Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 11 dicembre 2020

KLM e Delta opereranno voli Covid tested tra Amsterdam e Atlanta

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Amsterdam. A partire dal 15 dicembre 2020, KLM Royal Dutch Airlines e Delta Air Lines opereranno voli Covid tested tra Amsterdam e Atlanta. Le due compagnie aeree partner hanno lavorato con il governo olandese, l’aeroporto di Amsterdam Schiphol e l’aeroporto internazionale di Hartsfield-Jackson di Atlanta per fornire un programma completo di test che consenta ai passeggeri di essere esentati dalla quarantena all’arrivo nei Paesi Bassi“Questo è un passo avanti molto importante. Fino a quando un vaccino approvato non sarà disponibile in tutto il mondo, questo programma di voli Covid tested rappresentano il primo passo verso la ripresa dei viaggi internazionali. Sono grato per la collaborazione costruttiva con i nostri partner Delta Air Lines e Schiphol Group e per il supporto il supporto ricevuto dal governo olandese che ha reso possibile la creazione di un corridoio per viaggi COVID free. Tutte le parti interessate devono lavorare insieme su un approccio sistematico ai test rapidi e integrare questi test nel percorso di viaggio dei passeggeri, in modo che le misure di quarantena possano essere revocate il più rapidamente possibile. Questo è fondamentale per ripristinare la fiducia dei passeggeri e dei governi nei confronti dei viaggi aerei “, ha affermato Pieter Elbers, Presidente e CEO di KLM Royal Dutch Airlines.I voli COVID tested opereranno quattro volte a settimana da Atlanta ad Amsterdam, con Delta e KLM che opereranno due frequenze ciascuna. A bordo saranno accettati solo passeggeri con esito negativo del test. Il test durerà inizialmente tre settimane e, in caso di successo, potrà essere esteso ad altre rotte.I passeggeri potranno scegliere i voli COVID tested quando acquistano i biglietti online oppure optare per altri voli giornalieri alternativi tra Atlanta e Amsterdam operati da Delta o KLM.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Nobel 2020: 5 scoperte mediche che hanno cambiato il mondo

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

La pandemia da Covid-19 ha stravolto perfino la cerimonia di consegna dei premi Nobel: si terrà infatti domani, 10 dicembre, ma in modalità esclusivamente virtuale e in assenza dei vincitori, che saranno chiamati a ritirare i prestigiosi riconoscimenti presso l’ambasciata svedese del Paese in cui risiedono o l’istituzione in cui lavorano.Mai come quest’anno abbiamo preso coscienza del potenziale distruttivo di quelle invisibili entità biologiche chiamate virus. Non sorprende quindi il Premio Nobel per la Fisiologia o la Medicina 2020 venga conferito a Harvey J. Alter, Michael Houghton e Charles M. Rice per la scoperta di un altro virus: quello dell’epatite C.Una scoperta rivoluzionaria, come tutte quelle che, a partire dalla prima edizione nel 1901, si sono viste assegnare il riconoscimento. Nell’ultimo secolo, la medicina ha fatto passi da gigante e, inevitabilmente, ci sono però altrettante ricerche e intuizioni che, pur avendo cambiato il corso della storia, non hanno mai ricevuto l’ambito premio: Top Doctors® (www.topdoctors.it), azienda specializzata in servizi tecnologici per la sanità privata, come telemedicina, ricerca e selezione del miglior specialista, prenotazione e pagamento delle visite, ne ha individuate cinque: Effetti nocivi del fumo. Tecniche rianimatorie Terapia di reidratazione orale Clorpromazina Pillola anticoncezionale

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In libreria per Rubbettino «Il selvaggio di Santa Venere» di Saverio Strati

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Dopo «Tibi e Tascia» e «La Teda», continua con «Il selvaggio di Santa Venere», la riproposta dell’opera omnia di Saverio Strati da parte della casa editrice Rubbettino. Il romanzo, vincitore del premio Campiello 1977 è tra i più noti e apprezzati dello scrittore di Sant’Agata del Bianco. L’edizione Rubbettino è impreziosita dalla prefazione del critico letterario Walter Pedullà, compagno di università di Strati e, come lui, allievo di De Benedetti. Il racconto di strati abbraccia tre generazioni di uomini quella di Dominic Arcadi, il più giovane; di Leo, il padre Leo e del nonno Mico. I temi sono tanti: il rapporto con la terra, con il passato, la fuga nell’emigrazione (tema centrale nell’intera produzione narrativa di Strati) e soprattutto la ’ndrangheta, fotografata mirabilmente da Strati nel momento in cui l’organizzazione si emancipa da quel mondo arcaico che l’aveva vista nascere. Come spesso accade con la letteratura, il romanzo di Strati, riesce ad anticipare molte questioni che saranno al centro del dibattito sulla criminalità organizzata di questi ultimi anni, dai riti di adesione al rapporto tra cultura e criminalità alle ragioni per le quali un individuo finisce per rimanere invischiato nelle trame delle ’ndrine. Come ogni grande capolavoro, tuttavia, «Il selvaggio di Santa Venere» riesce a trasformare questi temi materiale narrativo, senza diventare didascalico. Il “Selvaggio” è un romanzo moderno e potente che irrompe sulla letteratura meridionale anche grazie alla potenza del linguaggio, libero da forme e stilemi usuali: «È difficile che qualche pagina resti al buio – Scrive Walter Pedullà – e ancor meno al freddo: Strati butta nel fuoco un lessico stagionato che brucia tanto a lungo che le ceneri scottano tuttora. Ma forse, invece di linguaggio, dovevo parlare di lingua, che qui spesso si prende tutta la scena, quasi che poco o niente conti il contenuto. È la lingua che Saverio si è procurato – simbolicamente a Firenze – per scrivere narrativa cui affidare la realtà – allegoricamente calabrese – che negli Anni Settanta (o forse nel ventennio circa in cui pubblica – 1959-77 – le tre opere maggiori) tira fuori i mezzi espressivi più sofisticati messi in funzione nei decenni precedenti del secolo che ha inventato o riciclato più tecniche. Il racconto lirico può essere canto a una voce sola, ma non il romanzo realistico (sempre narrativa fantastica, avverte Borgs), al quale serve e non basta un’orchestra. Meno violini e più strumenti a percussione, comunque una musica adatta a marcare i significati univoci o polivalenti di un libretto che narra vicende cui resistono solo le pelli da tamburo. È stato raggiunto lo scopo palese o latente del viaggio di Strati a Firenze. Saverio ha imparato a manovrare l’italiano per dare ricchezza e intensità alla lingua nazionale, l’immissione di espressioni popolari che già furono proverbi dialettali: acquista sapore, densità, e nutrimento. Come i vini da taglio calabresi che alzano la gradazione alcolica del Chianti. È in virtù di questo italiano vigoroso, saporito e sapiente creato da Saverio Strati che Il selvaggio di Santa Venere è uno straordinario romanzo. Se conosco Giacomo Debenedetti, sarebbe piaciuto al massimo critico letterario del Novecento: l’avrebbe riconosciuto come libro scritto a regola d’arte moderna.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Recovery Plan, 10 miliardi per la scuola

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Ulteriori fondi dovrebbero riguardare l’edilizia scolastica e gli asili nido. Una spinta, ma senza un progetto chiaro cambierà poco Se qualcuno cullava l’aspettativa che il Next Generation EU potesse cambiare il volto della scuola italiana, sarà bene che non si illuda troppo. Non c’è spazio per voli pindarici, almeno in base alla prima bozza del «Piano nazionale di ripresa e resilienza» diffusa dai media. Dei 196 miliardi di euro previsti in sei anni, il Piano ne riserva direttamente all’istruzione 10,1, ossia il 5,15%: fondi significativi, beninteso, per un settore che pur avendo una elevata spesa corrente (quasi interamente per stipendi) è sempre a corto di investimenti. Potranno certamente apportare miglioramenti (“potenziamento della didattica e del diritto allo studio”), ma non saranno in grado di cambiare da soli la qualità e l’efficacia del servizio scolastico, un’esigenza ormai improcrastinabile per il Paese.Si tratta di 1,7 miliardi di euro all’anno per un settore che oggi ne assorbe circa 60 all’anno: un’incidenza del 2,8%. È pur vero che al sistema formativo potrebbero arrivare fondi per altre vie. Secondo quanto risulta a Tuttoscuola, una quota dei 40,1 miliardi per l’efficienza energetica e la riqualificazione degli edifici dovrebbe essere destinata alla malmessa edilizia scolastica (il 58% degli edifici degli istituti superiori è privi del certificato di agibilità, per citare solo un dato). Altre risorse potrebbero esserci per gli asili nido, e la scuola potrà forse trarre beneficio indirettamente anche da quelle destinate alla digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella Pubblica Amministrazione . Ma per le ambiziose riforme che comportano specifiche spese aggiuntive occorreranno consistenti risorse fresche.Ad esempio, per la generalizzazione del tempo pieno nella scuola primaria – una riforma annunciata due settimane fa dal premier Conte – servirebbero ogni anno 2,8 miliardi a carico dello Stato (per 50 mila assunzioni tra docenti e collaboratori scolastici) e dei Comuni (per servizi di refezione e trasporto), senza contare le spese necessarie per la ristrutturazione dei locali. Solo questo intervento assorbirebbe tutte le risorse. In quel caso, niente digitalizzazione della scuola, niente stabilizzazione del precariato, niente aumenti di stipendio, limitato rafforzamento del diritto alla studio. Aspettative entrate nella testa di molti negli ultimi mesi.Si tratterà di scegliere se fare interventi a pioggia (come avvenuto con i fondi PON, 3 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, che hanno alimentato la scuola “progettificio”, con pochi benefici visibili) oppure puntare forte su poche carte, per esempio su un grande piano di formazione del personale in servizio (ma di qualità).Se si vuole arrivare alla scuola che sogniamo entro un decennio, anche approfittando del calo demografico, è meglio considerare, realisticamente, i fondi in arrivo come un fuoco di innesco – da dosare sapientemente – di un cambiamento che deve investire l’organizzazione del servizio, la diffusione di metodologie didattiche innovative che consentano il salto dall’insegnamento trasmissivo all’apprendimento coinvolgente, la personalizzazione dei percorsi formativi, il sistema di reclutamento, l’introduzione di una carriera e di una leadership distribuita con la fine dell’egualitarismo assoluto. Nessuna illusione. Solo se inseriti in una visione strategica sul modello educativo da adottare, con il coraggio di cambiare paradigma, i tanto attesi fondi del Next Generation EU potranno contribuire a dare al Paese il sistema scolastico in grado di renderlo competitivo, l’indispensabile motore invisibile sul quale innestare il rilancio. Di più su tuttoscuola.com

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Scuola: Sostegno, Istat: sempre più alunni disabili

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Aumenta ancora il numero ufficiale di studenti con disabilità che frequentano le scuole italiane (+ 13 mila, il 3,5% degli iscritti), mentre tra gli insegnanti di sostegno si contano sempre pochi specializzati: ben “il 37% non ha una formazione specifica”. Lo dice l’Istat all’interno del report “L’inclusione scolastica degli alunni con disabilità – A.S. 2019-2020” pubblicato stamane. Secondo i dati emessi dall’Istituto nazionale di statistica, i docenti di sostegno che nell’anno scolastico passato hanno operato nelle scuole italiane ammontavano a oltre 176 mila unità: il problema non è nella quantità, ma nel numero di insegnanti specializzati che risulta ancora insufficiente; la richiesta di queste figure aumenta di anno in anno più velocemente di quanto non cresca l’offerta. E la didattica a distanza ha reso queste problematiche ancora più evidenti. Tra le carenze c’è anche quella degli assistenti all’autonomia e alla comunicazione nel Mezzogiorno, dove il rapporto alunno/assistente è di 5,5, oltre 13 in Campania e in Molise. Come risulta scarsa l’accessibilità per gli alunni con disabilità motoria (solo nel 32% delle scuole) e molto critica la disponibilità di ausili per gli alunni con disabilità sensoriale (2%). L’Anief lo sostiene da tempo: è indispensabile aumentare le cattedre di sostegno, cancellare le cattedre in deroga, ammettere al Tfa sostegno tutti i candidati che hanno presentato domanda oppure sono risultati idonei nelle precedenti procedure di selezione, sono già di ruolo o hanno svolto 36 mesi di servizio, scongiurando così le realtà provinciali dove i candidati ai corsi specializzanti sono meno dei posti disponibili: basta ricordare quanto accaduto quest’anno in Piemonte, dove vi sono state 50 candidature a fronte di 458 posti di specializzazione autorizzati. Nello stesso tempo bisogna assumere in ruolo gli assistenti all’autonomia e alla comunicazione. Il sindacato lo ha chiesto con una serie di emendamenti specifici presentati nei giorni scorsi alla V commissione della Camera che sta esaminando il testo della Legge di Bilancio già approvata dal CdM in vista della conversione da attuare entro il prossimo 31 dicembre.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Criticità del sistema formativo italiano e attività universitarie

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Cresce la fiducia per la formazione universitaria, anche in un periodo complesso come quello attuale, dove la didattica a distanza preoccupa per la potenziale incidenza sull’abbandono scolastico, ma resta il divario con l’Europa e il gap fra formazione teorica e pratica. Questo quanto emerge da un’elaborazione di Fondazione Deloitte sui dati dello studio realizzato dal Censis a ottobre 2020 e che vede fra le criticità del sistema universitario l’Italia ancora al di sotto della media europea per immatricolazioni (51,8% dei giovani italiani in età corrispondente vs il 58,7% in Europa). “Sebbene la quota di immatricolati cresca, molto resta ancora da fare per colmare il gap che ci separa dal resto dei paesi dell’Unione europea per numero di giovani con titolo di studio terziario e per scelta nei percorsi STEM” – dichiara Paolo Gibello, Presidente di Fondazione Deloitte – “trend confermato anche dal nostro Osservatorio che evidenzia come la spesa delle università italiane per singolo studente risulti essere tra le più basse d’Europa, oltre a presentare un tasso di crescita annuo sul PIL nazionale (2,4%) inferiore alla media europea (2,5%)”.Inoltre, sempre dall’Osservatorio Deloitte, emergono alcune riflessioni sull’offerta formativa: sia gli studenti di scuole superiori che gli universitari, accusano un mancato bilanciamento tra formazione teorica e pratica. Per oltre uno studente su cinque non sono previste ore di esercitazione operativa nel proprio percorso di studi, e per il 32% di chi invece ne ha ufficialmente in programma, il numero di ore è considerato insufficiente. Questo gap è percepito in maniera significativa soprattutto dai docenti di materie STEM, in quanto il 34% di essi afferma di avere a disposizione un numero insufficiente di ore da dedicare allo sviluppo di competenze pratiche.Tuttavia, ci sono anche buone notizie. Dai primi dati resi disponibili dal Ministero dell’Università e della Ricerca, utili per tracciare iscrizioni e cambiamenti nei confronti dell’istruzione universitaria in periodo di pandemia, emerge che gli iscritti al primo anno per l’anno accademico in corso sono, infatti, cresciuti del 7,6% rispetto all’anno precedente con un’impennata di iscrizioni nelle università del centro e sud Italia; in testa l’Umbria al +22% e la Sicilia +18,8%.

Posted in scuola/school, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

“Incentivare assunzioni con l’estensione del contratto di espansione”

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

“Alle grandi aziende chiediamo di assumere”, lo ha detto oggi al Sole24Ore la presidente della Commissione Lavoro della Camera, Debora Serracchiani, in merito all’emendamento Pd alla manovra sui contratti di espansione nella legge di Bilancio. Le misure prevedono l’estensione dello strumento alle aziende con oltre 500 dipendenti, allargando così la platea ad altre 2mila aziende. Per quelle con più di mille addetti i versamenti a carico dello Stato copriranno un periodo aggiuntivo di 12 mesi, passando così da 24 a 36 mesi, e si prevede l’obbligo di fare un’assunzione ogni tre uscite. Tra i firmatari, oltre all’onorevole Serracchiani, anche la deputata Pd, Carla Cantone. “Rendiamo utilizzabile un importante strumento di politica attiva – ha detto la presidente Serracchiani – che consente di rinnovare le competenze, quando non ci sono all’interno dell’azienda, facilitando la staffetta generazionale. Alle grandi aziende che lo utilizzeranno presentando piani di rilevanza strategica in linea con i programmi europei, chiediamo di assumere”. L’obiettivo è gestire le ristrutturazioni aziendali in previsione della fine del blocco dei licenziamenti del prossimo 31 marzo. Le misure riguardano i lavoratori che si trovano a non più di 60 mesi dalla pensione di vecchiaia o anticipata.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Contagi, in Piemonte dati allarmanti

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

I dati sui contagi a scuola del Piemonte sono allarmanti. Docenti e personale Ata delle scuole dell’infanzia hanno una probabilità quattro volte maggiore degli altri piemontesi di essere contagiati dal Sars-Cov-2, quelli delle medie e della primaria da due a quasi tre volte più della popolazione generale. In controtendenza solo le superiori, dove il personale corre un rischio leggermente inferiore rispetto al resto della popolazione di ammalarsi di Covid-19.“Questi dati – commenta Marco Giordano, presidente regionale ANIEFV Piemonte – confermano che la decisione di riattivare la didattica digitale ha funzionato, ma ci dicono anche purtroppo che la scuola in presenza non è sicura come dovrebbe. Conosciamo perfettamente le difficoltà della didattica a distanza, specie per gli alunni più piccoli. Per questo abbiamo sottoscritto il contratto integrativo sulla didattica digitale. Ma non possiamo consentire che il personale docente e Ata della scuola paghi un prezzo così alto”.Sul fronte degli studenti, i dati confermano una marcata tendenza degli alunni più piccoli a infettarsi meno della popolazione generale, dato che secondo il ricercatore dell’università di Torino, Alessandro Ferretti, potrebbe essere legato alla maggior incidenza dei casi di asintomaticità tra i più giovani. Ma l’assenza di sintomi, come è noto, non impedisce comunque la trasmissione del virus. L’andamento inversamente proporzionale dei contagi tra personale scolastico e alunni all’infanzia e alla primaria, quindi, potrebbe spiegare in che modo avvengano i contagi a scuola.Pochi giorni fa il presidente della giunta regionale del Piemonte, Alberto Cirio, aveva incontrato ANIEF e gli altri sindacati della scuola per fornire spiegazioni sulla decisione di tenere ancora a casa in DaD gli studenti scuole medie, nonostante il passaggio della regione da zona rossa ad arancione. In quell’occasione ANIEF aveva già evidenziato che senza numeri chiari diventa incomprensibile la scelta di sospendere la didattica in presenza per alcune scuole e lasciarla attiva in altre.Oggi arriva la conferma che i numeri spingono verso la necessità di rivedere profondamente i protocolli, a partire dal tipo di mascherine di cui vengono dotati docenti, personale Ata e studenti quotidianamente. Non a caso, ANIEF insiste da settimane sulla necessità di introdurre le FFP2, soprattutto all’infanzia dove i piccoli alunni sono esonerati dall’obbligo di indossare dispositivi di protezione.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una piattaforma virtuosa per promuovere il made in Sicily

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

“Il commercio interno ha subito una brusca frenata a causa delle misure dettate dalla pandemia mondiale da covid-19. Il commercio digitale ha invece ripreso in maniera molto forte la sua crescita constatando l’incremento di vendite sulle principali piattaforme digitali di e-commerce gestite all’estero.” Con queste premesse il deputato regionale Antonio Catalfamo ha presentato la sua idea di “Amazon regionale” ossia una piattaforma di e-commerce virtuoso dove i costi di gestione e promozione sono a carico della Regione.“Con questo ddl vorremmo bypassare quei limiti in termini di costi che i grandi distributori online hanno, in alcuni casi fino al 20% sulla vendita. Noi proponiamo, con questo disegno di legge, una piattaforma virtuosa dove il commerciante, artigiano o imprenditore siciliano non deve pagare nulla. Ciò che vende intasca. La Regione mette la struttura a disposizione e si sobbarca i costi di gestione e promozione sul web nei mercati internazionali. Credo che un sito web dove comprare prodotti made in Sicily certificati dalla stessa Regione Siciliana sia una opportunità per il mercato stesso che ormai predilige sempre di più l’approccio multicanale e di qualità.”“Il commercio digitale è una risorsa preziosa che non va demonizzata ma anzi incalzata e sfruttata – prosegue il deputato – L’obiettivo è digitalizzare la nostra offerta commerciale senza mortificare le attività coinvolte, gravando su di sé i costi di ingresso e di gestione oltre che di promozione del marchio siglato. Una iniziativa che vuole venire incontro alle nuove esigenze del mercato facendo meglio incontrare le nostre ricchezze commerciali con un’utenza sempre più abituata all’e-commerce multicanale.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brexit: Cia, serve accordo Ue-Uk per scongiurare ritorno dazi

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Resta fondamentale arrivare a un accordo commerciale tra Ue e Regno Unito. Un “no deal”, ancora di più in questa fase di pandemia, metterebbe a rischio la stabilità dei mercati e colpirebbe l’Italia in modo diretto, visto che Londra rappresenta il quarto mercato di sbocco per l’export agroalimentare tricolore e il terzo all’interno dei confini comunitari. Così Cia-Agricoltori Italiani, in merito all’incontro stasera a Bruxelles tra il premier britannico Boris Johnson e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.“La soluzione appena raggiunta sull’Irlanda del Nord ci fa ben sperare -osserva il presidente nazionale di Cia, Dino Scanavino-. Bisogna uscire assolutamente da questa situazione di incertezza, rischiosa per imprese e cittadini, che può assumere una dimensione allarmante in un periodo già di difficoltà sul fronte della crescita economica, a causa degli effetti del Covid”.A inizio 2021, di fatto, il Regno Unito sarà fuori dal mercato unico e dall’unione doganale e, senza un accordo sui futuri rapporti commerciali, torneranno dazi e controlli sulle merci alle frontiere. Un problema enorme, prima di tutto per cibo e bevande Made in Italy. Le esportazioni agroalimentari nazionali verso il Regno Unito, infatti, valgono 3,4 miliardi di euro -ricorda l’Ufficio Studi Cia-. Tra i prodotti italiani più venduti, il primo è il vino, che rappresenta il 24% del totale delle esportazioni Oltremanica, con un fatturato superiore a 830 milioni di euro. Di assoluto rilievo anche il nostro export verso Londra di ortofrutta trasformata (13%) e ortofrutta fresca (6%), così come dei prodotti da forno e farinacei (11%) e dei prodotti lattiero-caseari (9%).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sostegno delle imprese europee del settore dell’intelligenza artificiale

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

L’iniziativa, che rientra nel sostegno di ampio respiro dell’UE. della Commissione, si rivolgerà principalmente alle imprese in fase di avviamento o di crescita che investono nello sviluppo di applicazioni e tecnologie di IA rivoluzionarie che integrano l’IA, come la blockchain, l’Internet delle cose e la robotica. Lo strumento integra e si basa sulle competenze della BEI e del FEI nel settore sviluppate grazie al progetto pilota di intelligenza artificiale/blockchain da €100 milioni nel quadro del capitale di InnovFin(link is external) e ai finanziamenti diretti della BEI alle imprese di IA tramite il suo strumento di capitale di rischio(link is external)Cerca le traduzioni disponibili del link precedente. La Banca europea per gli investimenti, collaborando con gli investitori privati, prevede di sostenere circa 20-30 piccole e medie imprese. I nuovi fondi saranno disponibili nell’UE e nei paesi associati a Orizzonte 2020 e dovrebbero essere utilizzati nei prossimi quattro anni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sostegno delle attività nei centri storici delle città italiane

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

La Commissione europea ha approvato il regime italiano del valore di 500 milioni di € volto a garantire una disponibilità di liquidità sufficiente alle imprese impegnate in attività commerciali destinate alla vendita di beni o servizi al pubblico nei centri storici delle città italiane più turistiche. Queste imprese sono state particolarmente colpite dall’impatto negativo che la pandemia di coronavirus ha avuto sul turismo. Scopo del regime è attenuare le difficoltà economiche e l’improvvisa carenza di liquidità che tali imprese si trovano ad affrontare a causa delle misure restrittive imposte dal governo per limitare la diffusione del virus. Il regime è stato approvato a norma del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato. Il sostegno sarà aperto alle imprese di tutte le dimensioni attive in qualsiasi settore, ad eccezione di quello finanziario. Le imprese sono ammissibili se nel giugno 2020 il loro fatturato nel centro storico è diminuito di almeno un terzo rispetto a giugno 2019. L’importo della sovvenzione diretta corrisponde a una percentuale di tale differenza di fatturato. L’importo della sovvenzione non sarà inferiore a 1 000 € per le persone fisiche e a 2 000 € per le persone giuridiche, e non sarà superiore a 100 000 € per le imprese attive nel settore agricolo primario, a 120 000 € per le imprese attive nel settore della pesca e a 150 000 € per le imprese attive in tutti gli altri settori. Le imprese che hanno iniziato la loro attività solo dopo il 1º luglio 2019 avranno diritto a un aiuto sotto forma di somma forfettaria (1 000 € per le persone fisiche e 2 000 € per le persone giuridiche).La Commissione ha constatato che il regime italiano è in linea con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. In particolare, i) l’aiuto non supererà i massimali per impresa previsti nel quadro temporaneo; e ii) l’aiuto sarà erogato fino al 30 giugno 2021. La Commissione ha concluso che la misura è necessaria, adeguata e proporzionata per porre rimedio al grave turbamento dell’economia di uno Stato membro, in linea con l’articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE e con le condizioni stabilite nel quadro temporaneo. Su queste basi la Commissione ha approvato le misure in conformità delle norme dell’Unione sugli aiuti di Stato.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Partenariato UE-Africa

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

La Commissaria per i Partenariati internazionali, Jutta Urpilainen, ha dichiarato: “Il partenariato con la Fondazione Tony Elumelu aiuterà le donne a partecipare allo sviluppo economico, a realizzare appieno il loro potenziale e ad accelerare l’inclusione economica. L’emancipazione delle donne imprenditrici è un fattore chiave per la crescita e l’occupazione sostenibili, in particolare nel contesto della pandemia di COVID-19 e in linea con gli obiettivi della nostra strategia per l’Africa. Donne e ragazze rappresentano la metà della popolazione mondiale e meritano pari opportunità”. Le donne, che all’interno della famiglia sono spesso responsabili sia del sostegno economico sia dell’assistenza, sono tra le più duramente colpite dalla pandemia di COVID-19. L’UE sta intensificando gli sforzi per ricostruire meglio e garantire che le donne siano al centro della ripresa, come dimostra il piano d’azione dell’UE sulla parità di genere (GAP III)Cerca le traduzioni disponibili del link precedenteEN••• approvato di recente. Maggiori informazioni sono disponibili online nel comunicato stampa e nei siti web della Fondazione Tony Elumelu(link is external) e della strategia dell’UE per la parità di genere 2020-2025.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Premio Sakharov all’opposizione bielorussa

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Martedì 15 dicembre dalle 10 alle 11 si terrà un briefing online sul Premio Sakharov per la libertà di pensiero con rappresentati dell’opposizione democratica in Bielorussia che quest’anno vincono il riconoscimento. Gli speaker finora confermati sono Sviatlana TSIKHANOUSKAYA, che rappresenta l’opposizione, Heidi HAUTALA (Verdi/ALE, Finlandia), responsabile del Sakharov Network e membro della sottocommissione per i diritti umani del Parlamento europeo, Petras AUŠTREVIČIUS (Renew Europe, Lituania), relatore per le relazioni con la Bielorussia. Moderazione: Raffaella de Marte e Eva Egido dell’Unità Media del Parlamento europeo. La cerimonia di premiazione si terrà invece il 16 dicembre a mezzogiorno. The democratic opposition in Belarus is represented by the Coordination Council, initiative of brave women (main opposition candidate Sviatlana Tsikhanouskaya, Nobel Laureate Svetlana Alexievich, musician and political activist Maryia Kalesnikava, and political activists Volha Kavalkova and Veranika Tsapkala), as well as political and civil society figures (video blogger and political prisoner Siarhei Tsikhanouski, Ales Bialiatski, founder of the Belarusian human rights organisation Viasna, Siarhei Dyleuski, Stsiapan Putsila, founder of the Telegram channel NEXTA, and Mikola Statkevich, political prisoner and presidential candidate in the 2010 election).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Solidarity and responsibility-sharing within the EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

At Parliament’s request, the funds should also aim at enhancing “solidarity and responsibility sharing between the member states, in particular towards those most affected by migration and asylum challenges, including through practical cooperation”.Most of the funds (63.5%) should be allocated to programmes that are jointly managed by the EU and the member states, whose entitlements will vary depending, among other factors, on the number of third-country nationals residing in the country, the asylum claims received, the return decisions taken and the effective returns carried out.The other 36.5% will be directly managed by the EU and dedicated, among other actions, to emergency assistance, resettlement and humanitarian admission from non-EU countries and to relocate asylum-seekers and refugees to other EU member states, “as part of solidarity efforts”.Negotiators also ensured that funds could be allocated to local and regional authorities that implement measures to support people to integrate into their community.MEPs managed to increase the sum that EU countries will receive for every resettled person (€10.000, up from the €7.000 intended by the Council), the same amount they will get for every person relocated from another member state. While in 2014-2020 countries did not receive funds for humanitarian admission, they will now obtain €6.000 for every person they welcome under this mechanism (€8.000 if it is a vulnerable person).

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Deal on financing a just energy transition in EU regions

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

The Just Transition Fund (JTF), worth 17.5 billion EUR, is one of the EU’s key tools to support regions in the transition towards climate neutrality by 2050.During their talks, EU institutions agreed to broaden its scope to also fund micro-enterprises, universities and public research institutions, digital innovation and activities in the areas of education and social inclusion. Investments in renewable energy and energy storage technologies, investments in energy efficiency and heat production for renewables-based district heating, smart and sustainable local mobility will also be financed.The decommissioning or construction of nuclear power stations, activities linked to tobacco products and investment related to the production, processing, transport, distribution, storage or combustion of fossil fuels cannot be funded through the JTF.At the initiative of the Parliament, a “Green Rewarding Mechanism” will be introduced, if JTF resources are increased after 31 December 2024. The additional resources will be distributed among member states, with those that succeed in reducing greenhouse gas emitted by their industrial facilities receiving more funding.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Deal on EU funds for common asylum, migration and integration policies up to 2027

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

The renewed Asylum, Migration and Integration Fund (AMIF), part of the Multiannual Financial Framework for 2021-2027, will amount to €9.882 billion in current prices.The co-legislators agreed that the new AMIF should contribute to strengthening the common asylum policy, develop legal migration in line with the member states’ economic and social needs, support third-country nationals to effectively integrate and be socially included, and contribute to the fight against irregular migration. Other objectives include ensuring that those without a right to stay in the EU are returned and readmitted in an effective, safe and dignified way. The fund will also support those people to begin reintegrating in non-EU countries to which they have been returned.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

COVID-19 recovery deal: balance investor protection and firms’ compliance costs

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Economic and Monetary Affairs Committee negotiators struck a deal so that EU companies can access a diverse range of funding and support the post-COVID-19 recovery.The agreement reached with the Council on targeted adjustments to the Markets in Financial Instruments Directive (MIFID II) should facilitate economic recovery by removing unnecessary administrative burdens while maintaining a balance between protecting investors and keeping compliance costs low for firms. The changes apply mostly to professional clients and eligible counterparties such as insurers, pension funds, or public institutions.The changes agreed by the negotiators on Wednesday include: • Professional clients will no longer receive information on costs and charges. They will however still receive information on investment advice and portfolio management. • Ex-post information on costs and charges should be supplied without delay and clients should be able to receive such information over the phone (or on paper if requested). Moreover, the client should be given a breakdown of the costs prior to concluding a transaction. • Retail clients will be able receive information in digital format instead of on paper, but should be given at least eight weeks’ notice and the choice to continue receiving information on paper or switch to a digital format. • Certain product governance requirements will no longer apply to corporate bonds with “make-whole clauses” – which protect investors against losses when an issuer opts for early repayment, by guaranteeing them a payment equal to the net present value of the coupons. In addition, financial instruments distributed to eligible counterparties will be excluded. • Commodity derivatives: some changes to the position limits regime, including a new definition for agricultural commodity derivatives. This definition clarifies that agricultural commodity derivatives include fisheries as well as animal feed. For those agricultural commodities the current strict regime will still apply, while less sensitive contracts will enjoy a lighter regime. MEPs also ensured that the Commission will present if appropriate a proposal for a review of both the Market in Financial Instruments Directive (MIFID) and the Regulation (MIFIR) by 31 July 2021 at the latest. It should consider issues related to market structure, data, trading and post trading, research rules, rules on payment to advisors, the level of professional qualifications of advisers in Europe and client categorisation.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Oltre 80 milioni di persone costrette a fuggire a metà 2020

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Mentre il Covid-19 mette a dura prova la protezione dei rifugiati a livello globale. In attesa di definire un quadro completo per il 2020, secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi a Ginevra l’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, stima che il numero di persone costrette a fuggire a livello globale abbia superato gli 80 milioni a metà anno.All’inizio di quest’anno, circa 79,5 milioni di persone erano state costrette a lasciare la loro casa a causa di persecuzioni, conflitti e violazioni dei diritti umani. Questo numero comprendeva 45,7 milioni di sfollati interni, 29,6 milioni di rifugiati e altre persone costrette a lasciare il proprio Paese e 4,2 milioni di richiedenti asilo. Nel 2020, i conflitti esistenti e nuovi ed il Covid-19 hanno avuto un impatto drammatico sulle loro vite. Nonostante l’appello urgente di marzo del Segretario Generale delle Nazioni Unite per un cessate il fuoco globale per far fronte alla pandemia, i conflitti e le persecuzioni sono continuati. Le violenze in Siria, Repubblica Democratica del Congo, Mozambico, Somalia e Yemen hanno causato nuove migrazioni forzate nella prima metà del 2020. Nuovi significativi movimenti migratori forzati sono stati registrati anche nella regione del Sahel centrale dell’Africa, dove i civili sono sottoposti a violenze brutali, tra cui stupri ed esecuzioni.”Il numero di persone costrette a fuggire èraddoppiato nell’ultimo decennio, e la comunità internazionale non riesce a salvaguardare la pace”, ha detto Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. “Stiamo sorpassando un’altra triste pietra miliare, ed il numero continuerà a crescere se i leader mondiali non fermeranno le guerre”. Per le persone costrette a fuggire, il Covid-19 ha rappresentato un’ulteriore crisi di protezione e di sostentamento, oltre ad un’emergenza sanitaria pubblica globale. Il virus ha sconvolto ogni aspetto della vita umana e ha gravemente peggiorato le sfide esistenti per le persone costrette a fuggire e per gli apolidi.Alcune delle misure per frenare la diffusione del Covid-19 hanno reso più difficile per i rifugiati raggiungere la sicurezza. Al culmine della prima ondata della pandemia, in aprile, 168 paesi hanno chiuso completamente o parzialmente le loro frontiere, e 90 paesi che non hanno fatto alcuna eccezione per le persone in cerca di asilo. Da allora, e con il sostegno e l’esperienza dell’UNHCR, 111 Paesi hanno trovato soluzioni pragmatiche per garantire che il loro sistema di asilo sia pienamente o parzialmente operativo, assicurando al contempo l’adozione delle misure necessarie a contenere la diffusione del virus.Nonostante tali soluzioni, le nuove domande d’asilo sono diminuite di un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019. Nel frattempo, i fattori alla base dei conflitti a livello globale non sono ancora stati affrontati.Nel 2020 sono state trovate meno soluzioni durature per le persone costrette a fuggire rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. Solo 822.600 persone sono tornate a casa, la maggior parte dei quali – 635.000 – erano sfollati interni. Con 102.600 rimpatri volontari nella prima metà dell’anno, i ritoni a casa dei rifugiati sono diminuiti del 22% rispetto al 2019.I trasferimenti per il reinsediamento dei rifugiati sono stati sospesi temporaneamente a causa delle restrizioni dovute al COVID-19 da marzo a giugno. Di conseguenza, secondo le statistiche governative, solo 17.400 rifugiati sono stati reinsediati nei primi sei mesi del 2020, la metà rispetto al 2019.Sebbene il numero effettivo di apolidi rimanga sconosciuto, 79 Paesi nel mondo hanno segnalato 4,2 milioni di apolidi sul loro territorio.Le statistiche sulle migrazioni forzate sono disponibili all’indirizzo https://www.unhcr.org/refugee-statistics/.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Lezioni in presenza anche a luglio?

Posted by fidest press agency su venerdì, 11 dicembre 2020

Il sindacato commenta la notizia secondo la quale il ministero dell’Istruzione avrebbe un piano pronto: scuola aperta sino a luglio e lezioni anche di sabato. Anief non è d’accordo, poiché la didattica a distanza, portata avanti con molto impegno in questi mesi, sia da parte dei docenti che degli studenti, è lezione a tutti gli effetti.Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ha rilasciato una breve intervista alla stampa specializzata Orizzonte Scuola e ha affermato che sarebbe come “rinnegare il lavoro fatto a distanza. O si interrompono le lezioni in presenza o a distanza oppure ogni altra soluzione renderebbe vano il grande lavoro portato avanti da migliaia di insegnanti. Non stiamo giocando ma stiamo cercando di garantire il diritto allo studio pur nei limiti di lezioni non in presenza”. A proposito del rientro in classe il 7 gennaio 2021, il presidente del giovane sindacato ha dichiarato che si può realizzare soltanto se vengono aumentati classi e plessi e incrementati organici, così da poter garantire un’apertura in sicurezza. Sarebbe indispensabile anche un accordo tra enti che gestiscono i trasporti e dirigenti scolastici sull’orario dell’apertura della scuola e scaglionamento per evitare assembramenti pure per la presenza di lavoratori.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »