nostra agricoltura – dichiara Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro. Come annunciato dal presidente Commissione Agricoltura del Senato Vallardi, tra pochi giorni la legge dovrebbe essere realtà, garantendo maggiore tutela e riconoscibilità ai prodotti biologici. E’ un passaggio determinante per sia per la salute dei cittadini, che per la salvaguardia degli ecosistemi e la competitività dell’economia. Nonostante l’emergenza sanitaria o, forse, spinti proprio da quest’ultima, i consumatori hanno continuato a premiare i prodotti biologici, che tra marzo e maggio 2020 hanno registrato un incremento dell’11% – continua Tiso. La legge sul biologico è un punto di partenza e deve essere un incentivo ad affrontare gli altri nodi irrisolti sulla strada che conduce alla trasformazione della nostra produzione agricola. Tra questi il nuovo Piano di Azione Nazionale (Pan) per l’uso sostenibile dei fitofarmaci, scaduto nel febbraio 2018 e sul quale il Governo italiano ha già ricevuto il richiamo della Commissione europea.Se l’Unione europea ha fissato alcuni obiettivi minimi, come il 25% della superficie agricola utilizzata (Sau) da destinare a colture biologiche, il nostro Paese dovrebbe puntare più in alto, diventando capofila della transizione verde del Vecchio continente e assecondando la nuova consapevolezza mostrata dai consumatori. Massima attenzione va posta anche nella stesura del Piano Strategico Nazionale, al centro del tavolo di confronto annunciato dal Governo che auspichiamo sia convocato al più presto.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Una legge contro la negazione del genocidio in Bosnia

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

L’Alto rappresentante per la Bosnia ed Erzegovina, l’austriaco Valentin Inzko, ha annunciato una legge contro la negazione dei crimini di genocidio, attesa da tempo. In un’intervista alla stampa di qualche giorno fa, ha confermato che avrebbe usato i suoi cosiddetti Poteri di Bonn a questo scopo se il parlamento del Paese non avesse presto approvato una legge in tal senso. I politici serbi impediscono da anni una legge che punisca la negazione del genocidio. I sopravvissuti ai crimini e i parenti delle vittime aspettano da 25 anni che la negazione del genocidio diventi finalmente un reato punibile. Questo è essenziale per la pace in Bosnia e per il futuro del Paese. Si spera così che l’11 luglio 2021, alla celebrazione del 26. anniversario del massacro di Srebrenica, nessuno possa più affermare impunemente che questo omicidio di massa non sia avvenuto. Soprattutto nella Repubblica Srpska, dominata dai serbi, la negazione del genocidio è stata finora un luogo comune. Ai bambini serbi viene insegnata a scuola una versione fantasy della storia. I miti di eroi e vittime totalmente distorti vengono trasmessi alla generazione successiva. I criminali di guerra condannati sono apertamente venerati nella parte serba della Bosnia, le istituzioni statali portano il loro nome e per loro vengono eretti monumenti – ma si impediscono i memoriali alle vittime. In queste condizioni non ci può essere una riconciliazione duratura. Al contrario, rende più probabili ulteriori violenze. Una regolamentazione giuridica, simile al divieto di negazione dell’Olocausto in Germania e in Austria, non è solo un dettato di giustizia. La riconciliazione e la pace sono considerate condizioni preliminari decisive per l’ulteriore sviluppo della Bosnia. Il Paese si sta impegnando per l’adesione all’Unione Europea e alla NATO. La Bosnia ha ancora molto lavoro da fare su questa strada. Le necessarie riforme della pubblica amministrazione e la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata sono tuttora bloccate dalla Republika Srpska: proprio l’accordo di pace di Dayton le aveva concesso questa possibilità. In questi giorni ricorre il 25. anniversario dell’accordo di pace di Dayton, che ha formalmente posto fine alla guerra in Bosnia. Per questa occasione l’Associazione per i Popoli Minacciati ha pubblicato un memorandum che analizza le enormi mancanze dell’accordo e i suoi effetti sui tempi attuali. Il memorandum in tedesco “25 anni dopo Dayton.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stati Uniti d’Europa. Bilancio europeo e Recovery Plan

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Il premier ungherese Viktor Orban, si oppone alla approvazione del bilancio europeo e del collegato Recovery Plan (Next Generation EU), perché legato al rispetto della condizionalità dello Stato di diritto. Nuova è, invece, l’ultima dichiarazione di Orban: l’Ungheria non avrà perdite finanziarie se non ci sarà Recovery Plan. Questo riguarda gli stati membri con un debito pubblico sopra il 100 per cento. Chi ha, tra i vari stati membri europei, un debito pubblico superiore al 100%? L’Italia. Dunque ad Orban non interessa che l’Italia perda i 209 miliardi del Recovery Plan, dei quali 81 senza obbligo di restituzione. Questi fondi servono al nostro Paese come la manna per uscire dalla crisi economica nella quale è precipitato. Dunque, Orban l’antitaliano. Chi sostiene le posizioni di Orban? Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia. Dunque, facciano pensiero quegli italiani che vedono nelle posizioni espresse dalla Meloni, l’idea che essa difenda gli interessi dei connazionali. Insomma, Meloni pro Orban è una Meloni antitaliana. Primo Mastrantoni, segretario Aduc

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Comunità romena in festa

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Il 1° dicembre la Romania festeggerà un’importante ricorrenza nazionale: il 102° anniversario della Grande Unione, il momento in cui le regioni abitate dal popolo romeno si unirono per far nascere un unico grande Stato (1918). Si tratta di una ricorrenza molto importante per i e le rumene della diaspora, che rappresentano a Torino la comunità straniera più numerosa con circa 52mila persone nel territorio urbano e oltre 100mila in tutta l’area metropolitana.“L’unità: è questo il significato profondo della nostra Festa Nazionale. Il processo di unificazione dei romeni attraverso l’atto pubblico del 1° dicembre 1918, significa la più importante pagina nella storia romena, che raffigura per eccellenza l’operato dell’intera nazione – evidenzia la console generale di Romania a Torino, S.E. Ioana Gheorghiaș – . 102 anni dopo, il 1° dicembre 2020, assieme ad un’unione di 12 associazioni romene del territorio torinese – appunto la FARMP, siamo a festeggiare la nostra più cara ricorrenza in modo virtuale. Ci stanno accanto ad istituzioni ed enti locali e a tanti amici italiani, che mi pregio di ringraziare sentitamente per la preziosa vicinanza. E sono felice di condividere con tutti i coloro che avranno il piacere di unirsi a noi per la Festa Nazionale della Romania le parole del poeta nazionale della Romania, Mihai Eminescu su un concetto che tutti dovremmo rivalutare: il patriottismo che “non è soltanto l’amore per la terra natia, ma soprattutto l’amore verso il passato, senza il quale non esiste l’amore verso la propria patria”. Buona Festa della Romania a tutti i miei concittadini, buona festa a tutti coloro che avranno il piacere di unirsi a noi il 1° dicembre 2020!” Accogliere e integrare le principali festività delle comunità residenti sul territorio è un elemento fondante delle politiche interculturali della Città di Torino e del rapporto con le istituzioni e le associazioni di comunità.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per un mondo senza la pena di morte

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

Si è tenutosul sito e sulla pagina Facebook della Comunità di Sant’Egidio, il webinar internazionale #stand4humanity #nodeathpenalty . Promosso da Sant’Egidio, l’evento vedrà la partecipazione di numerose associazioni che si battono per l’abolizione della pena di morte. Sono intervenuti i rappresentanti delle istituzioni, esperti, attivisti e testimoni della società civile da Africa, Asia, Europa e Nord America, come David Sassoli (presidente del Parlamento europeo), Sandra Babcock, (direttore del Cornell Centre on the Death Penalty Worldwide), Joaquin Martinez (Former death row inmate, exonerated), Suzana Norilihan (lawyer and activist), Navy Pillay (President of international commission against Death Penalty), Krisanne Vaillancourt Murphy (Executive Director of Catholic Mobilizing Network) e Mario Marazziti (Comunità di Sant’Egidio).Il webinar si è concluso con l’illuminazione straordinaria del Colosseo, simbolo della campagna globale contro la pena di morte.Nel cuore di settimane importanti per la discussione e il voto in corso alle Nazioni Unite sulla moratoria della pena di morte, l’evento – in ricordo del giorno in cui, nel 1786, in cui venne abolita, per la prima volta, la pena capitale da uno Stato, il Granducato di Toscana – intende rafforzare il movimento abolizionista e lanciare un messaggio al mondo per la difesa della vita e dei diritti umani anche attraverso la rete di oltre 2.300 “Città per la vita” che la Comunità di Sant’Egidio ha creato negli ultimi anni.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Alto Commissario ONU per i Rifugiati in visita in Sudan

Posted by fidest press agency su martedì, 1 dicembre 2020

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi, è in visita a Khartoum mentre il Paese accoglie crescenti numeri di rifugiati dall’Etiopia. Dallo scoppio degli scontri a inizio novembre nella regione settentrionale del Tigrè, in Etiopia, oltre 43.000 rifugiati hanno fatto ingresso in Sudan in cerca di protezione e riparo. Prima di quest’afflusso, il Paese ne accoglieva già quasi un milione, principalmente provenienti dal Sud Sudan.Grandi passerà in rassegna le operazioni dell’UNHCR a supporto delle attività guidate dal governo in risposta a questi ultimi arrivi. Il programma, inoltre, prevede incontri con i rifugiati.Nel Sudan orientale, in un contesto segnato da complesse criticità logistiche, l’UNHCR continua a intensificare le attività di soccorso prestate insieme alla Commissione sudanese sui rifugiati e alle autorità locali. Gli aiuti destinati ai rifugiati, la metà dei quali costituita da minori, sono in corso di mobilitazione. Le agenzie umanitarie continuano a fornire loro alloggi e altre strutture, ma è necessario mettere a disposizione maggiori risorse e assicurare con urgenza supporto internazionale al Sudan.L’UNHCR ha contribuito a trasferire quasi 10.000 rifugiati presso il sito di Um Rakuba, a 70 km dal confine nell’entroterra sudanese, mentre continuano i lavori per allestire alloggi e migliorare i servizi.Grazie all’introduzione dei servizi di rintraccio dei familiari è stato già possibile riunire numerosi rifugiati separati. Un aereo con a bordo 32 tonnellate di aiuti di emergenza dell’UNHCR provenienti dalle scorte globali stoccate nei magazzini di Dubai è atterrato a Khartoum. Un altro ponte aereo da Dubai con a bordo 100 tonnellate di aiuti umanitari supplementari è previsto per lunedì. Le scorte globali dell’UNHCR sono stoccate nei magazzini dell’International Humanitarian City, a Dubai. In totale, l’Agenzia prevede di effettuare quattro ponti aerei.Il carico di oggi includeva 5.000 coperte, 4.500 lampade a energia solare, 2.900 zanzariere, 200 teli impermeabili e 200 teli in plastica. Il secondo ponte aereo trasporterà 1.275 tende familiari e 10 tensostrutture. Questi aiuti soddisferanno le più pressanti esigenze di oltre 16.000 persone. I costi di trasporto di entrambi i voli sono stati coperti generosamente dal Governo degli Emirati Arabi Uniti.Nella regione del Tigrè crescono i motivi di preoccupazione in relazione all’incolumità dei civili bloccati dal conflitto, in particolare nella capitale Macallè, in cui vivono più di 500.000 persone.L’UNHCR continua a esprimere preoccupazione, dal momento che nel Tigrè la situazione sul piano umanitario peggiora sempre più, anche per gli sfollati e per i circa 96.000 rifugiati eritrei che rischiano di restare senza cibo se non riceveranno nuove scorte alimentari entro lunedì. L’UNHCR si unisce alle altre agenzie umanitarie nel rinnovare l’appello a proteggere i civili e ad assicurare accesso umanitario immediato per poter ricominciare a fornire assistenza vitale.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »