Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 348

Archive for 21 dicembre 2020

Roma: La magia dei canti “Gospel”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Roma a Via del Babuino e a Via Margutta per gli auguri XMAS 2020. Il gemellaggio fra la Nuova Associazione del Babuino e l’Associazione Internazionale di Via Margutta prosegue anche negli ultimi sabati di dicembre, con l’appuntamento dei canti Gospel intonati, lungo le arterie illuminate a festa di Via del Babuino e di Via Margutta, dal “Seven Hills Gospel Choir” diretto dal M° Gianluca Buratti, autorevole realtà artistica romana che ha solcato palchi e location prestigiosi, emozionando il pubblico e trasmettendo sempre messaggi di gioia, pace e amore durante ogni esibizione. Sarà inevitabilmente un Natale sottotono, dato il permanere dello stato di emergenza sanitaria, ma il centro storico della capitale non si spegne, ribadiscono Maria Letizia Rapetti Presidente della Nuova Associazione del Babuino e Alberto Moncada Presidente dell’Associazione Internazionale di Via Margutta. Un periodo festivo inconsueto, sicuramente meno spensierato ma proprio per questo si è volutamente programmare che nelle due strade più prestigiose della capitale, si vivessero momenti di spensieratezza e di aggregazione contingentata, sia durante l’evento del 5 dicembre u.s. quello dell’accensione delle luminarie nel quale si è esibita la Compagnia Italiana di Teatro e Danza, sia nei due appuntamenti programmati il 12 e il 19 dicembre u.s. con i canti gospel diventati un’occasione unica, speciale per incontrare i romani, i turisti e le diverse e prestigiose realtà commerciali delle due strade, che con il proprio prezioso contributo hanno permesso di illuminare a festa le vie del luxury shopping e dell’arte: Via del Babuino e Via Margutta. (Copyright Photo Flavia Lucidi) 

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

McConnell e Trump, esperti ostruzionisti: strada in salita per Biden

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

By Domenico Maceri “Il Collegio Elettorale si è espresso. Quindi voglio congratularmi con il presidente eletto Joe Biden”. Così Mitch McConnell, senatore repubblicano del Kentucky e leader del Senato, dopo sei settimane dall’esito elettorale che aveva determinato la sconfitta di Donald Trump. McConnell aveva inizialmente riconosciuto pubblicamente tutti i diritti dell’attuale inquilino della Casa Bianca di contestare la votazione. In effetti, aveva dato la sua benedizione a Trump di ostruire secondo i suoi desideri. Questi, come si sa, le ha tentate tutte, da ricorsi legali, politici, minacce, ed ancora non ha ammesso sconfitta anche se non gli rimangono che pochissime carte da giocare. L’ultima e remotissima opportunità potrebbe essere la proclamazione del nuovo presidente da parte della Camera e Senato che avverrà il 6 gennaio. In quell’occasione, come per tradizione, il vice presidente, Mike Pence in questo caso, dovrà formalizzare l’esito elettorale e annunciare che Biden ha vinto ed è il nuovo presidente.McConnell non ha partecipato attivamente all’ostruzione di impedire a Biden di iniziare la transizione e lanciare le preparazioni per il suo governo, che ufficialmente inizia il 20 gennaio. Lo ha fatto però per queste sei settimane passivamente e silenziosamente. Il leader del Senato è un esperto ostruzionista quando i democratici controllano la Casa Bianca. Lo ha fatto per tutti gli otto anni del mandato di Barack Obama ma anche quando i repubblicani erano in minoranza nelle due Camere legislative (2008-10). McConnell riuscì a limitare anche se non completamente l’agenda del presidente. Nei due anni del primo mandato di Obama in cui i democratici ebbero la maggioranza in ambedue le Camere riuscirono a fare approvare uno stimolo per l’economia che versava in condizioni disastrose e approvarono la riforma sulla sanità, la cosiddetta Obamacare. Nonostante gli attacchi politici e legali sferrati dai repubblicani il programma continua tuttora. Con la perdita della maggioranza democratica alla Camera nell’elezione di midterm del 2010 e quella del Senato nel 2012 l’ostruzionismo di McConnell divenne più potente. Va ricordato l’esempio più eclatante. Nel 2016, dopo la morte del giudice della Corte Suprema Antonin Scalia, Obama nominò Merrick Garland come sostituto. McConnell si rifiutò di concedergli le audizioni negandogli la conferma. L’ostruzionismo di McConnell fu così efficace che Obama si trovò con le mani legate, costretto a fare uso di ordini esecutivi per promuovere anche se in maniera limitata la sua agenda. Uno di questi ordini esecutivi più noti ed efficaci fu la protezione dei “dreamers”, i giovani portati dai loro genitori in America senza permesso legale. L’ordine di Obama, il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca), diede autorizzazione legale temporanea a questi giovani, permettendo loro di studiare e lavorare legalmente. Trump, da presidente, revocò l’ordine di Obama ma il sistema giudiziario glielo ha impedito e il programma rimane ancora in vigore.Joe Biden fu vice presidente di Obama per otto anni ed è a piena conoscenza dell’ostruzionismo dei repubblicani. Nel suo caso, però, l’ostruzionismo è iniziato prima della sua inaugurazione con il rifiuto di Trump di accettare l’esito elettorale. Il presidente uscente ha temporeggiato per tre settimane prima di permettere a Emily Murphy, direttrice della General Service Administration, di informare Biden dell’inizio della transizione presidenziale. Biden ha dunque perso tre preziose settimane per l’inizio dell’organizzazione del suo governo perché non aveva accesso a risorse e informazioni necessarie.L’ostruzione di Trump però ha incluso una ottantina di denunce, pressione a governatori e legislature di alcuni Stati, cercando di ribaltare l’esito elettorale, facendo persino uso di minacce poco velate con i suoi velenosi tweet. I sostenitori del presidente uscente hanno creduto alla frode elettorale e non poche sono state le minacce ricevute da leader repubblicani di alcuni Stati. Nel caso della Georgia, Arizona, Michigan e Nevada, i pericoli non sono stati solo diretti ai leader statali ma anche ai dipendenti e semplici funzionari della burocrazia elettorale. Il clima è divenuto così pericoloso che non pochi di questi individui hanno dovuto fare ricorso a scorte di polizia, temendo possibili attacchi fisici e persino letali. Un alto funzionario della Georgia, Gabriel Sterling, è stato costretto a fare una conferenza stampa in cui ha chiesto direttamente a Trump di incoraggiare i suoi sostenitori a calmare le acque. L’attuale inquilino della Casa Bianca non ha ascoltato le parole ed ha continuato ad incoraggiare la lotta per ribaltare i risultati elettorali. La campagna di Trump di ostruire Biden anche prima che inizi il suo mandato sta producendo frutti corrosivi. Il 70 percento degli elettori repubblicani crede che l’elezione di Biden sia illegittima. Il 45esimo presidente ha il grande talento di creare una realtà basata sul nulla. Trump è riuscito a convincere i suoi sostenitori a non credere ai suoi avversari né a quello che dicono i media. La verità per i suoi sostenitori esce solo dalla bocca del loro leader. Considerando le sue menzogne che il Washington Post aveva calcolato a più di 20mila, Trump è anche riuscito a convincere giustamente i suoi avversari a non credere quello che lui dice. In effetti, Trump è riuscito a ferire gravemente la realtà condivisa che permette il funzionamento della democrazia.Biden sa benissimo che il suo compito non sarà facile poiché la sua agenda è già ostruita dal partito avversario. Trump alla fine uscirà dalla Casa Bianca ma continuerà a ostruire la politica dal di fuori del governo. Il ballottaggio in Georgia del 5 gennaio per determinare i due senatori dello Stato potrebbe rivelarsi determinante per stabilire la maggioranza al Senato. In caso di vittoria democratica in ambedue i seggi della Georgia, Biden avrebbe la maggioranza (50 a 50) con il voto decisivo della vicepresidente Kamala Harris. Comunque vada, il fatto che McConnell abbia riconosciuto l’esito elettorale del 3 novembre, andrebbe visto come l’offerta di un ramo di olivo. Biden, conosce bene McConnell e sa benissimo che durante la sua presidenza la strada sarà difficile. L’ostruzionismo gli arriverà non solo da McConnell ma anche da Trump. Ambedue gli sbarreranno la strada dalla parte interna del sistema ma anche dal di fuori. Domenico Maceri, PhD, è professore emerito all’Allan Hancock College, Santa Maria, California.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le corse per la candidatura a sindaco di Roma

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

“La posta in gioco è altissima ed è la ripartenza di Roma. Come abbiamo sempre chiarito in ogni sede, il Partito democratico insieme alle forze di centrosinistra è pronto a cogliere la sfida delle prossime elezioni comunali nella Capitale, ed è tuttora a lavoro per la definizione di un programma di svolta. Atteggiamenti attendisti non ci appartengono: il perimetro del campo è chiaro e già definito. Possibili alleanze con i 5S non sono all’ordine del giorno”. Così in una nota il segretario del Pd Lazio, senatore Bruno Astorre, e il segretario del Pd Roma, Andrea Casu. “Tutte le forze politiche e sociali già riunite intorno al tavolo di coalizione devono continuare a dialogare insieme, senza arroccamenti, a proporre idee, che si trasformeranno in progetti per la rinascita di Roma, a fare squadra. Parte integrante di questo percorso collettivo – aggiungono i segretari – sarà la scelta della candidata o del candidato sindaco, che dovrà rappresentare una coalizione ampia, e che, se la pandemia di Covid-19 ce lo consentirà, sarà scelto a febbraio attraverso lo strumento delle primarie. Sprecare questa opportunità sarebbe da stupidi, e vorrebbe dire – concludono Astorre e Casu – consegnare la città alle destre, arrecando un grave danno ai cittadini che da più parti ci chiedono unità e cambiamento”.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra finale del Talent Prize 2020

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Roma. Al Museo Pietro Canonica a Villa Borghese a Roma è stata allestita, in modo semplificato, la mostra finale del Talent Prize 2020, premio internazionale di arti visive dedicato ai giovani artisti, fondato da Guido Talarico e realizzato da Inside Art, con il sostegno di Fondazione Cultura e Arte, ente strumentale di Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale. L’iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.In ottemperanza alle nuove misure di contrasto e contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 previste dal DPCM del 3 dicembre 2020, la mostra non è stata aperta al pubblico ma è fruibile online sul sito http://www.talentprize.it attraverso contenuti multimediali prodotti per raccontare le opere, far conoscere gli artisti, divulgare la storia del Talent Prize e testimoniare l’impegno di tutti i partner e sponsor del Premio. Al Museo è stato realizzato un allestimento semplificato attraverso una riproduzione per immagini delle opere del vincitore, dei finalisti e dei premi speciali della tredicesima edizione del concorso. Il vincitore Francesco Fonassi che si è classificato al primo posto con l’installazione dal titolo Salvatici, è seguito dai finalisti: Giulio Bensasson, Bea Bonafini, Pamela Breda, Simone Cametti, Diego Gualandris, Diego Miguel Mirabella, Caterina Silva, Marco Strappato e Giovanni Vetere.Quest’anno, in via eccezionale, la giuria ha voluto selezionare, tra i finalisti, un secondo e terzo classificato, come segno di riconoscimento di una ricerca convincente e prospettica.Si tratta di Pamela Breda, al secondo posto con The Unforeseen – un film sperimentale parte di un progetto più ampio che si propone di analizzare in che modo la realtà virtuale stia ridefinendo la nostra vita individuale e collettiva – e Giulio Bensasson, al terzo posto con The future is bright, un’installazione effimera composta da fiori bianchi dipinti, sui quali si legge una scritta destinata a scomparire. Un’illusione che crolla, lasciando solo un’eco.L’installazione Salvatici di Francesco Fonassi è composta da due sculture, copie delle colonne per una macchina processionale della Basilica di Santa Maria in Trastevere, che sono gli elementi centrali di diffusione sonora dell’elaborazione audio di diversi contenuti sorgente: la registrazione derivante dalla collaborazione con una fisarmonicista e due tracce provenienti da una collezione privata di dischi in gommalacca a 78 giri.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Covid-19: “Salvare ospedali e scuole con lockdown a Natale e chiusure ad intermittenza fino all’estate”. L’appello dei medici

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Per ridurre i contagi ed evitare ulteriori ondate occorre imporre misure restrittive sull’intero territorio nazionale durante tutto il periodo delle festività natalizie e lockdown intermittenti fino all’estate. Lo chiedono alcuni tra i più importanti medici italiani, tra i quali Susanna Esposito, ordinaria di Pediatria dell’Università di Parma e consulente dell’OMS, Antonella Viola, Immunologa e Direttore dell’Istituto di Ricerca Pediatrica di Padova, e Stefano Zona, specialista in Malattie Infettive dell’AUSL di Modena. Gli autori, prendono la parola per chiedere misure chiare e restrittive nel periodo natalizio per garantire una riduzione del numero di contagi e la riapertura delle scuole a gennaio.I ricercatori, promotori tra gli altri di un appello inviato lo scorso 2 novembre al Governo e ai membri del Comitato Tecnico Scientifico in cui proponevano lockdown intermittenti fino a primavera, affermano la loro preoccupazione di fronte alle incertezze dell’esecutivo nella gestione della pandemia: “Il numero dei contagi e dei decessi giornalieri è ancora drammaticamente elevato e in alcuni Regioni, come nel caso del Veneto, fortemente in crescita. Non possiamo attendere gli effetti della campagna di vaccinazione di massa, dobbiamo agire ora nell’arrestare il contagio. I messaggi contraddittori del governo avranno conseguenze drammatiche. Dobbiamo arrivare a un lockdown nazionale nel periodo natalizio, come scelto da vari paesi europei, per poter alleggerire la pressione sugli ospedali e garantire la riapertura delle scuole in gennaio”, afferma il dott. Zona, tra i promotori dell’associazione IoVaccino. Un lockdown nazionale nel periodo delle festività è una scelta condivisa anche da Susanna Esposito, che rilancia la necessità di un piano a medio-lungo termine di lockdown intermittenti tra gennaio e giugno: “Dobbiamo avere una strategia di riduzione dei contagi e chiusure pulsate fino all’estate, che ci consenta di frenare questa seconda ondata, scongiurarne una terza, e tutelare salute e istruzione, non più ulteriormente sacrificabili”.La riapertura delle scuole “deve essere la priorità la priorità del governo, insieme alla riduzione dei contagi”, continua Antonella Viola. Conclude l’immunologa: “I livelli di diffusione attuale del virus rendono difficilmente sostenibile una riapertura a gennaio. La chiusura delle scuole ha effetti drammatici sulla salute fisica e psichica di milioni di bambini e ragazzi. Ecco perché bisogna agire immediatamente con un lockdown natalizio e misure coerenti fino all’estate”, conclude Viola.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campidoglio, dopo 14 anni riapre al pubblico il Mausoleo di Augusto

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Dal 1° marzo 2021 torna accessibile al pubblico il Mausoleo di Augusto, una delle più imponenti opere architettoniche della romanità e il più grande sepolcro circolare del mondo antico. Già dal prossimo 21 dicembre si potrà prenotare in anticipo la visita al monumento, chiuso dal 2007 per la partenza delle indagini archeologiche preliminari alla realizzazione del grande progetto di recupero e restauro eseguito da Roma Capitale. L’intervento di musealizzazione in corso è finanziato grazie all’atto di mecenatismo della Fondazione TIM. L’iniziativa è stata presentata dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi, dal Presidente della Fondazione TIM Salvatore Rossi, dal Vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale Luca Bergamo, dalla Soprintendente speciale di Roma Daniela Porro e dalla Sovrintendente Capitolina Maria Vittoria Marini Clarelli. “E’ motivo di orgoglio e soddisfazione essere al fianco di Roma Capitale in questo importante progetto per il recupero e la valorizzazione del Mausoleo di Augusto, uno dei luoghi simbolo della città e patrimonio archeologico mondiale. Da subito abbiamo ritenuto che fosse importante sostenere l’iniziativa per ridare vita ad uno dei siti più visitati al mondo. Il nostro contributo risponde infatti all’esigenza di promuovere il modello di partecipazione privato a supporto del pubblico nell’interesse della collettività con il duplice obiettivo di valorizzare il patrimonio del Paese, diffondere l’arte e la cultura”, dichiara Salvatore Rossi, Presidente Fondazione TIM.“Dopo 14 anni, a marzo prossimo il Mausoleo di Augusto sarà nuovamente visitabile. E’ l’esito del delicato lavoro condotto dalla Sovrintendenza Capitolina, grazie a un importantissimo atto di mecenatismo della Fondazione TIM e a fondi di Roma Capitale. E’ un lavoro che continuerà ancora con altri interventi rilevanti che i visitatori potranno seguire e capire, formandosi così una chiara idea della complessità di interventi sul patrimonio culturale, delle altissime competenze necessarie e del valore che restituiscono alla comunità. In primavera grazie alla collaborazione tra Fondazione TIM e Sovrintendenza i visitatori potranno inoltre navigare attraverso la storia del Mausoleo grazie alle possibilità offerte dalle tecnologie multimediali. L’apertura del Mausoleo ha un significato ancora ulteriore perché si collega all’impegno della Sovrintendenza grazie a cui sono partiti i lavori nella piazza Augusto Imperatore, che dovrebbero concludersi per questa prima fase a dicembre 2021. Ringrazio coloro che hanno messo intelligenza e impegno per questo risultato, davvero emblematico, di cui penso si debba essere tutti felici e orgogliosi”, dichiara il Vicesindaco con delega alla Crescita culturale, Luca Bergamo.“Il Mibact, attraverso la Soprintendenza Speciale di Roma, è sempre stato presente in questa operazione di recupero, nell’ambito dei compiti di tutela con la valutazione e condivisione dei progetti del restauro dell’edificio. Un ruolo svolto in chiave propositiva, finalizzato alla valorizzazione di importanti reperti e alla piena restituzione alla città del mausoleo di Augusto, anche grazie alla risistemazione della piazza di fronte all’ingresso del monumento attesa da tempo”, dichiara Daniela Porro, Soprintendente Speciale di Roma.“Il Mausoleo di Augusto, monumento chiave nel passaggio dalla Roma repubblicana a quella imperiale, è l’esempio forse più eloquente del riuso, della reinterpretazione e della riscoperta delle vestigia antiche nella storia della città. Divenuto fortilizio durante il Medioevo, giardino all’italiana nel Rinascimento, arena per tori e bufale nell’età del Grand Tour, auditorium nei primi decenni del Novecento, fu recuperato in chiave politica nel Ventennio. Per tutte queste fasi l’attuale restauro, con gli studi che lo hanno accompagnato, ha fornito nuovi, importanti elementi di conoscenza”, afferma la Sovrintendente Capitolina Maria Vittoria Marini Clarelli.Le visite, della durata di circa 50 minuti, si svolgeranno dal martedì alla domenica dalle ore 9 alle ore 16 (ultimo ingresso alle 15). Saranno completamente gratuite per tutti dal 1° marzo al 21 aprile 2021 con prenotazione obbligatoria sul sito mausoleodiaugusto.it Dal 22 aprile, e per tutto il 2021, l’accesso resterà sempre gratuito per i residenti a Roma.A partire dal 21 aprile 2021 la visita al Mausoleo sarà arricchita con contenuti digitali, in realtà virtuale e aumentata, in collaborazione con la Fondazione TIM. I servizi museali saranno gestiti da Zètema Progetto Cultura. Dopo la prima fase di restauro conservativo terminata nel 2019 e realizzata mediante un finanziamento pubblico di 4.275.000 euro (di cui 2 milioni versati dal Mibact e 2.275.000 da Roma Capitale), è attualmente in corso la fase di valorizzazione del monumento, finanziata dalla Fondazione TIM con un atto di mecenatismo.I lavori, diretti dalla Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, permetteranno di realizzare un itinerario museale completo che racconterà le varie fasi storiche del Mausoleo, affiancato da un percorso privo di barriere architettoniche e accessibile a tutti, in concomitanza con i lavori di sistemazione di Piazza Augusto Imperatore, avviati a maggio 2020.Grazie agli interventi di restauro del Mausoleo realizzati finora, con la sistemazione di numerose concamerazioni interne e l’avvio dell’allestimento del percorso museale, è possibile anticipare a marzo 2021 la fruizione del monumento rispetto ai termini previsti per il completamento delle opere di musealizzazione. Anche con il cantiere in corso, il pubblico potrà quindi effettuare una visita dell’area centrale e accedere agli spazi in sicurezza.

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Congresso Udir e dibattito pubblico “Dirigere in Sicurezza”

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Agenda fitta per l’organizzazione sindacale che tutela i dirigenti scolastici; infatti, martedì 22 dicembre 2020, ci sarà il I Congresso Udir per il rinnovo delle cariche elettive e la presentazione di alcune mozioni, dalle ore 14 in poi. Dalle 12 alle 13 invece avrà luogo un dibattito pubblico, moderato dal giornalista di Orizzonte Scuola Andrea Carlino. Dopo i saluti della viceministra dell’Istruzione Anna Ascani vi prenderanno parte: il presidente nazionale Udir Marcello Pacifico, l’onorevole Virginia Villani del Movimento 5 Stelle, l’onorevole Camilla Sgambato del Partito Democratico, l’onorevole Rossano Sasso della Lega, l’onorevole Valentina Aprea di Forza Italia, l’onorevole Carmela Bucalo di Fratelli d’Italia, l’onorevole Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana.Marcello Pacifico, presidente nazionale Udir, afferma che “il sindacato in questi anni è cresciuto e continua a registrare consensi: sono molti i dirigenti che si sono associati e tanti sono quelli che guardano al nostro operato con ammirazione e vogliono seguire da vicino le nostre attività. In questi anni abbiamo cercato di tutelare una categoria già carica di responsabilità e in questi mesi, a causa dell’emergenza Covid-19, abbiamo focalizzato gran parte delle nostre forze su una Sicurezza ottimale a scuola. Ecco perché siamo lieti di presentare, prima del nostro I Congresso nazionale, un dibattito che ha il fine di indicare come ‘Dirigere in Sicurezza’”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telefonia: a gennaio scatta il blocco dei servizi premium per i clienti WindTre

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Scatterà a partire dal 18 gennaio 2021 il blocco di default dei servizi a sovrapprezzo su tutte le numerazioni Wind. Tra un mese i clienti, sia consumer che business, potranno quindi beneficiare a titolo automatico e gratuito di una tutela in più a fronte della possibile attivazione involontaria o comunque indesiderata dei cosiddetti VAS (servizi a valore aggiunto), che in troppi casi e da troppo tempo causano addebiti non richiesti agli utenti. Coloro i quali non intendano usufruire di questa opzione potranno comunicarlo direttamente al gestore e comunque sarà possibile disdire il barring (ovvero il blocco dei servizi) in qualsiasi momento, anche successivamente all’entrata in vigore del blocco stesso. Il provvedimento assunto da Wind si allinea con quanto prospettato nello schema di delibera 401/20/CONS posto in consultazione pubblica nei mesi scorsi da AGCom, anche in seguito alle criticità da noi evidenziate e in relazione alla quale abbiamo appunto sottolineato e condiviso con l’Authority la necessità di bloccare in automatico i servizi premium per scongiurare qualsiasi rischio di attivazione inconsapevole. A lungo abbiamo chiesto ad AGCom e alle aziende del settore di intervenire sulla spinosa questione dei VAS, che da troppo tempo provocano addebiti non richiesti agli utenti, ed ora finalmente stiamo per arrivare a quella che si rivelerà una svolta decisiva nelle telecomunicazioni: in base alla delibera AGCom, in esito alla consultazione pubblica, anche gli altri operatori dovranno seguire questa condotta e il risultato sarà un significativo salto di qualità per la tutela dei diritti degli utenti in un mercato in cui il rischio di attivazioni non richieste sarà se non del tutto scongiurato quantomeno ridotto al minimo. In attesa che tutti gli operatori si allineino, non ci stanchiamo di mettere in guardia i consumatori nei confronti di una problematica ancora estremamente diffusa, che crea notevoli disagi agli utenti soprattutto in termini di costi indesiderati. È necessario prestare sempre la massima attenzione nella navigazione su internet, poiché spesso l’attivazione avviene cliccando su una minuscola casella di spunta o su una pagina in trasparenza, nonché procedere all’annullamento del servizio non appena si riscontri l’errore.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Luca Ricolfi: la notte delle Ninfee

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Come si malgoverna un’epidemia collana i Fari, pp. 164, 16 euro Perché il nostro Natale poteva essere diverso. Dall’autore di La società signorile di massa, la prima indagine basata su dati rigorosi che smaschera gli errori italiani nella gestione della pandemia.Luca Ricolfi, dal suo osservatorio della Fondazione Hume, sin dallo scorso febbraio analizza i dati relativi alla pandemia e alla sua gestione. Analisi non circoscritta solo all’Italia, ma allargata sempre – grazie ai “termometri” e ai “sensori” della Fondazione – alla situazione dei principali paesi europei e oltre. Sulla base dei dati raccolti in questo libro in modo chiaro, sintetico e lineare, Ricolfi smaschera gli errori italiani nella gestione della pandemia e le conseguenti bugie di governanti, politici e amministratori volte a nasconderli. Giungendo a conclusioni evidenti quanto sconcertanti: (1) la seconda ondata era evitabile, tanto è vero che molti dei paesi occidentali l’hanno evitata; (2) ritardi e incertezze ci sono costate decine di migliaia di morti e decine di miliardi di Pil, oltreché questo triste Natale; (3) se non facciamo subito quel che dovevamo fare ieri, la terza ondata arriverà e il disastro economico sarà completo e difficilmente reversibile. Lontano da ogni ideologia e fuori dalla assurda dicotomia tra negazionisti e rigoristi, Ricolfi ci dimostra che la tragedia che ci ha colpito avrebbe meritato ben altra gestione, che era possibile farlo e che altrove è stato fatto.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Massimiliano Scuriatti: Una vita mille vite

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Conversazione con Lorenza Mazzetti collana i Delfini, pp. 288 + 16 tavole fuori testo, 15 euro. Con un’appendice di documenti inediti, fra i quali la lettera che Robert Einstein, poco tempo prima del suicidio, scrisse al cugino Albert, e L’ora di religione, atto unico che Lorenza presentò al Festival dei Due Mondi, che fu poi estromesso dal cartellone, a prove già iniziate, in quanto ritenuto blasfemo e irrispettoso dal vescovo e dal sindaco della Spoleto dell’epoca. Lorenza Mazzetti, regista, scrittrice, pittrice, personalità fra le più straordinarie e influenti del panorama culturale del Novecento, si racconta in un dialogo che ripercorre tutte le sfumature emotive di un’intera esistenza. Dalla parentela con la famiglia Einstein all’infanzia straziata dalla ferocia della guerra; dal periodo londinese, durante il quale, con Lindsay Anderson e pochi altri giovani cineasti, Lorenza è artefice di una vera e propria rivoluzione cinematografica, al ritorno in patria, all’oblio e al quasi fatale smarrimento per il ricordo lacerante della tragedia che colpì la sua famiglia. Ad alimentare il suo talento innato, espresso in ogni forma d’arte, un vissuto brulicante di ingegno creativo, e popolato da amici artisti come Pier Paolo Pasolini, Bernardo Bertolucci, Marguerite Duras, Elio Vittorini, Albert Camus, Cesare Zavattini, Gian Maria Volonté e molti altri, destinati a restare per sempre nella sua quotidianità. Un confronto a due sincero e appassionato, emozionante e ricco di humour, fedele fino in fondo a quanto Lorenza Mazzetti disse una volta di sé: “L’orrore più grande sarebbe un universo senza di me”. In libreria dal 14 gennaio

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lorenza Mazzetti: Album di famiglia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Collana i Delfini, pp. 240, 20 euro, illustrato. A un anno dalla scomparsa, arriva in libreria il grande progetto di una delle personalità più eclettiche del panorama culturale italiano. Un libro delicato e pieno di colori in cui parole e immagini si intrecciano per raccontare la storia di una bambina, unica sopravvissuta, insieme alla sorella gemella Paola, all’eccidio della famiglia Einstein in Toscana, durante l’occupazione tedesca del ’44. La bambina è Lorenza Mazzetti e quel drammatico evento segnerà per sempre, e nel profondo, la sua esistenza. Ma l’infanzia di Lorenza è stata anche altro, un susseguirsi vorticoso di sfumature, paesaggi, voci e volti di perso- ne care, amate, che prendono vita nei suoi dipinti acce- si e intensi: lo zio Robert Einstein, la zia Nina Mazzetti, le due adorate cugine Cicci e Luce, e tutto il gruppo dei futuristi amici del padre. Testimone della felicità e delle sventure della propria famiglia è la bambina di allora e per questo, per la grazia dello sguardo infantile, anche se il cielo cade “la luna sta al posto suo come se non fosse successo niente e i grilli cantano”.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Katharina Volckmer: Un cazzo ebreo

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Collana Oceani, trad. Chiara Spaziani, pp. 112, 16 euro Editrice La Nave di Teseo Il libro più audace, più atteso, più sovversivo del 2021. Il caso editoriale della Fiera del Libro di Francoforte. In un elegante studio medico di Londra, una giovane donna è distesa sul lettino. Scorge a malapena i capelli radi e le mani raffinate del suo medico, il dottor Seligman, mani a cui ha affidato la scelta più radicale e rivoluzionaria della sua vita. Inizia così il romanzo sovversivo, irriverente e audace di Katharina Volckmer: un flusso di pensieri che la protagonista, nata e cresciuta in Germania e trasferitasi a Londra, fa sbandare vorticosamente tra inconfessabili fantasie sessuali con protagonista Hitler, idiosincrasie folli e liberatorie, la memoria di una madre autoritaria e di un padre volatile, la vergogna di un’eredità irrimediabile, il senso di isolamento in una società che ci vuole per forza normali, privi di contraddizioni, felici, e il racconto di un amore non convenzionale, mai sufficiente, eppure totale. Con ironia e schiettezza la protagonista irresistibile di Un cazzo ebreo mette a nudo il nucleo più disarmato della propria vita interiore, si interroga sul potere della riparazione e ci mostra come possiamo rimediare ai fatti della storia con le nostre più intime scelte personali.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Agenda digitale e fondi europei disponibili

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

L’Italia si è dotata di strategie coerenti per la trasformazione digitale e il Covid19 ha intensificato gli interventi per recuperare i gap storici. Con 50 milioni di italiani presenti in ANPR, 150 milioni di pagamenti gestiti tramite pagoPA, 170 milioni di fatture elettroniche alla Pubblica Amministrazione (PA), quasi 13 milioni di credenziali SPID e 18 milioni di CIE rilasciate, 8 milioni di download dell’App IO e 10 di Immuni, il Paese ha ormai posto solide basi per un proprio “sistema operativo” digitale. Eppure, siamo entrati nella crisi legata al Covid19 ancora al quart’ultimo posto in Europa per livello di digitalizzazione (25°su 28), con sensibili differenze tra Nord e Sud del Paese: secondo il Digital Economy and Society Index (DESI) regionale elaborato dall’Osservatorio Agenda Digitale, Lombardia, Lazio e Provincia di Trento sono le regioni più “digitali”, mentre in coda ci sono Sicilia, Molise e Calabria. Il digitale ha sostenuto l’Italia durante il lockdown ed è ormai considerato irrinunciabile per la ripresa. La PA è stata fondamentale nella gestione dell’emergenza e avrà un ruolo cruciale nei prossimi mesi per l’attuazione dell’agenda digitale, prima di tutto per la gestione dell’ingente mole di risorse europee disponibili: per i prossimi sette anni di programmazione europea l’Italia potrà contare su oltre 100 miliardi di euro per l’attuazione dell’agenda digitale, più le risorse che riusciremo ad attrarre da fondi diretti di investimento. Nella programmazione 2014-2020, siamo stati il primo Paese per fondi strutturali disponibili per l’attuazione dell’agenda digitale – 3,6 miliardi di euro – spendendone effettivamente solo il 34,5%. Senza una PA capace di innovare sé stessa, rischiamo di vanificare grandi opportunità per la ripresa. Una buona parte delle risorse viene dall’Europa. Nella programmazione europea 2014-2020, l’Italia è il Paese che ha ricevuto i maggiori fondi strutturali per l’agenda digitale, 3,6 miliardi di euro, contro una media di 765 milioni, per i due obiettivi tematici inerenti all’attuazione dell’agenda digitale, l’OT2, “migliorare l’accesso alle tecnologie digitali” (2,4 miliardi) e l’OT11, per l’aumento della capacità amministrativa delle PA (1,2 miliardi). In linea con la media europea, però, il nostro Paese ha speso solo il 35% dei fondi OT2 ed OT11 stanziati a fine 2020. Il 57% delle risorse è gestito dalle regioni: solo Puglia (81%), Valle d’Aosta (68%) e Lazio (58%) ne hanno speso più del 50%, mentre quella che ha ottenuto (373 milioni) e speso (162) la maggior parte dei fondi è la Sicilia.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Una legge per la ristrutturazione del territorio

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

“In Legge Finanziaria si metta una norma, che ponga la manutenzione del territorio come scelta forte e destinando, alla principale opera infrastrutturale di cui il Paese abbisogna, un piano di risorse pluriennali, le cui opere siano da concordare con Regioni ed Autorità di Bacino”: a chiederlo è l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), il cui Presidente, Francesco Vincenzi e Direttore Generale, Massimo Gargano, sono stati auditi dalla Commissione Ambiente della Camera nell’ambito delle consultazioni sul rischio idrogeologico.“Abbiamo appreso con soddisfazione – afferma il DG di ANBI – che è in fase di stesura un disegno di legge sul contrasto al dissesto del territorio, perché non si può continuare a costruire in aree a conclamato rischio idraulico, né si deve proseguire nel consumo irrefrenabile di suolo. La risposta alle conseguenze dell’estremizzazione degli eventi atmosferici, accentuate dalla naturale fragilità di un territorio come l’Italia, non può essere la proclamazione degli stati di calamità, che peraltro, dati alla mano ristorano solo il 10% dei danni a comunità, di cui si blocca l’economia e lo sviluppo!”“I Consorzi di bonifica – prosegue Vincenzi – conoscono il territorio, di cui curano la quotidiana manutenzione ed hanno pronti piani di opere definitive ed esecutive, cioè cantierabili, in grado di rispettare il cronoprogramma europeo per l’utilizzo delle risorse del Recovery Plan. Vanno superate inutili procedure e burocrazie, che rallentano i tempi di realizzazione delle opere, pur mantenendo i dovuti controlli sulle spese. Le recenti calamità meteo hanno dimostrato l’utilità dei bacini di laminazione; per questo, accanto al Piano per l’Efficientamento della Rete Idraulica, rilanciamo l’obbiettivo ventennale di 2000 nuovi invasi medio-piccoli sul territorio nazionale e tutti in piena sintonia con il rispetto dell’ambiente, del paesaggio e dei fiumi.”

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumori ed emergenza Covid

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

I pazienti con cancro hanno rischiato di pagare un prezzo salatissimo a causa della pandemia da coronavirus, ma l’Oncologia e l’Ematologia hanno saputo reagire ed hanno affrontato l’emergenza sanitaria con forza e determinazione, grazie anche all’iniziativa personale di ogni singolo medico ed infermiere. Un rallentamento c’è stato, è innegabile, nella gestione delle patologie croniche e quindi anche nella presa in carico, assistenza e cura dei pazienti oncologici e onco-ematologici, ma si è anche accumulato un ‘bagaglio culturale’ e creato un precedente importante. Adesso è tempo di capire come la pandemia ha influito sulla salute delle persone che convivono con il tumore e pensare a rimettere in atto una concreta ripresa.Il Gruppo “La Salute: un bene da difendere, un diritto da promuovere”, coordinato da Salute Donna Onlus insieme a 33 Associazioni di pazienti oncologici e onco-ematologici, nell’ambito del 7° Forum istituzionale, quest’anno in modalità virtuale, evento di riferimento a livello nazionale per la valutazione e il dibattito sulle politiche sanitarie in ambito oncologico, apre una discussione con politici, Istituzioni, amministratori, clinici e pazienti su questo anno 2020 segnato dalla pandemia Covid-19 per fare il punto della situazione: telemedicina, Reti, medicina del territorio e consapevolezza civica, le priorità individuate per i prossimi mesi.Il rilevante impegno delle Istituzioni nazionali e regionali per tutelare i diritti e la presa in carico dei pazienti con tumore in questi mesi di pandemia è stato premiato nella seconda edizione del Cancer Policy Award, riconoscimento onorario assegnato ai politici che hanno interpretato e tradotto in Atti a livello nazionale e regionale i punti qualificanti dell’Accordo di Legislatura sottoscritto dalle Associazioni dei pazienti con le Istituzioni. I riconoscimenti sono stati conferiti oggi, nel corso del Forum istituzionale, dalle Associazioni e da una Giuria tecnico-scientifica.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Borse di studio dell’Università Emilia-Romagna

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Nella Regione Emilia-Romagna sarà garantito il sostegno al 100% degli studenti idonei che hanno presentato domanda per le borse di studio universitarie, in denaro e servizi, per l’anno accademico 2020/2021. Il numero complessivo dei beneficiari ammonta a 26.709: di questi, 4.552 sono studenti dell’Università di Parma. Un risultato ottenuto grazie al potenziamento dell’impegno finanziario regionale e alla politica di razionalizzazione delle spese attuata dall’Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori ER.GO dell’Emilia-Romagna: tra risorse regionali ed europee, infatti, vengono stanziati 97 milioni di euro, compresi i 38 milioni della quota – la più alta a livello nazionale – destinata all’Emilia-Romagna dal riparto del Fondo integrativo statale 2020 per le borse di studio.Dai dati delle graduatorie provvisorie si registra un aumento del numero di studenti idonei, cioè l’11,3% in più rispetto allo scorso anno accademico, di cui oltre il 45% fuori sede, con un conseguente incremento della spesa di 4 milioni. Sempre più studenti beneficiari, dunque, così come sono sempre più numerosi i giovani che studiano negli Atenei dell’Emilia-Romagna: ad oggi gli iscritti superano i 161 mila (+3% rispetto all’anno accademico 2019/2020), con quasi 53mila immatricolati in più.I dati relativi all’aumento degli studenti in Regione corrispondono all’incremento registrato anche all’Università di Parma: 9.518 sono i nuovi iscritti del nostro Ateneo, corrispondenti ad un aumento dell’11,6% rispetto all’anno accademico 2019/2020. Il 69% dei nuovi iscritti proviene da fuori provincia di Parma e, di questa percentuale, il 41,5% proviene da fuori Regione. Anche il numero di studenti idonei ai benefici ER.GO è in crescita presso l’Università di Parma, di circa il 15% rispetto all’a.a 2019/2020.I dati confermano il robusto sistema della Regione Emilia-Romagna a supporto del Diritto allo Studio Universitario, che ha saputo anche adattarsi all’emergenza sanitaria, introducendo misure straordinarie con grande flessibilità, per favorire la massima inclusione.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Webinar di Lombardia Circolare

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Si è concluso il ciclo di webinar di Lombardia Circolare, dedicati alle imprese lombarde, per favorire la transizione da un modello economico lineare a uno circolare, un vero e proprio “ecosistema” per la formazione e la qualificazione professionale sui temi dell’economia circolare e della gestione dei rifiuti che ha coinvolto Unioncamere Lombardia e le Camere di commercio lombarde con la collaborazione scientifica di Ecocerved, Enea e Fondazione Ecosistemi. Tra i principali risultati emersi dal confronto con le imprese c’è una forte consapevolezza che l’economia circolare è motore di sviluppo, per competere nel prossimo futuro.Per superare l’attuale situazione collegata all’emergenza sanitaria le imprese dimostrano infatti di aver compreso che l’economia circolare non è uno slogan, né qualcosa che possiamo permetterci, ma una scelta strategica.Questa consapevolezza è emersa chiaramente dal lavoro fatto nel corso dei seminari che hanno affrontato i temi dell’ecoprogettazione ed ecodesign, dei rifiuti, degli acquisti verdi, dei modelli di business sostenibile.I webinar di Lombardia Circolare in numeri: 19 webinar tematici 2 cicli formativi per responsabile gestione rifiuti in azienda Oltre 1.000 partecipanti coinvolti principalmente micro e piccole imprese 70 partecipanti in media per ogni webinar MUD e tracciabilità rifiuti (150), gestione dei rifiuti (101) e modelli di economia circolare innovativi (93) i temi più seguiti

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The fast journey of the magnetic North Pole towards Siberia measured by the European Swarm satellites

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

With a speed eight times greater than the one of the south magnetic pole, the north magnetic pole is moving towards Siberia. A new analysis carried out for the first time on the data produced by the Swarm satellites of the European Space Agency (ESA) currently in orbit, confirmed the trend that had been observed in recent decades. In the study just published “The location of the Earth’s magnetic poles from circum-terrestrial observations”, three scientists of the Italian National Institute of Geophysics and Volcanology (INGV) show how from the direct measurements of the magnetic field recorded by the instruments on board the satellites it is possible to determine the updated position of the magnetic poles and, analyzing the data of recent years, also their dynamics. “Since their launch in 2013”, says Domenico Di Mauro, scientist at INGV and author of the study, “the three Swarm satellites complete near polar orbits in about 95 minutes. In 24 hours, they perform 15 turns around the Earth’s sphere, thus collecting information on the morphology and intensity of the magnetic field with very high precision instruments and returning measurements with a resolution and space-time coverage never achieved before. An opportunity that we, INGV researchers working in the field of geomagnetism, could not miss: we thus determined, updating it, the position of the magnetic poles as if the measurement were collected on the ground. To do this, we have developed procedures and algorithms to project on the Earth’s surface the data collected at high altitude, an analysis carried out for the first time in the era of the exploration of our planet from Space””The results”, adds Mauro Regi, scientist at INGV and first author of the study, “in accordance with the current 13th generation of the international reference model of the geomagnetic field (IGRF), have the prerogative of providing immediate and direct information by experimental observations. Both magnetic poles move in a northwest direction but while the north pole moves at the speed of about 37-72 km per year (with a slight decrease in the year 2016), the speed of the south pole is about 5- 9 km per year. From our analyses, therefore, the magnetic north pole has abandoned the northern territories of Canada and is heading towards Siberia, while the magnetic south pole moves more slowly towards the open ocean, from the Antarctic sector which houses the French station Dumont D’Urville”. “It is important to underline”, concludes Stefania Lepidi, scientist at INGV and co-author of the study, “the profound difference between magnetic poles and geographical poles: the latter are identified by the Earth’s rotation axis and, therefore, are fixed. The magnetic poles, on the other hand, correspond to the points where the magnetic field is exactly vertical and move in an unpredictable way. Furthermore, the magnetic poles are not diametrically opposite as the geographic ones are and they are not even close to them. Today the south magnetic pole is about 2800 km from its geographical counterpart, the north one about 350 km”.The bizarre behavior of the magnetic poles has stimulated the curiosity of some explorers in the last two centuries, daring to face the difficult environmental conditions of the polar areas of our planet: the precious measurements collected over time have made it possible to follow the incredible distances covered by the two magnetic poles, as a manifestation of the slow but continuous space-time variation of the magnetic field as a consequence of the complex mechanisms that generate it in the outer core of our planet.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il veloce viaggio del Polo Nord magnetico verso la Siberia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Con una velocità otto volte maggiore rispetto a quella del polo magnetico sud, il polo magnetico nord si muove verso la Siberia. Una nuova analisi effettuata per la prima volta sui dati prodotti dai satelliti Swarm dell’European Space Agency (ESA) attualmente in orbita, hanno confermato il trend che si era rilevato negli ultimi decenni. Nello studio appena pubblicato “The location of the Earth’s magnetic poles from circum-terrestrial observations”, tre ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) mostrano come dalle misure dirette del campo magnetico registrate dagli strumenti a bordo dei satelliti sia possibile determinare la posizione aggiornata dei poli magnetici e, analizzando i dati degli ultimi anni, anche la loro dinamica. “I tre satelliti Swarm”, afferma Domenico Di Mauro, ricercatore dell’INGV e autore dello studio, “sin dal loro lancio nel 2013, compiono orbite quasi polari in circa 95 minuti. In 24 ore effettuano 15 giri intorno alla sfera terrestre raccogliendo, così, informazioni sulla morfologia e sulla intensità del campo magnetico con strumenti di altissima precisione e restituendo misure con una risoluzione ed una copertura spazio-temporale mai raggiunte prima. Un’opportunità che noi ricercatori dell’INGV operanti nell’ambito del geomagnetismo non potevamo farci sfuggire: abbiamo così determinato, aggiornandola, la posizione dei poli magnetici come se la misura fosse raccolta a terra. Per far ciò, abbiamo messo a punto procedure ed algoritmi per proiettare i dati raccolti in quota sulla superficie terrestre, un’analisi realizzata per la prima volta nell’era dell’esplorazione del nostro pianeta dallo Spazio”. “I risultati”, aggiunge Mauro Regi, ricercatore dell’INGV e primo autore dello studio, “in accordo con l’attuale 13esima generazione del modello internazionale di riferimento del campo geomagnetico (IGRF), hanno la prerogativa di restituire un’informazione immediata e diretta da osservazioni sperimentali. Entrambi i poli magnetici si muovono in direzione nord-ovest ma mentre il polo nord si muove alla velocità di circa 37-72 km all’anno (con una lieve diminuzione nell’anno 2016), la velocità del polo sud è di circa 5-9 km all’anno. Dalle nostre analisi, quindi, il polo nord magnetico ha abbandonato i territori settentrionali del Canada e si dirige verso la Siberia, mentre il polo sud magnetico si muove più lentamente verso l’oceano aperto, dal settore antartico che ospita la stazione francese Dumont D’Urville”. Il bizzarro comportamento dei poli magnetico ha stimolato la curiosità di alcuni esploratori negli ultimi due secoli, temerari fino a fronteggiare le difficili condizioni ambientali delle aree polari del nostro pianeta: le preziose misure raccolte nel corso del tempo hanno permesso di seguire le incredibili distanze coperte dai due poli magnetici, come manifestazione della lenta ma continua variazione spazio-temporale del campo magnetico in conseguenza dei complessi meccanismi che lo generano nel nucleo esterno del nostro pianeta.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La filiera della canapa in Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 21 dicembre 2020

Con la firma del relativo decreto di istituzione, attesa da tutti gli operatori del settore, nasce il Tavolo di Filiera della Canapa presso il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Dopo un lungo lavoro di concerto portato avanti dal Sottosegretario Giuseppe L’Abbate, conclusosi lo scorso settembre, si è giunti alla designazione dei 48 membri che ne prenderanno parte: saranno coinvolti i ministeri dell’Interno, della Salute, dello Sviluppo economico, della Difesa e dell’Ambiente, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, le organizzazioni agricole, le associazioni e i portatori d’interesse del settore canapa, le università e gli Enti controllati Agea, Ismea e il Crea. I componenti del tavolo rimarranno in carica per tre anni. “La canapa torna ad essere una filiera agricola – dichiara il Sottosegretario alle Politiche agricole, Giuseppe L’Abbate – Diamo valore ai tanti operatori che stanno lavorando, non senza difficoltà, per ridare lustro ad un settore che ha visto l’Italia tra i maggiori produttori al mondo. Dopo l’approvazione della legge 242 del 2016, il settore della canapa ha finalmente un luogo dove poter discutere e affrontare le diverse problematiche e le questioni più dibattute per addivenire a conclusioni condivise, anche con gli altri ministeri interessati, che possano sostenere e incentivare la filiera, creando così nuovi posti di lavoro e rendendo sempre più competitive le nostre imprese. Provvederemo, nel più breve tempo possibile – conclude L’Abbate – a convocare la prima riunione del Tavolo affinché si possa stabilire il programma di lavoro per il rilancio di questa coltura che interessa il comparto agricolo e quello della trasformazione agroalimentare, tessile, edile e farmaceutica, solo per citare alcune finalità di questa straordinaria pianta”.In Italia si è passati da circa 80mila ettari coltivati a canapa nel 1910 a poco più di 4mila ettari nel 2018, evidenziando la profonda trasformazione colturale avutasi nella nostra agricoltura nel corso di un secolo, periodo in cui della canapa industriale non sono stati conservati né germoplasma né la conoscenza delle tecniche agronomiche più efficienti. Secondo un report dell’associazione europea della canapa industriale EIHA, pubblicato a gennaio 2020 (dati 2018), la Francia domina la produzione europea con 17.900 ettari coltivati, pari al 37%, seguita dall’Italia e dai Paesi Bassi con 3.833 ettari. In Europa, la coltivazione si estende, infatti, su oltre 50mila ettari, con un aumento della produzione del 614% in confronto al 1993.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »