Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Torino: Geografie metropolitane

Posted by fidest press agency su mercoledì, 9 dicembre 2020

Torino. Geografie Metropolitane è la piattaforma – progettata e curata da Urban Lab – che descrive il territorio di Torino e della sua area metropolitana mettendo in relazione dimensione fisica e socioeconomica. Attraverso una serie di mappe e di visualizzazioni, i fenomeni urbani vengono “georeferenziati”. I dati raccolti sono stati infatti ricondotti, mediante una rappresentazione cartografica, alle porzioni di territorio cui fanno riferimento, creando mappe particolari in cui i dati possono leggersi su un piano fisico, oltre che numerico.Per la prima volta si potrà quindi leggere il territorio attraverso uno strumento di libero accesso, dinamico, trasversale e aggiornato che approfondisce cinque ambiti tematici: persone, servizi, culture, mobilità, ambiente, mentre all’inizio dell’anno sarà disponibile il focus dedicato alle economie.La varietà di informazioni raccolte e rappresentate – sempre riferite all’ultima rilevazione possibile – spazia da tematiche ampie (come la variazione di residenti, la parte dello spazio urbano occupata dal verde pubblico, la struttura del trasporto pubblico locale o la mobilità non motorizzata) a visualizzazioni più dettagliate, (come i posti letto nei singoli ospedali, la collocazione dei luoghi di culto o la percentuale femminile di abitanti area per area).“Mettere a sistema e rappresentare in maniera dinamica alcuni dei dati più rilevanti della città può diventare una grande risorsa sia per attori locali che globali, al fine di cogliere opportunità di innovazione e sviluppo per il territorio e i suoi attori dell’innovazione e del progresso – dichiara Marco Pironti, Assessore all’Innovazione e alla Smart City della Città di Torino – Ritengo che Geografie Metropolitane abbia il merito di far convergere un cruscotto di visualizzazione importante e mettere a fattor comune del territorio delle prospettive nuove di sviluppo anche in ottica smart city”.Le mappe e le visualizzazioni presentate in Geografie Metropolitane sono frutto del lavoro di archivio e di messa a sistema del patrimonio di banche dati esistenti, che si arricchiscono nel tempo attraverso aggiornamenti costanti, con l’inserimento di nuovi contenuti informativi e lo sviluppo di studi e database specifici da parte di autorità pubbliche, istituti di ricerca, uffici di statistica operanti a livello locale, regionale e nazionale.“L’intenzione strategica della Compagnia di San Paolo di consolidare il proprio modello di fondazione data-driven trova in questa iniziativa un importante fattore abilitante. Sempre di più gli Open Data di contesto saranno parte integrante del processo decisionale sulle diverse linee di intervento”, commenta Paolo Mulassano, responsabile dell’Obiettivo Pianeta e della Direzione Innovazione d’Impatto di Compagnia di San Paolo.“La piattaforma Geografie Metropolitane è uno strumento che si offre ai cittadini, ma anche a chi intende consultare elaborazioni, dati aperti e rappresentazioni cartografiche per fini di comunicazione pubblica – precisa Valentina Campana, direttore di Urban Lab – La messa a sistema e a disposizione delle informazioni è un utile strumento di promozione del sistema locale e un potenziale supporto ad analisi urbane e attività di pianificazione”.Geografie Metropolitane opera come un collettore e come trait-d’union tra fonti e dati diversi tra loro per provenienza, livello di approfondimento, orientamenti specifici. Ad oggi diversi attori territoriali dell’area metropolitana torinese hanno contribuito ad alimentare la piattaforma, mettendo a disposizione pacchetti di dati aperti, elaborazioni, ricerche: Arpa Piemonte; Camera di Commercio Industria e Artigianato di Torino/Studi e statistica; Centro Einaudi/Rapporto Giorgio Rota; Città di Torino/Ufficio Statistica; Città di Torino/Assessorato Viabilità; Città Metropolitana di Torino/Osservatorio Demografico, Osservatorio Abitativo e Sociale; Compagnia di San Paolo; Istat; Osservatorio Culturale della Regione Piemonte; Politecnico di Torino/Lartu; Regione Piemonte; 5T Torino.Per accedere alla piattaforma e per scoprire come funziona: https://urbanlabtorino.it/mappe/geografie-metropolitane/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: