Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Qualche riflessione sulle obbligazioni legate alla sostenibilità

Posted by fidest press agency su domenica, 6 dicembre 2020

A cura di Philipp Buff e Stéphane Rüegg. Molti anni fa gli investitori azionari sono stati i primi a considerare i criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) utilizzando strategie dedicate e il coinvolgimento degli investitori. E dopo qualche falsa partenza, finalmente anche il reddito fisso sta rapidamente recuperando terreno. Il valore delle obbligazioni in circolazione classificate come ESG ha raggiunto attualmente i 1.000 miliardi di dollari USA. Una cifra destinata sicuramente ad aumentare. Uno dei motivi è l’arrivo di un nuovo strumento innovativo, le obbligazioni legate alla sostenibilità. Questi titoli, che offrono un nuovo modo di interagire con le aziende sulle questioni che gli investitori ritengono più importanti, hanno il potenziale di diventare la forma standard di investimento ESG nel reddito fisso. Nel tempo potrebbero addirittura sostituire gli strumenti tradizionali come forma standard di credito.La definizione precisa degli obiettivi è una caratteristica importante di questi strumenti. Molti investitori, infatti, sono scettici nei confronti dei green bond perché è difficile valutare se il denaro raccolto venga effettivamente destinato a progetti ambientali. Le obbligazioni legate alla sostenibilità risolvono questo problema integrando un forte incentivo per le società emittenti ad adottare pratiche più sostenibili. Tale incentivo si presenta sotto forma di “sanzione”, sotto forma di cedole più alte o pagamenti aggiuntivi agli investitori alla scadenza, che si attivano ogni volta che non vengono raggiunti gli obiettivi prefissati. È sensato credere che l’ampia gamma di potenziali obiettivi legati alla sostenibilità possa contribuire a diffondere questo strumento in tutti i settori – a differenza dei green bond, che finora sono stati in gran parte emessi dalle utility. Il commercio al dettaglio rientra tra i settori che potrebbero dimostrarsi una ricca fonte di obbligazioni legate alla sostenibilità nei prossimi anni.Ma, soprattutto, non si tratta solo dell’ambiente. Mentre le prime obbligazioni legate alla sostenibilità erano vincolate a obiettivi ambientali come la riduzione delle emissioni di gas serra, la casa farmaceutica Novartis ha deciso di concentrarsi sull’accesso ai farmaci da parte delle fasce di popolazione a reddito medio e basso. Ciò riflette le specificità del settore e della strategia dell’azienda e dimostra che tali obbligazioni possono includere obiettivi personalizzati scelti all’interno dell’intero spettro dei criteri ESG. Nel corso del tempo ci aspettiamo di vedere più obiettivi sociali e orientati alla governance accanto a quelli ambientali, cosa che potrebbe ulteriormente differenziare le obbligazioni legate alla sostenibilità dai green bond.L’investimento in questi nuovi titoli presenta tuttavia un compromesso: richiede maggiore attenzione e una due diligence più approfondita.Al momento, un aumento di 25 pb della cedola sembra essere la sanzione più diffusa, ma è poco rispetto alla cedola iniziale di un’obbligazione. Idealmente, la sanzione dovrebbe essere simile agli aumenti di cedola che si verificano quando il rating degli emittenti viene declassato – prossimi ai 125 pb. In altre parole, un obiettivo legato alla sostenibilità dovrebbe essere importante quanto un obiettivo legato al rating creditizio. Chanel ha compiuto un primo passo verso l’interruzione del trend dei 25 pb.Sebbene gli investitori debbano fare attenzione a non pagare troppo, il prezzo finora è indicativo del ruolo che in futuro potrebbero svolgere le obbligazioni legate alla sostenibilità. Prevediamo che la loro popolarità crescerà ulteriormente grazie alla recente decisione della Banca Centrale Europea di includere questi titoli nei propri programmi di acquisto e come garanzia a partire da gennaio 2021. Si tratta di un cambiamento significativo, in particolare poiché la BCE ha precedentemente escluso le strutture di cedole crescenti (quelle attivate, ad esempio, dal peggioramento dei rating). La progressiva ammissibilità di questi strumenti, dovrebbe stimolare ulteriori emissioni nei prossimi mesi.A nostro avviso, le obbligazioni che incorporano gli obiettivi OSS 3, 7 e 13 – che riguardano energia pulita, azione per il clima e salute e benessere – potrebbero moltiplicarsi. Esiste anche la possibilità che le obbligazioni includano altri obiettivi OSS, tra cui acqua pulita e servizi igienico-sanitari, riduzione della disuguaglianza, consumo e produzione responsabili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: